Revisione dell'asistolia cardiaca: cause, segni, cure d'emergenza

Da questo articolo imparerai: cos'è l'asistolia, come riconoscere questa condizione in una persona e come fornire correttamente l'assistenza di emergenza.

L'asistolia si riferisce alla cessazione dell'attività del cuore, durante la quale non è possibile rilevare la sua attività elettrica utilizzando l'elettrocardiografia. Questo è uno dei quattro ritmi cardiaci che i medici chiamano arresto cardiaco.

Quando l'asistolia dell'ECG è assente, è assente qualsiasi attività cardiaca, che indica la completa assenza della funzione contrattile del cuore. Per questo motivo, si verifica l'arresto della circolazione sanguigna. Senza il primo soccorso, una persona non ha possibilità di vita.

Assistere con asistole deve essere in grado di tutti i professionisti del settore medico, indipendentemente dalla specialità e dalla posizione. Gli anestesisti (sono anche rianimatori) sono considerati i migliori professionisti in questa materia, ma qualsiasi medico dovrebbe essere in grado di eseguire la rianimazione cardiopolmonare per intero.

La maggior parte dei pazienti con asistolia muore comunque. Dovrebbe essere chiaro che l'arresto cardiaco si verifica raramente in blu, in persone praticamente sane. Di solito è un risultato naturale di gravi malattie, in questi casi anche l'assistenza correttamente resa è spesso infruttuosa.

Prevalenza di asistolia

Il numero esatto di arresto cardiaco causato da asistolia non può essere misurato con precisione. Se questo accade fuori dall'ospedale, la maggior parte delle vittime muore prima dell'arrivo di un'ambulanza, che può rivelare asistolia.

Nel 35% dei pazienti adulti, l'arresto cardiaco è causato da asistolia. Nei bambini, questa percentuale raggiunge il 90-95%. Tale frequenza relativa elevata nei bambini è dovuta al fatto che l'arresto cardiaco si verifica sullo sfondo di malattie non cardiologiche.

Cause e sviluppo dell'asistolia

Ci sono asistole primarie del cuore e secondarie.

Cos'è l'asistolia primaria del cuore? Con questa patologia, il sistema elettrico del cuore smette di generare impulsi che causano il contrazione del muscolo cardiaco (miocardio). Questo può verificarsi con ischemia (disturbi circolatori) o danni al sistema di conduzione cardiaca. Di solito, lo sviluppo di asistolia in questi casi è preceduto da bradicardia - rari battiti cardiaci.

I fattori che non sono inclusi nel sistema di conduzione cardiaca portano all'asistole secondaria. Il processo finale della maggior parte di questi fattori è l'ipossia (mancanza di ossigeno nei tessuti), che provoca l'arresto dell'attività elettrica del cuore.

Esempi di condizioni che portano all'asistole secondaria:

  • Ipovolemia - una diminuzione del volume del sangue nei vasi.
  • Ipossia: mancanza di ossigeno nei tessuti.
  • Acidosi - aumenta l'acidità del sangue.
  • Ipotermia - ipotermia.
  • Iperkaliemia: aumento dei livelli di potassio nel sangue.
  • Ipopotassiemia: una diminuzione del livello di potassio nel sangue.
  • Ipoglicemia - abbassamento dei livelli di zucchero nel sangue.
  • Overdose di pillole.
  • Intossicazione.
  • Scossa elettrica
  • Tamponamento del cuore - l'accumulo di liquido attorno al cuore o al sangue, comprimendolo e rompendo la contrazione.
  • Pneumotorace: presenza di aria nella cavità pleurica che circonda i polmoni e il cuore.
  • Embolia polmonare
  • Infarto miocardico

Quattro ritmi sul cardiogramma possono portare alla cessazione dell'attività cardiaca efficace, che garantisce un adeguato apporto di sangue all'organismo:

  1. Fibrillazione dei ventricoli.
  2. Tachicardia ventricolare senza polso
  3. Attività elettrica senza pulsazioni.
  4. Asistolia.

Nei primi tre stati sull'ECG, si può ancora osservare qualche tipo di attività miocardica, sebbene non ci sia più alcuna circolazione efficace. Senza cure d'emergenza, entrano tutti in asistolia: una completa cessazione dei processi elettrici nel muscolo cardiaco.

Sintomi e segni della condizione

Solo con la fornitura di cure di emergenza in tale condizione può sopravvivere il paziente. Inoltre, le cure di emergenza dovrebbero essere avviate entro pochi minuti dall'arresto cardiaco. Ogni minuto di decelerazione riduce le possibilità di sopravvivenza del 7-10%. Se sono passati più di 10 minuti dal momento dell'inizio della asistolia all'inizio della rianimazione, non hanno successo.

Pertanto, è molto importante conoscere i sintomi e i segni di arresto cardiaco. Circa la metà dei pazienti manifesta dolore toracico, mancanza di respiro, palpitazioni, nausea, mal di schiena o dolore addominale prima di interrompere l'attività cardiaca. Se una persona ha un polso lento prima di asistole, vertigini, debolezza generale e svenimento possono essere preoccupanti.

Dopo l'inizio dell'asistolia, il paziente perde conoscenza, smette di respirare, il suo polso scompare nelle grandi arterie.

Molto spesso, quando si verifica un arresto cardiaco, viene controllato un polso sulle arterie carotidi. Per questo:

  • Posiziona l'indice e il medio sul collo della vittima, sul lato della laringe.
  • Spingili in profondità nel tuo collo fino a sentire la pulsazione sotto di loro.
  • Il rilevamento del polso in pazienti con sospetta asistolia non dovrebbe richiedere più di 10 secondi.

Le attuali raccomandazioni per aiutare i pazienti con arresto cardiaco non raccomandano che le persone che non hanno istruzione medica determinino il polso prima dell'inizio delle misure di rianimazione - ma procedono immediatamente alle misure di rianimazione. Il fatto è che pochi dei "non medici" in una situazione stressante determinano correttamente il polso, motivo per cui l'avvio della fornitura dell'assistenza necessaria viene ritardato.

diagnostica

Per determinare quale dei quattro disturbi del ritmo cardiaco ha causato l'arresto cardiaco, è necessario un ECG. Solo con il suo aiuto è possibile diagnosticare con precisione l'asistolia. È impossibile farlo solo con sintomi e segni, quindi l'efficacia dell'assistenza fornita è notevolmente ridotta.

Se l'asistolia si verifica in un istituto medico, oltre al monitoraggio dell'ECG, la vittima può essere somministrata:

  • determinazione di potassio, acidità e contenuto di ossigeno nel sangue;
  • ecografia del cuore.

Il punto di fare questi sondaggi è solo se i loro risultati sono ottenuti immediatamente.

Pronto soccorso

L'inizio immediato della rianimazione cardiopolmonare (CPR abbreviato) è una condizione critica per il trattamento dell'asistolia. Mantenendo la fornitura di organi vitali ricchi di sangue, la RCP può ridurre al minimo i mezzi di sostentamento.

La procedura per fermare il cuore di una persona accanto a te:

1. Assicurati che tu e la vittima non sia in pericolo.

2. Controllare la risposta del paziente

  • Tocca la sua spalla e chiedi ad alta voce: "Stai bene?"
  • Se la vittima risponde alla chiamata, lasciarlo nella stessa posizione e chiamare un'ambulanza.
  • Guarda il paziente prima che arrivi l'ambulanza.

3. Se il paziente non risponde al trattamento.

  • Giralo sulla schiena.
  • Estendi il collo e solleva il mento - questo aprirà le vie respiratorie.

4. Dopo aver aperto le vie respiratorie

  • Piega il viso per affrontare la vittima.
  • Guarda i movimenti del torace, ascolta il suono del respiro e senti il ​​movimento dell'aria sulla tua pelle.
  • La durata del test del respiro non deve superare i 10 secondi.

Nei primi minuti dopo l'arresto cardiaco, la vittima può avere una respirazione rara e debole, che non deve essere confusa con la normalità.

5. Se la vittima non respira normalmente

  • Chiedi a qualcuno di chiamare un'ambulanza o di chiamarti.
  • Durante la chiamata, non lasciare la vittima.
  • Accendi l'altoparlante nel telefono e segui le istruzioni del dispatcher.

6. Dopo aver chiamato un'ambulanza

  • Sedersi sulle ginocchia attorno al paziente.
  • Posiziona la base del primo palmo nel mezzo del suo sterno.
  • Metti la tua seconda mano sulla prima e torca le dita
  • Tenendo le braccia dritte nei gomiti, premere sul petto della vittima, piegandolo a una profondità di 5-6 cm.
  • Dopo ogni pressione, lasciare che il torace si appiattisca completamente.
  • La frequenza di pressione è 100-120 al minuto.

7. Respirazione artificiale

La respirazione artificiale "bocca a bocca" deve essere eseguita solo da persone addestrate a questa tecnica. Le persone che non sanno come condurre la respirazione artificiale, è meglio non provare a farlo.

Dopo ogni 30 pressioni sul torace, devono essere presi 2 respiri artificiali. Un effetto maggiore in questi casi è osservato dal continuo massaggio cardiaco chiuso con una frequenza di 100-120 al minuto.

8. Quando interrompere la rianimazione

  • Se arrivava un'ambulanza.
  • Se la vittima mostra segni di vita, inizia a muoversi, apre gli occhi, inizia a respirare normalmente.
  • Se sei fisicamente esausto.

9. Se il paziente ha iniziato a respirare normalmente, ma è incosciente

In questo caso, ruotalo delicatamente su un lato. Guardalo prima che arrivi l'ambulanza. Preparati a riprendere immediatamente la rianimazione se le sue condizioni peggiorano.

Se una persona ha asistolia, la defibrillazione (recupero del ritmo cardiaco con una scarica elettrica) non viene eseguita. Ma se c'è un defibrillatore automatico esterno (AED) accanto alla vittima, è necessario accendere questo dispositivo e attaccare gli elettrodi al torace del paziente. L'AED analizza la frequenza cardiaca del paziente e sceglie le tattiche giuste per aiutare. Dopo l'analisi, inizia a formulare raccomandazioni che dovrebbero essere seguite assistendo le persone.

Prevenzione dell'asistolia

Per prevenire completamente il rischio di arresto cardiaco improvviso è impossibile, è possibile solo ridurre il rischio del suo sviluppo. Per fare questo, è necessario sottoporsi a regolari esami medici e uno stile di vita sano, tra cui:

  • smettere di fumare;
  • rifiuto dell'abuso di alcol;
  • mantenere una dieta sana ed equilibrata;
  • mantenere l'attività fisica.

Se una persona ha una malattia cardiaca, i medici raccomandano quelle misure che possono migliorare la sua salute, compresa la terapia farmacologica per abbassare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo nel sangue. È necessario seguire attentamente queste raccomandazioni.

prospettiva

La prognosi della condizione dipende dalla causa del suo sviluppo, tempo ed efficacia delle cure di emergenza. È impossibile accertare l'esatta sopravvivenza e mortalità in questo stato, poiché non tutti i pazienti riescono a prendere un cardiogramma.

Se l'arresto cardiaco avviene fuori dall'ospedale, il tasso di sopravvivenza è di circa il 7,6%. Nei bambini, questa cifra è del 3-16%. Se l'arresto cardiaco si è sviluppato in un ospedale, il tasso di sopravvivenza raggiunge il 22%.

Asistole del cuore negli adulti e nei bambini

Le cause della morte improvvisa sono molte e una di queste è l'asistolia. Questa è una condizione pericolosa per la vita che deriva dalla cessazione dell'attività elettrica del cuore.

Le camere del cuore smettono di restringersi, la circolazione del sangue si ferma, si verifica la morte clinica. Se non si adottano misure urgenti di rianimazione, una persona muore entro pochi minuti. La situazione è aggravata dal fatto che l'arresto cardiaco si verifica spesso al di fuori delle mura dell'ospedale. Solo la conoscenza dei sintomi dell'asistolia e la capacità di fornire assistenza di emergenza contribuiranno a salvare la vita del paziente.

Fattori di rischio

L'arresto cardiaco è raramente irragionevole, solitamente preceduto da gravi malattie, lesioni, intossicazione, incidenti.

Le cause più tipiche di asistolia:

  • Esteso infarto miocardico;
  • aritmia;
  • Shock cardiogeno (forte calo della pressione sanguigna);
  • Occlusione dell'arteria polmonare con un coagulo di sangue;
  • Tamponamento cardiaco (accumulo di liquido nel pericardio);
  • Difetti cardiaci (stenosi di grandi vasi, difetto o assenza di un setto tra i ventricoli, il gruppo di quattro di Fallot);
  • Rottura dell'aneurisma;
  • cardiomiopatia;
  • Attacchi prolungati di asma bronchiale;
  • Gli ultimi stadi del cancro, oltre a reni, fegato, insufficienza respiratoria;
  • Diabete mellito;
  • Accettazione di glicosidi cardiaci, analgesici narcotici, barbiturici, calcio antagonisti;
  • Perdita di sangue acuta;
  • Shock anafilattico, emorragico, doloroso;
  • Un colpo alla parete addominale ("sotto il cucchiaio");
  • Affogando, elettroshock, un fulmine colpisce una persona;
  • Soffocamento quando si inala accidentalmente piccoli oggetti;
  • Pneumotorace nelle malattie polmonari;
  • Avvelenamento da anidride carbonica;
  • Avvelenamento con sostanze chimicamente attive;
  • ipotermia;
  • L'esaurimento.

L'arresto cardiaco inaspettato a volte si verifica durante varie procedure mediche: estrazione del dente, broncoscopia, angiografia coronarica, cateterizzazione cardiaca.

La probabilità di asistolia aumenta drasticamente nelle persone con malattie cardiache se abusano di alcol e tabacco (fino al 30% dei casi), sono sovrappeso e colesterolo alto. Il fattore di rischio è anche l'età oltre i 60 anni, la psiche emotivamente instabile, l'impressionabilità eccessiva, il conflitto.

Arresto cardiaco nei bambini

Alcune di queste cause, associate principalmente a difetti cardiaci congeniti, sono anche caratteristiche dei bambini. Oltre a loro, emettono più sindrome di morte improvvisa nei neonati (ADS).

Questo stato è anche associato alla cessazione della funzione di iniezione del miocardio. La sindrome è caratteristica di bambini fino a 5 mesi.

L'arresto circolatorio si verifica durante il sonno. Il motivo principale per cui i cardiologi chiamano l'immaturità fisiologica degli organi interni del bambino.

  • Gravidanza multipla;
  • prematurità;
  • ipossia fetale;
  • Asfissia del bambino durante il parto;
  • Infezioni infette

Fumo dei genitori, fasce strette, dormire su un cuscino morbido in una posizione sullo stomaco può contribuire alla morte di un bambino.

Il quadro clinico dell'arresto circolatorio

In alcuni casi, la minacciosa asistolia del cuore si fa sentire da segni chiari:

  • Pallore di pelle, blueness di unghie, labbra, triangolo nasolabial;
  • Ipotensione acuta (calo della pressione sanguigna inferiore a 60 mm Hg);
  • Ridurre il numero di battiti del cuore a 30-40 battiti / min.

Ma questi sintomi, così come extrasistoli e tachicardia ventricolare, possono essere visti solo con il monitoraggio costante del paziente. Secondo le statistiche, solo il 30% dei pazienti con arresto cardiaco sono a questo punto in ospedale o sotto la supervisione di parenti.

I casi rimanenti si verificano negli occhi di estranei, lontano dalla medicina.

Per prevenire la morte, è necessario conoscere i segni affidabili dell'insufficienza cardiaca:

  • Perdita di coscienza (si verifica entro 10-15 secondi dopo la cessazione dei ventricoli);
  • Respirazione rumorosa rara (singhiozzi);
  • convulsioni;
  • Dilatazione persistente degli alunni;
  • Mancanza di impulso

Lo scenario peggiore si verifica quando l'asistolia ventricolare si sviluppa durante il sonno di una notte. Le possibilità di salvare il paziente tendono a zero, poiché non ci sono sintomi pronunciati, e altri potrebbero non notare nulla fino alla mattina.

Pronto soccorso

Prima viene l'assistenza di emergenza, maggiore è la probabilità di salvare una persona. Cambiamenti irreversibili nel cervello causati dalla fame di ossigeno delle cellule si verificano rapidamente. Vedendo che una persona è caduta ed è incosciente, gli altri dovrebbero compiere le seguenti azioni:

Saluta forte, scuoti le spalle, accarezza le guance. Forse ha il solito deliquio.

Se i caduti non arrivano ai suoi sensi, è necessario determinare se ha un polso e una respirazione. Molti stanno cominciando a cercare e chiedono ai passanti uno specchio per testare il respiro. E il tempo prezioso sta finendo. È meglio portare l'orecchio sul petto o sul viso di una persona caduta e ascoltare.

Contemporaneamente, l'impulso viene controllato sull'arteria carotide o femorale. Non c'è bisogno di sondare i vasi periferici sui polsi - potrebbe non esserci un battito. Il criterio esatto per l'arresto circolatorio è l'assenza di un polso nelle arterie centrali. In caso contrario, chiamare un'ambulanza e procedere a un semplice complesso di azioni di rianimazione.

Algoritmo ABC (rianimazione cardiopolmonare)

A - preparazione delle vie respiratorie per la rianimazione. La testa del paziente, adagiata su un piano rigido, viene lanciata indietro e verso l'alto per ottenere l'accesso libero alla cavità orale. Avvolgi un dito con un tovagliolo, pulisci l'orofaringe da muco, sangue, vomito, terra.

B - conduzione di respirazione artificiale. Se dopo che il primo oggetto è stato completato, i segni di respirazione spontanea non compaiono, il rianimatore si inginocchia sopra il ferito e soffia aria attraverso la sua bocca. Allo stesso tempo, il naso del paziente deve essere stretto con le dita. L'efficacia della ventilazione artificiale è determinata alzando e abbassando il torace. Per evitare il contatto con la saliva e il sangue della vittima, l'aria viene soffiata attraverso un fazzoletto.

Secondo gli ultimi regolamenti, se il rianimatore crede che il metodo per ristabilire il respiro "bocca a bocca" possa danneggiare la sua salute, allora ha il diritto di non farlo. Quindi, senza perdere tempo, dovresti procedere al terzo paragrafo.

C - compressione del torace. Se non sono trascorsi più di 30 secondi dall'esordio dello stato di incoscienza, è possibile utilizzare il metodo di percussione precordiale. Un uomo steso sulla schiena, mise la mano sul bordo inferiore delle costole. Stringendo l'altra mano in un pugno, colpirli nel terzo inferiore dello sterno. Se il battito cardiaco non riprende dopo il colpo, inizia un massaggio chiuso del muscolo cardiaco.

Premendo sul petto sono fatti dalla base dei palmi, uno sopra l'altro. Le scosse dovrebbero essere affilate e veloci. La forza dei movimenti è calcolata in modo da non rompere le costole doloranti. Ogni 1-2 minuti controlla il polso e la respirazione spontanea.

Le gambe della vittima possono essere piegate alle ginocchia e posizionate sopra la testa per aumentare il flusso passivo di sangue al cuore. La rianimazione continua fino all'arrivo dei medici.

Assistenza medica per asistolia

Sulla strada per l'ospedale, vengono eseguite le seguenti azioni:

  • Rimozione dell'ECG;
  • Somministrazione endovenosa di atropina, adrenalina, dopamina. Le iniezioni direttamente nel muscolo cardiaco sono consentite con l'inefficacia dei liquidi per via endovenosa;
  • Maschera di ventilazione polmonare artificiale. In caso di inefficacia - intubazione tracheale (inserimento di un tubo per il collegamento di un apparato di ventilazione artificiale);
  • Trasfusione di sangue, se ci fosse un'enorme perdita di sangue;
  • Utilizzo di un defibrillatore (un dispositivo per il trattamento di un paziente con una corrente elettrica ad alta potenza al fine di "avviare" il cuore, ripristinare le contrazioni ventricolari);
  • Stimolazione transesofagea, percutanea, se l'ECG mostra contrazioni almeno minime.

Se in mezz'ora non vi sono segni di dinamica positiva (respirazione spontanea, palpitazioni, costrizione delle pupille in piena luce), le azioni rianimatorie cessano e indicano l'inizio della morte biologica.

Se la rianimazione ha esito positivo, il paziente viene trasferito all'unità di terapia intensiva.

Secondo le indicazioni, il trattamento chirurgico è effettuato:

  • Puntura del pericardio nell'accumulo nella cavità del sangue o di altri fluidi;
  • Puntura della cavità pleurica con pneumotorace.

Inoltre, il monitoraggio costante dell'ECG, il controllo della composizione del sangue, il mantenimento dei normali valori della pressione arteriosa vengono eseguiti. La testa del paziente è coperta di ghiaccio in modo che la temperatura nella zona del canale uditivo esterno non superi i +34 gradi. Soluzioni a basso peso molecolare, glucosio, panangina, bicarbonato di sodio vengono iniettate nella vena succlavia.

Conseguenze di asistolia

La sopravvivenza dopo la morte improvvisa non è elevata: le cifre dal 14% al 30% sono indicate in fonti diverse. Ulteriore stato di salute del paziente dipende da quanto tempo era in uno stato di morte clinica.

Il più spesso ci sono tali complicazioni:

  • Menomazione della memoria;
  • Perdita dell'udito;
  • Perdita di vista In alcuni casi, altre aree assumono la funzione della parte interessata del cervello e la cecità scompare;
  • Convulsioni periodiche di natura isolata (di un singolo arto, muscoli facciali, masticatori);
  • Allucinazioni uditive, tattili e visive;
  • Mal di testa persistente;
  • Malattia post-rianimazione - perdita di coscienza, compromissione dell'attività dell'apparato respiratorio, circolazione del sangue, ischemia degli organi interni. Nella maggior parte dei pazienti, le funzioni principali vengono ripristinate entro 3 ore. Circa il 20% dei pazienti ha il coma. Se una perdita di coscienza profonda dura per più di 6 ore, la speranza per il ripristino delle funzioni cerebrali diminuisce drasticamente. La durata di un coma per più di due giorni più spesso significa il successivo stato vegetativo del paziente.

Dopo un arresto cardiaco di tre minuti e una rianimazione di mezz'ora, il 50% dei sopravvissuti viene completamente restaurato. Se la mancanza di circolazione del sangue è durata 5 minuti o più, le possibilità di un ulteriore normale funzionamento sono ridotte al minimo.

Cos'è l'asistolia del cuore?

L'asistolia è una condizione in cui il cuore smette di contrarsi, motivo per cui si verifica l'arresto circolatorio. Questo fenomeno si verifica sullo sfondo della mancanza di attività bioelettrica del miocardio. Il pericolo di patologia risiede nell'alta probabilità di morte improvvisa.

Informazioni generali

Cos'è l'asistolia del cuore? In parole semplici: questa è la morte clinica. La patologia insorge a causa della progressione di gravi patologie cardiache, nelle quali si osservano i seguenti fenomeni:

  • mancanza di ossigeno nella circolazione sanguigna generale;
  • alta concentrazione di potassio;
  • acidosi che si alza in violazione dell'equilibrio acido-base;
  • diminuzione della quantità di sangue circolante.

Sullo sfondo delle violazioni di cui sopra, si verifica la dissociazione elettromeccanica, in cui viene mantenuta l'attività elettrica del muscolo cardiaco, ma la capacità di contrarre è completamente persa. Questa condizione richiede cure di emergenza.

Nella medicina moderna, ci sono due tipi di disturbi del ritmo che possono scatenare la morte improvvisa:

  • fibrillazione ventricolare;
  • asistole del cuore.

Nel primo caso si verifica la depolarizzazione ventricolare, spesso preceduta dall'ischemia. La seconda violazione si verifica a causa dell'incapacità del muscolo cardiaco di condurre un impulso elettrico. La previsione in questo caso sarà molto spesso insoddisfacente.

Clinicamente, queste due patologie sono praticamente indistinguibili l'una dall'altra, inoltre, in caso di un attacco, gli specialisti semplicemente non hanno abbastanza tempo per condurre una diagnosi approfondita. Le probabilità di sopravvivenza sono piccole con entrambi i disturbi, ma con l'asistolia la probabilità di morte aumenta di quattro volte rispetto alla fibrillazione ventricolare.

Nella medicina moderna, l'asistolia è considerata la causa principale della morte improvvisa del paziente (osservata in due dei tre casi).

Anche con l'ospedalizzazione tempestiva del paziente e la conduzione competente di tutte le misure di rianimazione, la probabilità di una prognosi positiva è solo del 15%.

Cause della malattia

L'asistolia può essere il risultato sia di patologie cardiache che di lesioni non cardiache. La malattia influenza necessariamente il lavoro del nodo del seno, che è responsabile della frequenza del ritmo cardiaco.

Le cause principali della malattia cardiaca includono:

  • shock cardiogeno;
  • ischemia del cuore nella fase acuta o cronica;
  • trombosi cardiaca;
  • necrosi di una vasta area del miocardio;
  • tamponamento cardiaco derivante dalla rottura delle membrane delle grandi navi;
  • funzionamento anomalo delle valvole artificiali;
  • stenosi aortica;
  • cambiamenti ipertrofici osservati nel miocardio;
  • infiammazione dello strato cardiaco interno o muscolare, ecc.

Cause di asistolia, non correlate a disturbi cardiaci:

  • significativa perdita di sangue, che riduce il volume della sua circolazione attraverso i vasi;
  • basso contenuto di ossigeno nel sangue con quantità crescenti di anidride carbonica;
  • trombosi nelle arterie polmonari, che porta al blocco dei loro grandi rami;
  • lesioni al petto, in cui vi è accumulo d'aria nella cavità pleurica;
  • ipotermia per molto tempo;
  • scossa elettrica;
  • sovradosaggio di alcuni tipi di droghe;
  • grave stress, che rilascia una grande quantità di adrenalina;
  • shock di natura diversa.

classificazione

A seconda della topografia del processo patologico, l'asistolia può essere di due tipi:

  • accompagnato da una fermata dell'Atria;
  • asistolia ventricolare.

A seconda del grado di danno miocardico, la malattia può essere dei seguenti tipi:

  • in realtà asistolia, in cui non vi è alcuna attività elettrica del muscolo cardiaco e la sua capacità contrattile non è osservata;
  • ritmo idioventricolare che precede l'asistolia (in questo caso, un impulso elettrico è generato nei ventricoli);
  • dissociazione elettromeccanica, quando ci sono impulsi elettrici, ma l'attività meccanica è assente.

Una qualsiasi delle suddette violazioni ha una prognosi sfavorevole e pertanto un paziente con tali deviazioni necessita di ricovero urgente.

sintomatologia

Prima dello sviluppo dell'asistolia c'è un periodo prodromico in cui si verifica un generale peggioramento delle condizioni del paziente. Il paziente ha vari sintomi che indicano l'inizio di processi patologici nel sistema cardiovascolare. Questo è:

  • debolezza generale;
  • respiro superficiale e mancanza di respiro;
  • palpitazioni cardiache;
  • disagio al petto.

I suddetti sintomi si verificano in circa due terzi dei pazienti con asistolia. Il gruppo rimanente di pazienti non avverte alcun cambiamento quando si avvicina ad un attacco. Hanno una malattia rilevata improvvisamente, accompagnata dai seguenti sintomi:

  • aritmia;
  • abbassare la pressione sanguigna;
  • problemi respiratori.

Dopo alcuni minuti, le condizioni del paziente peggiorano, il cuore smette di funzionare, causando disordini circolatori, perdita di coscienza e insufficienza respiratoria. Questa condizione è considerata una morte clinica. Il paziente può essere riportato in vita solo se il primo soccorso è fornito in modo tempestivo.

Quando l'arresto cardiaco in alcuni pazienti per diversi minuti continua a respirare i movimenti. Tuttavia, la loro bassa frequenza e superficialità non consentono di saturare adeguatamente il corpo con l'ossigeno.

diagnostica

Di norma, lo sviluppo della malattia diventa noto troppo tardi per avere il tempo di condurre una diagnosi qualitativa. Uno dei metodi principali per determinare questa malattia è un ECG. Sull'elettrocardiogramma, la malattia si manifesta come un'assoluta assenza di attività bioelettrica - si osserva una linea retta. Nello stesso momento le riduzioni di ventricoli possono esser fissate a lavoro errato di padiglioni auricolari.

Segni esterni di asistolia:

  • il paziente è incosciente;
  • pupille dilatate;
  • mancanza di polso su grandi navi;
  • respirazione superficiale.

Avendo fissato questi sintomi, lo specialista dovrebbe iniziare le misure di rianimazione il più presto possibile, il cui scopo è quello di ripristinare la funzione respiratoria e la normale circolazione sanguigna. Va ricordato che se l'ipossia del cervello dura più di cinque minuti, porterà a cambiamenti irreversibili.

  • la pressione sanguigna raggiunge il minimo;
  • con l'auscultazione, è impossibile rilevare i suoni del cuore.

Trattamento di asistolia del cuore

La terapia prevede l'uso di farmaci, massaggi e procedure strumentali. Di solito, i pazienti con asistolia sono prescritti farmaci che forniscono il seguente effetto:

  • contribuire a migliorare la contrattilità;
  • regolare la trasmissione degli impulsi;
  • avere un effetto benefico sull'automatismo miocardico.

Per migliorare l'efficacia dei farmaci, la loro introduzione viene effettuata per via endovenosa o intratracheale. A volte vengono eseguite iniezioni intracardiache. Ma questo viene eseguito solo in assenza di un normale accesso alla trachea o alle vene.

Come le procedure di recupero sono utilizzate:

  • intubazione tracheale;
  • massaggio cardiaco indiretto;
  • ventilazione polmonare artificiale;
  • stimolazione cardiaca.

Possibili conseguenze

Complicazioni di asistolia possono essere osservate per due ragioni: a causa della progressione della malattia stessa e in vista delle misure di rianimazione eseguite. Il più pericoloso è il verificarsi di tali conseguenze:

  • ischemia cerebrale;
  • rottura di organi interni;
  • frattura costale, in cui l'integrità della cavità pleurica è compromessa.

Anche i rianimatori professionisti, che conducono la procedura per riportare in vita una persona, spesso si rompono le costole: ciò è dovuto alla fragilità delle ossa e all'esigenza di una forte pressione a una profondità di un certo numero di centimetri. E tali complicazioni portano anche alla morte del paziente.

L'asistolia è una condizione molto pericolosa in cui la probabilità di morte è elevata. Quando compaiono segni di patologia, è necessario ricovero urgente del paziente. E anche con l'applicazione tempestiva di misure terapeutiche, la prognosi per il recupero del paziente non è grande.

asistolia

L'asistolia è una condizione terminale, accompagnata da una cessazione della circolazione sanguigna dovuta alla cessazione dell'attività contrattile del muscolo cardiaco. Allo stesso tempo non c'è attività bioelettrica del miocardio. I sintomi di asistolia sono discussi di seguito.

globale

L'asistolia è una delle principali cause di morte clinica e spesso si verifica nelle cardiopatie gravi. Lo sviluppo di tale stato è influenzato da un insufficiente contenuto di ossigeno nella circolazione sanguigna generale, da uno squilibrio dell'equilibrio acido-base con uno spostamento verso l'acidosi, una maggiore concentrazione di potassio e una diminuzione del volume ematico circolante.

L'assenza della funzione contrattile del miocardio mentre si mantiene l'attività elettrica è chiamata dissociazione elettromeccanica. Le condizioni di cui sopra richiedono un trattamento di emergenza. Tuttavia, anche l'ospedalizzazione tempestiva e le misure di rianimazione in corso salvano fino al 15% dei pazienti.

motivi

L'asistolia può causare sia malattie cardiache che lesioni non cardiache. In questa condizione, il pacemaker principale del cuore, il nodo del seno, che si trova nell'atrio destro, è compromesso. Se le sorgenti ausiliarie di attività elettrica non vengono avviate per eseguire questa funzione, viene registrata una linea retta sull'elettrocardiogramma, che indica la morte clinica del paziente.

Le principali cause cardiache di asistolia:

  • cardiopatia ischemica acuta o cronica;
  • estesa necrosi miocardica;
  • shock cardiogeno;
  • tamponamento cardiaco dovuto alla rottura delle membrane delle grandi navi;
  • accumulo di fluido infiammatorio nello spazio pericardico;
  • trombosi intracardiaca;
  • interruzione del normale funzionamento delle valvole artificiali;
  • patologia infiammatoria degli strati muscolari o interni del cuore, spesso contagiosa;
  • cambiamenti ipertrofici nel miocardio;
  • stenosi aortica;
  • effettuando interventi chirurgici sul cuore.

Cause extracardiache di asistolia:

  • massiccia perdita di sangue con una significativa diminuzione del volume di sangue circolante;
  • shock di varie eziologie (settico, anafilattico);
  • lesioni traumatiche del torace con l'accumulo di aria nella cavità pleurica;
  • blocco di grandi rami delle arterie polmonari con coaguli di sangue;
  • una diminuzione del contenuto di ossigeno e un aumento della quantità di anidride carbonica nel sangue;
  • ipotermia prolungata;
  • grave stress psico-emotivo con il rilascio di una quantità significativa di adrenalina;
  • overdose di droga (oppiacei, barbiturici, glicosidi cardiaci, ecc.);
  • scosse elettriche.

La varietà di fattori eziologici porta quasi agli stessi disturbi patogenetici della contrattilità miocardica.

classificazione

L'asistolia è classificata secondo 2 criteri: la topografia della lesione e la natura del processo patologico.

Divisione topografica dell'asistola:

  • arresto atriale;
  • arresto ventricolare.

La natura delle lesioni del miocardio:

  • asistolia stessa - l'assenza di contrattilità e attività elettrica del miocardio;
  • dissociazione elettromeccanica - non c'è attività meccanica (impulso), ma gli impulsi elettrici sono registrati;
  • ritmo raro idioventricolare - il precursore dell'asistolia, in cui la fonte dell'impulso elettrico sono strutture nei ventricoli del miocardio.

Tutte le violazioni della contrattilità miocardica sono estremamente sfavorevoli per il paziente e richiedono il ricovero in caso di emergenza.

sintomi

Lo sviluppo dell'asistolia è preceduto da un periodo prodromico, accompagnato da un deterioramento delle condizioni generali del paziente, dall'aspetto o dall'intensificazione dei sintomi della patologia del sistema cardiovascolare.

Reclami del paziente durante il periodo delle manifestazioni prodromiche:

  • la debolezza;
  • sensazione di battito cardiaco;
  • mancanza di respiro;
  • respirazione superficiale;
  • disagio al petto;
  • vertigini.

Tuttavia, un terzo dei pazienti non manifesta i sintomi prima dell'asistole. Sullo sfondo della patologia principale, le manifestazioni cliniche cambiano improvvisamente: la pressione arteriosa diminuisce, appaiono aritmie e disturbi della funzione respiratoria. Letteralmente in pochi minuti la circolazione sanguigna viene disturbata, non ci sono battiti del cuore, il paziente perde conoscenza, smette di respirare. Questa condizione è chiamata morte clinica. Può essere reversibile con la fornitura tempestiva di cure mediche di emergenza.

Alcuni pazienti con arresto cardiaco hanno ancora movimenti respiratori rari agonali per qualche tempo. A causa dell'ampiezza ridotta, non sono in grado di svolgere pienamente la funzione di respirazione esterna.

diagnostica

La diagnosi di Asystole deve essere eseguita il prima possibile.

Segni caratteristici di asistolia:

  • mancanza di un'onda di polso su grandi navi;
  • respiro affannoso o mancanza di respiro;
  • pupille dilatate;
  • perdita di coscienza

In presenza di questi sintomi, è necessario iniziare immediatamente le misure di rianimazione volte a ripristinare la circolazione sanguigna e la respirazione. Dopo 5 minuti di ipossia, si verificano cambiamenti irreversibili nei neuroni del cervello. Nell'unità di terapia intensiva, è possibile riflettere sul monitor i principali segni vitali del paziente.

Segni strumentali di asistolia:

  • abbassamento della pressione sanguigna al minimo;
  • mancanza di toni cardiaci durante l'auscultazione;
  • Modifiche all'ECG, caratterizzate dalla completa scomparsa dei complessi di attività ventricolare. Per confermare la diagnosi, la tecnica viene eseguita in due derivazioni.

Con l'aiuto di metodi diagnostici strumentali, l'asistolia può essere differenziata dalla fibrillazione ventricolare per ottimizzare la quantità di terapia.

trattamento

La terapia di asistolia può essere suddivisa in 2 tipi:

  • massaggio cardiaco indiretto;
  • ventilazione artificiale dei polmoni;
  • intubazione tracheale;
  • stimolazione cardiaca.

L'introduzione di sostanze medicinali può essere effettuata per via endovenosa o intratracheale. Le iniezioni intracardiache vengono eseguite raramente senza accesso alle navi venose o alla trachea.

Usa la droga:

  • migliorare la contrattilità miocardica;
  • migliorare la conduttività degli impulsi elettrici dai pacemaker;
  • aumentare l'automaticità del muscolo cardiaco.

Queste proprietà hanno catecolamine - ormoni surrenali. La rianimazione viene effettuata per 30 minuti e si interrompe, se non vi è alcun recupero dell'attività elettrica del miocardio.

Terapia dell'insufficienza cardiaca non specifica:

  • Ripristino del normale volume del sangue attraverso l'uso di soluzioni glucosalattiche, componenti del sangue e sostituti del sangue.
  • L'uso di assorbenti e antidoti per asistoli causati da overdose di farmaci.
  • Utilizzare una soluzione di calcio per ridurre la concentrazione di potassio intracellulare.
  • La lotta contro l'acidosi con soluzioni alcaline.
  • Eseguire un intervento chirurgico urgente in caso di sospetta trombosi vascolare o insufficienza di valvole cardiache artificiali.

Dopo una terapia di successo, i pazienti sottoposti a arresto cardiaco hanno una diminuzione della pressione arteriosa associata a insufficienza cardiaca. Durante questo periodo, è ragionevole usare farmaci ipertensivi, farmaci per migliorare le proprietà reologiche del sangue. In tali pazienti nell'ospedale è importante osservare costantemente i principali segni vitali (composizione elettrolitica del sangue, pressione sanguigna, concentrazione di ossigeno, frequenza cardiaca, modelli respiratori).

complicazioni

Complicazioni di asistolia possono derivare dallo stato stesso, così come dalle misure di rianimazione prese durante l'arresto cardiaco.

Le complicazioni più gravi:

  • danno cerebrale ischemico;
  • frattura delle costole con compromissione dell'integrità della cavità pleurica;
  • rottura di organi interni.

Queste complicazioni sono molto spesso la causa della morte del paziente.

prevenzione

La prevenzione efficace dell'asistolia non è attualmente sviluppata. Per ridurre la probabilità di sviluppare questa condizione, è necessario condurre un trattamento completo e tempestivo delle malattie che possono causare l'arresto cardiaco. Importanti misure preventive considerano:

  • lavoro educativo tra la popolazione nella fornitura di assistenza di emergenza;
  • identificazione, registrazione e monitoraggio di persone ad alto rischio di patologia del sistema cardiovascolare;
  • rifiuto categorico di alcol e sigarette;
  • sufficiente attività fisica;
  • sviluppo professionale del personale medico.

Prognosi di recupero

L'asistolia è accompagnata da un'alta mortalità, quindi la prognosi di un tale stato è sempre pessimistica. Secondo i dati statistici, nell'unità di terapia intensiva è possibile salvare ogni sesto paziente con arresto cardiaco, fuori dall'ospedale questi numeri sono molto più bassi. Se l'asistolia si è verificata sullo sfondo della fibrillazione ventricolare, quindi la possibilità di reversibilità del processo è leggermente superiore rispetto a improvvisa asistolia.

La prognosi è influenzata dai seguenti fattori:

  • la qualità del trattamento della malattia che può causare asistolia;
  • il tempo di inizio delle cure mediche per l'arresto cardiaco;
  • la presenza o l'assenza di coscienza;
  • natura di asistolia.

Oltre al ripristino della frequenza cardiaca e della funzione respiratoria, nei pazienti con asistolia è importante ripristinare l'attività cerebrale il prima possibile. Con il coma che dura più di due giorni, è quasi impossibile.

Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio

L'aritmia sinusale è un tipo di disturbo del ritmo cardiaco associato a cambiamenti morfologici nella struttura del miocardio e alla patologia del funzionamento del conduttore.

Perché c'è, l'asistolia del cuore ventricolare si manifesta e viene curata

Spesso la causa della morte è la cessazione del muscolo cardiaco. Negli ambienti medici, questo fenomeno è chiamato asistolia ventricolare. Il problema è serio e pericoloso, richiede studio approfondito e familiarizzazione. Come si suol dire, l'allarme è salvato.

Peculiarità dell'asistolia ventricolare

Per prima cosa devi occuparti del fatto che è - l'asistolia dei ventricoli. In tale situazione, si verifica la morte clinica, il flusso di sangue si ferma nei vasi, il muscolo cardiaco non si contrae e non pompa sangue. Il numero schiacciante di casi conduce alla morte, ma non sempre. Anche con una patologia così seria, i medici riescono a sostenere i processi vitali nel corpo.

Quando l'asistolia ha osservato instabilità elettrica. In altre parole, le fibre cessano di obbedire a un singolo ritmo. Il loro lavoro diventa caotico con la frequenza con cui c'è una minaccia per la vita di una persona. Sui risultati ECG, le abbreviazioni non sono sempre completamente assenti. Le abbreviazioni possono essere molto deboli o rare. Nel primo caso, la forza di contrazione non è sufficiente per spingere il sangue. Per rare abbreviazioni, viene utilizzato il concetto di un cuore morente.

Cause e forme di asistolia

Inizieremo esaminando le forme della malattia, e quindi capiremo perché si pone asistolia, esaminare le cause e scoprire quali fattori di rischio esistono con questo disturbo. Quindi, in medicina, si distinguono le seguenti forme di patologia:

  • forma primaria si verifica quando arresto cardiaco muscolare istantaneo;
  • nella forma secondaria, inizialmente si verifica un'aritmia, nella maggior parte dei casi la situazione è associata a fibrillazione, che dura per qualche tempo.

La fibrillazione si riferisce ad un ritmo cardiaco irregolare che porta ad anomalie nella circolazione. La funzione contrattile è ridotta a zero a causa dell'esaurimento delle riserve energetiche.

Ci sono molte ragioni per cui si può verificare l'asistolia ventricolare. La loro lista è la seguente:

  • superare il dosaggio consentito quando si assumono glucosidi, farmaci antiaritmici e barbiturici;
  • assumere una grande dose di stupefacenti;
  • mancato rispetto del dosaggio durante l'introduzione dell'anestesia e un'allergia al farmaco somministrato;
  • lesioni elettriche e l'uso di elettricità durante il trattamento;
  • una gamma di interventi e interventi che richiedono una maggiore stimolazione del nervo vago;
  • tamponamento e angiografia coronarica;
  • disordini metabolici;
  • pneumotorace;
  • ipercapnia, annegamento, soffocamento;
  • ipotermia del corpo, accompagnata da congelamento;
  • shock anafilattico, settico o emorragico.

Inoltre, circa il 5% delle forme gravi di malattie cardiache porta a asistolia. Tra questi i più pericolosi sono i seguenti disturbi:

  • infarto miocardico;
  • blocco cardiaco completo e trifascicolare;
  • blocco di secondo grado;
  • embolia polmonare;
  • cardiopatia ischemica trascurata, non corretta, che è accompagnata da miocardite in una forma complessa.

Inoltre, un problema simile, inclusa l'asistolia atriale, può verificarsi con l'assunzione rapida di una soluzione di potassio. In questa situazione, il miocardio diventa molto eccitato.

Oltre alle ragioni sopra descritte, ci sono fattori di rischio. Contribuiscono allo sviluppo dell'asistolia, se uno dei problemi di cui sopra è presente nel corpo. I fattori di rischio sono i seguenti:

  • diabete mellito;
  • età avanzata;
  • bere e fumare;
  • ipertrofia ventricolare sinistra.
  • ipertensione;
  • aterosclerosi delle navi.
Attacco aterosclerosi

Durante l'infanzia, l'asistolia può verificarsi nei seguenti casi:

  • shock, indipendentemente dalla sua natura;
  • insufficienza respiratoria;
  • avvelenamento;
  • lesioni.

Sintomi e segni della condizione

È necessario studiare bene i sintomi dell'asistolia per reagire rapidamente, fornire il primo soccorso e salvare una persona dalla morte. I sintomi di asistolia sono i seguenti:

  • dolore dietro il petto;
  • ritmo cardiaco disturbato;
  • svenimento o svenimento;
  • vertigini e difficoltà di respirazione.

Tali sintomi sono caratteristici dell'asistolia improvvisa. In altri casi, il problema è associato a patologie, non necessariamente cardiache. Qui, i segni di asistolia sembrano un po 'diversi:

  • bassa pressione;
  • malfunzionamento del cuore;
  • gonfiore;
  • accumulo di liquidi nel torace e / o nell'addome;
  • sensazioni di dolore;
  • riduzione del numero e della durata dei respiri alla loro completa assenza.

È attraverso tali segni che si può determinare l'asistolia ventricolare. Sono difficili da confondere con i sintomi di altre malattie.

diagnostica

Per cominciare, passiamo alla classificazione internazionale e troviamo il problema che ci interessa lì. Secondo l'ICD 10, l'asistolia è il codice I46 ed è chiamato arresto cardiaco. Il problema può essere identificato senza l'uso di attrezzature speciali:

  • non c'è polso sull'arteria carotide;
  • pupille dilatate e respiro debole, che è difficile da determinare.

In presenza di queste manifestazioni, non vi è alcun punto in ulteriori diagnosi, le misure di riabilitazione sono prese immediatamente. Nei primi 5 minuti, è necessario ripristinare il flusso sanguigno. Altrimenti, inizierà il processo della morte delle cellule cerebrali. Anche se dopo questo tempo il cuore è ricominciato, il suo lavoro sarà instabile. La causa è edema cerebrale.

Con il ripristino della circolazione sanguigna, almeno ad un livello minimo, è necessario condurre uno studio elettrocardiografico. Questi dati riveleranno la natura e il meccanismo della violazione nell'attività cardiaca.

L'asistolia sull'ECG si manifesta sotto forma di isolina senza la presenza di alcuna onda. In rari casi può verificarsi asistolia ventricolare isolata. In questo caso, l'ECG registra sia i complessi QRS che i denti atriali di R. Questa situazione è associata alla contrazione degli atri, che continua dopo che i ventricoli smettono di funzionare. Questo è seguito da asistole completa.

Emergenza e trattamento

Con l'inizio dell'asistolia, devi agire rapidamente, perché non c'è abbastanza tempo per salvare la vita.

Pronto soccorso per arresto cardiaco

Le azioni dovrebbero essere eseguite come segue:

  • massaggio cardiaco indiretto;
  • respirazione artificiale;
  • introduzione di adrenalina, atropina e cloruro di calcio in una vena.

Gli stessi farmaci possono essere somministrati per via intracardiaca o attraverso un tubo endotracheale. In quest'ultimo caso, viene aggiunta "lidocaina" e il dosaggio viene raddoppiato. Con la comparsa di tagli deboli, viene eseguita la stimolazione cardiaca. La rianimazione termina dopo mezz'ora, se i tentativi di ripristinare la circolazione sanguigna non hanno avuto successo.

Fornire assistenza medica

Se il primo soccorso ha portato al successo, la persona viene posta nell'unità di terapia intensiva. I medici durante l'arresto cardiaco monitorano le principali indicazioni dell'attività vitale:

  • caratteristiche emodinamiche;
  • il processo di respirazione è controllato;
  • viene studiata la composizione elettrolitica del sangue;
  • I dati dell'ECG sono registrati.

Inoltre, una serie di misure volte a trattare il paziente:

  • elettrocardiostimolazione di tipo elettrotras venoso o transtoracico;
  • iniezione a getto di fluidi a basso peso molecolare nella vena centrale, che si trova sotto la clavicola;
  • l'introduzione di un numero di farmaci ("Panangin", "Bicarbonato di sodio", "Glucosio", "Insulina");
  • terapia infusionale mediante iniezione di sostituti del plasma e fluidificanti del sangue.

La pressione sanguigna del paziente deve essere moderata o elevata.

Conseguenze dell'insufficienza cardiaca

La morte o asistolia clinica è un fenomeno reversibile, sebbene sia molto pericoloso per l'uomo. Molto dipende dalla natura del problema e dall'assistenza tempestiva fornita.

  • nel caso di un blocco dei percorsi con un immediato massaggio cardiaco, la persona riprende conoscenza, che consente ulteriori azioni di rianimazione;
  • il blocco dell'arteria polmonare riduce la risposta di una persona al pronto soccorso, il recupero sarà lungo;
  • con tamponamento cardiaco, anche il miglioramento a breve termine della condizione è problematico;
  • la fibrillazione con diagnosi tempestiva e il riavvio del cuore ti permettono di fare previsioni più ottimistiche;
  • i casi di aria che entra nel torace non possono fare a meno dell'intervento chirurgico, solo in questo modo si può ottenere un risultato stabile e positivo;
  • inoltre, la chirurgia è l'unica opzione per trombi, tumori e irregolarità nel funzionamento della valvola artificiale;
  • la mancanza di coscienza di non più di 6 ore con la comparsa della funzione contrattile e la ventilazione artificiale dei polmoni lascia alte possibilità al paziente;
  • un coma superiore a 6 ore consente di fare previsioni deludenti, dopo una giornata di incoscienza la probabilità di un esito positivo è molto piccola, e dopo due giorni è equiparata a zero.

Stile di vita per i sopravvissuti all'arresto cardiaco

L'asistolia del cuore è un problema serio che lascia un'impronta nella vita di una persona. L'arresto cardiaco trasferito richiede un cambiamento radicale nella vita. Altrimenti, l'asistolia potrebbe ripetersi, ma le probabilità di successo saranno già molto più basse. Abbiamo citato le regole da seguire dopo la morte clinica e il successo della riabilitazione:

  1. Completo abbandono di alcol e fumo.
  2. Ogni farmaco deve essere concordato con il medico. L'auto-trattamento è severamente proibito.
  3. Per rimuovere o ridurre al minimo il contenuto nella dieta di carboidrati, colesterolo e sale veloci. Prima di tutto si tratta di dolciumi, cibi grassi e salsicce.
  4. Dovrebbero essere evitate situazioni stressanti e sforzi fisici elevati.
  5. La modalità del giorno, il programma corretto, un sonno completo e riposo.
  6. Se c'è una malattia che ha causato asistolia, è obbligatorio che una persona sia registrata, visita regolarmente il medico e assume i farmaci prescritti. Alcuni farmaci vengono presi continuamente, il che consente di mantenere il cuore e i vasi sanguigni in uno stato normale.

Misure preventive

L'asistolia che si verifica in caso di incidenti non è prevenibile. Da tali situazioni, nessuno è assicurato. Ma molte patologie del cuore e dei vasi sanguigni che possono portare alla asistolia possono essere prevenute e prevenute. Il segreto è semplice e consiste in pochi punti:

  • visite regolari dal medico;
  • rivolgersi ad un cardiologo non appena compaiono i primi sintomi della malattia;
  • implementazione accurata delle istruzioni fornite da uno specialista;
  • uno stile di vita sano, in cui non ci sarà posto per cattive abitudini, stress, disturbi nella dieta, mancanza di sonno e inattività;
  • gli interventi chirurgici raccomandati dagli specialisti devono essere eseguiti senza indugio.

Il rispetto di queste semplici regole ridurrà significativamente il rischio di asistolia.

È necessario trattare attentamente il tuo organismo, ascoltare i suoi segnali e le sue reazioni. In questo caso, puoi vivere una vita lunga, non offuscata da gravi malattie e problemi come l'asistolia.

Per Saperne Di Più I Vasi