Sintomi e trattamento della stasi venosa del sangue

L'ipodynamia è il flagello della nostra civiltà. Ci muoviamo un po ', intasando nella nostra zona di comfort, e raccogliamo i frutti corrispondenti - disturbi digestivi e respiratori, problemi cardiovascolari, obesità. Bassa attività fisica - la causa principale della stasi venosa, che sarà discussa nel presente articolo.

Congestione venosa - che cos'è?

La congestione venosa è un processo patologico che si manifesta in deflusso ostruito di sangue venoso durante il normale afflusso arterioso. La stagnazione è innescata dalla bassa elasticità delle pareti vascolari e dall'aumentata viscosità del sangue. Inizialmente, il tono è perso, dopo di che il flusso di sangue è ostacolato. L'esteso accumulo di vasi venosi determina la localizzazione della patologia.

Le seguenti aree della lesione sono conosciute in medicina:

  • gambe (piccola pelvi);
  • luce;
  • il cervello;
  • rene;
  • collo (con osteocondrosi).

cause di

Il funzionamento delle navi arteriose dipende dal battito cardiaco - danno una spinta al sangue. La stimolazione e la pressione normale forniscono contrazioni del polpaccio e dei muscoli addominali, gli effetti sull'arco del piede e della suola.

C'è un secondo fattore importante: la respirazione. I vasi venosi sono disposti in modo tale che le valvole delle pareti interne spingano il sangue esclusivamente verso il cuore.

Se i muscoli scheletrici non sono completamente coinvolti, la "pompa muscolare" funziona male, non affrontando il compito affidatogli.

Dov'è la patologia osservata più spesso?

La patologia è osservata principalmente in luoghi con la più alta concentrazione di vasi venosi. Consideriamo come esempio la stagnazione che colpisce il sistema della circolazione polmonare.

Le ragioni del suo verificarsi possono essere diverse:

  • insufficienza ventricolare sinistra (questo si verifica dopo sclerosi coronarica arteriosa, ferita da arma da fuoco, infarto);
  • difetto aortico (sclerosante delle valvole semilunari);
  • malattia mitralica (si verifica quando la sclerosi, i reumatismi del cuore).

Se un ampio circolo di circolazione sanguigna è interessato, i polmoni possono essere colpiti da cambiamenti sclerotici diffusi. La malattia può manifestarsi anche sotto forma di edema delle cavità addominali e pleuriche, del fegato, del pericardio e dell'iperpericardio.

cervello

La congestione venosa nella testa è secondaria, è una conseguenza della patologia extracranica o intracranica.

I metodi per diagnosticare la malattia sono:

  • radiografia del cranio;
  • venografia;
  • misurazione della pressione (realizzata nell'area della vena ulnare).

Se l'iperemia è passata allo stadio cronico, possono verificarsi cambiamenti catastrofici nel metabolismo - il cervello morirà di fame, quindi inizierà il suo edema. Dopo ciò, la pressione intracranica aumenta rapidamente.

I sintomi della stasi del cervello venoso assomigliano a questo:

  • vene dilatate del fondo;
  • aumento dell'emicrania durante la svolta e la flessione;
  • attacchi bruschi di vertigini;
  • rumore nella testa;
  • cefalee mattutine;
  • gonfiore delle palpebre inferiori;
  • affrontare il blu;
  • svenimento;
  • aumento del dolore nell'uso di alcol e sofferenza emotiva;
  • disturbi mentali;
  • diminuzione della sensibilità degli arti.

Il trattamento del ristagno venoso del cervello coinvolge tutta una serie di misure.

Elenchiamo i tipi di effetti terapeutici:

  • diminuzione della pressione venosa mediante amminofillina (in compresse o per via endovenosa);
  • una diminuzione della gravità dell'edema (diacarb, mannitolo, furosemide);
  • neutralizzazione dei processi stagnanti (escuzan, glevenol, detralex, troxevasin);
  • auto-massaggio della zona del collo;
  • elettrico;
  • terapia laser leggera;
  • medicina di erbe;
  • varietà di riflessologia

Piccola pelvi

La stasi del sangue nella pelvi si riferisce all'iperemia passiva ed è considerata molto comune. Per le donne, questa malattia è particolarmente pericolosa durante la gravidanza, in quanto può portare a aborto, infertilità e alla nascita di bambini prematuri.

La diagnosi precoce e il trattamento tempestivo possono costruire una buona prognosi.

I fattori provocatori di malattia di solito agiscono:

  • uso di contraccettivi ormonali;
  • atonicità vascolare (predisposizione genetica);
  • stato di gravidanza;
  • eccessivo stress psicologico e fisico, che sono sistematici;
  • complicazioni postpartum.

Quando la congestione venosa degli arti inferiori può manifestarsi, la deformazione dei vasi sanguigni - indica la forma acuta della malattia. La diminuzione della velocità del flusso sanguigno comporta la diagnosi di "insufficienza venosa".

I sintomi della patologia sono i seguenti:

  • pesantezza e tensione dei muscoli gastrocnemio (intensificati di sera);
  • cianosi della pelle;
  • gonfiore delle gambe;
  • bassa temperatura corporea;
  • plasmorragia (impregnazione al plasma dei tessuti circostanti);
  • emorragie petecchiali (osservate nella concentrazione di piccoli vasi).

Il trattamento della stasi venosa comporta la normalizzazione della circolazione sanguigna e l'eliminazione del tono vascolare eccessivo. Si usano droghe popolari e medicinali, l'intervento chirurgico viene praticato solo nei casi più avanzati.

Per alleviare il decorso della malattia si raccomanda quanto segue:

  • camminata terapeutica;
  • doccia per le gambe;
  • posizione elevata degli arti inferiori;
  • Gel e unguenti contenenti eparina (Heparoid, Hepatrombin, Heparin-Sodium Brown, Healing);
  • farmaci diuretici (buon aiuto con gonfiore);
  • tintura di castagna di montagna (strofinata nella zona interessata);
  • maglieria a compressione (sostituibile con bende elastiche);
  • farmaci - angioprotectors e venotonics (Venoruton, Venitan, Detralex).

La sensazione di pesantezza può manifestarsi non solo con il ristagno venoso delle gambe: questo sintomo è inerente ai pazienti che soffrono di obesità e alle persone comuni che trascorrono molto tempo in piedi. Pertanto, non provare a diagnosticare la patologia da soli - consultare un medico.

luce

Flusso di sangue alterato nei vasi che alimentano i polmoni, può portare a gonfiore di quest'ultimo. Il tessuto polmonare viene compattato, acquisendo gradualmente una tinta marrone. questo colore è dovuto all'accumulo di emosiderina e l'intero processo è chiamato "consolidamento polmonare bruno".

Le conseguenze sono la stagnazione nella circolazione polmonare e l'insorgenza di sclerosi.

I sintomi della patologia polmonare sono:

  • bassa mobilità del diaframma;
  • respiro affannoso;
  • mancanza sistematica di respiro;
  • espettorato viscoso difficile da separare con le vene del sangue;
  • respiro sibilante (osservato nella parte bassa della schiena dei polmoni);
  • difetti cardiaci mitrali / aortici;
  • pelli di pastos;
  • rotondità del fegato, aumento delle sue dimensioni, tenerezza alla palpazione;

Come curare la congestione venosa polmonare?

I seguenti metodi sono praticati:

  1. Intervento chirurgico (sostituzione della valvola, valvulotomia).
  2. Terapia finalizzata alla normalizzazione dell'insufficienza cardiaca.
  3. Assegnazione del gruppo di disabilità - con pletora polmonare persistente.

reni

La congestione venosa cronica nei reni porta ad un aumento delle dimensioni di questo organo, del suo carattere cianotico e della sua compattazione. La circolazione del sangue è disturbata (i cambiamenti influiscono sul grande cerchio), si verifica uno spasmo delle arteriole renali, la filtrazione glomerulare diventa limitata. I reni peggiorano l'escrezione di acqua con il sodio e nel tessuto adiacente il liquido aumenta il contenuto di plasma, che altera il metabolismo dei tessuti e la circolazione del sangue in generale.

L'espansione delle vene renali e l'anemia congestizia portano all'edema stromale e allo sviluppo di linfostasi. I glomeruli sono pieni e leggermente ingranditi, gli spazi intercellulari sono ingranditi.

La patologia può portare a una serie di complicazioni:

  • formazione di pietre;
  • pielonefrite;
  • infiammazione generale;
  • aumento della pressione sanguigna.

Devono essere prevenute complicanze infettive e ridotta la sindrome del dolore. Pertanto, i medici prescrivono antidolorifici e agenti antibatterici. È necessario un intervento chirurgico per ripristinare il normale flusso sanguigno.

I metodi sono i seguenti:

  • nefrostomia percutanea;
  • cateterizzazione della vescica;
  • operazione aperta;
  • Endoscopia.

Osteocondrosi cervicale e congestione venosa

La congestione venosa può svilupparsi sullo sfondo dell'osteocondrosi cervicale.

In generale, le cause della patologia sono le seguenti:

  • frattura ossea;
  • trauma cranico;
  • colpi subiti;
  • ematomi interni;
  • la formazione di tumori (cervicali);
  • blocco delle vene;
  • lesioni del torace e dell'addome;
  • lesioni da strangolamento.
  • perdita di dischi vertebrali;
  • osteocondrosi cervicale.

I problemi con la colonna vertebrale causano sempre disturbi sistemici su larga scala - il funzionamento di molti organi è in questione. La protrusione porta invariabilmente a un alterato flusso sanguigno e quindi alla stasi venosa.

L'osteocondrosi cervicale provoca la compressione delle formazioni nervose e dei vasi sanguigni - il più delle volte colpisce l'arteria vertebrale, che si trova nel canale spinale. L'ernia del segmento cervicale porta a danni alla membrana e al successivo edema. Dopo che questo stasi venoso inizia, l'apoteosi dell'insieme è l'infiammazione della colonna vertebrale.

La compressione dell'arteria vertebrale ha una conseguenza estremamente spiacevole - rallentando il flusso sanguigno verso il tronco cerebrale e il cervelletto. Se non si affronta il trattamento tempestivo dell'osteocondrosi, il caso può portare a ischemia cronica e ictus spinale.

Infine, una raccomandazione: per qualsiasi forma di stasi venosa, vale la pena consultare immediatamente un medico e procedere al trattamento, a seconda della localizzazione della patologia. Vale anche la pena pensare alla tua dieta e alle cattive abitudini.

Si consiglia inoltre di leggere su come si verifica l'insufficienza venosa degli arti inferiori.

Cosa è pericoloso e come prevenire il ristagno venoso?

La stasi venosa del sangue è un fenomeno comune. Questo si manifesta con la difficoltà del suo deflusso dagli organi. Questa condizione si osserva quando la viscosità del sangue aumenta, le pareti dei vasi venosi perdono la loro elasticità, il funzionamento dell'apparato della valvola è compromesso - tutto ciò rende difficile il flusso sanguigno. Si verifica nelle aree di accumulo dei vasi sanguigni: il ristagno di sangue è possibile nei polmoni, nelle gambe, nella pelvi, nella testa.

cause di

Il lavoro dei vasi arteriosi dipende dalle contrazioni del cuore, che promuove il movimento del sangue. La stimolazione del flusso sanguigno venoso fornisce contrazioni del gastrocnemio e dei muscoli addominali. L'impatto sulla pianta del piede e sul suo arco attiva anche la circolazione sanguigna. L'intensità del flusso sanguigno è fortemente influenzata dalla respirazione. Il coinvolgimento dei muscoli scheletrici è cruciale. La "pompa muscolare" "spreme" il sangue dalle vene e stimola le valvole che impediscono il riflusso.

Congestione della pelvi e degli arti inferiori

La stasi del sangue nel bacino è uno dei tipi più comuni. Può contribuire a cambiamenti patologici negli organi pelvici, nelle donne in gravidanza - causare aborto spontaneo o parto prematuro. Spesso c'è infertilità, infiammazione, disturbi mestruali. Può verificarsi una stasi di sangue nella pelvi a causa dei seguenti fattori:

  • ereditarietà;
  • assunzione di contraccettivi ormonali;
  • grande stress fisico ed emotivo;
  • la gravidanza;
  • complicazioni dopo il parto.

Negli uomini causa malattie degli organi genitali: prostatite, uretrite, adenoma prostatico, ecc. Questi sintomi sono più spesso osservati negli uomini che conducono uno stile di vita sedentario. Se un uomo siede a lungo, con il suo peso esercita pressione sulla prostata e sui vasi sanguigni, quindi questo organo viene rifornito di sangue in modo inadeguato. Le emorroidi sono un frequente compagno di stasi del sangue nel bacino. Pertanto, per gli uomini è molto importante che la circolazione del sangue non sia disturbata. Si raccomanda di aumentare l'attività fisica: camminare, fare esercizio fisico, nuotare, correre, saltare con una corda per saltare.

Spesso c'è una tale malattia come le vene varicose. Il sangue ristagna nei vasi, la pressione nelle vene aumenta e si deformano. La nave è allungata, aumenta di diametro, quindi la velocità del flusso sanguigno scende e questa è insufficienza venosa.

Si verificano i seguenti sintomi:

  • la pelle a volte diventa di colore bluastro;
  • pesantezza nei polpacci, specialmente di sera;
  • gonfiore;
  • plasmorragia (l'uscita del plasma dalla circolazione sanguigna, a seguito della quale i tessuti circostanti sono impregnati di plasma);
  • gocce di temperatura corporea;
  • in luoghi in cui si accumulano piccole navi, può verificarsi una lieve emorragia.

Per alleviare i sintomi della stasi venosa, queste sono le raccomandazioni:

  • effettuare una doccia di contrasto per le gambe, alternando acqua calda e fredda;
  • percorsi pedonali;
  • Eparina unguento e gel;
  • posare le gambe in modo che siano in una posizione sollevata;
  • prendi diuretici;
  • strofinare la tintura di castagne nei punti dolenti.

La pesantezza nelle gambe si verifica anche con l'obesità, dalla condizione prolungata, con malattia articolare. Quindi per stabilire la diagnosi corretta è meglio consultare uno specialista.

Congestione del cervello

Nella maggior parte dei casi, questa malattia è una conseguenza della patologia intracranica ed extracranica. Per diagnosticare una malattia, è necessario misurare la pressione nella vena ulnare, prendere una venografia o una radiografia del cranio. Nella fase cronica dello sviluppo della malattia, il metabolismo viene disturbato, causando la carenza di ossigeno nel cervello, quindi si verifica l'edema. Questo porta ad un rapido aumento della pressione intracranica.

Sono stati osservati i seguenti sintomi:

  • dolore sordo e arcuato alla testa, molto spesso al mattino;
  • mal di testa con cambiamenti del tempo e movimenti della testa;
  • mal di testa con lo stress, assunzione di bevande alcoliche;
  • sonnolenza, debolezza nel corpo;
  • spesso ruggisce nelle orecchie;
  • gonfiore sotto gli occhi;
  • svenimento.

Per alleviare i sintomi della malattia, è necessario escludere l'uso di caffè salato, speziato, affumicato e tostato, caffè forte, bevande alcoliche. Ridurre il gonfiore aiuterà la farina d'avena senza sale, cotta in acqua. Per alleviare la gravità nella testa, puoi preparare un rimedio popolare: tritare le radici e le foglie di prezzemolo, cuocere a vapore e insistere per 30 minuti, quindi prendere da 3 a 5 volte al giorno, 1-2 cucchiaini da tè, lavati con acqua bollita.

Congestione polmonare

Quando il sangue passa con difficoltà attraverso i vasi polmonari, la probabilità di edema polmonare è alta. La causa è polmone e malattie cardiache. Aumenta la permeabilità vascolare, il sangue ristagna nel piccolo cerchio. Il tessuto connettivo inizia a crescere nei vasi - si verifica la sclerosi.

Sono stati osservati i seguenti sintomi:

  • respiro affannoso e scarsa mobilità del diaframma;
  • dispnea regolare;
  • espettorato viscoso con striature di sangue;
  • insufficienza cardiaca (mitralica / aortica);
  • i polmoni perdono elasticità, la mancanza di respiro si manifesta anche con un leggero sforzo fisico.

Per il trattamento della congestione polmonare vengono praticati i seguenti metodi: chirurgia, l'uso della terapia mirata a ridurre l'insufficienza cardiaca.

La congestione venosa è una condizione molto comune che causa lo sviluppo di numerose malattie. Se non trattata, la stagnazione progredisce. La cosa principale è consultare un medico in tempo, diagnosticare correttamente e iniziare il trattamento. E anche per riconsiderare il tuo stile di vita e liberarti delle cattive abitudini.

Venostasi - stasi del sangue nelle vene: sintomi e trattamento

L'iperemia venosa è una malattia circolatoria, quando il riempimento dei tessuti con sangue aumenta in modo significativo. Ciò è dovuto alle difficoltà del suo deflusso. La condizione patologica è comune (quando è presente un'insufficienza cardiaca), così come locale.

L'aspetto della congestione venosa in varie parti del corpo è un esempio di una manifestazione locale della malattia.

Congestione venosa - che cos'è

La stasi venosa che si sviluppa nel corpo è un processo patologico, la cui manifestazione è un povero deflusso di sangue venoso, ma il movimento dell'arteria avviene correttamente.

Si forma spesso a causa di un'elasticità insufficiente delle pareti del vaso o dell'eccessiva viscosità del sangue. Inizialmente, il tono diminuisce semplicemente e si sviluppa quindi il flusso sanguigno ostruito. Lo sviluppo della malattia è determinato dai luoghi nel corpo umano in cui vi è un accumulo di vasi sanguigni.

Cause e sintomi

Il corretto funzionamento dei vasi arteriosi è in gran parte determinato dal lavoro del cuore.

Ma la stimolazione della pressione venosa fornisce una regolare riduzione dei muscoli del caviale.

Un piccolo impulso sanguigno dà anche respiro.

In questo caso, le vene contengono valvole che assicurano il movimento del sangue solo verso il cuore.

Nel caso in cui la "pompa muscolare" non sia completamente coinvolta (come conseguenza dell'inattività fisica), si sviluppa una tale malattia. Esistono vari tipi di patologia, determinati dalla posizione della lesione.

Nel bacino

La malattia, localizzata nella pelvi, è una forma frequente di iperemia che colpisce entrambi i sessi. Tale stasi venosa del sangue è più pericolosa per le donne, che è causata dalla possibilità di aborto spontaneo, dalla nascita di bambini inferiori o prematuri o può essere la causa dell'infertilità. La scoperta della patologia nel primo periodo può curarla con successo.

I più suscettibili allo sviluppo di questa forma di malattia sono persone il cui stile di vita è estremamente sedentario. In questo caso, la causa dello sviluppo può essere anche in situazioni come:

  • ereditarietà;
  • uso di farmaci contraccettivi (in particolare tipo ormonale);
  • costante forte sforzo fisico;
  • la gravidanza;
  • sviluppo delle complicanze postpartum.

Nelle donne, può essere accompagnato dallo sviluppo delle vene varicose.

Nel cervello

Spesso questa patologia è secondaria in natura, cioè è una conseguenza dello sviluppo di un'altra malattia intracranica.

Rilevato mediante l'uso della radiografia del cranio, oltre a misurare il livello di pressione della vena ulnare.

Quando si sviluppa la forma cronica della malattia, porta a una significativa riduzione del metabolismo e appare la carenza di ossigeno nel cervello.

Allo stesso tempo, si osservano edema intracranico e aumento della pressione.

Le forme iniziali di patologia si manifestano con una diminuzione del tono delle vene. La reografia o la pletismografia sono utilizzate per identificare la malattia in questa fase.

La ragione per lo sviluppo del ristagno nel sangue nelle vene di questo tipo sono i seguenti fattori:

  • lesione alla testa;
  • presenza di idropisia cerebrale;
  • sviluppo di un tumore cervicale;
  • malattie cardiache;
  • patologia dei bronchi o dei polmoni;
  • sviluppo della trombosi venosa.

I sintomi di questa malattia sono le seguenti manifestazioni:

  • forti mal di testa, che sono aggravati cambiando la posizione della testa;
  • vene varicose situate nel fondo;
  • attacchi spontanei di vertigini;
  • sensazione di rumore nella testa.

Nei polmoni

Questa forma di venostasi è il deterioramento del flusso sanguigno venoso dei polmoni, aumentando la quantità di sangue lì. A causa di ciò, aumenta la densità del tessuto polmonare. Questa situazione porta alle seguenti modifiche:

  • il tessuto connettivo inizia a crescere rapidamente nei vasi;
  • aumenti della permeabilità vascolare

I sintomi della stasi venosa localizzata nei polmoni sono:

  • la comparsa di mancanza di respiro anche dopo un piccolo esercizio fisico;
  • respiro affannoso, incapacità a fare un respiro profondo;
  • l'aspetto del respiro sibilante, localizzato nelle parti inferiori del corpo;
  • la presenza di espettorato viscoso con striature di sangue;
  • sviluppo della cardiopatia aortica;
  • fegato doloroso e ingrossato.

Nelle gambe

Nonostante il fatto che la malattia si sviluppi spesso molto lentamente, ce ne sono alcune di queste, un segno distintivo della quale è la rapidità della progressione.

Durante questo, il sangue stagnante può fornire correttamente ossigeno ai tessuti.

Questo porta ad una mancanza di nutrienti in loro, così come lo sviluppo di fame di ossigeno.

L'ipodinia può portare a ristagni di sangue nelle vene degli arti inferiori. Ciò è dovuto al fatto che il sangue venoso guida la "pompa muscolare". Una caratteristica di questa malattia è un aumento della pressione e della deformazione dei vasi sanguigni. Quindi, crescono, il che porta ad una significativa diminuzione della velocità del flusso sanguigno.

I sintomi della patologia sono:

  • sviluppo di cianosi della pelle;
  • sensazione di pesantezza, localizzata nei muscoli del caviale;
  • diminuzione della temperatura corporea;
  • plasmorrhages.

Leggi di più sulla stasi venosa nelle gambe, leggi il link.

Caratteristiche del trattamento

Prima di tutto, il trattamento della stasi venosa è determinato dalla ragione a seguito della quale si è sviluppata. Raccomandazioni generali è di aumentare l'attività nella vita - facendo sport facili, ginnastica, quando non ci sono controindicazioni a questo. Vale la pena di sbarazzarsi di fumare, bere alcolici e anche di bilanciare la dieta. I parametri reologici del sangue miglioreranno con l'aggiunta di verdure alla dieta.

La venotonica aiuta a eliminare la patologia.

Tali mezzi possono migliorare l'elasticità dei vasi sanguigni, prevenire lo sviluppo di possibili infiammazioni e anche normalizzare le loro proprietà.

Ci vogliono anti-coagulanti come l'eparina. Il suo uso ti consente di sbarazzarti di alcune malattie che diventano causa di ristagno.

Tuttavia, per ogni tipo di patologia viene utilizzato un metodo di trattamento specifico:

  1. Quando è presente iperemia polmonare, viene utilizzata la terapia per l'eliminazione dell'insufficienza cardiaca. In questo caso, è anche possibile l'intervento chirurgico. Quando la malattia è diventata cronica, alla persona viene assegnata una disabilità.
  2. In presenza di stasi cerebrale per il trattamento, è necessario ridurre la pressione venosa. Per questa aminofillina assegnata. Inoltre, la terapia viene applicata per ridurre il gonfiore e il ristagno. Per le forme gravi della malattia, la terapia con diodi emettitori di luce laser, la fitoterapia e la terapia manuale (massaggio della zona del collo) vengono utilizzate per il trattamento.
  3. Per eliminare la stagnazione del sangue localizzato nella pelvi, vengono utilizzati metodi conservativi. Quindi, per questo usano vari farmaci e supposte vaginali. Nei casi più gravi, viene eseguita la chirurgia.
  4. Il trattamento della malattia nelle gambe viene effettuato attraverso l'uso della terapia farmacologica e di alcuni rimedi popolari. Non esiste un rimedio efficace per l'eliminazione della patologia, quindi il significato del trattamento è prevenire lo sviluppo di complicanze. In alcuni casi, viene utilizzato un intervento chirurgico. Per facilitare la progressione della malattia, si consiglia di praticare la camminata terapeutica e applicare calze a compressione.

conclusione

La stagnazione, le malattie vascolari possono portare a varie gravi complicazioni (ulcere trofiche, cancrena, ecc.). Pertanto, controlla la tua salute, visita un medico in tempo.

Per evitare il ristagno di sangue nelle vene, fare ginnastica profilattica. Ipodinia è uno dei principali nemici.

Cause dell'insorgenza e trattamento della congestione venosa degli arti inferiori

L'iperemia venosa è una malattia circolatoria in cui il riempimento di sangue dei tessuti è aumentato a causa di difficoltà nel suo deflusso o apertura aggiuntiva di vasi venosi precedentemente inattivi. Può essere comune, ad esempio, in caso di insufficienza cardiaca e locale. La congestione venosa alle gambe è un esempio di pletora locale.

Leggi in questo articolo.

Che cos'è l'iperemia passiva o congestione venosa

Il flusso di sangue lento nelle vene porta ad un aumento del lume di questi vasi. Di conseguenza, la pressione aumenta nel canale venoso. Gradualmente, si avvicina al capillare, di conseguenza, la velocità del flusso sanguigno cala bruscamente. Attraverso i capillari meno flussi di sangue per unità di tempo, di conseguenza, il contenuto di ossigeno in esso diminuisce.

A causa dell'aumento della pressione nel letto venoso, diminuisce la capacità di aspirare e drenare il liquido in eccesso dallo spazio perivascolare. Allo stesso tempo, soffre anche la formazione di linfa. Di conseguenza, si verifica edema congestizio.

Il volume di tessuto (nel nostro caso - arti inferiori) aumenta. A causa dell'accumulo di emoglobina nel sangue, trasportando non ossigeno ma anidride carbonica, la pelle diventa bluastra. L'afflusso di sangue arterioso diminuisce gradualmente, la forza dei processi metabolici diminuisce e, di conseguenza, gli arti diventano freddi al tatto. Infine, le vene dilatate non sopportano il carico, la loro tortuosità appare, i nodi si formano.

In queste condizioni, i processi attivati ​​miravano a rafforzare la parete vascolare. Il tessuto connettivo inizia a crescere, facendo sì che i tessuti delle gambe si addensino. Aumenta il carico sul sistema linfatico, che complica ulteriormente il deflusso del fluido. I cambiamenti del tessuto acquisiscono il carattere di un "circolo vizioso" quando una progressiva violazione del deflusso venoso porta ad una crescente carenza di nutrizione tissutale. Di conseguenza, vengono rivelati vasi venosi addizionali, ma essi non riescono a far fronte al carico crescente e il ristagno venoso è migliorato. Rompere un tale "circolo vizioso" è possibile solo all'inizio della sua formazione.

Cause di

L'iperemia venosa degli arti inferiori non è una malattia, ma un processo patologico. Può essere acuto e cronico.

Insufficienza venosa acuta si sviluppa con un blocco improvviso delle vene comuni del femore o iliache. I motivi principali per questa condizione:

  • trombosi venosa profonda e tromboflebite;
  • lesioni con conseguente legatura di grandi vene, ad esempio, in caso di lesioni o durante un intervento chirurgico.

Tra le cause di insufficienza venosa cronica di maggiore importanza sono:

  • vene varicose;
  • sindrome post-trombotica.

Questa patologia si verifica in circa una persona su cinque di età compresa tra 40 e 60 anni.

Esiste una predisposizione ereditaria alle vene varicose, che si realizza con un aumento della pressione intra-addominale in tali situazioni:

  • costante posizione;
  • pesante sforzo fisico;
  • la gravidanza;
  • costipazione cronica.

A causa del disturbo del deflusso, le vene profonde si dilatano, le loro valvole non sono in grado di assicurare il normale flusso di sangue e penetrano nelle vene superficiali della tibia, che si espandono e formano nodi. Il tessuto alimentare si deteriora, si verificano ulcere trofiche.

Sintomi di ristagno

La stasi venosa acuta nelle gambe manifesta sintomi in un rigonfiamento rapido dell'arto. La pelle su di esso diventa bluastra, venosa visibile. Aumenta il dolore alla gamba, sulla superficie interna della coscia o all'inguine. Con la sconfitta della vena iliaca, si verifica anche gonfiore del perineo e del basso ventre. La palpazione della zona interessata è dolorosa.

Con il blocco acuto di tutte le vene delle gambe e del bacino, si verifica una condizione molto grave, che si chiama cancrena venosa. All'improvviso ci sono forti dolori agli arti, una sensazione di scoppio, gonfiore delle gambe, perineo, glutei. La pelle diventa lucida, fredda, bluastra, si verificano emorragie su di esso, si fondono in punti con la formazione di bolle. La sensibilità cutanea è disturbata, la pressione è ridotta, l'impulso accelera, la febbre si manifesta. Dopo alcune ore, tali cambiamenti sono irreversibili e possono portare a risultati sfavorevoli.

Nell'insufficienza venosa cronica, i pazienti inizialmente non mostrano alcun reclamo. A poco a poco, pesantezza alle gambe e stanchezza con una lunga attesa. Questi segni scompaiono dopo essersi sdraiati. Ci possono essere crampi e formicolio nei muscoli delle gambe. Gradualmente, si verifica un forte prurito.

In condizioni di alterata fuoriuscita del sangue, le ulcere trofiche si verificano in circa il 2% dei pazienti ai piedi e alle caviglie. Di solito si trovano sulla superficie interna della tibia, nel suo terzo inferiore, sopra la caviglia. All'inizio sono rotondi, poco profondi, con bordi mobili. L'ulcera trofica cronica è profonda, con bordi bluastri densi, il fondo è biancastro, intorno ad esso si osserva un aumento della cheratinizzazione della pelle. Le ulcere trofiche sono spesso infette e suppurate.

Nella sindrome post-trombotica dopo la tromboflebite, le manifestazioni sono simili, ma non scompaiono dopo essere state distese. Le ulcere trofiche in questa malattia possono essere localizzate su tutta la superficie della gamba.

Metodi di trattamento dell'iperemia

In questa condizione, come la stasi venosa nelle gambe, il trattamento mira a eliminare la sua causa ea migliorare la nutrizione dei tessuti.

Nell'insufficienza venosa acuta, è spesso necessario un intervento chirurgico urgente per ripristinare la pervietà della vena.

Molto più spesso, i pazienti hanno bisogno di un trattamento per la stasi venosa cronica. Nella fase iniziale della malattia aiuta la terapia conservativa e di supporto, e nei casi avanzati è necessario un intervento chirurgico.

Trattamento conservativo

Il trattamento della congestione venosa nelle gambe comprende le seguenti attività:

  • medicinali contenenti escina e tiamina, come prescritto da un medico;
  • massaggi ed esercizi terapeutici;
  • nuoto e balneoterapia;
  • l'uso del bendaggio elastico per le vene varicose, l'uso di calze a compressione;
  • scleroterapia (una procedura mirata a "incollare" le vene superficiali e il loro collasso).

Le stesse misure dovrebbero essere prese dopo il trattamento chirurgico della malattia per prevenire la recidiva.

Intervento operativo

Con la progressione delle vene varicose, così come con la sindrome post-trombotica, vengono eseguite operazioni chirurgiche. Di solito includono la rimozione delle vene safene, la legatura dei collaterali tra le vene profonde e superficiali. In caso di ulcera trofica, viene asportata con una chirurgia plastica del difetto risultante dalla pelle del paziente, prelevata da un'altra parte del suo corpo.

La medicina moderna offre anche metodi operativi più parsimoniosi volti a fermare lo scarico dalle vene profonde alla superficie con l'aiuto di un laser o di onde radio. Esistono metodi che utilizzano "polsini" speciali, situati attorno ai vasi dilatati e altri.

È possibile sbarazzarsi della stasi venosa per sempre?

Di per sé, questo processo non si fermerà. Per liberarsi dalla stasi venosa, è necessario curare la malattia che l'ha provocata (ad esempio le vene varicose). Anche dopo l'intervento chirurgico, i fattori di rischio in questi pazienti rimangono.

Per evitare le recidive, i pazienti con congestione venosa sono raccomandati:

  • applicare regolarmente maglieria a compressione preventiva;
  • assumere fleboprotettori e vitamine come prescritto da un medico;
  • ridurre il peso corporeo;
  • a nuotare;
  • rifiutare di lavorare che comporta una posizione prolungata;
  • normalizzare le feci.

In caso di iperemia venosa cronica, accompagnata da malnutrizione dei tessuti e malattia varicosa causata nella maggior parte dei casi, si raccomanda di eseguire l'operazione in tempo e successivamente di eseguire continuamente un trattamento di mantenimento. In questo caso, la prognosi è favorevole e le manifestazioni dell'iperemia venosa possono essere dimenticate.

Esercizi per le vene varicose delle gambe possono aiutare a migliorare il benessere. Tuttavia, non tutti gli sport sono adatti al paziente. Cosa è impossibile e possibile?

Metodi come rafforzare le vene e i vasi sanguigni nelle gambe, non tanto. Per questo, i rimedi popolari, le medicine sono usate e lo stile di vita del paziente cambia.

La malattia varicosa colpisce le donne più degli uomini. E non trattarlo come un difetto estetico. Richiede attenzione e trattamento.

Opzioni su come trattare le vene e i vasi sanguigni nelle gambe, non tanto. Ognuno ha lati positivi e negativi.

Capogiri, svenimenti, perdita di coscienza e altri sintomi avversi possono indicare che la congestione venosa è comparsa nella testa, nei polmoni, nella regione cervicale (con osteocondrosi cervicale) e nel fegato. Quali sono le sue cause? Come è il trattamento? Perché si verifica angiopatia di tipo congestizio?

Non esistono vene varicose interne. Tuttavia, si riferisce alla patologia delle vene degli organi interni. Quali sono le cause, i segni e i sintomi della patologia? Come trattare le vene varicose interne?

La malattia linfostasi degli arti può essere congenita o acquisita, secondaria, attraversare determinati stadi di sviluppo. Il trattamento degli arti inferiori comprende una serie di procedure: medicina, massaggi, metodi popolari, ginnastica, dieta. Nei casi più gravi è necessario un intervento chirurgico.

L'insufficienza valvolare pericolosa delle vene porta ai loro cambiamenti patologici. Le vene ipodermiche, primordiali e profonde possono essere colpite. Aiuterà a identificare i test funzionali. Il trattamento degli arti inferiori è lungo, a volte operativo.

Il blocco dei vasi sanguigni nelle gambe si verifica a causa della formazione di un coagulo o trombo. Il trattamento sarà prescritto a seconda di dove il lume è ristretto.

Qual è il pericolo della stasi del sangue nel corpo umano? segnalibro 8

Lo stile di vita sedentario è diventato un vero problema per le persone moderne. Trascorriamo la maggior parte del tempo in posizione seduta. Questo non può influenzare lo stato di salute. Oltre al peso in eccesso e al mal di schiena, una costante mancanza di movimento può causare il ristagno del sangue venoso. Questa condizione è caratterizzata da una violazione del flusso di sangue attraverso le vene nella direzione del cuore, mentre il sangue scorre attraverso le arterie in modo normale.

Qual è la pericolosa stagnazione del sangue per una persona?

Durante il movimento sui nostri piedi c'è un effetto meccanico, che fa scorrere il sangue più velocemente nelle vene. Inoltre, quando si esegue qualsiasi esercizio fisico, si verifica la contrazione muscolare, che accelera anche il flusso sanguigno. Ecco perché la mancanza di movimento porta alla stagnazione del sangue. Diventa più viscoso, poiché le piastrine iniziano ad aderire, anche senza danneggiare i vasi sanguigni. Si forma un coagulo di sangue, che alla fine diventa più denso e sempre più.

Blocca il flusso sanguigno, interrompendo il lavoro dell'intero apparato circolatorio. Ma peggio di tutto, quando un coagulo di sangue si stacca dalle navi. Aumentando attraverso le vene al cuore o al cervello, può causare un infarto o ictus, che è una causa comune di morte. Quindi anche un lieve dolore nel corpo a causa del sangue stagnante può avere gravi conseguenze per la salute e la vita di una persona.

Stasi di sangue nelle gambe

Molto spesso, questa condizione si sviluppa nelle gambe, poiché sono le più distanti dal cuore e non può pompare correttamente il sangue nelle vene. L'unico fattore che stimola il flusso sanguigno nelle gambe è il movimento. Se non è abbastanza, allora il sangue comincia a ristagnare nelle vene. Ciò porta alla carenza di ossigeno nei tessuti e nei vasi sanguigni. Si allungano, con conseguente riduzione significativa del flusso sanguigno. Questo può portare allo sviluppo di vene varicose.

sintomi

Al fine di prevenire lo sviluppo di gravi malattie, è necessario prontamente prestare attenzione ai seguenti sintomi di ristagno di sangue nelle gambe:

  • dolore e gonfiore;
  • un gran numero di griglie capillari sulle gambe;
  • piccole emorragie in luoghi di danno ai vasi sanguigni;
  • lividi sulle gambe senza evidenti ferite;
  • sensazione di pesantezza alle gambe alla fine della giornata;
  • diminuzione della temperatura corporea.

Ristagno nel bacino

La circolazione del sangue compromessa in questa parte del corpo è piena di serie conseguenze per uomini e donne. Questi ultimi sono particolarmente spesso interessati da questo problema, dal momento che le donne hanno molte più cause di questa condizione.

Cause di ristagno nelle donne

  1. 1. L'uso di farmaci ormonali e contraccettivi.
  2. 2. Predisposizione ereditaria allo sviluppo di vasi con tono basso.
  3. 3. Eccessivo stress psicologico e fisico.
  4. 4. Stile di vita sedentario.
  5. 5. Diete rigide con una quantità insufficiente di vitamine che rafforzano le navi.
  6. 6. Vestiti stretti.
  7. 7. Gravidanza.
  8. 8. Complicazioni dopo il parto.
  1. 1. Stile di vita sedentario.
  2. 2. Cattive abitudini (fumo, alcol).
  3. 3. Fattori ereditari che influenzano l'elasticità dei vasi sanguigni.

sintomi

Ci sono solo due sintomi che possono indicare che la stasi del sangue si è formata negli organi pelvici. Devi suonare l'allarme se hai i seguenti sentimenti:

  • dolore dolorante nell'addome inferiore, che dura abbastanza a lungo e dà nella parte bassa della schiena o dell'anca;
  • pesantezza nell'addome.

effetti

La più pericolosa è la stasi del sangue per le donne, in quanto può privarle della capacità di sopportare e dare alla luce un bambino. La scarsa circolazione nell'utero è una causa comune di aborto e sterilità. Nelle donne, il ciclo mestruale può anche essere disturbato. Inoltre, la stasi del sangue può causare gravi emorragie, potenzialmente letali.

Tuttavia, non solo le donne possono avere gravi conseguenze associate a questa condizione. Negli uomini, una ridotta circolazione del sangue negli organi pelvici può causare infertilità, prostatite, uretrite, adenoma prostatico, emorroidi e varicocele (vene varicose). La prostatite è la più pericolosa per loro, come se la malattia non venisse curata, quindi la disfunzione erettile o l'impotenza possono svilupparsi.

Stasi di sangue nei polmoni

Il rallentamento della circolazione sanguigna nei polmoni può portare a seri problemi di salute, che possono richiedere un intervento chirurgico. Ciò è dovuto al fatto che le vene nei polmoni si allargano, comprimendo il tessuto polmonare e riducendone l'elasticità.

sintomi

I polmoni svolgono un ruolo vitale. Interruzione del loro funzionamento può essere mortale. Pertanto, assicurarsi di contattare il medico se si presentano i seguenti sintomi:

  • mancanza di respiro, anche con un leggero sforzo fisico;
  • respiro affannoso dovuto alla restrizione della mobilità del diaframma;
  • affanno;
  • flemma con sangue.

Ristagno di sangue nel cervello

Questa condizione è solitamente una conseguenza dei processi patologici che si verificano nel corpo. La stasi del sangue nel cervello può verificarsi a causa dello sviluppo di un tumore al collo, problemi cardiaci, lesioni alla testa, malattie respiratorie e aneurisma.

sintomi

Flusso di sangue alterato nella testa può causare la carenza di ossigeno del cervello, che ha conseguenze irreversibili per una persona. Per evitare ciò, è necessario prestare attenzione ai seguenti sintomi:

  • mal di testa;
  • svenimento;
  • suonare nelle orecchie;
  • vertigini;
  • affrontare il blu;
  • intorpidimento degli arti.

prevenzione

Certo, è meglio prevenire la malattia che curarla. Pertanto, per evitare la stasi del sangue, dovrebbero essere utilizzate le seguenti misure preventive.

La ragione principale per lo sviluppo di questo stato è uno stile di vita sedentario. Pertanto, l'esercizio dovrebbe essere eseguito regolarmente. È meglio disperdere il sangue attraverso le vene jogging, nuoto e yoga. Camminare è necessario più volte alla settimana. Quando sei seduto a lavorare ogni 1,5 ore devi fare una pausa di 10 minuti, durante la quale puoi solo scaldarti un po '. A casa, puoi fare semplici esercizi come "bici" e squat.

  • Rifiuto di cattive abitudini.

Il fumo e l'alcol compromettono l'elasticità dei vasi sanguigni e contribuiscono alla formazione di coaguli di sangue. Abbandonare queste abitudini aiuterà ad evitare la stasi del sangue.

La grande influenza sulle navi ha sostanze che entrano nel sangue dal cibo. Diete dure sono associate a carenza di vitamine e oligoelementi. Pertanto, si dovrebbe seguire una dieta sana. Hai bisogno di mangiare più cibi contenenti vitamina C ed E, eliminando cibi troppo taglienti, salati e grassi.

Trattamento di ristagno del sangue

Attualmente, è stato sviluppato un gran numero di farmaci, ma sono destinati solo ad eliminare i sintomi della stasi del sangue in diverse parti del corpo. Ci sono unguenti e gel con l'eparina, che alleviano la pesantezza delle gambe. Alcuni farmaci, come il troxevasin, il glevenolo e l'escuzan, mirano a rafforzare e tonificare i vasi sanguigni. Il trattamento farmacologico può anche consistere nell'uso di farmaci per ridurre il gonfiore e assottigliare il sangue. Tutti questi farmaci dovrebbero essere prescritti da un medico. L'automedicazione è in pericolo di vita.

Per migliorare la circolazione sanguigna e ridurre il gonfiore dei tessuti, puoi usare rimedi popolari. Ad esempio, le infusioni di lampone, biancospino, timo e ippocastano agiscono bene sulle navi. Per ridurre la gravità della testa causata dalla stagnazione del sangue, può essere utile un decotto di radici e foglie di prezzemolo.

Non trascurare la stasi del sangue. Conduci uno stile di vita sano, fai esercizio e non incontrerai mai questo problema.

Congestione venosa o iperemia passiva: cause, sintomi, trattamento

La medicina moderna contiene un enorme elenco di malattie. Molti di loro hanno sintomi così simili che è difficile per un non-professionista capire quale sia la vera causa della sua malattia. E giustamente: tutti dovrebbero sapere bene solo ciò che gli è stato insegnato. Ma ci sono diversi fattori che spingono una persona a una ricerca indipendente per la causa dei suoi problemi di salute. Innanzitutto, la maggior parte delle persone oggi è ben istruita e in grado di lavorare con le informazioni, e in secondo luogo, molti hanno dubbi sul fatto che il medico le abbia diagnosticate correttamente.

Nel frenetico ritmo della vita moderna, con lo sviluppo dei benefici della civiltà, l'uomo è diventato più veloce nello spostarsi nello spazio, ma molto meno muoversi. L'ipodinia è il fattore stimolante contro cui si sviluppano l'obesità, i problemi con il sistema muscolo-scheletrico, cuore e vasi sanguigni, disturbi respiratori e digestivi. Lo stile di vita a bassa attività è la causa principale e una malattia come la congestione venosa. Consideriamo in dettaglio i suoi sintomi e le sue forme di manifestazione.

Cos'è la stasi venosa?

Questa malattia ha diversi nomi: stasi venosa, iperemia venosa, iperemia passiva. Tutti definiscono una patologia: la difficoltà del deflusso venoso del sangue, mentre il suo afflusso attraverso i vasi arteriosi corrisponde alla norma. La stagnazione inizia quando aumenta la viscosità del sangue e si perde l'elasticità delle pareti dei vasi venosi. La perdita del loro tono e porta all'ostruzione del flusso sanguigno. Questa patologia è localizzata in luoghi con un grande accumulo di vasi venosi e può assumere varie forme:

  • Congestione venosa nei polmoni;
  • Congestione venosa alle gambe;
  • Congestione venosa nella zona pelvica;
  • Congestione venosa alla testa

Ritorno di sangue a causa dell'insolvenza delle valvole con vene varicose delle gambe

Perché si verifica il ritorno del sangue venoso?

Il lavoro dei vasi arteriosi è notevolmente facilitato dalle contrazioni del cuore, che danno slancio al movimento del sangue. E gli unici stimolanti del flusso sanguigno venoso, fornendo una normale pressione nelle vene, sono le contrazioni dei muscoli addominale e gastrocnemio, così come l'effetto sulla pianta del piede, il suo arco.

C'è un altro fattore che ha scarso effetto sull'attività del flusso venoso: la respirazione. Il dispositivo delle navi venose ha una caratteristica: le valvole si trovano sulle loro pareti interne, che dirigono il movimento del sangue nella giusta direzione - verso il cuore. Durante l'inalazione, il loro lavoro è attivato, ma questo non è sufficiente per il corretto funzionamento del sistema venoso. Naturalmente, il cuore è anche coinvolto nel garantire il flusso sanguigno di ritorno, ma i muscoli scheletrici in declino, i cosiddetti, sono cruciali qui. "Pompa muscolare", la cui funzione è quella di "spremere" il sangue dalle vene e stimolare le valvole venose, che ne impediscono il riflusso.

Come viene stimolato il flusso venoso?

  1. La pianta del piede è dotata di una vasta rete venosa. Durante la camminata, la corsa, il massaggio sulla pianta del piede è un effetto meccanico che porta ad un'accelerazione del flusso sanguigno.
  2. Durante la contrazione dei muscoli addominale e gastrocnemio, aumentano di dimensioni e colpiscono le vene più profonde. In tal modo, la pressione viene mantenuta in questi vasi, che promuove il movimento del sangue verso il cuore.

Stasi venosa nelle gambe come forma comune di patologia

L'iperemia venosa nella maggior parte dei casi si sviluppa lentamente, ma ci sono tali forme di questa malattia che si distinguono per il rapido tasso di sviluppo della patologia. Il sangue stagnante non è in grado di assicurare pienamente l'arricchimento dell'emoglobina con l'ossigeno. Per questo motivo, si verifica una fornitura insufficiente di tessuti e si verifica una carenza di ossigeno.

La congestione venosa nelle gambe in forma acuta è caratterizzata da un significativo aumento della pressione nei vasi, che porta alla loro deformazione: le pareti dei vasi si allungano, il loro diametro aumenta e, di conseguenza, la velocità del flusso sanguigno diminuisce; l'insufficienza venosa è diagnosticata.

Sintomi di problemi ai piedi

  • La comparsa di cianosi della pelle.
  • La sensazione di tensione e pesantezza nei muscoli del polpaccio, che si manifesta verso la sera:
  • Gonfiore delle gambe;
  • Plasmorrhages. A causa dell'aumento della permeabilità delle navi, le loro pareti e i tessuti circostanti sono impregnati di plasma;
  • Diminuzione della temperatura corporea;
  • Emorragie peteccholari in luoghi di accumulo di piccole navi.

Trattamento della malattia

  1. Il trattamento è diretto all'eliminazione della causa della sua insorgenza (diminuzione del tono vascolare) e alla normalizzazione della circolazione sanguigna;
  2. Farmaci usati e rimedi popolari. Ad oggi, non ci sono farmaci efficaci che curano questa malattia. L'azione dei farmaci è finalizzata alla prevenzione delle complicanze (trombosi, flebiti, ecc.).
  3. In casi estremi, viene applicata la chirurgia.

Raccomandazioni per alleviare il decorso della malattia

  • Doccia per le gambe (alternativamente fredda e calda);
  • Camminata terapeutica;
  • Unguenti e gel eparinici (Hepatrombin, Lecita Heparoid, Heparin-Sodium Brown, ecc.);
  • Posare le gambe più spesso in modo che trovino una posizione sollevata;
  • L'uso di farmaci diuretici per l'edema;
  • L'uso di calze a compressione o l'imposizione di bende elastiche;
  • Utilizzare come tintura per sfregamento di ippocastano: Eskuzan, Eskuvit;
  • Preparazioni mediche: Venitane, Venoruton, Detralex e altri venotonici e angioprotectors.

La sensazione di pesantezza e fastidio alle gambe è un problema frequente nelle persone con obesità di qualsiasi stadio e in coloro che sono stati con loro per molto tempo. Queste sensazioni possono verificarsi non solo nella congestione venosa, ma anche nelle malattie delle articolazioni e dell'edema di origine cardiaca e renale. Pertanto, per la corretta diagnosi dovrebbe consultare un medico.

Video: l'ipodynamia è la causa principale della stasi venosa

Stasi di sangue nel bacino

Una delle forme più comuni di iperemia passiva. Particolarmente pericoloso per le donne, poiché la stasi venosa del sangue nell'utero è spesso causa di aborto, nascita di bambini prematuri o infertilità. La diagnosi precoce della malattia consente di iniziare il trattamento, che è la chiave per il recupero. Questa malattia colpisce spesso le persone che conducono uno stile di vita sedentario. I seguenti fattori possono provocare congestione venosa nella pelvi:

  1. Predisposizione ereditaria al vaso vascolare atonico;
  2. Uso di contraccettivi ormonali;
  3. Eccessivo stress fisico e psicologico sistematico;
  4. Stato di gravidanza;
  5. Complicanze postpartum.

Come nel caso delle gambe, il ristagno nella pelvi è spesso accompagnato dalle corrispondenti vene varicose "femminili".

Iperemia venosa del cervello

Il più delle volte è una malattia secondaria ed è il risultato di alcuni processi patologici intracranici ed extracranici. La malattia viene diagnosticata misurando la pressione nella vena ulnare, la flebografia, la radiografia del cranio. Nella forma cronica di iperemia, si verificano cambiamenti nel metabolismo e nella carenza di ossigeno nel cervello, si sviluppa il suo edema e si osserva un aumento della pressione intracranica. Le prime forme della malattia si manifestano sotto forma di una diminuzione del tono dei vasi venosi, che viene diagnosticata mediante reografia o pletismografia.

La malattia può essere innescata dai seguenti fattori:

  • Problemi cardiaci;
  • Struma, aneurisma;
  • Malattie dei bronchi e dei polmoni;
  • Un tumore al collo;
  • Lesioni alla testa;
  • Edema cerebrale;
  • Difficoltà di flusso sanguigno dovuta alla presenza di trombosi venosa.

Sintomi della stasi venosa nel cervello

  1. Uno dei sintomi pronunciati è una manifestazione di un aumento del mal di testa durante la sua flessione e la rotazione in direzioni diverse;
  2. Vene allargate nel fondo;
  3. La pressione nelle vene nel range di 50-80 mm. acqua. v.;
  4. Attacchi improvvisi di vertigini;
  5. Ronzio o rumore nella testa;
  6. Cianosi in faccia. Al mattino gonfiore delle palpebre inferiori;
  7. Spesso preoccupato del mal di testa mattutino;
  8. svenimento;
  9. I sintomi del ristagno venoso nella testa sono espressi in presenza di una diminuzione della sensibilità degli arti (il loro torpore insorge), nei disturbi mentali;
  10. Durante le esacerbazioni della malattia, è difficile per una persona sdraiarsi o abbassare la testa;
  11. Aumento del mal di testa sullo sfondo di esperienze emotive o assunzione di alcol.

trattamento

  • Per abbassare la pressione venosa, l'eufilina viene solitamente prescritta (per via endovenosa al 2,4% pp 5,0-10,0 ml i / v su glucosio, i / me compresse);
  • Ridurre la congestione glivenol, eskuzan, troksevazin e detralex per la somministrazione orale;
  • Furosemide, mannitolo e diacarb sono utilizzati per ridurre la gravità dell'edema;
  • Il trattamento della congestione venosa del cervello viene effettuato utilizzando l'auto-massaggio della zona del collo per alleviare lo spasmo dei muscoli del collo;
  • Viene prescritta una terapia laser leggera;
  • Elekstostimulyatsiya;
  • Diversi tipi di riflessologia;
  • Il trattamento della congestione venosa alla testa viene effettuato con l'aiuto di fitoterapia.

raccomandazioni

Per facilitare il decorso della malattia si raccomanda di seguire una dieta che escluda sale, piccante, affumicato e tostato, caffè, alcool, tè forte. Aiuta a rimuovere edema farina d'avena, bollito in acqua e senza sale.

Se provi una sensazione di pesantezza nella tua testa, puoi usare il prezzemolo da giardino. Le sue radici e foglie triturate vengono cotte al vapore, insistendo per 30 minuti. e prendere 3-5 volte al giorno per 1-2 cucchiaini, lavati con acqua bollita.

Stasi di sangue nei polmoni

Si esprime nell'ostruzione del flusso sanguigno attraverso le vene dei polmoni, che porta ad un aumento della quantità di sangue in loro. Per questo motivo, il tessuto polmonare diventa più denso, che acquisisce un colore marrone. Il suo aspetto è associato all'accumulo di emosiderina e questo processo è chiamato compattazione marrone dei polmoni. Porta a due tipi di modifiche:

  1. Aumento della permeabilità vascolare, ristagno nella circolazione polmonare;
  2. Alla proliferazione del tessuto connettivo nei vasi, cioè al verificarsi della sclerosi.

sintomi

  • Mancanza di respiro sistematica;
  • Respirazione difficile, limitazione della mobilità del diaframma;
  • L'emergere del fischio sibilante timbrico alto nei lobi inferiori della schiena dietro;
  • Difficile separare l'espettorato viscoso, in cui possono esserci strisce di sangue;
  • Cardiopatia aortica o mitrale;
  • Il fegato cresce di dimensioni, il suo bordo diventa arrotondato, doloroso alla palpazione;
  • Pelli di pastos;
  • La congestione venosa nei polmoni porta ad una perdita della loro elasticità, che si manifesta con il verificarsi di mancanza di respiro anche con uno sforzo fisico basso.

trattamento

  1. Terapia per insufficienza cardiaca;
  2. Intervento chirurgico: valvulotomia o sostituzione della valvola;
  3. La pletora persistente dei polmoni è un motivo per determinare il grado di disabilità.

È possibile curare completamente la stasi venosa?

L'iperemia venosa generale è un processo reversibile se la sua causa viene eliminata nel tempo. Prima di tutto - è un cambiamento immediato nello stile di vita.

Se un complesso di misure terapeutiche consente di normalizzare l'attività cardiaca, si verifica una cura. Nel caso in cui i tessuti corporei siano in uno stato di ipossia prolungata, ciò porta a cambiamenti irreversibili nel carattere atrofico e sclerotico. Indurimento osservato (organi di tenuta stagnanti e tessuti). È sempre un indicatore di deviazioni nel lavoro del cuore, e tali pazienti possono morire per insufficienza cardiaca.

Per Saperne Di Più I Vasi