Aneurisma vascolare cerebrale

L'aneurisma dei vasi cerebrali è un'espansione locale limitata di uno o più vasi intracerebrali, caratterizzata da un rapido aumento progressivo delle dimensioni e dalla tendenza a formare strati trombotici intraluminali.

Quando una persona ha un'espansione locale della nave venosa, accompagnata da insufficiente apporto di sangue cerebrale e manifestata da mal di testa, parestesia, aumento della prontezza convulsiva e ridotta funzione motoria, viene stabilita la diagnosi di aneurisma artero-venoso. Sotto l'aneurisma artero-venoso, viene considerata una protrusione locale della parete vascolare di un vaso sanguigno di tipo arterioso di forma sferica o fusoria.

La dilatazione aneurismatica dei vasi cerebrali, che ha rotto o segregato le pareti dei vasi, è la causa più comune della formazione di segni di emorragia subaracnoidea di natura non traumatica.

Cause di aneurisma cerebrale

In una situazione in cui un bambino ha una struttura anormale o una posizione della parete vascolare, si sviluppa un aneurisma dei vasi cerebrali, che nella maggior parte dei casi è combinato con altre anomalie vascolari congenite (coartazione aortica, malformazione artero-venosa). Gli aneurismi dei vasi cerebrali di genesi congenita si distinguono per un decorso favorevole e un basso rischio di sviluppare complicazioni sotto forma di rottura e stratificazione dell'espansione aneurismatica. Vi sono prove che la natura innata dell'aneurisma cerebrale è spesso causata dalla determinazione genetica.

La forma acquisita di aneurisma cerebrale è più spesso formata sullo sfondo di un danno traumatico alla parete vascolare, che si verifica in gravi lesioni alla testa. Inoltre, la lesione vascolare aterosclerotica può provocare lo sviluppo di estensioni delle pareti vascolari aneurismatiche.

Nella pratica neurologica, viene utilizzata una forma nosologica separata di aneurisma cerebrale chiamata "micotico", la cui base è basata sulla sconfitta della parete vascolare con emboli infettivi. Oltre agli effetti traumatici diretti sulla parete vascolare, i disturbi emodinamici sotto forma di ipertensione arteriosa sistemica e irregolarità del flusso sanguigno sono di grande importanza nello sviluppo dell'aneurisma.

I fattori predisponenti che non provocano in modo indipendente la formazione di aneurisma, ma contribuiscono allo sviluppo di disturbi intraluminali emodinamici, includono un aumento sistematico degli indicatori della pressione sanguigna, nonché cambiamenti nella parete del vaso sotto l'influenza della nicotina durante il fumo prolungato.

La patogenesi dello sviluppo di aneurisma cerebrale si sviluppa a causa di sottosviluppo o danno meccanico a uno o tutti gli strati della parete vascolare e manifesta cambiamenti distrofici, assottigliamento e perdita di elasticità della parete vascolare nell'area interessata. Come risultato di questi cambiamenti, si creano le condizioni per la protrusione locale, che si sviluppa sotto l'influenza di alta pressione sanguigna circolante, e poiché il gradiente di pressione è massimo nella proiezione della ramificazione del vaso, questo segmento della nave è più spesso interessato.

Nonostante il fatto che l'espansione aneurismatica possa essere formata praticamente su qualsiasi parte della parete vascolare, la localizzazione preferita di questa patologia è il luogo della biforcazione vascolare, cioè l'area in cui i vasi più grandi sono divisi in piccoli rami.

Attualmente, c'è stato un aumento nell'incidenza di aneurisma cerebrale, e questa tendenza è spiegata dall'uso di avanzate tecniche di imaging preciso che consentono di verificare in modo affidabile la diagnosi anche in uno stadio precoce della malattia.

Sintomi di aneurisma cerebrale

A seconda della prevalenza di alcune manifestazioni, nonché della natura della progressione della malattia, la variante apoplessia e tumorale del corso è divisa. Un aneurisma tumorale dei vasi cerebrali è caratterizzato da un progressivo aumento delle dimensioni dell'espansione aneurismatica, talvolta a dimensioni gigantesche. Le manifestazioni cliniche sotto forma di sintomi neurologici si sviluppano a seguito dell'effetto di compressione dell'aneurisma su determinate strutture del cervello. L'aneurisma tumorale di vasi cerebrali quasi nel cento percento dei casi provoca lo sviluppo di manifestazioni di ipertensione endocranica.

Gli aneurismi, localizzati nel seno cavernoso, per raggiungere grandi dimensioni provocano lo sviluppo di disturbi oculomotori e danni al nervo trigemino con dolore severo e sensibilità alterata. Con un decorso prolungato di aneurisma del tumore, si possono sviluppare alterazioni ossee distruttive nel cranio, riconosciute dall'esame a raggi X. Va tenuto presente che in caso di aneurisma localizzato nel seno cavernoso, lo sviluppo di emorragia intracavitaria è impossibile, anche quando si rompono, a causa della loro posizione extradurale.

Un sintomo specifico che accompagna il corso dell'aneurisma, localizzato nella proiezione dell'arteria carotide interna con la sua localizzazione nella parte sopraclinica, è la lesione selettiva del nervo oculomotore, che si manifesta nella sindrome del dolore marcato nella proiezione della regione orbitaria.

Con la localizzazione dell'espansione aneurismatica nella proiezione del ramo anteriore dell'arteria cerebrale si sviluppano gravi disturbi psico-neurologici sotto forma di paresi, disturbi del linguaggio e tutti i tipi di sensibilità. La localizzazione dell'aneurisma nell'area delle arterie del segmento vertebro-basilare si manifesta nella forma dello sviluppo di disartria, disfagia, nistagmo, atassia e sindromi alternate. In una situazione in cui un paziente ha sviluppato più espansioni aneurismatiche nei vasi cerebrali, la specificità delle manifestazioni cliniche dipende da dove si è verificata la rottura della parete vascolare.

Quando l'aneurisma si rompe, si osserva un aumento simile a un fulmine nei sintomi clinici, nella cui struttura prevale la sindrome del dolore pronunciato, che inizialmente è limitata in base alla proiezione della posizione dell'aneurisma e in seguito diventa comune. I segni che indicano lo sviluppo di emorragia subaracnoidea, come complicazione della rottura di aneurisma dei vasi cerebrali, sono nausea e ripetuti episodi di vomito, che non ha alcun collegamento con l'assunzione di cibo, la comparsa di sintomi meningei positivi e torcicollo, una tendenza ad aumentare la prontezza convulsiva.

Un "compagno clinico" caratteristico di un aneurisma rotto di vasi cerebrali è una compromissione della coscienza di gravità variabile da una sincope a breve termine al coma. Molti pazienti prima dell'inizio dell'emorragia subaracnoidea a causa della rottura dell'aneurisma del vaso cerebrale, avvertono un prolungato dolore diffuso di natura dolorante nella testa.

A causa del fatto che quando la parete vascolare si rompe nella proiezione dell'aneurisma, si osserva uno spasmo compensatorio delle arterie nella proiezione dell'area interessata, si creano le condizioni per lo sviluppo dell'ictus ischemico, che è almeno il 60% dei casi. In una situazione in cui la rottura dell'aneurisma non provoca una emorragia subaracnoidea, ma intracerebrale, i sintomi neurologici focali, che rendono le condizioni del paziente molto peggiori e possono essere fatali, verranno alla ribalta come manifestazioni cliniche.

Quando si utilizzano varie tecniche di imaging strumentale, in particolare l'angiografia, nella maggior parte dei casi è possibile determinare non solo la dimensione, ma anche la forma patologica dell'aneurisma (sacciforme, laterale, a forma di fuso). La variante patologica più comune dell'aneurisma è sacculare, che ha una forma arrotondata e un collo stretto, con il quale è attaccato alla nave principale. La variante laterale dell'aneurisma è visualizzata come un rigonfiamento simile a un tumore della parete vascolare, e la forma del fuso è un'espansione locale della nave.

Una delle varianti patologiche dell'aneurisma diventa altrettanto spesso la causa della rottura e dello sviluppo di emorragia intracerebrale o subaracnoidea, quindi il criterio fondamentale è quello di determinare non la forma, ma la dimensione dell'aneurisma. La dimensione critica dell'aneurisma è di raggiungere 25 mm, che è un'indicazione assoluta per l'intervento chirurgico. In una situazione in cui una persona ha controindicazioni all'uso dell'angiografia, come il metodo più affidabile per la verifica dell'aneurisma, dovrebbe essere utilizzata la risonanza magnetica o la risonanza magnetica.

In una situazione in cui un paziente ha tutti i segni clinici di un aneurisma rotto di un vaso cerebrale, è necessario analizzare il fluido cerebrospinale per la presenza di sangue, che è il principale marker diagnostico dell'emorragia intracerebrale.

Trattamento dell'aneurisma cerebrale

Se viene rilevata una variante patologica dell'aneurisma dei vasi cerebrali, il compito principale del medico curante è determinare le tattiche di gestione del paziente e la quantità di cure mediche necessarie. La stragrande maggioranza dei casi di rilevamento dell'aneurisma non richiede l'uso di trattamenti specifici e richiede solo l'osservazione strumentale dinamica. Tuttavia, ci sono indicazioni assolute per l'uso del trattamento chirurgico di emergenza mediante ritaglio o embolizzazione, e tali condizioni includono la rottura dell'aneurisma dei vasi cerebrali e lo sviluppo di segni di emorragia subaracnoidea. In questa situazione, uno dei vantaggi operativi deve essere applicato entro e non oltre 72 ore dal momento della rottura.

I pazienti con grave aneurisma cerebrale, con segni di una grave compromissione della coscienza, non sono soggetti a trattamento chirurgico, ma hanno bisogno di una precedente correzione medica dei disturbi neurologici. Eppure, l'unico metodo efficace per il drenaggio ventricolare del cervello, seguito dall'occlusione del vaso aneurismatico, è chirurgico e, per danni massicci al tessuto cerebrale, è preferibile utilizzare micro-coil anziché clip.

L'osservazione dinamica degli aneurismi cerebrali cerebrali comporta un passaggio annuale pianificato dell'esame strumentale, che non dovrebbe essere contrassegnato dall'aumento dei parametri dell'aneurisma. Il trattamento chirurgico è consigliabile per raccomandare ai pazienti nei quali l'aneurisma è di dimensioni critiche in combinazione con i segni clinici.

Il trattamento conservativo sintomatico prevede l'uso di antiemetici (Reglan alla dose giornaliera di 30 mg), farmaci antipertensivi (Enalapril alla dose di 10 mg), calcio antagonisti (Phenigidine 10 mg al giorno per via orale). Questi farmaci sono usati per alleviare le condizioni del paziente e ridurre i disturbi emodinamici, ma non sono usati per trattare l'aneurisma.

Operazione di aneurisma vascolare cerebrale

L'intervento chirurgico per l'eliminazione dell'espansione aneurismatica del vaso cerebrale può essere eseguito solo in un reparto neurochirurgico specializzato. L'accesso operativo in questa situazione è craniotomia eseguita in anestesia generale. L'intervento chirurgico diretto prevede l'esecuzione di procedure chirurgiche nella proiezione dell'aneurisma attraverso il foro di trapanazione nella volta cranica. Il metodo di ritaglio dell'aneurisma implica l'imposizione di una clip permanente, costituita da un materiale di natura non-magnetica, sul collo dell'aneurisma, bloccando in tal modo il flusso sanguigno nel suo lume. In una situazione in cui non è possibile isolare in modo affidabile il collo dell'aneurisma, la sovrapposizione della clip viene effettuata sulla nave prima e dopo l'espansione aneurismatica. Inoltre, le possibilità delle tecniche microchirurgiche consentono di asportare completamente l'aneurisma e imporre una anastomosi tra i vasi. In alcune situazioni, il ritaglio dell'aneurisma è combinato con il rafforzamento della parete vascolare con l'aiuto di una speciale garza medica, ma questo manuale operativo può provocare lo sviluppo di sanguinamento nel primo periodo postoperatorio, che ne limita l'uso.

La differenza nell'embolizzazione endovascolare, come intervento microchirurgico, è che per eseguirlo non è necessario introdurre il paziente in anestesia generale, e solo l'uso di sedativi è sufficiente, poiché durante la manipolazione è necessario valutare lo stato neurologico del paziente. L'embolizzazione viene effettuata introducendo un catetere in un vaso modificato sotto il controllo obbligatorio dell'angiografia seguito dall'introduzione di microspirali nell'aneurisma, in tal modo disattivando la parte alterata del vaso dal flusso sanguigno generale. Come per qualsiasi intervento chirurgico, esiste un'ambito specifico per l'embolizzazione: il diametro del collo dell'espansione aneurismatica, non superiore a 4 mm, emorragia subaracnoidea nel periodo acuto con gravi patologie croniche esistenti nel paziente, che limitano l'uso della chirurgia diretta.

Il fattore limitante in relazione all'uso della classica embolizzazione endovascolare dell'aneurisma è l'eccessiva tortuosità della nave, che rende difficile l'inserimento di un catetere. In questa situazione, i neurochirurghi utilizzano fondi aggiuntivi sotto forma di uno stent o palloncino intracranico, che consente di espandere il lume del vaso e facilitare il movimento del catetere.

Nel tardo periodo postoperatorio dopo l'applicazione dell'embolizzazione endovascolare, si può sviluppare un aneurisma cerebrale ricorrente, causato dalla compressione del microspirale nell'aneurisma per ipertensione, che porta ulteriormente alla ricanalizzazione dell'aneurisma. In questa situazione, il paziente deve essere diagnosticato nuovamente l'aneurisma cerebrale con l'ulteriore decisione del problema e l'applicazione di un'altra procedura di embolizzazione.

Per prevenire una possibile ricanalizzazione dell'aneurisma nel tardo periodo postoperatorio, vengono attualmente utilizzate microspirali, impregnate di una sostanza speciale che forma la massa di collagene al contatto con l'endotelio della parete vascolare, che assicura una chiusura stretta del lume dell'aneurisma.

Conseguenze dell'aneurisma cerebrale

La prognosi dell'aneurisma cerebrale dipende soprattutto dai parametri metrici dell'espansione della nave. Pertanto, le dimensioni ridotte dell'aneurisma non provocano quasi mai lo sviluppo di complicazioni sotto forma di emorragie, mentre il grande aneurisma è considerato una condizione patologica estremamente sfavorevole che richiede un trattamento immediato.

Va tenuto presente che anche il successo della rimozione di un aneurisma cerebrale nel periodo post-operatorio tardivo e tardivo può essere accompagnato dallo sviluppo di complicazioni come recidiva della malattia o sanguinamento. Numerosi studi randomizzati sulla tattica di gestione dei pazienti con aneurisma cerebrale inesploso hanno confermato l'inopportunità di utilizzare l'intervento chirurgico in pazienti che non hanno segni di rottura a causa dell'alta percentuale di complicanze nel periodo postoperatorio.

Anche tale manipolazione non invasiva come l'embolizzazione endovascolare è associata alla possibilità di gravi complicazioni nel paziente, specialmente in caso di violazioni della sua tecnica (reazione allergica all'introduzione di un mezzo di contrasto, perforazione della parete vascolare, tromboembolia). Tuttavia, la più pericolosa è la rottura intraoperatoria dell'aneurisma stesso al momento dell'inserimento del catetere o dell'instaurarsi del microspirale, che nel 40% provoca un risultato dettagliato.

La riabilitazione dopo aneurisma di vasi cerebrali sottoposti a trattamento chirurgico richiede diversi giorni se il metodo di embolizzazione è stato utilizzato, dopo di che il paziente ha un pieno recupero della capacità di lavoro. Attualmente, non esistono metodi efficaci di prevenzione primaria dell'aneurisma, tuttavia, i pazienti con aneurisma cerebrale esistente dovrebbero seguire le raccomandazioni del medico curante per prevenire la progressione della malattia e lo sviluppo di complicanze.

Aneurisma dei vasi cerebrali - quale medico aiuterà? In presenza o sospetto di sviluppo di un aneurisma di vasi cerebrali dovrebbe immediatamente chiedere consiglio a tali specialisti come un neuropatologo, un neurochirurgo.

Aneurisma vascolare cerebrale: sintomi e trattamento

Aneurisma di vasi cerebrali - i sintomi principali:

  • Sonitus
  • mal di testa
  • debolezza
  • convulsioni
  • vertigini
  • Comprensione della parola
  • Coordinamento del movimento
  • Dolore agli occhi
  • Doppi occhi
  • Intorpidimento facciale
  • preoccuparsi
  • fotofobia
  • Perdita dell'udito
  • Visione ridotta
  • Disturbi urinari
  • ansia
  • Paralisi dei muscoli facciali su un lato
  • Sensibilità al rumore
  • Aumentare una pupilla

L'aneurisma dei vasi cerebrali (chiamato anche aneurisma intracranico) è rappresentato come una piccola formazione anormale nei vasi del cervello. Questo sigillo può aumentare attivamente a causa del riempimento di sangue. Prima della sua rottura, tale rigonfiamento non comporta alcun pericolo o danno. Esercita solo una leggera pressione sui tessuti dell'organo.

Quando un aneurisma irrompe, il sangue entra nel tessuto cerebrale. Questo processo ha un nome - emorragia. Non tutti gli aneurismi possono essere complicati dall'emorragia, ma solo alcuni dei suoi tipi. Inoltre, se il rigonfiamento patologico è di dimensioni piuttosto piccole, di solito non provoca alcun danno.

Gli aneurismi possono verificarsi ovunque nei vasi sanguigni che alimentano il cervello. L'età di una persona non ha importanza. Ma vale la pena notare che le persone di mezza età e gli anziani sono più spesso colpiti dalla malattia, i bambini vengono diagnosticati molto raramente. I medici dicono che un tumore in una nave cerebrale appare negli uomini meno spesso che nelle donne. Frequentemente, le persone dai trenta ai sessant'anni sono a rischio.

La rottura dell'aneurisma dei vasi cerebrali diventa un "terreno fertile" per ictus, danni al SNC o conseguenze più disastrose. È interessante notare che dopo una pausa, una tale formazione patologica può apparire e scoppiare di nuovo.

eziologia

Oggi gli scienziati non hanno completamente chiarito i fattori della comparsa di aneurismi nei vasi cerebrali. Ma quasi tutte le "menti brillanti" concordano sul fatto che i fattori di occorrenza possono essere:

  • naturale - che include anomalie genetiche nella formazione di fibre vascolari nel cervello e altri processi anormali che possono indebolire le pareti dei vasi sanguigni. Tutto ciò può portare alla comparsa di tumori;
  • acquisita è. Ci sono molti di questi fattori. Si tratta principalmente di lesioni cerebrali traumatiche. Spesso, gli aneurismi si verificano dopo gravi infezioni o malattie che influenzano negativamente lo stato delle pareti vascolari che alimentano il cervello.

Molti clinici ritengono che l'ereditarietà sia la causa più comune di aneurisma cerebrale.

Raramente, le cause della formazione nei vasi cerebrali possono essere:

  • lesione alla testa;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • infezioni o tumori;
  • accumulo di colesterolo sulle pareti dei vasi cerebrali;
  • dipendenza dalla nicotina;
  • uso di droghe casuali;
  • esposizione umana.

specie

Esistono diversi tipi di aneurismi cerebrali, che possono variare in base a molti fattori.

Nella forma sono:

  • sacculare. Sulla base del nome, sembra una piccola borsa piena di sangue che è collegata a un'arteria nel cervello. Il tipo più comune di aneurisma negli adulti. Può essere a camera singola o può essere costituito da più telecamere;
  • lato. È un tumore localizzato direttamente sulla parete del vaso;
  • affusolato. Si verifica a causa dell'espansione del muro del vaso in una certa parte di esso.

Le dimensioni dell'aneurisma sono:

  • miliario - non raggiungere i tre millimetri;
  • piccolo - fino a dieci millimetri;
  • dimensione media - fino a quindici millimetri;
  • grande - da sedici a venticinque millimetri;
  • molto grande - più di venticinque millimetri.

Secondo il luogo di origine, gli aneurismi si distinguono:

  • arteria anteriore del cervello;
  • arteria cerebrale media;
  • all'interno dell'arteria carotide;
  • sistema vertebro-basilare.

sintomi

L'aneurisma di vasi cerebrali di piccoli volumi appare e procede senza sintomi. Ma questo è esattamente fino al momento in cui l'istruzione inizia a crescere di dimensioni e fa pressione sui vasi (fino alla sua completa rottura). Aneurismi di media grandezza (che non cambiano di dimensioni) non causano disagio e non provocano sintomi pronunciati. Formazioni di grandi dimensioni in costante crescita esercitano una forte pressione sui tessuti e sui nervi del cervello, provocando la manifestazione di un quadro clinico vivido.

Ma i sintomi più vividi si manifestano in aneurisma di vasi cerebrali di grandi dimensioni (indipendentemente dal luogo di formazione). sintomi:

  • dolore negli occhi;
  • ipovisione;
  • faccia viziata;
  • perdita dell'udito;
  • un aumento di un solo allievo;
  • rigidità dei muscoli del viso, non solo di tutto, ma da un lato;
  • mal di testa;
  • convulsioni (con aneurismi giganti).

I sintomi che precedono spesso una rottura:

  • visione doppia guardando oggetti o persone;
  • forti capogiri;
  • tinnito;
  • violazione delle attività linguistiche;
  • desensibilizzazione e debolezza.

I sintomi che indicano un'emorragia si sono verificati:

  • dolore acuto e intenso alla testa che non può essere tollerato;
  • maggiore percezione della luce e del rumore;
  • i muscoli degli arti su un lato del corpo si paralizzano;
  • cambiamento dello stato mentale (ansia, ansia, ecc.);
  • diminuire o completare la perdita di coordinamento;
  • violazione del processo di emissione di urina;
  • coma (solo in forma grave).

complicazioni

In molti casi, un aneurisma può non manifestarsi e una persona vive con esso per molti anni senza nemmeno sapere della sua presenza. Anche il momento esatto in cui le rotture dell'aneurisma non sono possibili, le complicazioni derivanti dalla sua distruzione possono essere gravi.

La morte è osservata in quasi la metà dei casi clinici, se si è verificata un'emorragia. Circa un quarto di quelli con un aneurisma sono diventati disabili per tutta la vita. E solo un quinto delle persone che hanno subito la rottura di un aneurisma può rimanere normodotato. Le complicanze dell'aneurisma sono le seguenti:

  • ictus;
  • idrocefalo;
  • danno cerebrale irreversibile;
  • gonfiore del cervello;
  • disturbi del linguaggio e del movimento;
  • può verificarsi epilessia;
  • riduzione o cessazione dell'afflusso di sangue a determinate aree del cervello, che porterà all'ischemia dei suoi tessuti;
  • condizione aggressiva costante del paziente.

diagnostica

Molto raramente, più spesso nel caso di ispezione di routine o diagnosi di altre malattie, è possibile rilevare tale tumore prima che si rompa. Le misure diagnostiche sono spesso utilizzate dopo la rottura dell'aneurisma. Metodi di diagnosi:

  • Angiografia: raggi X con contrasto, consente di vedere l'intero cervello nella foto e quindi considerare dove l'educazione è localizzata;
  • TAC del cervello - determina in quale parte del cervello vi era uno spazio e il numero di tessuti e vasi interessati;
  • Angiografia TC - una combinazione dei due metodi sopra;
  • MRI cerebrale: mostra un'immagine più accurata delle navi;
  • ECG;
  • assunzione di fluido situato tra il midollo spinale e le membrane che lo circondano.

Oltre all'esame dell'hardware, viene effettuata un'indagine dettagliata del paziente per determinare i principali sintomi, le ansietà della persona, la presenza di ulteriori lesioni o malattie, ecc. Dopodiché, il medico effettuerà un esame completo del paziente e lo indirizzerà a fare degli esami.

trattamento

Al giorno d'oggi, il metodo più efficace di trattamento dell'aneurisma è l'intervento operabile. I metodi di trattamento farmacologico sono effettuati solo per la prevenzione e la stabilizzazione del paziente, perché i farmaci non distruggono l'aneurisma, ma riducono solo il rischio di rottura.

Nella medicina moderna, ci sono diverse operazioni volte ad eliminare gli aneurismi dal cervello.

Metodi di trattamento operabile:

  • craniotomia e ritaglio dell'aneurisma cerebrale. L'intervento consiste nell'aprire il cranio e nel posizionare il morsetto sul collo della formazione, che manterrà intatta la formazione e non permetterà che scoppi. Dopo aver regolato il morsetto, l'aneurisma muore e viene sostituito dal tessuto rigenerativo;
  • intervento endovascolare. È effettuato nel mezzo delle navi, in modo che fosse possibile arrivare all'aneurisma dall'interno. L'operazione viene eseguita attraverso l'osservazione sulla macchina a raggi X. Quando il medico raggiunge il catetere nel luogo con l'aneurisma, entra nella spirale lì, che porterà alla sua morte. Questo metodo può essere utilizzato dopo la rottura dell'aneurisma.

Prima della rottura dell'aneurisma e con le sue piccole dimensioni, solo il paziente decide come eseguire il trattamento, sia che si tratti di un intervento chirurgico o meno. La decisione dovrebbe essere basata solo su consiglio di un medico che fornirà informazioni dettagliate sui possibili esiti dell'operazione o sul rifiuto di esso.

L'auto-trattamento per l'aneurisma cerebrale è proibito.

prevenzione

I metodi preventivi per prevenire lo sviluppo di aneurisma e la sua rottura sono ridotti alla rimozione tempestiva di questa formazione. La prevenzione è volta a ridurre il rischio di sviluppare una sacca di sangue nei vasi del cervello. Le misure preventive consistono in:

  • completa cessazione del fumo e dell'alcool;
  • controllo della pressione sanguigna;
  • permanente nat. esercizi e carichi;
  • evitamento di sport traumatici;
  • sottoporsi periodicamente ad un esame completo da parte di un medico;
  • assunzione di farmaci prescritti da un medico.

La prevenzione può essere effettuata con metodi popolari. I mezzi più efficaci sono:

  • succo fresco dal succo di barbabietola;
  • tintura di caprifoglio;
  • decozione della buccia di patate;
  • radice di valeriana;
  • bevanda di farina di mais;
  • decotto di ribes nero;
  • infusioni di motherwort e immortelle.

Non è necessario effettuare la prevenzione solo con metodi popolari e, soprattutto, dare loro la preferenza. Saranno utili solo in combinazione con farmaci.

Affinché l'aneurisma non si formi di nuovo, è necessario eseguire semplici azioni:

  • monitorare la pressione sanguigna;
  • attenersi a una dieta;
  • sottoporsi regolarmente a visita medica e assumere farmaci prescritti.

Se pensi di avere un aneurisma di vasi cerebrali e i sintomi caratteristici di questa malattia, allora i medici possono aiutarti: chirurgo vascolare, neurologo.

Suggeriamo inoltre di utilizzare il nostro servizio di diagnostica online delle malattie, che seleziona le possibili malattie in base ai sintomi inseriti.

Il neuroma (Schwannoma, neurolemma) è un tumore benigno localizzato nei tessuti molli accessori con terminazioni nervose. Tuttavia, la formazione di questa natura tende a degenerare in una maligna, che è una minaccia diretta non più alla salute del paziente, ma alla vita.

L'emicrania è una malattia neurologica abbastanza comune, accompagnata da un forte mal di testa parossistico. L'emicrania, i cui sintomi sono in realtà dolori, concentrati da una metà della testa principalmente nella zona degli occhi, delle tempie e della fronte, nella nausea e in alcuni casi nel vomito, si verifica senza riferimento a tumori cerebrali, ictus e gravi lesioni alla testa, sebbene e può indicare la rilevanza dello sviluppo di determinate patologie.

Il cancro al cervello è una malattia, a seguito della progressione della quale si forma un tumore maligno nel cervello che germina nel suo tessuto. La patologia è molto pericolosa e nella maggior parte delle situazioni cliniche è fatale. Ma la vita del paziente può essere significativamente estesa se i primi segni della malattia vengono identificati in modo tempestivo e si può andare in un istituto medico per un trattamento complesso.

L'insulinoma è una neoplasia, che spesso ha un decorso benigno e si forma nel pancreas. Il tumore ha attività ormonale - fornisce la secrezione di insulina in grandi quantità. Ciò causa l'ipoglicemia.

Astrocitoma - un tumore maligno del tipo gliale, che è formato da cellule di astrociti. La localizzazione dei tumori intracerebrali può essere molto diversa - da un emisfero a danneggiare solo il tronco cerebrale, il nervo ottico e così via.

Con l'esercizio e la temperanza, la maggior parte delle persone può fare a meno della medicina.

Aneurisma dei vasi cerebrali: sintomi, cause, diagnosi, trattamento e prognosi

Dieci minuti prima della fine della performance, durante il monologo finale di Figaro, Andrei Mironov fece un passo indietro, appoggiò la mano sul gazebo e cominciò ad affondare... Il suo amico e compagno Alexander Shirvindt lo afferrò e lo portò dietro le quinte, gridando: "Sipario!". Andrei Mironov fu portato in un ospedale locale, dove morì due giorni dopo senza riprendere conoscenza... Morì a causa di un aneurisma rotto dei vasi cerebrali.

In Israele, l'aneurisma vascolare cerebrale può diagnosticare e guarire in modo affidabile. Lo so non solo dalla stampa e dai manuali medici.

Sono un medico di famiglia israeliano. Molti dei miei pazienti israeliani sono stati curati e completamente liberati dell'aneurisma.

Oggi questa malattia è curabile.

Contenuto di un articolo sull'aneurisma cerebrale

Cos'è un aneurisma cerebrale?

L'aneurisma vascolare cerebrale (altrimenti noto come aneurisma intracranico) è una piccola formazione sul vaso sanguigno cerebrale che cresce rapidamente di dimensioni e si riempie di sangue. La parte convessa dell'aneurisma può esercitare pressione sul nervo o sul tessuto circostante del cervello, ma la rottura dell'aneurisma rappresenta un pericolo particolare, in conseguenza del quale il sangue penetra nel tessuto cerebrale circostante (si parla di emorragia).

Alcuni tipi di aneurismi, in particolare quelli di dimensioni molto ridotte, non portano a emorragie o altre complicazioni. L'aneurisma dei vasi cerebrali può verificarsi in qualsiasi area del cervello, ma, di regola, si trova nel sito del ramo dell'arteria dall'arteria, tra la superficie inferiore del cervello e la base del cranio.

Quali sono le cause dell'aneurisma cerebrale?

L'aneurisma dei vasi cerebrali può essere causato da anomalie congenite delle pareti dei vasi sanguigni. Inoltre, un aneurisma intracranico si verifica in persone con alcune malattie genetiche, come: malattie del tessuto connettivo, malattia del rene policistico, alcuni disturbi circolatori, come malformazioni congenite artero-venose (plessi patologici delle arterie e vene del cervello che compromettono la circolazione).

Altre cause di aneurisma cerebrale includono lesioni alla testa o lesioni, ipertensione, infezioni, gonfiore, aterosclerosi (malattia vascolare accompagnata da deposito di colesterolo sulle pareti dei vasi sanguigni) e altre malattie del sistema vascolare, nonché: fumo e uso di droghe. Alcuni ricercatori ritengono che i contraccettivi orali possano aumentare il rischio di aneurisma.

L'aneurisma risultante da un'infezione si chiama aneurisma infetto (micotico). Gli aneurismi associati al cancro sono spesso associati a tumori primari o metastatici della testa e del collo. L'uso di stupefacenti, in particolare l'uso frequente di cocaina, può portare a danni ai vasi sanguigni e portare allo sviluppo di un aneurisma cerebrale.

Tipi di aneurismi

Vengono determinati tre tipi principali di aneurisma cerebrale.

L'aneurisma bagulare si presenta come un sacchetto di sangue arrotondato, attaccato dal collo o dalla base all'arteria o al ramo dei vasi sanguigni. Questa è la forma più comune di aneurisma cerebrale (noto anche come aneurisma a bacca, a causa della somiglianza esterna con la bacca che pende dallo stelo) che di solito si sviluppa nelle arterie della base del cervello. L'aneurisma bagulare si verifica più spesso negli adulti.

Un aneurisma laterale appare come un tumore su una delle pareti di un vaso sanguigno, e un aneurisma a forma di fuso si forma come risultato dell'espansione della parete del vaso in una delle sue sezioni.

Gli aneurismi sono anche classificati per taglia. I piccoli aneurismi hanno un diametro inferiore a 11 millimetri, gli aneurismi medi sono 11-25 millimetri e gli aneurismi giganti hanno un diametro superiore a 25 mm.

Chi è a rischio?

L'aneurisma dei vasi cerebrali può verificarsi a qualsiasi età. Questa malattia è più comune negli adulti che nei bambini ed è leggermente più comune nelle donne che negli uomini. Le persone con determinate malattie ereditarie sono a più alto rischio.

Il rischio di rottura ed emorragia nel cervello esiste per tutti i tipi di aneurisma cerebrale. Ci sono circa 10 rotture di aneurisma riportate ogni 100.000 persone all'anno, ovvero circa 27.000 persone all'anno negli Stati Uniti). Molto spesso, l'aneurisma colpisce persone di età compresa tra 30 e 60 anni.

L'ipertensione, l'abuso di alcol, la tossicodipendenza (in particolare l'uso di cocaina) e il fumo possono anche contribuire alla rottura degli aneurismi. Inoltre, le condizioni e le dimensioni dell'aneurisma influenzano anche il rischio di rottura.

Qual è il pericolo dell'aneurisma cerebrale?

Una rottura dell'aneurisma porta a sanguinamento nel cervello, causando gravi complicazioni, tra cui: ictus emorragico, danni al sistema nervoso o morte. Dopo la prima pausa, l'aneurisma può scoppiare ancora una volta con un'emorragia ripetuta nel cervello, possono anche svilupparsi nuovi aneurismi.

Molto spesso, una rottura porta a emorragia subaracnoidea (emorragia nella cavità tra l'osso cranico e il cervello). Una pericolosa conseguenza dell'emorragia subaracnoidea è l'idrocefalo, che è caratterizzato da un eccessivo accumulo di liquido cerebrospinale (CSF) nei ventricoli del cervello, che sotto la sua influenza espande ed esercita una pressione sul tessuto cerebrale.

Un'altra complicazione è il vasospasmo, in cui i vasi sanguigni si restringono, il che limita il flusso di sangue alle aree vitali del cervello. Una mancanza di afflusso di sangue può causare danni a ictus o tessuto.

Aneurisma dei vasi cerebrali: sintomi

Spesso, gli aneurismi vascolari cerebrali sono asintomatici, fino a quando non raggiungono una grande dimensione o si verifica una rottura. Un piccolo aneurisma che non cambia di dimensioni, di regola, non ha sintomi, mentre gli aneurismi grandi e in costante crescita possono esercitare pressione su tessuti e nervi.

I sintomi dell'aneurisma cerebrale sono: dolore nella zona degli occhi, intorpidimento, debolezza o paralisi di un lato del viso, pupille dilatate e visione offuscata.

Quando si rompe un aneurisma vascolare cerebrale, una persona può avere un mal di testa improvviso e molto grave, è possibile anche una doppia visione, nausea, vomito, torcicollo e perdita di coscienza. Le persone di solito descrivono questa condizione come "il peggior mal di testa nella loro vita", che, di norma, è caratterizzato da nitidezza e intensità. In alcuni casi, prima della rottura dell'aneurisma in un paziente, appaiono "segnali" o mal di testa di avvertimento, che durano per diversi giorni o addirittura settimane prima dell'attacco.

Altri sintomi di una rottura dell'aneurisma cerebrale comprendono nausea e vomito, accompagnati da forte mal di testa, abbassamento della palpebra, sensibilità alla luce, cambiamenti nello stato mentale o livello di ansia. Alcuni pazienti hanno convulsioni. È anche possibile la perdita di coscienza, e in rari casi - il coma.

Se soffre di mal di testa acuto, specialmente in combinazione con gli altri sintomi sopra menzionati, deve consultare immediatamente un medico.

Diagnosi di aneurisma cerebrale

Di regola, l'aneurisma non si manifesta fino a quando non si verifica una rottura. A volte si trova casualmente quando si esegue obsledovany associata ad altre malattie.

Alcuni metodi diagnostici possono fornire informazioni sull'aneurisma e il metodo di trattamento più appropriato. Questi esami sono di solito eseguiti dopo l'emorragia subaracnoidea per confermare la diagnosi di aneurisma dei vasi cerebrali.

L'angiografia è un esame radiologico dei vasi sanguigni che viene eseguito utilizzando mezzi di contrasto. L'angiografia intracerebrale può rivelare quanto restringono o distruggono le arterie oi vasi sanguigni del cervello, della testa o del collo e possono identificare i cambiamenti nell'arteria o nella vena, incluso il punto debole, cioè l'aneurisma.

Questo metodo viene utilizzato per diagnosticare i disturbi della circolazione cerebrale e consente inoltre di determinare con precisione la posizione, le dimensioni e la forma di un tumore cerebrale, di un aneurisma o di una nave rotta.

L'angiografia viene eseguita in stanze per radiografie appositamente attrezzate. Dopo l'introduzione di un anestetico locale, un catetere flessibile viene inserito nell'arteria e portato alla nave interessata. Una piccola quantità di sostanza radiopaca viene rilasciata nel flusso sanguigno e si diffonde attraverso i vasi della testa e del collo, dopo di che vengono prese diverse radiografie, con le quali è possibile diagnosticare aneurismi o altri disturbi circolatori.

La tomografia computerizzata (CT) della testa è un metodo diagnostico rapido, indolore e non invasivo mediante il quale è possibile rilevare la presenza di aneurisma dei vasi cerebrali e, per un aneurisma rotto, determinare se si è verificata un'emorragia cerebrale a seguito di una rottura. Di norma, questa è la prima procedura diagnostica prescritta da un medico se suggerisce la possibilità di rottura. I raggi X vengono elaborati da un computer come immagini bidimensionali di sezioni trasversali del cervello e del cranio. A volte gli agenti di contrasto vengono iniettati nel flusso sanguigno prima di eseguire una scansione TC. Questo processo, chiamato angiografia con tomografia computerizzata (angiografia CT), fornisce un'immagine più chiara e dettagliata dei vasi sanguigni del cervello. La tomografia computerizzata viene di solito eseguita in regime ambulatoriale, in laboratori specializzati o cliniche.

La risonanza magnetica (MRI) utilizza le onde radio del computer e un potente campo magnetico per ottenere un'immagine dettagliata del cervello e di altri organi. L'angiografia a risonanza magnetica (MRA) fornisce un'immagine ancora più dettagliata dei vasi sanguigni. Le immagini possono essere considerate come immagini tridimensionali o sezioni trasversali bidimensionali del cervello e dei vasi. Questa procedura indolore e non invasiva può mostrare le dimensioni e la forma di un aneurisma inesploso, oltre a determinare la presenza di emorragia nel cervello.

Se si sospetta un aneurisma rotto, il medico può riferire il paziente per un'analisi del liquido cerebrospinale. Dopo aver applicato un anestetico locale dallo spazio subaracnoideo tra il midollo spinale e le sue membrane circostanti, una piccola quantità di liquido cerebrospinale (che protegge il cervello e il midollo spinale) viene estratta utilizzando un ago chirurgico. Questo fluido viene quindi controllato per sanguinamento o sanguinamento nel cervello. Nelle persone con sospetta emorragia subaracnoidea, questa procedura viene solitamente eseguita in un ospedale.

Aneurisma dei vasi cerebrali: trattamento

Non tutti i casi di rottura dell'aneurisma. Si raccomanda ai pazienti con aneurismi di piccole dimensioni di monitorare continuamente la dinamica della crescita dell'aneurisma e lo sviluppo di ulteriori sintomi al fine di iniziare un trattamento intensivo nel tempo. Ogni caso di aneurisma è unico. Il tipo, la dimensione e la posizione dell'aneurisma, la probabilità della sua rottura, l'età della persona, il suo stato di salute, la storia della malattia, l'ereditarietà e il rischio associato al trattamento influenzano la scelta del metodo ottimale di trattamento dell'aneurisma.

Esistono due tipi di trattamento chirurgico degli aneurismi cerebrali: ritaglio dell'aneurisma e occlusione. Queste operazioni appartengono alla categoria delle operazioni più complesse e rischiose (probabilmente un danno ad altri vasi sanguigni, può verificarsi un aneurisma ripetuto, c'è anche il rischio di un attacco postoperatorio).

L'embolizzazione endovascolare è un'alternativa alla chirurgia. Questa procedura viene eseguita più di una volta durante la vita di una persona.

È possibile prevenire l'insorgenza di aneurisma cerebrale?

Ad oggi, la prevenzione dell'aneurisma non esiste. Le persone con diagnosi di aneurisma cerebrale dovrebbero monitorare attentamente la loro pressione, non fumare o usare cocaina o altri farmaci. Anche questi pazienti devono consultare il proprio medico per sapere se usare l'aspirina o altri fluidificanti del sangue. Le donne hanno bisogno di consultarsi sull'uso dei contraccettivi orali.

Conseguenze di aneurisma cerebrale e prognosi

Un aneurisma inesploso può passare inosservato per tutta la vita. Ci sono casi in cui la rottura dell'aneurisma può essere fatale, o causare ictus emorragico, vasospasmo (la principale causa di invalidità o morte a causa di rottura dell'aneurisma), idrocefalo, coma, nonché danni cerebrali temporanei o irreversibili.

La prognosi dopo la rottura dell'aneurisma dipende in gran parte dall'età, dalla salute generale della persona, da altre condizioni neurologiche associate, dalla posizione dell'aneurisma, dal grado di sanguinamento (e dal sanguinamento), nonché dal tempo trascorso dalla rottura alla fornitura di assistenza medica. I due fattori più importanti sono la diagnosi precoce e il trattamento.

I pazienti sottoposti a trattamento di un aneurisma inesploso richiederanno meno terapia di riabilitazione e si riprenderanno più velocemente di quelli che hanno avuto una rottura di aneurisma. Il recupero dal trattamento o dalla rottura può richiedere da alcune settimane a mesi.

Aneurisma di vasi cerebrali

Aneurismi dei vasi cerebrali sono anormali protrusioni locali delle pareti dei vasi arteriosi del cervello. In un decorso simile a un tumore, l'aneurisma vascolare cerebrale imita la clinica di una lesione di massa con danni ai nervi ottici, trigeminali e oculomotori. Nel decorso apopossico, l'aneurisma vascolare cerebrale si manifesta con sintomi di emorragia subaracnoidea o intracerebrale, che improvvisamente appaiono come risultato della sua rottura. L'aneurisma dei vasi cerebrali viene diagnosticato sulla base di anamnesi, esame neurologico, radiografia del cranio, esame del liquido cerebrospinale, TAC, risonanza magnetica e MRA cerebrale. Se c'è evidenza di aneurisma cerebrale, è soggetto a trattamento chirurgico: occlusione endovascolare o clipping.

Aneurisma di vasi cerebrali

L'aneurisma dei vasi cerebrali è una conseguenza di un cambiamento nella struttura della parete vascolare, che normalmente ha 3 strati: l'interno - intima, lo strato muscolare e l'esterno - avventizia. Cambiamenti degenerativi, sottosviluppo o danni a uno o più strati della parete vascolare portano al diradamento e alla perdita di elasticità della parte interessata della parete vascolare. Di conseguenza, il rigonfiamento della parete vascolare si verifica in un punto indebolito sotto la pressione del flusso sanguigno. Questo forma l'aneurisma dei vasi cerebrali. Molto spesso, l'aneurisma cerebrale si trova nei punti di ramificazione arteriosa, perché c'è più pressione esercitata sulla parete del vaso.

Secondo alcuni rapporti, l'aneurisma cerebrale è presente nel 5% della popolazione. Tuttavia, è spesso asintomatico. Un aumento dell'espansione aneurismatica è accompagnato da un assottigliamento delle pareti e può portare alla rottura dell'ictus emorragico e dell'aneurisma. L'aneurisma dei vasi cerebrali ha un collo, un corpo e una cupola. Il collo dell'aneurisma, come la parete del vaso, è caratterizzato da una struttura a tre strati. La cupola consiste solo di intima ed è il punto più debole in cui l'aneurisma cerebrale può rompersi. Molto spesso, il divario si osserva in pazienti di età compresa tra 30 e 50 anni. Secondo le statistiche, si tratta di un aneurisma cerebrale rotto che causa fino all'85% delle emorragie subaracnoidee non traumatiche (SAH).

Cause di aneurisma cerebrale

L'aneurisma congenito dei vasi cerebrali è una conseguenza delle anomalie dello sviluppo, che portano alla rottura della normale struttura anatomica delle loro pareti. È spesso combinato con un'altra patologia congenita: rene policistico, coartazione dell'aorta, displasia del tessuto connettivo, malformazione artero-venosa del cervello, ecc.

L'aneurisma vascolare cerebrale acquisito può svilupparsi a seguito dei cambiamenti che si verificano nella parete del vaso dopo aver subito una lesione craniocerebrale, sullo sfondo della malattia ipertensiva, nell'aterosclerosi e nella ialinosi dei vasi sanguigni. In alcuni casi, può essere causato da emboli infettivi nelle arterie cerebrali. Un simile aneurisma di vasi cerebrali in neurologia è chiamato micotico. Fattori emodinamici come l'irregolarità del flusso sanguigno e l'ipertensione contribuiscono alla formazione di aneurisma cerebrale.

Classificazione dell'aneurisma cerebrale

Per la sua forma, l'aneurisma cerebrale è sacculato e a forma di fuso. E i primi sono molto più comuni, in un rapporto di circa 50: 1. A sua volta, l'aneurisma sacculare di vasi cerebrali può essere singolo o multi-camera.

Secondo la localizzazione, l'aneurisma cerebrale è classificato in aneurisma dell'arteria cerebrale anteriore, dell'arteria cerebrale media, dell'arteria carotide interna e del sistema vertebro-basilare. Nel 13% dei casi, ci sono diversi aneurismi localizzati su diverse arterie.

C'è anche una classificazione di aneurisma cerebrale in base alle dimensioni, in base al quale si distinguono aneurismi miliari di dimensioni fino a 3 mm, piccoli - fino a 10 mm, medi - 11-15 mm, grandi - 16-25 mm e giganti - più di 25 mm.

Sintomi di aneurisma cerebrale

Secondo le sue manifestazioni cliniche, l'aneurisma vascolare cerebrale può avere un decorso tumorale o apoplessia. Con una variante simile al tumore, l'aneurisma vascolare cerebrale aumenta progressivamente e, raggiungendo dimensioni considerevoli, inizia a comprimere le formazioni anatomiche del cervello situate accanto ad esso, il che porta alla comparsa dei corrispondenti sintomi clinici. L'aneurisma vascolare cerebrale simile al tumore è caratterizzato da un quadro clinico di un tumore intracranico. I suoi sintomi dipendono dalla posizione. Molto spesso, un aneurisma vascolare cerebrale simile a un tumore viene rilevato nel chiasma ottico e nel seno cavernoso.

L'aneurisma dell'area chiasmatica è accompagnato da acutezza e campi visivi; con l'esistenza a lungo termine può portare a atrofia del nervo ottico. L'aneurisma vascolare cerebrale, situato nel seno cavernoso, può essere accompagnato da una delle tre sindromi del seno cavernoso, che sono una combinazione di paresi III, IV e VI coppie di FMN con danno a vari rami del nervo trigemino. La paresi delle coppie III, IV e VI è manifestata clinicamente da disturbi oculomotori (indebolimento o impossibilità di convergenza, sviluppo di strabismo); sconfitta del nervo trigemino - sintomi della nevralgia del trigemino. Un aneurisma vascolare cerebrale a lungo esistente può essere accompagnato dalla distruzione delle ossa del cranio, rilevata durante i raggi x.

Spesso l'aneurisma cerebrale ha un decorso apoplettico con l'improvvisa comparsa di sintomi clinici a seguito della rottura dell'aneurisma. Solo occasionalmente, la rottura dell'aneurisma è preceduta da mal di testa nella regione frontro-orbitale.

Rottura dell'aneurisma cerebrale

Il primo sintomo della rottura dell'aneurisma è un mal di testa improvviso e molto intenso. Inizialmente, potrebbe essere di natura locale, corrispondente alla posizione dell'aneurisma, quindi diventa diffuso. Il mal di testa è accompagnato da nausea e vomito ripetuto. Ci sono sintomi meningei: iperestesia, torcicollo, sintomi di Brudzinsky e Kernig. Poi c'è una perdita di coscienza, che può durare per un diverso periodo di tempo. Le convulsioni epilettiformi ei disturbi mentali possono andare da una leggera confusione a una psicosi. L'emorragia subaracnoidea che si verifica quando viene rotto un aneurisma vascolare cerebrale è accompagnata da un lungo spasmo di arterie situato vicino all'aneurisma. In circa il 65% dei casi, questo spasmo vascolare porta alla sconfitta della sostanza cerebrale del tipo di ictus ischemico.

Oltre all'emorragia subaracnoidea, un aneurisma vascolare cerebrale rotto può causare emorragia in una sostanza o ventricoli del cervello. L'ematoma intracerebrale è osservato nel 22% dei casi di rottura dell'aneurisma. Oltre ai sintomi cerebrali, si manifesta aumentando i sintomi focali, a seconda della posizione dell'ematoma. Nel 14% dei casi, un aneurisma cerebrale rotto provoca emorragia cerebrale. Questa è la variante più grave dello sviluppo della malattia, spesso fatale.

I sintomi focali, che sono accompagnati da un aneurisma rotto di vasi cerebrali, possono essere diversi e dipendono dalla posizione dell'aneurisma. Pertanto, l'aneurisma vascolare cerebrale, localizzato nell'area della biforcazione dell'arteria carotidea, causa disturbi della funzione visiva. L'aneurisma dell'arteria cerebrale anteriore è accompagnato da paresi degli arti inferiori e disturbi mentali, cerebrale medio - da emiparesi sul lato opposto e disturbi del linguaggio. Localizzato nel sistema vertebro-basilare, l'aneurisma vascolare cerebrale a rottura è caratterizzato da disfagia, disartria, nistagmo, atassia, sindromi alternate, paresi centrale del nervo facciale e lesione del nervo trigemino. L'aneurisma dei vasi cerebrali, situato nel seno cavernoso, si trova al di fuori della dura madre e pertanto la sua rottura non è accompagnata da emorragia nella cavità del cranio.

Diagnosi di aneurisma cerebrale

Molto spesso, l'aneurisma vascolare cerebrale è caratterizzato da un decorso asintomatico e può essere rilevato a caso quando si esamina un paziente per una malattia completamente diversa. Con lo sviluppo dei sintomi clinici, un aneurisma vascolare cerebrale viene diagnosticato da un neurologo sulla base dell'anamnesi, dell'esame neurologico del paziente, degli esami radiografici e tomografici e dello studio del liquido cerebrospinale.

Un esame neurologico rivela sintomi meningei e focali, sulla base dei quali è possibile effettuare una diagnosi topica, cioè determinare la posizione del processo patologico. La radiografia del cranio può rilevare aneurismi pietrificati e distruzione delle ossa della base del cranio. Una diagnosi più accurata fornisce TC e risonanza magnetica cerebrale. La diagnosi finale di "aneurisma vascolare cerebrale" può essere basata sui risultati di uno studio angiografico. L'angiografia consente di impostare la posizione, la forma e le dimensioni dell'aneurisma. A differenza dell'angiografia a raggi X, la risonanza magnetica (MPA) non richiede l'introduzione di agenti di contrasto e può essere effettuata anche nel periodo acuto di rottura di aneurisma di vasi cerebrali. Fornisce un'immagine bidimensionale della sezione trasversale delle navi o della loro immagine tridimensionale tridimensionale.

In assenza di metodi diagnostici più istruttivi, un aneurisma rotto dei vasi cerebrali può essere diagnosticato mediante puntura lombare. La rilevazione del sangue nel liquido cerebrospinale risultante indica la presenza di emorragia subaracnoidea o intracerebrale.

Durante la diagnosi, un aneurisma vascolare cerebrale simile a un tumore dovrebbe essere differenziato da tumore, cisti e ascesso del cervello. Aneurisma vascolare cerebrale apoplessia richiede differenziazione da un attacco epilettico, attacco ischemico transitorio, ictus ischemico, meningite.

Trattamento dell'aneurisma cerebrale

I pazienti il ​​cui aneurisma cerebrale è di piccole dimensioni dovrebbero essere costantemente monitorati da un neurologo o da un neurochirurgo, poiché tale aneurisma non è un'indicazione per il trattamento chirurgico, ma deve essere monitorato per le sue dimensioni e il suo corso. Le misure terapeutiche conservative mirano a prevenire un aumento delle dimensioni dell'aneurisma. Questi possono includere la normalizzazione della pressione arteriosa o della frequenza cardiaca, la correzione dei livelli di colesterolo nel sangue, il trattamento degli effetti della trauma cranico o delle malattie infettive esistenti.

Il trattamento chirurgico è mirato a prevenire la rottura dell'aneurisma. I suoi metodi principali sono il taglio del collo dell'aneurisma e l'occlusione endovascolare. Possono essere utilizzati elettrocoagulazione stereotassica e trombosi artificiale dell'aneurisma mediante coagulanti. Per le malformazioni vascolari, viene eseguita l'ablazione radiochirurgica o transcranica dell'AVM.

Un aneurisma vascolare cerebrale rotto è un'emergenza e richiede un trattamento conservativo simile al trattamento dell'ictus emorragico. Secondo le indicazioni, viene eseguito un trattamento chirurgico: rimozione dell'ematoma, evacuazione endoscopica o aspirazione stereotassica. Se l'aneurisma vascolare cerebrale è accompagnato da emorragia nei ventricoli, produce il drenaggio ventricolare.

Prognosi dell'aneurisma cerebrale

La prognosi della malattia dipende dal luogo in cui si trova l'aneurisma dei vasi cerebrali, dalle sue dimensioni, nonché dalla presenza di una patologia che porta a alterazioni degenerative della parete vascolare o disturbi emodinamici. Un aneurisma cerebrale non crescente può esistere durante la vita del paziente senza causare alcun cambiamento clinico. Un aneurisma cerebrale rotto nel 30-50% dei casi porta alla morte del paziente. Nel 25-35% dei pazienti dopo la rottura dell'aneurisma persistono effetti invalidanti. L'emorragia ripetuta è osservata nel 20-25% dei pazienti, mortalità dopo che raggiunge il 70%.

Per Saperne Di Più I Vasi