Dov'è l'arteria carotide nel corpo umano - la struttura, le funzioni, le malattie e il loro trattamento

Il sistema circolatorio umano è un meccanismo complesso costituito da una pompa muscolare a quattro camere e più canali. I vasi che forniscono apporto di sangue agli organi sono chiamati arterie. Questi includono l'arteria carotide comune che trasporta il sangue dal cuore al cervello. Il normale funzionamento del corpo è impossibile senza un'efficace circolazione del flusso sanguigno, perché trasporta i più importanti oligoelementi e l'ossigeno.

Qual è l'arteria carotide

Come già accennato, questo tipo di arteria è una nave progettata per alimentare testa e collo. La vena del sonno ha una forma ampia, necessaria per il trasferimento di grandi quantità di ossigeno, creando un flusso sanguigno intenso e continuo. Grazie all'arteria, il tessuto cerebrale, l'apparato ottico, il viso e gli altri organi periferici sono arricchiti, grazie ai quali avviene il loro lavoro.

Dov'è il

Spesso le persone hanno una domanda: come trovare l'arteria carotide nel collo? Per la risposta è necessario rivolgersi alle basi dell'anatomia del corpo umano. L'arteria carotide comune inizia nel torace, quindi scende lungo il collo fino al cranio, terminando alla base del cervello. Il ramo più lungo a destra parte dalla testa brachiale, la sinistra - dall'aorta. Nella regione cervicale, i tronchi si trovano lungo la copertura anteriore dei processi vertebrali e tra questi il ​​tubo esofageo e la trachea.

struttura

Sul lato esterno della SA comune, c'è una vena giugulare, e tra questi c'è il nervo vago situato nel solco: è così che si forma il fascio neurovascolare. Sul decorso verticale del canale c'è una mancanza di rami, ma la cartilagine tiroidea è una biforcazione dell'arteria carotide interna ed esterna. La particolarità della nave è la presenza di un'espansione (seno carotideo) con un nodulo adiacente (glomus assonnato). Il canale del sonno esterno è costituito da diversi gruppi di vasi sanguigni:

  • tiroide;
  • lingua;
  • faringea;
  • anteriore;
  • occipitale;
  • orecchio posteriore.

La posizione del ramo dell'arteria carotide interna è considerata intracranica, poiché entra nel cranio attraverso un'apertura separata nell'osso temporale. L'area di connessione della nave con l'arteria basale attraverso l'anastomosi è chiamata il cerchio di Willis. I segmenti dell'arteria carotidea interna trasportano il sangue all'organo visivo, alle regioni anteriore e posteriore del cervello e alle vertebre cervicali. La struttura di questa vena è composta da sette vasi:

  1. connessione;
  2. cavernoso;
  3. collo;
  4. occhio;
  5. cuneo;
  6. roccioso;
  7. settore di un buco strappato.

Quante arterie carotidi ha una persona?

C'è un'opinione erronea che una persona abbia un'arteria carotidea: in effetti, ce ne sono due. Si trovano su entrambi i lati del collo e sono le più importanti fonti di circolazione del sangue. Accanto a questi vasi ci sono altre due arterie vertebrali, che sono significativamente inferiori alla carotide in volume del fluido che viene spostato. Per sentire il polso, devi trovare un punto nella rientranza sotto lo zigomo su un lato del pomo d'Adamo.

funzioni

Oltre a spostare il flusso sanguigno, le arterie carotidi risolvono altri compiti altrettanto importanti. Il seno carotideo è dotato di cellule nervose, i cui recettori svolgono le seguenti funzioni:

  • monitorare la pressione vascolare interna;
  • reagire ai cambiamenti nella composizione chimica del sangue;
  • dare segnali sulla presenza di ossigeno proveniente dagli eritrociti;
  • partecipare alla regolazione dell'attività del muscolo cardiaco;
  • controllare il polso;
  • mantenere la pressione sanguigna.

Cosa succede se si preme l'arteria carotide

È severamente vietato determinare le conseguenze del clic sull'arteria carotide. Se si preme brevemente su questa nave, c'è una perdita di coscienza. Questa condizione dura per circa cinque minuti e quando la circolazione sanguigna riprende, la persona si risveglia. Esperimenti con un tempo di forza più lungo possono provocare gravi processi distrofici, perché la mancanza di ossigeno è dannosa per le cellule cerebrali.

malattia

Il filo carotideo esterno non fornisce direttamente il sangue al cervello. L'apertura senza interruzioni delle anastomosi, anche con una mancanza di circolo di Willis, è spiegata dal buon apporto di sangue di questo ramo. Le patologie sono caratteristiche principalmente del canale interno, anche se otorinolaringoiatri, plastica e neurochirurghi in pratica affrontano interruzioni nel funzionamento del bacino esterno. Questi includono:

  • emangiomi facciali congeniti, cervicali;
  • malformazioni;
  • fistola artero-venosa.

I disturbi cronici, come l'aterosclerosi, la sifilide e la displasia fibrosa muscolare, causano importanti cambiamenti nel tronco interno. Possibili cause di malattie del flusso sanguigno carotideo sono:

  • l'infiammazione;
  • la presenza di targa;
  • blocco delle arterie;
  • cracking nella parete del canale (dissezione);
  • crescita eccessiva o separazione del rivestimento della nave.

Il risultato di processi negativi è il restringimento dell'arteria carotidea. Il cervello inizia a ricevere meno nutrienti, ossigeno, quindi c'è uno sviluppo clinico di ipossia cellulare, ictus ischemico e trombosi. In questo contesto, si distinguono le seguenti malattie di CA:

  • ramificazione arteriosa patologica;
  • trifurazione, che significa la divisione in tre germogli;
  • aneurisma;
  • trombo nell'arteria carotide.

aterosclerosi

L'aspetto normale della parete arteriosa implica levigatezza ed elasticità. La formazione di placche aiuta a ridurre il lume del tronco. L'aumento dei sedimenti porta a un restringimento pronunciato della nave. Diagnosticando, i medici diagnosticano il paziente: aterosclerosi delle arterie carotidi. Questa condizione si riferisce a una serie di gravi malattie che provocano ictus, atrofia del tessuto cerebrale, e quindi richiede un trattamento immediato. Per determinare la presenza di placche nel filamento di sangue carotideo può essere sui seguenti sintomi:

  • un forte aumento dei livelli di colesterolo;
  • frequenti mal di testa;
  • svenimento;
  • problemi di visione;
  • impulso rapido;
  • forte tinnito;
  • intorpidimento degli arti;
  • convulsioni, confusione;
  • disturbo del linguaggio.

Sindrome dell'arteria carotidea

La malattia, caratterizzata da spasmo delle pareti vascolari, è riconosciuta dalla medicina come sindrome dell'arteria carotide. La sua presenza è associata all'accumulo dello strato di colesterolo ai bordi del canale, alla separazione del guscio in diversi strati, alla stenosi. Meno comunemente, l'origine della malattia è causata da una predisposizione genetica, fattori ereditari e lesioni.

La stratificazione della superficie interna dell'arteria diventa la causa primaria dell'ictus ischemico di diversi gruppi di età. I pazienti di età superiore a 50 anni sono a rischio, ma recenti ricerche degli scienziati mostrano che la percentuale di ictus tra i giovani è in aumento. Prevenire lo sviluppo della sindrome CA implica il rifiuto delle cattive abitudini, mantenendo uno stile di vita attivo.

aneurisma

L'espansione della zona arteriosa con assottigliamento locale del rivestimento è chiamata aneurisma. Lo stato è preceduto da reazioni infiammatorie, atrofie muscolari e talvolta la malattia è congenita. Si forma nelle zone intracraniche del ramo carotideo interno e sembra una sacca. La peggiore conseguenza di tale educazione è una rottura che si traduce in un esito fatale.

L'aneurisma non deve essere confuso con l'emodectomia carotidea correlata a tumori benigni. Secondo le statistiche, il 5% dei casi si trasforma in cancro. Il percorso di sviluppo ha origine nell'area della biforcazione, continuando a muoversi sotto la mascella. Durante la sua vita, il problema non si manifesta, quindi viene diagnosticato dai patologi.

Trattamento di malattie

La presunta patologia dell'arteria in base ai sintomi clinici è possibile, ma la diagnosi può essere fatta solo dai medici dopo un esame appropriato. Per studiare il corpo ha usato metodi che utilizzano la tecnologia moderna:

  • ultrasuoni;
  • Osservazione Doppler;
  • angiografia;
  • risonanza magnetica;
  • tomografia computerizzata.

Il trattamento della malattia dipende dallo stadio, dalle dimensioni, dalle condizioni generali. Ad esempio, nel corso iniziale della trombosi, vengono prescritti un piccolo aneurisma, anticoagulanti e trombolitici. L'espansione del canale arterioso viene effettuata utilizzando l'isolamento procaina o la rimozione di cluster simpatici adiacenti. Grave restringimento, intasamento e trombosi dell'arteria carotidea richiedono un intervento chirurgico. L'intervento vascolare carotideo viene eseguito stentando o rimuovendo l'area danneggiata con la sostituzione con una parte artificiale.

Foto delle arterie carotidi sul collo

Video: arteria carotide comune

Le informazioni presentate nell'articolo sono solo a scopo informativo. I materiali dell'articolo non richiedono auto-trattamento. Solo un medico qualificato può diagnosticare e consigliare il trattamento in base alle caratteristiche individuali di un particolare paziente.

Arteria carotide: anatomia, funzioni, possibili patologie

L'arteria carotide è un vaso che ha origine nella regione toracica e finisce nel cervello. Svolge la funzione di fornire sangue, e con esso gli elementi necessari per la vita, molti organi. C'è un'arteria carotide comune, che è divisa in interno ed esterno. Esistono due principali patologie vascolari: l'aterosclerosi e l'aneurisma. Sono caratterizzati da diversi cambiamenti, ma entrambi sono così pericolosi che possono portare alla morte.

Uno dei più grandi vasi sanguigni del corpo, appartenente a un ampio cerchio di circolazione sanguigna, è l'arteria carotide. Ha un'anatomia complessa ed è un paio di vasi, i cui rami sono consegnati al sangue del cervello, riempiendolo di ossigeno e sostanze nutritive. Queste navi nutrono i tessuti del collo e degli occhi.

Il luogo in cui passa l'arteria carotide è considerato uno dei più vulnerabili. Il corpo reagisce a qualsiasi effetto meccanico come segnale di un aumento di pressione e dà una risposta, abbassandola. Insieme alla pressione, il battito cardiaco scende, il che può far svenire una persona. Se l'impatto è abbastanza forte, allora la morte è possibile.

Anche la minima diminuzione del flusso sanguigno nell'arteria o il suo blocco porta ad un'interruzione della circolazione sanguigna, che provoca un ictus. In una situazione critica, la capacità di sondare correttamente l'impulso sull'arteria carotidea può salvare una vita umana.

La prima nave della coppia passa lungo il lato destro della regione cervicale, la seconda - sul lato sinistro. L'arteria del lato sinistro è leggermente più lunga della destra e va dalla testa brachiale. Lato destro - origina dall'arco aortico. L'arteria destra ha una lunghezza di 6-12 cm, la lunghezza di quella sinistra raggiunge 16 cm.

L'arteria carotide stessa va dalla sezione toracica, si biforca e si eleva lungo la linea della trachea, dell'esofago, ulteriormente diametralmente ai processi

vertebre cervicali più vicine alla parte anteriore del corpo umano. Assegnare l'arteria carotide esterna e interna.

L'arteria esterna consiste di quattro sezioni: i rami anteriore, posteriore, mediale e terminale. Questi ultimi di lunghezza, più vicini al bordo, iniziano a formare una grande rete di capillari che, a loro volta, vanno alla bocca e agli occhi.

È diviso in gruppi di grandi navi, che comprendono:

  • tiroide esterna;
  • faringeo ascendente;
  • una linguetta;
  • anteriore;
  • occipitale;
  • orecchio posteriore.

L'arteria svolge molteplici funzioni: fornisce il flusso di sangue alle ghiandole salivari e tiroidee, ai muscoli facciali e ai muscoli della lingua. Trasporta sangue all'occipite e alla regione parotidea. La mascella superiore e le aree temporali ricevono anche nutrienti dall'arteria carotide esterna.

I capillari sul viso sono chiaramente visibili durante la stagione calda, l'imbarazzo, in una situazione di tensione - un rossore appare sul viso.

Rappresenta la parte posteriore dell'arteria. Uno dei suoi compiti principali è quello di implementare la fornitura di nutrienti alla testa, per il lavoro produttivo del cervello. Questa arteria percorre la regione cervicale e passa nel cranio dal lato del tempio. È diviso nei seguenti dipartimenti:

  • collo;
  • roccioso;
  • cavernoso;
  • cervello.

Queste sezioni sono divise in arterie ancora più piccole, formando una rete di dorsali circolatorie ampia e complessa per fornire alle cellule cerebrali nutrienti e ossigeno.

Una vena giugulare interna corre lateralmente, attraverso la base del cranio, sul lato della faringe, al centro della ghiandola parotide, separata dall'ultimo muscolo dello stylofaringeo.

Sotto l'influenza di stimolanti esterni (ad esempio, una situazione stressante, paura, alta temperatura ambientale), il flusso di sangue nell'arteria carotide aumenta. Se questi fattori persistono per almeno un po 'di tempo, allora una persona può provare eccitazione emotiva, un'ondata di energia. La situazione opposta si verifica quando una persona si trova in tale stato per un lungo periodo, si manifesta apatia, segni di depressione. Ciò significa che una fornitura limitata o eccessiva di ossigeno al cervello è ugualmente pericolosa per il corpo.

Per misurare il livello del flusso sanguigno nell'arteria carotide, è necessario passare attraverso una scansione duplex. Secondo i risultati di cui rivelano

  • la larghezza dello spazio delle navi;
  • il numero di placche o la loro assenza;
  • la presenza di coaguli di sangue;
  • rottura dei vasi sanguigni;
  • aneurisma.

Un indicatore normale è 55 ml per 100 g di tessuto cerebrale.

Ci sono due principali malattie in cui l'arteria carotidea fa male. Uno di loro causa l'espansione, l'altro - il restringimento della nave. In entrambi i casi, è necessaria la chirurgia per correggere la patologia. L'espansione della nave è chiamata aneurisma ed è meno comune del restringimento. Il pericolo di un aneurisma è nella sua possibile rottura, che spesso provoca il sanguinamento, che mette a rischio il sistema circolatorio e talvolta porta alla morte. L'aneurisma viene azionato tagliandole il collo.

La chirurgia è necessaria anche per le persone che soffrono di costrizione dei vasi sanguigni, per assicurare il flusso di sangue al cervello. Il motivo della violazione del lume e, con esso, il flusso sanguigno, il più delle volte è l'aterosclerosi. Una delle sue principali complicanze è l'ictus.

La malattia è molto pericolosa. I metodi terapeutici di trattamento non possono dare un risultato positivo, quindi i chirurghi devono intervenire. Tali operazioni più volte riducono la possibilità di alterare il flusso sanguigno e forniscono un adeguato apporto di ossigeno al cervello. La riabilitazione dopo l'intervento chirurgico ha più successo.

Indicazioni per la chirurgia:

  • vasi dell'arteria carotidea ristretti di oltre il 70%;
  • sintomi di ischemia o ictus;
  • c'è una violazione del cervello, progresso nello sviluppo dell'ischemia;
  • arterie carotidi danneggiate.

L'operazione viene eseguita per ripristinare il flusso sanguigno e l'espansione del lume del vaso. Tipi di chirurgia:

  • endarterectomia carotidea;
  • stent vascolare;
  • protesi vascolari.

L'endarterectomia carotidea è considerata una operazione classica. Implica la rimozione della placca aterosclerotica e la chiusura del vaso con un cerotto. Viene iniettato un anticoagulante diretto, l'arteria carotidea viene bloccata e sezionata lungo la parete frontale. La placca sclerotica viene separata dalle pareti dei vasi sanguigni e rilasciata. La nave viene lavata con soluzione salina e suturata.

La puntura è il ripristino del lume con uno stent - un dilatatore tubulare. La placca non viene rimossa dalla nave, ma strettamente premuta contro la sua parete. Il lume aumenta e il flusso sanguigno viene ripristinato. L'operazione presenta diversi vantaggi: non è necessaria l'anestesia generale, l'intervento minimo, il recupero rapido.

La protesi viene eseguita con danni estesi alle pareti, combinati con calcificazioni pronunciate. La nave viene recisa nel sito della bocca, il tessuto danneggiato viene separato e sostituito con un'endoprotesi del diametro desiderato.

L'arteria carotidea svolge un ruolo importante nel supporto vitale, poiché alimenta il cervello e gli organi del collo.

SHEIA.RU

Arteria carotide comune: anatomia, rami, norma, portata del sangue

Anatomia dell'arteria carotide comune

L'arteria carotide comune è un'importante nave che trasporta il sangue dal cuore alla parte più alta del corpo umano. È questa arteria insieme ai suoi rami che fornisce il 70% del sangue di cui ha bisogno al cervello. Occhi, collo, regione dell'orecchio, ghiandole mascellari e temporali, muscoli del viso e della lingua. Un'ampia rete di rami delle arterie carotidi si estende attraverso tutti i tessuti e gli organi concentrati nella regione della testa.

struttura

Il luogo di origine dell'arteria carotide comune è la regione del torace. L'anatomia di un'arteria è tale che inizialmente consiste di 2 grandi vasi, divergenti in direzioni diverse - sinistra e destra. Ciascuno di essi si alza, passa lungo la trachea con l'esofago, elude i processi delle vertebre cervicali, passando attraverso la parte anteriore del collo. E finisce a circa la 4 ° vertebra. Inizia una biforcazione (split).

L'arteria carotide comune sinistra è più corta della destra, in quanto si dirama dal brachiale bracheale. Mentre il giusto dall'aorta. La sua lunghezza varia da 6 a 12 cm La lunghezza del destro destro può essere normalmente di 16 cm. Il diametro delle arterie carotidi varia nelle donne e negli uomini. Per il primo, è in media 6, 1, per quest'ultimo, è 6,5 mm.

Verso l'esterno della OCA e leggermente di fronte al collo, la vena giugulare svolge le sue funzioni opposte. Anche a vapore. Dirige il sangue venoso in basso verso il muscolo cardiaco. Nel mezzo dell'arteria e della vena si trova il nervo vago. Tutta questa struttura costituisce insieme il principale fascio neurovascolare cervicale.

Nella parte inferiore del collo le arterie sono nascoste in profondità. Sono coperti dal guscio esterno del collo, dal muscolo sottocutaneo, poi dai tessuti profondi del collo e infine dai muscoli profondi. Nella parte superiore giacciono superficialmente.

Entrambe le arterie carotidi delimitano la trachea, l'esofago e la ghiandola tiroidea. E un po 'più alto con la gola, la gola.

biforcazione

Avendo raggiunto il bordo della cartilagine tiroidea, nella regione in cui si trova il triangolo carotideo, le arterie principali sono divise in 2 più piccole: l'interno e l'esterno. Questa è una biforcazione dell'arteria carotide comune, che significa una scissione. Il diametro dei rami biforcati è all'incirca lo stesso.

In questa zona si trova l'estensione della nave principale, chiamata sonnolenza. Il piccolo plesso confina con esso - il glomus assonnato. Nonostante le sue dimensioni modeste, questo nodulo svolge una funzione molto importante: il controllo della stabilità della pressione, la composizione chimica del sangue e il lavoro continuo di un importante muscolo cardiaco.

L'arteria esterna, proprio all'inizio della comune biforcazione, si trova più vicina all'asse interno. E poi - via. All'inizio è ricoperto dal muscolo del collo - lo sternocleidomastoideo, e al raggiungimento del triangolo carotideo - dal muscolo sottocutaneo e dalla placca della fascia cervicale.

A un'altezza uguale con la sporgenza della mascella inferiore, l'arteria si biforca. Questi sono i suoi rami principali: la mascella superiore e il temporale esterno. Sono divisi in molti più rami arteriosi, divisi in gruppi:

  1. anteriore: tiroide esterna, linguale, facciale;
  2. posteriore: orecchio, occipitale, clavicola-sterno-mastoide;
  3. mediale: faringeo ascendente.

Pertanto, l'HCA fornisce l'apporto di sangue saturo di ossigeno e di elementi utili alla tiroide, alle ghiandole salivari, all'occipite, parotide, al mascellare superiore, alle aree temporali, nonché ai muscoli facciali e linguali.

Il secondo ramo dell'arteria carotide comune, cioè quello interno, ha un posizionamento laterale e leggermente spostato all'indietro nel collo. E un po 'più mediale. Sorge in posizione assolutamente verticale, scavalcando la zona intermedia tra la faringe e la vena giugulare. E raggiunge il canale assonnato, dove penetra attraverso il buco.

Ora il nervo vago e la poligononite si trovano dietro l'arteria. E avanti - il nervo ipoglosso. Sopra - il nervo nervoso faringeo. All'interno del canale carotideo, la nave diventa sassosa. Si piega e si dirama in vasi di tamburo del sonno che forniscono sangue alla cavità e all'orecchio del timpano.

All'uscita dal canale, la nave viene nuovamente piegata, ma ora verso l'alto, cade nella scanalatura dell'osso cuneiforme e la sua parte cavernosa entra nella cavità della corteccia cerebrale, fornendo sangue alle porzioni anteriore e posteriore attraverso due arterie - quella anteriore e quella centrale.

E l'area del cervello è piegata di nuovo davanti al canale ottico, dove l'arteria oftalmica si dirama.

Pertanto, l'ICA è divisa in 7 sezioni:

  • giunzione;
  • collo;
  • occhio;
  • cavernoso;
  • roccioso;
  • sezione di un buco lacero;
  • cuneo.

Con questa struttura anatomica, l'arteria carotide e i suoi rami forniscono sangue a tutti i tessuti e gli organi concentrati nella parte superiore del corpo.

Glomus assonnato

Il glico sonnolento, situato nell'area della biforcazione, è un piccolo corpo. La sua lunghezza è 2,5 e la sua larghezza è di 1,5 mm. Il suo secondo nome è il paraganglone carotideo. Questo è un elemento importante dovuto al fatto che il glomo contiene una rete sviluppata di capillari e una massa di chemocettori (elementi dei sistemi sensoriali umani).

A causa di formazioni specifiche, il glomo risponde alle fluttuazioni della concentrazione di ossigeno nel sangue, così come di anidride carbonica e ioni di idrogeno. Con questi dati, controlla la composizione del sangue, la stabilità della pressione e l'intensità del lavoro del muscolo cardiaco.

Il sonnolento seno, un'area estesa al posto della biforcazione, ha anche caratteristiche nella struttura. Il suo guscio medio è poco sviluppato, ma quello esterno è piuttosto denso, ispessito. Concentra un numero enorme di fibre e nervi elastici.

Livello di flusso sanguigno

Se sospetti una stenosi o un blocco delle arterie carotidi, dovresti essere esaminato utilizzando una scansione duplex. Rivelerà:

la larghezza del lume nei vasi;

  • l'eventuale presenza di distaccamenti, coaguli di sangue e placche;
  • espansione o contrazione dei muri, se del caso;
  • la presenza di aneurismi, rotture o deformità.

La scansione duplex viene eseguita sui vasi principali: è carotidea, vertebrale e succlavia. Si distinguono come un gruppo brachiocefalico separato, poiché sono i più grandi del corpo umano e sono responsabili del rifornimento di sangue alla parte superiore del corpo. L'abbreviazione abbreviata dello studio suona come l'ecografia del BCA.

Con l'apporto di sangue completo, se le arterie hanno un lume normale, non ci sono placche e deformità, il cervello dovrebbe ricevere 55 ml di sangue per 100 g di peso. Qualsiasi difetto anatomico o patologico nelle arterie carotidi disturba la circolazione generale, di conseguenza tutti i tessuti della testa e, soprattutto, il cervello, ricevono meno ossigeno. Questo è irto di conseguenze gravi e spesso fatali.

Significato clinico

Oltre al più importante aspetto fisiologico, l'arteria carotidea ha anche un significato clinico. La sua posizione specifica consente di sondare e misurare l'impulso. Controllalo nella rientranza, situata tra il muscolo antero-laterale e la laringe, 2 cm sotto il bordo della mascella. Questa caratteristica è di grande importanza, perché l'impulso al polso non è sempre evidente. Soprattutto se la persona è in uno stato di profondo shock.

Anatomia dell'arteria carotidea

La carotide comune destra (Carotis communis dextra) parte dal tronco brachiocefalico (thruncus brachiocephalicus) e dall'arteria carotide comune sinistra (a. Carotis communis sinistra) dall'arco aortico. A questo proposito, l'arteria carotide comune di sinistra è più lunga di 2,5-3 cm rispetto a quella di destra: a livello delle articolazioni sternoclaveari, le arterie carotidi comuni si estendono fino al collo. Le arterie del collo si trovano nell'ampio spazio interfasciale, che è delimitato dal lato mediale della trachea e dell'esofago, da dietro - dalla fascia pre-vertebrale e dal muscolo scaleno anteriore (M. Scalenus anteriore), lateralmente e davanti - il muscolo sternocleidomastoideo (M. Sternocleidomastoideus).

Sul collo, le carotidi comuni passano attraverso il fascio neurovascolare, che include, oltre all'arteria carotide comune, la vena giugulare interna (v. Jugularis interna), il nervo vago (n. Vagus). Il foglio parietale della quarta fascia del collo forma la vagina per il fascio neurovascolare, che si collega con i processi trasversali delle vertebre. La vagina del fascio neurovascolare inizia a livello del bordo superiore del mediastino anteriore e raggiunge la base del cranio. All'interno della vagina ci sono setti di tessuto connettivo che dividono l'arteria, la vena e il nervo. Di conseguenza, ciascuno degli elementi del raggio ha il suo caso fasciale. Il nervo vago passa nel tessuto del letto vascolare tra le guaine fasciali dell'arteria e della vena.
Il tronco simpatico marginale confina con la parete posteriore del letto vascolare, separato da esso dalla fascia prevertebrale (fascia praevertebralis).

Di regola, l'arteria carotide comune non dà rami, ma in alcuni casi (specialmente con una variante elevata di biforcazione), l'arteria tiroidea superiore (a. Thyreoidea superiore) può estendersi dalla sua parte superiore 0,2-1,5 cm al di sotto della biforcazione.

A livello del bordo superiore della cartilagine tiroidea, l'arteria carotide comune è divisa in due rami: la carotide interna ed esterna (a) Carotis interna et a Carotis esterna). Meno comunemente, la biforcazione dell'arteria carotide comune ha una posizione più alta o più bassa e si trova a livello III, IV o VI delle vertebre cervicali. L'angolo di divisione dell'arteria carotide comune varia da 2 a 74 °. La biforcazione dell'arteria carotide comune può essere localizzata nei piani frontale o sagittale o in un piano vicino a loro.

Nell'area della biforcazione, l'arteria carotide comune forma un'espansione simile ad un'ampolla, il cosiddetto sonnifero sonnolento (bulbus caroticus, sinus caroticus). Il seno carotideo contiene pressorecettori: l'irritazione delle terminazioni nervose del seno carotideo riduce la pressione sanguigna e rallenta la contrazione del cuore.

Qui, nell'area della biforcazione dell'arteria carotide comune, un glomus sonnolento (glomus caroticum) (carotide, spirale inter-assonnata) si trova sulla sua superficie posteriore-mediale nel punto di scarico dell'arteria carotide interna. Si tratta di una piccola formazione piatta di 2,5 mm di lunghezza e 1,5 mm di spessore, saldamente legata alla parete del vaso mediante tessuto connettivo. Nella sua funzione, il glomus addormentato è un organo sensoriale specifico contenente chemocettori vascolari che rispondono ai cambiamenti nella composizione chimica del sangue e quindi partecipano alla regolazione del sistema cardiovascolare.

I nervi del nervo glossofaringeo (n. Glossopharyngeus), il nervo vago e il tronco simpatico si adattano al seno carotideo e al glomo sonnolento. Il ramo del nervo glossofaringeo al seno carotideo è chiamato il nervo del seno. Esistono numerose connessioni tra questi nervi. Nella stessa area, anche il nervo depressore di Zion si ramifica.
Nell'aggregato, il seno carotideo e il corpo carotideo insieme ai nervi adatti per loro formano una zona riflessogena, che svolge un ruolo importante nella regolazione della circolazione sanguigna.

Sopra la biforcazione dell'arteria carotide comune, l'arteria carotide interna devia lateralmente e posteriormente e passa nel tessuto paravertebrale all'apertura esterna del canale carotideo (foramen caroticum externum). L'arteria carotide esterna va verso l'interno e verso l'alto, con una leggera svolta nella direzione mediale.

L'arteria carotide interna (a. Carotis interna) è il ramo più grande dell'arteria carotide comune. L'arteria carotide interna può essere divisa in due sezioni: cervicale e intracranica. Nella regione intracranica dell'arteria carotide interna si distinguono le parti intraossee, cavernose e intradurali.

La regione cervicale dell'arteria carotide interna non dà rami. Attraverso l'apertura esterna del canale carotideo, l'arteria carotide interna entra nel canale assonnato (canalis caroticum) e attraverso la sua apertura interna entra nella cavità del cranio. Direttamente all'uscita del canale carotideo, l'arteria carotide interna è circondata dal seno venoso cavernoso (seno cavernoso). Dopo l'uscita dal canale carotideo, l'arteria carotide interna forma una curva a S (sifone) e passa attraverso la dura madre nello spazio subdurale dietro l'apertura interna del canale ottico, laterale al nervo ottico. Dalla parte convessa della curva dell'arteria carotide interna, origina l'arteria oculare (a. Ophthalmica). Quando si entra nello spazio subdurale, l'arteria carotide interna al bordo interno del processo sfenoide anteriore si divide in due rami: l'arteria cerebrale anteriore (a Cerebri anteriore) e l'arteria cerebrale media (a. Mezzi di Cerebri). La lunghezza della carotide cervicale interna in un adulto è 10-11 cm, la parte intraossea, 4-5 cm, la porzione cavernosa, 5 cm, la porzione intradurale, 1 cm.

L'arteria carotide esterna è il secondo ramo dell'arteria carotide comune, che rispetto all'arteria carotide interna ha un diametro inferiore. Tuttavia, il suo diametro nella parte iniziale può essere maggiore del diametro dell'arteria carotide interna. L'arteria carotide esterna dà 9 rami, tra cui 6 rami sotto l'addome posteriore del muscolo digastrico (m Digastricus) e tre rami sopra questo muscolo. Alla o sopra la biforcazione, l'arteria tiroidea superiore si allontana dall'arteria carotide esterna. Sopra il corno dell'osso ioide, l'arteria linguale (a. Lingualis) e l'arteria facciale (a) Facialis partono anteriormente e l'ascella posteriore (a. Occipitalis). Distalmente, l'arteria dell'orecchio posteriore (a. Auricularis posteriore) e l'arteria sternocleidomastoideo (a. Sternocleidomastoidea) hanno origine. Nella parte iniziale dell'arteria carotide esterna o leggermente più alta, l'arteria faringale ascendente parte (a) Faringea ascendens). A livello del collo della mandibola, l'arteria carotide esterna si divide in due rami terminali - l'arteria mascellare (a. Maxillaris) e l'arteria temporale superficiale (a. Temporalis superficialis).

Le arterie carotidi hanno una relazione complessa con le strutture circostanti. Pertanto, l'area dell'arteria carotide comune sinistra, situata nella cavità toracica, è delimitata di fronte alla vena brachiocefalica sinistra (v. Brachiocephalica sinistra). Laterale e posteriore da esso è l'arteria succlavia (a. Subclavia), adiacente al volantino mediastinal della pleura. La trachea si trova medialmente, più in alto e leggermente posteriore a questa parte dell'arteria.

Sul collo, l'arteria carotide comune è coperta di fronte con il bordo anteriore del muscolo sternocleidomastoideo. Tuttavia, è anche possibile uno sviluppo anatomico, in cui il muscolo sternocleidomastoideo copre solo il terzo inferiore dell'arteria carotide comune o non lo copre affatto. Tra questo muscolo e l'arteria nella parte inferiore del collo vi sono l'addome superiore del muscolo scapolare-ipoglosso (M. Omohyoideus), il muscolo sterno-tiroide (M. Sternothyreoideus) e il muscolo sterno-ipoglosso (M. Sternohyoideus).

Sulla parete anteriore dell'arteria, il ramo inferiore dell'ansa cervicale, la radice inferiore ansa cervicale, formata nella direzione obliqua, è formata dai rami anteriori dei nervi cervicali I - III. Il ramo inferiore del ciclo cervicale si collega con il ramo superiore (radice superiore) del ciclo cervicale che si estende dal nervo ipoglosso, che porta alla formazione di ansa cervicale.

Nel terzo medio (prima della biforcazione), l'arteria carotide comune è coperta anteriormente solo dalla fascia. Leggermente al di sotto della biforcazione dell'arteria, la vena facciale comune (v. Facialis communis) e la vena tiroidea superiore (v. Thyreoidea superiore), che fluiscono nella bocca comune o separatamente nella vena giugulare interna (v. Jugularis interna), corrono lungo la sua superficie frontale.

Dietro l'arteria carotide comune adiacente alla fascia prevertebrale. Dietro sono i muscoli scaleni anteriore e medio (M. scalenus anterior et medius), il muscolo del collo lungo (t. Longus colli) e anche il tronco simpatico.

Nella parte inferiore del collo, l'arteria carotide comune si trova di fronte all'arteria vertebrale (a) Vertebralis, che entra nell'apertura del processo trasversale della VI vertebra cervicale.
Dietro l'arteria carotide comune, al punto di ingresso dell'arteria vertebrale nell'apertura del processo trasverso, si trova l'arteria tiroidea inferiore (a Thyreoidea inferiore), che è un ramo del tronco tiroideo (truncus thyreocervicalis). A sinistra, dietro l'arteria carotide comune, un po 'più bassa dell'arteria tiroidea inferiore, il dotto linfatico toracico (dotto toracico) passa al posto della confluenza della succlavia sinistra e delle vene giugulari interne (angolo venoso).

Medialmente dall'arteria carotide comune, vi è un lobo della ghiandola tiroidea, che separa l'arteria dall'esofago cervicale e dalla trachea.

L'area della comune biforcazione della carotide dal lato mediale è adiacente alla laringe dietro il muscolo scaleno medio (M. Scalenus medius). La vena giugulare interna (v. Jugularis interna) passa lateralmente e un po 'di fronte alla biforcazione. Il nervo vago passa lungo la superficie laterale dell'arteria.
Successivamente, l'arteria passa sotto il processo stiloideo e m. stylopharyngeus all'apertura esterna del canale carotideo.

Sotto l'addome posteriore del muscolo digestivo, l'arteria è coperta con il margine anteriore m. sternocleidomastoideo.
Nell'intervallo tra il bordo inferiore dell'addome posteriore del muscolo digastrico e la biforcazione dell'arteria carotide comune, la superficie anteriore dell'arteria carotide interna attraversa il nervo ipoglosso (n. Hypoglossus), l'arteria sternocleidomastoidea, l'arteria occipitale e sopra - l'arteria dell'orecchio posteriore.

Il nervo glossofaringeo (Glossopharyngeus) si trova sotto il muscolo stilo-sublinguale e sulla superficie anteriore dell'arteria carotide interna.

Nell'intervallo tra i nervi ipoglosso e glossofaringeo di fronte all'arteria carotide interna si trova il plesso faringeo costituito da fibre sensoriali (dal nervo glossofaringeo), dal nervo motore (dal nervo vago) e vegetativo (dal tronco simpatico e dal nervo vago).

Tra la parte iniziale dell'addome posteriore del muscolo digastrico e la parte superiore del muscolo sternocleidomastoideo, il tronco del nervo facciale (n. Facialis) percorre la superficie anteriore dell'arteria carotide interna. Il ramo marginale della mascella inferiore (ramus marginalis mandibulae) parte da esso verso la mascella inferiore.

La parete posteriore dell'arteria carotide interna è di 1-2 cm sopra la sua bocca, adiacente, attraversando l'arteria, il ramo del nervo vago - il nervo laringeo superiore (n. Laringeo superiore). La sua posizione varia: il nervo può passare dietro l'arteria carotide comune e talvolta attraversa l'arteria carotide interna alta a livello del plesso nervoso faringeo.

Davanti all'arteria carotide interna attraversa molte vene di diverso calibro, scorrendo nella vena giugulare interna.

Al livello II e, in parte, delle III vertebre cervicali, dietro l'arteria carotide interna e medialmente dal nervo vago si trova il nodo simpatico cervicale superiore (ganglio cervicale superiore). I rami della sezione superiore del nodo (n. Carotis internus) si formano attorno all'arteria carotide interna del plesso (plesso carotico interno e plesso cavernoso), che si estendono lungo l'arteria nella cavità del cranio.

Anatomia dell'arteria carotidea

SLEEP ARTERIES è un paio di arterie elastiche che forniscono sangue alla testa e alla maggior parte del collo.

contenuto

embriologia

Generale C. e. differenziato nell'embrione da una parte dell'aorta ventrale tra le arterie III e IV branchia. Su un'estensione più lontana, l'aorta ventrale tra le arterie di branchia I e III è convertita nell'esterno S. e. C. interna e. si sviluppa dalla terza coppia di arterie branchiali e da parti dell'aorta dorsale tra le arterie branchiali I e III.

Al momento della nascita, S. interna e. forma la prima curva nel seno cavernoso.

anatomia

Giusto generale S. e. (A. carotis communis dext.) Parte dal tronco brachiocefalico (truncus bra-chiocephalicus) a livello dell'articolazione sternoclavicolare destra; lasciato generale C. a. (a carotis communis sin.) - dall'arco aortico (vedi), è 20-25 mm più lungo del destro. Generale C. e. fuori dalla cavità toracica attraverso l'apertura toracica superiore e inviata nelle guaine perivascolari fasciali sui lati della trachea e dell'esofago, e quindi la laringe e la faringe. Lateral-lei sono la vena giugulare interna, la catena del lembo cervicale profondo, i nodi, tra i vasi e la parte posteriore - il nervo vago, nella parte anteriore - la radice superiore del ciclo cervicale. Il muscolo scapolare-ioide attraversa il generale S. a. nel terzo medio (colore, fig.). Posteriormente, a livello del bordo inferiore della cartilagine cricoide sul processo trasversale della VI vertebra cervicale, c'è un tubercolo assonnato (il tubercolo di Shassegnac), e un S. comune è premuto contro di esso. per fermare temporaneamente il sanguinamento quando è stato ferito. A livello del bordo superiore della cartilagine tiroidea generale S. e. condividere su esterni e interni S. e. Prima della divisione del generale C. a. i rami non si arrendono.

All'aperto S. e. nella parte prossimale è coperto con il muscolo sternocleidomastoideo, quindi si trova nel triangolo assonnato e coperto con il muscolo sottocutaneo del collo. Prima che l'arteria penetri nella fossa posteriore-non mascellare, il nervo anteriore, un muscolo ipo-ioide e l'addome posteriore del muscolo digastrico si incrociano di fronte ad esso. Più profondo il nervo laringeo superiore con muscoli shi-linguali e stylofaringei, a segale separare l'esterno S. dall'interno Sopra i muscoli attaccati al processo stiloideo, l'arteria penetra nello spessore della ghiandola parotide. Mediale al collo del processo articolare della mandibola, è diviso in rami terminali - l'arteria temporale superficiale e l'arteria mascellare.

I rami anteriori della parte esterna di S. e. sono l'arteria tiroidea superiore (a. tiroidea sup.), l'arteria laringea superiore (a. laringea sup.), l'arteria linguale (a. lingualis) e l'arteria facciale (a. facialis), a volte con un inizio comune con il linguale arteria. Indietro rami C. e. - arteria sternocleidomastoidale (a. Ster-nocleidomastoidea), che fornisce il muscolo con lo stesso nome, l'arteria occipitale (a.occipitalis) e l'arteria dell'orecchio posteriore (a. post Auricularis). Il ramo mediale è l'arteria faringea ascendente (a) faringesia superficiale superficiale (a. Temporalis superficialis) e l'arteria mascellare (a. Maxillaris).

Quindi, all'aperto S. e. vascolarizzazione del cuoio capelluto, muscoli facciali e masticatori, ghiandole salivari, cavità orale, naso e orecchio medio, lingua, denti, in parte dura madre, faringe, laringe, tiroide.

C. interna a. (a. carotis int.) inizia dalla biforcazione dell'arteria carotide comune a livello del bordo superiore della cartilagine tiroidea e sale alla base del cranio. Nella zona del collo interno S. e. situato nel fascio neurovascolare, insieme con la vena giugulare interna (v. jugularis int.) e il nervo vago (n. Medialmente l'arteria gira intorno al nervo laringeo superiore, la vena anteriore, l'addome posteriore del muscolo digastrico, il nervo ipoglosso, intersecano la vena anteriore, dove la radice superiore del ciclo cervicale si allontana da questo luogo. All'inizio interno S. e. giace all'esterno da S. esterno e., ma presto passa alla parte mediale e, andando in verticale, si trova tra la gola e i muscoli che sono collegati a un processo stiloideo. Inoltre l'arteria gira intorno al nervo glossofaringeo.

In una cavità di un cranio S. interno e. Passa attraverso il canale assonnato, dove è accompagnato da plessi nervosi e venosi (plesso carotico int. Et plesso venoso carotico int.). Secondo il corso del canale addormentato, il S. interno fa la prima piega in avanti e verso l'interno, poi nel solco carotide la seconda curva. A livello della sella turca, l'arteria si piega anteriormente. Vicino al canale visivo interno S. e. forma la quarta curva in alto e ritorno. In questo posto si trova nel seno cavernoso. Dopo aver attraversato la dura madre, l'arteria si trova nello spazio subpaurale sulla superficie inferiore del cervello.

Condizionatamente interno S. e. sono divisi in quattro parti: il cervicale (pars cervicale), il pietroso (pars petrosa), il cavernoso (pars cavernosa) e il cerebrale (pars cerebralis). I primi rami in partenza da S. interni e. nel canale carotideo, ci sono rami di carotidi (rr. caroti-cotympanici), per passare la segale nello stesso canale della piramide dell'osso temporale e fornire la membrana mucosa della cavità timpanica.

Nel seno cavernoso, l'arteria emette una serie di piccoli rami, vascolarizzando le sue pareti, il ganglio trigemino e le parti iniziali dei rami del nervo trigemino. All'uscita dal seno cavernoso, l'arteria oftalmica (a. Ophthalmica), l'arteria comunicante posteriore (a. Post comunicante.), L'arteria villica anteriore (a. Choroidea ant.), L'arteria cerebrale (a. Cerebri med.) e l'arteria cerebrale anteriore (a. cerebri).

S. interna e. vascolarizzazione del cervello e della sua dura (vedi circolazione cerebrale), il bulbo oculare con l'apparato ausiliario, la pelle e i muscoli della fronte.

S. interna e. ha una anastomosi da S. esterno e. attraverso l'arteria dorsale del naso (a dorsalis nasi) - il ramo dell'arteria oftalmica (a) oftalmica, l'arteria angolare (a) angularis) - il ramo dell'arteria facciale (a. facialis), il ramo frontale (del frontalis) - il ramo dell'arteria superficiale arterie (a. temporalis superficialis), così come con l'arteria principale (a. la-silaris), formata da due arterie vertebrali (aa vertebra-les). Queste anastomosi sono di grande importanza per l'afflusso di sangue al cervello quando l'arteria carotide interna viene disattivata (vedere Cervello, apporto di sangue).

Innervazione del generale S. e. e i suoi rami sono fibre postgangliari che si estendono dai nodi cervicali superiori e mediani del tronco simpatico e formano un plesso attorno ai vasi - plesso carotico comunis, plesso carotico est., plesso carotico int. Il nervo caldo cordiale si allontana da un nodo cervicale medio di un tronco compassionevole, to-ry partecipa a un innervation del generale S. e.

istologia

Gistol. struttura muraria C. e. e il suo apporto di sangue - vedi Arterie. Con l'età nel muro di S. e. si verifica la proliferazione del tessuto connettivo. Dopo 60-70 anni, nella membrana interna si notano addensamenti focali delle fibre di collagene, la membrana elastica interna diventa più sottile e appaiono depositi di calcare.

Metodi di ricerca

I metodi di ricerca più informativi S. e. sono l'arteriografia (vedi), l'elettroencefalogramma (vedi), gli ultrasuoni (vedi Ultrasuoni), la tomografia computerizzata (vedi tomografia computerizzata), ecc. (vedi Vasi sanguigni, metodi di ricerca).

patologia

La patologia è causata da difetti di sviluppo di S. e., Danni e parecchie malattie, a to-rykh la parete di arterie è intaccata.

Le malformazioni sono rare e di solito patolano. tortuosità e petali S. e. La forma e il grado di tortuosità S. a. sono diversi; il più frequente è osservato. tortuosità di S. generale e interna e. (Fig. 1, a). Inoltre, ci sono varie variazioni e anomalie di S. a. Quindi, a volte le arterie carotidi hanno un tronco comune (truncus bicaroticus), che si estende dall'arco aortico. Il tronco brachiocefalico può essere assente, quindi la carotide comune destra e le arterie succlavia destra partono dall'arco aortico indipendentemente. Ci sono anche opzioni topografiche associate ad anomalie dell'arco aortico (vedi).

In rari casi dal generale S. e. arterie tiroide superiori e inferiori (aa tiroidee sup. et, inf.), arteria ascendente faringea (a) faringea ascendens), arteria vertebrale fa. vertebra-lis). All'aperto S. e. può iniziare direttamente dall'arco aortico. In casi eccezionali, può essere assente, mentre i suoi rami partono dall'arteria con lo stesso nome, passando dall'altra parte, o dal generale S. e. Il numero di rami di S. esterno e. può variare. S. interna e. molto raramente assente da un lato; in questo caso, viene sostituito dai rami dell'arteria vertebrale.

In alcuni casi a malformazioni di S. e., Che sono seguiti da violazione di rifornimento di sangue di un cervello, il trattamento operativo è mostrato (vedi sotto).

Il danno è possibile a causa di una ferita da arma da fuoco di S. a., La ferita, per esempio, con un coltello o durante un intervento chirurgico al collo, ed è accompagnata da una massiccia perdita di sangue acuta, trombosi e formazione di ematomi pulsar con conseguente sviluppo di un falso aneurisma (vedi).

Ad un intervento chirurgico riguardante ferite di S. e. in primo luogo, la sua sezione prossimale è esposta e quindi distale. Solo dopo aver serrato i morsetti atraumatici delle arterie prossimale e distale, l'area della ferita è esposta, le legature sono posizionate sopra e sotto il sito della lesione, la sutura o il cerotto vascolare laterale. In caso di anastomosi carotideo-cavernosa post-traumatica, vengono eseguite operazioni per disattivarlo (vedi anastomosi arterio-sinusale, anastomosi carotidea-cavernosa).

Trattamento in scena di lesioni da combattimento di S. e. Viene eseguito secondo gli stessi principi delle lesioni di altri vasi sanguigni (vedi Vasi sanguigni, danni da combattimento.

Disease. Le malattie che portano al danno alla parete di S. sono varie forme di arterite non specifica, aterosclerosi, displasia fibromuscolare e raramente aortite sifilitica (vedi).

Nei pazienti con cardiopatia reumatica con trombosi dell'orecchio sinistro o del ventricolo sinistro del cuore in presenza di fibrillazione atriale, così come nei pazienti con cardiosclerosi grande-focolare post-infartuata complicata da aneurisma cardiaco e fibrillazione atriale, si può osservare tromboembolia S. (vedi tromboembolismo).

L'arterite aspecifica (vedi sindrome di Takayasu) occupa uno dei punti centrali tra le lesioni del tronco brachiocefalico (Fig. 1.6). Secondo Petrovsky, IA Belichenko, VS Krylov (1970), si trova nel 40% dei pazienti con lesioni occlusive nei rami dell'arco aortico, e non più del 20% ha una sconfitta e C.. L'arterite aspecifica è osservata nelle donne 3-4 volte più spesso che negli uomini; di solito si verifica prima dei 30 anni, ma si verifica nei bambini e nella vecchiaia. La sua eziologia non è completamente compresa. Allo stato attuale, si ritiene che l'arterite aspecifica sia una malattia sistemica di natura allergica e autoallergica con tendenza a danneggiare le pareti dei vasi arteriosi di tipo muscolo-elastico. La lesione di tutti gli strati della parete arteriosa termina con una panartrite produttiva, tromboendovasculite, disorganizzazione e disintegrazione della struttura elastica e completa obliterazione della nave. Abbastanza raramente lo stadio finale di sviluppo di arterite non specifica C. e. è la formazione di un vero aneurisma come risultato della distruzione della membrana elastica della nave sullo sfondo dell'ipertensione arteriosa. La parte prossimale del S. generale è più spesso colpita. E., E interno ed esterno S. e. rimangono passabili. In patolo. il processo di arterite aspecifica può anche coinvolgere altre arterie (vedere Arterite, arterite a cellule giganti).

Aterosclerosi C. e. negli uomini si trova 4-5 volte più spesso che nelle donne. Cuneo, manifestazioni della malattia, a causa della loro stenosi o occlusioni, si sviluppano, di regola, nelle persone di età compresa tra 40-70 anni. Morfologica. il quadro nell'aterosclerosi (vedi) è caratterizzato dalla deposizione di lipidi nel rivestimento interno del vaso, dalla formazione di placche aterosclerotiche con la loro successiva calcificazione e ulcerazione. Quando la placca aterosclerotica è ulcerata, spesso si osserva trombosi dell'arteria e embolia periferica da parte di masse ateromatose. A causa della distruzione della struttura elastica della nave, si possono sviluppare veri aneurismi. Un fattore importante che contribuisce allo sviluppo di veri aneurismi di S. a. È la presenza di ipertensione arteriosa in un paziente. Molto spesso, nell'aterosclerosi, la stenosi delle arterie carotidi si sviluppa nella regione della divisione del comune S. a. su interno ed esterno (figura 1, c), e anche in parti extracraniche di S. interno e. A causa della natura sistemica dello sviluppo dell'aterosclerosi, è estremamente raro che siano colpiti solo S. A. C'è più spesso un processo bilaterale che porta all'occlusione, così come la presenza di stenosi aterosclerotica e occlusioni nell'aorta e nelle arterie principali di altri organi.

Sempre più notizie sulla sconfitta di S. e. per tipo di displasia muscolare fibrosa, osservata in donne di età compresa tra 20 e 40 anni. Alcuni ricercatori associano questa malattia a displasia congenita delle cellule muscolari lisce della parete arteriosa, altri tendono a considerare questa malattia acquisita. Morfologicamente, la displasia muscolare fibrosa mostra fibrosi dello strato muscolare della parete arteriosa, aree di stenosi alternate a zone di estensione aneurismatica. In un certo numero di casi, si riscontrano forme stenotiche o aneurismatiche di displasia muscolare fibrosa. La displasia più spesso fibromuscolare è osservata in reparti extracranici di S. e., E abbastanza spesso c'è una sconfitta bilaterale.

Stenosi di S. e. può anche essere causato da fattori extravasivi, tra i quali il ryh più frequente è una ghiandola carotidea - il chemodetoma (vedi Paraganglioma). È estremamente raro osservare la compressione extravasale di S. a. tumori del collo e processi cicatriziali derivanti da infiammazioni e lesioni in quest'area.

Una caratteristica delle lesioni stenotiche tronco brachiocefalico, in particolare S. a., Una mancata corrispondenza tra le manifestazioni cuneo di disturbi del flusso sanguigno cerebrale e il grado di processo steno ziruyuschego nelle arterie. È causato dalle grandi opportunità compensative della circolazione del sangue cerebrale, caratteristica dell'esistenza a-rogo di un insieme di modi collaterali è (vedi Collateri vascolari). Un grado critico di restringimento di S. A., Con uno sciame, ci possono essere sintomi di insufficiente afflusso di sangue al cervello, una diminuzione del suo lume di oltre il 75%. Tuttavia, questo grado di S. stenosi e. e anche la sua occlusione non porta sempre a un'insufficienza acuta del flusso sanguigno al cervello con un cuneo, un'immagine di una violazione della circolazione cerebrale (vedi). Con lesioni C. e. distinguere quattro cuneo, stadi di ischemia di un cervello: io - asintomatico, II - transitorio, III - hron. insufficienza vascolare cerebrale, IV - effetti residui della circolazione cerebrale. Trattamento delle lesioni occlusali e stenotiche di S. a. dipende dallo stadio dell'ischemia cerebrale, che è importante per determinare le indicazioni per l'intervento chirurgico (vedi sotto).

operazioni

Negli anni '30 e '40. 20 in. solo gli interventi, a-la segale sono stati effettuati a restringersi e l'occlusione piena di S. e., le operazioni su sistema nervoso compassionevole sono state. La prima operazione di recupero di successo per S. trombosi interna A. compiuto nel 1953 a M. de Vechi. Nell'URSS, la prima operazione del genere fu eseguita nel 1960 da B.V. Petrovsky. Operazioni di recupero su S. e. in caso di patologia, sono diventati fattibili in relazione allo sviluppo dell'angiografia, dell'anestesiologia, della chirurgia vascolare ricostruttiva, dello sviluppo di nuovi strumenti atraumatici, del miglioramento dei metodi per proteggere il cervello dall'ischemia.

In C. a. trascorrere le operazioni di legatura e recupero. Con legatura portare legatura dell'arteria nella ferita o in tutto (vedi legatura dei vasi sanguigni) e resezione dell'arteria. Tra le operazioni di recupero sono lato e vascolare toppa cucitura circolare arteria ectomy-intimtromb seguiti cucitura vascolare o una patch, e un permanente protesi di bypass innesto.

Operazioni su S. e. eseguire nella posizione del paziente sulla schiena con un rullo sotto le scapole, la testa del paziente viene ruotata nella direzione opposta al lato dell'operazione. Un'incisione cutanea viene effettuata lungo il bordo interno del muscolo sternocleidomastoideo dal processo mastoideo all'impugnatura dello sterno (Fig. 2). Nei casi di nek-ry, quando è necessario un intervento sulle parti prossimali dell'arteria carotidee generale, eseguire una sternotomia parziale aggiuntiva (vedere Mediastinotomia).

La scelta corretta dell'anestesia e della protezione del cervello dall'ischemia è molto importante. Per affrontare il problema della possibilità di operazioni nel C. e. senza proteggere il cervello da ischemia avere stato del valore flusso di dati nel circolo di Willis (cerchio arterioso cerebrale, T) ottenuta con prove funzionali serraggio S. a. (vedi Training Collaterale) con flussimetria ad ultrasuoni (vedi Diagnostica Ultrasonica). Allo stesso tempo, viene prestata particolare attenzione alle condizioni delle navi collaterali che collegano i sistemi della destra e della sinistra S. a. Se la ricostruzione è l'unica interessata, ma passabile da S. a. (con un'altra occlusione), viene mostrata la protezione del cervello contro l'ischemia.

Alla vigilia dell'operazione, neurolettici, tranquillanti e antistaminici sono prescritti ai pazienti. 40 minuti Prima dell'operazione, vengono iniettati per via intramuscolare 0,3 mg! Kg di promedolo, 0,2 mg! Kg di seduxen, 0,5 mg! Kg di pi-polfen e 0,3-0,5 mg di atropina. Questa sedazione ha un buon effetto tranquillizzante e promuove l'induzione liscia. Metodo viene usato per indurre induzione dell'anestesia combinata fentanil-seduksenom e rottami: contro l'inalazione di ossido di azoto e ossigeno nel rapporto di 2: 1 frazionata iniettata 2-3 min. su 2 - 3 mg di Seduxenum, ha un'azione anti-ipossica. Dopo la prima dose di Seduxen, viene somministrato 0,004 mg di fentanil. Un sufficiente grado di anestesia si verifica di solito dopo la somministrazione di una dose totale di 0,17-0,2 mg di seduxen! Kg. Immediatamente prima dell'intubazione tracheale, vengono somministrati 0,004 mg / kg di fentanil. La durata dell'induzione è di 11-13 minuti. L'anestesia è supportata dal fluorotano (0,25-0,5% vol.) E una miscela di protossido di azoto con ossigeno in un rapporto 2: 1 in combinazione con la somministrazione frazionata di fentanil. Durante l'anestesia, l'EEG viene monitorato continuamente. Prima di iniziare l'operazione per 5 minuti. prova a pizzicare S. e. sotto la lesione; allo stesso tempo, l'EEG viene continuamente registrato (vedi Elettroencefalogramma), rheoencephalogram (vedi Rheoencephalography), ed elettromanometria distale al morsetto. Con normale EEG, rheoencephalogram e pressione arteriosa distale al morsetto pari a 40 mm Hg. Art. e ancora, l'uso di metodi per proteggere il cervello non è pratico. La comparsa di onde theta alternate erroneamente sull'EEG o una diminuzione della tensione di tutti i potenziali registrati è un'indicazione per l'adozione di ulteriori misure per proteggere il cervello dall'ischemia.

Esistono due modi fondamentalmente diversi per proteggere il cervello dall'ischemia: 1) preservazione del flusso sanguigno nel cervello mediante manovre interne o esterne con tubi sintetici o protesi per il periodo di S. a. Ricostruzione; 2) riduzione del consumo di ossigeno da parte dei tessuti cerebrali a causa di ipotermia locale. A tale scopo viene utilizzata l'ipotermia craniocerebrale (vedere l'ipotermia artificiale) utilizzando l'apparato "Cold-2f". Iniziano immediatamente dopo l'induzione, riducendo la temperatura a 30-31 ° nel canale uditivo esterno, che corrisponde a una temperatura del cervello di 28-29 °. Per il blocco della termoregolazione e la rimozione della vasocostrizione, oltre alla curarizzazione totale, il droperidolo viene somministrato in una dose di 2,5-5,0 mg. Nella fase di ricostruzione delle arterie, vengono anche prese misure per migliorare il flusso sanguigno e l'apporto di ossigeno al cervello a causa di moderata ipercapnia e ipertensione, ottenuta aumentando la pCO2 e riducendo la profondità dell'anestesia.

A causa del fatto che l'ipotermia porta ad un aumento significativo della viscosità del sangue e al deterioramento della perfusione tissutale, vengono eseguite trasfusioni di glucosio, reopolyglucine e poliglucina, ottenendo una riduzione dell'ematocrito al 30-35%. Dopo lo stadio principale dell'intervento chirurgico, il paziente viene riscaldato prima attraverso l'elmetto dell'apparecchio Cold 2f, quindi con aria calda utilizzando un asciugacapelli. Durante questo periodo, si presta attenzione alla correzione di un'eventuale acidosi metabolica (vedi) a causa dell'aumento del consumo di ossigeno da parte dei tessuti dovuto ad un aumento della temperatura corporea. Il riscaldamento attivo viene eseguito gradualmente fino a 36 °. L'ulteriore riscaldamento del paziente alla temperatura normale si verifica nell'unità di terapia intensiva. Durante questo periodo vengono effettuate la prevenzione della sindrome da ipertermia (vedi) e ipertensione cerebrospinale mediante somministrazione di suprastin e droperidolo. Se l'ipertensione persiste, nonostante l'uso di questi farmaci, la nitroglicerina sotto forma di un p-ra di alcool all'1% sotto la lingua, viene utilizzata approssimativamente 0,6 mg (4 gocce) per ridurre la pressione. Il livello di pressione arteriosa viene mantenuto in normotonia a livello preoperatorio e in pazienti ipertesi a livello di 150/90 - 160/95 mm Hg. Art.

Nelle operazioni protesiche, l'arteriotomia viene eseguita dopo che l'arteria è stata bloccata con morsetti atraumatici prossimali e distali rispetto all'area patologicamente alterata. Arteriotomia S. e. può essere longitudinale (il più delle volte), incrociato o inclinato a seconda del carattere patol. processo e scopo dell'operazione. La dimensione dell'incisione dell'arteria dipende dal volume atteso dell'intervento intravascolare. Il più spesso l'intervento chirurgico su S. e. eseguire con stenosi aterosclerotica o completa occlusione. Il più delle volte con questa patologia produce ectomi da focolaio - trombendarterectomia (vedi Aterosclerosi, trattamento chirurgico delle lesioni occlusive, trombectomia). L'arteriotomia longitudinale viene eseguita nel sito di costrizione e la placca aterosclerotica viene rimossa insieme al rivestimento interno modificato del vaso. Allo stesso tempo, viene data grande importanza alla prevenzione dell'involucro del rivestimento interno distinto del vaso nell'estremità distale della ferita. A tal fine, dopo aver attraversato il guscio interno nella direzione trasversale, viene fissato con punti di sutura agli strati rimanenti della parete del vaso. Se il diametro è S. e. nella zona dell'intro-trombectomia è abbastanza grande, l'incisione dell'arteria è cucita con una cucitura laterale (vedi sutura vascolare). Altrimenti, al fine di evitare il restringimento dell'incisione, C. e. chiuso con un cerotto di autowen o protesi vascolare.

Nei casi in cui l'aterosclerosi con calcificazione porta alla completa distruzione della parete arteriosa, è preferibile resecare il sito stenotico con successive protesi autovene della parte remota della nave, perché con l'uso di protesi vascolari sintetiche si osservano più spesso complicanze (trombosi protesica, suppurazione seguita da arrucone sanguinamento e cosiddetta repulsione della protesi). Poiché il materiale plastico di solito utilizza l'area della grande vena safena della gamba.

A una arterite non specifica di S. e. Quando patol. il processo copre tutti gli strati della parete arteriosa e non è possibile eseguire l'intervento dell'intro-trombectomia, la deviazione autovena a bypass costante è considerata la più preferibile e sicura (vedi lo smistamento dei vasi sanguigni). Per successo il funzionamento dello shunt anastomoz prossimale di un'arteria e autogenesis impongono nel posto che non è colpito patol. processo. Anastomosi distale di autovie da C. e. spesso fine alla fine. Se per la ricostruzione di S. e. viene applicata una protesi vascolare artificiale, deve essere prestata particolare attenzione alla completezza dell'emostasi e al drenaggio della ferita per prevenire la formazione di ematomi para-protesici, la segatura può essere la causa di infiltrati e suppurazioni infiammatorie.

In oltre il 30% delle operazioni, ripristinare il flusso sanguigno principale in S. a. risulta essere impossibile. In questi casi, ci si deve limitare all'intervento migliorando la circolazione collaterale, - l'escissione del segmento dei S. interni e trombotici (obliterati). secondo Lerish. In alcuni casi, si raccomanda anche di eseguire una gangliectomia (vedi).

Negli ultimi anni, ci sono stati rapporti sull'uso del metodo di dilatazione interna dosata di reparti extracranici S. a. mediante puntura percutanea dell'arteria femorale secondo Seldinger (vedi metodo di Seldinger) e il successivo mantenimento di un catetere con un palloncino gonfiato alla sua estremità nel ramo dell'arco aortico sotto la televisione a raggi X: controllo (vedi chirurgia endovascolare a raggi X). Il principale vantaggio di questo metodo è la capacità di evitare un intervento chirurgico in pazienti ad alto rischio di chirurgia (età avanzata, presenza di malattie gravi e concomitanti).

Le complicazioni più frequenti che si alzano durante operazioni su S. e., Sviluppo di arresto cordiaco e hypotension arterioso sono (vedi. Hypotension arterioso). Il trattamento dell'insufficienza cardiaca (vedi) viene effettuato con glicosidi cardiaci, farmaci diuretici, piccole dosi di nitroglicerina, a volte in combinazione con izadrina (isoproterenolo) o dopamina, secondo le indicazioni di respirazione artificiale (vedere respirazione artificiale) con pressione positiva alla fine dell'espirazione. La complicanza più grave è l'aspetto o l'approfondimento nel periodo postoperatorio del nevrolo. sintomi dovuti a ischemia cerebrale, embolia o trombosi vascolare (vedi Stroke). Interventi ripetuti in caso di trombosi o embolia portano spesso a una regressione completa del neurolo. sintomi. In caso di ischemia cerebrale nel periodo postoperatorio, tutti gli sforzi dovrebbero essere diretti alla prevenzione e al trattamento dell'edema cerebrale (vedere edema cerebrale e gonfiore del cervello). Risultati incoraggianti sono ottenuti attraverso l'uso dell'ossigenazione iperbarica (vedi).

Bibliografia: Walker F. I. Lo sviluppo di organi nell'uomo dopo la nascita, M., 1951; Darbinyan TM M. Anestesia moderna e ipotermia in chirurgia di difetti cardiaci congeniti, M., 1964, bibliogr.; Long-Saburov B. A. Anastomosi e percorsi della circolazione circolatoria nell'uomo, L., 1956; Knyazev, MD, Gvenetadze, N.S. e I.Nyushin, I.I., Chirurgia per il danno occlusivo alla testa del cervello brachiale, Vestn. hir., t. 114, n. 5, p. 24, 1975; Novikov I.I. Lo sviluppo dell'innervazione dell'arteria carotide comune nell'uomo, nel libro: Vopr. Morphol. Periferiche. nervoso. sistemi, ed. D.M. Golub, c. 4, s. 159, Minsk, 1958, bibliogr. Petrovsky B.V., Belichenko I.A. e Krylov V.S. Chirurgia di rami di arco aortico, M., 1970; Pokrovsky AV Malattie dell'aorta e dei suoi rami, M., 1979, bibliogr.; A. A. Smirnov. Carotid Reflexogenic Zone, L., 1945; Schmidt, E.V., et al. Lesioni occlusive delle principali arterie della testa e il loro trattamento chirurgico, Chirurgia, n. 8, p. 3, 1973; Andersen, S. A., Collins G. J. a. Rich N. M. Arteriografia operatoria di routine durante endoarterectomia carotidea, Chirurgia, v. 83, p. 67, 1978; Boyd J. D. a. o. Libro di testo di anatomia umana, p. 288, L., 1956; Brant h waite M. A. Prevenzione dei danni neurologici durante un intervento a cuore aperto, Thorax, v. 30, p. 258, 1975; Cooley D. A., Al-NaamanY.D. a. Cartone C. A. Trattamento chirurgico dell'occlusione arteriosclerotica dell'arteria carotide comune, J. Neurosurg., V. 13, p. 500, 1956; D e B a k e per M. E. a. o. Considerazioni chirurgiche delle arterie carotidi, succlavia e vertebrali, Ann. Surg., V. 149, p. 690, 1959; Hafferl A. Lehrbuch der topogra-phischen Anatomie, V. a. o., 1957; Grant J.C. B. Un atlante di anatomia, p. 401 a. o., Baltimora, 1956; Grunt-z i g A. a. D. D. Tecnica dell'angioplastica percutanea transluminale con il palloncino Griintzig, Amer. J. Roentgenol., V. 132, p. 547, 1979; K a r o m in A.M. A. o. Arteria carotide, Amer. J. Surg., V. 136, p. 176, 1978; McCollum C. H. a. o. Aneurismi dell'arteria carotide extracranica, ibid., V. 137, p. 196, 1979; Morris G.C. a. o. Gestione della coesistente carotide e dell'arteria occlusiva dell'arteria coronaria, Quart. CLEV. Clin., V. 45, p. 125, 1978; N o v e 1 1 i n e A. Angioplastica transluminale percutanea, Applicazioni più recenti, Amer. J. Roentgenol., V. 135, p. 983, 1980; Stanton P. E., McCluskyD. H. a. L. A. A. Valutazione emodinamica dell'arteria carotide interna, Chirurgia, v. 84, p. 793, 1978; Woodcock J.P. Metodi ultrasonici specializzati per la valutazione e l'imaging della malattia arteriosa sistemica, Brit. J. Anaesth., V. 53, p. 719, 1981.


M. D. Knyazev; H. V. Krylov (an., Emb.), M. H. Seleznev (anest.).

Per Saperne Di Più I Vasi