Cause, sintomi, diagnosi e trattamento dell'endarterite

Da questo articolo imparerai: quale malattia si chiama endarterite, cos'è la patologia pericolosa, come si sviluppa. Cause di occorrenza, segni caratteristici e complicanze. Metodi diagnostici e di trattamento per l'endarterite obliterante (questo significa la stessa dell'endarterite), prognosi per il recupero.

L'endarterite è un'infiammazione cronica delle pareti interne dei vasi sanguigni (principalmente periferiche), che porta a un restringimento o chiusura del lume (obliterazione) e all'apporto di sangue e allo scambio di gas nei tessuti.

Fasi di endoarterite

Cosa succede nella patologia? La reazione autoimmune gioca un ruolo decisivo nella comparsa dell'endarterite obliterante. Sotto l'influenza di un complesso di cause (fumo, infezione, reazione allergica), il corpo stesso inizia a produrre anticorpi e linfociti aggressivi per distruggere il rivestimento interno di una nave sana. La reazione autoimmune causa uno spasmo costante delle arterie periferiche (distanti dal cuore) e delle arteriole (piccoli vasi), una violazione della loro permeabilità, la formazione di trombo parietale, la degenerazione e una maggiore crescita delle cellule del rivestimento interno dei vasi.

Di conseguenza, lo strato interno aumenta così tanto da chiudere completamente il proprio canale, interrompendo l'afflusso di sangue e lo scambio di gas nei tessuti.

La patologia può essere localizzata in modo limitato (principalmente - shin e piede, nell'89%) o generalizzata (danno alle arterie viscerali dell'aorta addominale, vasi coronarici e cerebrali, arco aortico, mani e mani), indipendentemente dalla localizzazione, il processo si sviluppa e procede senza differenze fondamentali. Il suo risultato diventa in ogni caso una violazione dell'afflusso di sangue e della carenza di ossigeno nei tessuti (ischemia e angina con lesioni vascolari coronarie, ischemia cerebrale con lesioni vascolari cerebrali, ecc.)

La patologia è molto pericolosa a causa dello sviluppo di gravi complicanze. Dopo l'obliterazione dei vasi sanguigni delle gambe, si sviluppano disturbi circolatori acuti, carenza di ossigeno nei tessuti (ischemia) e morte di massa delle cellule dei tessuti molli (necrosi).

Necrosi causata da endarterite

La limitata endoarterite obliterante delle gambe può provocare atrofia muscolare (disfunzione muscolare), ulcere trofiche (necrosi cutanea dovuta a carenza di ossigeno), cancrena (morte e marcescenza dei tessuti) e amputazione dell'arto a causa dell'effetto tossico della carne in putrefazione su tutto il corpo.

Il processo generalizzato è pericoloso nello sviluppo di ischemia acuta di un'altra sede - ictus ischemico (con danno alle arterie cerebrali), infarto miocardico (con danno alle navi coronarie).

L'endarterite obliqua delle gambe non può essere completamente curata, nelle fasi iniziali con l'aiuto della terapia farmacologica e delle misure preventive (completa cessazione del fumo) è possibile arrestare l'ulteriore sviluppo della patologia e prevenire le ricadute. Negli stadi successivi, quando compaiono cambiamenti irreversibili nei tessuti molli, l'enderite obliterante causa l'amputazione (rimozione dell'arto).

Il trattamento della patologia in tutte le fasi della malattia viene eseguito da chirurghi vascolari (angiosurgeons).

Meccanismo di sviluppo della patologia

L'obliterazione (chiusura del lume) si verifica nell'area della nave con una lunghezza da 2 a 20 cm e il corpo cerca di ristabilire l'apporto di sangue ai tessuti periferici, il flusso sanguigno è distribuito lungo i rami laterali, che bypassano l'arteria o le arteriole colpite. Inizialmente, questo è sufficiente per mantenere la nutrizione e lo scambio di gas nei tessuti.

Man mano che il processo progredisce, i vasi colpiti diventano sempre più numerosi e il sistema di bypass del flusso sanguigno non è sufficiente a mantenere l'attività vitale dei tessuti e dei muscoli.

Sotto l'influenza dell'ischemia (fame di ossigeno) le terminazioni nervose sono coinvolte nel processo (le loro funzioni sono disturbate - innervazione tissutale) e la rete venosa periferica. I cambiamenti caratteristici nelle vene con obliterazione dell'endarterite sono un'estensione del loro corso, che non ha nulla a che fare con le vene varicose.

L'infiammazione autoimmune cronica delle pareti vascolari porta a cambiamenti nella struttura dei tessuti circostanti, le loro cellule si rigenerano (cambiamenti degenerativi, fibrosi) e comprimono i vasi dall'esterno, restringendo il lume più forte.

Differenze di endarterite e aterosclerosi

A causa della somiglianza dei sintomi, l'obliterazione dell'endarterite viene spesso confusa con l'aterosclerosi obliterante. Tuttavia, la patologia ha le sue caratteristiche distintive.

MedGlav.com

Repertorio medico delle malattie

Menu principale

Endarterite obliterante. Fasi e trattamento dell'endarterite obliterante.

ENDARTERIITIS OBLITERATING.


Endarterite obliterante (EO) - questa è una malattia che colpisce i sistemi nervoso e vascolare, in cui vi è un progressivo restringimento delle arterie dovuto all'infiammazione delle loro membrane interne, seguita da cicatrici (obliterazione).

Forma arteriosclerotica Questa malattia si verifica con l'arteriosclerosi generale.

  • spastica,
  • trombotico,
  • Cancrena.

1 ° stadio.
Il primo (dove inizia la malattia) è caratterizzato dalla fatica degli arti inferiori, una sensazione di dolore e crampi (specialmente di notte) nei muscoli del polpaccio, piedi freddi e dolore nelle singole dita.
Inoltre, il sintomo della cosiddetta claudicatio intermittente viene aggiunto ai suddetti sintomi, quando il paziente zoppica periodicamente fino alla gamba dolorante, che allevia il dolore in esso.

2 ° stadio
Nella fase successiva della malattia, come risultato di C, i piccoli vasi e i coaguli di sangue in essi sul piede, più spesso nel letto ungueale del pollice, possono formare delle piaghe non cicatrizzanti e molto dolorose a lungo termine.

3 ° stadio.
Quindi, se non viene effettuato il trattamento appropriato, la malattia passa nel terzo stadio, cancrena, quando grossi vasi si intasano di coaguli di sangue. La cancrena si innesta dapprima in parti separate del piede, poi in tutto il piede, e il processo può diffondersi più in alto nella parte inferiore della gamba e nella coscia.
La scomparsa del polso o il suo indebolimento nelle arterie del piede, in particolare nell'arteria dorsale, è uno dei segni oggettivi più frequenti di E.O.
Tuttavia, va tenuto presente che in condizioni normali circa il 21% delle persone è indebolito, in particolare con una pressione arteriosa totale ridotta e il 10% è assente. D'altra parte, l'eliminazione dell'endarterite può essere con una buona pulsazione delle arterie superficiali dei piedi, quando le arterie profonde sono colpite e ci sono altri segni di endarterite.


PREVENZIONE.
Non fumare, mantenere i piedi asciutti e caldi, indossare scarpe larghe che non vincolino il piede. In presenza di flatfoot - indossare solette o scarpe ortopediche.

TRATTAMENTO DELL'INTARTERIITE OBLITERATIVA.


Il trattamento è individuale, prescritto da un medico e condotto sotto la sua supervisione.
Trattamento conservativo:

  • escludere fumo, alcool, ipotermia, lunga permanenza sulle gambe;
  • vasodilatatori (ganglioblocker, adrenolitico, miotropico) e antispastici:Trental, Nicotinico, Diprofen, Nikoverin, Papaverin, Angiotropin, No-shpa, ecc.
    Alcuni di questi farmaci migliorano anche la microcircolazione, hanno proprietà antiaggreganti e prevengono i coaguli di sangue;
  • anticoagulanti e antiaggreganti piastrinici -- farmaci che riducono la coagulazione del sangue e prevengono i coaguli di sangue, migliorano la circolazione del sangue:
    Eparina, Hirudina, Fraxeparina, Dicoumarina, Neodicoumarina, Fenilina, Warfarin In futuro, aspirina, Cardiomagnile o altri possono anche essere assunti per via orale ogni giorno con tollerabilità;
  • Farmaci antinfiammatori non specifici:
    Ibuprofene, Metindolo, Diclofenac sodico, ecc.;
  • Farmaci ormonali:
    Sinestrolo, dietilstilbestrolo, propionato di testosterone, metiltestosterone, idrocortisone, ecc.;
    Hanno un effetto antinfiammatorio, normalizzano il tono vascolare, riducono l'essudazione e la permeabilità vascolare. I farmaci ormonali sono prescritti dopo studi appropriati.
  • Antibiotici e sulfanilamidi per combattere l'infezione secondaria.
  • Terapia di desensibilizzazione.
    È stata stabilita la partecipazione della componente allergica nella patogenesi della obliterazione dell'endarterite.
  • vitamine (B1, B12, B6, multivitaminici);
  • Blocco di Novocainic;
  • Medicazioni all'unguento : Unguento Vishnevsky, eparina e altri;
    Un grande pezzo di garza piegato in diversi strati, saturo di unguento Vishnevsky e messo su una gamba dolorante. Fasciatura sicura con una benda. Deve essere cambiato due volte al giorno. L'alternanza di medicazioni con unguento Vishnevsky e unguento eparina dà un buon effetto risolutivo.
  • Vasche idromassaggio per i piedi;conifere, idrosolforico, caldo, contrasto, ecc.;
  • Procedure di fisioterapia: fangoterapia, terapia UHF, elettroforesi;
  • Ossigenazione iperbarica;
  • Con l'inefficacia del trattamento conservativo è mostrato operazione (plasticità dei vasi sanguigni, rimozione dei nodi del sistema nervoso simpatico, ecc.).

Trattamento di endoarterite obliterante

Il trattamento dell'endarterite obliterante ha tre obiettivi principali: 1) eliminazione dei fattori predisponenti - ottimizzazione del lavoro e della vita, alimentazione regolare; 2) eliminazione degli effetti che contribuiscono alla comparsa di spasmi arteriosi - raffreddamento, focolai locali di infezione cronica (piede d'atleta), intossicazione, cessazione obbligatoria del fumo; 3) miglioramento della circolazione sanguigna arteriosa alleviando il vasospasmo e migliorando la funzione dei collaterali. Per fare questo, sono stati proposti molti strumenti e metodi, tuttavia, è impossibile trattare l'obliterazione dell'endarterite con uno schema in un modo qualsiasi, il trattamento dovrebbe essere individuale e complesso - combinando metodi conservativi e chirurgici. Richiedono perseveranza e perseveranza dallo staff medico.

Il trattamento conservativo dell'endarterite viene effettuato attraverso l'uso di farmaci e fattori fisioterapici. Un prerequisito per il trattamento conservativo è il divieto categorico di fumare, altrimenti qualsiasi metodo di trattamento è inefficace. Nel periodo di esacerbazione della malattia, il trattamento deve essere effettuato in un ospedale se il paziente è a riposo a letto. I principi di base del trattamento conservativo dell'endarterite sono i seguenti:
1) prevenzione di obliterazione di nuove aree di arterie;
2) l'uso di vasodilatatori;
3) l'uso di farmaci che riducono la coagulazione del sangue e la viscosità;
4) misure volte a migliorare il trofismo dei tessuti affetti da ischemia;
5) l'uso di analgesici per alleviare il dolore;
6) trattamento locale di ulcere e trame gangrenose;
7) l'uso di antibiotici e sulfonamidi per combattere l'infezione secondaria.

Dei farmaci nel trattamento dell'endarterite, le vitamine sono ampiamente utilizzate (B1, B2, B6, C, E, multivitaminici); farmaci ormonali (dietilstilbestrolo, propionato di testosterone, metiltestosterone, idrocortisone, prednisolone); vasodilatatori (angiotropina, depot-padutina, thetamon, tifo, redergam, pahikarpin, acido nicotinico, no-shpa, ecc.); anticoagulanti (eparina, dicumarina, neodicoumarina, pelentan, fenilina, ecc.).

Nel trattamento dell'endarterite, la somministrazione intraarteriosa di novocaina con morfina, caffeina e glucosio ha trovato ampio uso. Applicare 0,5-1-2% di soluzioni di novocaina nella quantità di 10-20 ml in una siringa con 1 ml di soluzione di morfina all'1% o 1-2 ml di soluzione di caffeina al 10%.

Nelle prime fasi, è stato dimostrato che l'UHF veniva applicato alla regione lombare, alle correnti di Bernard e alla diatermia. Data la presenza di ischemia dei tessuti degli arti inferiori, è stato suggerito l'introduzione di ossigeno sotto la pelle della gamba. Questo metodo ha un effetto trascurabile e, inoltre, non è sicuro, specialmente durante un periodo di esacerbazione della malattia. Un tempo, il trattamento secondo il metodo di A. V. Vishnevsky, che ha unito un blocco di novocaine perirenal con applicazione locale di unguento di Vishnevsky nella forma di impacchi di riscaldamento a lungo termine sull'intero arto, è diventato molto diffuso; attività. In alcuni casi, dà un buon effetto, soprattutto nei pazienti giovani, l'uso di ormoni steroidei idrocortisone e prednisone.

Se le misure conservative non riescono a raggiungere rapidamente una notevole remissione, il trattamento chirurgico deve essere raccomandato al paziente. Lo stesso vale per i pazienti con malattia in stadio III.

Trattamento chirurgico Nessuno dei metodi chirurgici per il trattamento dell'endarterite obliterante è l'ideale, ma possono ridurre l'ischemia tissutale a vari livelli nei casi che non sono suscettibili di trattamento conservativo. I metodi operativi possono essere suddivisi in due gruppi: operazioni volte a migliorare la funzione dei collaterali e operazioni che ripristinano la circolazione principale.

Il primo gruppo di operazioni consiste in vari tipi di simpatectomia (vedi). La simpaticectomia lombare più efficace, che interrompe in modo affidabile l'arco riflesso degli impulsi patologici e allevia lo spasmo dei vasi periferici. Questa operazione è più efficace nelle prime fasi della malattia. Uno dei risultati più importanti di questa operazione è la scomparsa dei dolori o il loro netto indebolimento. L'edema dell'arto scompare rapidamente, la pelle assume un colore normale. Le ulcere guariscono rapidamente, le aree della pelle morta vengono gradualmente respinte. La temperatura della pelle aumenta in media di 4 - 6 ° e mantiene queste cifre per anni.

Le operazioni del secondo gruppo (ripristino del passaggio delle grandi arterie) - trombendarterectomia, sostituzione autoplastica dell'arteria, sue protesi - sono razionali solo nei pazienti con otturazione di una piccola porzione di una grande nave quando i suoi dipartimenti periferici e rami sono passabili, cioè sono mostrati principalmente in aterosclerosi obliterante.

In presenza di necrosi limitata delle dita, viene effettuato un trattamento conservativo intensivo al fine di causare una restrizione della necrosi, e quando si verifica la demarcazione delle aree necrotiche, queste vengono rimosse (necroectomia). Con cancrena bagnata del piede o della gamba, viene eseguita l'amputazione.

Il trattamento dell'endarterite obliterante ha tre obiettivi principali: 1) eliminazione dei fattori predisponenti - ottimizzazione del lavoro e della vita, alimentazione regolare a tutti gli efetti, vitaminizzazione; 2) eliminazione degli effetti che contribuiscono alla comparsa di spasmi arteriosi - raffreddamento, focolai locali di infezione cronica (ad es. Funghi), intossicazione, in particolare il fumo; 3) aumentato apporto di sangue arterioso alleggerendo il vasospasmo e migliorando la funzione dei collaterali. Per risolvere questo ultimo problema, sono stati proposti molti strumenti e metodi. Tuttavia, è impossibile trattare l'endoarterite obliterante con un pattern in qualsiasi modo; il trattamento deve essere individuale e complesso - combinando metodi conservativi e chirurgici. Richiede perseveranza e perseveranza dal medico e dal paziente.

Trattamento conservativo I metodi conservativi includono farmaci e fisioterapia. Le infusioni endovenose di 50-300 ml di una soluzione al 3,5-5% di cloruro di sodio si sono diffuse. Le infusioni di tali soluzioni ipertoniche di cloruro di sodio o magnesia solfato aumentano il volume di sangue circolante, riducono la sua viscosità e hanno un effetto di espansione sui vasi; tuttavia, l'effetto di questo trattamento è breve.

Insieme con l'uso di preparati di bromo e iodio, il trattamento delle vitamine del complesso B (B1, B12, B6) e multivitaminici ha guadagnato popolarità. La terapia ormonale viene anche utilizzata (dietilstilbestrolo, propionato di testosterone o metiltestosterone), al meccanismo d'azione di cui sono mezzi vicini, progettati per alleviare lo spasmo e la dilatazione dei vasi sanguigni. Questi includono farmaci come il depot-padutin, l'angiotropina, il thetamon, il tifo, il redergam, l'acido nicotinico. La base dell'azione di questi farmaci è la loro capacità di ridurre l'eccitabilità dei gangli autonomi, che causa l'espansione dei vasi periferici e quindi riduce il dolore. Raccomandare l'uso di anticoagulanti - pelentan, irudina, dicumarina, fibrinolizina.

La somministrazione intraarteriale di novocaina con morfina, caffeina e glucosio è stata proposta (N. N. Elansky, A. A. Begelman). Si raccomandano diverse concentrazioni di novocaina: da 0,5 a 2 e anche il 10%. Per migliorare il metabolismo generale e migliorare la circolazione del sangue nelle fasi iniziali, sono utili procedure termali, bagni (conifere, radon, zolfo).

Nelle fasi iniziali, è utile applicare UHF alla regione lombare, alle correnti di Bernard, alla diatermia, alle applicazioni di ozocerite, ecc. Data la presenza di ischemia degli arti inferiori, è stato suggerito di introdurre ossigeno sotto la pelle delle gambe. Questo metodo ha un leggero effetto e, inoltre, non è sicuro, specialmente durante il periodo di esacerbazione della malattia.

Il trattamento secondo il metodo di A.V. Vishnevsky, che ha combinato il blocco di Novocainic con applicazione locale di unguento di Vishnevsky nella forma di impacchi di riscaldamento a lungo termine sull'intero arto, è diventato molto diffuso. Tuttavia, come ha dimostrato una grande esperienza pratica, questa terapia può essere utilizzata solo insieme ad altre misure terapeutiche.

A. N. Shabanov, Ts. Ya. Gudynskaya in alcuni casi ha trattato con successo pazienti con forma trombranitica di endoarterite obliterante con preparazioni di ormoni steroidei - cortisone, prednisone, prednisone, ecc. droghe e metodi. Se le misure conservative non riescono a raggiungere rapidamente una notevole remissione, si dovrebbe, senza perdere tempo, ricorrere al trattamento chirurgico. Lo stesso vale per i pazienti con malattie chiaramente trascurate. Tuttavia, in questi e in altri casi è necessario utilizzare pienamente i mezzi di trattamento conservativo come supplemento per l'operatore.

Trattamento chirurgico Nessuno dei metodi chirurgici per il trattamento dell'endarterite obliterante è l'ideale, ma consentono in vari gradi di eliminare l'ischemia tissutale che non è suscettibile di trattamento conservativo. Numerosi metodi operativi possono essere suddivisi in due gruppi: operazioni volte a migliorare la funzione dei collaterali e operazioni che ripristinano la circolazione principale.

Il primo gruppo comprende vari tipi di simpatectomia (vedi). Le operazioni più efficaci e sicure sul tronco e sui gangli simpatici. La ganglioectomia lombare interrompe in modo affidabile l'arco riflesso degli impulsi patologici e allevia lo spasmo dei vasi periferici. Questa operazione è indicata nelle prime fasi della malattia con eventi spastici pronunciati. Nel periodo preoperatorio, per determinare lo spasmo vascolare si raccomandano test funzionali sotto forma di blocchi perirenali e specialmente paravertebrali. La scomparsa del dolore e il miglioramento della circolazione sanguigna capillare dopo il blocco ci permettono di contare su un risultato positivo dell'operazione. La simpatectomia periarteriosa meno efficace a Leriche. Questa operazione, che era molto popolare prima, dà solo un effetto a breve termine, che si spiega con la sua mancanza di anatomia; inoltre, molte complicazioni sono descritte in questa operazione. Simile in linea di principio alla resezione dell'arteria vascolare, proposta da D. N. Dumbadze, anche con completa obliterazione dell'arteria resecata, più di una volta provocò una progressiva cancrena dell'arto.

La tecnica interventistica del tronco borderline è ben sviluppata. L'accesso extraperitoneale ai gangli di confine è accompagnato da un trauma minimo. Dopo l'operazione, i collaterali sono aperti - quelle navi che Leriche (R. Leriche) chiamavano vasi del secondo e terzo piano di circolazione del sangue (vedi Legatura dei vasi sanguigni). Grandi cambiamenti si verificano nei capillari. Con capillaroscopia, viene rilevato un aumento del flusso sanguigno alla rete capillare, il colore dei capillari diventa più luminoso e la rete capillare è più densa, compaiono nuovi capillari. I piccoli rami arteriosi tornano alla normalità, il loro apporto di sangue migliora, il flusso sanguigno diventa omogeneo. In alcuni casi, l'ampiezza dell'oscillazione aumenta.

Uno dei risultati più importanti di queste operazioni è la scomparsa dei dolori o il loro netto indebolimento. L'edema dell'arto scompare rapidamente, la pelle assume un colore normale. Le ulcere guariscono, i punti morti vengono gradualmente respinti. La temperatura della pelle aumenta mediamente di 4-6 ° e viene mantenuta ad alti numeri per anni. Controindicazioni alla ganglioectomia lombare sono cambiamenti nei vasi sanguigni del cervello, cuore, malattia polmonare grave, decorso rapido del processo nell'arto, necrosi rapidamente progressiva, soprattutto quando l'infezione si unisce.

Le operazioni del secondo gruppo (ripristino del passaggio delle autostrade) - trombendarterioectomia, sostituzione autoplastica dell'arteria, protesi con un materiale alloplastico o intervento chirurgico di bypass (v. Vasi sanguigni, operazioni) sono razionali solo nei pazienti con otturazione di una piccola sezione lungo il tronco quando le sue parti periferiche e rami sono percorribili, cioè principalmente con l'eliminazione dell'aterosclerosi. L'endoarterite obliterante è caratterizzata da una lesione vascolare diffusa dell'arto, più pronunciata nelle sue regioni distali, quindi la produzione di tali operazioni non può essere efficace e spesso risulta essere addirittura pericolosa.

Nelle fasi cancreniche di obliterazione dell'endarterite, viene eseguita l'amputazione. Con la necrosi isolata delle dita, quando c'è una demarcazione, ricorrono all'articolarsi delle dita. Con una gangrena estesa e particolarmente progressiva del piede, è più consigliabile eseguire l'amputazione osteoplastica della coscia secondo Gritti - Szymanowski. L'amputazione della gamba è spesso insufficiente. I confini dell'iperemia reattiva della pelle dopo aver rimosso il laccio emostatico imposto per 1-2 minuti, alla radice dell'arto e persino all'arteriografia non sempre consentono di determinare con precisione il livello richiesto di amputazione della tibia, e il moncone di quest'ultimo risulta essere insostenibile. Dopo l'amputazione di successo, è necessario continuare il trattamento conservativo, anche se non ci sono segni di malattia vascolare sull'altro arto, come con l'endoarterite obliterante (come nell'aterosclerosi), la possibilità di un successivo danno alle estremità non è esclusa.

Endarterite obliterante

L'endarterite obliterante è una lesione progressiva delle arterie periferiche, accompagnata da stenosi e obliterazione con lo sviluppo di un'ischemia severa degli arti. Il decorso clinico dell'endarterite obliterante è caratterizzato da claudicatio intermittente, dolore all'arto, disturbi trofici (crepe, pelle secca e unghie, ulcere); necrosi e arti gangreni. La diagnosi di endoarterite obliterante si basa su dati fisici, i risultati dell'ecografia Doppler, la reovasografia e l'arteriografia periferica, la capillaroscopia. Il trattamento conservativo di endarterite obliterante comprende corsi di medicina e fisioterapia; Le tattiche chirurgiche comprendono simpaticectomia, trombendarterectomia, protesi delle arterie, smistamento ecc.

Endarterite obliterante

L'obliterazione dell'endarterite è una malattia cronica dei vasi periferici, che si basa sulla obliterazione delle piccole arterie, che è accompagnata da gravi disturbi circolatori degli arti inferiori distali. Gli endometriti obliterani soffrono quasi esclusivamente di maschi: il rapporto tra uomini e donne è 99: 1. L'obliterazione dell'endarterite è una delle cause più comuni di amputazione degli arti nei giovani normodotati.

L'endarterite obliterante viene a volte identificata erroneamente con l'aterosclerosi obliterante. Nonostante la somiglianza dei sintomi, queste due malattie hanno diversi meccanismi eziopatogenetici. L'endarterite obliterante di solito si verifica tra i giovani (20-40 anni), colpendo i vasi arteriosi distali (principalmente delle gambe e dei piedi). L'eliminazione dell'aterosclerosi, essendo una manifestazione di aterosclerosi sistemica, viene diagnosticata in età avanzata, è comune e colpisce principalmente le grandi vasi arteriosi.

Cause di obliterazione dell'endarterite

In chirurgia vascolare e cardiologia, la questione delle cause di obliterazione dell'endarterite rimane controversa. Viene preso in considerazione il ruolo dei fattori infettivi tossici, allergici, ormonali, nervosi, autoimmuni, l'influenza della patologia del sistema di coagulazione del sangue. Probabilmente, l'eziologia della obliterazione dell'endarterite è multifattoriale.

È noto che il fumo, l'intossicazione cronica, il raffreddamento e il congelamento delle estremità, l'innervazione periferica alterata dovuta alla neurite cronica del nervo sciatico, le ferite dell'arto, ecc., Predispongono allo stato spastico a lungo termine dei vasi periferici. piede d'atleta.

Notevole importanza nell'eziologia dell'endarterite obliterante è data a fattori neuropsichici, alterata funzione ormonale delle ghiandole surrenali e ghiandole sessuali, provocando reazioni vasospastiche. A favore del meccanismo autoimmune di obliterazione dell'endarterite si evidenzia la comparsa di anticorpi all'endotelio vascolare, un aumento del CIC, una diminuzione del numero di linfociti.

Patogenesi della obliterazione dell'endarterite

All'inizio dello sviluppo dell'endarterite obliterante prevale lo spasmo vascolare, che durante l'esistenza a lungo termine è accompagnato da cambiamenti organici nelle pareti dei vasi sanguigni: un ispessimento del loro rivestimento interno, trombosi parietale. Come risultato di spasmo prolungato, si verificano disordini trofici e alterazioni degenerative nella parete vascolare, portando a un restringimento del lume delle arterie e, talvolta, alla loro completa obliterazione. La lunghezza dell'area obliterata della nave può variare da 2 a 20 cm.

La rete collaterale, che si sviluppa per bypassare il sito di occlusione, inizialmente non fornisce i bisogni funzionali dei tessuti solo sotto stress (insufficienza circolatoria relativa); inoltre, si sviluppa un'assoluta insufficienza della circolazione sanguigna periferica - claudicatio intermittente e dolore severo non solo durante il cammino, ma anche a riposo. Sullo sfondo dell'endarterite obliterante, si sviluppa la neurite ischemica secondaria.

In accordo con i cambiamenti fisiopatologici, ci sono 4 fasi nello sviluppo dell'endarterite obliterante:

  • 1 fase - si sviluppano cambiamenti distrofici delle terminazioni neurovascolari. Manifestazioni cliniche sono assenti, i disturbi trofici sono compensati dalla circolazione collaterale.
  • Fase 2 - vasospasmo, accompagnato da insufficienza della circolazione collaterale. Clinicamente, questa fase di obliterazione dell'endarterite si manifesta con dolore, affaticamento, piedi freddi, claudicatio intermittente.
  • 3 fasi: lo sviluppo del tessuto connettivo nell'intima e in altri strati della parete vascolare. Ci sono disturbi trofici, indebolimento delle pulsazioni nelle arterie, dolore a riposo.
  • 4a fase - i vasi arteriosi sono completamente obliterati o trombizzati. Si sviluppano necrosi e cancrena dell'arto.

Classificazione dell'endarterite obliterante

L'endarterite obliterante può verificarsi in due forme cliniche: limitata e generalizzata. Nel primo caso, sono interessate solo le arterie degli arti inferiori (uno o entrambi); i cambiamenti patologici progrediscono lentamente. In una forma generalizzata non riguarda solo i vasi sanguigni degli arti, ma rami viscerali dell'aorta addominale, i rami dell'arco aortico, cerebrale e arterie coronarie.

In base alla gravità della reazione dolorosa, l'ischemia degli arti inferiori dello stadio IV si distingue in caso di obliterazione dell'endarterite:

  • I - il dolore alle gambe si verifica quando si cammina a una distanza di 1 km;
  • IIA - prima che si verifichi dolore ai muscoli del polpaccio, il paziente può percorrere una distanza superiore a 200 m;
  • IIB - prima dell'inizio del dolore, il paziente può percorrere una distanza inferiore a 200 m;
  • III - sindrome del dolore espressa quando si cammina fino a 25 m ea riposo;
  • IV - difetti ulcerosi-necrotici si formano sugli arti inferiori.

I sintomi di endoarterite obliterante

Il corso di obliterazione dell'endarterite passa attraverso 4 fasi: ischemica, disturbi trofici, ulcera necrotica, cancrena. sintomo ischemico è caratterizzata dalla comparsa di stanchezza, il freddo dei piedi, parestesia, intorpidimento delle dita, crampi ai polpacci e piedi. Talvolta occlusiva inizia con fenomeni migratori tromboflebite (obliterante thromboangiitis, malattia di Buerger), procede con la formazione di coaguli di sangue nelle vene della gamba e del piede sottocutanea.

Nella seconda fase di obliterazione dell'endarterite, tutti questi fenomeni si intensificano, i dolori agli arti compaiono mentre si cammina - claudicatio intermittente, che costringe il paziente a fare frequenti soste per il riposo. Il dolore è concentrato nei muscoli della gamba, nelle suole o nelle dita dei piedi. La pelle delle gambe diventa "marmo" o bluastra, secca; c'è un rallentamento nella crescita delle unghie e nella loro deformazione; marcata perdita di pelo sulle gambe. La pulsazione sulle arterie dei piedi è determinata con difficoltà o è assente su una gamba.

endoarterite cancellando necrotizzante fase corrispondono dolore a riposo (soprattutto di notte), l'atrofia dei muscoli delle gambe, gonfiore della pelle, formazione di ulcere trofiche sui piedi e le dita. La linfangite e la tromboflebite si uniscono spesso al processo ulcerativo. La pulsazione delle arterie sui piedi non è definita.

All'ultimo stadio di endoarterite obliterante, si sviluppa cancrena secca o umida degli arti inferiori. L'insorgenza di cancrena è solitamente associata all'azione di fattori esterni (ferite, tagli cutanei) o di un'ulcera esistente. Spesso colpisce il piede e le dita dei piedi, meno la cancrena si diffonde ai tessuti della gamba. La sindrome della toxemia che si sviluppa in cancrena ci costringe a ricorrere all'amputazione dell'arto.

Diagnosi di endoarterite obliterante

Per la diagnosi di cancellare endoarterite utilizza una serie di test funzionali (Goldflama, Shamova, Samuels, sonda termometrica, ecc), investigati i sintomi caratteristici (Opel plantare ischemia sintomo, sintomo serraggio dito, ginocchio fenomeno Panchenko) che permettono di rivelare carenza di afflusso di sangue arterioso all'arto.

Stabilire la diagnosi di endocardite cancellando aiutare UZDG vasi degli arti inferiori, rheovasography, termografia, capillaroscopia, oscilloscopi, angiografia degli arti inferiori. Al fine di identificare lo spasmo vascolare, vengono eseguiti test funzionali - blocco perirenale o blocco paravertebrale dei gangli lombari.

Una reogramma è caratterizzata da una diminuzione dell'ampiezza, una levigatura dei contorni ondulati nelle derivazioni dalla gamba e dal piede e dalla scomparsa di altre onde. I dati a ultrasuoni (ecografia Doppler, scansione duplex) in pazienti con endoarterite obliterante indicano una diminuzione della velocità del flusso sanguigno e consentono di chiarire il livello di obliterazione della nave. Lo studio termografico rivela una diminuzione dell'intensità della radiazione infrarossa nell'arto colpito.

arteriografia periferico con cancellando endoarterite solito rivela restringimento o l'occlusione dell'arteria e pervietà dell'arteria poplitea con segmento normale tibia aorto-iliaco-femorale; presenza di una rete di piccoli collaterali. occlusiva è differenziato da lesioni aterosclerotiche, vene varicose, macroangiopatia diabetica, mielopatia discogenico, dolore alle gambe causati da artrosi e l'artrite, la scoliosi, piedi piatti, sciatica.

Trattamento di endoarterite obliterante

Nelle prime fasi del cancellando endoarterite effettuata terapia conservativa rivolta al spasmolysis parete vascolare, sollievo di infiammazione, prevenzione della trombosi e migliorando la microcircolazione. Nel corso di spasmolytics complessi terapia farmacologica utilizzati (drotaverine, acido nicotinico), antiinfiammatori (antibiotici, antipiretici, corticosteroidi), vitamine (C, E, G), anticoagulanti (fenindione, eparina) o agenti antipiastrinici (pentossifillina, dipiridamolo), e altri. Sono utilizzati infusioni intra-arteriose vazaprostan o alprostadil.

Quando occlusiva malattia in modo efficace fisioterapia e trattamento termale (UHF, correnti diadinamiche, elettroforesi, la diatermia, bagni Ozocerite, solfuro di idrogeno, il radon, bagni di conifere condiviso, pediluvi, locale), la terapia con ossigeno iperbarico. Un prerequisito per il trattamento efficace della obliterazione dell'endarterite è una completa cessazione del fumo.

L'operazione è indicata per lo stadio ulcera-necrotico di endoarterite obliterante, dolore a riposo, pronunciata claudicatio intermittente al grado IIB. Tutti gli interventi per l'obliterazione dell'endarterite sono suddivisi in due gruppi: palliativo (miglioramento della funzione dei collaterali) e ricostruttivo (ripristino della circolazione sanguigna alterata). La chirurgia palliativa gruppo comprendono diverse tipologie simpatectomie: simpaticectomia periarterial, lombare simpaticectomia simpatectomia toracica (per le lesioni vascolari degli arti superiori).

chirurgia ricostruttiva a cancellare endoarterite possono comprendere innesto o protesi trombembolektomiyu arteria, dilatazione o stenting arterie periferiche, tuttavia raramente effettuata solo quando una piccola porzione del recipiente ostruzione. La presenza di cancrena è un'indicazione di amputazione del segmento dell'arto (amputazione delle dita dei piedi, amputazione, amputazione della gamba). dita necrosi isolati con una linea di demarcazione chiara consente di limitare o disarticolazione delle falangi necrectomy.

Prognosi e prevenzione dell'endarterite obliterante

Scenario di cancellare endoarterite dipende il rispetto delle misure di prevenzione - l'eliminazione di fattori scatenanti, evitare lesioni agli arti, corso regolare la terapia farmacologica, la supervisione clinica di un chirurgo vascolare.

Con un decorso favorevole, è possibile mantenere la remissione per un lungo periodo ed evitare la progressione dell'astinizzazione dell'endarterite. Altrimenti, l'inevitabile esito della malattia sarà la cancrena e la perdita degli arti.

Endarterite obliterante

L'endarterite obliterante è una malattia vascolare a sviluppo lento con il coinvolgimento primario delle arterie degli arti inferiori in questo processo patologico. Durante il decorso della malattia si verifica una lenta diminuzione del lume dell'arteria che porta alla completa chiusura nel tempo. In questo caso, i tessuti dell'organo coinvolto nel processo iniziano a soffrire di una mancanza di afflusso di sangue, che porta alla cancrena (necrosi spontanea).

L'endarterite obliterante è una malattia sistemica con una lesione predominante delle gambe. Questa malattia nei circoli medici era chiamata "la malattia del fumatore", e non solo in quel modo - esiste davvero una connessione tra l'abitudine dannosa e questa condizione patologica.

Endarterite obliterante degli arti inferiori

L'obliterazione dell'endarterite è caratterizzata da un andamento ciclico, cioè le fasi di esacerbazione e benessere si alternano tra loro. Molto spesso, l'endoarterite obliterante si presenta in forma cronica, ma occasionalmente ci sono opzioni per lo sviluppo acuto. All'inizio dello sviluppo della malattia nella parete del vaso, non si notano cambiamenti organici, in questa fase si può osservare solo lo spasmo vascolare.

Durante la progressione della obliterazione dell'endarterite, la fornitura di tessuti biologici della zona interessata si sta deteriorando rapidamente, causando la formazione di ulcere alle gambe o cancrena (più spesso delle dita). Lo sviluppo dell'endarterite obliterante delle gambe procede in cinque fasi.

♦ Fase uno: distrofia delle terminazioni nervose. In questa fase, la nave (di solito l'arteria, ma a volte le vene sono danneggiate) si restringe un po '. A causa della formazione di un apporto di sangue collaterale non è praticamente influenzato. Questo stadio non ha sintomi caratteristici e clinica severa, tuttavia, l'eliminazione dell'endarterite sta già rapidamente progredendo.

♦ Fase 2: spasmo delle arterie di grosso calibro. I collaterali formati al primo stadio di endoarterite obliterante non sono più in grado di far fronte al carico in rapido aumento, quindi compaiono i primi sintomi di disturbo: affaticamento in rapida crescita, sensazione di freddo alle gambe e zoppia in seguito. Già nella seconda fase, dovresti iniziare immediatamente il trattamento.

♦ Fase tre: rapida crescita del tessuto connettivo. In questa fase, le cellule del tessuto connettivo di tutti gli strati delle pareti dei vasi delle gambe iniziano a crescere attivamente. Questo processo porta al fatto che le sensazioni dolorose disturbano una persona con endoarterite obliterante non solo durante lo spostamento, ma anche a riposo. La pulsazione nelle arterie delle gambe è significativamente ridotta. Questa condizione è già considerata la fase trascurata della malattia delle arterie degli arti inferiori.

♦ Quarto stadio: blocco totale o trombosi dei vasi degli arti. In questa fase si sviluppano processi irreversibili: necrosi e cancrena.

♦ Fase 5: tali cambiamenti iniziano a verificarsi non solo nei vasi delle gambe, ma anche in molti organi. In questa fase, i vasi del cervello e del cuore sono colpiti.

Endarterite obliterante degli arti superiori

Endarterite obliterante degli arti superiori si verifica nei pazienti molto meno frequentemente rispetto al più basso. Nella maggior parte delle manifestazioni, la sua clinica è la stessa dell'endarterite obliterante delle gambe. Le fasi attraversate dal processo patologico sono esattamente le stesse. All'inizio, una persona malata non nota alcun cambiamento nel suo stato di salute, sebbene la malattia stia già progredendo in questo momento. Più tardi cominciano a comparire i primi segni che dovrebbero allertare e diventare una ragione per andare dal dottore. Questa sensazione di freddo nelle mani, formicolio spiacevole, debolezza, rapida stanchezza. Dopo un po 'di tempo, si aggiungono dolori di varia intensità e carattere alle manifestazioni di cui sopra.

Spesso, il dolore doloroso si verifica durante l'esecuzione di qualsiasi azione (faccende domestiche, sollevamento pesi, ecc.) E mentre l'endarterite obliterante delle mani progredisce, il dolore diventa quasi un sintomo costante che preoccupa una persona anche di notte. Se la malattia non viene trattata in questi stadi già abbastanza avanzati, ulcere e aree di necrosi tissutale appaiono sulla pelle. Più tardi, la malattia diventa sistemica.

Cancellare le cause dell'endarterite

La scomparsa dell'endarterite non è stata ancora completamente studiata dagli specialisti, quindi la natura della sua comparsa non è stata ancora stabilita. La maggior parte dei medici ritiene che gli anticorpi autoimmuni stimolino lo sviluppo di questa malattia. Provocano danni alle pareti delle arterie, avviano il processo di proliferazione del tessuto connettivo, a causa del quale la nave e gli stretti. Molti scienziati ritengono che l'obliterazione dell'endarterite si verifichi a causa di un auto-avvelenamento regolare con nicotina, ipotermia frequente o tumulto emotivo.

Fattori che contribuiscono alla malattia: fumo, ipotermia regolare, che porta a uno spasmo vascolare prolungato, congelamento degli arti nella storia. Oltre ai fattori sopra elencati che aumentano il rischio di questa malattia, il danno traumatico, i processi infettivi cronici e varie neuriti possono provocare lo sviluppo di patologie.

Nel corso di un gran numero di studi, medici e scienziati hanno concluso che ci sono quattro teorie per lo sviluppo dell'endarterite obliterante. Il primo posto è assegnato agli effetti aterosclerotici (cioè lo sviluppo dell'aterosclerosi in giovane età). Gli agenti infettivi e tossici sono al secondo posto (varie infezioni, tra cui micosi). Il terzo posto è stato preso da cambiamenti patologici nel sistema di coagulazione del sangue. L'ultimo motivo è l'allergia al tabacco (ipersensibilità ai componenti del fumo di tabacco, che una persona non può nemmeno immaginare).

Cancellare i sintomi dell'endarterite

La prima chiamata che dovrebbe attirare l'attenzione è la debolezza degli arti e la rapida stanchezza. Un paziente con endoarterite obliterante comincia a notare che è sempre più stanco dopo una lunga passeggiata o in piedi, sembra che le sue gambe siano "ronzanti". La pelle delle gambe nel tempo diventa più fredda e secca. All'inizio il raffreddamento è episodico e in seguito questo sentimento non si abbandona nemmeno in calze calde o sotto una coperta.

Una persona ha una maggiore sensazione di freddo delle gambe, il che rende le scarpe calde da indossare, anche nella stagione calda. Periodicamente, la persona inizia a essere disturbata dal torpore delle estremità ferite, da una leggera sensazione di formicolio o dal gattonare.

Nel corso del tempo, quando il processo ha già acquisito un decorso prolungato e le navi hanno subito cambiamenti significativi, e l'emodinamica ha sofferto, la temperatura delle gambe inizia a differire notevolmente dalla temperatura corporea. La diminuzione del flusso sanguigno porta al fatto che le gambe diventano pallide e fredde, mentre le dita dei piedi sulle gambe differiscono nettamente di colore da tutto il piede. Acquistano una tonalità bluastra o blu-rossa. Il paziente deve anche essere avvertito dal compartimento del sudore rinforzato sugli arti feriti.

Nelle fasi successive della malattia, la persona avverte un dolore piuttosto intenso al piede, alla gamba. Il disagio costringe il paziente a fare una pausa mentre cammina e aspetta che il dolore scompaia. Questo sintomo è chiamato claudicatio intermittente. I vasi dei muscoli gastrocnemio sono gravemente ristretti, il che rende difficile la fornitura di ossigeno ai tessuti. Il risultato è uno spasmo che provoca dolore. Mentre si riposa (quando viene fermato), i muscoli delle gambe richiedono meno ossigeno, l'apporto di sangue aumenta, lo spasmo scompare e il dolore scompare.

Con l'eliminazione dell'endarterite obliterante, la distanza e la velocità di deambulazione diminuiscono. Anche le unghie sono soggette a cambiamenti: diventano bluastre, fragili e soggette a deformazione a causa della scarsa nutrizione del letto ungueale. Se una persona ha una progressione di obliterazione dell'endarterite, la clinica è completata da una forte diminuzione dell'intensità della pulsazione delle arterie della parte posteriore del piede. In questa fase, le convulsioni cominciano ad apparire mentre camminano, e in seguito sono disturbate anche in uno stato di calma. Se in questa fase non viene trattata l'endarterite non trattata, iniziano a formarsi edemi e quindi ulcere sulla pelle. La manifestazione più grave e pericolosa è la necrosi tessutale.

Trattamento di endoarterite cancellante

Se, sulla base delle manifestazioni sviluppate in una persona, si sospetti la diagnosi di endoarterite obliterante, non sarà un duro lavoro. Ora i più recenti metodi strumentali di diagnostica aiutano i medici a verificare la malattia, che consente di stabilire il grado di danno alla parete del vaso.

La dopplerografia (un metodo diagnostico con ultrasuoni) ha guadagnato una notevole popolarità nel nostro tempo. Oltre a questo metodo, sono ampiamente utilizzate la vasta sphygmography, capillaroscopia, reovasografia, pletismografia, scansione vascolare duplex. Tutti questi metodi sono abbastanza istruttivi, poco costosi e semplici. Inoltre, un grande vantaggio è la loro atraumatica e capacità di condurre ricerche non solo in ospedale, ma anche nelle condizioni della clinica ambulatoriale. L'angiografia radiografica a contrasto viene eseguita esclusivamente in condizioni stazionarie. Se il medico ha dei dubbi, prescrive ulteriori ricerche. Da ulteriori studi, sono comuni metodi come la diagnosi di Voll e la ricerca diagnostica di risonanza vegetativa.

Il medico può prescrivere una persona con sospetta endoarterite obliqua e ricerca complessa. Se l'obiettivo principale è scoprire quando il processo ha iniziato a svilupparsi e ciò che cambia i tessuti sono già stati sottoposti, la diagnosi ecografica è prescritta in congiunzione con radiografia digitale. Se hai bisogno di sapere tutto sullo stato dei canali energetici, la diagnosi delle pulsazioni verrà sempre in aiuto di uno specialista. Questo metodo aiuterà a assegnare correttamente la terapia a ciascun paziente individualmente e in base al grado e alla gravità dell'endarterite obliterante sviluppata.

Se una persona è attenta alla sua salute e cambia nel benessere proprio all'inizio dello sviluppo di questa malattia, un metodo molto sensibile e informativo - la diagnostica della risonanza vegetativa aiuterà a verificare la diagnosi nelle prime fasi. Aiuterà a rilevare la mancanza o, al contrario, la ridondanza del meridiano principale. E la termografia ti aiuterà a scoprire in dettaglio quali processi stanno avvenendo in una particolare area del corpo.

La diagnostica con il metodo di Voll aiuta a stabilire la causa e l'effetto dell'aspetto di una condizione patologica, a trovare gli agenti causali della malattia (determina la presenza di agenti virali, batterici e anche di funghi). Questo metodo è elettropunturale. Se il medico ha bisogno di scoprire quali cambiamenti hanno subito altri organi durante la sua malattia, prescriverà analisi cliniche e biochimiche.

È necessario cominciare a trattare l'eliminazione dell'endarterite alle prime manifestazioni, poiché è impossibile ottenere il recupero nelle fasi successive. Non appena sono comparsi i primi segni (raffreddamento, formicolio, arti stanchi), è necessario prendere misure.

La prima cosa di cui hai bisogno per liberarti di provocare lo sviluppo di fattori di endarterite obliterante: il fumo, l'ipotermia, il bere, poiché tutto questo causa il vasospasmo. È necessario prendersi cura degli arti colpiti: evitare ferite, ferite, indossare scarpe di dimensioni maggiori del solito (non dovrebbe comprimere il piede ed essere asciutti). Si dovrebbe anche iniziare a indossare calzini anche in estate e osservare attentamente l'igiene dei piedi. Gli arti con endoarterite obliterante devono essere lavati due volte al giorno in acqua calda con sapone. Se inizi a disturbare la sudorazione dei piedi, che è abbastanza spesso il caso di questa malattia, dopo il bagno igienico dovresti pulire i piedi con un batuffolo di cotone imbevuto di alcol al 70%.

Dopo che i fattori sfavorevoli hanno smesso di influenzare, iniziano ad agire con farmaci che eliminano lo spasmo: antispastici e ganglioblokatorami. Tra gli antispastici usiamo Halidor, No-shpu, Vasodilan, tra i ganglioblokatora - Hexonium, Diprofen. L'alidoro viene solitamente usato per via orale, in casi eccezionali viene iniettato in una vena, arteria, muscolo. Il dosaggio standard è di cento milligrammi dopo un pasto ogni sei-otto ore. Il suo corso prescritto per 14-21 giorni. Il corso è ripetuto a discrezione del medico. No-silos con endoarterite obliterante viene prescritto il più delle volte per via orale due volte al giorno, a 0,04-0,08 grammi. Nelle fasi successive della malattia, il medico può prescrivere l'iniezione intra-arteriosa di questo farmaco nel corpo. Per l'iniezione, prendere una soluzione al 2% di No-shpy nella quantità di 2-4 millilitri per iniezione. È importante sapere che No-shpu è severamente vietato per l'uso in pazienti con glaucoma concomitante e ipertrofia prostatica.

L'esonio viene somministrato sia per via orale che sotto la pelle o nei muscoli. È somministrato internamente sotto forma di una soluzione o polvere (0,1-0,25 grammi ciascuno). Somministrato per via parenterale due per cento di esonium 0,01-0,03 grammi. Dopo che il farmaco è stato iniettato nel corpo, la persona dovrebbe sdraiarsi per almeno un'ora. Di solito, un rimedio viene prescritto in cicli di 7-21 giorni, poi si prende una pausa per un mese e ripete di nuovo il trattamento farmacologico.

Il difensivo è un rimedio che può aiutare a ridurre il dolore e stabilizzare la circolazione sanguigna. È assunto per via orale due volte al giorno. Il dosaggio viene scelto tenendo conto delle peculiarità dello sviluppo dell'endarterite obliterante, di solito occorrono da una a quattro compresse del farmaco alla volta. Il sollievo arriva alla fine della prima settimana di terapia con questo farmaco. La durata di un corso non supera i venti giorni. Il paziente deve essere avvertito che durante il trattamento con Diprofen possono comparire alcuni sintomi spiacevoli: intorpidimento del cavo orale, leggero capogiro, nausea al mattino. Questi effetti non richiedono un trattamento aggiuntivo e passano da soli.

Con dolore intenso che accompagna l'eliminazione dell'endarterite, è indicata un'introduzione al trattamento degli antidolorifici. Se il dolore è molto grave, iniezione intra-arteriosa di Novocaina all'1%, viene effettuato un blocco epidurale.

Obbligatorio nel trattamento dell'endarterite obliterante usa farmaci desensibilizzanti. Tavegil, Pipolfen, Suprastin più comunemente usati. Di solito la quantità giornaliera di Tavegil è di due milligrammi. La dose giornaliera è divisa in due volte. Se necessario, il dosaggio può essere aumentato a sei milligrammi. Se il farmaco viene iniettato, prescritto due milligrammi due volte al giorno. È importante sapere: nel trattamento con Tavegil, l'alcol e le droghe a base di alcol (tinture, sciroppi) non possono essere consumati. Pipolfen deve essere prescritto nel dosaggio minimo, che dà l'effetto desiderato. All'interno del farmaco vengono prescritti venticinque milligrammi una volta al giorno. Se non c'è effetto, puoi bere una doppia dose, divisa in due dosi a intervalli di dodici ore. Il pipolfen viene introdotto in una vena in una dose da 12,5 milligrammi a 25 milligrammi. Deve essere iniziato con la dose più bassa, somministrata una volta ogni sei ore, e solo in caso di inefficienza, aumentare la quantità di farmaco per iniezione e ridurre il tempo tra le iniezioni a quattro ore. È necessario avvertire il paziente che durante il trattamento dell'endarterite obliterante con questo medicinale l'apparizione di sonnolenza, deterioramento della vista, è possibile una certa agitazione psicomotoria. Se gli effetti collaterali si manifestano troppo, il trattamento deve essere interrotto e il farmaco sostituito con un altro. La dose giornaliera di Suprastin può raggiungere i cento milligrammi. Di solito il farmaco viene assunto da tre a quattro volte al giorno, una compressa. La soprastinosi per via endovenosa viene somministrata solo in casi gravi. Al giorno, effettuare una o due iniezioni di un millilitro del farmaco. Particolarmente attentamente questa medicina è prescritta a persone in età avanzata, persone con una storia di fegato e malattie renali.

Al fine di migliorare la reologia del sangue, Polyglyukin, acido nicotinico o acetilsalicilico, Rheopoliglukin viene iniettato nel trattamento. Reopoliglyukin e Poliglyukin sono usati, prendendo in considerazione le caratteristiche individuali del decorso di endoarterite obliterante in un particolare paziente. Prima di mettere la flebo con questi farmaci, una persona ha bisogno di fare un test cutaneo, in quanto è possibile lo sviluppo di allergie. La via di somministrazione preferita per l'acido nicotinico è endovenosa, poiché le iniezioni nel muscolo e sotto la pelle sono estremamente dolorose. Per il trattamento di questa patologia utilizzando acido per cento percento, iniettato una volta al giorno, un millilitro. Prima di fare la prima iniezione, una persona deve essere avvertita che può avere una sensazione di calore. Questa reazione al farmaco è assolutamente normale e alla fine passa senza richiedere alcun trattamento. Invece dei suddetti medicinali, l'acido acetilsalicilico può essere prescritto come farmaco che migliora la reologia del sangue del farmaco, a causa del budget limitato. Non è il farmaco di scelta a causa di molteplici effetti collaterali con l'uso a lungo termine. Questo farmaco può causare dolore epigastrico, ulcerazione, disturbi delle feci, anoressia, una diminuzione della frazione piastrinica, disfunzione epatica e renale. Prendono una compressa ogni giorno per un lungo periodo di tempo.

Oltre ai suddetti farmaci, il paziente deve avere l'introduzione di farmaci che agiscono sul microcircolo: Angiotropina, Depot-Padutina. L'endarterite da angiotropina obliterante viene trattata per non più di dieci giorni, ogni giorno vengono iniettati uno o due millilitri di farmaco. Il Depot-Padutin agisce come l'Angiotropina, ma più a lungo. Viene introdotto nel muscolo ogni giorno o ogni altro giorno. Sono richieste quaranta unità di azione del farmaco per iniezione. I pazienti con ipersensibilità vengono somministrati venti unità di azione a giorni alterni. La durata del trattamento con questo farmaco è di 4-6 settimane. Se la malattia ha già iniziato a essere trattata nella sua forma avanzata, la durata dell'iniezione è di diversi mesi (schema - ogni altro giorno). È impossibile cancellare bruscamente Depot-Padutin - la dose giornaliera deve essere ridotta lentamente.

Anche il trattamento con anticoagulanti è importante. Assegnare con endoarterite obliterante fibrinolizina, eparina, streptoliasi. La fibrinolisi e l'eparina vengono iniettati in una vena insieme. Venti a quarantamila unità di azione della fibrinolisina vengono aggiunte a una soluzione di cloruro di sodio (isotonico!), Quindi l'eparina viene introdotta nella miscela ad una dose due volte inferiore alla fibrinolisina. Il contagocce viene regolato a una velocità da dieci a dodici gocce in sessanta secondi e con una conduttività normale la velocità di infusione viene aumentata a venti gocce. La durata del trattamento è determinata dal medico. Se, durante l'infusione di una miscela, una persona ha effetti collaterali (aumento della temperatura, dolore addominale, orticaria, dolore nelle vene colpite), la velocità di somministrazione è ridotta e gli antistaminici sono somministrati per bere. Se gli effetti collaterali sono pronunciati, la somministrazione viene interrotta.

In caso di obliterazione dell'endarterite, l'assunzione di vitamine (B, E, C) è obbligatoria. Che tipo di vitamine sono necessarie e in quali dosi, il medico determina. Oltre alla terapia farmacologica, l'endoarterite obliterante viene trattata con l'emoterapia quantica. Ora la procedura ampiamente utilizzata consiste nell'irradiazione del sangue con raggi ultravioletti, irradiazione intravascolare mediante laser. Questi metodi riducono la capacità di aggregazione degli eritrociti, riducono la VES, la viscosità, aumentano la nutrizione dei tessuti con l'ossigeno e, di conseguenza, eliminano l'ipossia. Il plasmamasorbimento con plasmaferesi è un metodo piuttosto costoso, ma efficace per trattare questa patologia. Durante la procedura, il colesterolo e le lipoproteine ​​vengono estratti dal sangue, il che porta a effetti positivi come il miglioramento della microcircolazione e dei processi emodinamici.

Se tutti i metodi conservativi sono stati provati e l'effetto desiderato non è stato raggiunto, ricorrere all'intervento chirurgico. Durante l'operazione, i chirurghi agiscono sui gangli simpatici, sulle ghiandole surrenali o direttamente sulla nave interessata.

La prognosi della vita dipende dalle prestazioni e dalla responsabilità della persona malata. Se soddisfa tutte le raccomandazioni, gli appuntamenti del suo medico, regolarmente sottoposti a visita medica quattro volte all'anno, riceve una terapia anti-recidiva, ciò consente di ottenere un lungo periodo di remissione e di mantenere un funzionamento soddisfacente dell'arto colpito da obliterazione dell'endarterite.

Per Saperne Di Più I Vasi