Ictus - Trattamento e recupero dopo un ictus a casa

Vertigini, perdita di coscienza, vomito, mal di testa, questi sono i primi segni di un ictus, questa è una violazione della circolazione cerebrale.

Di norma, un ictus non arriva inaspettatamente, ci sono alcune malattie in cui è possibile prevederne l'aspetto con quasi il 100% di certezza, come l'aterosclerosi, l'ipertensione, la trombosi o l'embolia.

Il trattamento dell'ictus in casa è abbastanza possibile, questo richiede un approccio integrato.

dieta

Questa è una componente piuttosto importante del periodo di riabilitazione, è necessaria una dieta lattiera-vegetale: ricotta, cereali, kefir, bacche e frutti grattugiati, gelatine.

Dopo un po ', a seconda delle condizioni, vengono aggiunti pesce e carne bolliti. Non dovremmo dimenticare le vitamine, l'acido ascorbico è più necessario.

La dieta rigorosa è parte integrante della riabilitazione.

Dovrebbe essere monitorato in modo che le feci del paziente siano regolari. Dovresti anche prestare attenzione al paziente il più possibile, dare l'opportunità di ascoltare la radio, guardare programmi TV, comunicare con i parenti.

Come trattare a casa

Per ripristinare la posizione delle gambe e delle braccia, di regola, la gamba è dritta con un piede cedevole, e la mano con la mano serrata è piegata e premuta sul petto. Poiché in questa posizione il braccio e la gamba possono essere abbastanza lunghi, i muscoli si irrigidiscono e potrebbe essere necessario molto più tempo per ripristinare il movimento.

Per evitare queste conseguenze dovrebbe essere fatto più volte al giorno, esercizi terapeutici e massaggi, è assegnato alla seconda o terza settimana.

Rimedi popolari

Quando si tratta un colpo a casa, è possibile utilizzare erbe medicinali. Ecco alcune ricette: 2 cucchiaini di radice di marin essiccata versare 200 grammi. acqua bollente e insistere 4-5 ore, dopo aver filtrato, e utilizzare tre cucchiai tre volte al giorno.

Mumiye, un piccolo pezzo delle dimensioni di una testa di corrispondenza da diluire in 50-60 grammi di acqua bollita, viene preso una volta.

Infuso di foglie di alloro, per la sua preparazione, prendiamo tre cucchiai di alloro macinato, quindi versiamo 200 grammi di olio (non raffinato). Insistiamo una settimana, poi filtriamo e due volte al giorno sbaviamo i luoghi colpiti.

Tasse di erbe

Sophora Giapponese, vischio, hai bisogno di 50 grammi di vischio e la stessa quantità di Sophora giapponese. Mescolare queste erbe e tritare finemente, quindi versare 0,5 litri di vodka o alcool medico diluito e insistere per 30 giorni. La tintura deve essere mescolata regolarmente e conservata in un luogo buio.

Buoni vecchi costi di erbe non perdono la loro rilevanza

Dopo un mese, filtriamo la miscela e usiamo due cucchiaini da tè due volte al giorno, è necessario prendere 20 giorni, quindi è necessario un intervallo per 15 giorni, dopo di che viene ripresa la ricezione.

Tintura bianca a croce

30 grammi di radici tritate finemente versano 0,4 grammi di vodka o alcool medicinale diluito, insistono per sette giorni, filtrano e prendono due volte al giorno, dopo aver mangiato 25 gocce con acqua. Il risultato sarà evidente in poche settimane.

L'unguento viene sfregato in arti paralizzati, due volte al giorno. Metodo di preparazione di un cucchiaino di aghi di pino e sei cucchiaini di foglie di alloro è schiacciato in polvere, quindi aggiungere cinque cucchiai di burro fatto in casa, mescolato.

Una miscela di aglio e limone

Cento grammi di aglio, tritato, aggiungere limone finemente grattugiato, nella stessa quantità e 100 grammi. miele. Ci mescoliamo completamente, insistiamo per una settimana, dopo di che diamo questa miscela al paziente due volte al giorno dopo aver mangiato, in un cucchiaio.

celandine

Prendi un grammo. Celidonia tritata, versare 200 grammi in uno. acqua bollente, insistono 15 minuti dopo, è necessario filtrare e prendere un cucchiaio fino a tre volte al giorno prima dei pasti.

Infusione di fagioli

Per il trattamento dell'ictus a casa nell'est è ampiamente usata l'infusione di fagioli. Per la sua preparazione è necessario raccogliere i fagioli, e l'intera pianta viene presa, riempita con acqua bollente, e tutto dovrebbe essere coperto con acqua.

Strettamente coperto e posto in un luogo caldo per diverse ore, è possibile utilizzare questa infusione in quantità illimitate, i primi risultati positivi saranno evidenti dopo alcune settimane.

Infuso di pigne

Cinque, sei pigne completamente mature, in cui si trovano necessariamente semi, versare un bicchiere di alcool medico diluito in una fortezza del 35%, dopo di che è necessario infondere entro 15-20 giorni. Filtrare e dare al paziente un cucchiaino, spargere in un bicchiere di tè non forte una volta al giorno.

Limone e arancia

Puliamo il limone con un'arancia, prendiamo le ossa, maciniamo il tutto in un frullatore, aggiungiamo il miele, andiamo via per un giorno al caldo. Dopo che può essere preso 2-3 volte al giorno, un cucchiaio, con qualsiasi liquido. Hai bisogno di 300 grammi di limone e lo stesso miele d'arancia cento grammi.

piaghe da decubito

Abbastanza spesso dopo un ictus, i pazienti hanno piaghe da decubito, questo è dovuto a una mobilità limitata. Per combattere le piaghe da decubito sono i seguenti metodi.

Hai bisogno di un materasso speciale, puoi farti da solo, per questo devi fare un materasso pieno di miglio, lo spessore dello strato deve essere più di un centimetro. Puoi anche usare un materasso pieno di fieno.

È sicuro dire che il trattamento di un ictus a casa è del tutto possibile, per questo è necessario usare una varietà di infusi e decotti medicinali, fare unguenti curativi e allo stesso tempo seguire tutte le raccomandazioni e le prescrizioni del medico curante.

Non trascurare la ginnastica medica e massaggi, solo il massaggio regolare consente di mantenere i muscoli in condizioni di lavoro e accelera il periodo di riabilitazione.

Riabilitazione e recupero dopo un ictus a casa

Il trattamento dei pazienti con ictus è un processo molto lungo e graduale che deve passare attraverso una serie di fasi successive. In primo luogo, tali pazienti vengono trattati nell'unità di terapia intensiva, dove viene condotta la lotta per la loro vita, quindi nell'ospedale neurologico, dove sono coinvolti nel restauro delle cellule colpite.

Ma non meno importante è la fase di recupero dopo la dimissione dall'ospedale. Dopo tutto, il deficit neurologico del paziente non è più possibile ripristinarlo con i farmaci, perché le cellule cerebrali vengono distrutte.

Ma è possibile adattare al massimo una persona alla vita a scapito di altri neuroni rimasti incolumi. Per raggiungere questo, deve passare molto tempo. Naturalmente, questo è possibile solo attraverso l'auto-recupero dopo un ictus a casa, quando sia il paziente che i suoi parenti sono attivamente interessati a questo processo.

Quanto tempo viene ripristinato dopo un ictus?

Nell'affrontare il problema dei periodi di recupero dopo un periodo di ictus, non esiste un singolo indicatore. Tutto dipende dalle dimensioni e dalla posizione della lesione nel cervello, dal tipo di ictus, dal tempo trascorso dall'inizio della malattia alla fornitura diretta di cure mediche specialistiche. Maggiore è la grandezza di questi indicatori, peggiore è la previsione per il pieno recupero del paziente. Dobbiamo lavorare con queste persone per un tempo molto lungo, quasi per la vita, almeno per non aggravare il deficit neurologico esistente. Date approssimative e previsioni possono essere rappresentate sotto forma di tale tabella.

Tipo di ictus e sue conseguenze

Durata del periodo di recupero

Ictus ischemico con deficit neurologico minimo (leggera paralisi degli arti e del viso, compromissione della coordinazione, visione, vertigini)

Recupero parziale 1-2 mesi

Pieno recupero 2-3 mesi

Qualsiasi tipo di ictus con grave deficit neurologico (grave paralisi degli arti e del volto, disturbi persistenti della disordinazione)

Restauro parziale con possibilità di self-service 6 mesi.

Il pieno recupero è raro e richiede anni.

Grave ictus ischemico ed emorragico con persistente deficit neurologico (disabilità dovuta a paralisi di un lato e altri difetti)

Recupero parziale con la possibilità di sedersi da soli - 1-2 anni;

Il pieno recupero non è possibile.

Dalla tabella precedente diventa ovvio che quanto più grave è stato l'ictus, tanto più lungo dovrebbe essere il trattamento riparativo. I pazienti che hanno subito un ictus ischemico si riprendono un po 'più velocemente rispetto a quelli emorragici.

In presenza di un grave deficit neurologico sullo sfondo di qualsiasi ictus, non è sempre possibile per una persona recuperare completamente, il che è determinato dall'assorbimento di quegli importanti gruppi di neuroni cerebrali la cui funzione non sono in grado di assumere cellule adiacenti sane. Pertanto, il periodo di recupero dopo ogni ictus non finisce mai. È necessario impegnarsi in procedure di riabilitazione per tutta la vita come corsi a breve termine o ogni giorno. Questo non solo aiuterà a ripristinare le abilità perse, ma anche a prevenire nuovi attacchi da ictus.

Non dovresti mai perdere il cuore, non importa quale tipo di ictus è stato rinviato, e nonostante le previsioni ovvie. Dopo tutto, la risorsa di vita di ogni persona è diversa, specialmente in relazione al cervello. Solo uno studio individuale permanente può aiutare in modo più completo e recuperare il prima possibile dopo un ictus.

Esercizi per recuperare da un ictus

Uno dei compiti principali del periodo di recupero dopo un ictus è il rinnovo della funzione motoria degli arti. È su di loro che il deficit neurologico in questa malattia è più chiuso. È necessario cominciare il restauro di movimenti praticamente dal primo giorno dopo l'inizio di un colpo.

Le caratteristiche generali degli esercizi sono caratterizzate da tali momenti:

Diminuzione del tono e della tensione muscolare. Qualsiasi colpo causa paralisi, caratterizzato da ipertonicità dei muscoli e aumento dell'eccitabilità;

Miglioramento della microcircolazione. Un ictus interrompe l'innervazione di tutti i tessuti. Di conseguenza - una violazione del loro afflusso di sangue;

Prevenzione della contrattura. Sullo sfondo del deficit neurologico prolungato e della paralisi spastica, si verifica un congelamento supplementare nei muscoli in uno stato di tensione costante;

Protezione della pelle degli arti dalle piaghe da decubito. Questo è particolarmente vero per le gambe. Nei luoghi di maggiore pressione e contatto, che sono la regione del tallone, il più delle volte ci sono i piaghe da decubito;

La ripresa di movimenti sottili. Appartengono alle funzioni più importanti degli arti, che, di fatto, caratterizzano il completo ripristino del sistema nervoso. Questo è più rilevante in relazione alle mani e agli arti superiori in generale.

Prima di iniziare qualsiasi esercizio dopo un ictus, è consigliabile consultare il proprio medico, e ancora meglio con uno specialista - riabilitatore. Aiuterà non solo a scegliere il giusto insieme di esercizi, ma anche a raccontare tutte le sottigliezze e le fasi della loro attuazione. In generale, vale la pena sottolineare questa caratteristica: tutti gli esercizi dovrebbero iniziare da quelli più semplici con una graduale espansione del loro volume a seconda delle capacità funzionali del paziente.

Sullo sfondo della terapia fisica, anche i pazienti con un problema identico e la gravità di un ictus possono riprendersi in modi diversi. Pertanto, non vale molto per sovraccaricare una persona. Ciò è tanto dannoso quanto la mancanza di esercizi terapeutici in generale. Prima di eseguire qualsiasi serie di esercizi, è meglio scaldare i tessuti a cui sarà diretta la loro azione. Se possibile, le procedure per l'acqua calda saranno adatte a questo scopo. In caso di controindicazioni o altri motivi per i quali questa azione non è possibile, un massaggio leggero per 15 minuti prima degli esercizi sarà sufficiente. In casi estremi, gli arti colpiti possono essere riscaldati con una piastra elettrica.

Per tutti i pazienti in seguito a gravi ictus con un grave deficit neurologico, qualcuno vicino a loro deve aiutare, dal momento che non è in grado di affrontare questo compito da soli. È meglio se il complesso di esercizi verrà eseguito 2-3 volte al giorno in una sorta di corsi brevi che durano circa un'ora. Non dovrebbero causare nel paziente affaticamento grave e superlavoro. Se presente, indica l'incompatibilità dei carichi e le effettive capacità del paziente in una particolare fase del periodo di riabilitazione e di recupero.

Un rigoroso approccio individuale con stretta osservanza delle regole generali degli esercizi di fisioterapia può essere definito l'unico passo corretto verso il rapido recupero dei pazienti dopo un ictus.

Esercizi a riposo a letto

Naturalmente, in questo caso è estremamente difficile fare qualcosa in un grande volume, dal momento che le capacità funzionali dei pazienti sono molto limitate. Pertanto, la necessità di aiutare gli altri intorno a questi pazienti, le persone. Questa serie di esercizi deve essere eseguita da tutte le persone nel periodo acuto dopo ogni ictus, così come da coloro che hanno una grave paralisi spastica degli arti con un pronunciato aumento del tono muscolare. Tali pazienti non sono in grado di raddrizzare gli arti, poiché sono saldamente fissati in una posizione piegata. Gli esercizi dovrebbero mirare a ridurre il tono e un graduale aumento dell'ampiezza dei movimenti.

La ginnastica tipica si presenta così:

Semplice estensione e flessione delle dita e delle mani, avambracci e gomiti, piedi e ginocchia, movimento degli arti nelle articolazioni della spalla e dell'anca;

Movimento rotatorio dei segmenti specificati. Eseguito da coloro che si prendono cura dei malati. Devono imitare i movimenti che una persona sana è in grado di eseguire;

Esercizio per ripristinare la mano. Allungando le estremità spasmodiche con l'aiuto di longuet e altri dispositivi. È indicato per la paralisi persistente. Per fare ciò, l'arto piegato viene gradualmente estratto dalle dita e fissato con una benda su una piastra piana solida o altro dispositivo. A poco a poco, le stesse azioni vengono eseguite con le parti soprastanti del braccio (mano e avambraccio). In questa posizione, l'arto viene fissato per mezz'ora, ma può essere più lungo se il paziente non causa disagio;

Un asciugamano è sospeso sopra il letto. Il seguente esercizio può essere eseguito da individui con una funzione ripristinata della mano. Per fare questo, afferrano un asciugamano e producono tutti i possibili movimenti (abduzione e adduzione, sollevamento e abbassamento della spalla, estensione della flessione nel gomito). A poco a poco, l'asciugamano viene sollevato più in alto e l'esercizio è ostacolato dal peso del paziente;

Da una striscia di gomma di spessore e larghezza media è necessario realizzare un anello con un diametro di 40 cm. Con questo dispositivo è possibile eseguire un gran numero di esercizi. Si trova tra le mani, gli avambracci, il braccio e la gamba, la mano e qualsiasi oggetto. Allo stesso tempo distendi la gomma diluendo le estremità l'una dall'altra;

Per eliminare lo spasmo muscolare dell'arto inferiore nella regione poplitea, viene posato un rullo duro, il cui spessore aumenta gradualmente. In questo modo si ottiene lo stiramento dei muscoli e un aumento del volume dei movimenti;

Inarcare le gambe sopra l'articolazione della caviglia con un'ulteriore estensione in flessione delle gambe alle articolazioni del ginocchio facendo scivolare i piedi lungo il letto;

Trovandosi a letto, devi sollevare delicatamente le braccia sopra la testa e cercare di afferrarle la schiena. Dopo di ciò, i pull-up incompleti vengono eseguiti con un allungamento simultaneo dei piedi e delle dita (come se fosse una trazione);

Esercizi per gli occhi. Ripristina la funzione della mobilità degli occhi e l'adattamento della visione. Per questo è necessario effettuare più volte movimenti con gli occhi in direzioni diverse. Movimento circolare Ripeti la procedura con le palpebre chiuse;

Fissando lo sguardo in un punto seguito da movimenti rotatori, annuendo e circolari della testa senza distacco da questo punto di fissazione;

Esercizio in posizione seduta

Hanno lo scopo di ripristinare i movimenti mirati con le mani, rafforzare la schiena e preparare le gambe per camminare. La loro tecnica è:

Il paziente viene posto in posizione seduta, mani che afferrano i bordi del letto. Durante l'inalazione, viene eseguito un backbend con un allungamento simultaneo del corpo in uno stato di tensione. All'espirazione, dovresti rilassarti. Il ciclo consiste di 8-10 ripetizioni;

Posizione di partenza seduta su un letto, gambe a livello del corpo (non cadere). Sollevare e abbassare alternativamente la gamba sinistra e quella destra più volte;

Posizione di partenza seduto sul letto. Le mani sono tirate indietro. Quando si inspira, l'approssimazione massima delle scapole l'una all'altra viene eseguita con abbassamento simultaneo della testa da dietro. All'espirazione segue il rilassamento;

Esercizi in piedi

Indicato dopo l'espansione della modalità motore e il recupero parziale del paziente. Il loro obiettivo principale è il ripristino di movimenti sottili per la massima eliminazione dei disturbi neurologici. Esempi tipici sono i seguenti:

Sollevare una scatola di fiammiferi dal pavimento o dal tavolo. Soddisfa movimenti sottili intenzionali;

Posizione di partenza in piedi con le braccia abbassate. Quando inspiri, alza le braccia sopra la testa, allo stesso tempo sorseggiando e in piedi sulle dita. All'espirazione, rilassati, piegando il tronco verso il basso e verso il basso. Ripeti più volte;

Flettendo l'estensione della mano in un pugno con l'aiuto di un espansore con abduzione simultanea delle braccia dal corpo;

In posizione eretta, gambe larghe alle spalle, braccia piegate sulla cintura. Il busto del tronco viene prodotto da sinistra a destra, avanti e indietro;

Dalla posizione di partenza precedente, esegui le forbici da ginnastica (alternativamente in movimento, con le braccia incrociate di fronte a te, sul lato opposto;

Squat dalla posizione di partenza stando in piedi con i piedi uniti. Durante l'esercizio, è necessario mantenere la schiena il più in alto possibile e non togliersi i talloni dal pavimento;

Mentre esegui esercizi relativi alla fase di recupero di movimenti sottili, puoi continuare la ginnastica dalle fasi precedenti, specialmente se rafforza i muscoli e espande la gamma di movimenti in generale. La fisioterapia è consentita con l'utilizzo di manubri leggeri ed esercizi di forza.

Affinché la terapia fisica sia veramente riparatrice, deve diventare parte dello stile di vita del paziente.

Recupero della parola dopo l'ictus

I processi rigenerativi nel cervello in relazione alla funzione del linguaggio sono molto più lenti rispetto ai disturbi del movimento. Possono durare per diversi anni. Pertanto, è necessario trattare costantemente con i pazienti, a partire dal primo giorno del periodo di recupero dopo la stabilizzazione della condizione generale. Il compito principale in questo difficile processo ricade sui pazienti stessi e sui loro parenti. Solo il desiderio persistente dovrebbe guidarli. Non interrompere le lezioni, nonostante la lunga assenza di un effetto pronunciato. Prima o poi, tutti gli sforzi saranno ricompensati con un miglioramento graduale del discorso.

Le raccomandazioni per gli esercizi di restauro della parola sono abbastanza chiare. Il loro obiettivo principale è l'attaccamento delle cellule nervose situate nella regione del centro del discorso interessato all'esecuzione della loro funzione persa. Questo può essere ottenuto attraverso un costante allenamento della funzione del linguaggio e dell'udito. Affinché il paziente riacquisti la capacità di parlare in modo indipendente, deve ascoltare il discorso. Tutti dovrebbero costantemente parlare con lui. In questo modo sarà in grado di riprodurre suoni.

Per quanto riguarda la pronuncia diretta delle parole, nel caso di una completa perdita di capacità di parola, è necessario iniziare la pronuncia di singoli suoni e sillabe. Per questo, al paziente viene detta una parte di una parola o frase, senza terminare la fine. Il paziente stesso deve pronunciarli. A poco a poco, il volume delle parole riprodotte dovrebbe aumentare. L'ultimo stadio è la ripetizione di rime e scioglilingua.

Cantare è utile allo sviluppo della capacità di parola. Se il paziente sente il canto, e in seguito con i suoi parenti proverà a cantare, allora riuscirà molto più velocemente del linguaggio ordinario. Pertanto, è necessario includere questo metodo di riabilitazione dei pazienti dopo un ictus per ripristinare la capacità di parlare.

È estremamente importante ripristinare il parlato - per riprendere la capacità di pronunciare i suoni. Dopo tutto, una persona può potenzialmente essere in grado di parlare, ma a causa della rottura a lungo termine dell'innervazione dei muscoli facciali e masticatori, si verifica la loro particolare solidificazione.

In questi casi, sono soggetti a sviluppo attivo da parte di:

Labbra pieghevoli in un tubo;

Avanzamento linguistico massimo;

Luce mordente delle mascelle alternativamente tra le labbra superiore e inferiore;

Leccare le labbra con la lingua in entrambe le direzioni (da sinistra a destra e viceversa);

Recupero della memoria dopo un ictus

Una delle funzioni del cervello, che è compromessa da un ictus, è la memoria. È molto importante affrontare i processi di recupero in questo senso. Come tutte le altre abilità di maggiore attività nervosa, è necessario iniziare a lavorarci il prima possibile. Questo di solito corrisponde al periodo successivo all'eliminazione della minaccia diretta alla vita umana e ai fenomeni di edema cerebrale sullo sfondo delle lesioni da ictus.

La prima cosa su cui lavorano i medici è il supporto medico dei neuroni colpiti. Ai pazienti vengono somministrate infusioni endovenose di nootropici (farmaci che migliorano i processi metabolici nel cervello e nella memoria). Il loro ricevimento deve essere continuato nella fase di trattamento ambulatoriale, ma sotto forma di compresse. I nootropici più comuni ed efficaci includono piracetam, lucetam, nootropil, fezam, tiocetam. Tutti sono abbastanza lenti, quindi è importante osservare la durata della ricezione, che dovrebbe essere di almeno 3 mesi. Dopo una breve pausa, il trattamento deve essere ripetuto.

Oltre alla correzione del farmaco, deve essere eseguita anche la terapia riabilitativa funzionale. Include l'addestramento continuo della capacità del cervello di memorizzare. Questo processo è uno dei più lunghi di tutti i tipi di trattamento riabilitativo dopo un ictus e richiede molti mesi e persino anni. Include la memorizzazione e la ripetizione costante di numeri, alcune parole, rime, prima breve e poi più lunga. Altrettanto utili per la memoria sono i giochi da tavolo e altre attività con elementi del gioco, quando il paziente è contemporaneamente distratto dal mondo esterno e si concentra su un'azione specifica.

Come creare un menu dopo un ictus?

Preparati per il recupero dopo un ictus

Un posto estremamente importante nel trattamento riabilitativo dei pazienti colpiti da ictus appartiene al trattamento medico della disfunzione cerebrale. Assicurati di aderire al loro corso prendendo periodi alternati di trattamento attivo e pause tra di loro. Si consiglia di iniettare cerebroprotettori per via endovenosa due volte all'anno (farmaci che migliorano l'apporto di sangue e l'attività cerebrale).

Per diversi decenni, l'aspirina (acido acetilsalicilico) è stata utilizzata per prevenire la trombosi e la malattia coronarica, ma assumerla per un lungo periodo può portare a problemi al tratto gastrointestinale, come bruciore di stomaco, gastrite, nausea, mal di stomaco, ecc.

Per ridurre il rischio di tali effetti indesiderati, è necessario prendere soldi in un rivestimento enterico speciale. Ad esempio, è possibile utilizzare il farmaco "Thrombo ACC®" *, ogni compressa del quale è ricoperta da un rivestimento di pellicola enterica resistente agli effetti dell'acido cloridrico dello stomaco e si dissolve solo nell'intestino. Questo evita il contatto diretto con la mucosa gastrica e riduce il rischio di bruciore di stomaco, ulcere, gastrite, sanguinamento, ecc.

È importante ricordare che non si devono assumere agenti fluidificanti del sangue dopo ictus emorragici. Questo non solo non è fattibile, ma è possibile provocare la ricorrenza di un ictus. Tutti gli altri farmaci sono prescritti non differenziati, indipendentemente dal tipo di ictus.

La classificazione approssimativa dei farmaci per la riabilitazione nel periodo post-ictus è data sotto forma di una tabella:

Come e cosa trattare un ictus. Quali sono le conseguenze dopo un ictus?

Una delle malattie gravi che spesso derivano da ipertensione, così come l'aterosclerosi dei vasi cerebrali, è l'ictus. Il trattamento di questa malattia, se ha successo, può prolungare l'attività vitale di una persona. Il pericolo di un ictus è un'alta probabilità di conseguenze negative, perché abbastanza spesso il risultato è la disabilità di una persona.

Tra le persone anziane, è l'ictus che diventa la causa di morte più frequentemente segnalata.

Un ictus è caratterizzato da una compromissione acuta della circolazione del sangue nella corteccia cerebrale, con conseguente danno e morte delle cellule nervose.

Un ictus è una serie di altre condizioni patologiche, tra cui:

  • Emorragia cerebrale;
  • Infarto cerebrale;
  • Emorragia subaracnoidea

Esistono due tipi di tratti:

Non si distinguono solo per la loro origine, ma ciascuno di essi viene trattato secondo uno schema diverso.

Una caratteristica dell'ictus ischemico è la rottura dell'afflusso di sangue in alcune aree della corteccia cerebrale a causa del blocco di un'arteria con trombo o placca aterosclerotica.

Ictus emorragico si verifica quando l'arteria si rompe e successiva emorragia. La causa di questo tipo di malattia è una lacuna nella parte ingrandita dell'arteria dovuta ad anormalità congenita della nave, chiamata aneurisma, o rottura dell'arteria, per la quale la pressione alta può essere lo sfondo.

Tipi di colpi

Per qualsiasi tipo di ictus sono necessarie misure urgenti, assistenza medica e trattamento. Il quadro clinico dell'emorragia si sviluppa così rapidamente che la capacità di curare la malattia è limitata dal tempo. Solo con la fornitura tempestiva di assistenza qualificata, il danno cerebrale può essere ridotto al minimo, prevenendo l'insorgere di complicanze in futuro.

Fasi di trattamento

Per sapere come trattare un ictus, è necessario rappresentare la sequenza delle fasi principali di questo processo, consistente in:

  • Cure di emergenza;
  • Trattamento stazionario;
  • Terapia riabilitativa o di sanatorio.
al contenuto ↑

Segni di un ictus

Per riconoscere i sintomi di una malattia pericolosa in una persona nel tempo, è necessario ricordarli con fermezza.

I segni di un ictus sono:

  • Debolezza improvvisa;
  • Paralisi o intorpidimento parziale dei muscoli del viso o degli arti (più spesso solo su un lato);
  • Disturbi del linguaggio;
  • Visione offuscata;
  • L'aspetto di un mal di testa forte e acuto;
  • vertigini;
  • Perdita di equilibrio e coordinazione, disturbi dell'andatura.

Un ictus spesso sorprende una persona e in questo momento è molto importante che le persone intorno a loro mostrino attenzione e forniscano il primo soccorso.

Avendo notato un passante per strada che non si comporta in modo naturale, non si deve pensare che sia ubriaco prima di eseguire un test per ictus secondo il seguente piano:

  1. Offrire aiuto da cui una persona molto probabilmente rifiuterà, non capendo cosa gli sta accadendo. Il primo sospetto di ictus in questo caso dovrebbe apparire se è difficile.
  2. Chiedi di sorridere, valutando attentamente la posizione degli angoli delle labbra in relazione tra loro e la linea del sorriso, che nel caso di un tratto sarà più simile a un sorriso contorto.
  3. Agita le mani, verificando la forza della stretta di mano o chiedi di alzare entrambe le mani. Con un debole scuotimento della mano o l'abbassamento spontaneo di una delle mani dalla posizione ascendente, puoi finalmente essere convinto dello sviluppo dell'ictus e della necessità di un ricovero urgente.
al contenuto ↑

Azioni prima dell'arrivo dell'ambulanza

Se c'è il sospetto di un ictus che può essere scoperto da una persona in qualsiasi momento - a casa o per strada, le seguenti azioni devono essere intraprese il prima possibile:

  • Metti il ​​paziente sulla schiena, cerca di non toccargli la testa;
  • Fornire l'accesso gratuito all'aria aperta, la cui fonte può essere una finestra aperta o un ventilatore. Con lo stesso scopo, è necessario escludere qualsiasi compressione del corpo da una cravatta stretta o un colletto, una cintura;
  • Se il paziente mostra segni di vomito, è necessario girare la testa in qualsiasi direzione per evitare il vomito nell'area dei bronchi;
  • Se disponibile, un impacco freddo, messo sulla testa o una borsa dell'acqua calda con ghiaccio, aiuterà;
  • Un paziente, se è cosciente, può chiedere della sua ipertensione e dargli una pillola sotto la lingua (i pazienti ipertesi hanno spesso i farmaci giusti nelle loro tasche);
  • La misurazione preliminare della pressione arteriosa è una delle azioni utili che possono essere eseguite con un dispositivo speciale a portata di mano;
  • Una procedura di distrazione che può essere eseguita a casa è quella di posizionare i cerotti di senape nella zona del polpaccio sulle gambe.
al contenuto ↑

Aiuto e prime azioni degli operatori sanitari

Nei primi minuti dopo l'arrivo sul luogo della persona ferita da un ictus, gli specialisti del team di Ambulance stimano la gravità delle condizioni del paziente. Il loro compito principale è quello di trasportare il paziente in un ospedale dotato di un'unità di terapia intensiva.

Durante il trasporto vengono prodotti i seguenti articoli:

  • Misurazioni della pressione sanguigna;
  • Inserisci farmaci che correggano il lavoro del cuore e dei sistemi respiratori.

Non c'è trasporto di pazienti che:

  • Sono stati trovati in uno stato di coma;
  • Se hanno disturbi circolatori nel cervello in stati terminali di varie patologie di organi interni o tumori.

I pazienti con anormalità simili ricevono cure sintomatiche, dopo di che la chiamata viene trasferita alla clinica.

In quale dipartimento viene colpito?

Dopo che il paziente è stato ricoverato in ospedale, il trattamento di un ictus cerebrale in un ospedale inizia con il suo posizionamento nel reparto di terapia intensiva o terapia intensiva. Ciò richiede la presenza nella clinica della relativa unità, dotata di attrezzature speciali e personale qualificato.

L'esame dei pazienti viene eseguito da un neurologo. Potrebbe essere necessaria la consultazione del neurochirurgo. Lo schema di trattamento, così come il reparto in cui si trova il paziente, è determinato dal medico in base al tipo e alla gravità della malattia. I compiti principali dell'ospedale dipendono dal tipo di malattia.

Trattamento stazionario Droga.

Trattamento per ictus emorragico.

Per il trattamento del cervello durante lo sviluppo di ictus emorragico, la terapia deve includere una serie di compiti specifici, questi sono:

  • L'eliminazione dell'edema nel tessuto cerebrale;
  • Ridotta pressione intracranica e del sangue;
  • Trattamento volto ad aumentare la coagulazione del sangue e la densità della parete vascolare.

Con tutte le azioni del personale medico, si osserva una certa posizione del paziente a letto. Per fare questo, utilizzare un letto funzionale con una testiera sollevata. Il ghiaccio è posto sulla testa del paziente e riscalda i riscaldatori ai piedi. Il rilassamento muscolare aiuterà a garantire la curva poplitea creata. Con lo stesso scopo, puoi mettere un rullo sotto le ginocchia.

Il trattamento farmacologico prevede l'uso dei seguenti farmaci per l'uso a goccia per via endovenosa:

  • Magnesio solfato;
  • Dibazol;
  • clorpromazina;
  • Pentamin.

In connessione con l'aumentato rischio di ridurre la coagulabilità del sangue, possono essere somministrati farmaci per attivare la trombosi nei vasi. Questo tipo di terapia deve essere eseguito sotto il controllo di un'analisi del sangue di laboratorio per un coagulogramma.

Nei primi 2-3 giorni sono prescritti:

  • Cloruro di calcio;
  • menadione;
  • Acido aminocaproico

Nei casi in cui, al terzo giorno dopo un ictus, vi siano segni pronunciati di aterosclerosi e emorragia subaracnoidea, possono essere assegnati enzimi proteolitici:

La loro ricezione può essere raccomandata con la combinazione di piccole dosi di eparina per evitare tromboembolismi indesiderati.

Uno degli strumenti moderni efficaci usati nel trattamento dell'ictus cerebrale è Etamsilat. Permette di fermare la perdita di sangue, migliorare la microcircolazione nelle aree danneggiate del cervello, normalizzare la permeabilità vascolare. Allo stesso tempo funge da antiossidante eccellente.

Se l'edema cerebrale ha pronunciato sintomi meningei, una puntura spinale deve essere eseguita con cautela, in cui il liquore viene estratto in piccole quantità.

Trattamento per ictus ischemico

Nel secondo tipo di ictus cerebrale, le azioni degli specialisti saranno finalizzate a risolvere i seguenti compiti:

  • Migliorare l'afflusso di sangue ai tessuti;
  • Formazione di una maggiore resistenza alla carenza di ossigeno;
  • L'introduzione di farmaci per migliorare il metabolismo nelle cellule sopravvissute.

La posizione del paziente a letto dovrebbe essere confortevole, ma la sua testa non è sollevata in alto come dovrebbe essere fatto con un ictus emorragico.

Nell'ictus ischemico, il trattamento deve necessariamente includere mezzi che dilatano i vasi sanguigni. Principalmente usati sono i collaterali, che sono dei capillari ausiliari che possono sostituire parzialmente quelli naturali.

A tale scopo, i seguenti agenti sono utilizzati sotto forma di soluzioni per infusione endovenosa a goccia;

  • aminofillina;
  • No-spa;
  • papaverina;
  • Acido nicotinico;
  • Komplamin.

Farmaci usati per migliorare l'emodiluizione - Reopoliglyukin, che consente di migliorare l'afflusso di sangue in modo da ridurre la coagulazione del sangue.

Il monitoraggio e il trattamento medici richiedono un'attenta misurazione del volume del liquido iniettato, che in quantità eccessive può comportare un aumento dell'edema tissutale. Attenzione richiede anche l'uso di diuretici, soprattutto se c'è l'ipertensione.

Gli anticoagulanti sono usati contemporaneamente con agenti fibrinolitici. La tecnica della terapia dell'ictus usa l'importante termine "ora d'oro". Serve come indicatore della massima efficacia della somministrazione del farmaco per ridurre la coagulazione del sangue e per prevedere la malattia.

A causa del trasporto troppo lungo per la clinica, è difficile stabilire la differenza tra i diversi tipi di ictus e fornire un'adeguata assistenza nel trattamento, e il suo tempo ottimale è perso.

Il primo giorno, l'ictus ischemico viene trattato mediante la somministrazione di una soluzione di fibrinolizina con eparina.

Dopo questo, il regime di trattamento include:

  • Somministrazione intramuscolare di eparina;
  • Dopo 3-5 giorni, si raccomanda una transizione verso Fenilina e Dicoumarin.

Quando trattano pazienti giovani e persone di mezza età, usano la pentossifillina, che aiuta a migliorare la densità del sangue.

I pazienti anziani sono prescritti per il trattamento:

  • Parmidin;
  • Xantinolo nicotinato;
  • Anaprilin (con tachicardia esistente);
  • Cavinton, Tsinnarizin (permetta di migliorare il tono di vasi sanguigni).

È stato stabilito dalla medicina che nell'ictus ischemico, l'uso combinato di Curantila e Aspirina contribuirà a ridurre il rischio di ri-sviluppo della patologia.

La sindrome di eccitazione in un paziente può essere curata prescrivendo barbiturici. Un fallimento metabolico dovrebbe essere trattato con farmaci della classe dei metaboliti (Piracetam, Aminalon, Cerebrolysin), che contribuiscono anche ad aumentare la resistenza delle cellule alla carenza di ossigeno.

Metodi chirurgici

Qualche volta è possibile sconfiggere un colpo con l'aiuto di un intervento chirurgico. Se un paziente ha un ictus emorragico, i metodi chirurgici di trattamento possono essere utilizzati solo se sono giovani o di mezza età e se sono stati diagnosticati ematomi ed emorragie laterali nel cervelletto.

Le indicazioni per la chirurgia sono:

  • L'impossibilità di rimuovere l'edema cerebrale con altri mezzi;
  • La comparsa di segni di spremitura di ematoma;
  • Sospetta emorragia nella regione del tronco encefalico o emisferi.

Il momento migliore per un intervento chirurgico è di 1-2 giorni. L'ematoma viene aperto e rimosso. Se sono state trovate rotture dell'aneurisma cerebrale, produrre una legatura della nave.

Trattamenti chirurgici per ischemia sono usati in rari casi. Le indicazioni per la chirurgia sono la diagnostica del restringimento delle arterie carotidi, vertebrali o succlavia che causano patologia.

Cura del paziente

Al fine di recuperare da un ictus, è molto importante garantire la cura del paziente.

Le misure di cura durante il trattamento ospedaliero includono:

  • Una dieta specifica che include succhi, pasti liquidi ipercalorici;
  • In stato di coma, l'energia è fornita da una sonda;
  • Prevenzione del ristagno nei polmoni e delle piaghe da decubito, per cui il paziente viene capovolto ogni 2-3 ore, un cerchio di gomma è posto nell'area del sacro e sotto i talloni sono anelli stretti;
  • Monitorare la pulizia della biancheria da letto, non permettere un'alta umidità;
  • La pelle deve essere trattata con una soluzione debole di manganese, alcool di canfora o unguento solcoserilico;
  • trattamento producono acido borico orale;
  • Un catetere viene usato per rimuovere l'urina, i lassativi vengono somministrati per la costipazione e viene inserito un clistere.
al contenuto ↑

reinserimento

Eliminare in modo sicuro gli effetti di un ictus può essere con una riabilitazione ben organizzata.

L'assistenza a un sopravvissuto all'ictus cerebrale dovrebbe includere le seguenti misure e azioni:

  • arti massaggio attente a partire dalla seconda settimana di malattia;
  • Esercizio terapeutico, contribuendo al ripristino delle funzioni motorie con un graduale aumento di intensità.
  • Kinesiterapia, sviluppo di piccoli movimenti delle mani, assistenza al paziente nell'auto-cura in nuove condizioni;
  • Trattamenti idrici mirati allo stretching muscolare, ai bagni di ossigeno, all'idromassaggio.

Con misure mediche opportunamente adottate per l'ictus, così come una riabilitazione ben organizzata, fino al 70% delle persone che hanno avuto un ictus cerebrale ritorna alla vita indipendente. Il periodo migliore per le misure di riabilitazione e l'assistenza sono i primi tre anni, durante i quali è necessario essere pazienti e avere fiducia nel successo.

Per Saperne Di Più I Vasi