Revisione dell'insufficienza vertebrale basilare (VBI): cause e trattamento

Da questo articolo imparerai: cos'è l'insufficienza vertebro basilare: i suoi sintomi e trattamento, e quale dottore contattare.

L'insufficienza basilare di Vertebro (VBN abbreviato) è un complesso di sintomi di cambiamenti focali e cerebrali reversibili. Questa condizione è causata da una mancanza di afflusso di sangue al cervello da parte delle arterie vertebrali e basilari.

Le arterie che alimentano il ramo cerebrale dall'arteria senza nome a destra e dalla succlavia a sinistra, salgono da due lati nelle aperture dei processi trasversali delle vertebre cervicali e penetrano nel cranio, dove si uniscono.

Arterie che alimentano il cervello

Quindi formano l'arteria basilare (principale), che si trova sulla superficie inferiore del tronco cerebrale. La quota del bacino vertebrobasilare rappresenta circa il 30% del flusso ematico cerebrale totale. Flusso sanguigno ridotto in qualsiasi sito a causa della compressione dall'esterno, restringendo l'interno della sezione trasversale provoca insufficiente nutrizione del cervello e segni clinici della malattia.

Formazioni arteriose:

  • mezzo e midollo;
  • pons;
  • cervelletto;
  • lobi occipitali parietali e emisferi cerebrali parzialmente temporali;
  • tumulo visivo;
  • la maggior parte della regione dell'ipotalamo e del talamo;
  • midollo cervicale.

Più del 70% degli attacchi ischemici transitori (una violazione della circolazione cerebrale o un microstroke) si verificano nel bacino vertebrale, dopo il quale il 30-35% dei pazienti sviluppa ictus ischemico. La mortalità da ictus ischemico nella parte posteriore del cervello è 3 volte superiore rispetto ai colpi nell'arteria carotide.

I neurologi sono impegnati nel trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare. In caso di patologia grave, può essere richiesto l'aiuto di un chirurgo vascolare. Il complesso di terapia coinvolge dottori di specialità collegate: otoneurologist, cardiologo, terapeuta manuale, oftalmologo, fisioterapista.

La prognosi dipende dalla causa della patologia. Con uno stadio compensato, è possibile ottenere il recupero. Con scompenso e ictus, la prognosi è più pessimista.

Cause dello sviluppo

L'insufficienza vertebro-basilare è congenita e acquisita. I fattori che portano alla riduzione del flusso sanguigno possono essere vascolari ed esterni.

Cause di fallimento di vertebro basilare:

  • l'aterosclerosi con lo sviluppo di stenosi o occlusione delle arterie senza nome e succlavia si verifica nel 78-80% dei pazienti;
  • anomalie dello sviluppo vascolare - tortuosità patologica, secrezione atipica dall'aorta, ipoplasia arteriosa - nel 20-23%;
  • processi infiammatori nella parete vascolare - arterite;
  • osteocondrosi del rachide cervicale;
  • ipertensione arteriosa;
  • angiopatia diabetica;
  • lesioni al collo;
  • sindrome antifosfolipidica;
  • lombalgia;
  • ernia intervertebrale;
  • spasmi muscolari o lesioni distrofiche.

Nei bambini, il trauma della nascita può essere la causa dello sviluppo del vertebro basilare.

Il quadro clinico dell'insufficienza basilare vertebro

L'insufficienza basilare vertebrale è caratterizzata da polisintomi, la cui gravità dipende dall'area di carenza di sangue.

Quando le manifestazioni di attacco ischemico transitorio sono pronunciate, ma spesso la diagnosi viene fatta già dopo il fatto, poiché dall'arrivo di "Ambulanza" le manifestazioni cliniche diminuiscono. Questi includono:

  1. compromissione del linguaggio dovuta a intorpidimento della bocca;
  2. difficoltà a deglutire;
  3. attacchi di caduta - improvvisa debolezza degli arti inferiori, caduta, immobilità, a volte accompagnata da un debole;
  4. perdita temporanea della vista;
  5. disorientamento nel tempo, nel luogo, nella situazione;
  6. mani tremanti involontarie, gambe, busto;
  7. restrizione della mobilità del corpo.

Nei casi gravi di disturbi circolatori acuti si sviluppa un ictus ischemico. Fino al 30% dei pazienti senza trattamento presenterà un ictus entro 5 anni dopo la manifestazione iniziale di ischemia transitoria.

Diagnosi di insufficienza vertebro-basilare

I sintomi di VBN sono molteplici, ma non specifici. Si trovano spesso in altre condizioni. Tuttavia, un'accurata raccolta e analisi dei reclami consente al medico di sospettare che il paziente abbia un'insufficienza vertebrale-basilare e di inviarlo per un ulteriore esame.

Nel valutare lo stato neurologico, il neurologo determina i sintomi caratteristici dei disturbi focali e cerebrali, conduce test funzionali:

  • ridotto tono muscolare;
  • test con iperventilazione - con sintomi respiratori frequenti e frequenti;
  • testare le vertigini, provocate da un intenso lavoro con le mani, o quando si gira la testa da un lato all'altro, o girando la cintura della spalla in direzioni diverse con una testa e un bacino fissi;
  • il test di de Klein - con una brusca rotazione della testa o la sua caduta e fissazione per 15 secondi, si trova un quadro clinico caratteristico, espresso in disorientamento, rallentando la reazione, difficoltà nel rispondere a domande semplici (nome o posizione del paziente), restringimento di uno degli alunni;
  • Il test di Hauntan - con le braccia tese, i palmi rivolti verso l'alto e gli occhi chiusi, il paziente si gira verso un lato con il suo corpo al massimo e continua a muovere la testa nella stessa direzione verso il fallimento. Il paziente è in questa posizione per 20-30 s. Se il paziente è in equilibrio, una o entrambe le mani non scendono e i palmi rimangono rivolti verso l'alto, il danno al tronco cerebrale o alla corteccia "motoria" può essere escluso.

Condurre uno speciale ascolto ai vasi degli arti superiori.

Test di laboratorio prescritti per determinare le cause che portano all'insufficienza basilare vertebrale:

  • composizione elettrolitica del sangue;
  • il glucosio;
  • profilo lipidico;
  • indicatori del sistema omeostatico;
  • anticorpi ai fosfolipidi.

I metodi strumentali consentono una diagnosi accurata. Nella pratica standard è usato:

  1. L'esame ecografico Doppler dei grandi vasi del collo e della testa è un metodo di screening per rilevare l'insufficienza vertebro-basilare;
  2. TC e RM - per visualizzare anche piccole lesioni, ernie;
  3. L'angiografia - il "gold standard" per diagnosticare i disturbi del flusso sanguigno nel bacino vertebrale, permette di fissare i vasi su una pellicola a raggi X mediante l'iniezione di un mezzo di contrasto;
  4. rheoencephalography;
  5. angiografia a risonanza magnetica - visualizzazione di vasi senza contrasto.

Per diagnosticare le violazioni dei nervi cranici del paziente viene inviato per la consultazione all'otorinolaringoiatra, otoneurologo, oculista, neuropsichiatra, cardiologo.

Quando si esamina una persona con insufficienza basilare vertebrale, è importante non solo fare la diagnosi corretta, ma anche identificare la causa della sua insorgenza.

Trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare

La tattica di gestione dipende dalle cause profonde della sindrome di vertebro dell'insufficienza basilare, dal grado di danno alle arterie del pool, dalla gravità delle manifestazioni cliniche.

Le fasi iniziali della patologia sono trattate in regime ambulatoriale. Attacco ischemico transitorio, disfunzione persistente richiedono il ricovero in ospedale nel reparto neurologico.

Un prerequisito per il successo della terapia è la correzione della modalità e dello stile di vita:

  • rispetto di una dieta con la limitazione del sale, carne affumicata, compresi ortaggi, frutta, carne bollita, frutta secca;
  • agrumi, mirtilli rossi, kiwi - ricchi di vitamina C, necessari per la protezione dei vasi sanguigni;
  • misurazione giornaliera della pressione sanguigna;
  • smettere di fumare;
  • esercizio moderato;
  • esclusione di bevande alcoliche;
  • cammina all'aria aperta.

Terapia conservativa

Il trattamento farmacologico dipende dalla causa sottostante. Assegnazione:

  • farmaci vasodilatatori - per prevenire lo spasmo delle arterie;
  • farmaci antipertensivi - per controllare la pressione sanguigna;
  • agenti antipiastrinici - per la prevenzione della trombosi;
  • anticoagulanti - per ridurre la coagulazione del sangue;
  • Nootropici: per migliorare il funzionamento del cervello;
  • angioprotectors;
  • antiemetico;
  • antidolorifici;
  • ipnotici;
  • farmaci per le vertigini.

La scelta del farmaco è individuale per ogni paziente e dipende dai sintomi che lo infastidiscono.

fisioterapia

La fisioterapia è usata in combinazione con i mezzi della compressa, specialmente per le cause extravascolari di insufficienza vertebro-basilare:

  • il massaggio della zona del collo migliora la circolazione sanguigna;
  • La terapia fisica allevia lo spasmo muscolare;
  • riflessologia, magnetoterapia - rilassare i muscoli, anestetizzare;
  • irudoterapia - trattamento con sanguisughe, sangue sottile;
  • l'uso di corsetti;
  • metodi di terapia manuale.
Metodi di fisioterapia per la malattia

La terapia dovrebbe essere lunga e costante. La maggior parte dei farmaci usati ha un effetto cumulativo, il loro effetto appare dopo un po '.

Trattamento chirurgico

Con l'inefficacia del trattamento, l'aumento delle manifestazioni cliniche di insufficienza di rifornimento di sangue al cervello conduce la correzione chirurgica.

Se l'insufficienza basilare vertebrale è causata dalla compressione, eseguire:

  1. microdiscectomia - operazione neurochirurgica finalizzata all'asportazione dell'ernia del disco intervertebrale e alla stabilizzazione della colonna vertebrale;
  2. ricostruzione laser di dischi intervertebrali.

Quando un lume di un'arteria viene ristretto con una placca aterosclerotica, viene eseguita l'endarteectomia - la sua rimozione.

Quando si usa la stenosi dell'arteria, si utilizza uno stent - uno speciale stent viene inserito nel vaso, che svolge il ruolo di un palloncino e impedisce il restringimento dell'arteria.

Medicina popolare

I rimedi popolari non possono sostituire gli appuntamenti medici. Sono usati per sostenere e migliorare l'effetto delle droghe mediche.

Che cos'è l'insufficienza vertebro-basilare

L'insufficienza vertebro-basilare, o la sindrome del sistema arterioso vertebro-basilare, è un processo reversibile di alterazione della funzione cerebrale dovuta alla compromissione della circolazione cerebrale. È provocato da un indebolimento del flusso sanguigno nelle arterie vertebrali e basilari.

Il risultato dell'insufficienza vascolare è una malnutrizione delle cellule cerebrali, che porta a disturbi funzionali del sistema nervoso centrale.

Ragioni principali

Ci sono una serie di fattori che contribuiscono allo sviluppo di questa malattia:

  • osteocondrosi del rachide cervicale;
  • lesioni al collo con conseguente compressione dell'arteria vertebrale;
  • aterosclerosi e ridotta conducibilità vascolare;
  • ipertensione
  • displasia fibromuscolare;
  • ipoplasia delle arterie vertebrali;
  • infiammazione vascolare;
  • ipertrofia del muscolo scaleno, che porta alla compressione dell'arteria vertebrale;
  • malformazioni congenite del letto vascolare;
  • dissezione (stratificazione) delle arterie vertebro-basilari: il danneggiamento delle pareti causa la fuoriuscita di sangue tra i tessuti;
  • trombosi dell'arteria primitiva o vertebrale;
  • diabete mellito, che colpisce i piccoli vasi sanguigni del cervello;
  • sindrome antifosfolipidica (la malattia contribuisce ad aumentare i coaguli di sangue e la pervietà arteriosa insufficiente;
  • compressione delle arterie (vertebrali o basilari) a causa di spondilosi, spondilolistesi, ernia vertebrale;
  • predisposizione alla malattia: può essere espressa sotto forma di condizioni patologiche che portano ad uno sviluppo anormale dei vasi sanguigni o sotto forma di predisposizione genetica.

Quadro clinico

I segni di insufficienza vertebro-basilare possono essere suddivisi in due gruppi:

Sintomi temporanei

I sintomi di natura temporanea hanno una durata diversa (da diverse ore a giorni) e si manifestano nei cosiddetti attacchi ischemici transitori, che sono una violazione acuta transitoria della circolazione cerebrale.

Le caratteristiche principali di questo gruppo:

  • premendo il dolore al collo;
  • sensazione di costante disagio nella colonna vertebrale cervicale;
  • vertigini.

Sintomi permanenti

I sintomi di natura permanente tendono ad aumentare con il progredire della malattia e possono provocare attacchi ischemici, in cui vi è una minaccia di ictus vertebro-basilare.

Principali sintomi persistenti di VBN:

  • mal di testa che premono o pulsano la natura con localizzazione nel collo;
  • vertigini (si verifica in modo parossistico, con una gravità significativa può portare a svenimento);
  • nausea;
  • perdita dell'udito;
  • tinnito;
  • indebolimento della concentrazione e della memoria;
  • distrazione;
  • visione offuscata;
  • immagine sfocata, presenza di nebbia o mosche davanti agli occhi, diplopia (oggetti divisi) è anche possibile;
  • debolezza (soprattutto nel pomeriggio);
  • stanchezza;
  • irritabilità;
  • sudorazione eccessiva;
  • calore in testa, mani, viso;
  • tachicardia;
  • sensazione strana in gola, solletico.

La progressione della malattia porta alla manifestazione di ulteriori sintomi:

  • difficoltà a deglutire;
  • menomazione del linguaggio dovuta al torpore della zona della bocca;
  • allucinazioni;
  • perdita della vista;
  • cadute improvvise (i cosiddetti drop drop);
  • ictus ischemico.

Come riconoscere la patologia nei bambini?

In precedenza, gli esperti ritenevano che l'insufficienza vertebro-basilare fosse esclusivamente una malattia in età matura. Tuttavia, in seguito è emerso che la patologia può colpire bambini di età diverse, a partire da 3 anni.

Gli esperti ritengono che le anomalie congenite delle arterie (basilari o vertebrali) diventino la causa principale dello sviluppo di VBN nell'infanzia. Gli infortuni possono anche innescare la malattia.

I genitori dovrebbero essere allertati dai seguenti sintomi:

  • stanchezza;
  • pianto frequente o ansia;
  • sonnolenza;
  • violazione della postura;
  • intolleranza soffocante, che provoca forti capogiri fino allo svenimento.

diagnostica

La diagnosi della malattia è piuttosto problematica a causa della diversità delle manifestazioni cliniche e del loro carattere non caratteristico - sintomi simili possono verificarsi anche in altre patologie.

Un certo numero di test funzionali sono usati per confermare l'insufficienza circolatoria. Ad esempio, al paziente viene chiesto di seguire una mano che si muove velocemente. Il mal di testa e le vertigini che ne derivano sono un'indicazione di alterazione del flusso sanguigno nell'arteria vertebrale.

Condotto e il cosiddetto de Klein. La conferma della diagnosi è la manifestazione dei sintomi VBN come risultato di girare la testa di lato o quando è inclinata.

Dai metodi di diagnostica hardware, si dovrebbe notare quanto segue:

  1. Transcranial Doppler - è considerato il metodo diagnostico principale utilizzato per valutare lo stato della circolazione cerebrale.
  2. Angiografia a risonanza magnetica - consente di visualizzare e studiare la maggior parte delle lesioni dei vasi cerebrali e del collo, per determinarne la natura, il grado, la lunghezza.
  3. L'angiografia calcolata a spirale viene assegnata per la visualizzazione complessa del lume dei vasi, delle loro pareti.
  4. L'arte digitale della sottrazione continua ad essere il gold standard tra le tecniche di visualizzazione del lume dei vasi sanguigni.
  5. La reenceencefalografia ti consente di esplorare la circolazione cerebrale.
  6. I test neuropsicologici con l'uso di test speciali vengono effettuati per valutare le condizioni del paziente, la sua percezione della malattia e i suoi limiti.

trattamento

La scelta di metodi specifici di trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare dipende dalla natura delle lesioni vascolari.

Le misure obbligatorie sono:

  • misurazione giornaliera della pressione arteriosa;
  • aderenza ad una dieta speciale che limita la quantità di sale, pane bianco, cibi pronti, carni affumicate, marinate, cibi in scatola, cibi grassi e l'inclusione di frutti di mare, pomodori, agrumi, peperoni, bacche acide, formaggi dietetici nella dieta;
  • smettere di fumare;
  • esclusione di bevande alcoliche;
  • esercizio di media intensità.

In assenza di dinamiche positive entro 3-6 mesi, è necessario condurre un trattamento farmacologico e fisioterapico. In una fase iniziale, il trattamento ambulatoriale è prescritto, nelle fasi successive - trattamento ospedaliero per prevenire gli ictus.

Terapia farmacologica

Per il trattamento del VBN utilizzato:

1. Vasodilatatori (vasodilatatori) per prevenire l'ostruzione vascolare. Per lo più sono prescritti nelle stagioni di transizione: in autunno o in primavera. Iniziare con piccole dosi, aumentandole periodicamente. Se non riesci a ottenere un risultato con un singolo farmaco, usa diversi farmaci con un effetto simile.

2. Agenti antipiastrinici: ridurre la coagulazione del sangue. Il loro uso è necessario per la prevenzione dei coaguli di sangue. Il farmaco più popolare è l'aspirina. Tuttavia, questo strumento ha un effetto negativo sul tratto gastrointestinale e può provocare sanguinamento gastrico. Pertanto, l'acido acetilsalicilico non è raccomandato per l'assunzione di malattie dell'apparato digerente e anche a stomaco vuoto. Può essere sostituito da clopidogrel, ticlopidina o dipiridamolo.

3. I farmaci metabolici e nootropici sono usati per migliorare le funzioni del cervello. Più spesso usato: glicina, piracetam, Actovegin, Cerebrolysin, Seamax, Nicergoline.

4. I preparativi per la regolazione della pressione sanguigna sono prescritti rigorosamente individualmente.

5. Farmaci per eliminare i sintomi:

  • da vertigini;
  • antidolorifici;
  • antidepressivi;
  • sedativi;
  • ipnotici;
  • antiemetico.

Quando hai bisogno di un intervento chirurgico?

È richiesta la necessità di un trattamento chirurgico in rari casi, con malattia grave. L'operazione viene eseguita per eliminare l'insufficienza circolatoria a causa di una riduzione del diametro dell'arteria vertebrale o basilare dovuta a spasmo, stenosi e compressione.

Quando VBN esegue le seguenti operazioni tipiche:

  • microdiscectomia - assegnata per stabilizzare la colonna vertebrale;
  • endarterectomia - la sua essenza è di rimuovere una placca aterosclerotica con un'area interessata della membrana arteriosa;
  • ricostruzione del disco intervertebrale mediante laser;
  • angioplastica, in cui uno speciale stent viene inserito nell'arteria per prevenire il blocco del lume e mantenere normali livelli di pervietà e normale circolazione sanguigna.

Fisioterapia e altre terapie non farmacologiche

Il trattamento ottimale di questa malattia è un approccio integrato, che prevede la nomina di procedure fisioterapiche e la terapia di esercizio, insieme all'uso di medicinali necessari.

Quando VBN sufficientemente alta efficienza differiscono:

  1. Massaggio speciale - aiuta a migliorare la circolazione sanguigna.
  2. Terapia manuale
  3. Riflessologia - elimina lo spasmo muscolare. L'agopuntura è molto efficace.
  4. L'irudoterapia è indicata per molte patologie vascolari.
  5. La terapia magnetica.
  6. Esercizi terapeutici speciali: rinforza la colonna vertebrale, elimina gli spasmi, migliora la postura.
  7. Indossare un corsetto speciale per il collo.

Raccomandiamo di leggere su una malattia con sintomi simili chiamati ipotensione ortostatica.

Cos'è vbn

VBN (insufficienza vertebro-basilare) è una variante dei disturbi circolatori nei vasi lungo la nuca. Il cervelletto e il cervello situati nella fossa cranica posteriore forniscono a queste arterie sangue. Questo è un disturbo circolatorio reversibile che si sviluppa secondario.

Si verifica VBN nei bambini con anomalie congenite del rachide cervicale, i vasi del bacino vertebro-basilare.

La principale fonte di VBN è la rottura della pervietà dei vasi sanguigni cranici vitali. Inizialmente, le parti extracraniche dei vasi sanguigni della colonna vertebrale sono soggette a deviazione. La costrizione cattura ripetutamente le aree arteriose verso la parte in cui l'arteria cade nel canale osseo. Occasionalmente, il restringimento è nella carotide comune o nei vasi arteriosi succlavia. Prima di tutto, le navi sono danneggiate a causa delle contrazioni aterosclerotiche. Anche le patologie ereditarie nella costruzione del letto sanguigno sono significative. I fattori infrequenti sono processi infiammatori, come l'arterite o la delaminazione delle arterie o dei vasi spinali più importanti.

La probabilità di anemia nel pool di arterie vertebrali aumenta, a condizione che la fattibilità della circolazione del sangue sia oppressa. Questo è notato nelle seguenti patologie:

- apertura del cerchio di Willis;

- significativo sottosviluppo di una nave della colonna vertebrale;

- Ritiro irregolare di piccoli rami dalle arterie vertebrali e principali.

È impossibile non enfatizzare la probabilità di pizzicotti da vasi vertebrali modificati dalle vertebre, che possono verificarsi durante la spondilosi e la proliferazione patologica del tessuto osseo. Tale circostanza può essere la condizione più importante per il verificarsi di VBN.

Ci sono alcuni elementi anatomici che tendono a spremere i vasi della colonna vertebrale con una notevole probabilità che si verifichino complicazioni significative, inclusa l'anemia cerebrale, chiaramente visibili nella diagnosi:

• esostosi con l'avvento del canale retroarticolare;

• altre patologie nella struttura della parte cervicale della colonna vertebrale.

Quando le persone hanno questi elementi, il valore dei fattori di funzionamento aumenta:

• mobilità anormale delle vertebre cervicali;

• compressione delle arterie della colonna vertebrale.

I vasi intracerebrali possono essere dilatati. Gli attuali metodi di controllo della circolazione sanguigna hanno permesso di identificare patologie simili. La dolicectasia è una combinazione individuale di sintomi di deficit del flusso sanguigno e compressione delle formazioni nervose.

La fonte di VBN è un danno alle arterie di piccolo diametro. Accade sul diabete e l'ipertensione, una combinazione di questi fattori. A volte la causa è la patologia della circolazione sanguigna del cuore con complicazioni emboliche, la formazione di sintomi neurologici di livello complesso. Le premesse per questo problema sono il tromboembolismo: coaguli di globuli rossi e un grande potenziale per il loro incollaggio.

Questa patologia vascolare nelle persone anziane raggiunge il 30% dei problemi critici con l'emodinamica nel cervello e l'80% delle deviazioni irregolari. Circa il 70% degli ictus ischemici nella struttura della cardiopatia ischemica includono problemi con EBT (sistema vertebrobasilare) nel 30% dei casi.

VBN è osservato durante l'infanzia. Lo screening ha rivelato questa diagnosi nella maggior parte dei bambini dalla nascita. Ciò è causato da ipoplasia intrauterina o trauma durante un flusso cesareo e durante il travaglio del sistema vertebro-basilare.

Al momento, il numero di disordini simili nei giovani sta aumentando. La malattia porta un corso costante.

La diagnosi di VBN è nella categoria delle patologie vascolari nel sistema nervoso. Ci sono 3 fasi di violazione:

• compensatorio, c'è un decorso senza manifestazioni cliniche distinte o ci sono sintomi primari della sindrome dovuti a disturbi neurologici focali;

• compensazione relativa, un disturbo circolatorio transitorio si sviluppa senza un carico critico sul sistema nervoso e vascolare;

• mancanza di compensazione - ictus.

Esiste una classificazione in quattro fasi di VBN:

• violazione del tono vascolare;

• flusso ematico transitorio con disturbi ipossici inespressi;

Sintomi di VBN

I sintomi clinici di VBN possono essere suddivisi in due gruppi:

• I sintomi a breve termine di solito si verificano sullo sfondo di attacchi ipossici transitori, di diversa durata. Nel frattempo, una persona manifesta lamentele di dolore oppressivo nella regione occipitale, disagio al collo e mal di testa insopportabile;

• segni regolari di VBN. Sono presenti nelle persone in costante e lento aumento. I sintomi possono essere esacerbati dall'insorgenza di crisi ischemiche che possono portare a disturbi circolatori acuti vertebrobasilari. Tra i sintomi persistenti di insufficienza vertebro-basilare, l'enfasi può essere posta su cefalee ripetute nell'occipite, orecchie, peggioramento della coordinazione motoria, disturbi visivi, perdita di memoria, alto affaticamento, perdita di coscienza, sensazione grumosa nel collo.

Vi è una rilevazione molto frequente di attacchi improvvisi di vertigini. Molti pazienti descrivono il tipo di vertigini - un senso di movimento personale nello spazio. Dura un po 'di tempo, combinato con un'eccessiva sudorazione. Allegare nausea, vomito.

In futuro, ci può essere una violazione dei movimenti di deglutizione e disturbi del linguaggio, squilibri, disturbi ischemici del rifornimento di sangue al cervello. Tale aspetto ischemico dell'afflusso di sangue testimonia lo sviluppo di una violazione acuta della circolazione cerebrale nel VBN.

Nell'infanzia, il momento critico per la manifestazione della sindrome è 2-4 anni e 8-15 anni. Fino all'ultimo momento era considerato irreale. Ci sono sintomi individuali dell'infanzia. Richiedono un ricorso immediato al centro di cura, da esaminare, per iniziare le misure mediche.

I sintomi di VBN nei bambini includono:

• costante tendenza al sonno;

• ipossia a bassa resistenza;

Questa patologia dovrebbe essere differenziata dall'encefalopatia perinatale, dalla contusione spinale durante il parto o durante eventi sportivi.

Misure diagnostiche

I metodi attuali consentono di avviare misure terapeutiche precoci, per evitare complicazioni pericolose, ipotizzare un ictus. La diagnosi ha un ruolo speciale nei bambini, poiché l'implementazione precoce delle misure terapeutiche garantirà un buon risultato.

Inizialmente, è importante riconoscere il pool di lesioni prevalenti in base alle manifestazioni cliniche e ai risultati della diagnosi. Tutti i pazienti devono fare un'audizione nelle aree sopraclavicolari. Per giustificare la mancanza di circolazione del sangue con l'aiuto di alcuni esperimenti funzionali:

• movimenti della mano migliorati;

• Esperienze motorie e test speciali con il cancello della testa.

Sulla base del benessere del paziente nella procedura per l'implementazione di questi campioni, è possibile giustificare disturbi circolatori nel bacino vertebrale basilare. Successivamente, l'esame comprende la diagnostica ecografica per il fissaggio della posizione, il calcolo dell'importanza emodinamica del restringimento dei vasi sanguigni. Questi metodi sono volti a diagnosticare le riserve compensative e strutturali del corpo.

Metodi di indagine grafica:

• Metodi a raggi X delle navi da ricerca.

Queste tecniche ci permettono di definire il tipo, la durata e la posizione del danno, per determinare il danno multi-livello. Dopo aver eseguito tutti gli esami necessari, la diagnosi di VBN viene effettuata secondo l'ICD-10, quindi la terapia farmacologica viene prescritta il più presto possibile, in quanto ciò consentirà di evitare complicazioni.

Trattamento VBN

Se la sindrome è in una fase iniziale di sviluppo, le misure mediche vengono eseguite su base ambulatoriale. Quando vengono rilevati segni di VBN acuta, il paziente viene posto in un ospedale per monitorare e prevenire le violazioni della circolazione cerebrale.

Il più delle volte, il trattamento include la terapia farmacologica con trattamento utilizzando fattori naturali e fisici. Il paziente è obbligato a capire che è importante monitorare la pressione sanguigna e seguire una dieta equilibrata. Nel caso di un tipo cronico della malattia, è essenziale determinare la prontezza del paziente a assumere costantemente i farmaci prescritti. La terapia individuale è selezionata per ciascun paziente.

Gruppi di droghe usate:

• Vasodilatatori: agenti che espandono i vasi sanguigni per prevenire l'intasamento dei vasi sanguigni. La terapia con questi fondi inizia spesso in autunno o in primavera. Inizialmente, prescritto piccole dosi, quindi gradualmente aumentarli. Se l'effetto desiderato non è osservato, la medicina qualche volta è unita a altre medicine di un meccanismo simile di azione.

• Agenti antipiastrinici - agenti che prevengono i coaguli di sangue e riducono la coagulazione del sangue. L'acido acetilsalicilico è uno dei farmaci usati. In 24 ore è importante che il paziente consumi 50-100 milligrammi. Tuttavia, ci sono controindicazioni all'uso di questo farmaco - una malattia del tratto gastrointestinale, a questo proposito, l'applicazione può causare sanguinamento gastrico.

• Farmaci che hanno un effetto attivante sull'attività cerebrale - nootropici e agenti metabolici.

• Farmaci antipertensivi - per ridurre la pressione sanguigna.

• Farmaci che hanno un effetto sedativo.

• Mezzi che deprimono il riflesso del vomito.

VBN non può essere curato solo con farmaci. In combinazione, esercizio prescritto e fisioterapia, vale a dire:

• Massaggio: migliora l'afflusso di sangue ai tessuti.

• Cultura fisica terapeutica: consente di eliminare gli spasmi muscolari, rafforzare la colonna vertebrale.

• Riflessologia: consente di rimuovere le contrazioni muscolari spasmodiche.

• Effetti fisici sugli esseri umani da campi magnetici permanenti o pulsati a bassa frequenza.

Se non vi è alcun effetto del trattamento, viene eseguito un intervento chirurgico. La chirurgia viene eseguita con il compito di migliorare il flusso sanguigno nei vasi vertebrali e basilari. In queste condizioni, viene utilizzata la ricostruzione vascolare - uno speciale dilatatore viene installato nell'arteria spinale per prevenire la possibilità di vasocostrizione, che aiuta a mantenere una corretta circolazione sanguigna.

Previsione VBN

Le proiezioni di insufficienza vertebrale-basilare sono caratterizzate dalla gravità della malattia e dalla natura della lesione vascolare. Se la stenosi dei vasi arteriosi è in fase di progressione, si nota un'ipertensione stabile e la prognosi è assente con l'assenza di terapia farmacologica. Queste persone hanno un alto rischio di ictus.

Una buona prognosi può essere stabilita nella condizione in cui lo stato del sistema vascolare della testa è favorevole e le azioni terapeutiche sono normali e più efficaci.

La prevenzione include i seguenti punti:

• Alimenti dietetici: rifiuto del pane bianco, salsicce, cibi grassi, fritti e affumicati.

• Dovresti mangiare più prodotti a base di ricotta a basso contenuto di grassi, frutti di mare, pomodori.

• Smettere di fumare, bere moderatamente.

• Limitare l'assunzione di sale.

• Misura della pressione continua.

• Astenersi dalle emozioni negative.

VBN è una malattia grave, ma con un trattamento adeguato e una prevenzione adeguata, è possibile abbandonare le complicazioni tristi e le conseguenze.

Insufficienza vertebro-basilare (VBN)

L'insufficienza vertebrale-basilare (sinonimi di insufficienza vertebro-basilare e VBN) è una violazione reversibile delle funzioni cerebrali causata da una diminuzione dell'apporto di sangue all'area nutrita dalle arterie vertebrali e basilari.

Il sinonimo "Sindrome del sistema arterioso vertebro-basilare" è il nome ufficiale dell'insufficienza vertebro-basilare.

A causa della variabilità delle manifestazioni di insufficienza vertebro-basilare, l'abbondanza di sintomi soggettivi, la difficoltà nella diagnosi strumentale e di laboratorio di insufficienza vertebro-basilare e il quadro clinico assomigliano a una serie di altre condizioni patologiche, VBN si verifica spesso nella pratica clinica quando non c'è una diagnosi valida questo motivo.

Cause di VBN

Poiché le cause di insufficienza vertebro-basilare o VBN sono attualmente considerate:

1. Lesione di Stenosing di grandi navi, prima di tutto:

• vertebrati extracranici
• arterie succlavia
• arterie senza nome

Nella maggior parte dei casi, la violazione della pervietà di queste arterie è causata da lesioni aterosclerotiche, mentre i più vulnerabili sono:

• il primo segmento - dall'inizio dell'arteria al suo ingresso nel canale osseo dei processi trasversali delle vertebre C5 e C6
• il quarto segmento è un frammento di un'arteria dal luogo di perforazione della dura madre alla giunzione con un'altra arteria vertebrale al confine tra il ponte e il midollo, nella zona della formazione dell'arteria principale

Danni frequenti a queste zone sono dovuti a caratteristiche locali della geometria vascolare, che predispongono al verificarsi di aree di flusso sanguigno turbolento, danni all'endotelio.

2. Caratteristiche congenite della struttura del letto vascolare:

• scarico anormale delle arterie vertebrali
• ipoplasia / aplasia di una delle arterie vertebrali
• tortuosità patologica delle arterie vertebrali o basali
• insufficiente sviluppo di anastomosi sulla base del cervello, principalmente le arterie del circolo di Willis, che limita le possibilità di rifornimento di sangue collaterale in condizioni di sconfitta dell'arteria principale

3. Microangiopatia sullo sfondo dell'ipertensione arteriosa, il diabete mellito può essere la causa del VBN (danno alle piccole arterie cerebrali).

4. compressione dell'arteria vertebrale alterazioni patologiche delle vertebre cervicali: a spondilosi, spondilolistesi, una notevole dimensione di osteofiti (ultimi anni hanno recensito il ruolo degli effetti di compressione sulle arterie vertebrali come un'importante ragione VBN, anche se in alcuni casi v'è sufficiente compressione pronunciata dell'arteria agli angoli della testa, che oltre a ridurre il flusso di sangue attraverso la nave può essere accompagnato da emboli artero-arteriosi)

5. Compressione extravasale dell'arteria succlavia del muscolo scaleno ipertrofico, processi trasversi iperplastici delle vertebre cervicali.

6. Lesione della colonna vertebrale cervicale acuta:

• trasporto (lesioni da colpo di frusta)
• iatrogeno con manipolazione inadeguata della terapia manuale
• esecuzione impropria di esercizi ginnici

7. Lesione infiammatoria della parete vascolare: la malattia di Takayasu e altre arteriti. I più vulnerabili sono le donne in età fertile. Sullo sfondo di una parete di un vaso difettoso già esistente con diradamento dei media e intima compattata e ispessita, può essere separata anche in condizioni di trauma minore.

8. Sindrome antifosfolipidica: può essere la causa di una combinazione di pervietà alterata delle arterie extra- e intracraniche e aumento della trombosi nei giovani.

Ulteriori fattori che contribuiscono all'ischemia cerebrale con insufficienza vertebro-basilare (VBI):

• cambiamenti nelle proprietà reologiche dei disturbi del sangue e della microcircolazione con aumento della trombosi
• embolia cardiogenica (la cui frequenza raggiunge il 25% secondo T.Glass et al., (2002)
• piccoli emboli artero-arteriosi, la cui origine è un trombo parietale libero
• completa occlusione del lume vascolare come conseguenza della stenosi dell'arteria vertebrale aterosclerotica con formazione di un coagulo murario

L'aumento della trombosi dell'arteria vertebrale e / o basilare in un determinato stadio del suo sviluppo può manifestarsi come quadro clinico di attacchi ischemici transitori nel sistema vertebro-basilare. La probabilità di trombosi aumenta nelle aree del danno arterioso, ad esempio, quando i processi trasversali del CVI-CII passano attraverso il canale osseo. Probabilmente, il momento provocatorio dello sviluppo della trombosi dell'arteria vertebrale in alcuni casi può essere una lunga permanenza in una posizione scomoda con una posizione forzata della testa.

I dati dei metodi di ricerca di sezione e neuroimaging (principalmente RM) rivelano i seguenti cambiamenti nel tessuto cerebrale (tronco cerebrale, ponte, cervelletto, lobi occipitali) in pazienti con VBN:

• infarti lacunari di varie prescrizioni
• segni di morte dei neuroni e proliferazione di elementi gliali
• cambiamenti atrofici nella corteccia cerebrale

Questi dati, che confermano l'esistenza del substrato organico della malattia in pazienti con VBN, indicano la necessità di una ricerca approfondita della causa della malattia in ciascun caso particolare.

Sintomi di insufficienza vertebrale-basilare VBN

La diagnosi di insufficienza circolatoria nell'aeronautica si basa su un complesso sintomatologico caratteristico, che combina diversi gruppi di sintomi clinici:

• disturbi visivi
• disturbi oculomotori (e sintomi di disfunzione di altri nervi cranici)
• violazione della statica e coordinamento dei movimenti
• disturbi vestibolari (cocleovestibolari)
• sintomi faringei e laringei
• mal di testa
• sindrome astenica
• distonia vegetativa-vascolare
• sintomi conduttivi (piramidale, sensibile)

È questo complesso di sintomi che si trova nella maggior parte dei pazienti con insufficienza circolatoria nel bacino vertebro-basile. In questo caso, la diagnosi presuntiva è determinata dalla presenza di almeno due di questi sintomi. Di solito sono di breve durata e spesso si svolgono da soli, sebbene siano un segno di problemi in questo sistema e richiedono un esame clinico e strumentale. In particolare, è necessaria una storia approfondita per chiarire le circostanze di questi o altri sintomi.

La base delle manifestazioni cliniche di VBN è una combinazione:

• reclami caratteristici del paziente
• sintomi neurologici oggettivamente rilevabili, che indicano il coinvolgimento delle strutture che forniscono sangue dal sistema vertebro-basilare.

Il nucleo insufficienza clinica vertebrobasilare è lo sviluppo di sintomi neurologici riflettono ischemia cerebrale transitoria acuta in zone vascolarizzazione di rami periferici di vertebrati e arterie basilari. Tuttavia, alcuni cambiamenti patologici possono essere rilevati nei pazienti dopo la fine dell'attacco ischemico. Nello stesso paziente con VBN, vengono combinati di solito sintomi clinici e sindromi, tra i quali non è sempre facile distinguere il leader.

Convenzionalmente, tutti i sintomi di VBN possono essere suddivisi in:

• parossistica (sintomi e sindromi che si verificano durante un attacco ischemico)
• permanente (rilevato per un lungo periodo e può essere rilevato nel paziente nel periodo interictale).

Nel bacino delle arterie del sistema vertebro-basilare può svilupparsi:

• attacchi ischemici transitori
• ictus ischemico di varia gravità, incluso lacunare.

Irregolarità della lesione delle arterie porta al fatto che l'ischemia cerebrale è caratterizzata da mosaicità, "spotting".

La combinazione di segni e la loro gravità sono determinati da:

• localizzazione della lesione
• la dimensione della lesione
• possibilità di circolazione collaterale

Le sindromi neurologiche descritte nella letteratura classica sono relativamente rare nella loro forma pura in pratica a causa della variabilità del sistema di rifornimento di sangue del tronco cerebrale e del cervelletto. È stato notato che durante gli attacchi, il lato dei disordini del movimento predominante (paresi, atassia), così come i disturbi sensoriali, può cambiare.

1. I disturbi del movimento nei pazienti con VBN sono caratterizzati da una combinazione di:

• paresis centrale
• compromissione della coordinazione dovuta a lesioni del cervelletto e delle sue connessioni

Di norma, c'è una combinazione di atassia dinamica negli arti e tremore intenzionale, disturbi dell'andatura e riduzione unilaterale del tono muscolare.
Va notato che non è sempre clinicamente possibile identificare il coinvolgimento delle arterie carotidi o vertebrali nel processo patologico delle zone di circolazione del sangue, il che rende desiderabile l'applicazione dei metodi di neuroimaging.

2. Compaiono disturbi sensoriali:

• sintomi di prolasso con comparsa di ipo o anestesia in un arto, metà del corpo.
• è possibile la comparsa di parestesia, di solito sono coinvolti la pelle degli arti e del viso.
• disturbo sensibilità superficiale e profondo (quarto comune nei pazienti con VBI e tipicamente, ventrolateral lesioni talamiche causati nelle aree di afflusso di sangue ad una. Thalamogeniculata o posteriore ciliare arteria esterno)

3. I disturbi visivi possono essere espressi nella forma:

• perdita di campi visivi (scotoma, omianopia omonima, cecità corticale, meno frequente - agnosia visiva)
• comparsa di photopsie
• visione offuscata, ambiguità della visione degli oggetti
• l'aspetto delle immagini visive - "mosche", "luci", "stelle", ecc.

4. Disfunzioni dei nervi cranici

• disturbi oculomotori (diplopia, strabismo convergente o divergente, differenza verticale dei bulbi oculari),
• paresi periferica del nervo facciale
• sindrome bulbare (meno spesso sindrome pseudobulbare)

Questi sintomi compaiono in varie combinazioni, la loro presenza isolata è molto meno comune a causa di ischemia reversibile nel sistema vertebro-basilare. Si dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di un danno combinato alle strutture cerebrali che forniscono sangue dai sistemi delle arterie carotidi e vertebrali.

5. Sintomi faringei e laringei:

• sensazione di coma in gola, dolore, mal di gola, difficoltà a deglutire il cibo, spasmi della faringe e dell'esofago
• raucedine, afonia, sensazione di corpo estraneo nella laringe, tosse

6. Attacchi di vertigini (che durano da alcuni minuti a ore), che possono essere dovuti alle caratteristiche morfofunzionali del rifornimento di sangue all'apparato vestibolare, la sua alta sensibilità all'ischemia.

vertigini:

• di norma, è sistemico (in alcuni casi, il capogiro è non sistemico e il paziente prova una sensazione di caduta, cinetosi e fluttuazione dello spazio circostante)
• manifestato da un senso di rotazione o movimento rettilineo di oggetti circostanti o del proprio corpo.
• i disturbi autonomi associati sono caratteristici: nausea, vomito, iperidrosi abbondante, cambiamenti nella frequenza cardiaca e pressione sanguigna.

Col passare del tempo, l'intensità della sensazione di vertigini può diminuire, con i sintomi focali emergenti (nistagmo, atassia) che diventano più pronunciati e diventano persistenti.
Tuttavia, si deve tenere presente che la sensazione di vertigini è uno dei sintomi più comuni, la cui frequenza aumenta con l'età.

Vertigini in pazienti con VBI, così come in pazienti con altre forme di lesioni vascolari del cervello, può essere dovuto alla sofferenza dell'analizzatore vestibolare a vari livelli, e la natura della sua definita non tanto le caratteristiche del processo patologico di base (aterosclerosi, microangiopatia, ipertensione), come localizzazione dell'ischemia:

• lesioni della parte periferica dell'apparato vestibolare
• lesione della parte centrale dell'apparato vestibolare
• disturbi psichiatrici

Improvvisamente appare vertigini, soprattutto in combinazione con il quale ha sviluppato la perdita dell'udito unilaterale acuto e rumore sensazione nell'orecchio può essere una tipica manifestazione di labirinto del miocardio (anche se raramente isolato vertigini è l'unica manifestazione VBI).

Diagnosi differenziale di insufficienza vertebro-basilare

Oltre alla insufficienza vertebro-basilare, un quadro clinico simile può avere:

• vertigini parossistiche posizionali benigne (causate da una lesione dell'apparato vestibolare e non associate a disturbi del flusso sanguigno, il test affidabile per la sua diagnosi sono i test di Hallpike)
• Neuronite vestibolare
• labirintite affilata
• Malattia di Meniere, idropos del labirinto (a causa dell'otite media cronica)
• fistola perilinfatica (causata da trauma, chirurgia)
• neuroma acustico
• malattie demielinizzanti
• idrocefalo normoteso (una combinazione di vertigini persistenti, squilibrio, instabilità durante la deambulazione, disturbi cognitivi)
• disturbi emotivi e mentali (ansia, disturbi depressivi)
• patologia della natura degenerativa e traumatica del rachide cervicale (capogiri cervicali), così come la sindrome della giunzione craniocerfica

Compromissione dell'udito (acuità ridotta, acufene) sono anche manifestazioni comuni di VBN. Va tuttavia tenuto presente che circa un terzo della popolazione anziana osserva sistematicamente la sensazione di rumore, mentre più della metà di essi considera le proprie sensazioni come intense, causando loro notevoli disagi. A questo proposito, tutti i disturbi audiologici non dovrebbero essere considerati come manifestazioni della malattia cerebrovascolare, data l'alta frequenza dei processi degenerativi che si sviluppano nell'orecchio medio.

Allo stesso tempo, ci sono prove che episodi a breve termine (fino a diversi minuti) di perdita di udito reversibile unilaterale in combinazione con rumore nell'orecchio e capogiri sistemici sono prodromi della trombosi dell'arteria cerebellare anteriore inferiore, che richiede un'attenzione particolare a tali pazienti. Di norma, la fonte di perdita dell'udito in questa situazione è direttamente la coclea, che è estremamente sensibile all'ischemia, il segmento retrococleare del nervo uditivo, che è ricco di vascolarizzazione collaterale, è relativamente raro.

Diagnosi di insufficienza vertebro-basilare

Nella diagnosi di VBN al momento, i metodi a ultrasuoni per studiare il sistema vascolare del cervello sono diventati i più accessibili e sicuri:
• L'ecografia Doppler consente di ottenere dati sulla permeabilità delle arterie vertebrali, sulla velocità lineare e sulla direzione del flusso sanguigno al loro interno. I test funzionali alla compressione forniscono un'opportunità per valutare lo stato e le risorse della circolazione collaterale, il flusso sanguigno nella carotide, nel tempo, nel sovra-blocco e in altre arterie.
• La scansione duplex dimostra lo stato della parete dell'arteria, la natura e la struttura delle formazioni stenotiche.
• L'ecografia del doppler transcranico (TCD) con test farmacologici è importante per determinare la riserva emodinamica cerebrale.
• Ecografia del doppler a ultrasuoni (UZDG), - il rilevamento dei segnali nelle arterie dà un'idea dell'intensità del flusso microembolico in essi, potenziale embogenogenico cardiogeno o vascolare.
• I dati sullo stato delle arterie principali della testa, ottenuti mediante risonanza magnetica in modalità angiografica, sono estremamente preziosi.
• Quando si decide di eseguire la terapia trombolitica o la chirurgia sulle arterie vertebrali, la panangografia a raggi X diventa decisiva.
• I dati indiretti sull'effetto vertebrale sulle arterie vertebrali possono anche essere ottenuti mediante radiografia convenzionale, eseguita con test funzionali.

Il miglior metodo di strutture staminali di neuroimaging rimane la risonanza magnetica, che consente di vedere anche piccoli foci.

Un posto speciale è occupato dalla ricerca otoneurologica, specialmente se supportata da dati elettronistagmografici ed elettrofisiologici computerizzati sui potenziali evocati uditivi che caratterizzano lo stato delle strutture staminali cerebrali.

Di particolare importanza sono gli studi sulle proprietà coagulanti del sangue e sulla sua composizione biochimica (glucosio, lipidi).

La sequenza di applicazione dei metodi strumentali di ricerca elencati è determinata dalla peculiarità della definizione di una diagnosi clinica.

Trattamento dell'insufficienza vertebro-basilare

La maggior parte dei pazienti con VBN riceve un trattamento conservativo in regime ambulatoriale. Va tenuto presente che i pazienti con deficit neurologico focale acuto dovrebbero essere ospedalizzati in un ospedale neurologico, in quanto si dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di aumentare la trombosi di un grande tronco arterioso con lo sviluppo di ictus con deficit neurologico persistente.

1. L'attuale comprensione dei meccanismi dello sviluppo del VBN, in particolare il riconoscimento del ruolo principale delle lesioni stenosanti delle regioni extracraniche delle arterie principali, nonché l'introduzione di nuove tecnologie mediche nella pratica clinica, ci permette di considerare l'angioplastica e l'impianto di stent dei vasi corrispondenti come alternativa al trattamento medico di tali pazienti In alcuni casi, può essere presa in considerazione la possibilità di trombolisi.

Informazioni accumulate sull'uso dell'angioplastica transluminale delle arterie principali, incluso il segmento prossimale in pazienti con VBH.

2. La tattica terapeutica nei pazienti con VBN è determinata dalla natura del processo patologico principale, mentre è consigliabile effettuare la correzione dei principali fattori di rischio modificabili per le malattie vascolari del cervello.

La presenza di ipertensione arteriosa richiede l'esame per escludere la sua natura secondaria (ipertensione renovascolare, tireotossicosi, iperfunzione delle ghiandole surrenali, ecc.). Il controllo sistematico del livello di pressione sanguigna e la fornitura di una terapia dietetica razionale sono necessari:

• restrizione nella dieta del sale
• eliminazione del consumo di alcol e fumo
• esercizio misurato

In assenza di un effetto positivo, la terapia farmacologica deve essere iniziata in accordo con i principi generalmente accettati. Raggiungere il livello target di pressione è necessario prima di tutto nei pazienti con lesioni esistenti di organi bersaglio (reni, retina, ecc.) Affetti da diabete mellito. Il trattamento può essere iniziato assumendo ACE-inibitori e bloccanti del recettore dell'angiotensina. È importante che questi farmaci antipertensivi forniscano non solo un controllo affidabile della pressione sanguigna, ma anche proprietà nefro e cardioprotettive. Una preziosa conseguenza del loro uso è il rimodellamento del letto vascolare, la cui possibilità viene assunta in relazione al sistema vascolare del cervello. Con effetto insufficiente, è possibile usare medicine antihypertensive da altri gruppi (i bloccanti di canale di calcio, i b-blockers, i diuretici).

Nell'anziano, in presenza di una lesione stenosante delle arterie principali della testa, è necessario abbassare attentamente la pressione arteriosa, poiché vi è evidenza di una progressiva lesione vascolare del cervello con pressione arteriosa eccessivamente bassa.

3. In presenza di una lesione stenosante delle arterie principali della testa, un'alta probabilità di trombosi o emboli artero-arteriosi, un modo efficace per prevenire episodi di ischemia cerebrale acuta è quello di ripristinare le proprietà reologiche del sangue e prevenire la formazione di aggregati cellulari. Gli agenti antipiastrinici sono ampiamente usati per questo scopo. Il farmaco più conveniente che combina una sufficiente efficacia e soddisfacenti caratteristiche farmacoeconomiche è l'acido acetilsalicilico. La dose terapeutica ottimale è 0,5-1,0 mg per 1 kg di peso corporeo al giorno (il paziente deve ricevere 50-100 mg di acido acetilsalicilico ogni giorno). Nella nomina dovrebbe prendere in considerazione il rischio di complicazioni gastrointestinali, reazioni allergiche. Il rischio di danni alla membrana mucosa dello stomaco e del duodeno si riduce quando si utilizzano forme enterico-solubili di acido acetilsalicilico, nonché la nomina contemporanea di agenti gastroprotettivi (ad es. Omeprazolo). Inoltre, il 15-20% della popolazione ha una bassa sensibilità al farmaco. L'impossibilità di continuare la monoterapia con acido acetilsalicilico, così come il basso effetto del suo uso, richiedono l'aggiunta di un altro agente antipiastrinico o una sostituzione completa con un altro farmaco. A tale scopo si può utilizzare dipiridamolo, un inibitore del complesso GPI-1b / 111b: clopidogrel, ticlopidina.

4. Insieme con farmaci antipertensivi e agenti antipiastrinici per il trattamento di pazienti con VBN, vengono utilizzati farmaci del gruppo vasodilatatore. L'effetto principale di questo gruppo di farmaci è un aumento della perfusione cerebrale a causa di una diminuzione della resistenza vascolare. Allo stesso tempo, studi condotti negli ultimi anni suggeriscono che alcuni degli effetti di questi farmaci possono essere dovuti non solo all'effetto vasodilatatore, ma anche a un effetto diretto sul metabolismo cerebrale, che deve essere preso in considerazione al momento di prescriverli. La fattibilità dei loro farmaci vasoattivi, le dosi utilizzate e la durata dei cicli di trattamento sono determinate dalle condizioni del paziente, dalla sua aderenza al trattamento, dalla natura del deficit neurologico, dal livello di pressione arteriosa, dal tasso di raggiungimento di un risultato positivo. È auspicabile che il corso del trattamento sia programmato in modo da coincidere con un periodo meteorologico sfavorevole (autunno o stagione primaverile), un periodo di maggiore stress emotivo e fisico. Il trattamento dovrebbe iniziare con il dosaggio minimo, portando gradualmente la dose a scopo terapeutico. In assenza dell'effetto della monoterapia con un farmaco vasoattivo, è consigliabile utilizzare un altro farmaco di simile azione farmacologica. L'uso di una combinazione di due farmaci di azione simile ha senso solo nei singoli pazienti.

5. Per il trattamento di pazienti con varie forme di patologia cerebrovascolare sono farmaci ampiamente utilizzati che hanno un effetto positivo sul metabolismo cerebrale, fornendo effetti neurotrofici e neuroprotettivi. Piracetam, Cerebrolysin, Actovegin, Semax, Glycine, un gran numero di altri farmaci sono usati. Vi sono prove della normalizzazione delle funzioni cognitive sullo sfondo del loro uso in pazienti con disturbi circolatori cerebrali cronici.

6. Nel complesso trattamento dei pazienti con BVN, dovrebbero essere usati farmaci sintomatici:

• farmaci che riducono la gravità delle vertigini
• farmaci che contribuiscono alla normalizzazione dell'umore (antidepressivi, ansiolitici, ipnotici)
• antidolorifici (se indicato)

7. È razionale collegare metodi di trattamento non farmacologici - fisioterapia, riflessoterapia, ginnastica terapeutica.

È necessario sottolineare la necessità di individualizzare le tattiche per la gestione di un paziente con VBN. È la considerazione dei meccanismi di base dello sviluppo della malattia, un complesso adeguatamente selezionato di metodi di trattamento medici e non farmacologici che possono migliorare la qualità della vita dei pazienti e prevenire lo sviluppo di ictus.

Per Saperne Di Più I Vasi