Embolia polmonare - che cos'è? Cause e trattamento della malattia

Embolia polmonare - non molte persone lo sanno. Di regola, si sviluppa improvvisamente quando uno o più coaguli di sangue bloccano l'arteria polmonare. Un trombo si separa dai vasi situati negli arti inferiori (la trombosi del segmento femorale è particolarmente pericolosa). Il blocco del flusso sanguigno ai polmoni provoca una mancanza di ossigeno (il tronco polmonare può essere completamente bloccato). Nel 30% dei casi, l'embolia è fatale.

Il pericolo di questa malattia sta nel fatto che circa la metà dei casi di blocco delle piccole arterie nei polmoni sono asintomatici. I sintomi di un raffreddore (tosse, bassa temperatura) possono essere caratteristici della condizione, motivo per cui non è possibile diagnosticare in tempo e fornire un'adeguata assistenza.

Sintomi di embolia polmonare

I principali sintomi della malattia includono i seguenti:

  • mancanza di respiro, respiro sibilante, dolore toracico (come in un infarto). I sintomi compaiono spesso durante il sonno, dopo aver subito uno stress emotivo o fisico;
  • tossendo sangue;
  • aritmia, respiro rapido, ipertensione;
  • febbre;
  • soffi respiratori e cardiaci;
  • ipertensione polmonare;
  • gonfiore, infiammazione dei tessuti dell'arto interessato (nel sito della formazione di un coagulo di sangue), dolore quando toccato, scolorimento, sensibilità, temperatura elevata di quest'area;
  • difficoltà a camminare

Cause di embolia

La probabilità di complicanze dipende dalle dimensioni di un coagulo di sangue che è entrato nei polmoni, sullo stato dei vasi sanguigni. Il rischio è maggiore quando le arterie sono già parzialmente bloccate, con cardiopatie esistenti, danni alle vene.

I fattori di rischio (sono identici a quelli derivanti dalla trombosi) sono:

  • la vecchiaia (particolarmente il periodo da 60 a 75 anni) - le arterie, di regola, già hanno il danno, aggravano la situazione di obesità e malattie come diabete e ipertensione;
  • stile di vita inattivo - coloro che ignorano l'attività fisica hanno maggiori probabilità di sperimentare trombosi a causa di alterazioni del flusso sanguigno. Il rischio di embolia aumenta con il viaggio aereo, i lunghi viaggi con il trasporto motorio, l'immobilizzazione dopo l'intervento chirurgico, il lavoro sedentario;
  • sovrappeso - è irto di infiammazione cronica, aumento della pressione, così come un eccesso di tessuto adiposo aumenta il livello di estrogeni;
  • ictus, infarto o presenza di trombosi - con arterie indebolite, attacco cardiaco, ipertensione, aumento del rischio di nuovi coaguli di sangue. L'embolia può svilupparsi dopo gli infortuni, le operazioni sulle navi;
  • ricovero ospedaliero - circa il 20% dei casi di embolia polmonare si verifica in un ospedale (a causa di immobilità, stress, pressioni, infezioni, uso di un catetere endovenoso);
  • trauma, grave stress - eventi traumatici (di natura mentale o fisica) aumentano il rischio di trombosi di dieci volte, aumentando la coagulazione del sangue, interrompendo l'equilibrio ormonale, provocando l'ipertensione;
  • malattie infettive recenti - i processi infiammatori influenzano negativamente la coagulazione del sangue;
  • malattie croniche - artrite, cancro, malattie autoimmuni, diabete, malattie renali e intestinali peggiorano le condizioni dei vasi sanguigni e delle cellule polmonari, provocando trombosi;
  • menopausa e altri cambiamenti ormonali - un aumento del livello di estrogeni (a seguito di terapia sostitutiva o assunzione di contraccettivi) aumenta la coagulazione del sangue, provoca complicazioni nel lavoro del cuore;
  • gravidanza - il corpo produce più sangue in modo che sia sufficiente per la madre e il supporto del feto, la pressione sulle vene aumenta (aggravata dalla situazione aumento di peso);
  • fumo, tossicodipendenza, uso di alcol;
  • fattori genetici - le violazioni nella produzione di piastrine e la coagulazione del sangue possono essere ereditate (ma affinché la condizione diventi minacciosa, è necessaria l'esposizione agli altri trigger elencati).

Metodi tradizionali di trattamento del tromboembolismo

Nel trattamento dell'embolia polmonare, vengono prescritti anticoagulanti - warfarin, eparina, coumadina (in pillole, iniezioni o contagocce), procedure per la rimozione dei coaguli di sangue, una serie di misure per prevenirne l'aspetto.

I farmaci che fluidificano il sangue devono essere assunti con attenzione, senza disturbare il dosaggio, in modo da non provocare emorragie (questo effetto collaterale non è meno una minaccia per la vita di un coagulo di sangue).

Prevenzione dell'embolia polmonare

Puoi liberarti di un grumo di sangue e chirurgicamente, ma senza cambiamenti nello stile di vita, il problema tornerà di nuovo. Le seguenti azioni hanno un effetto benefico sulla formazione del sangue e sullo stato delle navi:

Regolazione della potenza

Gli anticoagulanti naturali che riducono il rischio di coaguli di sangue sono:

  • prodotti contenenti vitamine A e D: nocciole, olio di semi di girasole, mandorle, albicocche secche, spinaci, prugne, farina d'avena, salmone, lucioperca, rosa canina, viburno, burro, olio di pesce, manzo, maiale e fegato di merluzzo, tuorli d'uova;
  • alimenti proteici sani: legumi, carne bianca (pollo), noci, semi;
  • spezie: aglio, origano, curcuma, zenzero, pepe di cayenna;
  • cioccolato fondente;
  • ananas, papaia;
  • miele;
  • aceto di sidro di mele;
  • tè verde;
  • grassi omega-3;
  • olio di primula;
  • acqua, tisane (bevande zuccherate, alcol e caffeina dovranno essere abbandonati).

Non è necessario evitare prodotti con vitamina K, nonostante la capacità dell'elemento di aumentare la coagulazione del sangue. Nei prodotti naturali (verdure a foglia, crucifere, bacche, avocado, olio d'oliva, patate dolci) la sua concentrazione è bassa, ma hanno antiossidanti, elettroliti, composti anti-infiammatori.

Attività fisica

I periodi di riposo prolungato dovrebbero essere evitati (specialmente - molte ore seduti a una scrivania o in TV).

I migliori tipi di esercizi per mantenere la pressione sono normali, per proteggere cuore e polmoni - allenamento aerobico: corsa, ciclismo, allenamento ad intervalli.

È importante mantenere l'attività nella vecchiaia, eseguendo almeno un semplice riscaldamento, esercizi di stretching.

Se ci sono prerequisiti per la formazione di coaguli di sangue (o già si sviluppano disturbi circolatori e blocco dei vasi sanguigni), non si può rimanere seduti a lungo, bisogna riscaldarsi e camminare ogni 30 minuti.

Supporta un peso sano

I chili extra sono un carico aggiuntivo sul cuore, gli arti inferiori, i vasi sanguigni. Il tessuto adiposo è la casa degli estrogeni - un ormone che provoca infiammazione e formazione di coaguli di sangue.

Il supporto del peso ottimale contribuisce non solo alla dieta e all'esercizio fisico, ma anche a evitare l'alcol, il sonno sano, l'eliminazione dello stress.

Attenzione quando si scelgono farmaci

Molti farmaci (per l'ipertensione, l'ormonale, il contraccettivo) provocano trombosi. È necessario chiedere la prescrizione di altri medicinali o, insieme a uno specialista, cercare metodi alternativi di trattamento.

Prestare attenzione ai sintomi emboli che possono svilupparsi dopo l'intervento chirurgico, durante il riposo a letto durante la riabilitazione dopo gli infortuni (in particolare a carico degli arti inferiori).

Se soffre di respiro corto, improvviso spasmo al torace, gonfiore delle gambe o delle braccia, o problemi respiratori, è necessario contattare immediatamente il medico.

Rimedi popolari

L'embolia polmonare è una malattia molto seria e in rapido sviluppo. A questo proposito, l'uso di rimedi popolari da soli per il suo trattamento non è affatto lecito. Le ricette dei guaritori tradizionali possono essere utilizzate solo quando si recupera dal farmaco già prescritto da un medico.

Fondamentalmente, durante il periodo di recupero, i mezzi sono usati per rafforzare il sistema cardiovascolare e migliorare l'immunità del corpo.

Il tromboembolismo si riferisce a condizioni alle quali è necessario rispondere rapidamente. Esaminare i sintomi sopra elencati per ottenere aiuto di emergenza in modo tempestivo, se necessario. Ti benedica!

Tromboembolismo dell'arteria polmonare

Tromboembolismo dell'arteria polmonare (embolia polmonare) è l'occlusione dell'arteria polmonare o dei suoi rami da parte di masse trombotiche, portando a disturbi potenzialmente letali dell'emodinamica polmonare e sistemica. I segni classici di embolia polmonare sono dolore dietro lo sterno, asfissia, cianosi del viso e del collo, collasso, tachicardia. Per confermare la diagnosi di embolia polmonare e diagnosi differenziale con altri sintomi simili, vengono eseguiti ECG, radiografia polmonare, echoCG, scintigrafia polmonare e angiopulmonografia. Il trattamento dell'embolia polmonare coinvolge la terapia trombolitica e di infusione, l'inalazione di ossigeno; se inefficace, tromboembolectomia dall'arteria polmonare.

Tromboembolismo dell'arteria polmonare

Embolia polmonare (PE) - un improvviso blocco dei rami o del tronco dell'arteria polmonare da parte di un coagulo di sangue (embolus) formato nel ventricolo destro o nell'atrio del cuore, il letto venoso della grande circolazione e portato con una corrente sanguigna. Di conseguenza, l'embolia polmonare impedisce l'afflusso di sangue al tessuto polmonare. Lo sviluppo dell'embolia polmonare si verifica spesso rapidamente e può portare alla morte del paziente.

Embolia polmonare uccide lo 0,1% della popolazione mondiale. Circa il 90% dei pazienti deceduti per embolia polmonare non aveva una diagnosi corretta al momento, e il trattamento necessario non è stato effettuato. Tra le cause di morte della popolazione da malattie cardiovascolari, la PEH è al terzo posto dopo IHD e ictus. L'embolia polmonare può portare alla morte in patologia non cardiologica, che si manifesta dopo operazioni, lesioni, parto. Con il trattamento tempestivo ottimale dell'embolia polmonare, vi è un alto tasso di riduzione della mortalità al 2 - 8%.

Le cause dell'embolia polmonare

Le cause più comuni di embolia polmonare sono:

  • trombosi venosa profonda (TVP) della gamba (70-90% dei casi), spesso accompagnata da tromboflebite. La trombosi può verificarsi nello stesso momento in vene profonde e superficiali della gamba
  • trombosi della vena cava inferiore e dei suoi affluenti
  • malattie cardiovascolari che predispongono alla comparsa di coaguli di sangue e embolia polmonare (malattia coronarica, reumatismi attivi con stenosi mitralica e fibrillazione atriale, ipertensione, endocardite infettiva, cardiomiopatia e miocardite non reumatica)
  • processo settico generalizzato
  • malattie oncologiche (più spesso del pancreas, dello stomaco, del cancro del polmone)
  • trombofilia (aumento della trombosi intravascolare in violazione del sistema di regolazione dell'emostasi)
  • sindrome antifosfolipidica - formazione di anticorpi contro fosfolipidi piastrinici, cellule endoteliali e tessuto nervoso (reazioni autoimmuni); è mostrato dalla tendenza aumentata a trombosi di varie localizzazioni.

I fattori di rischio per trombosi venosa ed embolia polmonare sono:

  • stato di immobilità prolungato (riposo a letto, viaggi aerei frequenti e prolungati, viaggi, paresi delle estremità), insufficienza cronica cardiovascolare e respiratoria, accompagnata da un flusso sanguigno più lento e ristagno venoso.
  • assunzione di un elevato numero di diuretici (perdita di massa di acqua porta a disidratazione, aumento dell'ematocrito e della viscosità del sangue);
  • neoplasie maligne - alcuni tipi di emooblastosi, policitemia vera (un alto contenuto nel sangue dei globuli rossi e delle piastrine porta alla loro iperagregazione e alla formazione di coaguli di sangue);
  • l'uso a lungo termine di alcuni farmaci (contraccettivi orali, terapia ormonale sostitutiva) aumenta la coagulazione del sangue;
  • malattia varicosa (con le vene varicose degli arti inferiori, si creano le condizioni per il ristagno del sangue venoso e la formazione di coaguli di sangue);
  • disordini metabolici, emostasi (iperlipidproteinemia, obesità, diabete, trombofilia);
  • chirurgia e procedure invasive intravascolari (per esempio, un catetere centrale in una grande vena);
  • ipertensione arteriosa, insufficienza cardiaca congestizia, ictus, infarto;
  • lesioni del midollo spinale, fratture di grandi ossa;
  • la chemioterapia;
  • gravidanza, parto, il periodo postparto;
  • fumo, vecchiaia, ecc.

Classificazione TELA

A seconda della localizzazione del processo tromboembolico, si distinguono le seguenti varianti di embolia polmonare:

  • massiccio (il trombo è localizzato nel tronco principale o nei rami principali dell'arteria polmonare)
  • embolia dei rami segmentari o lobari dell'arteria polmonare
  • embolia dei piccoli rami dell'arteria polmonare (solitamente bilaterale)

A seconda del volume del flusso sanguigno arterioso disconnesso durante l'embolia polmonare, si distinguono le seguenti forme:

  • piccolo (meno del 25% dei vasi polmonari sono affetti) - accompagnato da mancanza di respiro, il ventricolo destro funziona normalmente
  • sottomesso (submassimale - il volume dei vasi polmonari colpiti dal 30 al 50%), in cui il paziente ha respiro affannoso, pressione sanguigna normale, insufficienza ventricolare destra non molto pronunciata
  • massiccio (volume di flusso di sangue polmonare disabile superiore al 50%) - perdita di coscienza, ipotensione, tachicardia, shock cardiogeno, ipertensione polmonare, insufficienza ventricolare destra acuta
  • mortale (il volume del flusso sanguigno nei polmoni è superiore al 75%).

L'embolia polmonare può essere grave, moderata o lieve.

Il decorso clinico dell'embolismo polmonare può essere:
  • acuto (fulminante), quando vi è un blocco istantaneo e completo di un tronco principale di trombo o di entrambi i rami principali dell'arteria polmonare. Sviluppare insufficienza respiratoria acuta, arresto respiratorio, collasso, fibrillazione ventricolare. Esito fatale si verifica in pochi minuti, l'infarto polmonare non ha il tempo di svilupparsi.
  • acuta, in cui vi è un otturazione rapidamente crescente dei rami principali dell'arteria polmonare e parte del lobare o segmentale. Inizia improvvisamente, progredisce rapidamente, si sviluppano i sintomi dell'insufficienza respiratoria, cardiaca e cerebrale. Dura un massimo di 3-5 giorni, complicato dallo sviluppo di infarto polmonare.
  • subacuta (prolungata) con trombosi di rami grandi e medie dell'arteria polmonare e lo sviluppo di infarti polmonari multipli. Dura diverse settimane, progredendo lentamente, accompagnato da un aumento dell'insufficienza respiratoria e del ventricolo destro. Il tromboembolismo ripetuto può verificarsi con esacerbazione dei sintomi, che spesso porta alla morte.
  • cronica (ricorrente), accompagnata da ricorrenti trombosi di lobare, rami segmentali dell'arteria polmonare. Si manifesta per infarto polmonare ripetuto o pleurite ripetuta (di solito bilaterale), come pure aumentando gradualmente l'ipertensione della circolazione polmonare e lo sviluppo di insufficienza ventricolare destra. Spesso si sviluppa nel periodo postoperatorio, sullo sfondo di malattie oncologiche già esistenti, patologie cardiovascolari.

Sintomi di PE

La sintomatologia dell'embolia polmonare dipende dal numero e dalle dimensioni delle arterie polmonari trombizzate, dalla velocità del tromboembolismo, dal grado di arresto del flusso sanguigno nel tessuto polmonare e dallo stato iniziale del paziente. Nell'embolismo polmonare, esiste un'ampia gamma di condizioni cliniche: da un decorso quasi asintomatico a una morte improvvisa.

Le manifestazioni cliniche della PE non sono specifiche, possono essere osservate in altre malattie polmonari e cardiovascolari, la loro principale differenza è un improvviso, improvviso insorgere in assenza di altre cause visibili di questa condizione (insufficienza cardiovascolare, infarto miocardico, polmonite, ecc.). Per TELA nella versione classica è caratterizzato da un numero di sindromi:

1. Cordiale - Vascolare:

  • insufficienza vascolare acuta. C'è una caduta della pressione sanguigna (collasso, shock circolatorio), tachicardia. La frequenza cardiaca può raggiungere più di 100 battiti. in un minuto.
  • insufficienza coronarica acuta (nel 15-25% dei pazienti). Si manifesta con improvviso forte dolore dietro lo sterno di natura diversa, che dura da alcuni minuti a diverse ore, fibrillazione atriale, extrasistole.
  • cuore polmonare acuto. A causa di embolia polmonare massiva o sottomessa; manifestato da tachicardia, gonfiore (pulsazione) delle vene cervicali, polso venoso positivo. L'edema nel cuore polmonare acuto non si sviluppa.
  • insufficienza cerebrovascolare acuta. Disturbi cerebrali o focali, si verificano ipossia cerebrale e in forma grave, edema cerebrale, emorragie cerebrali. Si manifesta con vertigini, acufeni, svenimenti profondi con convulsioni, vomito, bradicardia o coma. Possono verificarsi agitazione psicomotoria, emiparesi, polineurite, sintomi meningei.
  • insufficienza respiratoria acuta manifesta mancanza di respiro (da sentirsi a corto di aria a manifestazioni molto pronunciate). Il numero di respiri è più di 30-40 al minuto, si nota cianosi, la pelle è grigio-cenere, pallida.
  • la sindrome bronchospastica moderata è accompagnata da sibili acuti fischiando.
  • infarto polmonare, polmonite da infarto si sviluppa da 1 a 3 giorni dopo l'embolia polmonare. Ci sono lamentele di mancanza di respiro, tosse, dolore al petto dal lato della lesione, aggravato dalla respirazione; emottisi, febbre. Si sentono rantoli umidi a bollicine fini, rumore di attrito pleurico. I pazienti con insufficienza cardiaca grave hanno versamenti pleurici significativi.

3. Sindrome febbrile - subfebrile, febbrile temperatura corporea. Associata con processi infiammatori nei polmoni e nella pleura. La durata della febbre va da 2 a 12 giorni.

4. La sindrome addominale è causata da gonfiore acuto e doloroso del fegato (in combinazione con paresi intestinale, irritazione peritoneale, singhiozzo). Manifestato da dolore acuto nel giusto ipocondrio, eruttazione, vomito.

5. Sindrome immunologica (polmonite, pleurite ricorrente, rash cutaneo simile all'orticaria, eosinofilia, comparsa di immunocomplessi circolanti nel sangue) si sviluppa a 2-3 settimane di malattia.

Complicazioni di embolia polmonare

L'embolia polmonare acuta può causare arresto cardiaco e morte improvvisa. Quando i meccanismi compensatori sono attivati, il paziente non muore immediatamente, ma in assenza di trattamento i disturbi emodinamici secondari progrediscono molto rapidamente. Le malattie cardiovascolari del paziente riducono significativamente le capacità compensatorie del sistema cardiovascolare e peggiorano la prognosi.

Diagnosi di embolia polmonare

Nella diagnosi di embolia polmonare, il compito principale è quello di determinare la posizione dei coaguli di sangue nei vasi polmonari, per valutare il grado di danno e la gravità dei disturbi emodinamici, per identificare la fonte di tromboembolia per prevenire la recidiva.

La complessità della diagnosi di embolia polmonare determina la necessità che tali pazienti si trovino in reparti vascolari appositamente attrezzati, in possesso delle più ampie possibilità di ricerca e trattamento speciali. Tutti i pazienti con sospetta embolia polmonare hanno i seguenti test:

  • cronologia accurata, valutazione dei fattori di rischio per DVT / PE e sintomi clinici
  • esami generali e biochimici del sangue e delle urine, analisi dei gas del sangue, coagulogramma e D-dimero plasmatico (metodo per diagnosticare i coaguli di sangue venoso)
  • ECG nella dinamica (per escludere infarto miocardico, pericardite, insufficienza cardiaca)
  • Radiografia dei polmoni (per escludere il pneumotorace, la polmonite primaria, i tumori, le fratture costali, la pleurite)
  • Ecocardiografia (per rilevare l'aumento della pressione nell'arteria polmonare, sovraccarico del cuore destro, coaguli di sangue nelle cavità cardiache)
  • scintigrafia polmonare (alterata trasfusione sanguigna attraverso il tessuto polmonare indica una diminuzione o assenza di flusso sanguigno a causa di embolia polmonare)
  • angiopulmonografia (per una determinazione accurata della posizione e delle dimensioni di un coagulo di sangue)
  • Vene USDG degli arti inferiori, venografia a contrasto (per identificare la fonte del tromboembolismo)

Trattamento dell'embolia polmonare

I pazienti con embolia polmonare sono collocati nell'unità di terapia intensiva. In caso di emergenza, il paziente viene rianimato per intero. L'ulteriore trattamento dell'embolia polmonare è finalizzato alla normalizzazione della circolazione polmonare, prevenendo l'ipertensione polmonare cronica.

Al fine di prevenire il ripetersi di embolia polmonare è necessario osservare il riposo a letto rigoroso. Per mantenere l'ossigenazione, l'ossigeno viene continuamente inalato. Viene eseguita una massiccia terapia infusionale per ridurre la viscosità del sangue e mantenere la pressione sanguigna.

Nel primo periodo, la nomina della terapia trombolitica con l'obiettivo della dissoluzione più rapida possibile di un coagulo di sangue e il ripristino del flusso sanguigno nell'arteria polmonare. In futuro, per prevenire la ricorrenza di embolia polmonare viene effettuata la terapia con eparina. In caso di infarto-polmonite, viene prescritta una terapia antibiotica.

Nei casi di embolia polmonare massiva e l'inefficienza della trombolisi, i chirurghi vascolari eseguono tromboembolectomia chirurgica (rimozione di un trombo). La frammentazione del catetere tromboembolico viene utilizzata come alternativa all'embolectomia. Quando si pratica l'embolia polmonare ricorrente, si imposta un filtro speciale sui rami dell'arteria polmonare, la vena cava inferiore.

Previsione e prevenzione dell'embolia polmonare

Con la fornitura precoce di un volume pieno di assistenza ai pazienti, la prognosi per la vita è favorevole. Con marcate patologie cardiovascolari e respiratorie sullo sfondo dell'embolia polmonare estesa, la mortalità supera il 30%. La metà delle recidive di embolia polmonare si sviluppa in pazienti che non hanno ricevuto anticoagulanti. La terapia anticoagulante tempestiva e correttamente eseguita dimezza il rischio di embolia polmonare.

Per prevenire il tromboembolismo, la diagnosi precoce e il trattamento della tromboflebite, è necessaria la nomina di anticoagulanti indiretti per i pazienti a gruppi di rischio.

Embolia polmonare o infarto polmonare - un pericoloso blocco delle arterie

L'embolia polmonare è una complicanza che spesso rappresenta una seria minaccia per la vita. L'infarto polmonare è una conseguenza del blocco del lume dell'arteria polmonare. Questa condizione si manifesta con un improvviso attacco di dispnea, la respirazione diventa superficiale e veloce.

A volte c'è un dolore sordo dietro lo sterno e una grande ansia. Possono verificarsi anche febbre e tosse. I sintomi dell'infarto polmonare sono abbastanza simili ai sintomi dell'infarto del miocardio.

Cause di embolia polmonare e infarto polmonare

L'embolia polmonare si forma quando c'è una forte sovrapposizione del dotto dell'arteria polmonare o del suo ramo. L'arteria polmonare, che è divisa in sinistra e destra, prevede l'erogazione di sangue venoso dal ventricolo destro del cuore ai polmoni, dove il sangue emette gas non necessari ed è saturo di ossigeno.

Tessuto polmonare sotto

Un blocco nell'arteria polmonare è solitamente il risultato di una trombosi venosa profonda, principalmente degli arti inferiori. Per formare una congestione, un trombo deve separarsi dalle pareti delle vene e muoversi con il flusso sanguigno verso il lato destro del cuore e quindi verso l'arteria polmonare. Se si verifica un'embolia polmonare durante una trombosi venosa profonda, si parla di tromboembolia venosa.

L'embolia polmonare provoca circa il 7% dei decessi negli ospedali negli Stati Uniti. La mortalità da questa malattia arriva al 30%.

Un aumento del rischio di blocco delle arterie polmonari si verifica nelle persone che hanno la tendenza a formare coaguli di sangue nei vasi, vale a dire. per coloro che:

  • sono a letto a lungo: questo è un fattore di rischio molto significativo per la trombosi venosa profonda e l'embolia polmonare, quindi i medici cercano sempre di aumentare i pazienti dopo le loro operazioni il più rapidamente possibile;
  • soffre di insufficienza cardiaca o di malattie del sangue, facilitando il processo di coagulazione;
  • sono obesi;
  • subì un serio intervento chirurgico, specialmente negli arti inferiori e nella cavità addominale;
  • soffre di cancro maligno;
  • avere un'infezione comune;
  • recentemente ha subito traumi gravi, in particolare un multiorgano o frattura del bacino, la parte più vicina del femore e altre ossa lunghe degli arti inferiori, danni al midollo spinale associati a paralisi degli arti inferiori e immobilità prolungata;
  • avere una maggiore tendenza a formare coaguli di sangue, congeniti o acquisiti;
  • avere la malattia di Crohn o la colite ulcerosa;
  • avere casi di embolia polmonare in una storia familiare;
  • hanno vene varicose degli arti inferiori (le stesse vene varicose non sono un fattore di rischio, ma esacerba gli effetti di altri fattori di rischio per la trombosi).

Inoltre, il rischio aumenta se questi fattori si verificano in una persona di età superiore ai 40 anni. Inoltre, un gruppo a rischio speciale è rappresentato da donne incinte e donne nel periodo postpartum. L'aumento della coagulazione del sangue può verificarsi anche nei consumatori di droga, così come i metodi ormonali di contraccezione (specialmente in combinazione con il fumo). Il rischio aumenta quando si usa la terapia ormonale sostitutiva (compresse) o si assumono modulatori selettivi del recettore dell'estrogeno, per esempio, il tamoxifene, il raloxifene.

Fino a poco tempo fa, l'embolia polmonare era divisa in massiccia, sottomessa e non massiccia. Per qualche tempo, una nuova e migliorata classificazione di questa malattia è stata funzionante. Ora l'embolia è classificata come una malattia ad alto rischio (il rischio di morte è stimato sopra il 15%) e un basso rischio. All'interno di un'embolia a basso rischio, gli stati a rischio intermedio sono isolati, quando il rischio di morte è 3-15% e un'embolia polmonare a basso rischio con una probabilità di morte inferiore all'1%.

Oltre ai coaguli di sangue, anche il seguente potrebbe causare un blocco dell'arteria polmonare:

  • liquido amniotico (ad esempio, dopo il prematuro distacco della placenta);
  • aria (per esempio, con l'introduzione di un catetere nella vena o la sua rimozione);
  • tessuto adiposo (ad esempio, dopo una frattura di un osso lungo);
  • masse tumorali (ad esempio nel cancro del rene o nello stomaco);
  • corpo estraneo (ad esempio, il materiale utilizzato per l'embolizzazione vascolare).

Sintomi e diagnosi di embolia polmonare e infarto polmonare

L'embolia polmonare si manifesta, di regola, attraverso improvviso dolore toracico grave (circa la metà dei pazienti), mancanza di respiro (oltre l'80% dei pazienti) e respiro accelerato (nel 60% dei pazienti). Inoltre, a volte ci sono problemi con la coscienza o anche svenimento (perdita di coscienza a breve termine). Alcuni pazienti sperimentano un'accelerazione della frequenza cardiaca (superiore a 100 battiti al minuto).

Nei casi più gravi, quando un grande ramo dell'arteria è ostruito, può verificarsi una caduta della pressione sanguigna (ipotensione) e persino uno shock. Qualche volta c'è tosse (piuttosto secca con emobolia e con sanguinamento da un infarto polmonare). Inoltre, durante embolia polmonare, febbre, emottisi (7%), sudorazione e può verificarsi una sensazione di paura. Con tali segni è necessario chiamare un'ambulanza il più presto possibile.

A volte è abbastanza difficile diagnosticare l'embolia, poiché i sintomi sopra elencati compaiono anche in altre malattie, come la polmonite o l'infarto. I sintomi possono anche essere lievi e questo è fuorviante. Nel frattempo, l'embolia polmonare è una condizione pericolosa per la vita e richiede un trattamento rigorosamente ospedaliero. Molte persone che hanno un blocco dell'arteria polmonare muoiono. Nei casi in cui non raggiunge la morte, aumenta il rischio di ribrucemia, tali persone dovrebbero essere costantemente sotto la supervisione di un medico.

Se le manifestazioni cliniche indicano embolia polmonare, si raccomanda anche un esame ecografico delle vene degli arti inferiori. Se questo studio rivela la presenza di coaguli di sangue nel sistema venoso degli arti inferiori, ciò conferma la diagnosi di quasi il 100%.

L'embolia polmonare dovrebbe sempre essere distinta, prima di tutto, da:

  • malattie polmonari, ad es. asma, broncopneumopatia cronica ostruttiva (esacerbazione), pneumotorace pleurico, infiammazione polmonare e pleura, sindrome da distress respiratorio acuto;
  • malattie del sistema cardiovascolare, come infarto miocardico, insufficienza cardiaca;
  • nevralgia del nervo intercostale.

La diagnosi di embolia polmonare a volte è molto difficile. Per aiutare i medici è stato creato un test Wellsa. È presentato sotto. Per l'approvazione di ciascuna di queste malattie viene assegnato un certo numero di punti:

  • Infiammato in passato, vene profonde o embolia polmonare (1,5 punti).
  • Interventi chirurgici o immobilizzazione eseguiti di recente (1,5 punti).
  • Tumore maligno (1 punto).
  • Emottisi (1 punto).
  • Battito cardiaco superiore a 100 battiti / min (1,5 punti).
  • Sintomi di infiammazione venosa profonda (3 punti).
  • La probabilità di altre diagnosi è inferiore all'embolia polmonare (3 punti).
    • 0-1: embolia polmonare clinica improbabile;
    • 2-6: probabilità intermedia di embolia polmonare clinica;
    • maggiore o uguale a 7: alta probabilità di embolia polmonare clinica.

Trattamento embolico polmonare

Il metodo di trattamento dell'embolia polmonare dipende dalla gravità della malattia. Nei casi più gravi che comportano un alto rischio di morte, viene utilizzata la terapia trombolitica o il trattamento con farmaci che attivano la dissoluzione dei coaguli di sangue.

Le alteplaza o streptochinasi più comunemente usate. Questi farmaci vengono somministrati per via endovenosa durante la fase acuta della malattia. Dopo la loro introduzione, si aggiunge di solito l'eparina, cioè la sostanza previene la coagulazione del sangue.

Dopo la stabilizzazione delle condizioni del paziente, somministrare un altro tipo di farmaco: l'acenocumarolo. Questo farmaco agisce rallentando la produzione di fattori di coagulazione nel fegato. Questo porta ad una diminuzione. Questo farmaco viene quindi utilizzato continuamente, a volte fino alla fine della vita.

Nei casi meno gravi di embolia, al primo stadio è sufficiente il trattamento con eparina, senza farmaci trombolitici, il cui uso è associato al rischio di complicanze gravi (emorragia intracranica nel 3%).

Inoltre, a volte vengono utilizzati metodi invasivi nel trattamento dell'embolia polmonare: embolectomia o installazione di un filtro nella vena inferiore principale. L'embolectomia è la rimozione fisica dei coaguli di sangue dalle arterie polmonari. Questa procedura viene utilizzata solo nei casi in cui l'embolia polmonare è molto grave e vi sono controindicazioni alla terapia classica, ad esempio, sanguinamento da organi interni o sanguinamento intracranico sofferto in passato.

L'embolectomia viene anche eseguita quando la terapia trombolitica non è efficace. Per eseguire l'embolectomia è necessario l'uso del sistema di circolazione artificiale del sangue. Ma, dal momento che questa procedura è gravosa per il corpo, è risolta in casi estremi.

Il filtro viene inserito nella vena inferiore principale per bloccare il passaggio del materiale embolico dagli arti inferiori al cuore e ai polmoni. È usato in pazienti con trombosi venosa profonda confermata degli arti inferiori che non possono usare la trombolisi perché vi sono controindicazioni critiche o la terapia trombolitica è inefficace.

Complicazioni emboliche polmonari - infarto polmonare

Quando si tratta di bloccare i rami dell'arteria polmonare, può verificarsi un infarto polmonare. Questa complicanza interessa il 10-15% dei pazienti con embolia polmonare. L'infarto polmonare si verifica quando piccoli vasi cardiopolmonari si sovrappongono (con un diametro inferiore a 3 mm) e se vi sono concomitanti fattori aggiuntivi (come descritto di seguito). Un infarto polmonare è un focolaio di necrosi nel tessuto polmonare che si verifica a causa di insufficiente apporto di ossigeno a questa "posizione" - simile a infarto del miocardio.

Questa è una rara complicanza dell'embolia polmonare, perché i polmoni sono vascolarizzati attraverso due sistemi: la piccola circolazione e i rami dell'arteria bronchiale. Quando uno dei sistemi che erogano ossigeno fallisce, il secondo compensa almeno parzialmente la diminuzione della somministrazione di ossigeno. In pratica, l'infarto polmonare di solito si verifica nelle persone anziane che soffrono anche di insufficienza ventricolare sinistra, così come quelli i cui polmoni sono già affetti da qualche tipo di malattia: cancro, atelettasia, pneumotorace, infiammazione.

Se l'embolia polmonare è complicata da infarto polmonare, i sintomi di quest'ultimo compaiono entro poche ore. Questo è un forte dolore al petto (specialmente durante l'inalazione) e tosse, spesso con perdite di sangue. A volte la febbre si unisce. La zona di necrosi, di regola, si trova sulla periferia dei polmoni, principalmente nel lobo inferiore sinistro o destro. In più della metà dei casi ce ne sono più di uno.

Il trattamento dell'infarto polmonare consiste principalmente nell'eliminazione di un embolo polmonare. È richiesta la fornitura di ossigeno e la prevenzione dell'infezione dei tessuti morti.

Vale la pena ricordare su altre possibili cause di infarto polmonare, come ad esempio:

  • anemia falciforme;
  • malattia vascolare infiammatoria;
  • infezione vascolare;
  • congestione causata da cellule tumorali che potrebbero entrare nei vasi sanguigni.

I sintomi di un infarto polmonare possono assomigliare ad un attacco di cuore. In ogni caso, non dovrebbero essere sottovalutati.

Embolia polmonare

Embolia polmonare

Embolia polmonare (sinonimo: embolia polmonare) è una condizione in cui il lume dell'arteria polmonare è chiuso da un coagulo di sangue (trombo). Di conseguenza, vi è una cessazione del flusso di sangue nell'area del tessuto polmonare che fornisce l'arteria trombotica. In futuro, di solito si sviluppa un attacco cardiaco di questa area polmonare e infarto, polmonite.

cause di

La fonte di trombi nel tromboembolismo polmonare (PE) nella maggior parte dei casi sono le vene del bacino e degli arti inferiori. Meno comunemente, un trombo può formarsi nell'atrio destro del cuore o sulle valvole delle sue valvole, nelle vene epatiche o renali e anche nel sistema della vena cava superiore.

Mentre passa attraverso il letto vascolare, è possibile la rottura di un coagulo di sangue in frammenti. Questo è accompagnato dalla chiusura simultanea di diverse arterie del polmone.

Il più alto rischio di trombosi venosa ed embolia polmonare è osservato in pazienti con aumento della coagulazione del sangue.

Fattori predisponenti per l'embolia polmonare sono massicci interventi chirurgici o lesioni, stato di immobilità prolungato (riposo a letto prolungato dopo chirurgia, pazienti a letto), fumo di tabacco, malattia varicosa, vecchiaia, obesità, chemioterapia (terapia antitumorale), l'uso di un gran numero di diuretici (diuretici), e la presenza di un catetere venoso permanente.

Sintomi di embolia polmonare

I sintomi di embolia polmonare comprendono grave debolezza, mancanza di respiro, vertigini, svenimenti, tachicardia, pelle pallida, brusca diminuzione della pressione sanguigna, emottisi, febbre, cianosi (cianosi) della parte superiore del corpo e del viso, gonfiore e pulsazione delle vene del collo, dolore toracico, che di solito aumenta con la tosse e facendo un respiro profondo, così come la tosse (secco all'inizio, seguito dal rilascio di scarso espettorato con striature di sangue).

diagnostica

Viene eseguito un coagulogramma, viene determinata la quantità di D-dimeri nel sangue (prodotto di degradazione della fibrina). Vengono eseguiti anche elettrocardiografia (ECG), radiografia del torace ed ecocardiografia. Nell'embolismo polmonare, le misure diagnostiche includono anche angiopulmonografia, tomografia computerizzata spirale dei polmoni e scintigrafia ventilazione-perfusione.

Inoltre, viene eseguita una ecografia delle vene profonde degli arti inferiori, che può rilevare la fonte di coaguli di sangue.

Tipi di malattia

È consuetudine distinguere i seguenti tipi di embolia polmonare:

  • massiccia (embolia polmonare e / e arterie polmonari principali);
  • sottomesso (embolia di molte arterie polmonari segmentarie o parecchie lobare);
  • nonassorbente (embolia delle piccole arterie polmonari).

Azioni del paziente

Se manifesti segni di embolia polmonare, dovresti consultare un medico il prima possibile.

Trattamento embolico polmonare

Le misure terapeutiche per l'embolia polmonare dipendono dal volume della lesione dei vasi polmonari e dallo stato di emodinamica (battito del cuore, pressione sanguigna, ecc.).

Vengono utilizzati ossigenoterapia, terapia trombolitica e anticoagulanti.

Secondo le indicazioni, viene eseguita un'embolectomia (rimozione chirurgica di un coagulo di sangue dall'arteria polmonare).

In caso di polmonite miocardica, vengono utilizzati farmaci antibatterici.

In caso di un decorso ricorrente di questa malattia, viene impostato un filtro cava (un dispositivo speciale che impedisce l'ingresso nell'arteria polmonare dei coaguli di sangue).

complicazioni

Per embolia polmonare massiva caratterizzata da morte improvvisa. Anche le complicanze dell'embolia polmonare comprendono infarto polmonare, infarto-polmonite, pleurite, insufficienza respiratoria, tromboembolia ricorrente (recidiva).

Prevenzione dell'embolia polmonare

Ci sono prevenzione primaria e secondaria dell'embolia polmonare. La prevenzione primaria è un insieme di misure volte a prevenire l'embolia polmonare nelle persone ad alto rischio di sviluppare questa condizione. La prevenzione secondaria dell'embolia polmonare viene effettuata nelle persone che hanno subito questa condizione e ha lo scopo di prevenire l'insorgenza dei suoi episodi ripetuti.

La prevenzione primaria dell'embolia polmonare è indicata per tutti i pazienti sedentari. La prevenzione primaria dell'embolia polmonare comprende l'attivazione precoce dei pazienti (cioè il rifiuto del riposo a letto prolungato), il bendaggio elastico degli arti inferiori, il rifiuto di cattive abitudini (abuso di alcool, fumo), esercizi terapeutici, l'uso di anticoagulanti, l'installazione di un filtro cava (nelle persone con trombo nei vasi degli arti inferiori), rimozione chirurgica dell'area della vena dell'arto inferiore piena di coaguli di sangue.

La prevenzione secondaria dell'embolismo polmonare prevede l'uso di anticoagulanti diretti e indiretti, nonché l'impianto di un filtro cava.

L'embolia polmonare è una malattia grave con un alto tasso di mortalità.

L'embolia polmonare si riferisce alla malattia della circolazione polmonare (come l'ipertensione polmonare e il cuore polmonare). È una condizione patologica derivante dal blocco improvviso di una nave o di un'arteria che si trova nei polmoni. Un embolo che diventa la causa diretta di un tale blocco può consistere in quasi tutti i tessuti: è soprattutto un coagulo di sangue (o trombo), o una bolla d'aria che viaggia con il flusso sanguigno attraverso i vasi e continuerà a muoversi fino a un caso del genere. Un embolo può anche essere una particella di tessuto adiposo, midollo osseo o un tumore.

Inoltre, l'embolo può diventare amniotico o liquido amniotico. Inoltre, l'embolia polmonare può svilupparsi quando un corpo estraneo penetra in un'arteria o in una grande nave del polmone (questo è il talco, che viene utilizzato dai tossicodipendenti, con una ferita da arma da fuoco penetrante), parassiti e microbi moltiplicati. Si verifica soprattutto nelle vene di ampie pelvi e arti inferiori.

Quali sono le caratteristiche di questo fenomeno e quali caratteristiche ha la malattia?

Fisiopatologia dell'embolismo polmonare

L'insorgenza della malattia è caratterizzata da necrosi tissutale, che, a seguito del blocco, è stata privata di sangue sufficiente. Tuttavia, vasi di grandi dimensioni e arterie possono essere in grado di fornire la giusta quantità di sangue arricchito di ossigeno ai tessuti se l'embolo non è troppo grande o se la persona non ha sofferto di malattie polmonari. In questo caso, c'è una mancanza di afflusso di sangue ai tessuti dei polmoni, con conseguente loro morte.

La dimensione dell'embolo che occlude la nave influisce anche sull'ulteriore stato del paziente: se la sua dimensione era piccola, si risolve rapidamente e non ha il tempo di causare danni significativi alla salute; se la dimensione dell'embolo era significativa, allora il processo di riassorbimento rallenta e inizia la graduale morte del tessuto polmonare. Nei casi più difficili, la morte di una persona è possibile.

Con un esito positivo dell'embolia dell'arteria polmonare, una percentuale significativa di pazienti ha avuto ricadute della malattia e coloro che non hanno ricevuto il trattamento necessario alla prima manifestazione di questa condizione patologica hanno grandi possibilità di morte quando ripetono la manifestazione di embolia. Assicurati di considerare l'uso di farmaci che riducono il grado di coagulazione del sangue e, di conseguenza, il rischio di formazione di emboli. Il nome comune di tali farmaci è coagulanti.

La peculiarità della malattia in esame dovrebbe essere considerata una significativa offuscamento dei sintomi e il quadro clinico complessivo, a seguito del quale la diagnosi diventa più complicata. L'alto tasso di mortalità per l'embolia polmonare e la gravità del suo decorso sono dovuti alla frequente mancanza di una diagnosi; in molti casi, la diagnosi è solo presuntiva.

Ci sono diverse forme più comuni di questa condizione patologica.

Maggiori dettagli sulle caratteristiche di una tale malattia come un embolo polmonare vi diranno il seguente video:

forma

Il decorso della malattia è caratterizzato dalla gravità del processo patologico e dal grado di danno nelle vene e nelle arterie della circolazione polmonare. Sono questi indicatori che dovrebbero essere considerati i più rivelatori nel determinare il grado di alterazione del flusso sanguigno nei polmoni.

La gravità del quadro clinico e l'estensione della lesione consentono di isolare diverse forme di embolia polmonare.

Fulmine veloce

Questa forma, come è chiaro dal suo nome, si sviluppa istantaneamente ed è dovuta allo sviluppo supermassiccio di una lesione nell'arteria polmonare. Il grado di danno è circa 85-100%.

Esternamente, questa forma si manifesta sotto forma di perdita di coscienza, convulsioni, arresto del respiro e si sviluppa una lesione diffusa della parte superiore del corpo, che si esprime nel colore della "ghisa" della pelle. Spesso la forma fulminante di embolia polmonare è fatale a causa della sua rapida progressione.

peso

In forma grave, la lesione dell'arteria polmonare è di circa il 45-60%, tutti i sintomi clinici sono massimamente pronunciati e consentono di diagnosticare la malattia il più rapidamente possibile. La manifestazione di questo modulo dovrebbe includere quanto segue:

  • grave mancanza di respiro causata dal rapido sviluppo della tachicardia, la specificità della mancanza di respiro si manifesta nel desiderio del paziente di mantenere la sua posizione orizzontale;
  • la cianosi della parte superiore del tronco non raggiunge la tonalità pronunciata della ghisa, il colore della pelle è piuttosto cinereo con una sfumatura di grigio;
  • insufficienza circolatoria nel ventricolo destro si manifesta con la comparsa di tachicardia sinusale, i confini del cuore si espandono a destra, l'impulso cardiaco aumenta notevolmente e la regione epigastrica mostra una pulsazione;
  • I primi minuti dopo una lesione dell'arteria polmonare, il riflesso di ipotensione arteriosa continua, ma poi si sviluppa il collasso persistente, che risulta da una diminuzione della gittata cardiaca.

Secondo la gravità di tutte queste manifestazioni, possiamo giudicare la gravità della forma di un embolo polmonare, che ci permette di fare una prognosi preliminare per il paziente. Più i sintomi sono pronunciati e più i sintomi sono lunghi, meno prognosi può dare il prognosi: crollo prolungato, insufficienza cardiaca grave e pesantezza respiratoria sono frequenti segni di rapido sviluppo della malattia, spesso i pazienti muoiono entro 24 ore.

massiccio

Per la forma massiccia di embolia polmonare, le manifestazioni di tipo anginoso sono caratteristiche, che sono accompagnate da dolore nel terzo superiore del torace, una tosse può iniziare, una sensazione di compressione toracica è espressa. Il paziente può manifestare una tendenza alle vertigini e vi è la paura della morte.

La presenza di dolore in questa forma della malattia è di natura complessa: si verifica un infarto polmonare, le dimensioni del fegato si gonfiano considerevolmente e aumentano.

submassiva

Per la forma sottomessa della malattia è caratterizzata dalla presenza di sintomi che si verificano in embolia polmonare moderata. La congestione osservata dei vasi e delle arterie della metà destra del cuore, probabilmente la comparsa di forti dolori al petto. Il grado di mortalità nella forma sottomessa è basso e ammonta a circa il 5-8%, ma le ricadute sono frequenti.

Forma semplice

Molto spesso, una forma lieve della malattia si verifica quando sono colpiti piccoli rami dell'arteria polmonare, le sue manifestazioni sono meno pronunciate e comportano un rischio molto più basso per il paziente. La diagnosi di questa forma è molto difficile - questo contribuisce alla sfocatura e alla non specificità delle manifestazioni di embolia, e la forma leggera è stabilita nel 15% dei casi di questa malattia.

Per la forma lieve, le recidive sono frequenti, che hanno già forme più gravi e in assenza del trattamento necessario possono avere una prognosi molto negativa. Quindi parliamo delle cause dell'embolia polmonare.

cause di

Embolia polmonare si verifica quando il blocco di grandi vasi e arterie del polmone, mentre la natura degli emboli, che diventa la causa diretta della malattia, può variare in modo significativo. Consideri il più comune:

  • L'occlusione più comune di una nave o di un'arteria è un coagulo di sangue. La formazione di un coagulo di sangue può verificarsi a causa della eccessiva velocità di coagulazione del sangue, con il suo flusso lento o la mancanza di una portata generale. Un coagulo di sangue può verificarsi nelle vene delle braccia o delle gambe che sono rimaste immobili per lungo tempo o non attivamente mosse. Ciò è possibile quando una persona non è in movimento da molto tempo quando si viaggia in aereo o in un trasporto, oltre a essere semplicemente in una posizione.
  • Quando si forma un embolo dal grasso, la presenza di ossa rotte è obbligatoria, quando le particelle di grasso vengono rilasciate dal midollo osseo dell'osso.
  • La formazione degli emboli dal liquido amniotico si verifica durante il parto, ma questo tipo è raro e il blocco si verifica, di regola, solo piccoli vasi e capillari.

Tuttavia, se un numero significativo di vasi è affetto da questo tipo di embolo, può innescare lo sviluppo della sindrome da distress respiratorio acuto. Ci sono anche una serie di fattori che possono essere considerati causa della malattia, o fattori di rischio per embolia polmonare. Considerali anche loro.

Più dettagliatamente sulle cause dell'embolia (tromboembolia) dell'arteria polmonare, il famoso presentatore televisivo racconterà nel suo video-racconto:

Fattori di rischio

La causa dello sviluppo di un embolo polmonare potrebbe non essere sempre chiara, ma le cause che possono scatenare lo sviluppo della malattia includono:

  • la presenza di varie malattie cardiovascolari che possono scatenare emboli nelle vene e nei vasi:
  • immobilità prolungata o mancanza di attività per lungo tempo. E qui possiamo includere non solo la lunga conservazione forzata di una posizione del corpo, ma anche le specificità del lavoro di alcune persone - questi sono camionisti, persone che lavorano al computer;
    1. reumatismo con segni di fibrillazione atriale;
    2. insufficienza cardiaca;
    3. fibrillazione atriale;
    4. cardiomiopatia;
    5. miocardite non reumatica, che ha un decorso grave;
    6. ipertensione;
  • ereditarietà;
  • sovrappeso e obesità;
  • neoplasma maligno;
  • ferite e ustioni;
  • età avanzata;
  • la prima volta dopo il parto e la gravidanza;
  • tromboflebite;
  • uso a lungo termine di un catetere venoso;
  • diabete mellito;
  • ictus;
  • attacco di cuore;
  • aumento della coagulazione del sangue - questo può essere facilitato assumendo alcuni farmaci, come i contraccettivi ormonali orali;
  • malattie del midollo spinale.

Spesso le cause di questa condizione patologica sono un cambiamento nella posizione del corpo dopo un lungo periodo di immobilità, sollevamento pesi, tensioni, nonché una tosse forte e prolungata.

Per accelerare l'inizio del trattamento e semplificare la diagnosi, è necessario conoscere le principali manifestazioni della malattia.

Embolia polmonare (schema)

sintomi

La sintomatologia della malattia spesso non è chiaramente espressa, ma l'insorgenza di mancanza di respiro deve essere considerata la prima manifestazione più frequente di embolia polmonare. In questo caso, la respirazione del paziente diventa superficiale, e quando si tenta di fare un respiro profondo, si avverte un forte dolore al petto. Una persona può diventare ansiosa - i medici chiamano tale stato un attacco di panico. Il dolore per inalazione è chiamato dolore pleurico, che si verifica nel petto.

I seguenti segni esterni di embolia polmonare sono anche integrati da un quadro clinico:

  • forti capogiri;
  • svenimento;
  • dolore al petto, specialmente quando si inspira;
  • convulsioni;
  • respirazione superficiale.

Vertigini e svenimenti si verificano a seguito di un deterioramento dell'afflusso di sangue, e può anche esserci un cambiamento nella frequenza cardiaca: la loro velocità e il loro ritmo. La cianosi, in cui la pelle cambia colore e diventa cianosi pronunciata, può essere un segno di apnea e morte in avvicinamento.

A differenza di un infarto polmonare, in cui sintomi simili a un'embolia polmonare possono manifestarsi entro poche ore o persino giorni, diminuiscono gradualmente. Con l'embolia polmonare, i sintomi progrediscono rapidamente e, se non trattati, il paziente muore rapidamente.

Dovresti sapere che andare dal dottore è indicato quando provi un forte dolore quando inspiri e tossisci, attacchi di paura irragionevole e mancanza di respiro asintomatica. E la chiamata ambulanza diventa necessaria nei seguenti casi:

  • dolore acuto che si localizza nel torace e accompagna l'inalazione;
  • con un aumento della temperatura corporea e la comparsa di sangue nell'espettorato;
  • improvvise convulsioni, svenimenti;
  • decolorazione della pelle della parte superiore del corpo - la pelle diventa bluastra o cenere.

Dopo la diagnosi, dovrebbe iniziare immediatamente un trattamento adeguato, che fermerà il processo patologico.

diagnostica

Una dichiarazione preliminare della diagnosi "embolia polmonare" è possibile da un medico nel descrivere i sintomi principali ai pazienti, ma è necessario condurre una serie di ulteriori studi per chiarire la diagnosi.

  • Con l'aiuto dell'esame a raggi X, diventa possibile rilevare cambiamenti visibili nello stato dei vasi sanguigni dei polmoni, che è preceduto da embolia. Tuttavia, una singola radiografia non è sufficiente per una diagnosi.
  • L'elettrocardiogramma (o elettrocardiogramma) dei vasi permette anche di notare deviazioni nelle loro condizioni, ma le letture ECG non sono sempre chiaramente pronunciate e spesso incostanti, perché i dati di questo metodo di esame possono solo suggerire la presenza di embolia polmonare.
  • Con l'aiuto della perfusione scintigrafica del polmone, una piccola quantità di sostanza radionuclide viene iniettata nelle vene del sangue ed entra nel polmone. Questo metodo consente di valutare la condizione dei grandi vasi polmonari e delle vene e l'apporto di sangue al polmone. In assenza di un normale apporto di sangue, questa zona del polmone nella foto ha un colore scuro - nessuna particella di radionuclide è arrivata lì, tuttavia, la presenza di patologia può essere interpretata come la presenza di un'altra malattia polmonare.
  • La valutazione della ventilazione polmonare consente anche di valutare il danno ai polmoni e la presenza di un processo patologico in essi.
  • L'arteriografia polmonare è considerata il metodo diagnostico più accurato oggi, ma questo metodo è il più complesso possibile e comporta un certo rischio per la salute.
  • La combinazione di questi metodi diagnostici permette di stabilire la presenza di un'embolia polmonare o una predisposizione ad esso. Quindi, sai già quali sintomi l'embolia polmonare ha sintomi, parliamo del trattamento della malattia.

trattamento

Nel determinare il metodo di trattamento da applicare in ciascun caso, il medico prende in considerazione sia la gravità della malattia, sia la presenza e la manifestazione dei sintomi.

Possono essere applicati metodi terapeutici, farmacologici e tradizionali per il trattamento dell'embolismo polmonare e ognuno di essi ha le sue caratteristiche.

Modo terapeutico

  • Come metodo terapeutico di trattamento, l'ossigenazione è più spesso utilizzata per ripristinare la funzione respiratoria. Per questo, è possibile utilizzare un catetere inserito nel naso e una maschera di ossigeno.
  • Il riposo a letto e l'assenza di carico sono condizioni obbligatorie durante il trattamento terapeutico.
  • Se c'è una forma acuta, massiccia o fulminante della malattia, allora le misure dovrebbero essere applicate il più rapidamente possibile e portare un notevole sollievo al paziente.

farmaci

L'uso di medicinali consente di ripristinare rapidamente le condizioni del paziente e prevenire la morte della malattia.

Misure urgenti per forme acute e fulminanti di embolia polmonare includono:

  • riposo a letto;
  • introduzione di eparina nella vena almeno 10.000 UI una volta;
  • fornire ossigeno usando una maschera o inserendo un catetere nel naso;
  • vengono usati dopamina, antibiotici e reopiglugina.

L'adozione di misure urgenti è necessaria per ripristinare la circolazione sanguigna nei tessuti dei polmoni, prevenirne la sepsi e prevenire lo sviluppo di ipertensione polmonare. La terapia trombolitica viene applicata per il rapido riassorbimento dell'embolo e la prevenzione della ricorrenza della malattia, che include l'uso dei seguenti farmaci:

  • urokinase;
  • streptochinasi;
  • attivatore del plasminogeno;
  • fraxiparine;
  • eparina.

I farmaci anticoagulanti sono ampiamente usati. Se più di 1/2 del polmone ha una lesione, un intervento chirurgico è prescritto da un medico.

Intervento operativo

Questo tipo di trattamento diventa necessario per ripristinare la circolazione del sangue nei polmoni, e viene effettuato introducendo una tecnica speciale nel vaso o nell'arteria interessata, che consente di rimuovere l'embolo da lì e restituire la normale circolazione sanguigna. Questa procedura non è facile, perché è mostrata in casi molto gravi di sconfitta.

L'operazione viene eseguita per rimuovere l'embolo per vasi grandi e arterie del polmone.

Rimedi popolari

Questa malattia è considerata molto seria e rapidamente attuale, perché l'uso di metodi popolari può solo alleviare alcuni dei sintomi e alleviare le condizioni del paziente. I metodi di medicina tradizionale possono essere raccomandati durante la riabilitazione dopo il trattamento medico.

Tali metodi includono l'uso di agenti che aumentano l'immunità e la resistenza del corpo alle infezioni, così come prevengono le malattie cardiache, che spesso diventano la causa dell'embolia polmonare.

L'intero processo di trattamento deve essere effettuato in ospedale, il trattamento domiciliare della malattia è inaccettabile. Per informazioni su cosa fare se un embolia polmonare di cemento raggiunge, continua a leggere.

Caso speciale

Embolia polmonare di cemento è un raro tipo di embolia polmonare - polimetilmetacrilato, che viene utilizzato nella verteroplastica percutanea. Questo raro tipo di embolia ha manifestazioni specifiche ed è causato dal passaggio di sangue nelle arterie polmonari delle più piccole particelle di cemento.

Il trattamento deve essere somministrato a seconda dei sintomi e delle condizioni del paziente, ma tutte le misure terapeutiche sono volte a ripristinare la normale circolazione sanguigna nei polmoni.

Prevenzione delle malattie

L'eparina è utilizzata per prevenire il ripetersi della malattia, che impedisce la formazione di nuovi emboli e il riassorbimento precoce dei coaguli di sangue esistenti. Anche ampiamente usati sono gli anticoagulanti indiretti.

Le misure preventive più importanti sono prese in considerazione nei seguenti casi:

  • in presenza di eccesso di peso corporeo;
  • oltre 4 anni;
  • con malattie esistenti delle vene e dei vasi polmonari;
  • con un infarto o ictus.

Per la diagnosi precoce di embolia polmonare, deve essere eseguita un'ecografia delle vene degli arti inferiori, eseguire un bendaggio stretto delle vene delle gambe e regolare iniezione sottocutanea di eparina. Indossare una frangia speciale e il golf, che aiutano a ridurre il carico sulle vene delle gambe e quindi prevenire la formazione di coaguli di sangue, dovrebbero essere considerati anche come misura preventiva efficace.

complicazioni

La complicazione più pericolosa dopo l'insorgenza iniziale di embolia è la possibilità della sua ricorrenza. L'uso di misure preventive consente al tempo di identificare la malattia e iniziare il trattamento.

Spesso, dopo il trattamento dell'embolia polmonare, si sviluppa l'ipertensione polmonare.

prospettiva

La prognosi dell'embolismo polmonare dipende dalla gravità delle sue manifestazioni e dalle condizioni generali del paziente.

  • Con la sconfitta del tronco principale dell'arteria polmonare, la morte avviene in 2-3 ore.
  • La mortalità nella diagnosi precoce della malattia è di circa il 10%, in assenza di trattamento subito dopo l'insorgenza della malattia, il tasso di sopravvivenza è piuttosto basso - il tasso di mortalità è del 30%.

Il seguente video ti parlerà della prognosi dell'embolismo polmonare e delle misure preventive per lei:

Per Saperne Di Più I Vasi