Monociti nel sangue

I monociti (MONO) sono cellule del sistema circolatorio appartenenti alla serie dei leucociti. Sono i maggiori rappresentanti della famiglia dei leucociti.

La formazione di questi elementi cellulari avviene nelle cellule del midollo osseo, da dove entrano nel sangue. Dopo alcuni giorni, il sangue migra nei tessuti, in cui diventano macrofagi maturi (acquisiscono la capacità di assorbire le particelle estranee). I monociti in gran numero si trovano nelle cellule dei linfonodi, del fegato e della milza.

Le principali funzioni dei monociti:

  • cattura e digestione di agenti estranei intrappolati nel corpo - nella maggior parte dei casi, i microrganismi patogeni sono rappresentati da particelle virali o batteriche;
  • dissoluzione di masse trombotiche;
  • rimozione dall'ambiente interno di un organismo dei batteri persi o altre particelle;
  • effetti sulle cellule tumorali o invasioni parassitarie;
  • preparazione di tessuti per processi di rigenerazione dopo impatto patogeno su di essi.

Indicazioni per l'analisi

Per determinare il numero di monociti, viene assegnato un esame del sangue generale con una formula completa di leucociti. Questo metodo diagnostico viene eseguito con l'aiuto del prelievo di sangue capillare con le dita o durante l'assunzione di sangue venoso. Condurre un emocromo completo è raccomandato per tutti i pazienti che si rivolgono alla clinica o all'ospedale.

Lo studio del livello dei monociti viene effettuato nei seguenti casi:

  • patologia virale o batterica;
  • in presenza di tumori del cancro;
  • nelle malattie sistemiche autoimmuni, per esempio, sospetta artrite reumatoide;
  • in condizioni patologiche del sistema circolatorio del corpo, ad esempio, leucemia;
  • in condizioni anemiche;
  • quando si sospettano invasioni parassitarie nel corpo, ad esempio, la brucellosi;
  • nelle malattie infiammatorie del tratto gastrointestinale, ad esempio la colite.

Preparazione per l'analisi del sangue per determinare il livello dei monociti

La preparazione per un'analisi del sangue generale non richiede l'adesione a rigide regole preparatorie. Si consiglia al paziente di comparire per donazione di sangue al mattino a stomaco vuoto. Il concetto di "a stomaco vuoto" implica la limitazione dell'assunzione di cibo almeno quattro ore prima della procedura. Inoltre, è necessario abbandonare il grasso e cibi fritti e alcol prima del test. È necessario proteggersi da inutili esperienze stressanti o da un aumento dello sforzo fisico per qualche tempo prima della procedura.

Norme dei monociti nei bambini e negli adulti

I monociti sono indicati nel conteggio ematico totale come MONO e sono misurati in percentuale.

  • da 1 a 15 giorni - 5% -15%;
  • da 15 giorni a 1 anno - 4% -10%;
  • da 1 a 2 anni - 3% -10%;
  • da 2 anni a 15 anni - 3% -9%;
  • da 15 anni - 3% -11%.

Cause di deviazioni dalla norma

L'aumento del numero di monociti è chiamato monocitosi. Le principali cause di monocitosi nell'analisi del sangue generale:

  • la presenza di condizioni infiammatorie o infettive nella forma acuta o cronica del corso, ad esempio l'influenza;
  • il periodo di recupero dopo l'infezione;
  • condizioni patologiche di natura autoimmune, per esempio, l'artrite reumatoide;
  • tumori oncologici nel corpo;
  • malattie della natura oncologica del sistema circolatorio, ad esempio leucemia;
  • intossicazione del corpo con sostanze tossiche, ad esempio il tetracloroetano.

Una diminuzione del livello dei monociti nel sangue è chiamata monocitopenia. Fattori che possono portare a livelli più bassi di monociti:

  • alcuni tipi di farmaci, come i glucocorticosteroidi;
  • malattia infettiva con una natura purulenta del corso, ad esempio, foruncolosi;
  • condizioni anemiche;
  • sviluppo di shock;
  • patologie oncologiche del sistema circolatorio, ad esempio nella variante grave del decorso della leucemia;
  • periodo di gravidanza e parto nelle donne.

Se ci sono deviazioni nel numero di monociti, si consiglia di consultare un medico per un esame diagnostico completo. Quando si identifica la causa che ha provocato un cambiamento nel livello dei monociti, è necessario selezionare una terapia adeguata. Con il giusto trattamento, il livello dei monociti ritorna normale, senza conseguenze.

Diagnosi dei sintomi

Scopri le tue possibili malattie e quale dottore dovresti visitare.

Perché i monociti sono elevati nel sangue, cosa significa?

I monociti sono globuli bianchi maturi e grandi contenenti solo un nucleo. Queste cellule sono tra i fagociti più attivi nel sangue periferico. Se l'esame del sangue mostra che i monociti sono elevati, si ha la monocitosi, il livello abbassato è chiamato monocitopenia.

Oltre al sangue, i monociti si trovano anche in grandi volumi nel midollo osseo, nella milza, nei seni del fegato, nelle pareti alveolari e nei linfonodi. Nel sangue, non durano a lungo - solo pochi giorni, dopo di che si spostano nei tessuti circostanti, dove raggiungono la loro maturità. C'è una trasformazione dei monociti in istociti - macrofagi tissutali.

Il numero di monociti è uno degli indicatori più importanti quando si decodifica un esame del sangue. Negli adulti, è stato osservato un aumento del numero di monociti nell'analisi del sangue generale per un'ampia varietà di disturbi, considerati separatamente: malattie infettive, granulomatose e della pelle, nonché collagenosi, che comprendono l'artrite reumatoide, il lupus eritematoso sistemico, la poliartrite nodulare.

Il ruolo dei monociti nel corpo

A cosa servono i monociti, cosa significa? I monociti sono globuli bianchi, leucociti, che appartengono anche ai fagociti. Ciò significa che mangiano germi e batteri che entrano nel corpo e quindi si liberano di loro. Ma non solo.

Il compito dei monociti include anche la pulizia del "campo di battaglia" da altri leucociti morti, riducendo così l'infiammazione e iniziando a rigenerare i tessuti. Bene, e infine, i monociti svolgono un'altra importante funzione nel corpo: producono interferone e prevengono lo sviluppo di tutti i tipi di tumori.

Un indicatore importante nel sangue è il rapporto tra monociti e leucociti. Normalmente, la percentuale di monociti per tutti i leucociti del sangue varia dal 4 al 12%. Il cambiamento di questo rapporto nella direzione di aumentare in medicina è chiamato monocitosi relativa. In contrasto con questo caso, è anche possibile un aumento del numero totale di monociti nel sangue umano. I medici chiamano questa condizione patologica monocitosi assoluta.

norma

Le percentuali di monociti nel sangue sono leggermente diverse per adulti e bambini.

  1. In un bambino, il tasso di monociti nell'analisi del sangue è circa il 2-7% del numero totale di leucociti. Va tenuto presente che il numero assoluto di monociti nei bambini cambia con l'età, in parallelo con il cambiamento nel numero di leucociti.
  2. In un adulto, la quantità normale di monociti nel sangue è 1-8% del numero totale di leucociti. In numeri assoluti è 0,04-0,7 * 109 / l.

Qualsiasi deviazione dalla norma nel numero di monociti nell'analisi del sangue può indicare la presenza di problemi e malattie nel corpo.

Cause di monociti elevati in un adulto

Se i monociti sono elevati nel sangue di un adulto, significa la presenza di monocitosi, che è relativa e assoluta. Con la natura relativa della monocitosi nel sangue, anche il livello di altri leucociti diminuisce e, in assoluto, aumenta solo il numero di monociti. La causa dell'aumento del contenuto relativo delle cellule del sangue può essere neutropenia o linfocitopenia.

Livelli elevati di monociti nel sangue possono indicare la presenza di:

  1. Processi infettivi provocati da batteri (endocardite, tubercolosi, sifilide, malaria, brucellosi, febbre tifoide) o virus (mononucleosi, epatite);
  2. Alcune malattie del sistema ematopoietico (prima di tutto, leucemia monocitica e mielomonocitica);
  3. Alcuni stati abbastanza fisiologici (dopo aver mangiato, alla fine delle mestruazioni nelle donne, nei bambini fino a 7 anni, ecc.);
  4. L'ingestione (spesso nel tratto respiratorio) di sostanze di natura non infettiva (e spesso inorganica);
  5. Malattie neoplastiche maligne;
  6. Collagenosi (lupus eritematoso sistemico - LES, reumatismi);
  7. Fasi del recupero da infezioni e altre condizioni acute:
  8. Intervento chirurgico sofferto

Aumentare il livello di monociti nel sangue - un sintomo allarmante. Può parlare della presenza nel corpo del processo infiammatorio, di altre gravi malattie. Se il conteggio ematico completo mostra livelli di monociti superiori alla norma, è necessario consultare un medico e un ulteriore esame per determinare la causa dei cambiamenti.

Monociti elevati in un bambino

Cosa significa? La comparsa di monocitosi nei bambini è spesso associata a infezioni, in particolare infezioni virali. Come sapete, i bambini con infezioni virali si ammalano più spesso degli adulti e la monocitosi suggerisce allo stesso tempo che il corpo è preso con l'infezione.

La monocitosi in un bambino può anche comparire in caso di invasioni di elminti (ascariasi, enterobiasi, ecc.), Dopo che gli elminti sono stati rimossi dal corpo del bambino, la monocitosi scompare. La tubercolosi nei bambini è ora vista raramente, tuttavia, la presenza di monocitosi dovrebbe anche essere allarmante a questo riguardo.

Inoltre, la causa potrebbe essere il cancro in un bambino - linfogranulomatosi e leucemia.

Cosa fare con i monociti elevati?

Quando i monociti nel sangue sono elevati, il trattamento dipende principalmente dalla causa di questo fenomeno. Certo, è più facile curare la monocitosi, che è sorta a causa di malattie non gravi, come i funghi.

Tuttavia, quando si tratta di leucemia o cancro, il trattamento sarà aumentato dei livelli di monociti nel sangue e pesante, principalmente finalizzato non a ridurre il livello dei monociti, ma a sbarazzarsi dei principali sintomi di una grave malattia.

Monociti - la norma

Tra le cellule del sangue sono le dimensioni più grandi - monociti. Sono un tipo di leucociti, il che significa che la loro funzione principale è quella di proteggere il corpo dagli agenti patogeni, interni ed esterni.

I monociti possono muoversi attivamente e passare liberamente attraverso le pareti dei capillari, penetrando nello spazio tra le cellule. Lì catturano particelle estranee, particelle nocive e le neutralizzano, proteggendo così la salute umana.

Il ruolo dei monociti: informazioni generali

I monociti sono cellule molto attive. Sono presenti non solo nel sangue, ma anche nel fegato, nei linfonodi, nella milza.

La formazione dei monociti avviene nel midollo osseo. Nel sangue ottengono cellule ancora immature. Tali monociti hanno la massima capacità di svolgere fagociti, cioè di assorbire particelle estranee.

Le cellule sono nel sangue per diversi giorni e migrano verso i tessuti vicini, dove finalmente maturano e si trasformano in istiociti.

Quanto intensamente i monociti sono prodotti nel corpo dipende dal livello degli ormoni glucocorticoidi.

I monociti sono progettati per svolgere le seguenti funzioni:

  • Distruzione di microrganismi patogeni e alieni. Sono in grado di assorbirli non solo frammentari, ma anche interamente. È importante che le dimensioni e il numero di oggetti "ingeriti" siano diverse volte superiori ai volumi che sono fattibili per altri gruppi di globuli bianchi, ad esempio i neutrofili.
  • Fornire una superficie per linfociti T - assistenti che possono migliorare la risposta immunitaria agli agenti patogeni.
  • Sintesi e secrezione di citochine - piccole molecole di informazione peptidica.
  • Rimozione dal corpo di cellule morte e distrutte, batteri, complessi, "antigene - anticorpi".
  • Creare un ambiente favorevole per la riparazione dei tessuti dopo l'infortunio, l'infiammazione o le lesioni delle neoplasie.
  • Fornire effetti citotossici su cellule tumorali, protisti parassiti e agenti patogeni della malaria.

I monociti possono eseguire ciò che va oltre il potere degli altri leucociti: sono in grado di assorbire i microrganismi anche in un ambiente la cui acidità è aumentata.

Senza questi componenti del sangue, i leucociti non saranno in grado di proteggere completamente il corpo da virus e microbi. Pertanto, è importante che il loro contenuto sia coerente con la norma.

Norma dei monociti nel sangue

La concentrazione dei monociti viene determinata effettuando un esame del sangue clinico.

Dal momento che sono un tipo di globuli bianchi, la misurazione viene effettuata in percentuale. Viene determinata la proporzione di monociti nel numero totale di globuli bianchi.

Il tasso non dipende dal genere e quasi non cambia con l'età. Nel sangue di un adulto, il cui corpo è in perfetto ordine, la proporzione di cellule dovrebbe essere compresa tra il 3 e l'11%.

Esistono tecniche con cui i monociti sono determinati in quantità assolute per litro di sangue. La registrazione è la seguente: lun # *** x 10 9 / l.

In unità assolute, la norma è la seguente: (0,09-0,70) x 10 9 / l.

I bioritmi di una persona particolare, l'assunzione di cibo, la fase del ciclo mestruale (nelle donne) influenzano la fluttuazione dei monociti entro i limiti stabiliti.

Monociti nei bambini: normale

Immediatamente dopo la nascita e nel primo anno di vita, ci sono più monociti nel sangue del bambino che in un adulto. E questo è naturale, perché durante questo periodo, la mollica ha bisogno della sua protezione contro i fattori patogeni più urgentemente e si adatta gradualmente al mondo esterno.

La norma dei monociti è:

Il numero di monociti in unità assolute varia a seconda di come varia il contenuto dei leucociti. Per entrambi i ragazzi e le ragazze, queste trasformazioni sono le stesse.

La norma in unità di misura assolute è la seguente:

Dopo sedici anni, i monociti nel sangue degli adolescenti sono tanti quanto gli adulti.

Se il loro livello rientra nell'intervallo normale, ciò indica l'assorbimento e la rimozione tempestivi delle cellule morte e l'assenza di microbi e parassiti dannosi. Inoltre, la circolazione del sangue del bambino è ininterrotta e sana.

Deviazioni dalla norma: il livello dei monociti è aumentato

Quando la proporzione di monociti o il loro numero assoluto supera i limiti normali, viene registrata la monocitosi. Potrebbe essere:

  • relativo - la proporzione di monociti è superiore all'11%, mentre il contenuto totale è normale;
  • assoluto: il numero di celle supera 0,70 x 10 9 / l.

Possibili cause di monocitosi sono:

  • Malattie infettive gravi:
    • tubercolosi polmonare ed extrapolmonare;
    • la sifilide;
    • brucellosi;
    • endocardite subacuta;
    • sepsi.
  • Patologia dell'apparato digerente:
    • colite ulcerosa;
    • enteriti.
  • Malattie fungine e virali.
  • Malattie del tessuto connettivo sistemico: poliatriteite nodosa classica, lupus eritematoso, artrite reumatoide.
  • Alcune forme di leucemia, in particolare monocitica acuta.
  • Malattie maligne del sistema linfatico: linfoma, linfogranulematoz.
  • Intossicazione da fosforo o tetracloroetano.

Livello dei monociti abbassato

La riduzione dei monociti in relazione alla norma - monocitopenia - accompagna tali malattie:

  • Anemia da carenza di acido aplastico e folico sono le cause più comuni.
  • Infezioni acute in cui vi è una diminuzione del numero di neutrofili.
  • Terapia a lungo termine con glucocorticosteroidi.
  • Pancitopenia.
  • La leucemia a cellule capellute è una malattia indipendente, sebbene sia considerata una variante della leucemia cronica. La malattia è abbastanza rara.
  • Malattia delle radiazioni

Se i monociti sono completamente assenti nel sangue, questo è un tratto estremamente pericoloso e indesiderato. Suggerisce che il corpo può essere:

  • leucemia grave, in cui è terminata la sintesi di questo gruppo di leucociti;
  • sepsi - i monociti non bastano a liberare il sangue. Le cellule del sangue vengono semplicemente distrutte dall'azione delle tossine.

La monocitosi è anche possibile:

  • con un forte esaurimento del corpo;
  • dopo il parto;
  • nel processo di chirurgia addominale chirurgica;
  • quando una persona è sotto shock.

Le statistiche mediche contengono informazioni che i monociti spesso si discostano dalla norma a causa di parassiti che hanno messo radici nel corpo. Hanno bisogno di sbarazzarsi di immediatamente, al fine di non minare completamente la propria salute.

Deviazione dei monociti dalla norma nei bambini

Nei bambini, la monocitosi spesso accompagna i processi infettivi, specialmente quelli virali. Dopo tutto, i bambini soffrono di raffreddore più spesso degli adulti. La presenza di monocitosi suggerisce che il corpo dei bambini entri nella lotta contro le infezioni.

Le invasioni elmintiche (ascariasis, enterobiosi) sono un'altra causa comune dell'aumento del numero di monociti. Dopo aver rimosso i parassiti dal corpo del bambino, la monocitosi scompare.

Sebbene una malattia così grave come la tubercolosi sia rara nell'infanzia, può anche essere la causa dell'aumento dei livelli di monociti.

Una ragione ancora più pericolosa per la crescita di questo gruppo di leucociti è costituita da disturbi oncologici, come la leucemia e la linfogranulomatosi.

A volte un aumento della concentrazione di monociti può essere spiegato dalla perdita di denti da latte o dal loro aspetto. È del tutto possibile e le caratteristiche individuali dei bambini, la cui manifestazione è una percentuale leggermente aumentata di queste cellule nel sangue.

La monocitosi relativa può essere un riflesso dei disturbi e dei fallimenti già sperimentati nel corpo, lo stress sperimentato nel recente passato.

Nei neonati, il livello dei monociti nel sangue è sempre elevato. Pertanto, una deviazione dalla norma fino al 10% non è considerata una patologia, e il bambino non ha bisogno di ulteriori esami.

La monocitopenia nei bambini è più comune della monocitosi. Il contenuto delle cellule può diminuire fino a zero dopo il trasferimento del bambino:

  • traumi;
  • stress negativo;
  • un intervento chirurgico.

Il trattamento a lungo termine con alcuni farmaci provoca anche una diminuzione del livello dei monociti nel sangue dei bambini.

Monocitopenia può essere un sintomo di un completo esaurimento, esaurimento del corpo e la sua bassa resistenza.

Qualunque sia la ragione della deviazione del livello dei monociti dalla norma, il corpo dei bambini ha bisogno di un esame completo. L'autotrattamento di monocitosi o monocitopenia non ha senso.

Spesso con il livello anormale dei monociti, lo stesso accade con altre cellule del sangue, in particolare con gli altri gruppi di leucociti. Ma sono loro che fanno la guardia al corpo, proteggendolo dall'insorgenza di varie patologie. Pertanto, nel caso di un numero anormale di cellule protettive, è necessario consultare urgentemente un medico. Ordinerà ulteriori test e, se necessario, una terapia efficace.

Qual è il tasso di monociti nel sangue delle donne

I monociti sono una componente importante del sangue. La loro dimensione e attività è significativamente superiore a quella di altre cellule che rappresentano un gruppo di leucociti.

La norma dei monociti nelle donne è osservata in assenza di condizioni patologiche, malattie. Ciò è spiegato dal fatto che i monociti proteggono il corpo dalle malattie fungine e virali, assorbendo e distruggendo i microrganismi nocivi.

Monitorando costantemente il livello di tali importanti elementi del sangue con l'aiuto di una semplice analisi di laboratorio, è possibile prevenire lo sviluppo di molte malattie pericolose.

Panoramica dei monociti

La maturazione di questi globuli bianchi avviene nel midollo osseo, da dove inizialmente entrano nel sistema circolatorio, dove svolgono la loro funzione, purificando il sangue dagli agenti patogeni ed eliminando le cellule morte. Questo dà motivo di chiamarli infermiere. Considerando la funzione dei monociti, va notato che:

  1. Una caratteristica distintiva di queste cellule è la loro capacità di riconoscere molto rapidamente agenti stranieri e distruggerli.
  2. La missione dei monociti non è limitata a questo, sono anche in grado di prevenire la formazione di coaguli di sangue e cellule tumorali e sono coinvolti nella formazione del sangue.
  3. Differenti dagli altri leucociti delle loro dimensioni, sono in grado di assorbire facilmente cellule patogene di dimensioni considerevoli, quali ad esempio i neutrofili con proprietà simili.
  4. Sono una minaccia per le cellule maligne, contribuendo allo sviluppo del processo necrotico in esse. Gli agenti patogeni della malaria hanno un effetto distruttivo simile.
  5. Partecipano al processo di riparazione dei tessuti danneggiati da processi infiammatori o oncologici.
  6. Contribuire alla rimozione di cellule aliene morte e distrutte.
  7. Anche le cellule patogene che possono sopravvivere nell'ambiente acido dello stomaco possono essere assorbite.

Ciò porta alla conclusione che il tasso di monociti nel sangue delle donne dovrebbe essere mantenuto e costantemente monitorato, dal momento che la sua violazione può avere un effetto negativo sulla salute.

La deviazione dagli indicatori ammissibili comporterà un numero di manifestazioni indesiderabili, tra le quali il più importante dovrebbe essere chiamato un indebolimento dell'immunità, l'incapacità del corpo di resistere alle malattie virali, infettive e oncologiche.

Indicatori del conteggio normale dei monociti

Va notato che il tasso relativo di monociti negli adulti - uomini e donne - è lo stesso e costante a qualsiasi età. Come percentuale del numero totale di leucociti, varia dal 3 all'11%. Questo indicatore viene preso in considerazione durante la diagnosi di vari cambiamenti patologici nel corpo.

Oltre a questi indicatori, vengono identificati anche monociti assoluti che sono di particolare importanza nel determinare le condizioni del paziente. I loro indicatori sono particolarmente importanti nel caso in cui vi siano deviazioni dalla norma di altri leucociti e il risultato relativo può essere falsamente appiattito o falsamente insensibile.

L'indicatore assoluto indica il numero di monociti in un litro di sangue. Assomiglia a questo: lun # *** x 10 9 / l. In termini assoluti, il tasso per uomini e donne è uguale e varia da 0,04 a 0,7 milioni / l.

Per quanto riguarda i bambini, c'è una differenza significativa, che è facile da capire dal tavolo.

Monociti: normali per età

Uomini, donne, bambini dai 16 anni in su

Come si può vedere dal tavolo, nell'infanzia ci sono tassi più alti, che non indicano deviazioni in termini di salute. Tali indicatori non dovrebbero essere allarmanti, poiché sono spiegati dai cambiamenti che si verificano nell'organismo dei bambini in relazione al suo sviluppo.

Per sapere quale sia il tasso di monociti, è importante in tempo per rispondere al loro aumento e diminuzione. Il fatto è che negli adulti questo fattore può segnalare la comparsa di cambiamenti patologici, potenzialmente letali.

Caratteristiche fisiologiche delle donne

Va notato che le donne sono più inclini alle fluttuazioni del livello dei globuli bianchi. Ciò è dovuto a diversi fattori:

  • le donne sono più emotive degli uomini e più inclini allo stress, che può innescare cambiamenti nelle cellule del sangue;
  • subiscono un intervento chirurgico per parto, parto cesareo o interruzione della gravidanza;
  • la causa dei cambiamenti nella composizione del sangue è il ciclo mestruale.

È impossibile non prendere in considerazione l'abuso di donne che usano vari farmaci. Le fluttuazioni dei monociti possono verificarsi sotto l'azione dei bioritmi di ogni donna, ma in ogni caso dovrebbero essere mantenute normali.

Tariffe durante la gravidanza

La tabella sull'età, data sopra, non riflette gli indicatori standard tipici delle donne durante il trasporto del bambino e dopo il parto. E questo periodo è molto importante sia per la salute della donna stessa che per il bambino, che dovrebbe nascere senza patologie.

La conseguenza della gravidanza è una diminuzione dei monociti, che è causata da gravi trasformazioni che si verificano nel corpo della futura madre. Aumenta il carico sul sistema endocrino e immunitario, progettato per contribuire al normale sviluppo della vita emergente.

Questa è la ragione principale del declino dei monociti durante la gravidanza. Il tasso in questo periodo va dall'1 al 10%. Caratteristicamente, la soglia inferiore è generalmente ridotta.

Questi cambiamenti non dovrebbero essere allarmanti, poiché sono completamente spiegabili da un aumento del carico totale sul corpo femminile e dal fatto che dà molto al bambino durante la gestazione. Prognosi favorevole dopo il parto: dopo 2-3 settimane viene ripristinata la vitalità della donna in travaglio, lo stesso accade con i monociti.

Cause di anormalità dei monociti

L'eccesso o la diminuzione del numero di monociti è un sintomo che dovrebbe allertare. È importante prendere provvedimenti per identificare le ragioni che hanno provocato questo.

Cosa può causare un aumento

Il fattore più comune nel superare la norma dei monociti, che è chiamata monocitosi, è l'ingresso di malattie virali o fungine nel corpo. Tuttavia, una serie di motivi non si limitano a questo. Tra le patologie che causano l'aumento del livello dei globuli bianchi dovrebbero essere chiamati:

  • malattie ematopoietiche;
  • febbre tifoide;
  • malattie sessualmente trasmissibili;
  • disfunzione del tratto gastrointestinale;
  • mononucleosi infettiva;
  • la tubercolosi;
  • malattie oncologiche.

La chirurgia dell'aborto non fa eccezione. Anomalie significative provocano condizioni patologiche autoimmuni.

Tassi ridotti Qual è la ragione?

Gli indicatori che indicano una diminuzione dei monociti sono meno comuni. Non indicano sempre la presenza di processi patologici. Questa condizione è chiamata "monocitopenia". Come già notato, una diminuzione temporanea è accettabile nelle donne quando trasportano un bambino e per un breve periodo dopo il parto.

Ma una diminuzione della quantità può indicare altri fattori:

  • predisposizione genetica a vari tipi di anemia;
  • malattie infettive, accompagnate da una diminuzione del livello dei neutrofili nel sangue;
  • effetti dell'assunzione di corticosteroidi e citostatici;
  • periodo di recupero dopo il trapianto di organi;
  • prolungata permanenza in stato di shock o stress;
  • diminuzione dell'immunità associata ad alta perdita di peso.

È importante ricordare! Le donne di ogni età dovrebbero prendersi cura della propria salute. Per fare ciò, è necessario analizzare la presenza di monociti una volta all'anno.

Un effetto negativo sul livello dei monociti è la permanenza nel corpo dei parassiti che possono causare gravi danni alla salute.

Una delle più pericolose manifestazioni della violazione del numero normale di monociti è la loro completa assenza. Questa situazione suggerisce una grave leucemia, quando il midollo osseo non produce affatto queste cellule e la resistenza del corpo a fattori esterni è pari a zero.

Non meno pericoloso è una malattia come la sepsi, in cui i monociti sono così piccoli che non riescono a far fronte alla loro funzione di purificare il sangue. Di conseguenza, essi stessi muoiono a causa degli effetti tossici dell'infezione.

In caso di violazione della norma, non è la patologia stessa che viene trattata (monocitosi o monocitopenia), ma la malattia che ha causato questi cambiamenti indesiderati.

La cosa principale per affrontare qualsiasi malattia è il riferimento tempestivo a specialisti che, sulla base di un esame più approfondito, saranno in grado di prescrivere un trattamento efficace.

Monociti: norme, cause di alto e basso, funzioni e abilità

I monociti (MON) costituiscono dal 2 al 10% di tutte le cellule del collegamento leucocitario. In letteratura, è possibile trovare altri nomi di monociti: fagociti mononucleati, macrofagi, istiociti. Queste cellule sono caratterizzate da un'attività battericida piuttosto elevata, che è particolarmente evidente in un ambiente acido. I macrofagi si gettano nel fuoco dell'infiammazione dopo i neutrofili, ma non immediatamente, ma dopo un po ', assumono il ruolo di inservienti e rimuovono tutti i prodotti non necessari per il corpo (leucociti morti, microbi, cellule danneggiate) formati dal loro arrivo durante la reazione infiammatoria. I monociti (macrofagi) assorbono particelle di dimensioni uguali a loro, puliscono il fuoco infiammatorio e per questo sono chiamati "tergicristalli".

La dipendenza del numero di monociti su sesso, età, bioritmi

La norma dei monociti nel sangue periferico di un adulto varia dal 2 al 9% (in un numero di fonti dal 3 all'11%), che in valori assoluti è 0,08-0,6 x 10 9 / l. Le variazioni nel contenuto di queste cellule nella direzione di aumento o diminuzione di questi limiti coincidono con i bioritmi, l'assunzione di cibo, ogni mese. I monociti inizieranno a soddisfare il loro scopo funzionale quando diventano macrofagi, poiché le cellule contate nel test del sangue non sono completamente mature.

La capacità dei macrofagi per cancellare focolaio infiammatorio spiega il miglioramento delle celle di dati nel sangue di donne nel periodo culmine del ciclo mestruale. Desquamazione (rifiuto) dello strato funzionale dell'endometrio al termine della fase luteale è altro che l'infiammazione locale, che, tuttavia, la malattia non ha nulla a che fare questo - processo fisiologico e monociti aumentate in questo caso fisiologicamente.

Nei bambini, i monociti alla nascita e nel primo anno di vita sono leggermente più alti della norma di un adulto (5-11%). Alcune differenze rimangono con un bambino più grande, perché sono i primi assistenti dei linfociti che formano reazioni immunologiche, e i linfociti di un bambino in diversi periodi della vita sono noti per essere in rapporti co-dipendenti con neutrofili. Tuttavia, come l'intera formula dei leucociti, il rapporto dei globuli bianchi dopo la seconda intersezione (6-7 anni) si avvicina al rapporto dei leucociti in un adulto.

Tabella: norme nei bambini di monociti e altri leucociti per età

Cause di fluttuazioni del livello dei monociti nel numero totale di emocromi

Livelli elevati di monociti sono osservati in vari processi patologici di natura infettiva e non infettiva. Valori più bassi sono osservati, in primo luogo, quando il germoglio mieloide della formazione del sangue è inibito nel midollo osseo.

La ragione principale per gli alti valori dei monociti nel sangue è una risposta adeguata del corpo, cercando di proteggersi aumentando l'attività di cellule speciali dotate delle funzioni di assorbire e digerire i patogeni. I monociti elevati (più di 1,0 x 10 9 / l) creano un'immagine nell'analisi del sangue chiamata monocitosi.

I monociti sono generalmente elevati nei seguenti casi:

  • Alcuni stati abbastanza fisiologici (dopo aver mangiato, alla fine delle mestruazioni nelle donne, nei bambini fino a 7 anni, ecc.);
  • L'ingestione (spesso nel tratto respiratorio) di sostanze di natura non infettiva (e spesso inorganica);
  • Processi infettivi provocati da batteri (endocardite, tubercolosi, sifilide, malaria, brucellosi, febbre tifoide) o virus (mononucleosi, epatite);
  • Alcune malattie del sistema ematopoietico (prima di tutto, leucemia monocitica e mielomonocitica);
  • Malattie neoplastiche maligne;
  • Collagenosi (lupus eritematoso sistemico - LES, reumatismi);
  • Fasi del recupero da infezioni e altre condizioni acute:
  • Ambulatori.

Solitamente nella fase di esacerbazione dei processi infettivi cronici, i monociti sono alti, e questa situazione, quando i monociti sono più alti del normale, persiste a lungo. Tuttavia, se le manifestazioni cliniche della malattia sono scomparse da tempo e il numero di monociti rimane a livelli elevati, ciò significa che la remissione è in ritardo.

Il ridotto contenuto di monociti (monocitopenia) è il più delle volte il risultato dell'inibizione del germe monocitico. Con un esame del sangue di questo tipo, di regola, si dice che una persona ha bisogno di un esame approfondito e di un trattamento serio eseguito in ospedale. Le cause principali delle basse percentuali: condizioni patologiche del sistema sanguigno (leucemia), grave processo settico, infezione, accompagnata da una diminuzione dei leucociti neutrofili e trattamento con glucocorticosteroidi.

Alcune caratteristiche dei monociti

La stragrande maggioranza dei monociti ha origine nel midollo osseo da cellule staminali multipatentnoy e monoblasta dalla (fondatore) passa promielomonotsita e promonocyte fase. Promonocyte - l'ultima tappa prima dei monociti di immaturità che parla più friabile nucleo pallido e residui nucleoli. Promonocyte contiene granuli azzurrofili (che, per inciso, hanno anche un monociti maturi) ma, tuttavia, queste cellule sono indicati come agranulotsitarnoy fila, poiché i granuli di monociti (linfociti, cellule immature histogens elementi) sono dipinte azzurro, e sono il prodotto di proteina diskolloidoza citoplasma. A (piccolo) numero di monociti formate nei linfonodi e altri organi di elementi connettivi.

Il citoplasma dei monociti maturi contiene vari enzimi idrolitici (lipasi, proteasi, verdoperoksidazu, carboidrasi), altri agenti biologicamente attivi, ma la presenza di lattoferrina e mieloperossidasi può essere rilevata solo in tracce.

Per accelerare la produzione di monociti nel midollo osseo, a differenza di altre cellule (ad esempio, neutrofili), il corpo riesce solo leggermente, solo due o tre volte. Al di fuori del midollo osseo, tutte le cellule appartenenti a cellule mononucleate fagocitarie proliferano molto debolmente e in misura limitata, le cellule che hanno raggiunto i tessuti vengono sostituite solo dai monociti che circolano nel sangue.

Entrando nei monociti del sangue periferico vivere in esso non più di 3 giorni, poi trasferito al tessuto circostante dove finalmente maturare in istiociti o macrofagi vari altamente differenziate (cellule di Kupffer del fegato, macrofagi alveolari, polmone).

Video: cosa sono i monociti - animazione medica

Una varietà di forme e tipi definisce le funzioni

Monociti (macrofagi, fagociti o mononuklernye cellule mononucleate fagocitiche) costituiscono forme estremamente eterogenee di attività delle cellule visualizzazione del numero gruppo agranulotsitarnoy di leucociti (leucociti nezernistye). A causa delle caratteristiche speciali della loro diversità, questi rappresentanti del livello leucociti uniti in un unico sistema di fagociti mononucleati (IFS), che comprende:

  • Monociti del sangue periferico: tutto è chiaro con loro. Si tratta di cellule immature, che emergono solo dal midollo osseo e non svolgono ancora le funzioni di base dei fagociti. Queste cellule circolano nel sangue per un massimo di 3 giorni e poi passano ai tessuti per maturare.
  • I macrofagi sono le cellule dominanti di MFS. Sono abbastanza maturi, si distinguono per la stessa eterogeneità morfologica, che corrisponde alla loro diversità funzionale. I macrofagi negli esseri umani sono rappresentati da:
    1. Macrofagi tissutali (istiociti mobili), che hanno una spiccata capacità di fagocitosi, secrezione e sintesi di un'enorme quantità di proteine. Producono idralasi che si accumulano nei lisosomi o entrano nell'ambiente extracellulare. Il lisozima, continuamente sintetizzato nei macrofagi, è un indicatore peculiare che reagisce all'attività dell'intero sistema MF (sale nel sangue sotto l'effetto degli attivatori del lisozima);
    2. Macrofagi specifici per tessuti altamente differenziati. Che hanno anche un certo numero di varietà e possono essere rappresentati:
      1. Immobile, ma capace di pinocitosi, cellule di Kupffer, concentrate principalmente nel fegato;
      2. Macrofagi alveolari che interagiscono con e assorbono gli allergeni dall'aria inalata;
      3. cellule epitelioidi localizzate nei noduli granulomatose (messa a fuoco di infiammazione) a granuloma infettive (tubercolosi, la sifilide, la lebbra, la tularemia, brucellosi, et al.) E la natura infettiva (silicosi, asbestosi), così come con l'esposizione al farmaco o intorno corpi estranei;
      4. Macrofagi intraepidermici (cellule dendritiche della pelle, cellule di Langerhans) - elaborano bene l'antigene estraneo e partecipano alla sua presentazione;
      5. Cellule giganti multinucleate, formate dalla fusione di macrofagi epitelioidi.

La maggior parte dei macrofagi si trova nel fegato, nei polmoni e nella milza, dove sono presenti nelle forme di riposo e attivate (a seconda dei casi).

Le principali funzioni dei monociti

I monociti sono molto simili ai linfoblasti nella loro struttura morfologica, anche se differiscono notevolmente dai linfociti che hanno superato le fasi del loro sviluppo e hanno raggiunto una forma matura. La somiglianza con le cellule esplosive sta nel fatto che i monociti sanno anche aderire a sostanze di natura inorganica (vetro, plastica), ma lo fanno meglio delle esplosioni.

Dalle singole caratteristiche inerenti solo ai macrofagi, vengono aggiunte le loro funzioni principali:

  • I recettori situati sulla superficie dei macrofagi hanno una maggiore capacità (superiore ai recettori dei linfociti) di legare i frammenti di un antigene estraneo. Catturando una particella estranea in questo modo, un macrofago trasferisce un antigene alieno e lo presenta ai linfociti T (aiutanti, assistenti) per il riconoscimento.
  • Macrofagi producono mediatori immunità attiva (citochine infiammatorie, che vengono attivati ​​e diretti alla zona di infiammazione). Le cellule T producono citochine e sono considerati i principali produttori, ma che la presentazione dell'antigene fornisce un macrofago, così ha usato per iniziare il suo lavoro che il linfocita T, l'acquisizione di nuove proprietà (killer o antiteloobrazovatelya) solo dopo il macrofago porterà e mostrargli un oggetto non necessario per il corpo.
  • Macrofagi sintetizzato transferrina esportazione coinvolti nel trasporto del ferro dalla posizione di aspirazione allo spazio di deposito (midollo osseo) o utilizzare (fegato, milza), cellule di Kupffer nel fegato emoglobina fendi a eme e globina;
  • La superficie di macrofagi (cellule schiumose) sono recettori isolotto adatte per LDL (lipoproteina a bassa densità), perché, cosa interessa, allora essi stessi diventano il nucleo dei macrofagi della placca aterosclerotica.

Cosa possono fare i monociti?

La caratteristica principale dei monociti (macrofagi) è la loro capacità di fagocitosi, che può avere varie opzioni o verificarsi in combinazione con altre manifestazioni del loro "zelo" funzionale. Molte cellule sono in grado di fagocitare (granulociti, linfociti, cellule epiteliali), ma tuttavia si riconosce che i macrofagi sono superiori a tutti in questa materia. La fagocitosi stessa consiste di diverse fasi:

  1. Legame (attaccamento alla membrana del fagocita attraverso i recettori usando opsonine - opsonizzazione);
  2. Invaginazione: penetrazione all'interno;
  3. Immersione nel citoplasma e avvolgimento (la membrana della cellula fagocitica si avvolge attorno alla particella ingerita, circondandola con una doppia membrana);
  4. Ulteriore immersione, avvolgimento e formazione di un fagosoma isolato;
  5. Attivazione di enzimi lisosomiali, "esplosione respiratoria" a lungo termine, formazione di fagolisosomi, digestione;
  6. Fagocitosi completata (distruzione e morte);
  7. Fagocitosi incompleta (persistenza intracellulare dell'agente patogeno che non ha completamente perso la vitalità).

Separati patogeni che si sono "stabilizzati" nei macrofagi stessi inibiscono la fagocitosi legandosi alla membrana cellulare, come avviene per i micoplasmi. Altri (Toxoplasma, Mycobacterium, Listeria) impediscono al lisosoma di fondersi con il fagosoma, cioè la formazione del fagolisosoma. Ciò significa che in questo modo questi parassiti prevengono la lisi stessa. In tali casi, per attivare i macrofagi avrà sicuramente bisogno di aiuto dall'esterno, può fornire linfociti che producono linfochine.

I monociti raggiungono rapidamente uno stato attivo, iniziano un movimento deciso nel luogo in cui è necessaria la loro partecipazione. Quindi nella maggior parte dei casi non è difficile per loro superare tutti questi stadi, a meno che, ovviamente, la cellula batterica sia più forte del macrofago - può bloccare gli enzimi dei fagociti o acquisire proprietà aggiuntive (mimetismo) finalizzate alla loro stessa protezione.

In condizioni normali, i macrofagi possono:

  • È bene riconoscere un segnale da un'area creata da un meccanismo complesso di alta concentrazione di chemiotassine (questo significa che "cibo" è apparso da qualche parte), richiedendo l'attivazione (monociti e macrofagi, a differenza dei leucociti granulocitari, non è caratterizzato da un'intensa migrazione spontanea);
  • Segui un corso su un oggetto "interessante" (chemiotassi);
  • Da fissare sulla sostanza solida dell'endotelio (adesione) e, passando attraverso di essa, entrare direttamente nella zona dell'infiammazione;
  • Afferrare saldamente la "vittima" prescelta (endocitosi);
  • Reagire alla fagocitosi incompleta (endocitobiosi) a grandi aggregati;
  • La digestione ha assorbito le particelle senza perdere la propria redditività;
  • Mostra alimenti digeriti.

Così, i monociti (macrofagi) sono in grado di muoversi come le amebe e, naturalmente, la fagocitosi, che appartiene alle funzioni specifiche di tutte le cellule chiamate fagociti. A causa delle lipasi contenute nel citoplasma dei fagociti mononucleati, possono distruggere i microrganismi racchiusi in una capsula lipoide (ad esempio, micobatteri).

Queste cellule sono molto attivamente "incrinate" su piccoli "estranei", detriti cellulari e persino intere cellule, spesso indipendentemente dalle loro dimensioni. I macrofagi superano significativamente i granulociti nell'aspettativa di vita, dal momento che vivono per settimane e mesi, ma sono notevolmente in ritardo rispetto ai linfociti responsabili della memoria immunologica. Ma questo non conta i monociti, "bloccati" nei tatuaggi o nei polmoni dei fumatori, dove trascorrono molti anni perché non hanno la capacità di invertire l'uscita dai tessuti.

Monociti: la norma nelle donne

✓ Articolo verificato da un medico

Il sangue non è solo una sostanza che fornisce la maggior parte dei nutrienti e delle vitamine agli organi. Consiste di molti componenti, ognuno dei quali svolge la sua funzione, tra cui fornire tessuti con ossigeno e un alto livello di immunità. Se nel corpo femminile iniziano i minimi cambiamenti patologici, la composizione del sangue cambia drasticamente, il che rende possibile rilevare la malattia in una fase precoce. Uno dei componenti del sangue sono i monociti. Non solo mettono in guardia sull'esordio della malattia, ma combattono attivamente anche con le sue cause e manifestazioni, dando al paziente una possibilità di recupero.

Monociti: la norma nelle donne

Cosa sono i monociti e la loro funzione?

I monociti sono cellule del sangue che appartengono ai leucociti. Rispetto a tutti gli elementi della massa dei leucociti, queste cellule si differenziano per la loro dimensione maggiore. Il midollo osseo è impegnato nella produzione del Toro, è lui che consegna monociti utili, ancora immaturi, nella massa sanguigna, migliorando l'immunità del paziente.

In questa fase, assorbono enzimi dannosi, virus e batteri e li digeriscono rapidamente, non permettendo loro di trasformarsi in una malattia a tutti gli effetti. Oltre alla distruzione diretta di organismi nocivi, i monociti sono in grado di accelerare la rigenerazione delle cellule dei tessuti colpiti, alleviando l'infiammazione. Dopo la digestione di batteri e virus, gli enzimi morti vengono eliminati attraverso i reni. Ecco perché i problemi con il loro funzionamento possono causare un aumento o una diminuzione del numero totale di Toro.

Cosa sono i monociti

Attenzione! È grazie alla crescita dei monociti, gli esperti possono determinare lo sviluppo di alcuni tumori del sangue. Di solito per fare questa diagnosi deludente, le analisi e i loro risultati sono visti in dinamica.

La norma dei monociti nel sangue delle donne

Per determinare il numero esatto di questi corpi, viene utilizzata una speciale formula di leucociti. Il contenuto dei monociti è espresso in percentuale se si tiene conto del volume totale dei globuli bianchi. Nel corpo femminile, la quantità di enzimi può variare con l'età, ma dopo 16 anni il numero di monociti varia solo in base a fattori esterni e patologici. Nello stato normale, il contenuto della cella del numero totale di leucociti non deve superare i limiti del 3-11%.

Formula dei leucociti del sangue umano

Attenzione! Un leggero cambiamento nel numero di monociti può essere osservato durante le mestruazioni, la menopausa e la gravidanza. Durante questo periodo, il corpo femminile è indebolito, il che potrebbe causare problemi minori con il funzionamento dei sistemi. Se non ci sono patologie gravi, i disturbi passeranno rapidamente e il livello delle cellule tornerà alla normalità.

Il tasso di monociti durante la gravidanza e la prima volta dopo di esso

Mentre trasporta un bambino, il corpo affronta una seria ristrutturazione del sistema endocrino, sessuale e immunitario. A causa della necessità di assicurare la vitalità del feto, il volume della massa dei leucociti è leggermente ridotto, ma con la normale salute, il malessere dovuto a questo processo può essere osservato solo per la prima volta. Tenendo conto dei cambiamenti che stanno avvenendo, ma solo a condizione di buono stato di salute, il limite di normalità durante la gravidanza diminuisce all'1%, la barra superiore non cambia e rimane al livello dell'11%.

I tassi di indicatori nell'analisi generale del sangue durante la gravidanza

Attenzione! Il periodo dopo il parto è caratterizzato da un forte esaurimento del corpo, poiché la donna in travaglio perde una grande quantità di sangue. Ciò provoca un calo significativo del numero di cellule del sangue, inclusi i monociti. Ma con una corretta alimentazione e il rispetto delle raccomandazioni del medico dopo 8-16 settimane, il numero di monociti tornerà alla normalità.

Cause di monociti ridotti nelle donne

Tra le principali cause della caduta del numero totale di queste cellule sono le seguenti:

  • gravidanza e guarigione dopo il parto;
  • esaurimento del corpo, che può essere causato da grave depressione, fame e costante sforzo fisico sullo sfondo di una carenza di vitamine e minerali;
  • sviluppo di processi purulenti di qualsiasi tessuto e organi, ma non allo stadio della sepsi;
  • gravi lesioni infettive, che nella maggior parte dei casi provocano gravi processi infiammatori;
  • anemia di tipo aplastico, più spesso innescata dall'assunzione di chemioterapia grave.

Le ragioni della diminuzione del livello dei monociti

Attenzione! Con la difficoltà di diagnosticare lo stato attuale e identificare la causa della caduta dei monociti, viene eseguita un'espansione del test del sangue e un immunogramma, che consentono di identificare la fonte esatta della malattia.

Cause di aumento dei livelli di monociti nelle donne

Ad oggi, ci sono un certo numero di patologie che possono provocare un forte aumento del numero di cellule di questo tipo. Infezioni e virus possono non solo ridurre, ma anche aumentare il numero di monociti. In molti casi, nel caso di infezione cronica, il numero di queste cellule non cade nemmeno durante la remissione della malattia di base, dal momento che l'immunità non viene ripristinata fino alla fine.

La sepsi è anche una causa comune di crescita dei monociti. Di solito, questo fenomeno può essere prevenuto osservando le regole per il trattamento di ferite e tagli. Ecco perché è così importante monitorare le condizioni del paziente in caso di lesioni estese e nel periodo postoperatorio. È consentito per la prevenzione di ricevere un trattamento con farmaci anti-infiammatori nei primi 1-5 giorni dopo l'intervento. In questo caso, è necessario cambiare le medicazioni, se lo sono, in modo che le cellule morte delle cellule non si accumulino sotto di esse.

Ragioni per aumentare i monociti

I tumori maligni e benigni possono innescare la crescita di cellule del sangue di questo tipo. È importante condurre una risonanza magnetica o TC, se possibile, se un'indagine senza queste procedure non ha aiutato a determinare la causa della patologia. Nelle immagini, il medico sarà in grado di trovare un punto focale di infiammazione o neoplasia e prescriverà una terapia adeguata. Può avvenire nelle condizioni del giorno e nell'ospedale permanente.

Attenzione! Quando si trattano i tumori, può verificarsi l'effetto contrario. I monociti inizieranno prima a declinare verso i limiti normali, ma poi scenderanno al di sotto dei valori raccomandati. Questo effetto ha farmaci per la chemioterapia.

Le malattie del tratto gastrointestinale dovute all'infiammazione e al danneggiamento delle mucose provocano il rilascio di un gran numero di sostanze tossiche nel sangue, che può cambiare la sua formula. Di solito tale disturbo è accompagnato da dolori acuti o acuti, nausea, sensazioni spiacevoli nell'addome e problemi con le feci. In questo caso, le donne sono soggette a problemi con il tratto digestivo più degli uomini.

Inoltre, le seguenti diagnosi possono essere la causa della patologia:

monociti

I grandi globuli del gruppo dei leucociti sono chiamati monociti. Proteggono il corpo da microrganismi patogeni.

Sono chiamati agranulociti, in quanto non hanno granuli nel citoplasma. Inoltre, appartengono ai fagociti attivi, in quanto assorbono i microrganismi estranei e li dissolvono.

Oltre alla distruzione di virus, batteri e funghi, i monociti assorbono i coaguli di sangue, prevengono la trombosi e hanno un effetto antitumorale e accelerano i processi di rigenerazione. Una diminuzione dei monociti può indicare lo sviluppo di anemia e un aumento del loro livello può portare a malattie infettive.

Nella rubrica imparerai tutto sui monociti nel sangue e sull'analisi di essi (mon), trascrizione.

Nozioni di base sui monociti

I monociti sono grandi cellule bianche attive, vivono non solo nel sangue, ma anche nei tessuti e negli organi (nel fegato, nel midollo osseo, nella milza, ecc.).

I monociti si formano nel midollo osseo, dopo 2-3 giorni penetrano nel sangue. Le cellule immature assorbono attivamente agenti estranei. I monociti vivono nel sangue per diversi giorni e poi passano nei tessuti circostanti, dove vengono trasformati in istiociti. L'intensità della produzione dipende dalla concentrazione di glucocorticoidi nel sangue.

I monociti svolgono le seguenti funzioni:

  • Elimina agenti patogeni e alieni. I globuli bianchi assorbono completamente i microrganismi o i loro frammenti. A differenza dei neutrofili, i monociti assorbono grandi oggetti in grandi quantità.
  • Fornire una superficie per linfociti T (assistenti che migliorano la risposta immunitaria agli agenti stranieri).
  • Producono citochine - molecole di informazione, grazie alle quali interagiscono i leucociti e le altre cellule del sangue.
  • Elimina dal corpo di cellule morte e distrutte, batteri, complessi immunitari.
  • Promuovere la riparazione dei tessuti a causa di danni, infiammazioni o danni ai tumori.
  • Hanno un effetto citotossico su cellule tumorali, protozoi e plasmodi (gli agenti causali della malaria).

Sono in grado di assorbire agenti patogeni anche in un ambiente con elevata acidità. I monociti insieme ai leucociti forniscono una protezione completa contro virus e batteri.

Il tasso di monociti negli adulti e nei bambini

Calcolare il livello dei monociti aiuterà l'analisi del sangue. La concentrazione è calcolata in valore assoluto per litro di sangue. Poiché i monociti sono rappresentanti del gruppo dei leucociti, la loro percentuale viene determinata in relazione a tutte le cellule leucocitarie.

Il tasso di monociti per uomini e donne è lo stesso e non cambia con l'età. Il sangue di una persona sana per adulti contiene circa 0,07 × 109 / l. Questo valore varia da 0 a 0,08 × 109 / l.

Dopo aver determinato la proporzione di monociti nel numero totale di leucociti, questo valore è il seguente: dal 3 all'11%. Nei risultati dell'analisi medica, il livello dei monociti viene registrato come "Mon№" o "Mon: number / l".

Un neonato ha una concentrazione sanguigna più alta di mon rispetto a un adulto. Ciò è dovuto alla necessità di un corpo infantile immaturo per proteggere dai microrganismi patogeni.

Il livello normale di mon come percentuale di bambini di età diverse:

  • Da 0 a 14 giorni - dal 3 al 12%;
  • 15 giorni - dal 5 al 15%;
  • Fino a 12 mesi - dal 4 al 10%;
  • Da 12 mesi a 2 anni - dal 3 al 10%;
  • Da 2 a 16 anni - dal 3 al 9%.

Concentrazione dei monociti in unità assolute (monociti x 109 / l) per ragazzi e ragazze di diverse età:

  • 15 giorni - da 0,19 a 2,4;
  • Fino a 12 mesi - da 0,18 a 1,85;
  • Da 1 a 3 anni - da 0,15 a 1,75;
  • Da 3 a 7 anni - da 0,12 a 1,5;
  • Da 8 a 10 anni - da 0,10 a 1,25;
  • Da 11 a 16 anni - da 0,09 a 1,15.

Se questo indicatore è normale, significa che i monociti assorbono in modo tempestivo e rimuovono le cellule morte e non ci sono agenti patogeni nel corpo.

Analisi dei monociti

Per determinare la concentrazione di mon, un conteggio ematico completo (OAA) è prescritto con una formula di leucociti. Per lo studio utilizzando sangue capillare o venoso. I medici raccomandano di eseguire questa analisi ad ogni visita alla clinica o all'ospedale.

L'analisi è prescritta nei seguenti casi:

  • Malattie di origine virale o batterica;
  • Educazione oncologica;
  • Malattie autoimmuni (es. Lupus eritematoso, artrite reumatoide);
  • Malattie del sistema ematopoietico (ad esempio, leucemia);
  • l'anemia;
  • Invasioni elmintiche;
  • Malattie infiammatorie del tubo digerente.

Per rendere i risultati dello studio quanto più affidabili possibili, è necessario prepararsi adeguatamente. L'analisi è raccomandata al mattino a stomaco vuoto, questo significa che l'ultimo pasto dovrebbe avvenire entro e non oltre 4 ore prima della procedura.

Il ruolo dei monociti nella diagnosi delle malattie

I monociti sono componenti importanti di una formula di leucociti che consentono al medico di valutare la salute di una persona. Se la concentrazione delle cellule del sangue aumenta o diminuisce, ciò indica anomalie all'interno del corpo.

Questo indicatore è particolarmente importante nel periodo di gestazione. Ciò è spiegato dal fatto che l'immunità di una donna incinta genera tutte le forze per proteggere il feto dai patogeni.

I monociti sono una specie di "tergicristallo" del corpo, come li chiamano i medici.

E tutto perché le cellule del sangue sono impegnate nella pulizia del sangue di parassiti e microrganismi dannosi, assorbono le cellule morte della pelle e hanno un effetto benefico sul sistema circolatorio.

A volte il numero di globuli bianchi nel corpo diminuisce o aumenta a causa di condizioni stressanti, attività fisica eccessiva o dopo l'assunzione di determinati farmaci. E quindi, prima di un esame del sangue per i livelli di monociti, il medico pone domande a cui occorre rispondere nel modo più onesto possibile.

Aumento della concentrazione di monociti

La monocitosi è una condizione caratterizzata da un aumento del numero di monociti. La monocitosi è relativa (la percentuale di cellule è superiore all'11% e il contenuto totale è compreso nell'intervallo normale) o assoluto (il contenuto totale dei monociti è superiore a 0,70 × 109 / l).

Un aumento di mon indica un processo infiammatorio durante l'altezza della malattia:

  • Malattie infettive di origine virale e batterica (parotite, influenza, angina monocitica, tubercolosi);
  • Micosi (malattie di origine fungina);
  • Infiammazione dell'intestino tenue o crasso;
  • Ulcera peptica;
  • Endocardite di origine infettiva (infiammazione della membrana del cuore);
  • Reumatismi (infiammazione del tessuto connettivo);
  • Sepsi (avvelenamento del sangue);
  • Il periodo postoperatorio (dopo la rimozione dell'appendice, la chirurgia sugli organi pelvici);
  • Malattie autoimmuni (lupus eritematoso, sarcoidosi);
  • Tumore maligno;
  • Malattie del sistema ematopoietico (leucemia, policitemia, trombocitopenia benigna).

Spesso la concentrazione di monociti aumenta con i linfociti.

I monociti nel sangue di un bambino aumentano nei seguenti casi:

Qui puoi trovare ulteriori informazioni sull'aumento del livello di monociti in un bambino.

Il livello di mon è dato speciale importanza dopo la tonsillite acuta recentemente trasferita.

Diminuzione dei livelli dei monociti

La monocitopenia è una condizione in cui la concentrazione dei monociti diminuisce.

Le ragioni principali per la diminuzione del numero di globuli bianchi nel sangue:

  • Panmielophthisis (anemia aplastica) - anemia dovuta a carenza di acido folico;
  • Processi infettivi nella forma acuta, in cui il numero di neutrofili diminuisce;
  • Trattamento a lungo termine con farmaci glucocorticoidi;
  • Pancitopenia (riduzione di tutti i componenti del sangue nel sangue);
  • Leucemia a cellule capellute (una rara forma di leucemia);
  • Malattia delle radiazioni

Una diminuzione del livello di mon è caratteristica di un paziente che è gravemente impoverito o in stato di shock. Questa condizione è osservata nelle donne dopo il parto o nel periodo post-operatorio. La monocitopenia è spesso provocata dai parassiti.

Normalizzazione dei monociti

Di solito, la mancanza o l'aumento dei monociti non manifesta sintomi. Capire che i problemi nel corpo, è possibile per malattie frequenti, con monocitopenia, i tessuti danneggiati recuperano più lentamente.

Un esame del sangue aiuterà a identificare le anomalie, durante le quali viene calcolato il numero di leucociti nella massa totale. Per determinare quale dei tipi di leucociti deviati dalla norma, eseguire un esame emocromocitometrico completo con una formula di leucociti.

Se gli indicatori si discostano dalla norma, per chiarire la diagnosi confrontare gli altri parametri del sangue. Inoltre, il medico chiede al paziente i sintomi, le precedenti malattie, i metodi di trattamento, lo stile di vita, ecc. Se necessario, condurre ulteriori studi che permettano di scoprire la ragione della deviazione dei monociti dalla norma.

La monocitosi e la monocitopenia non sono trattate, in quanto sono segni di malattia. E quindi, prima di tutto, devi scoprire la causa di questa condizione. Solo dopo aver stabilito la diagnosi può essere avviato il trattamento. In questo caso, il paziente deve mantenere uno stile di vita sano, mangiare correttamente, al fine di accelerare il recupero dalla malattia di base. In questo caso, il livello di mon si normalizza.

Ad esempio, per un parassita o altre malattie infettive lenta, è necessario sottoporsi a un ciclo di trattamento per normalizzare la conta ematica. Per le malattie del sistema ematopoietico o oncologico, è necessario un trattamento complesso ea lungo termine.

Pertanto, i monociti sono i componenti più importanti dell'immunità, che proteggono la salute e proteggono il corpo da varie patologie. Indicano i processi infiammatori nel corpo. E quindi è così importante monitorare periodicamente la loro quantità nel sangue con l'aiuto del KLA. In caso di qualsiasi deviazione, consultare un medico che prescriverà ulteriori test e terapia efficace.

Ti piace questo articolo? Condividilo con i tuoi amici sui social network:

Per Saperne Di Più I Vasi