Tosse per insufficienza cardiaca: sintomi e trattamento

In questo articolo imparerai: perché una tosse compare nell'insufficienza cardiaca. Quali ulteriori segni sono accompagnati da tosse del cuore, metodi del suo trattamento.

La tosse si presenta con la malattia cardiaca a causa del ristagno di sangue nella piccola (polmonare) circolazione.

Clicca sulla foto per ingrandirla

Questo sintomo indica insufficienza cardiaca cronica di stadio 2 e richiede un trattamento di emergenza. L'insufficienza cardiaca è un nome generico per una condizione in cui il cuore non è in grado di svolgere pienamente la sua funzione; può essere causato da diverse patologie.

È possibile sbarazzarsi di tosse cardiaca eliminando la causa di insufficienza cardiaca. Spesso questo può essere fatto solo con un'operazione.

I sintomi della tosse cardiaca sono certi, li troverai in questo articolo. Se trovi questo in te stesso, vai immediatamente da un cardiologo. Se non si presta attenzione a questo sintomo e non si inizia il trattamento o non si cambia la sua tattica, apparirà l'asma cardiaco.

Cause di tosse cardiaca

È causato da insufficienza cardiaca, che a sua volta appare sullo sfondo di difetti cardiaci congeniti o acquisiti.

La presenza di questa caratteristica distingue tali patologie:

  • ipertrofia ventricolare sinistra;
  • stenosi di una o più valvole cardiache;
  • fallimento di una o più valvole cardiache;
  • cardiomiopatia;
  • miocardite;
  • aterosclerosi dei vasi coronarici o della loro trombosi (provocano un insufficiente apporto di ossigeno al miocardio);
  • ipertensione cronica;
  • amiloidosi del cuore (un disturbo metabolico in cui le proteine ​​si depositano nei tessuti del cuore: si tratta di una malattia rara, caratterizzata da un'elevata mortalità, non può essere completamente curata);
  • difetto di una divisione interventricular.

Inoltre, una tosse secca può essere un effetto collaterale degli ACE-inibitori - farmaci per abbassare la pressione sanguigna. In questo caso, se il sintomo peggiora significativamente la qualità della vita del paziente (per esempio, gli impedisce di addormentarsi di notte), il medico sostituirà il medicinale con un altro - che il corpo del paziente tollererà meglio.

sintomi

La tosse cardiaca è sempre asciutta. Solo nell'ultima fase dello scompenso cardiaco può essere accompagnato dal rilascio di sangue.

È completato da altri segni di insufficienza cardiaca cronica:

Tosse cardiaca: trattamento popolare e farmacologico della malattia

Il concetto di "tosse del cuore" è molto condizionale. Da un punto di vista medico, tale malattia non esiste, quindi una tosse può essere un sintomo di varie malattie cardiache. Il pericolo di una tale tosse è che è facilmente confuso con la bronchite e altre malattie respiratorie, perdendo una malattia così grave come l'insufficienza cardiaca.

Cause di tosse cardiaca

La tosse cardiaca è una tosse che deriva da una malattia cardiaca.

La tosse nell'insufficienza cardiaca si verifica a causa di disturbi circolatori. Il flusso sanguigno è indebolito, la nutrizione dei polmoni si deteriora e si verifica broncospasmo, che è accompagnato da mancanza di respiro e tosse secca.

La tosse cardiaca, il cui trattamento inizia con la scoperta delle cause, è facilmente confusa con altri tipi di tosse. Spesso il paziente viene dal terapeuta per curare una tosse e viene rilevata una malattia cardiaca.

L'insufficienza cardiaca inizia, di regola, con una violazione del ventricolo sinistro del cuore. Non è in grado di pompare sangue, di conseguenza la pressione sanguigna nelle vene e nei vasi aumenta, il sangue ristagna nei polmoni, causando gonfiore dei tessuti.

Le cause della tosse cardiaca sono quelle malattie e condizioni che portano allo sviluppo di insufficienza cardiaca:

  • Miocardite. Quando la miocardite è un'infiammazione del muscolo cardiaco chiamata miocardio. La causa dell'infiammazione è spesso un'infezione o malattia reumatoide. La miocardite infettiva inizia con malessere, affaticamento, tachicardia, dolore toracico, mancanza di respiro e tosse secca riflessa.
  • Cardiomiopatia. Questo termine implica varie lesioni del miocardio, che portano allo scompenso cardiaco, ma che non hanno una natura infettiva. Nelle cellule del miocardio iniziano a fluire i processi sclerotici. Il pericolo di questa malattia è che può portare a morte cardiaca improvvisa.
  • Cardiosclerosi postinfartuale. Questa condizione è accompagnata da un pizzicamento delle fibre muscolari del miocardio, che porta allo scompenso cardiaco. Nella cardiosclerosi, vi è mancanza di respiro con tosse, gonfiore, forme gravi di aritmie, tachicardia.
  • Prolasso della valvola mitrale. Questa è una malattia cardiaca abbastanza comune in cui parte della valvola mitrale si gonfia e si gonfia. Questa malattia può essere congenita o acquisita. Spesso, in un primo momento, la malattia è asintomatica, quindi mancanza di respiro, malfunzionamento del cuore, dolore al petto.
  • Non è necessario escludere un'infezione del tratto respiratorio superiore. In caso di malattie cardiache, le infezioni si uniscono molto spesso, pertanto può essere necessario un trattamento complesso.

Sintomi, segni pericolosi e complicanze

La tosse cardiaca è una malattia grave e pericolosa che richiede un trattamento.

La tosse di per sé è un sintomo di una delle malattie cardiache. Tuttavia, ha le sue caratteristiche. La tosse cardiaca può essere distinta dagli altri tipi di tosse nei seguenti modi:

  • Mancanza di respiro La tosse cardiaca è spesso accompagnata da mancanza di respiro. Può apparire dopo l'esercizio o senza di loro. Se la mancanza di respiro e la tosse secca riflessa si verificano a riposo, vale la pena visitare un cardiologo.
  • Dolore al petto La tosse cardiaca può essere accompagnata da dolore al petto. Di regola, è un dolore non intenso di carattere penetrante.
  • Tosse di notte. Le tosse possono verificarsi nei nuclei in qualsiasi momento, ma più spesso appaiono di notte in posizione prona. Una persona si sveglia dal respiro affannoso e tossisce e cerca di sedersi di riflesso, poiché in una situazione del genere i sintomi si attenuano.
  • Gonfiore. Con insufficienza cardiaca, l'edema si presenta molto spesso. Possono apparire sul viso o sugli arti, sia dopo che senza stress.
  • Gonfiore delle vene del collo. Con insufficienza cardiaca, il carico sulle vene aumenta, puoi notare il loro gonfiore al collo.
  • Scarico di espettorato. Un colpo di tosse al cuore può anche essere accompagnato da una piccola quantità di espettorato. Ci possono essere strisce di sangue, ma di solito non ha impurità di pus.

Se l'insufficienza cardiaca non è complicata da malattie delle vie respiratorie, quindi ad eccezione della tosse, non verranno rilevati altri segni di infezione. Calore, rinite, mal di gola solitamente assenti.

La tosse per insufficienza cardiaca può essere di natura diversa: debilitante e parossistica, bassa e acuta, con espettorato o secchezza. Quando si parla di un medico è importante descrivere in dettaglio la tosse.

Segni pericolosi sono la comparsa di sangue nell'espettorato, grave mancanza di respiro, attacchi d'asma, perdita di coscienza.

Se sospetti l'asma, devi chiamare un'ambulanza. La complicazione più grave è l'edema polmonare. Si verifica in caso di insufficienza ventricolare acuta e può essere fatale. Tuttavia, la probabilità di edema polmonare nel decorso cronico della malattia e il trattamento regolare non è troppo grande. Più spesso la malattia procede con alternanza di remissioni e ricadute.

Trattamento farmacologico

Il trattamento per la tosse cardiaca viene eseguito da un cardiologo.

È possibile sbarazzarsi della tosse del cuore come sintomo solo dopo aver trattato una malattia che è stata la causa principale.

In primo luogo, il medico prescriverà un test (analisi del sangue, ultrasuoni, ECG, raggi X, tomografia), farà una diagnosi e poi prescriverà un farmaco:

  • Droghe diuretiche. I farmaci diuretici aiutano a far fronte al ristagno di liquidi nei tessuti. Il diuretico più popolare per l'insufficienza cardiaca è Furosemide. Si cura rapidamente con l'edema, ma prima di iniziare a riceverlo, è necessario assicurarsi che i reni funzionino normalmente. Possono essere somministrati anche farmaci come Torasemide, Indapide e varie erbe diuretiche (con cautela).
  • Vasodilatatori. Questi farmaci rilassano le pareti dei vasi sanguigni e contribuiscono alla loro espansione, alleviare lo spasmo, migliorare la circolazione sanguigna. Alcuni vasodilatatori impiegano molto tempo, i corsi, altri sono a breve durata d'azione e vengono assunti una sola volta se necessario. Nell'insufficienza cardiaca, i preparati di nitroglicerina vengono spesso prescritti sotto forma di compresse e spray, Isoket, Cardix.
  • Sedativi della tosse. Sono nominati per alleviare un attacco di tosse, ma senza trattamento per le malattie cardiache, gli attacchi di tosse riprenderanno. Farmaci Protivokashlevye come Codelac, Sinekod o farmaci per liquefare e rimuovere l'espettorato dei loro bronchi, se è (Bromhexin, ACC) può essere prescritto.
  • Beta-bloccanti Nell'insufficienza cardiaca, il corpo inizia a produrre adrenalina per provocare il lavoro cardiaco, ma questo processo non può continuare a lungo, dal momento che gli ormoni influenzano negativamente il lavoro del cuore. I beta-bloccanti rallentano la frequenza cardiaca, riducono la pressione e riducono il carico sul miocardio e sui vasi sanguigni. Questi farmaci includono Atsebutalol, Carvedilolo.

La durata di questo o quel farmaco è determinata dal medico. Oltre al trattamento medico, il paziente deve rispettare il regime quotidiano, moderare l'attività fisica, abbandonare cattive abitudini (alcol, fumo), mangiare bene ed evitare l'aumento dei livelli di colesterolo nel sangue, stress e sovraccarico emotivo.

Le cardiopatie sono sempre serie e potenzialmente pericolose, quindi non puoi fare l'automedicazione. Tutte le malattie cardiache richiedono l'esame, la consultazione con un medico e un trattamento adeguato.

Metodi tradizionali di trattamento

Non raccomandato di essere coinvolto in metodi popolari nel trattamento delle malattie cardiache. La maggior parte di loro richiede farmaci e l'effetto di varie erbe sul cuore può essere imprevedibile.

Qualsiasi ricetta popolare può essere applicata solo dopo aver consultato un medico e come terapia aggiuntiva, ma non il trattamento principale:

  • Medicina da miele, limoni e aglio. Per preparare un tale strumento, è necessario prendere 10 limoni nella pelle e scottarli con acqua bollente. Quindi spremere il succo da loro, aggiungere 1 kg di miele e 10 teste d'aglio in una forma tritata. Il farmaco viene infuso per 10 giorni in un luogo fresco e buio. Prendi 1 cucchiaino prima dei pasti fino a 4 volte al giorno. Si ritiene che questo strumento sia efficace nelle fasi iniziali dell'aritmia.
  • Erba. Ci sono un gran numero di preparati a base di erbe per il trattamento dell'insufficienza cardiaca, ma la loro efficacia è controverso per gravi patologie cardiache. Le erbe del "cuore" comprendono melissa, biancospino, achillea, valeriana, motherwort, ortica, equiseto, biancospino, rosa canina. I decotti alle erbe vengono assunti ogni giorno fino alla scomparsa dei sintomi.
  • Iodio. Nella medicina popolare c'è una ricetta per il trattamento delle malattie cardiache: aggiungi la tintura di iodio al latte e prendila mezz'ora prima dei pasti per 2 settimane.
  • Kalina. Nelle malattie cardiache, il viburno è utile in qualsiasi forma. Più spesso fanno un infuso di bacche di viburno con miele e lo prendono 2-3 volte al giorno.
  • Succo di carota Il succo di carote fresche è utile per le navi e il cuore, così come per l'intero organismo. Hai bisogno di berlo ogni giorno per mezzo bicchiere almeno 3 volte al giorno.
  • Decotto di mora. Un decotto di ramoscelli di mora aiuta a liberarsi da mancanza di respiro e tosse cardiaca e ha anche un effetto rilassante sul sistema nervoso.

Video utile - Segni di insufficienza cardiaca:

Molto spesso, i rimedi popolari non aiutano a curare una tosse cardiaca e ad eliminarne la causa, ma alleviano i sintomi e apportano un sollievo temporaneo. Vale la pena ricordare che alcune erbe e bacche possono causare una forte reazione allergica.

Come prevenzione dell'insufficienza cardiaca, possiamo raccomandare di smettere di fumare, uno stile di vita sano, riposo attivo, una corretta alimentazione con una quantità minima di grassi animali, controllo del peso, aderenza al giorno e bevanda.

Tosse cardiaca durante la gravidanza

La tosse cardiaca è pericolosa per le donne in gravidanza, poiché può influenzare il normale sviluppo del feto

Se una donna ha avuto una malattia cardiaca prima del concepimento, è probabile che peggiorerà durante la gravidanza. Il carico sul corpo di una donna incinta aumenta in modo significativo, aumenta anche il carico sul sistema cardiovascolare, quindi aumenta la probabilità di insufficienza cardiaca.

Il periodo più critico è considerato di 26-28 settimane di gestazione, quando il volume di sangue circolante aumenta al massimo. Inoltre, il periodo pericoloso è considerato come il parto e il periodo postpartum. Spesso, le donne con difetti cardiaci e altre malattie cardiache non sono ammesse al parto, ma fanno un taglio cesareo pianificato.

Durante la gravidanza, l'insufficienza cardiaca si manifesta in grave debolezza e affaticamento, anche se alla donna viene prescritto riposo a letto, tosse secca periodica, soprattutto di notte, mancanza di respiro, cianosi della pelle.

Se una donna ha già sviluppato una tosse cardiaca, le sue condizioni dovrebbero essere costantemente monitorate e preferibilmente in ospedale.

I più pericolosi sono la forte mancanza di respiro con la tosse in assenza di sforzo, in quanto possono essere precursori dell'edema polmonare. L'insufficienza cardiaca durante la gravidanza è pericolosa non solo per una donna, ma anche per un bambino, poiché l'ipossia fetale inizia quando la circolazione sanguigna è disturbata, manca di ossigeno. Con grave ipossia si osserva un rallentamento della crescita e dello sviluppo.

Una donna con insufficienza cardiaca, ma in assenza di gravi complicanze, viene ricoverata in ospedale tre volte durante la gravidanza: 8-10 settimane per l'esame e il mantenimento della gravidanza, 26-30 settimane per monitorare lo sviluppo fetale e prima del parto per monitorare il travaglio.

Durante la gravidanza, la maggior parte dei farmaci sono proibiti, specialmente nel primo trimestre. L'insufficienza cardiaca durante questo periodo è trattata con farmaci accettabili: diuretici, beta-bloccanti, mezzi per migliorare il metabolismo miocardico. Con forti attacchi di tosse, si possono prescrivere farmaci antitosse sicuri. Una forte tosse può essere pericolosa a causa della tensione della parete addominale e dell'aumento del tono uterino.

Tosse cardiaca: sintomi, trattamento

Molte persone credono che la tosse sia un sintomo di sole malattie dell'apparato respiratorio, ma non lo è. I polmoni sono strettamente interconnessi con il cuore e le navi. Ecco perché i disturbi circolatori possono influenzare il lavoro degli organi respiratori e una persona avrà un colpo di tosse al cuore. Questo sintomo di molte malattie del sistema cardiovascolare può comparire prima dell'inizio del trattamento o per questo. Una tosse cardiaca assomiglia a una tosse con bronchite normale, ma non è accompagnata dalla produzione di espettorato. Nei casi più gravi, possono comparire strisce di sangue nel contenuto della tosse. Con la progressione della malattia e l'assenza di trattamento, la tosse cardiaca può portare allo sviluppo di asma cardiaco o edema polmonare. Tali condizioni possono diventare pericolose per la vita e richiedono cure mediche immediate.

In questo articolo esamineremo le cause principali dell'apparenza, il meccanismo di sviluppo, i sintomi e i metodi di trattamento della tosse cardiaca. Questa conoscenza ti aiuterà in tempo a sospettare l'insorgere della malattia e ad adottare le misure necessarie per eliminarlo, il che impedirà lo sviluppo di terribili complicazioni.

motivi

La causa principale della tosse cardiaca è la stasi del sangue nei polmoni, che si verifica quando il cuore non è in grado di pompare sangue normalmente. Tale congestione, decomprimendo l'attività del cuore, porta all'accumulo di liquido nei polmoni, provocando l'irritazione dei bronchi e la tosse stessa. L'insufficienza cardiaca può essere provocata da molte patologie acute e croniche del cuore e dei vasi sanguigni, come ad esempio:

Anche le cause di tosse cardiaca possono essere malattie endocrine, abuso di alcol, fumo, forme gravi di anemia, assunzione di alcuni farmaci per il trattamento di patologie cardiovascolari, stress frequente e grave.

Perché compare un colpo di cuore?

L'afflusso di sangue ai polmoni è fornito da un piccolo circolo di circolazione sanguigna e la sua efficacia dipende in gran parte dall'utilità del ventricolo sinistro e dell'atrio. Lo sviluppo della tosse cardiaca passa attraverso diverse fasi. Il meccanismo di inibizione della funzione respiratoria è il seguente:

  1. I processi patologici che si verificano nel ventricolo sinistro, causano una diminuzione della sua contrattilità e non possono efficacemente pompare il sangue dalle arterie polmonari nell'aorta. Tali cambiamenti nel lavoro del cuore portano ad un aumento della pressione nei polmoni e alla lenta microcircolazione del sangue.
  2. Il lento flusso sanguigno causa un aumento della pressione venosa e la carenza di ossigeno nei tessuti.
  3. A causa dell'ipossia sui setti interalveolari e delle pareti dei piccoli vasi, si depositano le fibre di collagene, che causano lo sviluppo della pneumosclerosi.
  4. Piccole navi polmonari gradualmente sclerosate e completamente obliterate (ricoperte di tessuto connettivo). Tali processi patologici portano ad una diminuzione del flusso sanguigno nei polmoni e ad un aumento ancora maggiore della pressione nei vasi polmonari.
  5. L'aumento della pressione nell'arteria polmonare porta a un aumento dello stress sul ventricolo sinistro ed è ipertrofico.
  6. Poi c'è dilatazione (espansione dei confini) della metà destra del cuore, che provoca il ristagno della grande circolazione. La parte liquida del sangue fuoriesce dal tessuto polmonare e irrita i recettori bronchiali. Il paziente ha una tosse cardiaca che si manifesta cronicamente, appare quando cerca di assumere una posizione orizzontale e peggiora di sera o di notte.
  7. In gravi complicazioni del processo patologico nel cuore (ad esempio, lo sviluppo di un nuovo attacco di infarto, aritmia, fibrillazione ventricolare, ecc.), Si sviluppa un'insufficienza ventricolare sinistra acuta e la sua rapida progressione può causare attacchi di asma cardiaco o edema polmonare.

sintomi

La tosse cardiaca ha una serie di caratteristiche che la distinguono dalla tosse fredda o bronchiale:

  1. Tosse secca per il cuore. Durante la tosse, il paziente non emette espettorato, muco o pus. Durante gli attacchi acuti, può verificarsi una scarica sanguinolenta.
  2. La tosse è accompagnata da cianosi (blu) delle labbra, triangolo naso-labiale, lobi delle orecchie o polpastrelli.
  3. Durante la tosse, il paziente ha una respirazione rapida. Inizialmente, dispnea e tosse compaiono solo durante lo sforzo fisico, ma mentre la malattia progredisce anche una lunga conversazione può causare soffocante tosse secca e respiro rapido.
  4. La tosse è accompagnata da dolore al cuore e palpitazioni, che sono causate dal sovraccarico del cuore con il sangue.
  5. Una tosse può essere accompagnata da condizioni pre-incoscienti o fronzoli, che sono innescati da un aumento della pressione toracica e una diminuzione del volume di sangue al cuore.
  6. Durante gli attacchi di tosse, le vene del collo sono gonfie.
  7. La tosse appare o aumenta quando si prova a sdraiarsi, perché in questa posizione del corpo il ventricolo sinistro è ancora più sovraccarico. Alcuni pazienti devono anche dormire in posizione semi-seduta. Lo stesso sintomo può essere osservato nell'asma bronchiale e pertanto questa condizione del paziente richiede una diagnosi differenziale.
  8. All'inizio della malattia, la tosse è accompagnata da grave debolezza, sudorazione e vertigini. Inoltre, il paziente appare gonfiore della caviglia alla sera. Negli stadi successivi il gonfiore diventa più denso, stabile e non scompare al mattino.

Le suddette caratteristiche della tosse cardiaca possono manifestarsi in vari gradi. La loro gravità dipende dalla causa della tosse e dalla gravità della cardiopatia sottostante.

Un colpo di tosse al cuore può essere:

  • irritante e secco - nelle fasi iniziali della malattia, quando la stagnazione nella circolazione sistemica non si è ancora sviluppata;
  • acuto, corto e secco, combinato con il dolore al cuore - spesso osservato nei reumatismi, che è stato complicato dalla pericardite;
  • secco e parossistico, accompagnato da difficoltà di respirazione - spesso osservato nella stenosi mitralica;
  • sera o notte, forte e debilitante, che appare in posizione prona o quando si cerca di assumere una posizione orizzontale è caratteristico dell'insufficienza ventricolare sinistra cronica;
  • tosse con emottisi - appare con grave congestione nei polmoni a causa di fibrillazione atriale e insufficienza ventricolare destra, può indicare lo sviluppo di tromboembolia.

Quando compaiono i primi episodi di tosse cardiaca, il paziente ha bisogno di consultare un medico e sottoporsi ad un esame, che permetterà di identificare la causa delle deviazioni nell'attività del cuore. Il trattamento tempestivo della malattia rilevata si libererà rapidamente della tosse e rallenterà la progressione della malattia principale.

diagnostica

I sintomi della tosse cardiaca possono essere simili ai sintomi di molte malattie del cuore e dell'apparato respiratorio. Per una diagnosi accurata, al paziente vengono prescritti i seguenti metodi diagnostici:

  • ECG - per rilevare ischemia e ipertrofia del miocardio;
  • Echo-KG: per studiare e valutare la contrattilità dei ventricoli e uno studio più dettagliato delle strutture del cuore;
  • Raggi X: per rilevare la congestione nei polmoni;
  • tomografia - per uno studio dettagliato dello stato del miocardio.

trattamento

Per eliminare la tosse cardiaca, al paziente viene prescritto un ciclo di cura della malattia di base che l'ha provocata. L'auto-trattamento di questo sintomo sgradevole è inaccettabile, perché i tentativi di sopprimerlo possono portare a conseguenze indesiderabili. Durante una tosse cardiaca, i bronchi vengono liberati e l'inibizione di questi processi causerà un accumulo di scarico dai polmoni. Ecco perché il corso della terapia dovrebbe essere nominato solo da un cardiologo.

Per sbarazzarsi della tosse cardiaca, oltre a curare la malattia di base, il medico raccomanderà tutta una serie di attività.

Routine quotidiana

Il rispetto del regime di lavoro e di riposo nelle patologie del sistema cardiovascolare evita sovraccarichi e ha un effetto benefico sul cuore. Si raccomanda che tali pazienti dormano almeno 8 ore al giorno.

Rifiuto di cattive abitudini

Il fumo e l'alcol hanno un grave onere sul cuore e dovrebbero essere abbandonati nel più breve tempo possibile.

Prevenzione dello stress

Le situazioni stressanti rappresentano una seria minaccia per le persone con patologie cardiache e il paziente deve imparare come affrontarle correttamente e non arrabbiarsi per le sciocchezze. Se necessario, il medico può raccomandare l'uso di sedativi.

Frequenti passeggiate all'aria aperta

Quando viene osservata tosse cardiaca, la carenza di ossigeno nei tessuti e le passeggiate nell'aria fresca contribuiscono alla saturazione di ossigeno. Tale ossigenoterapia non solo aiuterà ad eliminare i battiti del cuore e la mancanza di respiro, ma normalizzerà anche l'umore e il sonno.

Cibo sano

Per le malattie del sistema cardiovascolare, il medico può prescrivere una dieta speciale o raccomandare di ridurre la quantità di sale consumata e scartare prodotti nocivi (carni grasse, fast food, carni affumicate, sottaceti, soda, tè forte e caffè). Si consiglia a tutti i pazienti di non mangiare troppo e controllare il loro peso, poiché questi fattori possono provocare e aggravare la tosse cardiaca. I pazienti non devono bere grandi quantità di liquidi (il volume del liquido consumato è determinato individualmente).

Attività fisica

Un'attività fisica sufficiente aiuta a normalizzare la circolazione del sangue ed eliminare il ristagno. La loro intensità deve essere individualizzata e determinata solo dalle condizioni generali del paziente. In primo luogo, dovrebbero essere minimi e con il miglioramento dello stato - aumentare gradualmente.

Terapia farmacologica

Per eliminare la tosse cardiaca, questi farmaci possono essere prescritti:

  • diuretici: indapamide, trifas, veroshpiron e altri;
  • vasodilatatori: Atakand, Losartan, Kandekor;
  • farmaci antitosse con effetto anestetico: vengono prescritti solo nei casi in cui gli episodi di tosse aggravano in modo significativo le condizioni del paziente, causando svenimento e grave debolezza.

La scelta dei farmaci per eliminare la tosse cardiaca, il loro dosaggio e la durata della ricezione sono determinati solo da un medico. A seconda delle condizioni del paziente, il medico può regolare il regime di trattamento.

Rimedi popolari

La maggior parte dei cardiologi sconsiglia l'uso di rimedi popolari per eliminare la tosse cardiaca. È possibile utilizzare alcune ricette popolari solo dopo aver consultato un medico e aver diagnosticato la malattia di base che ha causato la comparsa di questo sintomo sgradevole.

La tosse cardiaca è la "prima campana" di molte patologie del sistema cardiovascolare e una ragione significativa per riferirsi a un cardiologo. Non tutte le persone che non sono legate alla medicina sono in grado di riconoscerla da sole. Il nostro articolo ti aiuterà in tempo a sospettare l'insorgenza di tosse cardiaca e ad adottare le misure giuste e tempestive. Non auto-medicare questo sintomo allarmante e sgradevole e non ritardare la visita dal medico, poiché può essere causato da molte malattie pericolose e complicato da asma cardiaco ed edema polmonare. Ricorda questo e sii sano!

Channel One, il programma "Live Healthy" con Elena Malysheva sul tema "Perché stiamo tossendo? Cause insolite di tosse "(per la tosse cardiaca, vedi 11:17):

Tosse di origine cardiaca: esordio, segni, come trattare

Cosa dire della gente comune, se i luminari della scienza cardiologica nella loro pratica quotidiana usano un termine come "tosse cardiaca"? Ecco perché ha il diritto alla vita, poiché è ancora un sintomo separato di una patologia cardiaca diversa. Qual è un'altra domanda, perché non tutte le malattie cardiache si manifestano con la tosse, ma molte sono accompagnate da mancanza di respiro, che, anche se tossisce, dà. A questo proposito, si scopre che è necessario ricordare l'asma cardiaco - uno stato serio e doloroso, perché anche qui non fa a meno di questo atto riflesso.

Tosse torturata

Le persone con malattie cardiache hanno una tendenza alle malattie infiammatorie del tratto respiratorio superiore e ai polmoni, ma succede che solo una tosse porta una persona nello studio del medico, dove viene scoperta la causa dei problemi con gli organi respiratori. Si scopre che una tosse dolorosa, aggravata dallo sforzo fisico o costringendola a dormire stando seduti, non è altro che insufficienza cardiaca. In questi casi, ovviamente, il trattamento della tosse cardiaca inizia con un esame approfondito e un trattamento del cuore.

Malattie che scompensano l'attività cardiaca (difetti valvolari acquisiti, soprattutto della valvola mitrale, miocardite, cardiomiopatia, cardiosclerosi postinfartuale, ecc.) Provocano insufficienza cardiaca, con conseguente congestione venosa in entrambi i circoli della circolazione.

Interruzione del flusso sanguigno, o meglio, insufficienza di circolazione del sangue nei polmoni, causerà certamente broncospasmo, che non tarderà molto a venire, in quanto è quasi parallelo allo spasmo dei vasi sanguigni, pertanto, la tosse in questo caso sarà una conseguenza della malattia cardiaca. Inoltre, la tosse secca riflessa può essere non solo nelle malattie cardiache, può causare alterazioni patologiche nell'aorta (mesaortite, aneurisma) e malattie mediastiniche.

Cuore, polmoni... tosse

Per comprendere le cause della tosse cardiaca, dispnea persistente e in alcuni casi gravi di sviluppo di asma cardiaco con passaggio all'edema polmonare, è necessario considerare brevemente il meccanismo di depressione della funzione respiratoria, che attraversa diverse fasi:

  • I processi patologici che si verificano nel ventricolo sinistro portano ad una diminuzione della sua contrattilità, quando il ventricolo interessato non è in grado di pompare il sangue nell'aorta, che viene attraverso le vene polmonari. Di conseguenza, la pressione aumenta nella circolazione polmonare, cioè nei polmoni;
  • Il rallentamento del flusso sanguigno nella microvascolatura dei polmoni porta ad un aumento della pressione venosa e ad una mancanza di ossigeno nei tessuti;
  • Sullo sfondo dell'ipossia (mancanza di ossigeno), i fibroblasti formano fibre di collagene, che si depositano nelle pareti dei piccoli vasi e nei setti interalveolari, che alla fine portano alla pneumosclerosi;
  • Piccoli vasi vuoti, sclerotici, obliterati (gli spazi vuoti scompaiono a causa del loro riempimento con tessuto connettivo), riducendo il volume del flusso sanguigno nei polmoni;
  • Il ridotto numero di vasi microvascolari aumenta ulteriormente la pressione nell'arteria polmonare, che comporta inizialmente ipertrofia e quindi dilatazione (espansione) del cuore destro, che contribuisce alla congestione venosa in un ampio cerchio. Ma in linea di principio, si scopre un circolo vizioso...
  • Con un decorso sfavorevole (fibrillazione ventricolare, infarto miocardico ricorrente, aritmie, asistolia), la funzione del ventricolo sinistro si indebolisce (insufficienza ventricolare sinistra) e il deflusso del sangue dai polmoni viene disturbato, che ristagna lì. Nel caso dello sviluppo di insufficienza ventricolare acuta, questi cambiamenti possono portare rapidamente alla formazione di asma cardiaco e quindi di edema polmonare.

Circolazione della circolazione sanguigna e ossigenazione

Tuttavia, se solo la stagnazione ha luogo nella grande circolazione, la tosse in caso di insufficienza cardiaca (ventricolo sinistro) non comporta necessariamente complicazioni così terribili come l'edema polmonare. Procederà cronicamente, come se fosse aggravato di sera o di notte, senza consentire al paziente di assumere una posizione orizzontale (perché queste persone preferiscono dormire a metà seduta).

Video: meccanismi respiratori umani

Segni di tosse cardiaca

Poiché questo complesso atto di neuro-riflesso, eseguito da una forte espirazione con una glottide chiusa e quindi dalla rimozione dell'espettorato dalle vie respiratorie, è di per sé un sintomo di qualche malattia, è molto difficile determinare i sintomi della tosse cardiaca. Ed è più difficile per un malato legare insieme manifestazioni come:

  1. Tosse secca;
  2. Cianosi (a volte);
  3. Dolore cardiaco, palpitazioni cardiache;
  4. Possono verificarsi svenimenti;
  5. gonfiore;
  6. Gonfiore delle vene del collo;
  7. Mancanza di respiro;
  8. Escrezione dell'espettorato, a volte con striature di sangue.

Pertanto, la tosse è spesso attribuita a malattie respiratorie, bronchiti o allergie. Tuttavia, il suo personaggio può ancora aiutare a spingere l'idea: dove, in quale luogo, e in quale circolo di circolazione c'è una patologia.

L'origine della tosse può essere:

  • Parossistica e secca, accompagnata da difficoltà respiratorie, caratteristica della stenosi mitralica e risultante da un forte aumento dell'atrio sinistro. In alcuni casi, l'emottisi si unisce alla tosse. La sudorazione, la debolezza e la temperatura corporale subfebrile possono anche essere compagni di problemi respiratori durante la stenosi mitralica;
  • Serata, estenuante e forte tosse, che appare in posizione orizzontale e costringe una persona ad alzarsi. Questo indica insufficienza ventricolare sinistra cronica, può riprendere più volte la notte, una persona si sveglia per soffocamento, è difficile per lui schiarirsi la gola, ma quando si scopre, arriva il sollievo;
  • Un colpo di cuore irritante e asciutto indica che il ristagno non ha ancora toccato il grande cerchio della circolazione sanguigna, ma se il ristagno polmonare è andato lontano, a seguito dell'eritrocito scaricato dalla microvascolarizzazione, appare un espettorato "arrugginito" mescolato con inclusioni marroni (a volte nere) ( indurimento bruno dei polmoni);
  • La tosse affilata, secca e corta, spesso associata a dolore al cuore o all'intero petto, è caratteristica dei reumatismi complicati dalla pericardite;
  • L'emottisi può essere un segno di sindrome tromboembolica, che è presente in una grave congestione polmonare, derivante dal fallimento del cuore destro contro la fibrillazione atriale.

Nei bambini, un'eccessiva pressione nell'arteria polmonare, accompagnata da tosse cardiaca, si osserva nelle cardiopatie congenite con arricchimento della circolazione polmonare. Ciò è dovuto ad un'ulteriore scarica di sangue da sinistra a destra (sindrome di Eisenmenger).

Come sbarazzarsi e dormire bene?

Come trattare e se è possibile pacificare la tosse di origine cardiaca? Una domanda del genere, di sicuro, preoccupa tutti coloro che si esaurisce e si esaurisce. Soprattutto se è asciutto.

Il primissimo stadio di affrontare tale flagello sarà il trattamento della malattia di base, cioè la patologia cardiaca, ma questo è il lavoro dei cardiologi. Il paziente, tuttavia, dovrebbe essere a conoscenza di alcuni farmaci che vengono utilizzati per il trattamento della tosse cardiaca. Questo è:

  1. Diuretici, che rimuovono il liquido, riducono il gonfiore e, quindi, riducono il carico eccessivo sul sistema circolatorio (indapamide, veroshpiron);
  2. Vasodilatatori, vasi dilatatori (losartan, atacand);
  3. Farmaci antitosse con un effetto anestetico o espettorante e diradamento dell'espettorato (se necessario);
  4. In caso di emottisi, prima di tutto, viene eseguito un esame per localizzare il sanguinamento (R-grafia) e l'espettorato bakposev, che, nel caso di tosse di origine cardiaca, è in grado di rilevare "cellule cardiache" - siderofagi. L'automedicazione è inappropriata qui, tali pazienti, di regola, sono nell'ospedale sotto l'occhio vigile del dottore.

Con tali problemi, non è consigliabile utilizzare i rimedi popolari come trattamento, perché le erbe medicinali, come componenti delle ricette utilizzate a casa, possono influenzare il sistema cardiovascolare in modi diversi. Ma se è fortemente insopportabile produrre il proprio brodo o infusione, allora è meglio consultare prima il medico curante e solo successivamente assumere farmaci.

La tosse cardiaca è un sintomo piuttosto ossessivo. E non solo per quanto riguarda l'homo sapiens. Tutti i mammiferi sono inclini a questo disturbo, perché i loro sistemi respiratori e circolatori hanno molto in comune con gli esseri umani, quindi non sorprende che questa patologia si verifichi in cani e gatti. È vero, è rivelato più tardi, perché i nostri fratelli più piccoli non possono dire e lamentarsi. Tuttavia, guardando l'animale, il proprietario inizia a notare una tosse uterina incomprensibile, che di solito provoca un corpo estraneo che si è accidentalmente caduto in gola. Attacchi frequenti diventano un motivo per visitare un medico.

Tosse cardiaca

La tosse cardiaca è un termine medico condizionale che riflette lo sviluppo di vari gradi di insufficienza respiratoria nei pazienti cardiaci. In un sintomo clinico separato, la tosse di origine cardiaca si distingue fino ad oggi a causa del fatto che il suo verificarsi in un paziente affetto da malattie cardiache è un segno diagnostico estremamente sfavorevole.

Va tenuto presente che non tutte le patologie cardiache dovrebbero essere accompagnate dalla comparsa di tosse, nella maggior parte dei pazienti cardiaci esiste un equivalente di tosse cardiaca - aumento della mancanza di respiro. I malati più gravi soffrono di tosse nell'asma cardiaco, poiché questa condizione è caratterizzata da gravi disturbi cardioemodinamici e respiratori.

Cause di tosse cardiaca

In alcune situazioni, lo sviluppo della patologia cardiaca di un paziente per lungo tempo non è accompagnato dalla formazione di un quadro clinico che rifletta il danno alle strutture del sistema cardiovascolare. Questa categoria di pazienti può essere esaminata a lungo da un pneumologo sulla tosse dolorosa esistente che si verifica durante l'aumento dell'attività fisica. Il dovere del medico curante in questa situazione è l'ulteriore esame dettagliato di questa categoria di pazienti per la presenza di patologia cardiaca asintomatica, dal momento che la tosse è un segno patognomonico per lo sviluppo di insufficienza cardiaca.

Esiste un gruppo separato di patologie cardiache che decompone l'attività cardiaca, che comprende la cardiopatia valvolare, le malattie infiammatorie del miocardio, il danno ischemico al cuore e la cardiomiopatia. Qualsiasi danno organico alle strutture del cuore, prima o poi, contribuisce allo sviluppo dell'insufficienza cardiaca, la cui conseguenza è la stagnazione nei serbatoi venosi sia della piccola che della grande circolazione.

Pertanto, quasi ogni patologia cardiaca può provocare lo sviluppo di tosse cardiaca. La malattia di fondo più comune per lo sviluppo di insufficienza cardiaca congestizia è la malattia aterosclerotica con concomitante danno ischemico del miocardio. Nel lungo periodo, i fuochi ischemici nel miocardio subiscono cambiamenti sclerotici, a seguito dei quali la funzione principale del cuore si deteriora in modo significativo. Inoltre, la progressione della tosse cardiaca contribuisce allo sviluppo di ipertensione arteriosa in un paziente.

Il riempimento insufficiente del sangue del tessuto polmonare è inevitabilmente accompagnato da broncospasmo compensatorio, che si manifesta nella comparsa di una tosse secca in un paziente. La tosse del cuore secco è uno dei criteri patognomonici specifici per le malattie mediastiniche e l'aneurisma aortico. La congestione polmonare non complicata è accompagnata dall'insorgenza di un impulso di tosse nel parenchima polmonare, seguito dalla sua diffusione lungo le vie nervose simultaneamente agli impulsi della dispnea e, pertanto, questi sintomi nello scompenso cardiaco sono spesso combinati.

La tosse cardiaca in un bambino può svilupparsi sullo sfondo della cardiopatia congenita, accompagnata da una scarica emodinamica da sinistra a destra, che si traduce in un arricchimento della circolazione polmonare e una maggiore pressione nel lume dell'arteria polmonare.

La tosse notturna cardiaca è un importante criterio diagnostico per lo sviluppo di endocardite infettiva, il cui verificarsi di crisi ha una chiara dipendenza dall'aumento della risposta alla temperatura del paziente in risposta al danno settico.

Quindi, la tosse cardiaca è o una manifestazione di insufficienza cardiaca e congestione venosa nei polmoni, o un segno della sconfitta dell'apparato respiratorio umano, come complicazione della patologia cardiaca.

Sintomi e segni di tosse cardiaca

Il meccanismo dello sviluppo della tosse, come un complesso atto riflesso, consiste in una forte espirazione contro la chiusura delle corde vocali, il cui sviluppo è finalizzato a rimuovere il segreto dal lume dei bronchi. Poiché la tosse, come altri disturbi respiratori, è in maggior misura il riflesso di una lesione infiammatoria allergica delle vie respiratorie, nella fase iniziale della malattia anche uno specialista esperto è difficile da differenziare la tosse cardiaca.

Ci sono caratteristiche cliniche assolute che distinguono la tosse nelle malattie cardiache da disturbi respiratori simili osservati con lesioni organiche del tratto respiratorio. Quindi, con la stenosi mitralica, il paziente ha episodi di tosse parossistica secca con emottisi, accompagnata da grave sudorazione e marcata debolezza muscolare.

I pazienti affetti da patologia cardiaca complicata da insufficienza ventricolare sinistra descrivono la tosse cardiaca come un soffocamento debilitante, che si verifica principalmente la sera, per eliminare quale paziente inizia a tossire. Il sollievo della condizione si verifica solo dopo che il paziente può tossire almeno la quantità minima di espettorato.

In una situazione in cui l'episodio di tosse cardiaca termina con il rilascio di una grande quantità di espettorato di colore marrone sporco, si deve presumere lo sviluppo di insufficienza ventricolare destra, aggravando le condizioni del paziente. Grave stagnazione nel circolo ristretto di circolazione sanguigna in combinazione con fibrillazione atriale può essere una base favorevole per lo sviluppo della sindrome tromboembolica, il cui principale sintomo è l'emottisi. Inoltre, questa versione della tosse cardiaca è quasi il 100% dei casi accompagnata da una violazione del ritmo dell'attività cardiaca e della sindrome da dolore cardiaco aspecifico. Grave tosse cardiaca può provocare stati sincopali, il cui verificarsi è dovuto ad un aumento della pressione intratoracica, sullo sfondo del quale il flusso di sangue al cuore è significativamente ridotto.

La principale differenza tra tosse cardiaca e tosse osservata nel complesso dei sintomi di una malattia respiratoria acuta è la completa assenza di segni di lesioni infettive del corpo (reazione termica, fenomeni catarrali nel rinofaringe, alterazioni infiammatorie nell'analisi del sangue di laboratorio). Inoltre, una tosse in un infarto è raramente accompagnata dal rilascio di secrezioni bronchiali, mentre le malattie infiammatorie dell'apparato respiratorio sono caratterizzate da una tosse produttiva con espettorato purulento, meno spesso di natura mucosa.

Quando si esamina un paziente con tosse, si dovrebbe tenere presente che le persone affette da patologia cardiaca sono più suscettibili all'infiammazione dell'apparato tracheobronchiale più di altre, pertanto l'insorgenza di tosse in questa categoria di persone può essere provocata non solo dalla stagnazione nella piccola circolazione. In questa situazione, è consigliabile esaminare esaurientemente il paziente con la determinazione obbligatoria della presenza di elementi infiammatori nella secrezione bronchiale.

Un esame obiettivo di un paziente che soffre di tosse cardiaca, dovuto esclusivamente alla congestione venosa, determina singolarmente rantoli finemente umidi che non hanno una chiara localizzazione. La presenza di comune sibilo secco nei campi polmonari su entrambi i lati testimonia a favore dello sviluppo della bronchite. In una situazione in cui la tosse cardiaca è complicata dallo sviluppo di polmonite congestizia, un fuoco di rantoli umidi con concomitante crepitio è auscultatorio.

Tosse per insufficienza cardiaca

Nel meccanismo patogenetico dello sviluppo della tosse cardiaca nell'insufficienza cardiaca, diversi stadi sono separati, con un lungo corso in cui il paziente sviluppa gravi complicanze sotto forma di edema polmonare e asma cardiaco. In misura maggiore, i disturbi respiratori si sviluppano con un cambiamento patologico nel ventricolo sinistro, che si manifesta in una diminuzione dell'intensità e regolarità della sua contrazione. Il risultato di una tale prolungata diminuzione della funzione inotropica del ventricolo sinistro è un progressivo aumento della pressione nei vasi della circolazione polmonare, che comprendono i vasi polmonari. Il flusso sanguigno rallentato nei capillari polmonari provoca un aumento della pressione venosa, con conseguente sviluppo di ipossia diffusa dei tessuti.

Il danno ipossico prolungato è accompagnato da una maggiore produzione di fibre del tessuto connettivo del collagene da parte dei fibroblasti, dal loro accumulo nella proiezione dei setti interalveolari e dallo sviluppo della fibrosi polmonare comune. A causa del fatto che il sangue non entra nei vasi sanguigni della microvascolarizzazione per un lungo periodo, la maggior parte di essi viene eliminata, il che aggrava ulteriormente l'afflusso di sangue ai polmoni.

Come risultato dello "spegnimento" di un gran numero di vasi di piccolo calibro dal flusso sanguigno polmonare generale, si creano le condizioni per aumentare la pressione nel sistema dell'arteria polmonare. La conseguenza di questa aumentata pressione intravascolare è un aumento compensatorio della contrattilità miocardica del ventricolo destro, provocando un aumento dello spessore miocardico in questa zona. Con l'esaurimento delle capacità compensatorie del cuore destro si sviluppa una progressiva espansione della cavità del ventricolo destro. Questa situazione è irreversibile, poiché il paziente sviluppa una congestione venosa totale in entrambi i circoli di circolazione sanguigna. In questa fase della malattia, i pazienti presentano lamentele caratteristiche circa l'insorgenza di tosse cardiaca, la cui intensità è progressivamente aumentata durante la notte, e quindi i pazienti assumono una posizione forzata con un'estremità della testa sollevata del letto. Queste manifestazioni cliniche sono croniche, ma quando si verifica un'insufficienza ventricolare acuta sinistra, i disturbi respiratori aumentano bruscamente e si sviluppano i tipici sintomi dell'edema polmonare.

Il tempo di insorgenza, frequenza e durata degli attacchi di tosse cardiaca in un paziente è un segno diagnostico che caratterizza la progressione dell'insufficienza cardiaca congestizia. Quindi, nella fase iniziale, la tosse cardiaca si preoccupa solo della situazione del fatto esistente di intensa attività fisica, che è insolito per una persona. Con insufficienza cardiaca persistente, gli attacchi di tosse cardiaca disturbano il paziente con moderata attività fisica o psico-emozionale, e l'episodio di questo attacco può durare per un periodo piuttosto lungo. L'estremo grado di insufficienza cardiaca si manifesta con gravi disturbi respiratori in un paziente, in cui la tosse e la mancanza di respiro sono osservate costantemente in una persona, anche durante il sonno.

Un lungo decorso di tosse cardiaca nell'insufficienza cardiaca cronica è accompagnato dallo sviluppo di cambiamenti nel sistema respiratorio del paziente, consistente nel ridurre la capacità massima di ventilazione dei polmoni, ridotta capacità vitale del tessuto polmonare, ventilazione irregolare del parenchima polmonare. Tali cambiamenti portano inevitabilmente allo sviluppo di un'insufficienza respiratoria di tipo restrittivo, dovuta a una diminuzione della mobilità del parenchima polmonare e ad un aumento della resistenza bronchiale.

A condizione che ci sia alterazione della ventilazione del parenchima polmonare, disturbi emodinamici nel sistema circolatorio polmonare, ipertensione polmonare postcapillare, ristagno e "sudorazione" della componente liquida del plasma sanguigno negli alveoli, si creano condizioni favorevoli per la diffusione dell'infezione e la formazione concomitante di infiltrazione polmonare del tipo stagnante.

L'emottisi insorta nei pazienti cardiaci, che si osserva in un grave attacco di tosse cardiaca, si sviluppa a causa della diapedesi e della rottura dei capillari bronchiali e polmonari dilatati. In alcune situazioni, una rottura della vena bronchiale può essere accompagnata da emorragia polmonare, che è una complicazione abbastanza comune di insufficienza cardiaca ventricolare sinistra.

Trattamento per la tosse del cuore

Nonostante il fatto che il principale componente del trattamento della tosse cardiaca sia l'uso della correzione farmacologica dei disturbi emodinamici come conseguenza dello scompenso cardiaco, sono importanti le misure non farmacologiche, che mirano ad alleviare le condizioni del paziente durante un infarto di tosse.

La condizione primaria per un trattamento efficace della tosse cardiaca è la normalizzazione del regime di riposo e dell'attività fisica. Un paziente affetto da patologia cardiaca dovrebbe dedicare una quantità sufficiente di tempo per riposare in un'atmosfera rilassata, così come per dormire la notte.

Inoltre, una misura preventiva volta a prevenire la progressione del danno organico al muscolo cardiaco e, di conseguenza, la tosse cardiaca, è la correzione del comportamento alimentare del paziente. I pazienti che soffrono di insufficienza cardiaca, i cardiologi raccomandano di limitare drasticamente l'uso di sale, così come i cibi ricchi di colesterolo. Naturalmente, l'uso di bevande alcoliche e il fumo da parte del paziente è fuori questione, poiché la correlazione tra miele e l'aggravamento dello scompenso cardiaco e delle abitudini malsane è stata scientificamente dimostrata.

Poiché la tosse cardiaca è un riflesso dello sviluppo di un'insufficienza cardiaca grave che si verifica con varie lesioni organiche del cuore, il trattamento farmacologico di questa condizione dovrebbe essere diretto principalmente dal punto di vista etiologico. Nella maggior parte delle situazioni, l'eliminazione o la compensazione dei disturbi emodinamici con il metodo di utilizzo di farmaci di diversi gruppi farmacologici, consente di livellare le manifestazioni di tosse cardiaca senza l'uso di trattamenti specifici. Sfortunatamente, i pazienti che soffrono di tosse cardiaca da molto tempo non si rendono conto della gravità della situazione e cercano aiuto medico nella fase di scompenso cardiaco scompensato, in cui è impossibile il completo recupero del paziente. A questo proposito, l'associazione cardiologica propone un algoritmo per lo screening di pazienti affetti da disturbi respiratori, compreso un esame della presenza di cardiopatia organica.

Tutti i gruppi di farmaci usati come agenti terapeutici per combattere la tosse cardiaca dovrebbero essere patogeneticamente giustificati, poiché l'eliminazione dei segni di insufficienza cardiaca contribuisce di per sé alla tosse autolivellante. I farmaci sintomatici sotto forma di agenti che inibiscono il riflesso della tosse o i mucolitici sono usati solo in caso di segni di accessione esistenti di una lesione infettiva dei bronchi.

La manifestazione dei segni del paziente di infiltrazione polmonare nei polmoni è la base logica per la nomina di un adeguato schema di terapia antibiotica (Ceftriaxone 1 milione ED 2 volte al giorno per via intramuscolare o endovenosa). La durata della terapia antibiotica è monitorata dalla conta ematica e dalla dinamica dei raggi x.

Patogeneticamente giustificato è la nomina di un paziente con una tosse cardiaca di un farmaco del gruppo diuretico, specialmente con i presenti sintomi di edema periferico, mancanza di respiro con presenza di sibili congestizi nei polmoni. Questa categoria di farmaci aiuta a ridurre la tosse cardiaca e persino la sua completa scomparsa, ma bisogna tenere presente che i diuretici hanno la capacità di potenziare l'attività del sistema simpatico-surrenale, il che aggrava il corso della malattia sottostante. Data questa caratteristica, la terapia diuretica dovrebbe essere applicata con la prescrizione simultanea di farmaci che riducono l'attivazione neuroumorale (enalapril 10 mg al mattino per via orale).

Come prima linea di farmaci con segni di tosse cardiaca, come uno dei criteri per l'insufficienza cardiaca, vengono utilizzati diuretici dell'ansa (Furosemide, acido etacrinico). Recentemente, tuttavia, l'Associazione Mondiale dei Cardiologi ha rilasciato nuove raccomandazioni, secondo le quali la tosse cardiaca di moderata intensità risponde bene al trattamento con diuretici tiazidici. I diuretici risparmiatori di potassio per la tosse cardiaca sono usati raramente.

Quando si considera la scelta di un adeguato regime di prescrizione diuretica, deve essere considerata la gravità delle condizioni del paziente. Con manifestazioni moderatamente pronunciate di tosse cardiaca, si raccomanda di utilizzare un farmaco al mattino nella dose minima efficace, che è di 20 mg per furosemide, 25 mg di idroclorotiazide, 10 mg di torasemide, 25 mg di acido etacrilico. Di norma, questo dosaggio di farmaci è sufficiente per normalizzare la condizione di un paziente che soffre di attacchi di tosse cardiaca.

Come terapia aggiuntiva non farmacologica, che viene raramente utilizzata in isolamento, tuttavia, ha una buona efficacia nella lotta contro i disturbi respiratori nei pazienti affetti da scompenso cardiaco, è l'ossigenoterapia. L'uso dell'ossigenoterapia può migliorare significativamente la qualità della vita del paziente a causa della riduzione della dispnea, del sonno migliorato, dell'aumento dell'attività fisica.

Tosse cardiaca - quale medico ti aiuterà? In presenza o sospetto di sviluppo di tosse cardiaca, è necessario consultare immediatamente il parere di tali medici come cardiologo e / o reumatologo.

Per Saperne Di Più I Vasi