Stenosi della valvola mitrale

La stenosi della valvola mitrale è una malattia piuttosto specifica, caratterizzata da un ampio intervallo di tempo tra la formazione di una violazione e la manifestazione dei sintomi. La base della malattia è posta in giovane età, prima dei 20 anni, e le manifestazioni si osservano a 40-50 anni.

Attività cardiaca

Il cuore è un organo muscolare che si trova nella cavità toracica, ha una forma vicina al cono. Il suo peso è 1/200 di peso corporeo, in media 300 grammi L'organo è diviso da una divisione longitudinale in parti destra e sinistra. Ogni parte consiste di un padiglione auricolare e un ventricolo tra cui ci sono valvole di foglia. La valvola tra il ventricolo e l'atrio della metà destra ha tre valvole, la metà sinistra ne ha due. Quest'ultimo è chiamato la valvola bicuspide o mitrale.

Il compito delle valvole - per prevenire il flusso inverso di sangue.

Nel corpo umano, il cuore svolge il ruolo di una sorta di pompa. Crea una differenza di pressione costante nei vasi venosi e arteriosi, che assicura la circolazione sanguigna.

Il ciclo cardiaco consiste di tre fasi:

  • pausa totale: richiede una media di 0,4 secondi. Il sangue dalla vena dovuto alla differenza di pressione entra nell'atrio e poi si sposta nel ventricolo;
  • sistole atriale - dura 0,1 s, le bocche di grandi vene si sovrappongono ai muscoli del miocardio, impedendo il riflusso, il sangue continua a fluire nei ventricoli;
  • sistole ventricolare - 0.3 s, la pressione nei ventricoli aumenta a causa del riempimento con sangue e dei lembi chiusi. Non appena la pressione nei ventricoli raggiunge il valore richiesto, le valvole semilunari si aprono, il ventricolo si contrae e il sangue si sposta verso l'aorta.

Il sangue nella metà destra del cuore viene alimentato attraverso le vene, rispettivamente, il ventricolo destro sposta il sangue nell'arteria polmonare, quindi nei polmoni. Nella parte sinistra del sangue viene erogato attraverso la vena polmonare, viene alimentato nell'aorta e si muove in un ampio cerchio di circolazione sanguigna. La valvola mitrale, situata sul lato sinistro del cuore, garantisce una normale circolazione del sangue ricco di ossigeno.

Descrizione della malattia

La stenosi mitralica è un difetto cardiaco acquisito, che si forma lentamente e presenta sintomi piuttosto vaghi e inespressi. Nel 50% dei casi, la stenosi della valvola mitrale agisce come una malattia indipendente. Negli altri è accompagnato da una lesione di altre valvole o insufficienza.

Quando la malattia ispessisce e deforma i volantini della valvola mitrale: il tessuto muscolare viene parzialmente sostituito dal connettivo. Di conseguenza, l'orifizio mitrale diminuisce.

Normalmente, l'area dell'orifizio atrioventricolare raggiunge 4-6 mq., Vedere con la malattia, la sua dimensione può essere ridotta a 1,5 mq. L'emodinamica nella stenosi mitralica è significativamente compromessa.

Il restringimento dell'orifizio non consente di spostare completamente il sangue dall'atrio al ventricolo, di conseguenza, la pienezza dell'arteria polmonare è insufficiente e la vena polmonare è eccessiva, il che fa sì che quest'ultimo si espanda. Per compensare il fenomeno dello ipertrofia dello sviluppo dell'atrio sinistro - ispessimento delle pareti. In questo modo si ottiene la pressione richiesta per pompare il sangue attraverso un'apertura più stretta. Allo stesso tempo, la pressione di lavoro nell'atrio sinistro sale da 5 a 20-25 mm Hg. Art. I sintomi in questa fase sono solo temporanee crisi di debolezza e mancanza di respiro.

L'aumento della massa muscolare del miocardio compensa il difetto, ma interrompe il lavoro della circolazione polmonare. Se l'orifizio mitralico non diminuisce di meno del 50% dell'originale, questa condizione può diventare stabile e non ha praticamente alcun effetto sulle condizioni del paziente.

Tuttavia, con ulteriore sviluppo, l'immagine cambia. A causa dell'eccessiva pressione nell'atrio sinistro, la pressione sale a destra, così come nelle arterie polmonari e nei polmoni. I sintomi sono caratteristici soffio sistolico, e quando il sangue turbolento appare, diastolico.

Le complicanze più pericolose della stenosi mitralica comprendono la minaccia di edema polmonare.

Stadio della malattia

La stenosi mitralica, in via di sviluppo, passa attraverso 5 stadi. La loro classificazione si basa sul grado di restringimento dell'orifizio atriale-gastrico.

  1. La dimensione del foro rimane entro 4 metri quadrati. non vedere sintomi esterni osservati in questa fase.
  2. La clearance è ridotta a 2 quadrati. cm, c'è una leggera mancanza di respiro dopo il solito sforzo fisico. La sindrome del dolore è assente.
  3. La dimensione del foro è ridotta a 1,5 metri quadrati. Vedi. L'insufficienza respiratoria diventa permanente. In questa fase, uno dei sintomi più caratteristici della malattia appare: con il riposo completo, la mancanza di respiro in posizione orizzontale aumenta piuttosto che diminuire.
  4. Nella quarta fase, il meccanismo di compensazione che garantisce uno stato stabile è completamente distrutto. Tutti i segni di grave ipertensione polmonare si manifestano: costante, grave mancanza di respiro, grave, tosse umida. Il cuore è notevolmente ingrandito, le interruzioni sono evidenti. Insufficienza circolatoria, ristagno di sangue nella grande cerchia
  5. Stadio termico: il lume è quasi completamente bloccato, in assenza di un urgente intervento chirurgico, il paziente muore per un sanguinamento estremo.

sintomatologia

I meccanismi di compensazione coinvolti nelle malattie cardiache rendono difficile la diagnosi e il trattamento e l'assenza di sindromi dolorose nei primi due stadi diventa una causa comune di ignorare la malattia.

I seguenti sintomi possono servire come una seria ragione per cercare aiuto medico:

  • vertigini, brusca perdita di forza a breve termine, pre-incoscienza, che appare sullo sfondo del riposo, e non sforzo fisico;
  • debolezza progressiva, affaticamento, alterata termoregolazione: da un lato, il paziente è costantemente freddo, le mani e i piedi sono freddi, ma anche il caldo è cattivo;
  • c'è una colorazione cianotica di naso, labbra, polpastrelli - cianosi, appare un rossore scarlatto scarlatto - il rossore della bambola;
  • disturbi del cuore, durante l'ascolto, caratteristici suoni sistolici, tremito presistolico, tono di apertura della valvola;
  • l'apparenza di mancanza di respiro durante lo sforzo fisico, e nelle fasi successive - e in uno stato di riposo. È impossibile identificare la malattia solo con questo segno, ma l'aumento della dispnea in posizione orizzontale è molto significativo;
  • la stenosi mitralica è spesso accompagnata da bronchite persistente e varie forme di polmonite;
  • tosse umida con perdita di sangue;
  • dolore spiacevole sordo, che si trova sulla schiena tra le scapole sul lato sinistro del corpo.

La caratteristica più pericolosa delle malattie cardiache è la discrepanza dei sintomi con la gravità della lesione. La malattia si sviluppa così lentamente che la maggior parte delle persone che ne soffrono non nota come riducono lo sforzo fisico.

Molto spesso, la stenosi mitralica viene diagnosticata negli stadi successivi, quando vi sono irregolarità evidenti nel funzionamento del cuore o quando si verificano condizioni speciali - gravidanza. Il principale metodo di trattamento è la chirurgia.

Cause di malattie cardiache

Secondo i cardiologi, l'80% dei casi di malattia sono forniti da reumatismi. Le lesioni reumatoidi si formano prima dei 20 anni e non appaiono per molto tempo se i fattori reumatici sono assenti: autoanticorpi che entrano nel sangue dalle articolazioni malate.

L'esordio della malattia passa spesso inosservato e viene preso per il comune raffreddore. I sintomi della febbre reumatica non sono diversi dalla malattia respiratoria acuta: febbre per un breve periodo, dolori alle ossa, vertigini e debolezza. La febbre dura non più di 5-7 giorni e nella maggioranza assoluta dei casi viene fermata dal corpo da sola.

  • Malattie infettive trasmesse da zecche, causano danni alla cartilagine e al tessuto connettivo. Di conseguenza, gli autoanticorpi che attivano la stenosi mitralica entrano nel sangue.
  • Secondo studi recenti, la tendenza alle malattie cardiache ha anche radici ereditarie: il gene viene trasmesso lungo la linea materna. Tuttavia, questo fattore è predisponente e la causa della malattia non lo è

diagnostica

L'impostazione della diagnosi comprende diversi studi.

Esame del paziente

Un segno esterno caratteristico è il colore viola-bluastro del naso, delle labbra e forse anche delle orecchie e delle mani. Nella descrizione dei sintomi ci sono lamentele di debolezza, mancanza di respiro, vertigini e persino svenimento.

Ricerca fisica

  • Palpazione - quando si esamina l'area sovracardiaca, viene rilevato il tremore presistolico - le fusa del gatto. Se l'ipertensione polmonare ha già raggiunto uno stadio pronunciato, nella parte destra dello sterno si può sentire un battito cardiaco.
  • Auscultazione - un metodo di diagnosi, che consiste nell'ascoltare i toni del cuore con uno stetoscopio. A diversi stadi della malattia si manifestano segni diversi: nel primo stadio, 1 tono è accompagnato da un battito di mani, si sente un tono di apertura della valvola (questo sintomo scompare se si osserva la calcificazione). Nelle fasi successive appare il soffio diastolico.

Test di laboratorio

La diagnosi viene effettuata su una combinazione di dati provenienti da tutti i metodi di ricerca, poiché i risultati non sono specifici.

Elettrocardiografia - registra la differenza potenziale del campo cardiaco elettrico.

La stenosi mitralica sul cardiogramma appare come segue:

1.1. nella seconda derivazione appare un'onda P ampia con una tacca;

1.2. l'asse elettrico del cuore devia a destra;

1.3. c'è un sovrasviluppo del miocardio del ventricolo destro o sinistro e destro.

Radiografia: l'ombra dell'atrio sinistro aumenta, l'esofago si sposta. Oggi, questo metodo diagnostico è usato raramente, in quanto ci sono più informazioni.

Ecocardia - esame ecografico. Sono in corso diversi studi:

3.1. ecocardiografia bidimensionale - i dati ottenuti consentono di valutare il grado di mobilità della valvola, stabilire la presenza di calcificazioni e fibrosi, determinare la posizione delle aderenze. Viene mostrato il metodo diagnostico per selezionare il tipo di trattamento chirurgico;

3.2. Doppler-EchoCG - determina l'area della valvola bicuspide e consente di impostare il gradiente di caduta di pressione durante la transizione attraverso la valvola;

3.3. stress echocardia - eseguito sullo sfondo di uno stress test per la registrazione del flusso sanguigno tricuspidale e transmitrale.

3.4. transesofageo: consente di valutare con maggiore precisione lo stato della valvola, il grado di variazione della struttura, la presenza di un coagulo di sangue nella metà sinistra. Viene utilizzato nel trattamento con valvuloplastica con palloncino, in quanto rivela il rischio di complicanze emboliche.

Trattamento di stenosi

Oggi non ci sono farmaci che possono fermare lo sviluppo della malattia, quindi l'unico metodo di trattamento è la chirurgia. L'indicazione per questo è il secondo stadio della malattia.

Metodi chirurgici

Valvulotomia percutanea a palloncino - il trattamento viene utilizzato in assenza di calcificazione, coaguli di sangue nella metà sinistra, deformità delle strutture sottovalvolari o rigurgito mitralico. Pazienti nominati di giovani e di mezza età, così come i pazienti le cui condizioni non consentono un intervento chirurgico più invasivo.

La procedura è la seguente: il palloncino viene condotto attraverso il setto dall'atrio destro a quello sinistro, alimentato all'orifizio e gonfiato, allontanando i lembi. Le complicazioni dopo l'intervento sono estremamente rare.

  • Comisurotomia - il trattamento è prescritto per trombi nell'atrio sinistro, un grado significativo di calcificazione e simili. In questo caso, le valvole della valvola sono separate da un espansore, che viene eseguito attraverso l'atrio nel ventricolo - il metodo chiuso, o manualmente - la commissurotomia aperta.
  • Valvola protesica - viene eseguita in patologia moderata e grave della valvola e strutture pre-valvola, ipertensione polmonare significativa. Questa è una misura estrema e viene spesso assegnata nei casi in cui non è possibile applicare i due metodi precedenti.

La gravidanza è una controindicazione alla chirurgia per gli stadi lievi e moderati della malattia. In questo caso, è un farmaco. Tuttavia, se l'area del foro è ridotta a 1,5 metri quadrati. vedere e si osserva un aumento dello scompenso cardiaco, si raccomanda l'aborto e la chirurgia. Il trattamento chirurgico viene effettuato nelle fasi successive, quando l'interruzione non è possibile: in questo caso viene prescritta la valvuloplastica con palloncino.

Metodi farmacologici

I farmaci sono usati per prevenire l'endocardite infettiva e ridurre l'insufficienza cardiaca. Durante la preparazione per l'operazione, il paziente subisce anche un ciclo di trattamento con farmaci per controllare i sintomi.

  • Gli anticoagulanti indiretti - ad esempio il warfarin, sono prescritti a pazienti con grave stenosi mitralica, complicanze come la fibrillazione atriale o trombo nell'atrio sinistro. A volte l'acido acetilsalicilico può essere aggiunto se si osservano complicazioni emboliche durante l'assunzione di anticoagulanti.
  • Beta-adrenoblokagora - diltiazem o verapamil, è nominato, se necessario, per rallentare il ritmo dei ventricoli.

regime

I pazienti con stenosi mitralica dovrebbero evitare significativi stress fisici e nervosi. L'esercizio terapeutico è prescritto solo su consiglio di un medico. Uno dei principali requisiti del regime è il sonno adeguato.

Nella fase della compensazione, tutto il trattamento della malattia è ridotto al rispetto del regime corretto.

prevenzione

Poiché i fattori reumatici sono l'agente causale della malattia, la profilassi comprende un esame periodico per determinare il livello di autoanticorpi nel sangue. Soprattutto se è stato registrato lo stadio della febbre reumatica. Dovrebbero essere prese anche misure per prevenire l'infezione da streptococco.

Con lo sviluppo naturale della stenosi mitralica, il tasso di sopravvivenza è del 50%. Con l'intervento chirurgico, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è dell'85-95%. Le complicazioni dopo l'intervento chirurgico sono osservate nel 30% dei pazienti entro 10 anni. Questi indicatori forniscono una seria ragione per prestare attenzione al lavoro del cuore e per consultare un medico ai primi sospetti.

Stenosi mitralica: cause, diagnosi, trattamento

Da questo articolo imparerai: cos'è la stenosi mitralica, le cause principali della sua comparsa. Come si sviluppa la patologia, i suoi sintomi caratteristici. Metodi diagnostici e di trattamento, prognosi per il recupero.

Il restringimento dell'apertura tra l'atrio sinistro e il ventricolo, che impedisce il flusso di sangue intracardiaco, è chiamato stenosi mitralica.

Durante il normale funzionamento del cuore, il flusso sanguigno scorre libero dagli atri ai ventricoli al momento del rilassamento ventricolare dopo la gittata cardiaca e la contrazione miocardica (periodo diastole). In caso di patologia per vari motivi (endocardite infettiva, placche aterosclerotiche), l'orifizio atrioventricolare sinistro diminuisce di dimensioni, si restringe (cicatrizzazione o indurimento dei tessuti delle valvole, aderenze delle valvole), creando un'ostruzione al normale flusso sanguigno:

  • insufficiente quantità di sangue entra nel ventricolo sinistro, la gittata cardiaca cade;
  • nell'atrio sinistro, a causa della pressione, aumenta la resistenza delle pareti della camera cardiaca, si addensano (ipertrofia);
  • si sviluppa ipertensione polmonare (aumento della pressione arteriosa nei vasi polmonari);
  • il ventricolo destro aumenta gradualmente di volume (dilatazione), la sua funzione contrattile è compromessa.

Il risultato è una grave rottura del muscolo cardiaco e della circolazione sanguigna.

Questa variante della stenosi (restringimento dell'orifizio atrioventricolare sinistro) si riferisce a difetti acquisiti, la patologia è pericolosa per lo sviluppo di gravi complicanze - aritmia maligna (fibrillazione atriale), fatale da tromboembolia, sanguinamento (rottura di aneurisma polmonare), edema polmonare.

Infine, è impossibile curare la stenosi, usando metodi chirurgici, è possibile migliorare significativamente la prognosi ed estendere la durata della vita di 2 (con disturbi della fornitura di sangue inespressi, mancanza di respiro dopo lo sforzo) e 3 fasi della malattia (con gravi disturbi del flusso sanguigno, mancanza di respiro da solo).

Prima e dopo l'intervento chirurgico, la patologia viene curata da un cardiologo, un chirurgo cardiaco agisce sulla costrizione.

Cinque stadi della patologia

Tutti i disturbi circolatori (emodinamica) con stenosi della valvola mitrale sono direttamente dipendenti dalla dimensione dell'orifizio atrioventricolare. La sua area in un cuore normale è di 4-6 metri quadrati. cm, con patologia, diminuisce gradualmente:

  1. Un leggero restringimento (area non inferiore a 3 cmq), i disturbi emodinamici non sono pronunciati, possono durare per decenni, corrisponde allo stadio 1 della malattia.
  2. Stenosi mitralica lieve (da 2,9 a 2,3), ci sono deboli manifestazioni di disturbi circolatori e congestione (mancanza di respiro, che si sviluppa a causa dell'attività fisica, che si svolge a riposo), corrisponde allo stadio 2.
  3. Grave contrazione (da 2,2 a 1,7 mq. Cm), evidenti sintomi di dispnea, dispnea da qualsiasi attività (quando si svolgono compiti quotidiani, a piedi), non passa a riposo, corrisponde a 3-4 stadi di stenosi.
  4. Fase critica, quando la stenosi raggiunge la dimensione di 1,0 metri quadrati. cm, corrisponde allo stadio distrofico 5 della malattia. I sintomi del fallimento raggiungono una scala catastrofica, i disturbi circolatori causano cambiamenti irreversibili negli organi e nei tessuti, l'aritmia maligna si sviluppa (forma atriale), è difficile per il paziente muoversi, perde completamente capacità lavorative.

Nella fase di restringimento critico dell'orifizio atrioventricolare, è impossibile ripristinare l'afflusso di sangue e migliorare la prognosi del paziente anche con metodi chirurgici, le violazioni sono rapidamente complicate e il risultato è un risultato letale.

Le principali cause della stenosi mitralica

Le cause più comuni di cicatrici e aderenze (aderenze) dei lembi valvolari sono danni ai tessuti a seguito di una malattia infettiva, disturbi metabolici (iperlipidemia, formazione di placche di colesterolo) e danno cardiaco:

  • reumatismi, artrite reumatoide e endocardite infettiva (80%);
  • aterosclerosi;
  • calcificazione (indurimento del tessuto a seguito della deposizione di calcio nelle cellule);
  • la sifilide;
  • mixoma (neoplasia benigna del cuore);
  • cardiopatia congenita con un difetto del setto atrioventricolare (sindrome di Lyutembache);
  • insufficienza aortica (difetti della valvola aortica che portano a compromissione del flusso ematico intracardiaco);
  • trombi intracardiaci;
  • lesioni al cuore e al petto;
  • radiazioni ionizzanti;
  • intossicazione da droghe (preparati a base di estratti vegetali di assenzio).

A volte la causa della ri-contrazione della valvola mitrale è la chirurgia (30%) per eliminare la stenosi (commissurotomia, protesi valvolare).

sintomi

Nelle prime fasi della malattia è assolutamente asintomatico, senza compromettere la capacità di lavoro e la qualità della vita del paziente, questo periodo può durare per decenni (da 10 a 20 anni).

Stenosi pronunciata della valvola mitrale diventa in fasi quando l'area dell'orifizio atrioventricolare si restringe a 2 metri quadrati. vedere La patologia è caratterizzata da chiari segni di disturbi (tosse con emottisi, attacchi di asma notturni, edema polmonare, fibrillazione atriale). La dispnea severa preoccupa il paziente non solo dopo ogni stress familiare, ma anche nel riposo completo, la patologia progredisce rapidamente, portando alla completa disabilità.

Stenosi della valvola mitrale (stenosi mitralica)

I difetti della valvola mitrale occupano un posto di primo piano tra tutte le cardiopatie acquisite, con la combinazione di stenosi (restringimento) e insufficienza (chiusura incompleta delle valvole) più frequente e stenosi mitralica isolata in circa il 30% dei difetti di questa valvola.

Se è presente una sostituzione del normale tessuto connettivo della valvola al tessuto cicatriziale, allora si sviluppano aderenze e aderenze tra i lembi o nell'anello fibroso che circonda la valvola. Questa condizione patologica è chiamata stenosi mitralica (il sinonimo è la stenosi dell'orifizio atrioventricolare sinistro).

La stenosi della valvola mitrale è una malattia che appartiene al gruppo di cardiopatie acquisite ed è caratterizzata dai seguenti sintomi:

- si verifica a causa di danni organici al tessuto connettivo delle cuspidi valvolari, ad esempio, un processo infiammatorio nel cuore in caso di reumatismi, endocardite batterica;
- a seguito di cambiamenti cicatriziali, si forma un restringimento dell'apertura tra l'atrio e il ventricolo, creando un ostacolo al movimento del sangue dall'atrio al ventricolo;
- questa ostruzione porta ad un aumento della pressione nell'atrio sinistro con ipertrofia (ispessimento delle pareti) e una diminuzione del rilascio di sangue nel ventricolo sinistro e, conseguentemente, nell'aorta; cioè, si sviluppano disturbi emodinamici (flusso del sangue nel cuore e in tutto il corpo);
- senza trattamento chirurgico, il muscolo cardiaco si sta consumando e la sua incapacità di fornire la circolazione del sangue attraverso il corpo, che porta alla rottura del flusso sanguigno e alla nutrizione di tutti i tessuti del corpo.

Cause della stenosi mitralica

Nella maggior parte dei casi, la causa della stenosi mitralica, così come altri difetti cardiaci acquisiti, è reumatismo (febbre reumatica acuta) con lo sviluppo di cardiopatia reumatica - infiammazione dei tessuti muscolari e connettivi del cuore.

I sintomi della stenosi mitralica

La gravità dei segni clinici di stenosi varia a seconda della fase del processo (la classificazione secondo A.N. Bakulev è diffusa in Russia).

Nella fase di compensazione dei sintomi clinici non si osserva il fatto che il cuore e il corpo si adattano ai disturbi anatomici esistenti utilizzando meccanismi compensatori. Questo stadio può durare per molti anni, specialmente se la costrizione dell'anello della valvola non è molto grande - circa 3 cm 2 o più.

Nella fase di sottocompensazione, con il progressivo restringimento dell'orifizio atrioventricolare, i meccanismi adattivi non affrontano l'aumento del carico sul cuore. Appaiono i primi sintomi: mancanza di respiro durante lo sforzo, dolore al cuore e nella regione interscapolare a sinistra con o senza carico, sensazione di interruzioni nel cuore e battito cardiaco accelerato, colorazione della pelle viola o blu delle punte delle dita, orecchie, guance (cianosi), sensazione di freddo, estremità fredde. Può verificarsi anche fibrillazione atriale.

Nella fase di scompenso, si verifica un marcato esaurimento del muscolo cardiaco e si forma il ristagno del sangue, prima nei polmoni e poi in tutti gli organi e tessuti del corpo. La dispnea diventa permanente, il paziente può respirare solo nella posizione semi-seduta (ortopnea), spesso c'è una condizione pericolosa per la vita - edema polmonare.

Più tardi, nella fase di grave scompenso, tosse, emottisi, gonfiore delle gambe e dei piedi, un aumento dell'addome a causa di edema intracavitario, dolore nell'ipocondrio destro dovuto al riempimento di sangue del fegato (può verificarsi cirrosi cardiaca del fegato). Questo stadio può ancora essere reversibile durante la conduzione della terapia farmacologica.

Quindi, nella fase terminale (stadio di cambiamenti irreversibili nel muscolo cardiaco e nel corpo), la pressione arteriosa diminuisce, si verifica gonfiore dell'intero corpo (anasarca). In connessione con la violazione dei processi metabolici nel cuore e in tutti gli organi interni c'è un risultato letale.

Diagnosi della stenosi mitralica

La diagnosi di stenosi mitralica viene stabilita sulla base dei seguenti dati.

1. Esame clinico Pallore della pelle in combinazione con la colorazione cianotica delle guance (arrossamento mitrale), gonfiore delle gambe e dei piedi, un aumento nell'addome attira l'attenzione. Determinato dalla bassa pressione sanguigna in combinazione con un debole polso frequente. Quando si ascoltano gli organi del torace (auscultazione), suoni e toni anomali (il cosiddetto "ritmo di quaglia"), causati dal flusso di sangue attraverso l'apertura ristretta, viene rilevato il respiro sibilante nei polmoni. Quando sondare l'addome (palpazione) è determinato da un aumento del fegato.

2. Metodi di esame di laboratorio. Nell'analisi clinica del sangue, un aumento del livello dei leucociti (globuli bianchi) dovuto a un processo reumatico attivo nel corpo, può essere rilevata una violazione del sistema di coagulazione del sangue. Nell'analisi generale delle urine, appaiono indicatori patologici che indicano una violazione della funzione renale (proteine, leucociti, ecc.). Nell'analisi biochimica del sangue, vengono determinati gli indicatori di funzionalità ridotta del fegato e dei reni (bilirubina, urea, creatinina, ecc.). Anche nel sangue mediante metodi di studi immunologici è possibile identificare i cambiamenti caratteristici del reumatismo (proteina C - reattiva, antistreptolisina, antistreptochinasi, ecc.).

3. Metodi di ricerca strumentale.
- durante un ECG, vengono registrate le alterazioni caratteristiche dell'ipertrofia dell'atriale sinistro e del ventricolo destro, le aritmie cardiache.
- Il monitoraggio dell'ECG a 24 ore rivela possibili disturbi del ritmo cardiaco durante la normale attività domestica, che non sono registrati durante un singolo ECG a riposo.
- La radiografia degli organi del torace determina la congestione nei polmoni, i cambiamenti nella configurazione del cuore dovuti all'espansione delle sue camere.
- ecocardiogramma (ecografia del cuore) è condotta alla visualizzazione delle strutture interne del cuore, rileva la variazione di spessore e mobilità dei lembi valvolari, restringendo la sua apertura, fornisce una misura della zona restringimento. Inoltre, quando l'eco - CG medico determina il grado di disturbi emodinamici (aumento della pressione atriale sinistra, dilatazione e ipertrofia (allargamento) dell'atrio sinistro e ventricolo destro), valuta il grado di deterioramento del flusso di sangue dal ventricolo sinistro nell'aorta (frazione di eiezione, gittata sistolica).

Per area dell'orifizio atrioventricolare distinguere minore stenosi (più di 3 cm quadrati..), stenosi moderato (2.0 - 2.9. Cm quadrati.), Stenosi grave (1,0 -.. 1,9 centimetri quadrati) (. Inferiore a 1,0 centimetri quadrati), La stenosi critica.. La misurazione di questo parametro è importante in termini di paziente, in particolare, la determinazione trattamento chirurgico, come stenosi inferiore a 1,5 sq. vedere è un'indicazione diretta per la chirurgia.

- Prima del trattamento chirurgico o in caso di diagnosi non chiara, può essere indicato il cateterismo cardiaco, in cui la pressione viene misurata nelle camere cardiache e la differenza di pressione è determinata nell'atrio sinistro e nel ventricolo.

L'immagine ottenuta mediante ecocardiografia mostra valvole mitrali addensate (valvole mitrali).

Trattamento della stenosi mitralica

La tattica di condurre con una scelta di un metodo di trattamento (medico, chirurgico o la loro combinazione) è determinata individualmente per ciascun paziente a seconda del grado di stenosi e della fase clinica della malattia.

Quindi, nella fase 1 (compensazione) in assenza di manifestazioni cliniche e con il grado di restringimento dell'apertura atrioventricolare sulla sinistra di oltre 3 metri quadrati. vedere l'operazione non è indicata, e il trattamento farmacologico è volto a prevenire il ristagno del sangue nei vasi dei polmoni (farmaci diuretici, modificazioni della nitroglicerina a lunga durata d'azione - nitrosorbidi, monochinkwe).

Fasi 2 e 3 (subcompensazione e manifestazioni iniziali di scompenso), specialmente in combinazione con un grado di stenosi inferiore a 1,5 metri quadrati. vedere sono indicazioni per il trattamento chirurgico con l'assunzione costante di farmaci.

Nella fase 4 (grave scompenso), l'operazione può prolungare la vita del paziente, ma non per molto tempo, quindi, di norma, in questa fase, il trattamento chirurgico non viene utilizzato a causa dell'alto grado di rischio postoperatorio.

Nel passaggio 5 (terminale) operazione è controindicato a causa di disturbi emodinamici espresse e cambiamenti negli organi interni, pertanto, si applica solo trattamento medico palliativo (facilitare paziente affetto quanto possibile).

La terapia farmacologica della stenosi della valvola mitrale è ridotta alla nomina dei seguenti gruppi di farmaci:

- glicosidi cardiaci (Korglikon, strophanthin, digitossina, ecc.) sono utilizzati in pazienti con ridotta contrattilità ventricolare destra, nonché quando il paziente ha una forma permanente di fibrillazione atriale.
- B - bloccanti (carvedilolo, bisoprololo, Nebilet ecc) vengono utilizzati per la velocità di decelerazione scopo quando un parossismo (episodi) della fibrillazione atriale o la sua forma definitiva.
- Diuretici (diuretici - indapamide, veroshpiron, furosemide, spironolattone, ecc) necessari per "scaricare" la circolazione polmonare (vasi polmonari) e per ridurre il ristagno di sangue negli organi interni.
- ACE inibitori (fosinopril, ramipril, lisinopril, captopril, ecc) e del recettore dell'angiotensina bloccanti 11 (valsartan, losartan, ecc) hanno proprietà kardiprotektornymi - proteggono cuore cellule dall'effetto dannoso di varie sostanze (ad esempio, prodotti della perossidazione lipidica) prodotte in molti e malattie cardiologiche tra cui.
- Nitrati (nitroglicerina nitrosorbid, kardiket ritardano monocinque etc.) sono usati come vazodilalatorov periferico, cioè dilata i vasi sanguigni alla periferia del corpo, che dirige la luce dai vasi sanguigni e quindi ridurre la gravità di apnea.
- farmaci antipiastrinici e anticoagulanti (tromboAss, cardiomagnil, aspirina, eparina, ecc) sono utilizzati per prevenire la formazione di coaguli di sangue nel cuore e dei vasi, soprattutto nella fibrillazione atriale e nel periodo postoperatorio.
- sono necessari antibiotici (penicillina), e farmaci anti-infiammatori (ibuprofene, diclofenac, nimesulide, ecc) durante la fase acuta di febbre reumatica e reumatica a ripetuti attacchi.

Un regime di trattamento esemplare della paziente con stenosi mitralica con segni clinici minimi, senza fibrillazione atriale (somministrazione giornaliera di farmaci per un lungo periodo di tempo, con la possibilità di sostituire il farmaco o il suo dosaggio regolata dal medico curante a seconda della gravità dei sintomi):

- Noliprel A Forte 5 mg / 1,25 mg (5 mg perindopril + 1. 25 mg indapamide) al mattino,
- Concor (bisoprololo) 10 mg una volta al giorno al mattino,
- trombocass 100 mg nel pomeriggio
- nitromint 1 - 2 dosi sotto la lingua per dolore al cuore o mancanza di respiro,
- monochinkwe 20 mg 2 volte al giorno - 2 settimane, poi nitrosorbidi 10 mg 20 minuti prima dell'esercizio.

I trattamenti chirurgici includono:
- Valvuloplastica - attraverso i vasi alla sonda cuore fornito con un palloncino miniatura alla fine, che viene gonfiato al momento attraverso l'apertura atrioventricolare, ei lembi valvolari lacrimazione cucitura,
- commissurotomia a cielo aperto - la chirurgia a cuore aperto viene eseguita con l'accesso alla valvola mitrale e la dissezione delle sue aderenze,
- sostituzione della valvola mitrale - viene spesso utilizzata in combinazione con stenosi e insufficienza valvolare e viene eseguita sostituendo la valvola con una artificiale (impianto meccanico o biologico).

Controindicazioni all'operazione:

- lo stadio di grave scompenso (frazione di eiezione inferiore al 20%) e lo stadio terminale del difetto;
- malattie infettive acute;
- malattie somatiche comuni nella fase di scompenso (asma bronchiale, diabete, ecc.)
- infarto miocardico acuto e altre malattie acute del sistema cardiovascolare (crisi ipertensive, ictus, disturbi del ritmo complessi per la prima volta, ecc.).

Stile di vita con la stenosi mitralica

Per un paziente con questa malattia assicurarsi di osservare le seguenti linee guida: bene e mangiare a destra, limitare la quantità di assunzione di liquidi e di sale, di stabilire un lavoro e di riposo adeguato, dormire bene, limitare l'attività fisica ed eliminare lo stress, tempo per stare all'aperto.

Una donna incinta deve registrarsi con la clinica prenatale in tempo utile per decidere il prolungamento della gravidanza e la scelta del metodo di consegna (di solito con taglio cesareo). Con malformazioni compensate, la gravidanza procede normalmente, ma con marcati disturbi emodinamici, la gravidanza è controindicata.

Complicazioni senza trattamento

Senza trattamento, vi è una progressione inevitabile di disturbi emodinamici, marcata congestione nei polmoni e in altri organi, che porta allo sviluppo di complicanze e morte. Complicazioni di questa malattia sono come l'embolia polmonare (specialmente nei pazienti con fibrillazione atriale), edema polmonare, emorragia polmonare e insufficienza cardiaca acuta.

Complicazioni dell'operazione

Sia nel primo e nel tardo periodo postoperatorio, c'è anche la possibilità di sviluppare complicazioni:

  • endocardite infettiva (lo sviluppo di infiammazione batterica sulle valvole delle valvole, incluso artificiale biologico);
  • la formazione di coaguli di sangue come risultato del lavoro di una protesi meccanica con lo sviluppo di un tromboembolismo - la separazione di un coagulo di sangue e il suo rilascio nei vasi dei polmoni, del cervello, della cavità addominale;
  • degenerazione (distruzione) di una biovalvola artificiale con sviluppo ripetuto di disturbi emodinamici.

tattiche del medico viene a un sondaggio regolare di pazienti mediante ecocardiografia, monitoraggio del sistema di coagulazione del sangue, anticoagulanti scopo di vita e farmaci antiaggreganti piastrinici (clopidogrel, warfarin, dipiridamolo, carillon, aspirina, ecc), il trattamento antibiotico di malattie infettive, interventi addominali, l'attuazione di medici minimi - le procedure di diagnostica ginecologia, urologia, odontoiatria, ecc.

prospettiva

La prognosi della stenosi mitralica senza trattamento è sfavorevole, poiché la morte si verifica nel risultato della malattia. L'età media dei pazienti con tale difetto è 45-50 anni. In modo significativo prolungare la vita e migliorare la sua qualità consente la chirurgia cardiaca (come un metodo di correzione radicale di cambiamenti anatomici e funzionali) in combinazione con farmaci regolari.

Stenosi mitralica (stenosi della valvola mitrale): sintomi e trattamento

Stenosi mitralica (stenosi della valvola mitrale) - i sintomi principali:

  • debolezza
  • Palpitazioni cardiache
  • Mancanza di respiro
  • tosse
  • Dolore al cuore
  • Stanchezza aumentata
  • Disturbo del ritmo cardiaco
  • Tossendo sangue
  • emottisi
  • Insufficienza cardiaca
  • Cianosi labiale
  • Asma cardiaco
  • Cianosi delle unghie
  • Arrossire malsano sulle guance

La stenosi mitralica o mitralica è una malattia pericolosa del sistema cardiovascolare. Il processo patologico porta alla rottura del deflusso naturale di sangue dall'atrio sinistro al ventricolo sinistro. In altre parole, il buco tra loro si restringe. Nel gruppo di rischio principale, donne di età compresa tra 40-60 anni. Ma la metà maschile della popolazione è anche soggetta a questo tipo di malattia cardiovascolare. Secondo le statistiche, la malattia viene diagnosticata nello 0,5-0,8% della popolazione totale del pianeta.

eziologia

La causa più comune dello sviluppo del processo patologico è il reumatismo. È interessante notare che la malattia può iniziare a svilupparsi in modo asintomatico. I primi segni di stenosi mitralica possono manifestarsi dopo 10-15 anni dall'insorgenza dello sviluppo della malattia. Naturalmente, questa circostanza complica enormemente il processo di trattamento.

Inoltre, la stenosi mitralica può verificarsi a causa dei seguenti fattori:

  • lesioni al cuore o al torace;
  • endocardite infettiva;
  • aterosclerosi;
  • malattie causate da infezione;
  • trombi intracardiaci.

Nei casi clinici più rari, la stenosi della valvola mitrale può essere dovuta a anomalie congenite. Ma, come dimostra la pratica medica, nell'80% dei casi, la stenosi della valvola mitrale acquisita viene diagnosticata nei pazienti.

Sullo sfondo di un tale difetto, si possono formare altre malattie. Il più comune è l'insufficienza aortica.

Sintomi generali

Nella fase iniziale, il disturbo potrebbe non dare alcun sintomo. Con il progredire della malattia, possono verificarsi i seguenti sintomi:

  • aumento della fatica;
  • mancanza di respiro, anche con un leggero sforzo;
  • tosse con sangue;
  • aritmia o tachicardia;
  • attacchi di asma durante la notte.

Negli stadi successivi della malattia, i segni di stenosi mitralica possono essere più pronunciati. Soprattutto il dottore può identificare interruzioni nel lavoro del cuore con l'aiuto dell'auscultazione. Nel tardo stadio, la dispnea nell'uomo viene osservata anche a riposo. I sintomi dell'asma stanno diventando più frequenti, e non solo di notte.

Tale sintomo come mancanza di respiro - questo è il primo e più vero segno di malattia. Ma allo stesso tempo, un tale sintomo, così come l'emodinamica, possono indicare altre malattie. Pertanto, è necessario consultare un cardiologo per una diagnosi accurata.

Cambia gradualmente l'aspetto del paziente. Cianosi osservata delle labbra e persino della punta delle dita. Un rossore malsano potrebbe apparire sulle guance. Questi sono anche i sintomi caratteristici della malattia.

La stenosi mitralica può essere fatale se non trattata tempestivamente. Secondo le statistiche, questa malattia porta alla morte nel 40% dei casi.

Forme di malattia

Nella medicina ufficiale, ci sono tre fasi nello sviluppo della malattia. Vengono diagnosticati in base all'area dell'orifizio mitralico:

  • forma leggera - un foro di almeno 2 e non più di 4 centimetri quadrati;
  • buco moderato da 1 a 2 centimetri quadrati;
  • buco pesante meno di 1 centimetro quadrato.

Di norma, la forma lieve della stenosi mitralica si manifesta senza alcun sintomo. È possibile diagnosticare una malattia per caso, durante la ricerca di altre malattie.

Fasi dello sviluppo della malattia

In totale, i medici identificano cinque stadi di sviluppo della stenosi mitralica:

  • il primo è il pieno risarcimento. Non ci sono segni di irregolarità cardiache;
  • il secondo è una violazione della circolazione del sangue in un piccolo cerchio. I sintomi possono essere osservati solo con un aumento dello sforzo fisico;
  • il terzo - ristagno di sangue nel piccolo cerchio e disturbi nel grande cerchio della circolazione sanguigna;
  • il quarto - indicatori pronunciati di disturbi circolatori nel sistema cardiovascolare, sintomi di insuccesso iniziale, ben uditi attraverso l'auscultazione;
  • il quinto è lo stadio distrofico. Ci sono segni di insufficienza cardiaca acuta.

Vale la pena notare che le complicazioni possono verificarsi in qualsiasi stadio della malattia. In questo caso, tutto dipende dalle condizioni generali del paziente, dalla sua età e dal quadro clinico della malattia.

diagnostica

Se questi sintomi si verificano nel corpo, è necessario contattare immediatamente il cardiologo per ottenere una diagnosi e confermare o negare la presenza di patologia nel corpo. Il fatto è che la manifestazione di questi sintomi non significa che il paziente abbia una stenosi mitralica. Pertanto, fare una diagnosi da solo è inaccettabile in ogni caso.

La diagnosi della malattia consiste in un esame personale, un'auscultazione, metodi di ricerca strumentali e di laboratorio.

Inizialmente, si scopre la storia di esattamente quando i sintomi hanno cominciato a comparire e se i fattori che lo hanno preceduto erano eccessivi sforzi fisici, stress, interventi chirurgici e così via. Assicurati che il dottore esegua l'auscultazione (ascoltando il cuore). Il metodo di auscultazione consente la pre-diagnosi, prima che venga eseguita una diagnosi più approfondita.

Il programma standard per la diagnosi della stenosi mitralica include quanto segue:

Sulla base dei risultati di questo sondaggio, possono essere prescritte le seguenti procedure:

Inoltre, le analisi strumentali sono necessariamente assegnate:

  • ECG;
  • ECHO (ecocardiografia);
  • Esame a raggi X del torace;
  • Ecocardiografia transesofagea - poiché la sonda alimentare è molto vicina al cuore, questo metodo di ricerca consente di vedere i contorni del cuore e le dimensioni dell'orifizio mitrale.

Uno studio ECG, se si sospetta un tale processo patologico, è obbligatorio. L'auscultazione può indicare solo approssimativamente l'estensione della lesione. A proposito, un esame ECG è necessario se vi è il sospetto di un malfunzionamento nel sistema cardiovascolare.

Oltre a questi metodi di ricerca e consultazione con un cardiologo, potrebbe essere necessario consultare un reumatologo e un cardiochirurgo. Il medico può dare tali appuntamenti solo se il restringimento dell'orifizio ha raggiunto una forma moderata o grave.

trattamento

Se al paziente viene diagnosticata una stenosi mitralica, il trattamento di questa malattia può essere di due tipi: conservativo o operabile. Nella maggior parte dei casi, l'intervento operabile viene applicato se l'apertura è inferiore a 2 centimetri quadrati e si osserva un'insufficienza cardiaca acuta.

Trattamento conservativo

Oltre ad assumere farmaci di uno stretto spettro d'azione per il trattamento della stenosi della valvola mitrale, al paziente viene prescritta una dieta speciale.

Vale la pena notare che i farmaci non eliminano la malattia. Rimuovono solo i sintomi generali e inibiscono lo sviluppo del processo patologico. Il medico prescrive farmaci con un tale spettro d'azione:

  • beta-bloccanti - per prevenire sovraccarico emotivo e stress;
  • diuretici (farmaci diuretici);
  • farmaci antiaritmici - per ripristinare il ritmo naturale del cuore;
  • antibiotici - per prevenire la formazione di un processo infettivo.

Anche per il periodo di trattamento medico della stenosi mitralica, al paziente viene prescritto un ciclo completo di vitamine e minerali essenziali. Inoltre, assicurarsi di escludere l'esercizio.

Metodo di trattamento chirurgico

Il trattamento della stenosi mitralica con un metodo chirurgico viene utilizzato se l'orifizio mitralico è inferiore a 2-3 centimetri quadrati. Soprattutto, è impossibile posticipare l'operazione se il paziente ha insufficienza cardiaca acuta.

Tre tipi di chirurgia sono usati per trattare la stenosi mitralica:

  • commissurotomia percutanea;
  • commissurotomia aperta dell'orifizio mitralico;
  • commissurotomia chiusa dell'orifizio mitralico.

Se viene diagnosticato un danno grave alla valvola, vengono utilizzate le protesi - sostituendo la valvola nativa con una artificiale.

Dopo l'intervento, il paziente deve sottoporsi a un lungo corso di riabilitazione. Poiché è possibile la formazione di endocardite infettiva e insufficienza cardiaca, al paziente viene prescritto un ciclo aggiuntivo di trattamento farmacologico. Compresi gli antibiotici.

Assicurati di seguire un cardiologo. Ad ogni ricevimento, il medico può utilizzare il metodo di auscultazione per la diagnosi tempestiva delle possibili complicanze. Periodicamente, il paziente deve condurre uno studio ECG.

dieta

Il trattamento della stenosi mitralica in una fase precoce implica una dieta speciale. L'uso di tali prodotti dovrebbe essere completamente escluso dalla dieta:

Se una persona fuma, questo dovrebbe essere escluso, ma gradualmente. Un forte rifiuto della nicotina può essere un grande stress per il corpo.

Possibili complicazioni

Se non si inizia il trattamento in modo tempestivo, allora tali possibili complicazioni della stenosi mitralica:

  • insufficienza cardiaca acuta;
  • asma cardiaco (insufficienza ventricolare sinistra);
  • aumento della pressione nell'arteria polmonare;
  • disturbo del ritmo cardiaco;
  • intasamento dei vasi sanguigni con coaguli di sangue (questo può essere fatale);
  • ingrandimento anormale dell'atrio sinistro.

Quest'ultimo può portare alla compressione delle terminazioni nervose e degli organi prossimali. Questa complicazione comporta altre malattie.

Va tenuto presente che le complicazioni della stenosi mitralica sono possibili solo se il trattamento non viene avviato tempestivamente.

prospettiva

Di norma, il corretto corso del trattamento e l'intervento operabile danno buoni risultati. Complicazioni o l'occorrenza di altre malattie di fondo - il cuore, l'insufficienza ventricular sinistra non è osservato.

Con un'operazione tempestiva, il tasso di sopravvivenza è dell'85-95%. Con il decorso naturale della malattia, il tasso di sopravvivenza non supera il 50%.

prevenzione

Per eliminare completamente questa malattia è impossibile. Ma alcune misure per ridurre il rischio di un processo patologico possono essere prese. Per fare ciò, applica queste semplici regole nella pratica:

  • una buona alimentazione, con una gamma completa di vitamine e minerali;
  • esercizio moderato;
  • cammina all'aria aperta, riposo adeguato.

Dovrebbe, se non eliminare completamente, almeno ridurre le situazioni stressanti e nervose nella vita di una persona.

È molto importante iniziare il trattamento dell'angina in modo tempestivo. È questa malattia che può provocare disturbi associati al sistema cardiovascolare. Monitora la tua salute e cerca prontamente assistenza medica.

Se pensi di avere una stenosi mitralica (stenosi della valvola mitrale) e i sintomi caratteristici di questa malattia, allora il tuo cardiologo può aiutarti.

Suggeriamo inoltre di utilizzare il nostro servizio di diagnostica online delle malattie, che seleziona le possibili malattie in base ai sintomi inseriti.

I difetti cardiaci sono anomalie e deformazioni delle singole parti funzionali del cuore: valvole, pareti divisorie, aperture tra vasi e camere. A causa del loro malfunzionamento, la circolazione sanguigna viene disturbata e il cuore cessa di svolgere pienamente la sua funzione principale: la fornitura di ossigeno a tutti gli organi e i tessuti.

Difetti cardiaci acquisiti - malattie associate a funzionamento alterato e struttura anatomica del muscolo cardiaco. Di conseguenza, c'è una violazione della circolazione intracardiaca. Questa condizione è molto pericolosa, in quanto può portare allo sviluppo di molte complicazioni, in particolare, insufficienza cardiaca.

La silicosi polmonare è una condizione patologica causata dall'esposizione prolungata alla polvere contenente silice sugli organi respiratori umani. Questo effetto patologico porta alla proliferazione del tessuto connettivo e alla formazione di noduli nel tessuto polmonare.

Il reumatismo è una patologia infiammatoria, in cui la concentrazione del processo patologico si verifica nel rivestimento del cuore. Molto spesso, le persone con una tendenza ad ammalarsi con la malattia presentata hanno 7-15 anni. Solo una terapia immediata ed efficace aiuterà a far fronte a tutti i sintomi ea superare la malattia.

Il tromboembolismo o la sindrome tromboembolica non è una singola malattia, ma un complesso di sintomi che si sviluppa quando si forma un coagulo di sangue nei vasi o quando un sangue, linfa o coaguli d'aria si dirigono verso di loro. Come risultato di questa condizione patologica, si sviluppano attacchi di cuore, ictus o cancrena. Il tromboembolismo può colpire i vasi del cervello, del cuore, dell'intestino, dei polmoni o degli arti inferiori.

Con l'esercizio e la temperanza, la maggior parte delle persone può fare a meno della medicina.

Stenosi mitralica

La stenosi mitralica è un restringimento dell'area dell'orifizio atrioventricolare sinistro, che porta all'ostruzione del flusso fisiologico del sangue dall'atrio sinistro al ventricolo sinistro. Dal punto di vista clinico, la stenosi mitralica si manifesta con affaticamento aumentato, irregolarità del cuore, mancanza di respiro, tosse con emottisi e disagio al petto. La diagnosi auscultazionale, la radiografia, l'ecocardiografia, l'elettrocardiografia, la fonocardiografia, la cateterizzazione delle camere cardiache, l'atrio e la ventricolografia vengono eseguite per rilevare la stenosi mitralica. Nella stenosi grave è indicata la valvuloplastica con palloncino o la commissurotomia mitralica.

Stenosi mitralica

La stenosi mitralica è una malattia cardiaca acquisita caratterizzata da restringimento dell'apertura atrioventricolare sinistra. In cardiologia, la stenosi mitralica viene diagnosticata nello 0,05-0,08% della popolazione. La stenosi mitralica può essere isolata (40% dei casi), in combinazione con insufficienza valvolare mitralica (difetto mitralico combinato) o con danno ad altre valvole cardiache (difetto mitralico-aortico, difetto mitralico-tricuspidale). La stenosi mitralica è 2-3 volte più frequente nelle donne, principalmente all'età di 40-60 anni.

Cause della stenosi mitralica

Nell'80% dei casi, la stenosi mitralica ha un'eziologia reumatica. Il debutto dei reumatismi di solito si verifica prima dei 20 anni di età e la stenosi mitralica clinicamente pronunciata si sviluppa dopo 10-30 anni. Tra le cause meno comuni di stenosi mitralica, si segnalano endocardite infettiva, aterosclerosi, sifilide e lesioni cardiache.

Rari casi di stenosi mitralica di natura non reumatica possono essere associati a grave calcificazione delle cuspidi della valvola mitrale e dell'anello, mixoma dell'atrio sinistro, difetti cardiaci congeniti (sindrome di Lyutembashe) e trombi intracardiaci. Forse lo sviluppo della restenosi mitralica dopo la commissurotomia o la valvola mitrale protesica. Lo sviluppo della stenosi mitralica relativa può essere accompagnato da insufficienza aortica.

Caratteristiche dell'emodinamica nella stenosi mitralica

Nell'area normale dell'orifizio mitrale è di 4-6 metri quadrati. cm, e il suo restringimento a 2 quadrati. cm e meno accompagnato dall'insorgenza di disturbi emodinamici intracardiaci. La stenosi dell'orifizio atrioventricolare impedisce l'espulsione del sangue dall'atrio sinistro nel ventricolo. In queste condizioni si attivano i meccanismi compensatori: la pressione nella cavità atriale sale da 5 a 20-25 mm Hg. Art., Si verifica un allungamento della sistole atriale sinistra, si sviluppa l'ipertrofia del miocardio atriale sinistro, che insieme facilita il passaggio del sangue attraverso l'orifizio mitralico stenotico. Questi meccanismi inizialmente consentono di compensare l'effetto della stenosi mitralica sull'emodinamica intracardiaca.

Tuttavia, l'ulteriore progressione della stenosi mitralica e la crescita della pressione transmitrale gaudient è accompagnata da un aumento retrogrado della pressione nel sistema vascolare polmonare, che porta allo sviluppo di ipertensione polmonare. In condizioni di un aumento significativo della pressione nell'arteria polmonare, il carico sul ventricolo destro aumenta e diventa difficile svuotare l'atrio destro, che causa l'ipertrofia del cuore destro.

A causa della necessità di superare una significativa resistenza nell'arteria polmonare e lo sviluppo di alterazioni sclerotiche e distrofiche nel miocardio, la funzione contrattile del ventricolo destro diminuisce e si verifica la sua dilatazione. Ciò aumenta il carico sull'atrio destro, che alla fine porta al decompensamento circolatorio in un ampio cerchio.

Classificazione della stenosi mitralica

Nell'area del restringimento dell'orifizio atrioventricolare sinistro, si distinguono 4 gradi di stenosi mitralica:

  • Grado I - stenosi mitralica minore (area del foro> 3 cmq)
  • Grado II - moderata stenosi mitralica (area del foro 2,3-2,9 cmq)
  • Grado III - stenosi mitralica pronunciata (area di apertura 1.7-2.2 mq. Cm)
  • IV grado - stenosi mitralica critica (area di apertura 1.0-1.6 mq. Cm)

In accordo con la progressione dei disturbi emodinamici, il decorso della stenosi mitralica passa attraverso 5 fasi:

  • I - stadio di completa compensazione della stenosi mitralica dell'atrio sinistro. Non ci sono lamentele soggettive, tuttavia, l'auscultazione rivela segni diretti di stenosi.
  • II - stadio dei disturbi circolatori in un piccolo cerchio. I sintomi soggettivi si verificano solo durante l'esercizio.
  • III - lo stadio di segni pronunciati di stagnazione nel piccolo cerchio e i primi segni di disturbo circolatorio nel grande cerchio.
  • IV - una fase dei segni espressi di ristagno in un cerchio piccolo e grande di circolazione del sangue. I pazienti sviluppano fibrillazione atriale.
  • V - stadio distrofico, corrisponde allo stadio III dell'insufficienza cardiaca

I sintomi della stenosi mitralica

I segni clinici di stenosi mitralica si verificano solitamente quando l'area dell'orifizio atrioventricolare è inferiore a 2 metri quadrati. vedere C'è affaticamento marcato, mancanza di respiro durante lo sforzo fisico, e poi a riposo, tosse con scarico di strisce di sangue nell'espettorato, tachicardia, alterazione del ritmo cardiaco per tipo di extrasistole e fibrillazione atriale. In caso di grave stenosi mitralica, ortopnea, asma notturno e nei casi più gravi si verifica edema polmonare.

In caso di ipertrofia significativa dell'atrio sinistro, può verificarsi la compressione del nervo ricorrente con lo sviluppo di disfonia. Circa il 10% dei pazienti con stenosi mitralica lamenta dolore al cuore, non associato a sforzo fisico. Con concomitante aterosclerosi coronarica, ischemia subendocardica, può verificarsi angina. I pazienti spesso soffrono di bronchite ricorrente, broncopolmonite, polmonite cronica. Quando combinato con la stenosi mitralica con insufficienza mitralica, spesso si unisce l'endocardite batterica.

L'aspetto dei pazienti con stenosi mitralica è caratterizzato da cianosi delle labbra, dalla punta del naso e delle unghie, dalla presenza di una limitata guance viola-bluastre ("mitral blush" o "doll blush"). L'ipertrofia e la dilatazione del ventricolo destro spesso causano lo sviluppo della gobba cardiaca.

Quando si sviluppa l'insufficienza ventricolare destra, compaiono pesantezza nell'addome, eptomegalia, edema periferico, gonfiore delle vene del collo e dell'ubriacatura delle cavità (idrotorace destro, ascite). La principale causa di morte nella stenosi mitralica è l'embolia polmonare.

Diagnosi della stenosi mitralica

Quando si raccolgono informazioni sullo sviluppo della malattia, la storia reumatica può essere rintracciata nel 50-60% dei pazienti con stenosi mitralica. La palpazione dell'area sopracardiaca rivela le cosiddette "fusa di gatto" - il tremore presistolico, le percussioni del bordo del cuore sono spostate verso l'alto e verso destra. Il quadro auscultatorio della stenosi mitralica è caratterizzato dall'applauso del tono I e dal tono dell'apertura della valvola mitrale ("click mitralico"), la presenza di soffio diastolico. La fonocardiografia consente di correlare il rumore udito all'una o all'altra fase del ciclo cardiaco.

L'esame elettrocardiografico (ECG) nella stenosi mitralica rivela ipertrofia ventricolare sinistra e destra, aritmie cardiache (fibrillazione atriale, extrasistole, tachicardia parossistica, flutter atriale), blocco del fascio destro di His.

Utilizzando l'ecocardiografia, è possibile rilevare una diminuzione dell'area dell'orifizio mitrale, un sigillo sulle pareti della valvola mitrale e un anello fibroso e un aumento dell'atrio sinistro. Un echoCG transesofageo nella stenosi mitralica è necessario per escludere vegetazioni e calcificazione delle valvole, la presenza di coaguli di sangue nell'atrio sinistro.

I dati radiografici (radiografia del torace, radiografia del cuore con contrasto esofageo) sono caratterizzati da rigonfiamento dell'arteria polmonare, atrio sinistro e ventricolo destro, configurazione mitrale del cuore, espansione delle ombre delle vene cave, aumento del pattern polmonare e altri segni indiretti di stenosi mitralica.

Quando si suona la cavità del cuore, una maggiore pressione si trova nell'atrio sinistro e nella parte destra del cuore, un aumento del gradiente di pressione transmitrale. Ventricolografia sinistra e atriografia, così come l'angiografia coronarica sono mostrati a tutti i candidati per la sostituzione della valvola mitrale.

Trattamento della stenosi mitralica

La terapia farmacologica nella stenosi mitralica è necessaria per prevenire l'endocardite infettiva (antibiotici), ridurre la gravità dell'insufficienza cardiaca (glicosidi cardiaci, diuretici), arrestare le aritmie (beta-bloccanti). Con una storia di tromboembolismo, l'eparina sottocutanea viene somministrata sotto il controllo dell'INR e vengono somministrati agenti antipiastrinici.

La gravidanza non è controindicata nelle donne con stenosi mitralica se l'area dell'orifizio mitralico è superiore a 1,6 metri quadrati. cm e non ci sono segni di decompensazione cardiaca; altrimenti, la gravidanza è terminata per ragioni mediche.

Il trattamento chirurgico della stenosi mitralica viene effettuato negli stadi II, III, IV di alterata emodinamica. In assenza di deformazione delle valvole, calcificazione, lesioni dei muscoli papillari e accordi, può essere eseguita la valvuloplastica con palloncino. In altri casi, viene mostrata una commissurotomia chiusa o aperta, durante la quale vengono sezionate le aderenze, i foglietti della valvola mitrale vengono liberati dalle calcificazioni, i trombi vengono rimossi dall'atrio sinistro, l'annuloplastica viene eseguita con insufficienza mitralica. La deformazione ruvida dell'apparato valvolare è alla base della valvola mitrale protesica.

Prognosi e prevenzione della stenosi mitralica

La sopravvivenza a 5 anni con un decorso naturale della stenosi mitralica è del 50%. Anche una piccola stenosi mitralica asintomatica è soggetta a progressione a causa di ripetuti attacchi di cardiopatia reumatica. Il tasso di sopravvivenza postoperatoria a 5 anni è dell'85-95%. La ristenosi postoperatoria si sviluppa in circa il 30% dei pazienti entro 10 anni, che richiede un campione di riproduzione mitrale.

La prevenzione della stenosi mitralica consiste nel condurre la profilassi anti-recidiva dei reumatismi, nella riabilitazione dei focolai di infezione streptococcica cronica. I pazienti sono soggetti all'osservazione di un cardiologo e di un reumatologo e di un regolare esame clinico e strumentale per escludere la progressione della stenosi mitralica.

Per Saperne Di Più I Vasi