Il tasso di coagulazione del sangue nelle donne. Deviazioni e loro cause

Di grande importanza in campo medico è l'analisi della coagulazione del sangue. Questo indicatore determina la sua capacità di nutrire gli organi interni e fornire informazioni sulla salute di tutto il corpo a loro. Il tempo di coagulazione del sangue determina in larga misura come si verificherà l'adattamento del corpo umano alle varie condizioni ambientali.

Sia una diminuzione che un aumento di questo indicatore possono portare a conseguenze negative. È particolarmente importante notare una violazione della coagulazione del sangue durante la gravidanza, ma in altre situazioni rimane un fattore importante. Se una persona ha una malattia del fegato o una malattia venosa, allora tali studi saranno una componente obbligatoria della diagnosi.

Sia la riduzione e l'aumento della coagulabilità del sangue sono cattive, perché in questo processo la media aurea è estremamente importante.

In che modo il sangue preserva la sua condizione?

Il sangue è in grado di mantenere la propria costanza. Normalmente, mantiene un grado sufficiente di densità, a causa del quale il liquido non viene rilasciato attraverso i vasi sotto l'influenza della pressione. Per il normale funzionamento, non dovrebbe diventare troppo liquido.

Questo è interessante Spesso le donne sono interessate al nome della capacità del sangue di mantenere la loro condizione. Il nome dell'opportunità di ridurre e aumentare la densità è l'emostasi della coagulazione.

I tassi di coagulazione del sangue dipendono da una varietà di fattori. Ad esempio, sono interessati da:

  • Lo stato delle pareti dei vasi sanguigni. Se il loro strato interno è disturbato, ha un effetto crescente sulla coagulazione.
  • Stato piastrinico La loro quantità e capacità di lavoro è molto importante per la salute. Le piastrine nel sangue monitorano l'integrità del letto vascolare. Se necessario, reagiscono immediatamente, il sangue inizia a crollare vigorosamente.
  • Fattori al plasma La loro concentrazione e condizione hanno una grande influenza. Una parte significativa di tali sostanze è prodotta nel fegato, soggetta alla presenza di vitamina K. L'endotelio vascolare ha proprietà simili.

I cosiddetti fattori di anticoagulazione plasmatica possono portare ad una diminuzione del grado di densità. Questi includono sostanze come eparina, antritomina e antiplasmina. Più di loro, maggiore è la diminuzione della concentrazione del sangue.

Con il normale funzionamento del corpo, il sangue mantiene indipendentemente il suo stato ottimale

Il tasso di coagulazione del sangue

Viene effettuato un esame del sangue sulla base sia di un campione di dito che di sangue venoso. Di conseguenza, viene compilato un tavolo, i cui indicatori sono confrontati con le norme. Negli uomini e nelle donne, il grado di coagulazione può differire leggermente, ma il più delle volte la differenza è legata all'età.

  • Conta delle piastrine nel sangue, assunzione del polpastrello. Per uomini e donne, è normale classificare da 150 a 400 g / l. Il sangue dei bambini contiene da 150 a 350 g / l.
  • Coagulazione del sangue di Sukharev, campione capillare. Normalmente, l'esordio è tra 30 secondi e due minuti, il finale è tra tre e cinque minuti.
  • Punteggio Lee-White, sangue venoso. Il tasso normale è da cinque a dieci minuti.
  • La durata del sanguinamento, il recinto del dito. Il tempo non dovrebbe essere più di quattro minuti.
  • Tempo di trombina, sangue da una vena. Dovrebbero volerci circa 11-20 secondi.
  • Indice di protrombina, sangue capillare. Ci dovrebbe essere una percentuale tra 93-107.
  • Indice di protrombina, sangue venoso. Il tasso di interesse è 90-105.
  • Tempo di tromboplastina, sangue da una vena. L'indicatore normale non cambia a seconda del sesso o dell'età, dovrebbe essere sempre nell'intervallo di 35-50 secondi.
  • Fibrinogeno, sangue venoso. Nei bambini nei primi giorni di vita, l'indicatore va da 1,25 a 3 g / l. Negli adulti, il livello è più alto, da due a quattro g / l.

Naturalmente, il processo di coagulazione include molti più indicatori, che sono dettagliati sui coagulogrammi nei laboratori. Tuttavia, i fattori di cui sopra sono una delle chiavi, sono importanti per la diagnosi.

Questo è interessante! Il grado di coagulazione del sangue nelle donne è soggetto a salti e cambiamenti costanti. A volte può essere alto, mentre in altri potrebbe essere basso. Ciò è dovuto all'uso di farmaci ormonali, del ciclo mestruale e della gravidanza.

La coagulabilità del sangue nelle donne cambia quasi costantemente, poiché i livelli ormonali possono cambiare attivamente a causa delle mestruazioni e della gravidanza.

Effetto naturale sui risultati e sul valore degli indicatori

Non sempre le cause dei cambiamenti nella coagulazione si trovano in alcuni processi patologici. Un numero di fattori influisce naturalmente, tra cui:

  • Le mestruazioni. In questo momento, le tariffe sono in calo.
  • Donne incinte In questo momento, il grado di coagulabilità aumenta di solito.
  • Consumo di contraccettivi orali Le droghe ormonali portano ad un aumento.
  • L'uso di anticoagulanti. La loro azione è volta a ridurre la densità del sangue, portando ad un effetto di riduzione.
  • L'effetto delle alte temperature, mancanza di umidità nel corpo. In questi casi, è possibile un aumento dell'indicatore.
  • Intervento esterno Il processo di trasfusione di sangue, interventi chirurgici e lesioni influenzano il livello di coagulazione.

La decodifica dei valori nell'analisi consente di imparare molto sullo stato di salute di una donna o di un uomo. Ad esempio, il conteggio delle piastrine indica quante cellule del corpo saranno in grado di avviare il processo di coagulazione del sangue. Per tempo (il metodo di Sukharev), si può capire se un liquido è capace di creare grumi e quanto tempo ci vuole.

Descrizione di altri indicatori influenti:

  • Il tempo di trombina è associato alla fase finale del processo di coagulazione. Può parlare della presenza di droghe.
  • La durata del sanguinamento determina quanto il corpo è in grado di far fronte alla perdita di sangue. L'analisi di Duke è notevole per la sua semplicità, dal momento che è sufficiente per lui fare un'iniezione nel dito e vedere quanto velocemente il sangue si ferma.
  • L'indice di protrombina indica la coagulazione dei fattori plasmatici.

L'APTTV è sotto molti aspetti simile all'indice di protrombina, ma considera solo i fattori attivi e non tiene conto delle piastrine. Il livello di fibrinogeno rimane. Questa sostanza è responsabile del processo di rafforzamento dei coaguli di sangue.

Un numero enorme di fattori influisce sulle prestazioni dell'analisi: dalle mestruazioni ai contraccettivi orali

Cause patologiche di cambiamenti nel grado di coagulabilità

Se la coagulabilità è aumentata o diminuita, può essere causata non solo da cause naturali, ma anche da malattie. Una cattiva analisi con livelli elevati può risultare in contrasto con le seguenti violazioni:

  • Eccessiva produzione di piastrine da parte del midollo osseo,
  • Sepsi, infezioni, effetti delle tossine,
  • Gravi malattie degli organi interni,
  • Aterosclerosi delle navi
  • Patologie autoimmuni,
  • Malattie endocrine
  • Bassa pressione, insufficienza cardiaca,
  • Disturbi congeniti del sistema anticoagulante,
  • Sindrome DIC (esordio).

Anche le protesi vascolari e le valvole cardiache artificiali sono in grado di aumentare la coagulazione. Il tasso di desolazione del sangue può diminuire a seguito delle seguenti violazioni:

  • leucemia,
  • Disturbi ereditari della coagulazione, emofilia,
  • Cirrosi, insufficienza epatica,
  • L'ultima fase di DIC,
  • Anemia emolitica,
  • L'uso di anticoagulanti, consumo eccessivo di droghe,
  • Mancanza di calcio e vitamina K.

Una cattiva coagulazione del sangue durante la gravidanza è molto pericolosa, ma in altri casi una frequenza troppo bassa o elevata può seriamente danneggiare la salute. La coagulazione rapida può causare coaguli di sangue e una lenta coagulazione può portare a un sanguinamento massiccio.

La coagulabilità può diminuire a causa sia delle cause naturali che della malattia.

Caratterizza l'analisi delle donne incinte

Le donne incinte spesso fanno dei test per determinare il tasso di coagulazione del sangue. Nel processo di trasporto di un bambino, questo indicatore diventa sempre più veloce, questo non è associato alla presenza di malattia. La donazione di sangue consente di monitorare la coagulazione, al fine di ridurne la velocità, se necessario.

Come prendere le prove, regole generali:

  • Questo è fatto al mattino, a stomaco vuoto, in modo da non distorcere i risultati.
  • Quattro giorni prima dell'assegno non puoi bere alcolici.
  • Per due o tre giorni è necessario rifiutare il cibo grasso e piccante.
  • Tra l'ultimo pasto e lo studio dovrebbero essere dodici ore.
  • Alla sera non puoi bere molti liquidi, è permesso consumare solo acqua pulita.
  • È meglio abbandonare temporaneamente uno sforzo fisico significativo.

Nel processo di portare un bambino, molte donne sviluppano DIC. Di conseguenza, incontrano prima una maggiore coagulazione e quindi si riducono. A seconda dell'indicatore nella tabella, il medico selezionerà il trattamento appropriato. Solo uno specialista può decidere come aumentare la coagulazione del sangue, o viceversa, per abbassarlo.

Qualsiasi violazione richiederà cambiamenti nello stile di vita, specialmente in termini di nutrizione. La coagulazione del sangue ridotta richiede vitamine B12 e K, ma la dieta complessiva dovrebbe essere completa. A volte le donne devono passare alle droghe e il trattamento viene effettuato tramite trasfusioni di sangue nelle donne in gravidanza.

Una cattiva coagulazione del sangue in un bambino viene trattata con un effetto complesso, che può includere metodi tradizionali. Ad esempio, è utile che i bambini bevano succhi di bacche rosse, come ribes, mirtilli, lamponi o fragole.

Per le donne incinte, ci sono un certo numero di regole speciali per l'analisi, dal momento che durante la gravidanza lo sfondo ormonale non è il più stabile

Esame del sangue per coagulazione: la norma nei bambini e negli adulti

A volte ogni persona subisce ferite - dai tagli minimi alle grandi ferite. E sostanzialmente, tali lesioni sono accompagnate da sanguinamento. Ma non tutte le volte che devi mettere un laccio emostatico o semplicemente riavvolgere la ferita - con sanguinamento minore si ferma da solo dopo un po '.

La ragione di ciò è la pensosità del corpo umano. Quando sanguina, il corpo stesso inizia a "rappezzare" il punto in cui scorre il sangue. Tale sistema è uno dei più complessi del corpo umano, finalizzato a proteggere l'omeostasi (stato interno) e la vita.

Cos'è la coagulazione del sangue?

La coagulazione del sangue è una fase importante del sistema emostatico

La coagulazione del sangue è un processo che coinvolge molte sostanze e trasformazioni fisiologiche. Il ruolo principale è svolto dalle piastrine - si tratta di cellule del sangue che sono uno dei suoi 4 componenti principali, che hanno una capacità specifica - di modificare la loro forma e le proprietà in presenza di danni alla parete del vaso.

Ma per attivare le piastrine, sono necessari molti più fattori. Sono chiamati fattori di coagulazione, che si trovano principalmente nelle piastrine e nel plasma sanguigno, così come in altre cellule del corpo. Il loro numero è superiore a 35, in realtà la maggior parte di loro sono proteine, meno spesso sostanze a basso peso molecolare. Un ruolo importante è giocato dalla proteina fibrinogenica, è formata dalla fibrina e grazie a una rete di fili, nello stato in cui è contenuta nel sangue, ritarda le piastrine, che contribuisce alla chiusura della ferita.

L'emostasi, o coagulazione del sangue, si manifesta con la vasocostrizione e l'adesione (adesione) delle piastrine ai bordi della ferita.

Pertanto, il flusso sanguigno in quest'area è ridotto, il che consente al coagulo piastrinico di guadagnare un appiglio e, quando è già formato, il diametro dei vasi inizia ad aumentare, ma a questo punto viene attivata la rete di fibrinogeno, che ritarda sia le piastrine che altri elementi del sangue, tra cui globuli rossi, attraverso i quali il colore del coagulo di sangue è rosso.

Ma a volte questi processi sono disturbati, perché l'instabilità di uno solo dei fattori può portare ad un aumento o, al contrario, una diminuzione dell'emostasi. Pertanto, se una persona è preoccupata per un lungo periodo di tempo per interrompere il più lieve sanguinamento, dovrebbe consultare un medico e superare un test di coagulazione del sangue.

A chi viene prescritto un test di coagulazione del sangue?

La coagulazione del sangue è responsabile dell'arresto del sanguinamento in caso di danno al sistema vascolare

Questo test non è prescritto a tutti i pazienti, a differenza degli esami del sangue generali e biochimici. Ciò richiede indicazioni che il medico sta cercando durante una consulenza o un trattamento.

Fondamentalmente, questa analisi viene eseguita da tali gruppi di pazienti:

  • pazienti che sospettano disordini della coagulazione
  • in caso di malattie vascolari
  • in patologie che richiedono un uso costante di farmaci dimagranti
  • durante la gravidanza, specialmente in caso di aborto o aborto spontaneo
  • a rischio sono anche i pazienti con malattie autoimmuni
  • in preparazione per la chirurgia e altre procedure invasive

Preparazione e svolgimento della procedura di analisi

La fase di preparazione, a seconda del paziente, quando si passa questa analisi gioca un ruolo molto importante, perché l'inosservanza delle regole più semplici può influire sui risultati, in conseguenza della quale si può perdere una grave malattia o, al contrario, trattare una malattia che una persona non ha.

Prepararsi per un esame del sangue correttamente!

Innanzitutto, il test di coagulazione del sangue viene somministrato a stomaco vuoto. A stomaco vuoto - questo significa che per qualche tempo prima dell'analisi (una media di 8 ore), dovresti evitare di mangiare cibo e varie bevande (caffè e persino tè). Non dovresti limitarti alla quantità di acqua, ma non esagerare: troppo liquido può anche avere un effetto negativo sui risultati.

Il consumo di cibi grassi, speziati e fritti e di alcol dovrebbe essere limitato a 3 giorni prima del test. Fumare sigarette è indesiderabile, è necessario astenersi da questa cattiva abitudine almeno un paio d'ore prima della procedura.

È anche importante non ricorrere a forti sforzi fisici, perché possono influenzare alcuni indicatori della coagulazione del sangue.

Se il paziente sta assumendo droghe, allora è necessario informare il medico su di esso. La procedura stessa include il campionamento del sangue da una vena, dopo di che il sangue viene posto in una speciale provetta contenente anticoagulante citrato di sodio. Quindi questo sangue viene utilizzato per determinare i parametri di base della coagulazione del sangue.

Indicatori di coagulazione del sangue e loro tasso per età

Questi indicatori includono:

  1. Il tempo di sanguinamento (VC) - viene controllato solo quando analizzato dal dito, questo è il tempo necessario per fermare il sangue dopo la puntura
  2. aggregazione - la proprietà delle piastrine di aderire tra loro e aderire al muro della nave
  3. adesione - il processo di modifica della forma delle piastrine arrotondato con punte
  4. indice di protrombina PTI - il rapporto tra la durata della coagulazione plasmatica del paziente e lo stesso indicatore di una persona sana
  5. tempo di trombina - l'intervallo di tempo durante il quale si forma fibrina fibrina
  6. fibrinogeno - una proteina che è il fattore I nella coagulazione del sangue, si forma nel fegato. Quando attivato, si trasforma in fibrina, la rete di cui ritarda le piastrine, che contribuisce a fermare il sanguinamento
  7. antitrombina III - fattore responsabile della terapia anticoagulante
  8. tempo parziale di tromboplastina attivato APTT - il periodo di tempo durante il quale si forma un coagulo di sangue sotto l'influenza di ioni di calcio (fattore IV) (con globuli rossi)

Oltre agli indicatori principali, l'analisi può includere anche:

  • tempo di ricalcificazione del plasma
  • retrazione del coagulo di sangue

Cause di aumento della coagulazione e possibili complicazioni

L'aumento della coagulazione del sangue può essere un segno di una patologia pericolosa.

Quando la coagulazione del sangue è più del necessario, non c'è nulla di buono in questo. La ragione di questo è l'ispessimento del sangue, a causa del quale non può circolare normalmente attraverso i vasi, che riduce la quantità di ossigeno distribuita in tutto il corpo, aumenta il rischio di coaguli di sangue che possono ostruire la nave in qualsiasi organo.

Ci sono fattori che possono essere la causa di questa patologia: malattie di origine infettiva, malattie del sistema cardiovascolare e sangue, farmaci premiscelati prolungati che aumentano la coagulazione, assunzione di liquidi insufficiente, squilibrio ormonale, riduzione del flusso sanguigno a causa della ridotta attività fisica, suscettibilità alle patologie genetiche del sistema di coagulazione, metabolismo compromesso, malattie autoimmuni. A volte la causa di questa patologia può essere la gravidanza.

Trombofilia (aumento della coagulazione) è difficile da perdere, perché è fortemente riflessa sia nella condizione generale del corpo (mal di testa, sonnolenza, perdita di forza, dolore alle gambe dopo un leggero sforzo), ed è manifestata da segni locali (ematomi dopo piccoli tratti, vene varicose sulle gambe ).

Maggiori informazioni sulle cause del sangue spesso possono essere trovate nel video:

Ma il più grande pericolo si trova altrove: c'è un enorme rischio di infarto miocardico e ictus cerebrale a causa di una maggiore coagulazione del sangue.

In entrambi i casi, i coaguli di sangue bloccano i vasi che riforniscono il cuore o il cervello con l'ossigeno, a seguito del quale l'area diventa necrotica e muore. Nel caso di infarto miocardico, il cuore è difficile da eseguire le sue funzioni, il paziente può morire, e durante un ictus cerebrale, qualsiasi centro vitale può essere danneggiato, che può manifestarsi come paralisi, una violazione di varie funzioni, o può essere fatale.

Cause di ridotta coagulazione del sangue, possibili complicanze

Una bassa coagulazione del sangue può indicare oncologia.

Ma non solo l'aumento della coagulazione del sangue è cattivo. Nel caso opposto, quando il sangue conversa male coagula, la situazione non è migliore.

Chiunque, anche il più piccolo taglio, può causare anemia, e in caso di più infortuni, quando una persona sana può affrontare da solo questo problema, un paziente con questa patologia può soffrire molto per la perdita di sangue.

Ci sono diverse ragioni per questo stato del sistema di coagulazione:

  • malattia del fegato, in cui vengono prodotti i principali fattori responsabili della coagulazione (protrombina e fibrinogeno)
  • anemia causata dall'autodistruzione delle cellule del sangue
  • reazioni allergiche, come anafilassi e orticaria (a causa del rilascio di istamina, la permeabilità delle pareti vascolari aumenta e il sangue si assottiglia)
  • la leucemia, in cui il tessuto ematopoietico non affronta le sue funzioni a causa della sconfitta di un tumore, di conseguenza, gli elementi a forma semplicemente non hanno il tempo di essere prodotti
  • mancanza di vitamina K e calcio
  • sovradosaggio di eparina e uso eccessivo dell'acido acetilsalicilico

Questa patologia è molto pericolosa per la vita, perché una persona che ha questa malattia dovrebbe sempre evitare qualsiasi lesione che possa causare sanguinamento. E se l'infortunio è accaduto, e uno enorme, allora è molto difficile salvare un tale paziente.

Disturbi della coagulazione del sangue durante la gravidanza

Durante la gravidanza, è necessario monitorare i tassi di coagulazione del sangue.

La gravidanza è una condizione che richiede particolare attenzione, perché i cambiamenti nel corpo potrebbero non essere per il meglio. È in queste donne che aumenta il rischio di complicanze in presenza di aumento o diminuzione della coagulazione del sangue e colpisce non solo il paziente, ma anche il nascituro.

In generale, la coagulazione del sangue nelle donne in gravidanza è ridotta, è un meccanismo protettivo per evitare un conflitto tra madre e figlio. Ma questa condizione è pericolosa in quanto può causare aborto, distacco della placenta o emorragia massiva durante il parto.

Pertanto, se si sospetta una di queste condizioni, consultare immediatamente un medico e curare la propria salute con molta attenzione.

Con l'aumento della coagulazione del sangue, c'è anche un grande rischio di aborto spontaneo, distacco della placenta, nascita prematura o anche morte fetale, che è causata da ipossia. La formazione di coaguli di sangue nella placenta è molto pericolosa, può influenzare molto male il bambino e finire per lui letale.

Notato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio per dircelo.

Decifrare l'analisi del sangue per la coagulazione

Grazie al sangue c'è un gran numero di processi vitali nel corpo. Trasporta sostanze nutritive, composti dell'ossigeno, mantiene la temperatura corporea, previene il sanguinamento e svolge altre importanti funzioni. Per determinare la capacità del sangue di formare coaguli, viene eseguito un test di coagulazione o coagulazione. Lo studio del sistema di coagulazione viene condotto nell'ambito di un'analisi biochimica, denominata coagulogramma.

Indicazioni per l'analisi

La coagulabilità (coagulazione) è una fase importante nel funzionamento del sistema emostatico, garantendo la cessazione della perdita di sangue in violazione dell'integrità del sistema vascolare. Il sangue si coagula a causa di una speciale fibrina proteica, che è direttamente coinvolta nella formazione di coaguli di sangue (coaguli). Con il corretto funzionamento del sistema di coagulazione durante il danneggiamento della nave, i coaguli di sangue si attivano immediatamente, bloccando il danno e prevenendo la perdita di sangue.

Il processo di coagulazione è regolato dal sistema endocrino e nervoso. A causa dello stato fluido del sangue, le cellule si muovono senza difficoltà attraverso i vasi e svolgono le funzioni di base. L'analisi della coagulazione del sangue coinvolge lo studio sia della coagulazione che della terapia anticoagulante. L'equilibrio tra lo stato liquido e la formazione di coaguli di sangue garantisce il corretto funzionamento dell'emostasi. Un'analisi della coagulazione del sangue deve essere presa su base obbligatoria con le seguenti indicazioni:

  • malattia del fegato;
  • vene varicose;
  • patologie autoimmuni;
  • malattie del sistema cardiovascolare;
  • la gravidanza;
  • assunzione di anticoagulanti;
  • un eccesso di eparina;
  • metabolismo proteico alterato;
  • lesioni oncologiche;
  • la leucemia;
  • pancreatite cronica;
  • disordini genetici del processo di produzione del fibrinogeno;
  • Sindrome DIC (coagulazione intravascolare disseminata).

Quando le violazioni nel processo di coagulazione possono causare gravi patologie (trombosi, infarto, ictus). Le malattie sono pericolose per la vita se non si fornisce assistenza immediata. Inoltre, il sangue per la coagulazione è necessariamente fatto in preparazione per il trattamento chirurgico, così come durante il recupero dopo di esso.

Il tasso di indicatori di coagulogram

In precedenza, sono stati utilizzati più di trenta metodi per determinare con precisione la coagulazione del sangue. Al momento, ci sono due metodi principali: il metodo di Sukharev e Lee-White. Il sangue per la coagulazione secondo il metodo di Sukharev viene prelevato dal dito e, con il metodo Lee-White, il sangue deve essere donato dalla vena. Considerando le norme degli indicatori, è importante considerare che piccole differenze sono consentite a seconda del laboratorio e dei metodi utilizzati. Come parte del test di coagulazione del sangue, vengono esaminati i seguenti indicatori:

  1. Il tempo di coagulazione (VSC) - normalmente varia da 5 a 10 minuti per il sangue prelevato da una vena; per capillare - 2 minuti. Secondo il metodo di Sukharev, l'inizio della coagulazione dovrebbe iniziare dopo un intervallo compreso tra 30 secondi e 2 minuti, ed essere completato dopo 3-5 minuti. VSK secondo il metodo di Sukharev differisce a causa del fatto che viene utilizzato il sangue capillare.
  2. APTT (tempo di tromboplastina parziale attivata) - l'indicatore viene utilizzato per misurare il percorso di coagulazione interno e totale, il valore normale è compreso tra 25 e 39 secondi.
  3. PTI, la designazione indica l'indice di protrombina è il rapporto tra il PTV del plasma di controllo e quello del plasma del paziente, espresso in percentuale. Il tasso dell'indicatore è compreso tra il 95 e il 105%.
  4. PTV (tempo di protrombina) - la durata della formazione di un coagulo di sangue nel plasma, il valore normale da 11 a 16 secondi.
  5. L'INR (rapporto normalizzato internazionale) - il rapporto tra il PTW del paziente e il PTV regolamentare, è considerato come la norma dallo 0,85 all'1,35%.
  6. Il fibrinogeno è una proteina plasmatica specifica. Il valore normale è nell'intervallo da 2 a 4 g / l per gli adulti e da 1,25 a 3 g / l nei bambini.
  7. Il tempo di trombina (TB) viene esaminato per valutare la fase finale della coagulazione. La velocità dell'indicatore è compresa tra 14 e 21 secondi.
  8. Il tempo di ricalcificazione del plasma (GRP) - mostra quanto tempo ci vuole per formare un coagulo di sangue in un plasma. Il valore normale è compreso tra 1 e 2 minuti.
  9. Tolleranza al plasma con eparina: durante il test, il sistema di coagulazione viene completamente valutato. Serve come un indicatore indiretto del livello di trombina. La velocità del risultato del test da 3 a 11 minuti.
  10. La retrazione del coagulo di sangue è la fase finale della formazione di coaguli di sangue. Normalmente varia dal 44 al 65%.

Quando decifrate il test per la coagulazione nelle donne in gravidanza, altri valori prendono la norma. Il controllo del sistema emostatico è necessario per escludere il sanguinamento durante il travaglio. Le norme per le donne incinte durante l'emotest sono: APTTV - durata da 17 a 20 secondi, fibrinogeno - meno di 6,5 g / l, conta piastrinica - da 131 a 402 mila per microlitro, protrombina - dal 78 al 142%, TV - da 18 fino a 25 secondi.

Decodifica risultati

La decifrazione dei risultati del test di coagulabilità consente di determinare la causa delle deviazioni nel sistema emostatico e di prescrivere il trattamento appropriato. Se il VSC è superiore al valore standard, questo indica una diminuzione della coagulazione. La causa potrebbe essere la terapia coagulante, la malattia del fegato o l'emofilia. VSK diminuisce dopo una forte perdita di sangue o durante l'assunzione di contraccettivi.

L'aumento del valore dell'APTT è notato quando c'è una quantità insufficiente di vitamina K, patologie epatiche. Una diminuzione si verifica con l'emofilia.

Se, al momento di decifrare i risultati del test, viene rilevato un aumento del livello di IPT, questo indica il rischio di trombosi. La crescita contribuisce all'assunzione di contraccettivi, una piccola quantità di liquido consumato e un aumento è possibile nel terzo trimestre di gravidanza. La PIT diminuisce con una carenza di vitamina K, disbatteriosi, enterocolite, a seguito dell'assunzione di diuretici e acido acetilsalicilico in grandi dosi. Si osserva una diminuzione della TB con un eccesso di fibrinogeno e un aumento si verifica con anomalie nel funzionamento del fegato o patologie congenite della produzione di fibrina.

La diminuzione della quantità di fibrinogeno è determinata dai risultati del test in caso di danno epatico cirrotico, epatite, disturbi patologici di VSC, DIC, quantità insufficiente di vitamine B12 e C, tossicosi durante la gravidanza. La crescita del fibrinogeno si verifica con infiammazione e infezione del corpo, polmonite, estese lesioni da ustione, infarto miocardico, dopo trattamento chirurgico. Durante la gravidanza, è importante condurre regolarmente test per la coagulazione del sangue, poiché la placenta durante il parto può causare gravi emorragie. Particolare attenzione dovrebbe essere rivolta all'indicatore VSC.

Alcuni disturbi nel processo di coagulazione possono essere sospettati su alcuni sintomi. Con un aumento di VSC, il sangue non si ferma a lungo con tagli e ferite domestiche. Appaiono lividi e ematomi sottocutanei. Ci sono sanguinamento dal naso e pesanti mestruazioni nelle donne. Di norma, contemporaneamente alla deviazione del VSC, c'è un cambiamento in altri indicatori di coagulazione. Patologie della coagulazione del sangue possono portare a gravi complicanze. Ai primi segni di una violazione, è necessario consultare un medico e controllare il valore degli indicatori del sangue per la coagulazione.

Coagulazione del sangue Fattori, tempo di coagulazione del sangue

Il sangue si muove nel nostro corpo attraverso i vasi sanguigni e ha uno stato liquido. Ma in caso di violazione dell'integrità della nave, forma un coagulo in un periodo sufficientemente breve, che è chiamato un coagulo di sangue o "coagulo di sangue". Con l'aiuto di un coagulo di sangue, la ferita si chiude e l'emorragia si ferma. La ferita guarisce nel tempo. Altrimenti, se il processo di coagulazione del sangue è disturbato per qualsiasi motivo, una persona può morire anche da danni minori.

Perché il sangue si coagula?

La coagulazione del sangue è una reazione protettiva molto importante del corpo umano. Previene la perdita di sangue, pur mantenendo la costanza del suo volume, situato nel corpo. Il meccanismo di coagulazione viene attivato modificando lo stato fisico-chimico del sangue, che si basa sul fibrinogeno proteico disciolto nel suo plasma.

Il fibrinogeno è in grado di trasformarsi in fibrina insolubile, cadendo sotto forma di sottili filamenti. Questi stessi fili possono formare una rete densa con piccole celle, che conserva elementi sagomati. Ecco come si presenta un grumo di sangue. Nel tempo, il coagulo di sangue si ispessisce gradualmente, restringe i margini della ferita e contribuisce così alla sua rapida guarigione. Una volta compattato, il coagulo secerne un liquido chiaro giallastro chiamato siero.

Le piastrine sono anche coinvolte nella coagulazione del sangue, che condensa il coagulo. Questo processo è simile alla produzione di ricotta dal latte quando la caseina (proteina) viene arrotolata e si forma anche il siero di latte. La ferita nel processo di guarigione contribuisce al riassorbimento graduale e alla dissoluzione del coagulo di fibrina.

Come inizia il processo di coagulazione?

AA Schmidt nel 1861 scoprì che il processo di coagulazione del sangue è completamente enzimatico. Ha scoperto che la conversione del fibrinogeno, che è disciolto nel plasma, in fibrina (una proteina specifica insolubile), si verifica con la partecipazione della trombina, un enzima speciale.

Una persona nel sangue ha costantemente una piccola trombina, che si trova in uno stato inattivo, la protrombina, come viene anche chiamata. La protrombina si forma nel fegato umano e viene convertita in trombina attiva mediante l'azione della tromboplastina e dei sali di calcio presenti nel plasma. Va detto che la tromboplastina non è contenuta nel sangue, si forma solo nel processo di distruzione delle piastrine e in caso di danno ad altre cellule del corpo.

L'insorgenza della tromboplastina è un processo piuttosto complicato, poiché oltre alle piastrine sono coinvolte alcune delle proteine ​​contenute nel plasma. In assenza di singole proteine ​​nel sangue, la coagulazione del sangue può essere rallentata o non si verifica affatto. Ad esempio, se una delle globuline è priva di plasma, si sviluppa la ben nota malattia da emofilia (o dall'altra, sanguinamento). Quelle persone che vivono con questa malattia possono perdere quantità significative di sangue a causa anche di un piccolo graffio.

Fase di coagulazione

Pertanto, la coagulazione del sangue è un processo graduale che consiste di tre fasi. Il primo è considerato il più difficile, durante il quale si verifica la formazione del complesso composto di tromboplastina. Nella fase successiva, la tromboplastina e la protrombina (un enzima plasmatico inattivo) sono necessarie per la coagulazione del sangue. Il primo ha un effetto sul secondo e quindi lo trasforma in trombina attiva. E nella terza fase finale, la trombina, a sua volta, influenza il fibrinogeno (una proteina che si scioglie nel plasma sanguigno), trasformandola in fibrina, una proteina insolubile. Cioè, con l'aiuto della coagulazione, il sangue passa da un liquido a uno stato gelatinoso.

Tipi di coaguli di sangue

Esistono 3 tipi di coaguli di sangue o coaguli di sangue:

  1. Un trombo bianco è formato da fibrina e piastrine e contiene un numero relativamente piccolo di globuli rossi. Di solito appare in quei luoghi di danno alla nave, dove il flusso sanguigno ha un'alta velocità (nelle arterie).
  2. Nei capillari (vasi molto piccoli) si formano depositi di fibrina disseminati. Questo è il secondo tipo di coaguli di sangue.
  3. E questi ultimi sono coaguli di sangue rosso. Appaiono in punti di lento flusso di sangue e con l'assenza obbligatoria di cambiamenti nella parete del vaso.

Fattori di coagulazione del sangue

La formazione di un coagulo di sangue è un processo molto complesso, coinvolge numerose proteine ​​ed enzimi che si trovano nel plasma sanguigno, nelle piastrine e nei tessuti. Questi sono fattori di coagulazione. Quelli di loro che sono contenuti nel plasma sono solitamente indicati con numeri romani. L'arabo indica i fattori piastrinici. Nel corpo umano ci sono tutti i fattori di coagulazione del sangue, che sono in uno stato inattivo. Quando una nave viene danneggiata, vengono tutti attivati ​​rapidamente in successione, di conseguenza il sangue si coagula.

Coagulazione del sangue

Per determinare se il sangue coagula normalmente, uno studio è chiamato coagulogramma. Per fare una tale analisi è necessario se una persona ha trombosi, malattie autoimmuni, vene varicose, sanguinamento acuto e cronico. Inoltre, assicurati di passarlo donne incinte e coloro che si stanno preparando per un intervento chirurgico. Per questo tipo di ricerca, il sangue viene solitamente prelevato da un dito o una vena.

Il tempo di coagulazione del sangue è 3-4 minuti. Dopo 5-6 minuti, collassa completamente e diventa un coagulo gelatinoso. Per quanto riguarda i capillari, si forma un coagulo di sangue in circa 2 minuti. È noto che con l'età aumenta il tempo dedicato alla coagulazione del sangue. Quindi, nei bambini dagli 8 agli 11 anni, questo processo inizia tra 1,5-2 minuti e termina già dopo 2,5-5 minuti.

Tassi di coagulazione del sangue

La protrombina è una proteina responsabile della coagulazione del sangue ed è un importante elemento costitutivo della trombina. Il suo tasso è 78-142%.

L'indice di protrombina (PTI) viene calcolato come il rapporto tra PTI assunto come standard per la PTI del paziente in esame, espresso in percentuale. Il tasso è del 70-100%.

Il tempo di protrombina è il periodo di tempo durante il quale si verifica la coagulazione, normalmente 11-15 secondi negli adulti e 13-17 secondi nei neonati. Con questo indicatore, è possibile diagnosticare DIC, emofilia e monitorare le condizioni del sangue durante l'assunzione di eparina. Il tempo di trombina è l'indicatore più importante, normalmente è compreso tra 14 e 21 secondi.

Il fibrinogeno è una proteina del plasma, è responsabile della formazione di un coagulo di sangue, la sua quantità può segnalare l'infiammazione nel corpo. Negli adulti, il suo contenuto dovrebbe essere 2,00 - 4,00 g / l, mentre nei neonati dovrebbe essere 1,25-3,00 g / l.

L'antitrombina è una proteina specifica che fornisce il riassorbimento di un coagulo di sangue formato.

Due sistemi del nostro corpo

Naturalmente, quando sanguinamento è molto importante la coagulazione del sangue veloce, per ridurre la perdita di sangue a zero. Lei stessa deve sempre rimanere in uno stato liquido. Ma ci sono condizioni patologiche che portano alla coagulazione del sangue all'interno dei vasi, e questo rappresenta un pericolo maggiore per gli esseri umani rispetto al sanguinamento. Malattie come la trombosi delle coronarie, la trombosi delle arterie polmonari, la trombosi cerebrale, ecc., Sono associate a questo problema.

È noto che due sistemi coesistono nel corpo umano. Uno contribuisce alla rapida coagulazione del sangue, il secondo in ogni modo lo impedisce. Se entrambi questi sistemi sono in equilibrio, il sangue si coagulerà con danni esterni ai vasi, e al loro interno sarà liquido.

Cosa contribuisce alla coagulazione del sangue?

Gli scienziati hanno dimostrato che il sistema nervoso può influenzare il processo di formazione di coaguli di sangue. Pertanto, il tempo di coagulazione del sangue si riduce con gli stimoli del dolore. I riflessi condizionati possono anche influenzare la coagulazione. Una sostanza come l'adrenalina, che viene rilasciata dalle ghiandole surrenali, contribuisce alla coagulazione precoce del sangue. Allo stesso tempo, è in grado di rendere le arterie e le arteriole più strette e ridurre così la possibile perdita di sangue. La vitamina K e i sali di calcio sono anche coinvolti nella coagulazione del sangue. Aiutano il processo veloce di questo processo, ma c'è un altro sistema nel corpo che lo impedisce.

Cosa impedisce al sangue di coagulare?

Nelle cellule del fegato, i polmoni sono eparina - una sostanza speciale che ferma la coagulazione del sangue. Non forma tromboplastina. È noto che il contenuto di eparina in giovani uomini e adolescenti dopo il lavoro diminuisce del 35-46%, ma negli adulti non cambia.

Il siero di sangue contiene una proteina chiamata fibrinolizina. È coinvolto nella dissoluzione della fibrina. È noto che il dolore di media intensità può accelerare la coagulazione, ma un forte dolore rallenta questo processo. Previene la coagulazione del sangue a bassa temperatura. L'optimum è considerato la temperatura corporea di una persona sana. Nei coaguli di sangue freddo lentamente, a volte questo processo non si verifica affatto.

Aumentare il tempo di coagulazione può sali di acidi (citrico e ossalico), precipitando il necessario per la rapida piegatura di sali di calcio, nonché irudina, fibrinolizina, sodio citrato e potassio. Le sanguisughe mediche possono produrre con l'aiuto delle ghiandole cervicali una sostanza speciale - l'irudina, che ha un effetto anticoagulante.

Coagulabilità nei neonati

Nella prima settimana di vita di un neonato, la coagulazione del suo sangue avviene molto lentamente, ma già durante la seconda settimana, gli indicatori del livello di protrombina e tutti i fattori di coagulazione si avvicinano al normale livello adulto (30-60%). Già 2 settimane dopo la nascita del fibrinogeno nel sangue aumenta notevolmente e diventa come un adulto. Entro la fine del primo anno di vita in un bambino, il contenuto dei rimanenti fattori di coagulazione del sangue si avvicina a quello di un adulto. Raggiungono la norma di 12 anni.

Coagulazione del sangue

La coagulazione del sangue è la fase più importante del sistema emostatico, che è responsabile dell'arresto del sanguinamento in caso di danno al sistema vascolare del corpo. La coagulazione del sangue è preceduta da uno stadio di emostasi vascolare-piastrinica primaria. Questa emostasi primaria è quasi interamente dovuta alla vasocostrizione e al blocco meccanico degli aggregati piastrinici del sito di danno alla parete vascolare. Il tempo caratteristico per l'emostasi primaria in una persona sana è di 1-3 minuti. La coagulazione del sangue (emocoagulazione, coagulazione, emostasi plasmatica, emostasi secondaria) è un complesso processo biologico di formazione nel sangue dei filamenti di proteina della fibrina, che polimerizza e forma trombi, in conseguenza del quale il sangue perde fluidità, acquisendo una consistenza della cagliata. La coagulazione del sangue in una persona sana avviene localmente, nel sito di formazione del tappo piastrinico primario. Il tempo caratteristico di formazione di un coagulo di fibrina è di circa 10 minuti.

contenuto

fisiologia

Il processo di emostasi si riduce alla formazione di un coagulo piastrinico-fibrinico. Convenzionalmente, è diviso in tre fasi [1]:

  1. Spasmo vascolare temporaneo (primario);
  2. La formazione del tappo piastrinico dovuta all'adesione e aggregazione delle piastrine;
  3. Retrazione (contrazione e compattazione) del tappo piastrinico.


Il danno ai vasi sanguigni è accompagnato dall'immediata attivazione delle piastrine. L'adesione (adesione) delle piastrine alle fibre del tessuto connettivo ai bordi della ferita è dovuta alla glicoproteina del fattore di von Willebrand [2]. Contemporaneamente all'adesione, si verifica l'aggregazione piastrinica: le piastrine attivate si attaccano ai tessuti danneggiati e tra loro, formando aggregati che bloccano il percorso verso la perdita di sangue. Appare una spina piastrinica [1]
Dalle piastrine sottoposte all'adesione e all'aggregazione, varie sostanze biologicamente attive (ADP, adrenalina, norepinefrina, ecc.) Sono fortemente secrete, il che porta a un'aggregazione secondaria irreversibile. Contemporaneamente al rilascio di fattori piastrinici, si verifica la formazione di trombina [1], che influisce sul fibrinogeno per formare una rete di fibrina, in cui i singoli globuli rossi e globuli bianchi rimangono bloccati - si forma il cosiddetto coagulo piastrinico-fibrinico (piastrinopenolo). Grazie alla proteina contrattile, la trombosteniina, le piastrine si riuniscono, il tappo piastrinico viene ridotto e compattato e si verifica la sua retrazione [1].

Processo di coagulazione del sangue

Il processo di coagulazione del sangue è prevalentemente la cascata proenzima-enzima, in cui i proenzimi, quando vanno allo stato attivo, acquisiscono la capacità di attivare altri fattori di coagulazione del sangue [1]. Nella sua forma più semplice, il processo di coagulazione del sangue può essere suddiviso in tre fasi:

  1. la fase di attivazione include un complesso di reazioni sequenziali che portano alla formazione della protrombinasi e al passaggio della protrombina alla trombina;
  2. fase di coagulazione - la formazione di fibrina da fibrinogeno;
  3. fase di retrazione - la formazione di un denso coagulo di fibrina.

Questo schema è stato descritto già nel 1905 [3] da Morawitz e non ha ancora perso la sua rilevanza [4].

Metodi di diagnosi della coagulazione del sangue

L'intera gamma di test clinici del sistema di coagulazione del sangue può essere suddivisa in 2 gruppi: [5] test globali (integrali, generali) e test "locali" (specifici). I test globali caratterizzano l'esito dell'intera cascata della coagulazione. Sono adatti per diagnosticare lo stato generale del sistema di coagulazione del sangue e la gravità delle patologie, tenendo contemporaneamente conto di tutti i fattori di influenza associati. I metodi globali giocano un ruolo chiave nella prima fase della diagnosi: forniscono un quadro integrale dei cambiamenti che avvengono nel sistema di coagulazione e consentono di prevedere una tendenza all'ipocoltura o ipocoagulazione nel suo complesso. I test "locali" caratterizzano il risultato del lavoro dei singoli collegamenti nella cascata del sistema di coagulazione del sangue, nonché i singoli fattori di coagulazione. Sono indispensabili per l'eventuale chiarimento della localizzazione della patologia con una precisione del fattore di coagulazione. Per ottenere un quadro completo del lavoro dell'emostasi in un paziente, il medico deve essere in grado di scegliere quale test ha bisogno.
Test globali:

  • Determinazione del tempo di coagulazione del sangue intero (metodo Mas-Magro o metodo Moravits)
  • tromboelastografia
  • Test di generazione della trombina (potenziale della trombina, potenziale trombinale endogeno)
  • Trombodinamika
  • Tempo di tromboplastina parziale attivato (APTT)
  • Test del tempo di protrombina (o test di protrombina, INR, PV)
  • Metodi altamente specializzati per rilevare i cambiamenti nella concentrazione dei singoli fattori


Tutti i metodi che misurano il tempo dal momento dell'aggiunta del reagente (attivatore che attiva il processo di coagulazione) alla formazione di un coagulo di fibrina nel plasma in studio sono metodi cllotted (dall'inglese "Slot" - coagulo).

Coagulazione e coagulabilità del sangue: concetto, indicatori, test e norme

La coagulazione del sangue dovrebbe essere normale, quindi le basi dell'emostasi sono processi equilibrati. È impossibile che il nostro prezioso fluido biologico si coaguli troppo rapidamente - esso minaccia di complicazioni gravi e mortali (trombosi). Al contrario, la lenta formazione di un coagulo di sangue può trasformarsi in un sanguinamento massivo incontrollato, che può anche portare alla morte di una persona.

I meccanismi e le reazioni più complessi, che attirano un certo numero di sostanze in uno stadio o in un altro, mantengono questo equilibrio e quindi consentono al corpo di affrontare abbastanza rapidamente se stesso (senza il coinvolgimento di alcun aiuto esterno) e di recuperare.

Il tasso di coagulazione del sangue non può essere determinato da alcun parametro, poiché molti componenti che si attivano a vicenda sono coinvolti in questo processo. A questo proposito, i test di coagulazione del sangue sono diversi, in cui gli intervalli dei loro valori normali dipendono principalmente dal metodo di conduzione dello studio, nonché in altri casi - sul genere della persona e sui giorni, i mesi e gli anni in cui vivono. E il lettore è improbabile che sia soddisfatto della risposta: "Il tempo di coagulazione del sangue è di 5-10 minuti." Rimangono molte domande...

Tutto importante e tutto necessario.

L'arresto del sanguinamento si basa su un meccanismo estremamente complesso che include molte reazioni biochimiche, in cui è coinvolto un numero enorme di componenti diversi, in cui ognuno di essi svolge il suo ruolo specifico.

regime di coagulazione

Nel frattempo, l'assenza o l'incoerenza di almeno un fattore di coagulazione o un fattore anticoagulante possono compromettere l'intero processo. Ecco alcuni esempi:

  • Una reazione inadeguata dal lato delle pareti delle navi interrompe la funzione di aggregazione adesiva delle piastrine del sangue - piastrine, che l'emostasi primaria "sentirà";
  • La bassa capacità dell'endotelio di sintetizzare e secernere inibitori dell'aggregazione piastrinica (la principale è la prostaciclina) e gli anticoagulanti naturali (antitrombina III) ispessisce il sangue che si muove attraverso i vasi, il che porta alla formazione di convulsioni assolutamente inutili per il corpo, che può sedersi tranquillamente attaccato a stenochku qualsiasi nave. Questi coaguli (trombi) diventano molto pericolosi quando escono e iniziano a circolare nel flusso sanguigno, creando così il rischio di una catastrofe vascolare;
  • L'assenza di tale fattore plasmatico come FVIII, a causa della malattia, l'emofilia A legata al sesso;
  • L'emofilia B si trova negli esseri umani, se per le stesse ragioni (una mutazione recessiva nel cromosoma X, che è noto essere solo uno negli uomini), c'è una mancanza del fattore Kristman (FIX).

In generale, tutto inizia a livello della parete vascolare danneggiata, che, secernendo le sostanze necessarie per assicurare la coagulazione del sangue, attrae le piastrine nel sangue circolanti nel sangue - piastrine. Ad esempio, il fattore di Willebrand, "invocare" piastrine sul sito dell'incidente e promuovere la loro adesione al collagene - un potente stimolatore dell'emostasi, dovrebbe iniziare le sue attività in modo tempestivo e funzionare bene in modo da poter contare sulla formazione di una spina a tutti gli effetti.

Se le piastrine al livello appropriato utilizzano le loro capacità funzionali (funzione di aggregazione adesiva), altri componenti dell'emostasi primitiva (vascolare-piastrinica) diventano rapidamente operativi e formano un tappo piastrinico in breve tempo, quindi per arrestare il sangue che scorre dalla nave microvascolare, puoi fare a meno della speciale influenza degli altri partecipanti nel processo di coagulazione del sangue. Tuttavia, per la formazione di un vero e proprio sughero, capace di chiudere il vaso ferito, che ha un lume più ampio, il corpo non può far fronte senza fattori plasmatici.

Così, nella prima fase (immediatamente successiva alla lesione della parete vascolare), cominciano a verificarsi reazioni successive, in cui l'attivazione di un fattore dà una spinta a portare il riposo in uno stato attivo. E se qualcosa manca o il fattore risulta insostenibile, il processo di coagulazione del sangue viene rallentato o terminato del tutto.

In generale, il meccanismo di coagulazione consiste di 3 fasi, che dovrebbero fornire:

  • La formazione di un complesso di fattori attivati ​​(protrombinasi) e la trasformazione della proteina sintetizzata dal fegato - protrombina, in trombina (fase di attivazione);
  • La trasformazione del fattore proteico I disciolto nel sangue (fibrinogeno, FI) in fibrina insolubile viene effettuata nella fase di coagulazione;
  • Completamento del processo di coagulazione mediante formazione di un denso coagulo di fibrina (fase di retrazione).

Test di coagulazione del sangue

Un processo enzimatico a cascata multistadio, il cui scopo ultimo è la formazione di un grumo capace di chiudere lo "spazio" in una nave, perché il lettore sembrerà sicuramente confuso e incomprensibile, quindi un promemoria del meccanismo dei fattori della coagulazione, enzimi, Ca 2+ (ioni calcio) e una varietà di altri componenti. Tuttavia, a questo proposito, i pazienti sono spesso interessati alla domanda: come rilevare se c'è qualcosa di sbagliato nell'emostasi o calmarsi, sapendo che i sistemi funzionano normalmente? Naturalmente, per tali scopi ci sono test per la coagulazione del sangue.

L'analisi più specifica (locale) dello stato dell'emostasi è ampiamente nota, spesso prescritta da medici, cardiologi e ginecologi ostetrici, il coagulogramma più informativo (emostasiogramma).

Il coagulogramma comprende diversi principali (tempo di tromboplastina parziale fibrinogeno attivato - APTT e alcuni dei seguenti parametri: rapporto normalizzato internazionale - INR, indice di protrombina - PTI, tempo di protrombina - PTV), che riflette la via esterna della coagulazione del sangue, nonché ulteriori indicatori di coagulazione del sangue (antitrombina, D-dimero, PKMK, ecc.).

Nel frattempo, va notato che un tale numero di test non è sempre giustificato. Dipende da molte circostanze: ciò che il medico sta cercando, a quale stadio della cascata di reazioni si concentra la sua attenzione, quanto tempo è disponibile per i medici, ecc.

Imitazione del percorso esterno della coagulazione del sangue

Ad esempio, il percorso esterno di attivazione della coagulazione in laboratorio può simulare uno studio chiamato medici protrombina di Kvik, crollo di Kvik, protrombina (PTV) o tempo di tromboplastina (tutti questi sono designazioni diverse della stessa analisi). La base di questo test, che dipende dai fattori II, V, VII, X, è la partecipazione della tromboplastina tissutale (si unisce al plasma ricalcificato con citrato nel corso del lavoro sul campione di sangue).

I limiti dei valori normali negli uomini e nelle donne della stessa età non differiscono e sono limitati al range del 78 - 142%, tuttavia, per le donne in attesa di un bambino, questo indicatore è leggermente aumentato (ma leggermente!). Nei bambini, al contrario, le norme sono entro limiti più piccoli e aumentano man mano che si avvicinano all'età adulta e oltre:

La riflessione del meccanismo interno in laboratorio

Nel frattempo, per determinare la violazione della coagulabilità del sangue causata dal malfunzionamento del meccanismo interno, la tromboplastina tissutale non viene utilizzata durante l'analisi - ciò consente al plasma di utilizzare solo le proprie riserve. In laboratorio, il meccanismo interno viene tracciato, in attesa che il sangue prelevato dai vasi sanguigni si riduca. L'inizio di questa complessa reazione a cascata coincide con l'attivazione del fattore Hagemann (fattore XII). Il lancio di questa attivazione fornisce varie condizioni (il contatto del sangue con la parete del vaso danneggiato, le membrane cellulari, che hanno subito alcuni cambiamenti), quindi viene chiamato contatto.

L'attivazione del contatto avviene all'esterno del corpo, ad esempio, quando il sangue penetra nell'ambiente esterno e viene a contatto con esso (contatto con il vetro in una provetta, strumentazione). La rimozione degli ioni calcio dal sangue non influisce sul lancio di questo meccanismo, ma il processo non può terminare con la formazione di un coagulo - si ferma nella fase di attivazione del fattore IX, dove il calcio ionizzato non è più necessario.

Il tempo di coagulazione o il tempo durante il quale esso, essendo nello stato liquido prima di questo, viene versato sotto forma di un coagulo elastico, dipende dalla velocità con cui la proteina fibrinogenica, disciolta nel plasma, viene convertita in fibrina insolubile. Esso (fibrina) forma dei filamenti che trattengono i globuli rossi (eritrociti), costringendoli a formare un fascio che copre un buco nel vaso sanguigno danneggiato. Il tempo di coagulazione del sangue (1 ml, prelevato da una vena - metodo Lee-White) in questi casi è limitato in media a 4-6 minuti. Tuttavia, il tasso di coagulazione del sangue, ovviamente, ha una gamma più ampia di valori digitali (temporanei):

  1. Il sangue prelevato da una vena si trasforma in una forma di coagulo da 5 a 10 minuti;
  2. Il tempo di coagulazione Lee-White in una provetta di vetro è di 5-7 minuti, in una provetta di silicone si estende a 12-25 minuti;
  3. Per il sangue prelevato da un dito, i seguenti indicatori sono considerati normali: inizio - 30 secondi, fine sanguinamento - 2 minuti.

Un'analisi che riflette il meccanismo interno viene affrontata al primo sospetto di gravi disturbi emorragici. Il test è molto comodo: viene eseguito rapidamente (finché il sangue scorre o si forma un coagulo in una provetta), non richiede una preparazione speciale senza reagenti speciali e attrezzature complesse. Certamente, i disordini della coagulazione del sangue così trovati suggeriscono una serie di cambiamenti significativi nei sistemi che assicurano il normale stato di emostasi e ci costringono a condurre ulteriori ricerche per identificare le vere cause della patologia.

Con un aumento (allungamento) del tempo di coagulazione del sangue può essere sospettato:

  • Carenza di fattori plasmatici intesi a garantire la coagulazione o la loro innata inferiorità, nonostante il fatto che siano nel sangue a un livello sufficiente;
  • Una grave patologia epatica che ha causato il fallimento funzionale del parenchima dell'organo;
  • Sindrome DIC (nella fase in cui la capacità del sangue di coagulare diminuisce);

Il tempo di coagulabilità del sangue è esteso nei casi di uso di terapia con eparina, pertanto i pazienti che ricevono questo anticoagulante devono essere sottoposti a test frequenti, indicando l'emostasi.

L'indice di coagulazione del sangue considerato diminuisce i suoi valori (accorcia):

  • Nella fase di alta coagulazione (ipercoagulazione) di DIC;
  • In altre malattie che hanno causato lo stato patologico dell'emostasi, cioè quando il paziente ha già un disturbo emorragico e si riferisce ad un aumentato rischio di coaguli di sangue (trombosi, trombofilia, ecc.);
  • Nelle donne che usano contraccettivi orali contenenti ormoni per la contraccezione o per un trattamento a lungo termine;
  • Nelle donne e negli uomini che assumono corticosteroidi (quando si prescrivono farmaci corticosteroidi, l'età è molto importante - molti di loro nei bambini e negli anziani possono causare cambiamenti significativi nell'emostasi, pertanto, sono proibiti per l'uso in questo gruppo).

In generale, le norme differiscono poco

I tassi di coagulazione del sangue (normali) per donne, uomini e bambini (cioè un'età per ogni categoria), in linea di principio, non differiscono molto, sebbene gli indicatori individuali per le donne cambino fisiologicamente (prima, durante e dopo le mestruazioni, durante la gravidanza) pertanto, il sesso di un adulto è ancora preso in considerazione nella ricerca di laboratorio. Inoltre, nelle donne nel periodo di trasporto di un bambino, alcuni parametri devono anche spostarsi un po ', perché il corpo deve interrompere l'emorragia dopo il parto, quindi il sistema di coagulazione inizia a prepararsi in anticipo. L'eccezione rispetto ad alcuni indicatori di coagulabilità del sangue è la categoria dei neonati nei primi giorni di vita, per esempio, nei neonati il ​​PTV è due o tre volte più alto rispetto a maschi e femmine (la norma degli adulti è di 11-15 secondi), e nei bambini prematuri il tempo di protrombina aumenta per 3 - 5 secondi. È vero, già da qualche parte entro il 4 ° giorno di vita, il PTV è ridotto e corrisponde al tasso di coagulabilità del sangue negli adulti.

Per familiarizzare con la norma dei singoli indicatori di coagulazione del sangue e, forse, per confrontarli con i propri parametri (se il test è stato effettuato relativamente di recente e si ha una forma con i risultati dello studio), la seguente tabella aiuterà il lettore:

Per Saperne Di Più I Vasi