Aneurisma dei vasi cerebrali: sintomi, cause, diagnosi, trattamento e prognosi

L'aneurisma cerebrale è una formazione patologica localizzata sulle pareti dei vasi intracranici, tende a crescere e riempie di sangue la cavità. Il muro della nave colpita si gonfia, a seguito del quale inizia a esercitare pressione sui nervi e sul tessuto cerebrale vicini, responsabili dell'attività vitale e del funzionamento del corpo. Avendo raggiunto una grande dimensione, l'aneurisma può rompersi e portare alle conseguenze più difficili - un ictus con le conseguenti conseguenze, coma o morte.

Cause dell'aneurisma cerebrale

La formazione di aneurismi intracranici è quasi sempre associata a disturbi patologici dei tessuti vascolari. Le malattie acquisite o congenite contribuiscono alla distruzione delle pareti dei vasi sanguigni, riducono il tono e la delaminazione. I vasi indeboliti non sopportano la naturale pressione del flusso sanguigno, causando la formazione di aneurisma nel punto più sottile sotto forma di protrusione della parete con conseguente accumulo di sangue nella cavità.

I motivi principali che provocano la distruzione delle pareti vascolari e l'aspetto di un aneurisma intracranico includono:

  • Anomalie genetiche che si manifestano non solo come malattie congenite, ma anche acquisite.
  • Ipertensione. Le pareti dei vasi sanguigni perdono la loro elasticità e diventano coperte da microcracks a causa dell'eccessiva pressione del sangue su di loro. Con effetti patologici prolungati, può verificarsi la protrusione della parete della nave assottigliata e lo sviluppo dell'aneurisma come conseguenza.
  • L'aterosclerosi. L'aspetto delle placche aterosclerotiche e la distruzione delle pareti vascolari è spesso combinato con ipertensione arteriosa, aumentando così il rischio di aneurismi.
  • Lesione intracranica. Con CCT chiuso possono verificarsi danni alle arterie cerebrali sulla dura madre, con il risultato che gli aneurismi si sviluppano sulle loro pareti.
  • Infezioni cerebrali In questi casi, gli aneurismi sono una complicazione della malattia di base, ad esempio, meningite acuta, endocardite batterica o malattie fungine.
  • Embolia tumorale L'aneurisma appare sullo sfondo di una parziale sovrapposizione del letto vascolare con un pezzo di tumore, distaccato dal corpo dell'educazione.
  • Esposizione alle radiazioni

Se una delle malattie o condizioni descritte è suscettibile, una persona dovrebbe essere periodicamente esaminata da specialisti e, se necessario, sottoporsi a un trattamento. Un'analisi regolare dello stato dei vasi cerebrali consentirà di osservare lo sviluppo della patologia e prendere le misure appropriate.

Aneurisma cerebrale: sintomi

All'inizio della malattia, i sintomi di un aneurisma cerebrale sono lievi. Segni che sono spesso simili alle manifestazioni di malattie neurologiche, pochi prestano attenzione, mentre la malattia continua a svilupparsi. Se nella fase iniziale la patologia dei vasi cerebrali non è stata rilevata e come risultato di questo aneurisma aumentato a grandi dimensioni, il paziente inizia a mostrare sintomi più pronunciati di questa malattia:

  • Mal di testa. La pulsazione moderata, che si manifesta più spesso da un lato e nell'area delle orbite, si verifica quando l'aneurisma dei vasi passa nei tessuti superficiali delle meningi. Se la patologia è localizzata nei tessuti interni del midollo, il dolore alla testa non può essere disturbato a causa dell'assenza di recettori del dolore in queste strutture.
  • Dolore in faccia. Il sintomo si verifica durante lo sviluppo di aneurisma nelle pareti dell'arteria carotide e la pressione sui processi del nervo facciale.
  • Disturbi visivi L'aneurisma, situato vicino ai nervi ottici, può comprimerli e causare danni alla vista. Se la malattia si sviluppa in prossimità del fascio del nervo ottico, il paziente può parzialmente perdere la vista o diventare cieco.
  • Convulsioni. Le contrazioni muscolari si verificano involontariamente quando schiacciate da grandi aneurismi dei tessuti dei grandi emisferi, responsabili delle funzioni motorie. Le convulsioni causate dall'aneurisma non sono simili alle crisi epilettiche, tuttavia la loro appartenenza alla malattia può essere diagnosticata solo durante un esame dettagliato.
  • Disturbi neurologici causati dalla compressione dei nervi cranici. Di conseguenza, il paziente può diminuire il gusto e l'udito, manifestare violazioni delle espressioni facciali e ptosi della palpebra superiore.
  • Attacchi transitori di tipo ischemico. A seconda della nave o dell'arteria, che è interessata da un aneurisma, il paziente sviluppa attacchi acuti di disturbi del flusso cerebrale, che durano fino a un giorno. Questo processo è accompagnato da vertigini (fino a perdita di coscienza), perdita di orientamento, diminuzione della memoria e della sensibilità, paralisi degli arti e alcune parti del corpo.

In una condizione prossima alla rottura di un aneurisma, la natura dei sintomi cambia nel paziente. L'intensità dei segni neurologici descritti aumenta, a seguito della quale il paziente avverte un notevole deterioramento della salute. In questa fase, l'accesso ai medici è già una misura urgente, altrimenti la rottura dell'aneurisma minaccia di conseguenze irreversibili e morte.

Tipi di aneurismi

Secondo i segni esterni e la struttura di sviluppo, ci sono 3 tipi di aneurismi intracranici:

  1. Bagular - una borsa rotonda con il sangue all'interno è attaccata alla parete del vaso con una base o una gamba. L'aspetto di questo tipo di aneurisma assomiglia a una bacca appesa a un ramo, quindi è chiamata "bacca".
  2. Laterale - ha l'aspetto di un tumore, situato direttamente sul muro della nave;
  3. A forma di fuso - situato nel luogo dell'espansione patologica dei vasi sanguigni all'interno.

Nel sito di localizzazione dell'aneurisma ci sono:

  1. Arterioso - si verificano in luoghi di vasi arteriosi ramificati a causa della loro espansione patologica.
  2. Artero - influenzare le pareti dei vasi venosi.

Dalla natura dell'origine dell'aneurisma cerebrale si divide in:

  1. Esfoliante - gli aneurismi si trovano direttamente nella parete del vaso a causa della sua separazione e infiltrazione di sangue attraverso le fessure.
  2. Vero - sorgono all'interno della nave a causa della sporgenza del muro.
  3. False - si formano dal lato esterno del vaso nella forma di una neoplasia vuota, mentre il sangue penetra attraverso microfessure o buchi nel muro.

Gli aneurismi del cervello sono classificati da altri segni. Quindi, dal numero di aneurismi sono multipli o singoli, dalla natura dell'apparenza - congenita o acquisita, in termini di dimensioni - piccola, media e grande. Se l'aneurisma ha origine sullo sfondo di un'infezione purulenta, allora si chiama micotico.

Rottura di aneurisma cerebrale e sue conseguenze

Con vasi eccessivamente sottili e sotto l'influenza di fattori provocatori in un paziente, la rottura dell'aneurisma può verificarsi con l'effusione di sangue nei tessuti circostanti. A seconda della posizione dell'aneurisma, l'emorragia può colpire il tessuto cerebrale, i suoi spazi busta e i ventricoli.

L'emorragia causata dalla rottura dell'aneurisma porta con sé alti rischi di blocco dei canali di conduzione dei liquidi e di ristagno del liquido del liquore. Il cervello si gonfia e il sangue che si è diffuso attraverso i tessuti cerebrali nel processo di disintegrazione provoca lo sviluppo del processo infiammatorio e della necrosi. Di conseguenza, le parti del cervello che muoiono gradualmente cessano di trasmettere segnali ai sistemi e agli organi vitali e il loro lavoro cessa.

La rottura dell'aneurisma cerebrale è caratterizzata dai seguenti sintomi:

  • Mal di testa intenso Il sangue versato nel tessuto cerebrale irrita i nervi che si trovano lì, provocando insopportabili dolori alla testa.
  • Nausea e improvviso rush di vomito.
  • Perdita di coscienza Si manifesta sullo sfondo di un netto aumento di ICP, provocato dall'effusione di sangue, formazione di ematoma e gonfiore del cervello.
  • Segni neurologici che indicano irritazione del rivestimento del cervello. Tali sintomi includono la comparsa di fotofobia, tensione muscolare nel collo, nella schiena e nelle gambe. In quest'ultimo caso, il paziente non può toccargli il petto con il mento e sedersi.

Quando l'aneurisma si rompe, il rischio di morte è estremamente alto.

Anche se una persona può essere salvata e fornita con una condizione stabile, c'è un'alta probabilità di complicazioni dopo l'emorragia subaracnoidea:

  • ri-rottura dell'aneurisma;
  • accumuli di liquidi nelle strutture cerebrali (cidrocephaly) causati dalla sovrapposizione dei canali conduttivi;
  • ischemia cerebrale con una bassa probabilità di morte.

Le complicazioni che si verificano dopo la rottura dell'aneurisma dipendono anche dal grado di danno cerebrale. Quindi, il paziente può manifestare:

  • disturbi del linguaggio - dopo l'emorragia nell'emisfero sinistro, la parola diventa confusa, sorgono problemi con la scrittura e la lettura;
  • disturbi del sistema motorio, paralisi degli arti - con lesioni del midollo spinale;
  • diminuzione del riflesso della deglutizione - l'assunzione di cibo è significativamente ostacolata, il cibo invece dell'esofago penetra nel tratto respiratorio, provocando così lo sviluppo di processi infiammatori nei polmoni;
  • instabilità psicoemotiva, manifestata sotto forma di attacchi di aggressività, rabbia o, al contrario, infantilismo, apatia, paura agghiacciante;
  • diminuzione della percezione - in una persona viene disturbata la percezione spaziale degli oggetti che lo circondano (ad esempio, è difficile per lui entrare nella porta o versare il tè nella tazza);
  • deterioramento cognitivo - manifestato sotto forma di menomazione della memoria, declino mentale e pensiero logico;
  • disturbi psicologici - una persona che ha avuto in precedenza un aneurisma rotto, è spesso disturbata da stati d'animo depressivi e su questo sfondo, insonnia si sviluppa, perdita di appetito, apatia verso gli eventi attuali;
  • mal di testa - attacchi ricorrenti sotto forma di forti pulsazioni o lombalgia, che sono difficili da rimuovere con antidolorifici, peggiorano la salute e riducono le prestazioni;
  • attacchi epilettici si verificano in ogni 5 ° paziente che hanno subito la rottura di un aneurisma.

Molto spesso, le funzioni cerebrali perse non possono essere ripristinate, tuttavia, la riabilitazione competente e il monitoraggio regolare da parte di specialisti ci consente di migliorare l'attività cerebrale e raggiungere un completo self-service.

Trattamento dell'aneurisma cerebrale

Per il trattamento dell'aneurisma vengono utilizzati due metodi principali: chirurgico e conservativo. Se un aneurisma cerebrale è di piccole dimensioni e non ha la tendenza a crescere, viene osservato dagli specialisti attraverso una diagnosi regolare e viene prescritto un farmaco di supporto. Con una crescita intensiva e la minaccia di una rottura dell'istruzione, si consiglia al paziente di sottoporsi a un intervento chirurgico.

Con un trattamento conservativo, al paziente vengono prescritti farmaci con un'azione mirata a ridurre l'impatto dell'aneurisma sul tessuto circostante e rimuovere i sintomi patologici:

  1. Farmaci vasodilatatori (Nimodipina) - prescritti per prevenire gli spasmi vascolari, la loro espansione e migliorare il flusso sanguigno attraverso le arterie del cervello.
  2. Farmaci antiipertensivi (Captopril, Labetalolo) - mostrati con pressione alta per alleviare il tono della parete vascolare. Quando l'aneurisma che assume farmaci aiuta ad alleviare la tensione del muro dell'educazione e quindi a ridurre il rischio della sua rottura.
  3. Anticonvulsivi (Fenozepam) - effetto rilassante sulle cellule nervose, con conseguente riduzione della velocità di trasmissione degli impulsi nell'area problematica.
  4. Farmaci da prescrizione antidolorifici (morfina) - prescritti per mal di testa insopportabili in terapia intensiva e sotto il controllo dei sistemi del corpo vitale. I farmaci in questo gruppo contribuiscono alla dipendenza, quindi vengono utilizzati in casi eccezionali.
  5. Pillole antiemetiche (Metoclopramide) - indicato quando la condizione peggiora con periodi di vomito.

Va ricordato che è impossibile curare l'aneurisma dei vasi cerebrali in modo conservativo, i farmaci a base di farmaci possono solo ridurre il rischio della sua rottura.

Se la formazione sta crescendo rapidamente e mette sotto pressione il tessuto adiacente, allora è necessario ascoltare l'opinione degli esperti e, in assenza di controindicazioni, accettare l'operazione.

Rimozione dell'aneurisma cerebrale, chirurgia

L'intervento chirurgico comporta il rischio dello sviluppo di complicazioni successive, ma sono molte volte inferiori rispetto alle minacce che si verificano quando l'aneurisma cerebrale si rompe.

A seconda delle prove, delle condizioni generali, della posizione e del grado di minaccia alla vita, al paziente viene prescritta una delle seguenti procedure chirurgiche:

  1. Operazione aperta (kranitomy). Il metodo prevede l'apertura del cranio nel luogo di localizzazione dell'aneurisma e l'uso di uno dei tipi di trattamento:
    • Ritaglio - una clip di metallo viene posta sul collo dell'aneurisma senza bloccare la madre e rimuovere il sangue accumulato dalla cavità. Nel corso del tempo, la cavità dell'aneurisma viene sostituita dal tessuto connettivo, che impedisce la successiva penetrazione di sangue in esso.
    • Shunting: la nave danneggiata viene bloccata e il flusso sanguigno viene reindirizzato a una nave artificiale situata accanto ad essa (shunt).
    • Rafforzamento delle pareti: la nave danneggiata nel sito dello sviluppo dell'aneurisma viene avvolta con uno speciale materiale chirurgico, in conseguenza del quale si forma una sorta di capsula nella sede del problema.
  2. Embolizzazione endovascolare La procedura viene eseguita in un modo minimamente invasivo senza la necessità di aprire il cranio. Usando l'angiografia, un catetere flessibile viene guidato attraverso il vaso sanguigno verso l'aneurisma. Dopo di ciò, una spirale metallica viene inserita nella cavità di formazione, che blocca il lume del vaso e impedisce quindi l'ingresso di sangue all'interno. Il vantaggio del metodo è l'assenza della necessità di un intervento aperto, allo stesso tempo, gli svantaggi includono l'incapacità di rimuovere il sangue accumulato nella cavità dell'aneurisma e lo sviluppo di spasmi vascolari come reazione a un corpo estraneo.

Nonostante la progressività di quest'ultimo metodo, la spirale può deformarsi nel tempo e aprire il lume, con il risultato che l'apporto di sangue all'aneurisma viene ripristinato e inizia a crescere. In tali casi, si consiglia al paziente di ripetere l'operazione.

Riabilitazione dopo chirurgia aneurisma cerebrale

Il periodo di recupero dopo l'intervento chirurgico dipende da diversi fattori: l'età del paziente, il tipo di aneurisma e le strutture cerebrali che ha colpito, la professionalità dei chirurghi che eseguono l'operazione e il grado di complicazioni che potrebbero verificarsi durante il suo funzionamento.

Fino a quando lo stato si stabilizza nel periodo postoperatorio, il paziente è in ospedale e sotto la supervisione di neurochirurghi, è in terapia farmacologica. A seconda dello stato di salute e degli indicatori in ospedale, può rimanere da 3 a 30 giorni. Dopo questo periodo inizia il periodo di riabilitazione.

Per una riabilitazione efficace, il paziente può aver bisogno di fino a 2 anni, durante i quali il trattamento è raccomandato in sanatori specializzati sotto la supervisione di medici e psicologi della riabilitazione. Durante questo periodo, le misure di supporto e riabilitazione sono prescritte da corsi con una pausa tra di loro in poche settimane. A seconda del grado di danno alle strutture del cervello con la persona che ha subito l'operazione, specialisti a stretto profilo sono impegnati ad aiutarlo a ripristinare le funzioni perdute di parola, scrittura, lettura, cammino.

Le misure riabilitative efficaci prescritte dopo la rimozione di un aneurisma intracranico includono procedure di fisioterapia che possono essere suddivise in due gruppi:

  1. effetti tattili sul tessuto muscolare e sui vasi sanguigni che sono stati danneggiati durante l'intervento chirurgico o l'emorragia;
  2. l'uso di tecniche strumentali per la stimolazione dei tessuti interessati dalla chirurgia.

Il primo gruppo comprende:

  • massaggio terapeutico delle aree problematiche - cintura della spalla, area del collo, testa, arti;
  • agopuntura;
  • terapia fisica, compreso il lavoro con i simulatori, se dopo l'operazione le funzioni motorie sono compromesse.

Di tutte le tecniche strumentali dopo la rimozione dell'aneurisma cerebrale, vengono utilizzati i seguenti:

  • elettroforesi utilizzando soluzioni medicinali;
  • stimolazione muscolare;
  • UHF secondo indicazioni;
  • bagni di ossigeno, bromo o idrogeno solforato.

Su base individuale, un riabilitatore può modificare l'elenco delle procedure mediche a seconda di come l'attuale corso della terapia influisce sul corpo.

Conseguenze di aneurisma cerebrale e prognosi

Un paziente con diagnosi di aneurisma cerebrale deve comprendere che un ritardo nel trattamento può minacciare una rottura, un'emorragia subaracnoidea e gravi conseguenze: dalla perdita di alcune funzioni vitali fino alla morte.

Quando viene rilevato un aneurisma prima della rottura, il paziente ha una possibilità, se non per un completo recupero, quindi per un significativo prolungamento della vita. La prognosi di sopravvivenza dopo l'intervento chirurgico è in media di 10 anni e la frequenza può variare in base all'età, alla resistenza del corpo, alla struttura e alla posizione di un aneurisma remoto.

Un aneurisma cerebrale rotto peggiora significativamente la prognosi di sopravvivenza ed è espresso nei seguenti risultati medi:

  • morte nel 10% dei casi prima dell'arrivo dei medici, nel 5% - dopo l'intervento chirurgico, nel 50% - entro 30 giorni dalla rottura;
  • la formazione di ematoma intracranico nel 22% dei pazienti sopravvissuti che hanno avuto emorragia subaracnoidea;
  • deflusso di sangue nei ventricoli del cervello nel 14% dei pazienti, che in metà dei casi porta alla morte.

I rischi di morte aumentano di parecchie volte se un grande aneurisma si trova in uno stadio acuto o si verifica un'emorragia ripetuta.

Di tutti i pazienti sopravvissuti dopo la rottura dell'aneurisma, solo il 30% è in grado di mantenersi autonomo, mentre possono avere disturbi della funzione cerebrale a seconda del sito dell'emorragia:

  • violazione della percezione;
  • diminuzione delle funzioni cognitive (memoria, pensiero, capacità di sviluppo mentale);
  • cambiamenti nelle qualità comportamentali e nel background psico-emozionale;
  • violazione delle funzioni vocali, uditive e visive;
  • convulsioni epilettiche, paralisi corta.

La prognosi per la rottura di un aneurisma cerebrale dipende da diversi fattori: l'età del paziente, la posizione dell'aneurisma, il grado di versamento e la pronta assistenza dei medici.

Aneurisma di vasi cerebrali

Aneurismi dei vasi cerebrali sono anormali protrusioni locali delle pareti dei vasi arteriosi del cervello. In un decorso simile a un tumore, l'aneurisma vascolare cerebrale imita la clinica di una lesione di massa con danni ai nervi ottici, trigeminali e oculomotori. Nel decorso apopossico, l'aneurisma vascolare cerebrale si manifesta con sintomi di emorragia subaracnoidea o intracerebrale, che improvvisamente appaiono come risultato della sua rottura. L'aneurisma dei vasi cerebrali viene diagnosticato sulla base di anamnesi, esame neurologico, radiografia del cranio, esame del liquido cerebrospinale, TAC, risonanza magnetica e MRA cerebrale. Se c'è evidenza di aneurisma cerebrale, è soggetto a trattamento chirurgico: occlusione endovascolare o clipping.

Aneurisma di vasi cerebrali

L'aneurisma dei vasi cerebrali è una conseguenza di un cambiamento nella struttura della parete vascolare, che normalmente ha 3 strati: l'interno - intima, lo strato muscolare e l'esterno - avventizia. Cambiamenti degenerativi, sottosviluppo o danni a uno o più strati della parete vascolare portano al diradamento e alla perdita di elasticità della parte interessata della parete vascolare. Di conseguenza, il rigonfiamento della parete vascolare si verifica in un punto indebolito sotto la pressione del flusso sanguigno. Questo forma l'aneurisma dei vasi cerebrali. Molto spesso, l'aneurisma cerebrale si trova nei punti di ramificazione arteriosa, perché c'è più pressione esercitata sulla parete del vaso.

Secondo alcuni rapporti, l'aneurisma cerebrale è presente nel 5% della popolazione. Tuttavia, è spesso asintomatico. Un aumento dell'espansione aneurismatica è accompagnato da un assottigliamento delle pareti e può portare alla rottura dell'ictus emorragico e dell'aneurisma. L'aneurisma dei vasi cerebrali ha un collo, un corpo e una cupola. Il collo dell'aneurisma, come la parete del vaso, è caratterizzato da una struttura a tre strati. La cupola consiste solo di intima ed è il punto più debole in cui l'aneurisma cerebrale può rompersi. Molto spesso, il divario si osserva in pazienti di età compresa tra 30 e 50 anni. Secondo le statistiche, si tratta di un aneurisma cerebrale rotto che causa fino all'85% delle emorragie subaracnoidee non traumatiche (SAH).

Cause di aneurisma cerebrale

L'aneurisma congenito dei vasi cerebrali è una conseguenza delle anomalie dello sviluppo, che portano alla rottura della normale struttura anatomica delle loro pareti. È spesso combinato con un'altra patologia congenita: rene policistico, coartazione dell'aorta, displasia del tessuto connettivo, malformazione artero-venosa del cervello, ecc.

L'aneurisma vascolare cerebrale acquisito può svilupparsi a seguito dei cambiamenti che si verificano nella parete del vaso dopo aver subito una lesione craniocerebrale, sullo sfondo della malattia ipertensiva, nell'aterosclerosi e nella ialinosi dei vasi sanguigni. In alcuni casi, può essere causato da emboli infettivi nelle arterie cerebrali. Un simile aneurisma di vasi cerebrali in neurologia è chiamato micotico. Fattori emodinamici come l'irregolarità del flusso sanguigno e l'ipertensione contribuiscono alla formazione di aneurisma cerebrale.

Classificazione dell'aneurisma cerebrale

Per la sua forma, l'aneurisma cerebrale è sacculato e a forma di fuso. E i primi sono molto più comuni, in un rapporto di circa 50: 1. A sua volta, l'aneurisma sacculare di vasi cerebrali può essere singolo o multi-camera.

Secondo la localizzazione, l'aneurisma cerebrale è classificato in aneurisma dell'arteria cerebrale anteriore, dell'arteria cerebrale media, dell'arteria carotide interna e del sistema vertebro-basilare. Nel 13% dei casi, ci sono diversi aneurismi localizzati su diverse arterie.

C'è anche una classificazione di aneurisma cerebrale in base alle dimensioni, in base al quale si distinguono aneurismi miliari di dimensioni fino a 3 mm, piccoli - fino a 10 mm, medi - 11-15 mm, grandi - 16-25 mm e giganti - più di 25 mm.

Sintomi di aneurisma cerebrale

Secondo le sue manifestazioni cliniche, l'aneurisma vascolare cerebrale può avere un decorso tumorale o apoplessia. Con una variante simile al tumore, l'aneurisma vascolare cerebrale aumenta progressivamente e, raggiungendo dimensioni considerevoli, inizia a comprimere le formazioni anatomiche del cervello situate accanto ad esso, il che porta alla comparsa dei corrispondenti sintomi clinici. L'aneurisma vascolare cerebrale simile al tumore è caratterizzato da un quadro clinico di un tumore intracranico. I suoi sintomi dipendono dalla posizione. Molto spesso, un aneurisma vascolare cerebrale simile a un tumore viene rilevato nel chiasma ottico e nel seno cavernoso.

L'aneurisma dell'area chiasmatica è accompagnato da acutezza e campi visivi; con l'esistenza a lungo termine può portare a atrofia del nervo ottico. L'aneurisma vascolare cerebrale, situato nel seno cavernoso, può essere accompagnato da una delle tre sindromi del seno cavernoso, che sono una combinazione di paresi III, IV e VI coppie di FMN con danno a vari rami del nervo trigemino. La paresi delle coppie III, IV e VI è manifestata clinicamente da disturbi oculomotori (indebolimento o impossibilità di convergenza, sviluppo di strabismo); sconfitta del nervo trigemino - sintomi della nevralgia del trigemino. Un aneurisma vascolare cerebrale a lungo esistente può essere accompagnato dalla distruzione delle ossa del cranio, rilevata durante i raggi x.

Spesso l'aneurisma cerebrale ha un decorso apoplettico con l'improvvisa comparsa di sintomi clinici a seguito della rottura dell'aneurisma. Solo occasionalmente, la rottura dell'aneurisma è preceduta da mal di testa nella regione frontro-orbitale.

Rottura dell'aneurisma cerebrale

Il primo sintomo della rottura dell'aneurisma è un mal di testa improvviso e molto intenso. Inizialmente, potrebbe essere di natura locale, corrispondente alla posizione dell'aneurisma, quindi diventa diffuso. Il mal di testa è accompagnato da nausea e vomito ripetuto. Ci sono sintomi meningei: iperestesia, torcicollo, sintomi di Brudzinsky e Kernig. Poi c'è una perdita di coscienza, che può durare per un diverso periodo di tempo. Le convulsioni epilettiformi ei disturbi mentali possono andare da una leggera confusione a una psicosi. L'emorragia subaracnoidea che si verifica quando viene rotto un aneurisma vascolare cerebrale è accompagnata da un lungo spasmo di arterie situato vicino all'aneurisma. In circa il 65% dei casi, questo spasmo vascolare porta alla sconfitta della sostanza cerebrale del tipo di ictus ischemico.

Oltre all'emorragia subaracnoidea, un aneurisma vascolare cerebrale rotto può causare emorragia in una sostanza o ventricoli del cervello. L'ematoma intracerebrale è osservato nel 22% dei casi di rottura dell'aneurisma. Oltre ai sintomi cerebrali, si manifesta aumentando i sintomi focali, a seconda della posizione dell'ematoma. Nel 14% dei casi, un aneurisma cerebrale rotto provoca emorragia cerebrale. Questa è la variante più grave dello sviluppo della malattia, spesso fatale.

I sintomi focali, che sono accompagnati da un aneurisma rotto di vasi cerebrali, possono essere diversi e dipendono dalla posizione dell'aneurisma. Pertanto, l'aneurisma vascolare cerebrale, localizzato nell'area della biforcazione dell'arteria carotidea, causa disturbi della funzione visiva. L'aneurisma dell'arteria cerebrale anteriore è accompagnato da paresi degli arti inferiori e disturbi mentali, cerebrale medio - da emiparesi sul lato opposto e disturbi del linguaggio. Localizzato nel sistema vertebro-basilare, l'aneurisma vascolare cerebrale a rottura è caratterizzato da disfagia, disartria, nistagmo, atassia, sindromi alternate, paresi centrale del nervo facciale e lesione del nervo trigemino. L'aneurisma dei vasi cerebrali, situato nel seno cavernoso, si trova al di fuori della dura madre e pertanto la sua rottura non è accompagnata da emorragia nella cavità del cranio.

Diagnosi di aneurisma cerebrale

Molto spesso, l'aneurisma vascolare cerebrale è caratterizzato da un decorso asintomatico e può essere rilevato a caso quando si esamina un paziente per una malattia completamente diversa. Con lo sviluppo dei sintomi clinici, un aneurisma vascolare cerebrale viene diagnosticato da un neurologo sulla base dell'anamnesi, dell'esame neurologico del paziente, degli esami radiografici e tomografici e dello studio del liquido cerebrospinale.

Un esame neurologico rivela sintomi meningei e focali, sulla base dei quali è possibile effettuare una diagnosi topica, cioè determinare la posizione del processo patologico. La radiografia del cranio può rilevare aneurismi pietrificati e distruzione delle ossa della base del cranio. Una diagnosi più accurata fornisce TC e risonanza magnetica cerebrale. La diagnosi finale di "aneurisma vascolare cerebrale" può essere basata sui risultati di uno studio angiografico. L'angiografia consente di impostare la posizione, la forma e le dimensioni dell'aneurisma. A differenza dell'angiografia a raggi X, la risonanza magnetica (MPA) non richiede l'introduzione di agenti di contrasto e può essere effettuata anche nel periodo acuto di rottura di aneurisma di vasi cerebrali. Fornisce un'immagine bidimensionale della sezione trasversale delle navi o della loro immagine tridimensionale tridimensionale.

In assenza di metodi diagnostici più istruttivi, un aneurisma rotto dei vasi cerebrali può essere diagnosticato mediante puntura lombare. La rilevazione del sangue nel liquido cerebrospinale risultante indica la presenza di emorragia subaracnoidea o intracerebrale.

Durante la diagnosi, un aneurisma vascolare cerebrale simile a un tumore dovrebbe essere differenziato da tumore, cisti e ascesso del cervello. Aneurisma vascolare cerebrale apoplessia richiede differenziazione da un attacco epilettico, attacco ischemico transitorio, ictus ischemico, meningite.

Trattamento dell'aneurisma cerebrale

I pazienti il ​​cui aneurisma cerebrale è di piccole dimensioni dovrebbero essere costantemente monitorati da un neurologo o da un neurochirurgo, poiché tale aneurisma non è un'indicazione per il trattamento chirurgico, ma deve essere monitorato per le sue dimensioni e il suo corso. Le misure terapeutiche conservative mirano a prevenire un aumento delle dimensioni dell'aneurisma. Questi possono includere la normalizzazione della pressione arteriosa o della frequenza cardiaca, la correzione dei livelli di colesterolo nel sangue, il trattamento degli effetti della trauma cranico o delle malattie infettive esistenti.

Il trattamento chirurgico è mirato a prevenire la rottura dell'aneurisma. I suoi metodi principali sono il taglio del collo dell'aneurisma e l'occlusione endovascolare. Possono essere utilizzati elettrocoagulazione stereotassica e trombosi artificiale dell'aneurisma mediante coagulanti. Per le malformazioni vascolari, viene eseguita l'ablazione radiochirurgica o transcranica dell'AVM.

Un aneurisma vascolare cerebrale rotto è un'emergenza e richiede un trattamento conservativo simile al trattamento dell'ictus emorragico. Secondo le indicazioni, viene eseguito un trattamento chirurgico: rimozione dell'ematoma, evacuazione endoscopica o aspirazione stereotassica. Se l'aneurisma vascolare cerebrale è accompagnato da emorragia nei ventricoli, produce il drenaggio ventricolare.

Prognosi dell'aneurisma cerebrale

La prognosi della malattia dipende dal luogo in cui si trova l'aneurisma dei vasi cerebrali, dalle sue dimensioni, nonché dalla presenza di una patologia che porta a alterazioni degenerative della parete vascolare o disturbi emodinamici. Un aneurisma cerebrale non crescente può esistere durante la vita del paziente senza causare alcun cambiamento clinico. Un aneurisma cerebrale rotto nel 30-50% dei casi porta alla morte del paziente. Nel 25-35% dei pazienti dopo la rottura dell'aneurisma persistono effetti invalidanti. L'emorragia ripetuta è osservata nel 20-25% dei pazienti, mortalità dopo che raggiunge il 70%.

Aneurisma dei vasi cerebrali: cause, segni, conseguenze, operazione

Tra le malattie cerebrovascolari, l'aneurisma può essere considerato il più pericoloso. A causa di un cambiamento nella struttura della nave, perde la sua elasticità, a seguito della quale può verificarsi una rottura con emorragia nella regione subaracnoidea o nella sostanza cerebrale. L'aneurisma dei vasi cerebrali porta a gravi disturbi circolatori, la morte. Il neoplasma nel vaso viene gradualmente riempito di sangue, aumentando di dimensioni. Oltre alla rottura dell'aneurisma, anche il fatto della deformazione della nave rappresenta un pericolo. L'area convessa può premere sul tessuto cerebrale, i nervi.

L'aneurisma ha una struttura particolare, che determina l'alto rischio della sua rottura. La naturale struttura a tre strati dell'arteria è conservata solo nel collo della formazione, questa sezione è la più duratura. Nelle pareti del corpo dell'educazione, la membrana elastica è già rotta, c'è una mancanza di strato muscolare. La sezione più sottile dell'aneurisma è la cupola formata dall'intima della nave. Qui si rompe, causando un'emorragia.

Aneurisma cerebrale: tipi

Differenziare l'aneurisma cerebrale in forma, dimensioni, tipo. Le formazioni possono essere a forma di fuso, sacciforme, laterale, sono costituite da più camere e una. Un aneurisma a forma di fuso si forma dopo l'espansione di una certa porzione della parete del vaso. Per l'aneurisma laterale è caratterizzato dalla sua formazione sulla parete del vaso.

Formazioni giganti si trovano solitamente nell'area della biforcazione, nell'arteria carotide che passa attraverso il seno cavernoso, raggiungono 25 mm. La piccola istruzione ha una dimensione fino a 3 mm. Il rischio di emorragia aumenta drammaticamente con l'aumentare delle dimensioni dell'aneurisma.

È consuetudine distinguere due tipi principali di formazioni nei vasi del cervello: arterioso e artero-venoso.

Aneurisma arterioso

Quando le pareti delle navi arteriose sono gonfiate come una sfera o una borsa, questo è un aneurisma arterioso. Molto spesso, la posizione di queste formazioni diventa il cerchio di Willis nella base del cranio. È lì che le arterie sono ramificate al massimo. Ci sono molteplici, singole, giganti, piccole formazioni.

Aneurisma artero-venoso

Quando i vasi venosi del cervello sono dilatati e formano un groviglio, la formazione è un aneurisma artero-venoso. Quando si riferiscono vasi venosi e arteriosi, questo tipo di aneurisma può svilupparsi. C'è meno pressione del sangue nelle vene che nelle arterie. Il sangue arterioso viene rilasciato sotto alta pressione nelle vene, a causa del quale le pareti si espandono, si deformano e compaiono aneurismi. Il tessuto nervoso è compresso, si osserva l'apporto di sangue al cervello.

Aneurisma della vena di Galeno

Raramente aneurisma della vena di Galeno. Tuttavia, un terzo delle malformazioni artero-venose nei bambini e nei neonati spiega questa anomalia. Questa educazione è due volte più comune nei ragazzi. Le proiezioni per questa malattia sono sfavorevoli - la morte si verifica nel 90% dei casi durante l'infanzia e nel periodo neonatale. Quando l'embolizzazione rimane alta mortalità - fino al 78%. La sintomatologia è assente a metà dei bambini malati. Ci possono essere segni di insufficienza cardiaca, si sviluppa idrocefalo.

Aneurisma sacrale

Un sacchetto rotondo di sangue ricorda visivamente un aneurisma sacculare. È attaccato al ramo dei vasi sanguigni, l'arteria principale con il suo collo. Questo tipo di aneurisma è più comune. Si sviluppa più spesso nella base del cervello. Di solito si verifica negli adulti. Una formazione tipica ha una piccola dimensione, inferiore a 1 cm. Strutturalmente, secerne il fondo, il corpo e il collo.

I sintomi della malattia

I sintomi dell'aneurisma dipendono in gran parte dall'area della nave in cui si trova. Sintomi di aneurisma:

  • la debolezza;
  • nausea;
  • Visione offuscata;
  • fotofobia;
  • vertigini;
  • Menomazione della parola;
  • Problemi di udito;
  • Intorpidimento di un lato del corpo, faccia;
  • Mal di testa;
  • Doppi occhi.

È più facile identificare l'istruzione nella fase della sua rottura, quando i segni sono più pronunciati.

cefalea parossistica

Il dolore locale nella testa di diversa intensità, che si ripete in un'area, è caratteristico dell'aneurisma cerebrale. Con la sconfitta dell'arteria basilare, il dolore si verifica in una metà della testa, quando la formazione è nell'arteria cerebrale posteriore, il dolore appare nella tempia, regione occipitale. Per gli aneurismi delle arterie del connettivo anteriore e del proencefalo, è frequente un forte dolore nella regione orbitaria frontale.

Altri segni di aneurisma

Ci sono altri segni di un aneurisma cerebrale. Sono possibili i seguenti sintomi:

  1. Rumore sibilante nell'orecchio;
  2. Lo strabismo è osservato;
  3. Perdita dell'udito unilaterale;
  4. La palpebra superiore sta cadendo (fenomeno della ptosi);
  5. L'alunno si espande;
  6. Appare una doppia visione;
  7. Debolezza improvvisa nelle gambe;
  8. La vista è rotta: tutto diventa fangoso, gli oggetti sono distorti;
  9. Paresi del nervo facciale del tipo periferico;
  10. I campi visivi sono distorti o cadono.

In generale, i sintomi dell'aneurisma possono assomigliare a segni di ictus, disturbi circolatori.

Attenzione! Se si osservano anche i singoli sintomi dell'aneurisma, è necessario consultare immediatamente un medico. Quando la condizione è grave, è importante chiamare immediatamente un'ambulanza. Trattamento tempestivo, la chirurgia può far fronte alla malattia.

Cause di aneurisma cerebrale

Al momento, una teoria completa della presenza di aneurismi è in fase di sviluppo. Tuttavia, i fattori che contribuiscono allo sviluppo delle formazioni sono studiati in modo sufficientemente dettagliato.

La causa più grave dello sviluppo dell'aneurisma è rappresentata da difetti congeniti presenti nello strato muscolare delle arterie cerebrali. Appaiono spesso in aree di forte flessione delle arterie, delle loro articolazioni. C'è una carenza di collagene, che provoca formazioni anormali. Questo fattore è ereditario.

Causa lo sviluppo di aneurismi e disturbi emodinamici: flusso sanguigno irregolare, ipertensione arteriosa. Con la più grande forza questo si manifesta nelle aree in cui le arterie si diramano. Il flusso sanguigno si rompe, mette pressione sulla parete del vaso già deformata, che porta al suo assottigliamento, rottura.

Un disturbo genetico che causa il danno vascolare è un fenomeno patologico quando le vene e le arterie del cervello si intrecciano, disturbando la circolazione sanguigna. Aneurismi e neoplasie maligne accompagnano, quando i tumori del collo e della testa si metastatizzano. Dovrebbe essere notato alcune più cause di aneurismi:

  • il fumo;
  • Uso di droghe, in particolare cocaina;
  • Varie malattie del sistema vascolare nel suo complesso;
  • aterosclerosi;
  • cancro;
  • infezione;
  • Alta pressione sanguigna;
  • Ferita, trauma cranico.

Tutti questi fattori mettono a repentaglio il sistema circolatorio, i vasi sanguigni, contribuiscono allo sviluppo di aneurismi.

Rottura di aneurisma e sue conseguenze

La rottura dell'aneurisma nel punto più sottile provoca emorragia del tipo subaracnoideo o ematoma intracerebrale. Il sangue può entrare nei ventricoli del cervello, nel tessuto cerebrale. Nel 100% dei casi si sviluppa uno spasmo vascolare. L'idrocefalo occlusivo acuto del cervello è probabile che si verifichi durante la chiusura del tratto del liquido cerebrospinale con sangue accumulato nei ventricoli, edema cerebrale. Il tessuto cerebrale reagisce ai prodotti di decomposizione del sangue, la necrosi è caratteristica e le singole regioni del cervello smettono di funzionare.

Quando si rompe l'aneurisma, si verificano paralisi parziali, nausea grave, mal di testa e vomito. La coscienza è confusa, il paziente può cadere in coma. Vi sono convulsioni, caratterizzate da ptosi e vari disturbi della vista.

Complicazioni dopo la rottura dell'aneurisma

A causa di un'emorragia provocata dalla rottura dell'aneurisma, ci sono una serie di complicanze. C'è angiospasmo cerebrale, è probabile una rottura ripetuta dell'aneurisma. Forse lo sviluppo di ischemia cerebrale, che è fatale nel 17% dei casi. Le complicanze sono simili a quelle con ictus ischemico, emorragico. In alcuni casi, dopo una rottura dell'istruzione si sviluppa la sindrome convulsiva. Sono probabili le seguenti complicazioni.

  1. Sindrome del dolore Dopo un ictus possono svilupparsi attacchi dolorosi di varia intensità e durata. Dolore pulsante e lancinante, la sensazione di calore non è alleviata dagli antidolorifici.
  2. Compromissione cognitiva. I pazienti perdono la capacità di elaborare informazioni esterne, per percepirle. La logica e la chiarezza del pensiero, della memoria e della capacità di pianificare, imparare, prendere decisioni sono perse.
  3. Disturbi psicologici Depressione, alterazioni dell'umore, irritabilità, insonnia, ansia sono caratteristiche.
  4. Difficoltà a defecare e urinare. I pazienti hanno difficoltà con la vescica, l'intestino, il loro svuotamento.
  5. Visione alterata L'aneurisma dell'arteria carotidea è caratterizzato da una diminuzione dell'acuità visiva, perdita di aree del campo visivo, visione doppia.
  6. Deglutizione difficile o alterata. Questa complicanza può portare il cibo a entrare nella trachea e nei bronchi e non nell'esofago. Disidratazione e costipazione sono probabili.
  7. Violazioni del comportamento. Caratterizzato da labilità emotiva, reazione lenta, aggressività o paura.
  8. Disturbi di percezione Il paziente non è in grado di raccogliere l'oggetto, non capisce ciò che vede di fronte a sé.
  9. Problemi di linguaggio Comprensione difficile e riproduzione del linguaggio. I pazienti hanno difficoltà a contare, scrivere, leggere. Questa complicazione è tipica in caso di danno all'emisfero sinistro del cervello (nei destrimani).
  10. Disturbi del movimento. C'è paralisi, debolezza, mossa malata e cammina con difficoltà, la coordinazione è compromessa. A volte c'è emiplegia - disturbi del movimento di un lato del corpo.

Dopo la rottura dell'aneurisma, è importante iniziare il trattamento in modo tempestivo, per organizzare correttamente la successiva riabilitazione del paziente.

Intervento operativo

Nella maggior parte dei casi, la chirurgia è considerata la cura più efficace per l'aneurisma. Produrre il ritaglio, rafforzare le pareti dei vasi sanguigni, violare la permeabilità dei vasi sanguigni sul sito di lesione con speciali spirali microscopiche.

ritaglio

Il ritaglio viene eseguito con la chirurgia diretta. L'operazione è aperta intracranica. L'aneurisma è disattivato dal flusso di sangue generale, pur mantenendo la pervietà della portante e dei vasi circostanti. La rimozione del sangue nell'intero spazio subaracnoideo o il drenaggio di un ematoma intracerebrale è obbligatorio.

Questa operazione è riconosciuta in neurochirurgia come una delle più difficili. Il collo dell'aneurisma dovrebbe essere bloccato in una sola volta. Viene selezionato l'accesso chirurgico ottimale, vengono utilizzate moderne apparecchiature microchirurgiche e un microscopio operatorio.

Rafforzare le pareti della nave

A volte si ricorreva al metodo per rafforzare le pareti dell'aneurisma. L'area interessata è avvolta da una garza chirurgica, che provoca la formazione di una capsula speciale dal tessuto connettivo. Lo svantaggio del metodo è un'alta probabilità di sanguinamento nel periodo postoperatorio.

Chirurgia endovascolare

Ora metodo popolare di violazione mirata di pervietà dell'aneurisma. La parte desiderata della nave viene bloccata artificialmente utilizzando speciali micro-bobine. La pervietà delle navi adiacenti è attentamente studiata, l'operazione è controllata da angiografia. Questo metodo è minimamente invasivo, ampiamente utilizzato in Germania. L'operazione non richiede un'apertura del cranio, meno traumatico.

Aneurisma prima e dopo chirurgia endovasale

Complicanze postoperatorie

Spesso ci sono complicazioni postoperatorie. Di solito sono associati allo sviluppo di ipossia del cervello, spasmo vascolare, soprattutto quando l'intervento è stato effettuato nel periodo acuto di emorragia cerebrale. Inoltre, si osservano complicazioni quando le pareti degli aneurismi sono danneggiate. In alcuni casi, il microspirale fora il muro.

La carenza di ossigeno è caratteristica dell'ostruzione completa o parziale della nave che porta l'aneurisma. Ora, grazie alle tecniche moderne, lo spazio della nave può essere ampliato e rafforzato artificialmente per fornire il flusso sanguigno necessario in aree rigorosamente definite.

L'esito fatale è probabile se l'aneurisma è un gigante, si trova in una fase difficile di sviluppo. È importante iniziare il trattamento in tempo, eseguire un intervento chirurgico senza iniziare la malattia. La mortalità è minima, se la malattia non ha avuto il tempo di andare nella fase acuta, l'operazione è diretta. Le morti individuali sono probabilmente dovute alle caratteristiche individuali dell'organismo, non direttamente correlate alla malattia, l'operazione.

Trattamento non chirurgico

Nonostante il fatto che il metodo principale e radicale per combattere la malattia sia la chirurgia, viene effettuato anche un trattamento conservativo. Prima di tutto, è necessario essere costantemente sotto la supervisione di un medico. Ogni paziente ha bisogno di un approccio individuale, è necessario prendere in considerazione la sua condizione nel suo complesso, tutte le caratteristiche del corpo. Questo approccio è importante anche nella scelta del trattamento chirurgico. Vari farmaci vengono utilizzati per prevenire la rottura dell'aneurisma, per migliorare la condizione generale.

  • Antiemetici e antidolorifici. Sono necessari per alleviare le condizioni del paziente.
  • Preparati per stabilizzare la pressione sanguigna. La cosa più importante è garantire una certa soglia fissa, oltre la quale la pressione non aumenterà. La crescita della pressione arteriosa può portare alla rottura dell'aneurisma, l'emorragia.
  • Farmaci anticonvulsivanti. Questi farmaci sono anche prescritti di solito, poiché è probabile che si verifichino crisi epilettiche.
  • Bloccanti dei canali del calcio I preparati prevengono lo spasmo cerebrale, stabilizzano i vasi sanguigni. È necessario utilizzare farmaci in modo che il sangue non impedisca l'accesso a quelle parti del cervello che hanno sofferto a causa dello sviluppo dell'aneurisma.

È ottimale combinare un trattamento conservativo e chirurgico, poiché un aneurisma cerebrale richiede un intervento chirurgico preciso per ridurre il rischio di rottura e prevenire la morte.

Prevenzione dell'aneurisma cerebrale

Prima di tutto, è necessario fare l'attenzione al fattore di trasmissione ereditaria della malattia, la predisposizione a esso. La prevenzione dell'aneurisma cerebrale si basa sulla diagnosi tempestiva della malattia, sull'individuazione dei sintomi, sull'esame, dopodiché viene immediatamente prescritto un trattamento appropriato. La tomografia a risonanza magnetica e la tomografia computerizzata del cervello danno risultati sufficientemente affidabili. Conduci anche l'angiografia.

Una persona che già sospetta la presenza di questa malattia dovrebbe mantenersi in uno stato speciale, non solo fisicamente, ma anche emotivamente. È importante non sovraccaricare, evitare il lavoro eccessivo. È necessario fare sforzi per stabilizzare costantemente il background emotivo e non sovreccitato. Dobbiamo dimenticare gli stress, le preoccupazioni, le vane offese e i dubbi, dobbiamo vivere nel presente e goderci ogni giorno.

È importante ridurre al minimo il rischio di danni ai vasi sanguigni, lesioni alla testa. È necessario monitorare costantemente la pressione sanguigna. Un ruolo importante è svolto dalla rilevazione tempestiva del sanguinamento preventivo primario. Ignorare i sintomi di un aneurisma cerebrale non può - è necessario contattare immediatamente uno specialista.

Per Saperne Di Più I Vasi