idrocefalia

Idrocefalo - aumento dell'accumulo di liquido cerebrospinale nel sistema di fluido cerebrospinale del cervello. L'idrocefalo accompagna molte malattie neurologiche congenite e acquisite. Clinicamente, manifesta segni di aumento della pressione intracranica (mal di testa, nausea, pressione sugli occhi), sintomi di compressione delle strutture cerebrali (atassia vestibolare, disturbi visivi, disturbi mentali, crisi epilettiche) e sintomi caratteristici della malattia che lo ha causato. La diagnosi di idrocefalo comprende radiografia del cranio, esami oftalmologici, eco-EG (nei neonati - neurosonografia), risonanza magnetica o TC del cervello. Il trattamento chirurgico dell'idrocefalo consente di correggere le anomalie congenite del sistema del liquido cerebrospinale, rimuovere le lesioni intracraniche che violano la circolazione del fluido cerebrospinale e regolare il deflusso del liquido cerebrospinale dalla cavità cranica.

idrocefalia

Idrocefalo significa letteralmente "l'idropisia della testa". Nella neurologia moderna, è una sindrome clinica comune che può verificarsi in molte malattie, anomalie congenite o stati post-traumatici del cervello. Il verificarsi di idrocefalo è associato a certe violazioni nel sistema del liquido cerebrospinale del cervello. La presenza di idrocefalo è soggetta a persone di qualsiasi età. L'idrocefalo può verificarsi nei neonati, avere un carattere congenito, svilupparsi nei bambini e negli adulti, accompagnare i processi atrofici che si verificano nel cervello negli anziani. Tuttavia, si trova più comunemente nella pratica pediatrica.

Anatomia del sistema di liquori

Normalmente, il fluido cerebrospinale (liquido cerebrospinale) è prodotto dai plessi vascolari dei ventricoli interconnessi del cervello. La sua più grande quantità si forma nei ventricoli laterali, da dove il liquido cerebrospinale entra nell'III ventricolo, e da esso il sistema di alimentazione dell'acqua silvicola al ventricolo IV. Quindi il liquido cerebrospinale entra nello spazio subaracnoideo (subaracnoideo), che si estende su tutta la superficie del cervello, e nella direzione caudale passa la giunzione craniovertebrale e circonda ulteriormente il midollo spinale per tutta la sua lunghezza. Il liquido cerebrospinale nello spazio subaracnoideo viene costantemente assorbito dalla membrana aracnoide (aracnoidea) del midollo spinale e del cervello ed entra nel sangue.

Cause di idrocefalo

L'accumulo di una quantità in eccesso di CSF nel sistema di fluido cerebrospinale del cervello porta a 3 meccanismi patologici: la produzione di una quantità eccessiva di liquido cerebrospinale, una violazione del suo assorbimento o un disturbo della circolazione del liquore. L'idrocefalo può essere basato su uno dei meccanismi indicati o sulla loro combinazione. Le cause dei disturbi nel funzionamento del sistema del liquido cerebrospinale possono agire durante lo sviluppo fetale e causare idrocefalo congenito o influenzare il cervello dopo la nascita e causare la comparsa del cosiddetto idrocefalo acquisito.

Le ragioni per idrocefalo congenito sono malformazioni sistema liquor (fori atresia Magendie e Luschka, difetti nella struttura dello spazio subaracnoideo, stenosi della sindrome dell'acquedotto Dandy-Walker, ecc), anomalie craniovertebrale (Chiari anormalità congenita impronta basilare), infezioni intrauterine (toxoplasmosi, sifilide congenita, citomegalia, rosolia), danno alla nascita.

L'idrocefalo acquisito può verificarsi a seguito di processi infiammatori nel cervello e nelle sue membrane (encefalite, aracnoidite, meningite), lesioni cerebrali traumatiche, disturbi vascolari (emorragie nei ventricoli, ictus emorragico o ematoma intracerebrale con sangue di sfondamento nei ventricoli). L'idrocefalo si sviluppa spesso sullo sfondo di una cisti colloidale del terzo ventricolo e tumori intracerebrali (astrocitomi, germinomi, ganglioneuromi, ecc.) Che si sviluppano nei ventricoli cerebrali o comprimono il liquido cerebrospinale, interrompendo così la normale circolazione del liquido cerebrospinale e il suo deflusso dalla cavità cranica.

Separatamente, una forma atrofica (sostitutiva) di idrocefalo, che si verifica a seguito di morte post-traumatica o atrofia legata all'età del tessuto cerebrale, è isolata. Allo stesso tempo, il liquido cerebrospinale riempie lo spazio che si forma all'interno del cranio a causa di una diminuzione del volume cerebrale. L'idrocefalo atrofico in età avanzata può svilupparsi sullo sfondo di una violazione dell'erogazione di sangue al cervello nell'aterosclerosi dei vasi cerebrali, ipertensione, macroangiopatia diabetica.

Classificazione di idrocefalo

Secondo il principio etiologico, l'idrocefalo congenito e acquisito si distingue.

Secondo il meccanismo di occorrenza, l'idrocefalo è classificato in forme aperte e chiuse. L'idrocefalo aperto è associato con iperproduzione di liquido cerebrospinale o violazione del suo assorbimento durante il normale liquido cerebrospinale. L'idrocefalo chiuso è causato da una violazione del deflusso del liquido cerebrospinale a causa della compressione, dell'ostruzione parziale o completa di qualsiasi parte del sistema di fluido cerebrospinale.

A seconda di dove si verifica l'accumulo eccessivo di liquore, si distingue l'idrocefalo interno ed esterno. L'idrocefalo interno è accompagnato dall'accumulo di CSF nei ventricoli del cervello. L'idrocefalo esterno è caratterizzato da un eccesso di liquido cerebrospinale nello spazio subaracnoideo e subdurale.

Secondo le caratteristiche del corso, l'idrocefalo è classificato come acuto, subacuto e cronico. L'idrocefalo acuto è caratterizzato da un rapido sviluppo, in cui pochi giorni dopo l'insorgenza dei primi segni della malattia, si verifica scompenso. Idrocefalo subacuto si sviluppa entro un mese e cronica - più di sei mesi.

Di grande importanza clinica è la separazione dell'idrocefalo in stabilizzato (compensato) e progressivo (in aumento). L'idrocefalo stabilizzato non si accumula e di solito procede con la normale pressione del liquore. L'idrocefalo progressivo è caratterizzato da un peggioramento dei sintomi, è accompagnato da un aumento della pressione del liquore, è scarsamente suscettibile alla terapia conservativa e conduce all'atrofia del tessuto cerebrale.

Segni di idrocefalo negli adulti

L'accumulo di una quantità eccessiva di liquido cerebrospinale nello spazio ristretto del cranio porta ad un aumento della pressione intracranica, che causa i sintomi più tipici di idrocefalo. Negli adulti e nei bambini più grandi questi includono: non alleviato da analgesici, intenso mal di testa, nausea, vomito e sensazione di pressione sui bulbi oculari. Questi sintomi possono manifestarsi in modo acuto o crescere gradualmente, avendo una natura transitoria all'inizio della malattia. L'idrocefalo atrofico si presenta spesso senza segni di aumento della pressione intracranica e viene rilevato solo con un esame aggiuntivo del paziente.

Nella maggior parte dei casi, l'idrocefalo è accompagnato da sintomi neurologici, che è causato sia dalla compressione delle strutture cerebrali da spazi di liquori allargati, sia dalla malattia principale che causa lo sviluppo di idrocefalo. Il più delle volte, l'idrocefalo è caratterizzato da compromissione vestibolare e visiva. Il primo è l'atassia vestibolare, manifestata da vertigini, instabilità dell'andatura, rumore nelle orecchie e nella testa, nistagmo. Dal punto di vista, è possibile osservare una diminuzione significativa dell'acuità visiva, perdita di alcune aree del campo visivo, dischi stagnanti dei nervi ottici; con il corso prolungato di idrocefalo, si può sviluppare atrofia dei nervi ottici.

L'idrocefalo può manifestarsi con disturbi delle aree motorie e sensibili: paresi e paralisi, aumento dei riflessi tendinei e del tono muscolare, diminuzione o completa perdita di tutti i tipi di sensibilità, formazione di contratture spastiche delle estremità. L'idrocefalo occlusivo dovuto alla ridotta circolazione del liquido cerebrospinale nella fossa cranica posteriore è caratterizzato da sintomi di atassia cerebellare: alterazione della coordinazione e dell'andatura, movimenti sproporzionati su larga scala, cambiamenti nella calligrafia, ecc.

In alcuni casi, l'idrocefalo è accompagnato da disturbi mentali, che negli adulti sono più spesso manifestati da disturbi della sfera emotivo-volitiva: instabilità emotiva, nevrastenia, euforia irragionevole con una rapida transizione verso uno stato di indifferenza e apatia. Con un forte aumento della pressione intracranica, è possibile un comportamento aggressivo.

Segni di idrocefalo nei bambini

Nei bambini, a causa della grande flessibilità delle ossa del cranio, non si osserva alcun aumento della pressione intracranica, l'idrocefalo è accompagnato da un aumento delle dimensioni del cranio. Nei neonati e nei bambini piccoli, l'idrocefalo è caratterizzato da una dimensione della testa sovradimensionata, rigonfiamento delle vene del cuoio capelluto, tensione e mancanza di pulsazione di una grande molla, gonfiore dei dischi del nervo ottico. Spesso c'è un sintomo del "sole al tramonto" - restrizione del movimento dei bulbi oculari verso l'alto. Potrebbe esserci una divergenza delle cuciture del cranio. TAPpare il cranio è accompagnato da un suono caratteristico (un sintomo di un "vaso rotto"). Nei bambini del primo anno di vita, l'idrocefalo porta a un ritardo nello sviluppo. In seguito iniziano a tenere la testa, rotolare, sedersi e camminare.

I bambini che hanno l'idrocefalo severo, differiscono nella forma sferica della testa, le sue dimensioni troppo grandi, gli occhi infossati, le orecchie sporgenti, il diradamento del cuoio capelluto. Ci può essere una diminuzione della vista, un aumento del tono muscolare negli arti inferiori e disturbi dei nervi cranici. A differenza degli adulti, l'idrocefalo nell'infanzia è spesso accompagnato non da disturbi emotivi-volitivi, ma da insufficienza intellettuale. I bambini con idrocefalo sono solitamente sedentari e obesi. Sono apatici, inerti, non hanno affetto verso i parenti peculiari dei loro coetanei. Ridurre il grado di idrocefalo porta spesso ad un aumento delle capacità intellettuali e dell'attività del bambino.

Nell'adolescenza, l'idrocefalo si presenta spesso in modo acuto sullo sfondo di una malattia infettiva, trauma mentale o fisico. Allo stesso tempo, è accompagnato da intenso mal di testa, vomito ripetuto e bradicardia. Ci sono periodi di perdita di coscienza, a volte convulsioni convulsive. In alcuni casi, la psicosi episodica è osservata con una sindrome allucinatoria o delirante.

Diagnosi di idrocefalo

I sintomi clinici dell'idrocefalo sono solitamente così caratteristici che consentono a un neurologo di sospettare la sua presenza al primo esame del paziente. Per determinare il grado e la forma dell'idrocefalo, nonché per identificare la patologia di base, vengono effettuati ulteriori esami: radiografia, ecografia, risonanza magnetica o risonanza magnetica.

Quando la radiografia del cranio nel caso dell'idrocefalo rivelava un assottigliamento delle ossa del cranio e la divergenza delle cuciture tra di loro; sulla superficie interna della volta cranica si osserva un sintomo di "impronte digitali". L'idrocefalo dovuto alla stenosi dell'acquedotto cerebrale è accompagnato da una diminuzione del volume della fossa cranica posteriore sulle radiografie del cranio. L'idrocefalo nella sindrome di Dandy-Walker, al contrario, è caratterizzato da un aumento del volume della fossa cranica posteriore sui craniogrammi. L'idrocefalo durante la chiusura di uno dei messaggi interventricolari si manifesta con l'asimmetria cranica visibile sul craniogramma. Tuttavia, nella moderna pratica clinica, in presenza di metodi di ricerca più informativi, come la risonanza magnetica, la TCMS e la TC del cervello, la radiografia ha solo valore ausiliario nella diagnosi di idrocefalo.

Dei metodi di diagnostica ecografica per l'idrocefalo, l'echoencephalography viene utilizzata per determinare il grado di aumento della pressione intracranica. Nei bambini del primo anno di vita, è possibile eseguire un'ecografia del cervello attraverso una fontanella aperta utilizzando l'ecografia.

La valutazione del danno visivo e le condizioni dei dischi del nervo ottico sono fatte da un oftalmologo. Di norma, l'elenco degli esami oftalmologici per l'idrocefalo comprende oftalmoscopia, determinazione dell'acuità visiva e perimetria.

I metodi diagnostici tomografici consentono di determinare la natura dell'idrocefalo, identificare il luogo di occlusione del liquido cerebrospinale o l'anomalia congenita esistente, per diagnosticare una malattia causale (tumore, cisti, ematomi, ecc.). Quando l'idrocefalo è più informativo, l'uso della risonanza magnetica cerebrale.

In assenza di controindicazioni per l'individuazione di una malattia causale, è possibile la puntura lombare, seguita dall'esame del liquido cerebrospinale. A sospetto su violazioni vascolari l'MPA di navi di un cervello è mostrato. L'eptologia idrocefale congenita idrocefale richiede la diagnostica della PCR per determinare il tipo di infezione che l'ha causata.

Trattamento idrocefalo

La scelta del trattamento per l'idrocefalo dipende dalla sua eziologia. La terapia conservativa viene spesso eseguita con idrocefalo acquisito, causato da malattie infiammatorie, lesioni cerebrali traumatiche e emorragia ventricolare. La malattia principale è in trattamento e i farmaci diuretici (acetazolamide, furosemide) sono prescritti per ridurre il grado di idrocefalo e aumento della pressione intracranica.

L'idrocefalo congenito di solito richiede un intervento chirurgico per correggere la malformazione sottostante. Se l'idrocefalo è causato dalla presenza di un processo volumetrico nel cervello, allora viene anche trattato chirurgicamente. Secondo la testimonianza, l'ematoma intracranico viene rimosso, la chirurgia per rimuovere i tumori, l'autopsia o l'escissione totale dell'ascesso cerebrale, la separazione delle aderenze nelle aracnoiditi, ecc.

Nei casi in cui non è possibile eliminare la causa dell'idrocefalo, vengono utilizzate le operazioni di smistamento: smistamento cistoperitoneale, ventricolocistomia endoscopica del fondo del terzo ventricolo, derivazione ventricolo-peritoneale, bypass lumboperitoneale, drenaggio ventricolare esterno. Hanno lo scopo di creare percorsi aggiuntivi per il deflusso del liquido cerebrospinale dalla cavità cranica. Le operazioni di smistamento possono essere eseguite in aggiunta al trattamento chirurgico della malattia sottostante, se durante l'operazione non è possibile ripristinare la normale circolazione del liquido cerebrospinale.

Sintomi e trattamento dell'idropisia cerebrale nei bambini e negli adulti

Con una diagnosi di "idrocefalo" o idropisia cerebrale, una persona può sperimentare a qualsiasi età. Ma i dottori spesso annotano questa patologia nei bambini. Il disturbo è caratterizzato da eccessivi accumuli di liquido cerebrospinale (CSF) nelle cavità del cervello a causa della sua difficoltà di spostamento dal punto di scarico al punto di assorbimento. Il liquido si accumula in quei luoghi in cui non dovrebbe essere in grandi quantità.

Forme e tipi di patologia

A seconda di dove si accumula maggiormente il liquido cerebrospinale, l'idrocefalo si divide in:

  • Esterno (quando è interessato lo spazio subaracnoideo).
  • Interno (cavità cerebrale danneggiata).
  • Misto.

La patogenesi è:

  • Apri. Il collegamento tra le cavità del cervello e lo spazio subaracnoideo rimane.
  • Idropisia chiusa del cervello (occlusale). Il movimento del liquido cerebrospinale tra le cavità del cervello e i luoghi di assorbimento del segreto è impossibile a causa del blocco o dello sviluppo della sindrome di Dandy-Walker. Questa è una specie particolarmente pericolosa che richiede un intervento urgente nel cervello.
  • Giperprsekretornaya. I plessi vascolari secernono una maggiore quantità di secrezione.

Il livello di pressione intracranica varia:

  • Idropensive ipertesi quando la pressione è elevata (più comune nei neonati).
  • Normotensivo, in cui la pressione rimane normale. Spesso osservato nella fase iniziale, il prestito confluisce nell'ipertensione.
  • Antipertensivo con bassa pressione. È estremamente raro.

Dalla natura del flusso è:

  • Forma acuta e in rapido sviluppo della malattia. La condizione di una persona sta rapidamente peggiorando e la malattia progredisce e diventa più complicata in pochi giorni. Solitamente si verificano forme chiuse acute.
  • Idropisia cronica del cervello, si sviluppa per oltre sei mesi e più a lungo. La pressione nella testa aumenta gradualmente e il liquido cerebrospinale si accumula lentamente. Pertanto, i sintomi e le manifestazioni della malattia non sono così pronunciati. La forma cronica è caratteristica dell'idrocepalo aperto.

Segni e manifestazioni

Negli adulti sani, il cranio contiene non più di 150 ml di liquido cerebrospinale. Se si verifica qualche disturbo nella rimozione del liquido dai ventricoli del cervello, inizia ad accumularsi. Come risultato di questo accumulo di strutture cerebrali vengono premuti, e il normale funzionamento dell'organo principale del sistema nervoso viene interrotto.

Quando l'idropisia cerebrale, ci sono alcuni sintomi che indicano il suo disturbo. Una persona è tormentata da attacchi di mal di testa intollerabili, che provoca nausea. Forse strabismo, visione offuscata.

Un sintomo evidente della malattia è un cambiamento dell'andatura. All'inizio, diventa indeciso, difficile, anche se in una posizione prona una persona può torcere le gambe, imitando camminare. Man mano che la malattia progredisce, il paziente inizia a grattare, si muove pesantemente dal punto.

Negli adulti e nei bambini più grandi, l'idropisia della testa si manifesta con i seguenti sintomi:

  • Forte dolore alla testa, sensazione di pesantezza, specialmente al mattino.
  • Emetica, malessere mattutino.
  • Sudorazione.
  • Aggressività irragionevole, irritabilità.
  • Salti di pressione sanguigna, palpitazioni.
  • Negli uomini, l'impotenza si sviluppa, negli adolescenti inizia la pubertà precoce.
  • La ghiandola tiroidea soffre, a seguito della quale la produzione di ormoni è disturbata.
  • Ci sono convulsioni convulsive.
  • C'è una maggiore stanchezza, sonnolenza.
  • Le persone anziane peggiorano la memoria, cambiano i caratteri nel personaggio.
  • Il paziente ha enuresi (incontinenza urinaria).
  • Le capacità intellettuali sono ridotte.

Se ti trovi in ​​questi sintomi, dovresti consultare un medico. Il trattamento precoce può salvare vite e ripristinare la salute.

Cause dello sviluppo negli adulti

L'abbassamento del cervello negli adulti è molto meno comune che nei bambini. Ma la malattia non può essere prevista, anche se si può presumere che si verifichi in una cerchia di persone. Ad esempio, il rischio di sviluppo aumenta se una persona ha sofferto:

  • Meningite.
  • Encefalite.
  • Tubercolosi.
  • Stroke.
  • Rottura dell'aneurisma
  • Sanguinamento cerebrale.
  • Encefalopatia tossica o alcolica.
  • Grave lesione alla testa.

L'idrocefalo negli adulti si manifesta in presenza di tumori e coaguli di sangue nel cervello, impedendo il deflusso del liquido cerebrospinale, portando al suo eccessivo accumulo. Vari disturbi nervosi, bassa densità della sostanza cerebrale provocano anche la malattia.

Idrocefalo nei bambini

Secondo le statistiche, ogni cinquecentesimo figlio nasce con una diagnosi di "idrocefalo". Edema cerebrale in bambini al di sotto di un anno, manifestato in:

  • Costante pianto monotono.
  • Breve sonno acuto.
  • Testa inclinabile
  • Frequente fontana abbondante di rigurgito.
  • Costipazione.
  • Strabismo divergente.
  • Omissione secolo.
  • Ipertonia muscolare (in cui le braccia sono serrate in una cam e le dita dei piedi sono raddrizzate).
  • Riflesso step debole o assente.
  • Sviluppo ritardato.

Nei bambini in età prescolare e scolare, l'idrocefalo provoca:

  • Attacchi di mal di testa mattutino.
  • Iperattività.
  • Hysteria.
  • Logoneurosis.
  • Enuresi.
  • Esposizione ai raffreddori.
  • Difetti di dizione.
  • Vocabolario limitato.
  • Difficoltà nell'apprendimento della scuola materna e del materiale scolastico.
  • Irritabilità, il bambino si comporta in modo inadeguato.

L'eruzione del cervello nei bambini, la cui primavera non è stata ancora ritardata (questi sono bambini sotto i 2 anni) provoca un notevole aumento del volume del cranio. La testa diventa sproporzionatamente grande rispetto al corpo. Più tardi, diventa sferico o ovale.

La misurazione mensile della testa nei neonati consente di identificare la patologia nelle fasi iniziali. Inoltre, la malattia è caratterizzata da un fontanel sporgente pulsante a causa della costante alta pressione intracranica - il satellite costante di gocce.

Perché si sviluppa in un bambino

Irritato nel cervello, a seconda dei fattori che contribuiscono allo sviluppo della patologia. diviso per:

Congenito è causato da uno sviluppo anormale del sistema nervoso. I difetti si formano ancora nell'utero a causa di infezioni trasmesse dalla madre durante la deposizione del cervello fetale. Le malattie più pericolose durante la gravidanza includono:

  • Rosolia.
  • Toxoplasmosi.
  • Sifilide.
  • Parotite.
  • Citomegalovirus.
  • Herpes.

Abitudini nocive: l'uso di droghe, alcol, fumo sono dannosi per il sistema nervoso del bambino. Edema cerebrale congenito si verifica a causa di lesioni alla nascita (emorragia cerebrale, asfissia). Il rischio di patologia aumenta nei neonati molto prematuri con peso ridotto.

L'idrocefalo acquisito può causare:

  • Malattie infiammatorie del cervello (ascesso, encefalite influenzale).
  • Neoplasie nel cervello e strutture ossee del cranio.
  • Infortuni ricevuti dopo la nascita.
  • Rottura delle pareti della malformazione.

diagnostica

La diagnosi primaria è un neonatologo (nel caso di un bambino), un pediatra, un chirurgo o un neurochirurgo. È possibile confermare o negare i sospetti utilizzando la diagnostica strumentale:

  • Neurosonografia, una procedura sicura e indolore per esaminare il tessuto nervoso dei neonati attraverso una molla.
  • Raggi X con un agente di contrasto, un metodo altamente informativo per la rilevazione di patologie nel cervello.
  • La risonanza magnetica, la procedura per studiare la struttura del cervello e dei vasi sanguigni mediante un campo magnetico.
  • Tomografia computerizzata, il metodo di studi di stratificazione del tessuto cerebrale.

Se è necessario esaminare il cervello di un bambino non nato nel grembo materno, la donna incinta viene sottoposta a ecografia e dopplerografia.

Trattamento per adulti

Se un paziente ha l'idropisia cerebrale, il trattamento viene eseguito solo da specialisti esperti. Questa è una malattia grave e pericolosa che può portare a gravi conseguenze, inclusa la morte.

Per combattere la patologia utilizzata:

  • Terapia farmacologica Questo metodo è adatto per l'idropisia moderata. Gli adulti sono prescritti diuretici e farmaci che lavorano per ridurre la pressione intracranica. Per migliorare le condizioni del paziente può assegnare un massaggio terapeutico.
  • Lo smistamento è una procedura chirurgica comune in cui un tubo catetere viene inserito nella cavità cranica del paziente. Secondo esso, il fluido in eccesso fluisce nello spazio addominale. La quantità di secrezione dalle cavità cerebrali è regolata da valvole speciali.
    Fondamentalmente, l'operazione termina correttamente e dà buoni risultati. Più tardi, il paziente ritorna ad uno stile di vita normale. Lo svantaggio dello smistamento è la piccola dimensione del tubo. Si piega, può intasare e non lasciare filtrare il liquido. In questi casi, lo shunt deve essere sostituito urgentemente.
  • La ventricolostomia endoscopica è un metodo più moderno e affidabile mediante il quale viene trattata l'idropisia del tipo misto, sostitutivo e simmetrico. Usando un neuroendoscopio e una videocamera microscopica, i neurochirurghi vedono tutto ciò che fa sul monitor. Con il minimo rischio, il liquido cerebrospinale e la causa che ha causato l'accumulo del segreto, ad esempio un tumore, vengono rimossi. L'operazione viene eseguita una volta. Non richiede interventi ripetuti e l'introduzione di oggetti estranei nel cervello.
  • Drenaggio. Viene usato quando è impossibile liberarsi dell'accumulo segreto in altri modi. L'operazione è carica di un alto rischio di complicanze associate all'infezione. Allo stesso tempo, possono svilupparsi processi infiammatori che richiedono la rimozione immediata di un sistema di drenaggio infetto.
  • Medicina di erbe Elimina i sintomi dell'idrocefalo. Si raccomanda ai pazienti di preparare e bere erbe diuretiche (adonis, uva ursina, prezzemolo, fiordaliso).
  • Dieta. Di solito è finalizzato alla normalizzazione del bilancio del sale marino. Il paziente deve rifiutare il cibo, a causa del quale una grande quantità di liquido si accumula nel corpo. Si tratta di pane bianco fresco, piatti di carne grassa, carni affumicate, sottaceti, salsicce, fast food, dolciumi. Sono sostituiti con verdure fresche e frutta, verdure, cereali, piatti bolliti e stufati.

Trattamento dei bambini

L'eruzione del cervello nell'infanzia viene trattata in modo medico e chirurgico. Una consultazione di diversi medici - neuropatologi e neurochirurghi aiuta a garantire il corretto corso della terapia.

La terapia farmacologica, come negli adulti, riduce la produzione di secrezioni e accelera la produzione in modo naturale. I bambini vengono prescritti Diacarb insieme ad Asparkam in base alla loro età. Le medicine stimolano il sistema escretore e bloccano la secrezione di liquido cerebrospinale.

Per rimuovere il liquido in eccesso dal cranio, consentire diuretici Mannitolo, Glicerina, Furosemide. Se la pressione intracranica non ritorna alla normalità, viene utilizzato l'intervento chirurgico.

Quando il modulo è chiuso, possono verificarsi 2 situazioni:

  1. Se si desidera rimuovere la causa di interferenze con la corrente e il deflusso di CSF, viene eseguita tale operazione. Rimuovere i tumori, le cisti, gli aneurismi.
  2. Se le neoplasie colpiscono il cervello e non hanno confini chiari, l'operazione viene eseguita per garantire l'uscita del CSF, bypassando l'ostacolo. Per fare questo, bypassare.

L'idropisia aperta nella testa viene anche trattata con lo smistamento. Le forme lievi della malattia sono suscettibili di osteopatia - un tipo di terapia manuale. La cosa principale è trovare uno specialista in grado di correggere la posizione delle ossa craniche. Il corso osteopatico aiuta ad eliminare la patologia dopo gli infortuni, migliora la circolazione del liquido cerebrospinale e allevia le condizioni del bambino anche in forma acuta.

I bambini che si trovano di fronte a questa malattia sono registrati con un neurologo e sottoposti a una diagnosi annuale. I pazienti con shunt sono sotto stretta sorveglianza medica per tutta la vita.

Conseguenze nei bambini e negli adulti

Come con qualsiasi altra malattia, le previsioni di idrocefalo dipendono dalla forma della malattia e dalla tempestività della ricerca di aiuto. Se un bambino-idrocefalo può vivere e svilupparsi normalmente dipende da molti fattori. Nei bambini a cui viene diagnosticato l'idrocefalo congenito, le conseguenze possono ulteriormente influenzare:

  • Sviluppo intellettuale
  • Problemi con il ricordo, la parola, la visione, le capacità motorie.
  • Il verificarsi di convulsioni, paralisi, ecc.

Sebbene si formi il cervello di una persona adulta, le conseguenze di una precedente malattia per lui non possono essere meno gravi. I cambiamenti nel cervello causati dalla spremitura prolungata del tessuto cerebrale fragile sono irreversibili. Una persona può perdere completamente la sua capacità di lavorare e un posto nella società a causa di:

  • Anomalie mentali
  • Problemi con il movimento.
  • Disturbi urinari.
  • Diminuzione dell'acuità visiva e dell'udito.
  • Convulsioni convulsive.

Abbastanza una malattia terribile oggi può essere curata con un trattamento tempestivo e professionale. Trovando sintomi allarmanti in te stesso o nel tuo bambino, dovresti consultare un medico. Ti dirà cos'è l'idropisia cerebrale, come comportarsi in futuro e cosa è necessario per la terapia. Le forme di malattia avviate portano a conseguenze irreparabili.

Idrocefalo del cervello in un adulto

L'idrocefalo (edema cerebrale) è una malattia in cui una grande quantità di liquido cerebrospinale si accumula in alcune parti del cervello. La causa di questa condizione è la disfunzione della produzione o del deflusso del liquido cerebrospinale dalle strutture cerebrali. Bambini e adulti inclini alla malattia. L'idrocefalo del cervello in un adulto è più difficile che in un bambino, poiché le ossa craniche nella zona della fontanella non vengono spostate e il fluido inizia a premere sul tessuto cerebrale circostante. L'idrocefalo si presenta spesso come complicazione di altre patologie che colpiscono i sistemi nervoso e vascolare, le strutture cerebrali. Secondo l'ICD 10, l'idrocefalo nella sezione "Altri disturbi del sistema nervoso" è evidenziato un codice G91 separato, in cui i tipi della malattia sono descritti nei paragrafi 0-9.

Sintomi di idrocefalo

Segni di edema cerebrale differiscono in modo significativo a seconda della forma in cui si sviluppa la malattia. Per la forma acuta di patologia è caratterizzata da un rapido aumento di ICP e la comparsa dei seguenti sintomi:

  • Mal di testa: le sensazioni arcuate e pressanti, che si estendono fino all'area orbitale, disturbano soprattutto al mattino immediatamente dopo il risveglio. Dopo un breve periodo di veglia, la loro intensità diminuisce.
  • Nausea - appare insieme a mal di testa soprattutto al mattino.
  • Vomito - non associato al cibo, dopo il suo attacco il paziente diventa più facile.
  • Disturbi visivi - una sensazione di bruciore negli occhi, l'aspetto di un velo velato.
  • La sonnolenza è un segno di un grande accumulo di liquidi, il rapido sviluppo dell'ipertensione endocranica e la probabilità di una brusca comparsa di un numero di sintomi neurologici.
  • Segni di spostamento delle strutture cerebrali rispetto all'asse del tronco cerebrale - alterazioni delle funzioni oculomotorie, una posizione innaturale della testa, respiro alterato, depressione della coscienza fino allo sviluppo del coma.
  • Attacchi di epilessia

Nello sviluppo cronico di idrocefalo in un adulto, i sintomi compaiono gradualmente e in una forma meno pronunciata. Il più spesso il paziente ha:

  1. Segni di demenza - confusione, disturbi del sonno, perdita di memoria e processi mentali, ridotta capacità di auto-servizio nella vita di tutti i giorni.
  2. L'aprassia che cammina - violazione dell'andatura quando si cammina (tremori, incertezza, passi innaturalmente grandi), mentre nella posizione supina, il paziente dimostra con sicurezza le funzioni motorie, simulando il ciclismo o il camminare.
  3. Violazione della minzione e dell'atto di defecazione - manifestata in casi avanzati sotto forma di incontinenza urinaria e masse fecali.
  4. Debolezza muscolare persistente, letargia.
  5. Squilibrio - in una fase successiva si manifesta nell'incapacità del paziente di muoversi o sedersi indipendentemente.

È importante distinguere tempestivamente l'idrocefalo cerebrale in un adulto in base ai sintomi descritti da altre patologie e consultare un medico.

Cause di idrocefalo

Fluido liquido prodotto dai plessi vascolari del cervello, lava la sua struttura e viene assorbito nel tessuto venoso. Normalmente, questo processo si verifica continuamente e la quantità di liquido prodotto e aspirato è uguale. Se una delle funzioni descritte viene violata, l'accumulo eccessivo di liquido cerebrospinale si verifica nelle strutture cerebrali, che è la causa principale dell'idrogepalo.

Idrocefalo del cervello in un adulto può verificarsi sullo sfondo delle seguenti condizioni patologiche:

  • Anomalie acute nel sistema di rifornimento di sangue del cervello causate da trombosi, ictus emorragico o ischemico, rottura di aneurisma, sanguinamento subaracnoideo o intraventricolare.
  • Lo sviluppo di infezioni e processi infiammatori che interessano il sistema nervoso centrale, la struttura e il rivestimento del cervello - meningite, ventricolite, encefalite, tubercolosi.
  • L'encefalopatia è tossica, post-traumatica, alcolica e altri tipi di essa, causando ipossia cronica cerebrale e la sua successiva atrofia.
  • Tumori di varie eziologie che crescono nelle cellule dei ventricoli, del tronco cerebrale e dei tessuti vicini allo stelo.
  • Lesioni intracraniche che causano gonfiore delle strutture cerebrali e rottura dei vasi sanguigni, oltre a complicanze post-traumatiche.
  • Complicazioni dopo l'intervento sotto forma di edema cerebrale e compressione del liquido cerebrospinale e dei canali di afflusso di sangue.
  • Anomalie genetiche rare e difetti del sistema nervoso centrale - Sindrome di Bickers-Adams, Dandy-Walker.

Se è presente almeno una delle malattie descritte, il paziente deve tenere conto del rischio di sviluppare idrocefalo come complicanza e, in caso di comparsa di sintomi caratteristici, segnalarli immediatamente al medico curante.

Specie di idrocefalo

L'idrocefalo adulto è quasi sempre attribuito a malattie acquisite. A seconda delle caratteristiche, della natura di origine e di sviluppo, è suddiviso nei seguenti tipi:

  1. Per natura di origine:
  • Aperto (esterno) - a causa del cattivo assorbimento del fluido nelle pareti dei vasi venosi, il suo eccesso si accumula nello spazio subaracnoideo, mentre nelle sezioni dei ventricoli del cervello non si osservano violazioni. Questo tipo di idropisia si verifica raramente, la sua progressione porta ad una graduale diminuzione del volume cerebrale e atrofia del tessuto cerebrale.
  • Chiuso (interno) - il liquido del liquore si accumula nelle sezioni dei ventricoli. La causa di questo processo è la rottura del suo deflusso attraverso i canali di conduzione del liquore causati dal processo infiammatorio, dalla trombosi e dalla crescita del tumore.
  • Ipersecretorio - si verifica quando si produce eccessivamente il liquido cerebrospinale.
  • Misto - fino a poco tempo fa, a questo tipo di idrocefalo veniva diagnosticato un accumulo di liquidi simultaneamente nei ventricoli del cervello e nello spazio subaracnoideo. Oggi, la causa principale di questa condizione è l'atrofia cerebrale e l'accumulo di liquidi è una conseguenza, quindi questo tipo di patologia non si applica all'idrocefalo.
  1. In termini di pressione intracranica:
  • Ipotenziale - la pressione del liquore è ridotta.
  • Iperteso - gli indicatori di pressione di CSF sono aumentati.
  • Normotensivo - la pressione intracranica è normale.
  1. Secondo il ritmo di sviluppo:
  • Acuto - il rapido sviluppo della patologia, il periodo dai primi sintomi a una profonda lesione delle strutture cerebrali è di 3-4 giorni.
  • Subacuto - la malattia si sviluppa per 1 mese.
  • Cronico - caratterizzato da sintomi lievi, il periodo di sviluppo è di 6 mesi o più.

Ogni forma di idrocefalo si manifesta sotto forma di alcuni sintomi, la cui presenza aiuta i medici nel processo di diagnosi addizionale per fare la diagnosi corretta.

diagnostica

È impossibile diagnosticare l'idrocefalo cerebrale in un adulto esclusivamente con segni o sintomi visivi, poiché la malattia non appare esternamente e una cattiva salute può essere causata da altre patologie.

Prima di fare una diagnosi di idrocefalo, il medico prescrive una serie di studi costituiti dai seguenti metodi:

  1. Esame da parte di specialisti - include la raccolta di informazioni sui sintomi e le malattie che causano l'aspetto del drenaggio cerebrale; condurre test per valutare il grado di danno alle strutture cerebrali e ridurne la funzionalità.
  2. Tomografia computerizzata: per studiare le dimensioni e la forma dei ventricoli, del cervello, dello spazio subaracnoideo e delle ossa del cranio, determinare la loro dimensione e forma, la presenza di tumori.
  3. Imaging a risonanza magnetica - per identificare il fluido nelle strutture cerebrali, determinare la forma e la gravità dell'idrocefalo, che farà una conclusione preliminare sulla causa dello sviluppo della patologia.
  4. Radiografia o angiografia utilizzando un agente di contrasto - per determinare lo stato delle navi, il grado di assottigliamento delle loro pareti.
  5. La cistografia viene eseguita per identificare la forma di idrocefalo e per chiarire la direzione del movimento del liquido cerebrospinale.
  6. Echoencephalography è un esame ecografico delle strutture cerebrali per la presenza di cambiamenti patologici che si verificano in loro.
  7. Puntura lombare - l'assunzione di liquidi da liquore viene effettuata per determinare la pressione intracranica, per studiarne la composizione in base al grado di ispessimento e alla presenza di processi infiammatori.
  8. Oftalmoscopia - viene effettuata come studio concomitante per identificare i disturbi visivi e le loro cause.

Se i risultati dell'esame esaminato confermano la presenza di fluido nelle strutture cerebrali, il medico diagnostica l'idrocefalo e prescrive il trattamento a seconda della sua forma.

Trattamento idrocefalo

Con un piccolo e moderato accumulo di liquido nel cervello, il paziente viene raccomandato come farmaco.

Se il liquido cerebrospinale crea una pressione troppo alta e la vita del paziente è in pericolo, allora deve eseguire urgentemente un'operazione chirurgica.

Quando l'idrocefalo è importante per ridurre la pressione del liquido cerebrospinale sul cervello. Per fare questo, nel corso del trattamento, il medico prescrive i seguenti farmaci:

  • Diuretici (Diakarb, Glimarit) - per rimuovere il fluido in eccesso dal corpo.
  • Farmaci vasoattivi (Glevenol, Magnesio solfato) - per migliorare la circolazione sanguigna e ripristinare il tono vascolare.
  • Antidolorifici (Ketoprofen, Nimesil), compresse anti-emicrania (Sumatriptan, Immren) - per il sollievo di attacchi dolorosi e un numero di sintomi neurologici.
  • Glucocorticosteroidi (Prednisolone, Betamethasone) - mostrato in condizioni gravi come immunosoppressore e mezzi per neutralizzare le tossine.
  • Barbiturici (fenobarbital) - sedativi che inibiscono il sistema nervoso centrale.

La terapia farmacologica può ridurre la quantità di fluido nelle strutture cerebrali e alleviare i sintomi, ma una cura completa con il suo aiuto è impossibile. Nei casi acuti e avanzati, se c'è un alto rischio di coma o morte, il paziente sta subendo un intervento neurochirurgico. A seconda delle indicazioni e delle condizioni del paziente con idrocefalo del cervello in un adulto, vengono eseguiti i seguenti tipi di operazioni:

  1. Lo smistamento è una rimozione del liquido cerebrospinale con uno strumento speciale dalle strutture del cervello nella cavità del corpo, che assorbe naturalmente il fluido senza ostruzione. Esistono tipi di bypass:
  • ventricolo-peritoneale: scarica di fluido nella cavità addominale;
  • ventricolare-atriale - nel reparto dell'atrio destro;
  • ventricolo-cisternia - nella parte posteriore della testa, sezione di un grande serbatoio.
  1. Endoscopia: il fluido viene espulso attraverso uno speciale catetere inserito nel foro praticato nel cranio.
  2. Il drenaggio ventricolare è una chirurgia a cielo aperto che prevede l'installazione di un sistema di drenaggio esterno. Questo tipo di intervento è indicato nei casi in cui non è possibile eseguire altri tipi di operazioni. Quando lo si esegue, c'è un alto rischio di complicazioni in seguito.

Conseguenze di idrocefalo

La prognosi dei medici nella diagnosi dell'idrocefalo del cervello adulto dipende dalla forma e dalla negligenza della malattia. La scoperta della patologia nella fase iniziale aumenta la probabilità di mantenere la salute, così come l'auto-orientamento del paziente nella vita quotidiana e nella società. Per fare questo, ai primi sintomi della malattia, è necessario consultare un medico, essere regolarmente esaminati, e anche seguire i corsi raccomandati di trattamento e riabilitazione.

L'idrocefalo nella fase avanzata minaccia il paziente con gravi complicazioni e la deludente prognosi dei medici. La ragione di ciò sono i processi irreversibili nel tessuto cerebrale che si verificano con la pressione prolungata del liquido cerebrospinale sulla sua struttura. Le conseguenze dell'esecuzione dell'idrocefalo includono:

  • ridotto tono muscolare degli arti;
  • deficit uditivo e visivo;
  • disturbi mentali, manifestati nella riduzione del pensiero, della memoria, della concentrazione;
  • disturbi del sistema respiratorio e cardiaco;
  • squilibrio di sale marino;
  • mancanza di coordinamento;
  • comparsa di crisi epilettiche;
  • segni di demenza.

In presenza delle complicanze descritte e della loro gravità severa, al paziente viene assegnata una disabilità, il cui gruppo dipende da quanto bene si orienta nella società e nella vita.

Se la malattia progredisce rapidamente o il cervello ha quasi completamente perso la sua funzionalità a causa dell'atrofia dei suoi tessuti, allora c'è un'alta probabilità di coma e morte.

Idrocefalo o idropisia del cervello

Questa malattia si verifica a causa di un eccessivo accumulo nel cervello del liquido cerebrospinale (cerebrospinale) (CSF). In un corpo sano, questo fluido si forma nella parte ventricolare del cervello, dopo di che il canale spinale entra ed è assorbito nel sangue. Quando si verifica l'idrocefalo, il trasporto o l'assorbimento non si verificano e il liquido rimane dove non dovrebbe essere presente in tali quantità.

Edema cerebrale - una descrizione della malattia

L'idrocefalo si verifica principalmente nei bambini, ma può colpire anche gli adulti. L'accumulo di liquidi in questa malattia porta alla frantumazione del tessuto cerebrale nel cranio, che contribuisce alla distruzione del normale funzionamento del cervello.

Una persona sana nel cranio contiene circa 150 ml di liquore. Il superamento di questa quantità indica disturbi patologici nell'attività dell'organismo.

Irritato del cervello in un bambino

Le statistiche mediche suggeriscono che circa il 70% dei neonati soffre in modo chiaro o nascosto di idrocefalo.

Nei bambini al di sotto di un anno, le manifestazioni sono:

  • pianto senza causa;
  • disturbi del sonno;
  • frequente rigurgito;
  • gettando indietro la testa durante il sonno;
  • aumento del tono muscolare (le impugnature sono serrate a pugno, le dita dei piedi vengono tirate in avanti);
  • nessun riflesso di passo;
  • motore e ritardo mentale;

Per bambini in età prescolare e scolari, cause indigenti:

  • iper mobilità;
  • reazioni isteriche;
  • balbuzie;
  • incontinenza urinaria (enuresi);
  • strabismo;
  • raffreddori frequenti;
  • ritardo dello sviluppo (violazione della dizione, povertà del vocabolario);
  • sangue dal naso;
  • mal di testa;
  • scarsa prestazione accademica;
  • stanchezza;

La causa principale dell'idropisia nei neonati sono le malattie infettive che la madre ha sofferto durante la gravidanza.

Classificazione dell'idrocefalo secondo la sua origine:

Secondo la patogenesi, l'idropisia si divide in tre forme principali:

  • Chiuso (o occlusivo) - in cui il deflusso del liquido cerebrospinale viene disturbato a causa della chiusura del percorso con un tumore, un trombo o altre formazioni patologiche;
  • Aperto (o riportato) - una forma in cui l'assorbimento del CSF nel sistema circolatorio è disturbato;
  • L'iper-secretoria è una forma in cui una quantità eccessiva di fluido è prodotta dal cervello dell'ottelami ventricolare;

Cause della malattia

La causa diretta della malattia, come già accennato, è una violazione del flusso di liquido o la sua sintesi eccessiva nel corpo. Ciò può verificarsi a causa di anomalie congenite e acquisite.

L'idrocefalo può svilupparsi a seguito di un'infezione materna o a causa di infezioni che colpiscono un corpo debole di bambini nei primi mesi dopo la nascita del bambino.

L'eruzione negli adulti si sviluppa a causa della presenza di tumori e coaguli di sangue nel cervello; Le malattie infettive possono anche contribuire alla comparsa di disturbi del deflusso del liquido cerebrospinale.

Fattori di rischio

I fattori che influenzano lo sviluppo dell'idrocefalo possono essere:

  • prematurità (trauma della nascita accompagnato da emorragia);
  • malattie infettive dell'utero durante la gravidanza (herpes, toxoplasmosi);
  • difetti congeniti (malformazioni del cervello e del midollo spinale);
  • meningite, encefalite (le conseguenze di queste malattie possono portare alla formazione di tumori);
  • sanguinamento nel cervello;
  • ferite alla testa;

sintomi

Nei bambini

L'idrocefalo nei bambini si manifesta nei seguenti sintomi:

  • crescita più rapida della dimensione della testa con assottigliamento concomitante delle ossa del cranio;
  • aspetto sul volto della rete venosa;
  • primavera intensa (può rimanere aperta fino a 2 e 3 anni, mentre normalmente la primavera dovrebbe chiudersi fino a un anno);
  • nausea e vomito;
  • disturbi del sonno;
  • convulsioni e convulsioni;
  • cadente della testa;
  • occhi che rotolano;
  • cambiamenti nel fondo, disturbi visivi;
  • ritardi nello sviluppo fisico e mentale (il bambino non può tenere la testa, sedersi e alzarsi in piedi, non gioca, piangendo in modo inequivocabile, letargico e apatico, a volte afferra la testa - forse sperimentando un mal di testa);

Non è un segreto che la pressione intracranica negli adulti sia la causa di molti sintomi e malattie spiacevoli. Deve essere diagnosticato e adeguatamente trattato.

Da un mal di testa, a giudicare dalle recensioni, ben spasmalgon aiuta a far fronte. Maggiori informazioni su questo qui.

Negli adulti

L'eruzione nei bambini più grandi e negli adulti ha i seguenti sintomi:

  • convulsioni epilettiche;
  • enuresi (incontinenza urinaria);
  • arresto o gigantismo;
  • sviluppo sessuale prematuro;
  • violazione delle funzioni ormonali (ridotta produzione di ormoni - per esempio, la ghiandola tiroidea);
  • mal di testa e vomito associato;
  • visione offuscata, diplopia (visione doppia), perdita della vista;
  • incoordinazione, cambio di andatura;
  • debolezza e stanchezza;
  • irritabilità;
  • perdita di memoria;
  • pensiero disturbato, confusione, demenza, cambiamenti di personalità;

Quando vedere un dottore

Vedere un dottore è necessario se è presente una qualsiasi delle suddette manifestazioni: prima viene diagnosticata la malattia, più la terapia avrà successo. Questo è particolarmente vero per i bambini.

Se il bambino piange spesso e senza motivo apparente, ha difficoltà a succhiare il seno, non vuole inclinarsi o girare la testa, ha problemi respiratori, così come crampi, cambiamenti agli occhi, viso e struttura della testa, consultare un medico e aiutare immediatamente.

Esame e diagnosi

La diagnosi primaria è fatta da un neonotologo (specialista neonato), pediatra, chirurgo o neurochirurgo. La diagnosi più accurata viene fornita attraverso ulteriori ricerche.

La diagnosi di idrocefalo si basa sull'osservazione del quadro clinico, dell'esame del fondo e delle procedure dell'hardware:

Questa apparecchiatura non è disponibile in tutti gli ospedali, ma se necessario, i genitori devono condurre un esame in una clinica privata su base commerciale. La diagnosi degli adulti viene effettuata anche mediante esame in una camera di risonanza magnetica.

In questo caso, i risultati di diversi esami del feto in diversi periodi di gestazione sono considerati affidabili al fine di eliminare il più possibile la probabilità di un errore.

Nella foto puoi vedere come appare l'idropisia cerebrale.

trattamento

Come trattare l'idropisia cerebrale in un caso particolare, solo il medico curante decide, non ci può essere alcuna domanda di autotrattamento. Questa è una malattia molto pericolosa, che, in caso di trattamento inadeguato, può portare a gravi conseguenze.

medicazione

Nella fase iniziale della malattia, il trattamento viene effettuato con l'aiuto di farmaci, ma spesso questo metodo terapeutico è inefficace e aiuta solo nei casi di una varietà molto debole e nascosta di edema cerebrale.

chirurgia

I metodi terapeutici più comunemente utilizzati per l'idrocefalo sono chirurgici, poiché offrono maggiori possibilità di recupero completo.

circonvallazione

Il metodo più comune di chirurgia per l'idrocefalo è lo smistamento ventricolo-peritoneale.

Per fare questo, vengono introdotti nella cavità cranica speciali cateteri in silicone con valvole, lungo i quali il liquido viene scaricato dal cervello nella cavità addominale. Pertanto, viene mantenuta la pressione ottimale del fluido intracranico.

La quantità di liquido cerebrospinale che scorre dalla cavità cranica è regolata da valvole speciali.

Complicazioni delle operazioni di manovra

Lo svantaggio di questo metodo è il piccolo diametro dello shunt. Il tubo è facilmente piegato e intasato e si guasta in pochi anni - in questo caso è necessaria la sua sostituzione. Tale procedura deve essere eseguita immediatamente, il che può essere problematico se il paziente è lontano dalla clinica.
Altre possibili complicazioni durante lo smistamento:

  • infezione da shunt;
  • infezione dei ventricoli del cervello e delle meningi;
  • hyperdrenning (deflusso di liquore troppo veloce);
  • ipo drenante (troppo lento deflusso);

Sistemi di drenaggio esterni

Questo metodo di rimozione del liquido dai ventricoli del cervello viene utilizzato in casi estremi quando è impossibile rimuovere il CSF con altri mezzi.

Questa operazione è accompagnata dal maggior numero di complicanze, delle quali le più pericolose sono associate ad un alto rischio di infezione.

Per questo motivo, potrebbe esserci un'infiammazione pericolosa. In questo caso, il drenaggio infetto viene rimosso in caso di emergenza.

Trattamento endoscopico di idrocefalo

Un nuovo metodo moderno per il trattamento dell'idrocefalo - ventricolostomia endoscopica. Questa operazione viene spesso eseguita in cliniche estere, in Russia questa tecnica non è ampiamente diffusa a causa dell'elevato costo delle attrezzature. Il metodo è sicuro e affidabile.

I medici penetrano i canali cerebrali usando un dispositivo speciale: un neuroendoscopio con una mini-videocamera, l'immagine da cui viene trasmessa al monitor di un computer. Nella foto, i chirurghi vedono dove esattamente l'intervento deve essere fatto al fine di creare deflusso di liquido cerebrospinale. Quindi, utilizzando un catetere speciale, viene creato un foro e il fluido scorre liberamente dal cervello lungo un percorso tortuoso.

Modi popolari

Il trattamento dell'idrocefalo con metodi tradizionali difficilmente può essere efficace e può portare solo un sollievo temporaneo al paziente. Ci sono decotti di ricette popolari e infusi che dovrebbero essere bevuti con idropisia.

Piante che vengono utilizzate in questi metodi: adonis, prezzemolo, uva ursina, origano, fiordaliso. Va ricordato che nessun trattamento indipendente di idropisia può essere effettuato senza l'approvazione del medico curante.

Trattamento correttivo

Il trattamento riparativo dopo l'intervento chirurgico è l'osservanza delle prescrizioni mediche standard. Il bambino operato dovrebbe essere protetto da possibili infezioni e ferite alla testa, cadute, lividi e attività fisica eccessiva.

Spesso, l'aumento della pressione può essere associato a distonia vegetativa-vascolare di tipo misto, che, a causa delle sue caratteristiche, è difficile da diagnosticare.

Dopo aver letto questo articolo, scoprirai le cause della pressione intracranica nei bambini e potrai leggere tutto sull'encefalite cerebrale nei bambini cliccando sul seguente link http://gidmed.com/bolezni-nevrologii/infekcionnye-zabolevanija/entsefalit-golovnogo-mozga.html

Conseguenze della malattia e prevenzione

La prognosi dell'idropisia cerebrale dipende direttamente dalla tempestività della diagnosi e dalla nomina del trattamento appropriato.

I bambini che sono stati diagnosticati e operati in tempo sono in grado di svilupparsi e vivere normalmente (forse con alcune limitazioni, e talvolta senza di loro).

È necessario monitorare le condizioni dello shunt e sottoporsi a regolari esami medici.

Le malattie infettive a tempo indeterminato nella madre durante la gestazione e nel neonato durante le prime settimane e nei primi mesi di vita sono la migliore prevenzione contro l'idrocefalo.

È inoltre necessario condurre regolarmente esami ecografici e visite mediche in tenera età.

Per maggiore chiarezza, ti consigliamo di guardare il video:

Per Saperne Di Più I Vasi