Stent a cuore: descrizione dell'operazione, i suoi vantaggi, la riabilitazione

Da questo articolo imparerai: che tipo di chirurgia è - stenting dei vasi cardiaci, perché è considerato uno dei migliori metodi di trattamento di varie forme di malattia coronarica, in particolare la sua attuazione.

Stenting dei vasi coronarici del cuore è un'operazione mini-invasiva (dolce) endovascolare (intravascolare) sulle arterie che forniscono il cuore, che consiste nell'espandere i loro siti ristretti e occlusi inserendoli nel lume di uno stent vascolare.

Tali interventi chirurgici sono eseguiti da chirurghi endovascolari, chirurghi cardiaci e chirurghi vascolari in centri specializzati di chirurgia cardiaca endovascolare.

Descrizione dell'operazione

L'aterosclerosi delle arterie coronarie, manifestata dalla formazione di placche di colesterolo nel lume di questi vasi è un tipico meccanismo causale per lo sviluppo della coronaropatia: queste placche hanno la forma di protrusioni e tubercoli, in cui si verifica l'infiammazione, cicatrici, distruzione dello strato interno del vaso e formazione di coaguli di sangue. Tali cambiamenti patologici riducono il lume vascolare, ostruiscono parzialmente o completamente l'arteria, riducendo il flusso sanguigno al miocardio. Minaccia con ischemia (fame di ossigeno) o attacco di cuore (necrosi).

Il significato di stenting cardiaco è quello di ripristinare il lume delle arterie coronarie nei siti di costrizione con placche aterosclerotiche con l'aiuto di speciali dilatatori - stent coronarici. Pertanto, è possibile ripristinare in modo affidabile e completo la normale circolazione sanguigna nel cuore.

Stenting non allevia l'aterosclerosi, ma solo per un periodo (diversi anni) elimina le sue manifestazioni, i sintomi e le conseguenze negative della malattia coronarica.

Caratteristiche della tecnica dello stent coronarico:

  1. Questa chirurgia endovascolare - tutte le manipolazioni sono eseguite esclusivamente all'interno del lume dei vasi sanguigni, senza incisioni cutanee e la loro integrità nelle aree colpite.
  2. Il lume dell'arteria occlusa viene ripristinato non rimuovendo una placca aterosclerotica, ma utilizzando uno stent - una sottile protesi vascolare metallica sotto forma di un tubo a maglie.
  3. Il compito dello stent inserito nella zona ristretta dell'arteria è di premere le placche aterosclerotiche nelle pareti del vaso e spostarle. Questa azione ti consente di espandere il lume e lo stent stesso è così forte da fungere da scheletro che lo trattiene stabilmente.
  4. Durante una operazione, quanti stent possono essere installati secondo necessità a seconda del numero di aree ristrette (da uno a tre o quattro).
  5. L'esecuzione di stent richiede l'introduzione di sostanze radiopachi (preparati) per il paziente, che sono pieni di vasi coronarici. Le apparecchiature a raggi X ad alta precisione vengono utilizzate per registrare le immagini e monitorare l'andamento del contrasto.

Maggiori informazioni sugli stent

Lo stent, installato nel lume dell'arteria coronaria ristretta, dovrebbe essere una struttura interna affidabile che non consentirà alla nave di ri-restringersi. Ma un tale requisito per lui non è l'unico.

Qualsiasi impianto introdotto nel corpo è estraneo ai tessuti. Pertanto, per evitare la reazione di rigetto è difficile da evitare. Ma gli stent coronarici moderni sono pensati e progettati in modo tale da non causare ulteriori cambiamenti.

Le principali caratteristiche della nuova generazione di stent sono:

  • Realizzato in lega di metallo cobalto e cromo. Il primo fornisce buona suscettibilità dei tessuti, il secondo - forza.
  • In apparenza, assomiglia ad un tubo lungo circa 1 cm, dal 2,5 al 5-6 mm di diametro, le cui pareti sembrano una griglia.
  • La struttura a maglia consente di modificare il diametro dello stent dal minimo necessario al luogo di blocco, al massimo necessario per espandere l'area ristretta.
  • Coperto con sostanze speciali che bloccano la coagulazione del sangue. Vengono rilasciati gradualmente, impedendo la reazione del sistema di coagulazione e la formazione di coaguli di sangue nello stent stesso.
Clicca sulla foto per ingrandirla

I campioni più vecchi di stent presentano notevoli inconvenienti, il principale dei quali è la mancanza di rivestimento anticoagulante. Questo è uno dei motivi principali per lo stent non riuscito a causa dell'occlusione.

I veri vantaggi del metodo

Stenting delle arterie del cuore non è l'unico modo per ripristinare il flusso sanguigno coronarico. Se così fosse, il problema della malattia coronarica sarebbe già stato risolto. Ma ci sono dei vantaggi che consentono allo stenting di essere considerato un metodo di trattamento veramente efficace e sicuro.

Tecniche concorrenti con lui - chirurgia di bypass delle arterie coronarie e terapia farmacologica. Ciascuno dei metodi presenta alcuni vantaggi e svantaggi. Nessuno di questi deve essere usato secondo un principio di modello, ma individualmente confrontato con il decorso della malattia in un particolare paziente.

Il principio del bypass coronarico

La tabella mostra le caratteristiche comparative delle tecniche chirurgiche al fine di evidenziare i reali vantaggi dello stent coronarico.

Stenting di vasi cardiaci

La costrizione e il blocco delle arterie coronarie minacciano non solo l'ischemia (mancanza di ossigeno del miocardio), ma anche l'atrofia del muscolo cardiaco (attacco cardiaco). Stenting di vasi cardiaci aiuta a riprendere il normale flusso di sangue verso un organo vitale. Questo è il metodo più efficace per trattare l'aterosclerosi coronarica e altre patologie pericolose.

Lo stent vascolare aiuta a ripristinare il flusso di sangue al cuore.

Stenting di cuore - che cos'è?

Lo stent coronarico è un intervento chirurgico intravascolare, che prevede l'installazione di uno stent nell'arteria. La procedura ha lo scopo di espandere il lume nei vasi, che consente di riprendere un flusso di sangue sufficiente al cuore.

Tipi di stent

Uno stent coronarico è un telaio metallico che viene inserito nei vasi per ripristinare il flusso sanguigno a loro.

I principali tipi di stent:

  1. Disegni olometallici. Tali dispositivi sono realizzati in acciaio inossidabile o in una lega di cobalto e cromo.
  2. Protesi intravascolare con rivestimento medicinale (antiproliferativo). Dopo l'installazione, viene rilasciata una sostanza medicinale che impedisce la formazione di coaguli di sangue e riduce il rischio di restringimento dei vasi sanguigni.

Gli stent sono selezionati individualmente per ciascun caso, tenendo conto delle caratteristiche e della gravità della malattia.

Stent - struttura metallica

Costo del funzionamento

La quantità di stenturizzazione dei costi delle navi cardiache dipende da diversi fattori principali:

  • quali arterie sono soggette a intervento chirurgico e il livello di complessità della manipolazione;
  • il tipo di tribune, gli strumenti utilizzati nell'operazione, i medicinali, le attrezzature;
  • la qualifica della clinica in cui si svolgerà l'intervento (più alto è il livello professionale dei medici, più costoso sarà il servizio).

Se si prendono in considerazione tutte le sfumature della procedura (preparazione, esame), quindi in media il costo di stenting in Russia è di 100 mila rubli.

Indicazioni per la chirurgia

Esistono linee guida specifiche per l'installazione di uno stent:

  • nelle prime ore dopo una compromissione acuta del flusso sanguigno al muscolo cardiaco (infarto del miocardio);
  • fame di ossigeno miocardico (ischemia) in un decorso asintomatico;
  • angina severa;
  • re-stent a causa di un forte restringimento dei vasi nel sito della protesi o grave trombosi in questa zona;
  • attacchi di angina durante la settimana dopo un attacco di cuore.
Un'indicazione per l'introduzione nei vasi di una struttura metallica può essere l'angina, che è comparsa dopo lo smistamento.

Lo stent viene eseguito per trattare l'ischemia del cuore.

Come viene eseguito lo stent

L'installazione di una protesi nelle navi coronarie è un'alternativa altamente efficace per bypassare la chirurgia. Una caratteristica del metodo è la chirurgia intravascolare senza incisione del torace.

La procedura si svolge in più fasi:

  • attraverso l'arteria femorale, un catetere con uno stent sulla punta si sposta nell'area interessata;
  • sul sito del restringimento viene impostata la cornice, che forma la larghezza desiderata della nave per il normale movimento del flusso sanguigno;
  • l'intero corso della procedura viene visualizzato sul monitor.

Lo stent viene inserito attraverso l'arteria femorale.

La durata dell'operazione è compresa tra 1 e 3 ore. Durante questo periodo possono essere installate diverse strutture. Il posizionamento dello stent sul cuore avviene in anestesia locale.

Possibili conseguenze e complicazioni

Sebbene lo stent cardio sia il trattamento più efficace per l'aterosclerosi, l'ischemia e l'infarto, tale intervento al cuore può causare conseguenze negative.

Tabella "Complicazioni generali e locali dopo stenting"

Le reazioni negative dopo il posizionamento dello stent sono rare. Fondamentalmente, la manipolazione dà risultati positivi, prolungando così la vita dei pazienti.

Riabilitazione dopo stenting vascolare

Il recupero dallo stent include terapia farmacologica, cambiamenti nella dieta e uno sforzo fisico speciale.

Trattamento farmacologico

Dopo un intervento minimamente invasivo, è importante sottoporsi a un ciclo di farmaci per evitare nuovi coaguli di sangue e ridurre il rischio di restringimento dei vasi coronarici.

  1. Farmaci antiagreganti - inibiscono l'attivazione dei coaguli di sangue, fluidificano il sangue. Nel primo anno, dovresti prendere clopidogrel o plavix ogni giorno. Le compresse sono supportate da acido acetilsalicilico (Aspirina-cardio), che deve essere assunto su base continuativa per tutta la vita.
  2. Statine - farmaci che abbassano il colesterolo nel sangue. Di solito, i medici prescrivono atorvastatina.

L'atorvastatina abbassa il colesterolo nel sangue

Dieta dopo l'intervento chirurgico

Per normalizzare il metabolismo del corpo, abbassare il colesterolo e stabilizzare il peso corporeo, è importante aderire alla corretta alimentazione. La dieta è uno dei componenti principali della riabilitazione dopo stenting.

Tabella "Prodotti vietati e limitati"

I seguenti alimenti dovrebbero essere presenti nella dieta quotidiana:

  • frutta fresca, bacche, verdure e verdure (prezzemolo, aneto), frutta fresca o frutta;
  • latticini a basso contenuto di grassi (yogurt, kefir, ryazhenka);
  • insalata con cavolo marino, è possibile aggiungere petto di pollo (tacchino), piatti di verdure, condito con olio di oliva o di girasole;
  • brodi vegetali;
  • agnello, vitello, manzo (facoltativo).

Durante il giorno, si consiglia di bere i fianchi di brodo o la tintura di crusca di frumento. Hanno un effetto positivo sulla circolazione sanguigna e sul lavoro del cuore nel suo complesso.

Una corretta alimentazione dopo il posizionamento dello stent migliora l'effetto della terapia farmacologica e riduce la durata della riabilitazione.

Attività fisica

La terapia fisica (terapia fisica) - è la base del restauro del cuore dopo l'intervento chirurgico. Una serie di esercizi viene selezionata da uno specialista individualmente per ciascun paziente.

Esempi di esercizi in posizione seduta:

  1. Piedi vicino alle ginocchia, mani abbassate. Durante l'inspirazione, gli arti superiori dovrebbero essere sollevati verso l'alto, mentre sull'esagono dovrebbero essere abbassati verso il basso Fai 5-6 movimenti per ogni direzione.
  2. Gambe piegate alle ginocchia, larghezza delle spalle a parte, braccia ai lati. Mentre inspiri, solleva gli arti superiori verso l'alto e inclina il busto in avanti, mentre espiri, sedili dritto.
  3. Metti le mani in vita, le gambe chiuse alle ginocchia, i talloni premuti sul pavimento. Fai torso alternativamente a sinistra e a destra 3-5 volte per ciascun lato.
  4. Gambe da riunire, braccia da piegare in una curva a gomito e disporre parallelamente a un pavimento. In questa posizione, fare movimenti circolari degli arti superiori in senso orario 4-6 volte.

Esercizi per rafforzare il cuore

Il prossimo passo nell'attività fisica sono i movimenti che vengono eseguiti in posizione eretta. Ogni esercizio è fatto almeno 5-7 volte.

  1. Gambe - larghezza delle spalle divaricate, braccia - lungo il corpo. Per prima cosa, contemporaneamente metti da parte il braccio e la gamba destra, dopo 3 secondi ritorna alla posizione di partenza e fai lo stesso con gli arti sinistri.
  2. Mani giù, gambe unite. Gli arti superiori descrivono il cerchio, prima in senso orario e poi contro di esso.
  3. Disporre le mani sulla vita, le gambe divaricate. Fai con attenzione il movimento rotatorio del corpo prima in una direzione, poi nell'opposto.
  4. Arti superiori: lungo il corpo, gambe unite. Camminare sul posto per 12-20 minuti.

Movimento rotazionale del corpo

È importante ricordare che tali esercizi non possono essere eseguiti ad alta o alta pressione. Non è permesso condurre la terapia fisica e a bassa pressione. Inoltre, lo sforzo fisico è temporaneamente vietato se provoca dispnea e tosse.

La terapia fisica scelta correttamente aiuta a controllare il peso, il livello di colesterolo nel sangue, rafforza il sistema immunitario ed è una buona prevenzione della comparsa di coaguli di sangue. Pertanto, l'attività fisica deve necessariamente essere presente nel periodo di riabilitazione. In combinazione con uno stile di vita sano, un regime giornaliero adeguato e una dieta, contribuiscono al rapido recupero dell'attività cardiaca.

Controindicazioni per stenting

L'operazione di installazione della protesi nell'arteria coronaria non ha controindicazioni assolute. Può essere rifiutato solo se è impossibile per il paziente ricevere una terapia antiaggregante.

Controindicazioni relative:

  • violazione delle principali funzioni dei reni (forma acuta e cronica);
  • la presenza di processi infettivi e infiammatori nel corpo;
  • gravi problemi con la formazione del sangue;
  • disturbi della funzione respiratoria;
  • sconfitta del letto coronario di natura diffusa, che non consente al catetere di passare al luogo della sconfitta.

Tali restrizioni possono essere reversibili, se vengono eliminate, lo stent può essere eseguito.

Non fare stent coronarico per malattie renali.

Domanda risposta

Stenting e shunting - che è meglio?

Per rispondere a questa domanda, è necessario sapere in che modo queste due operazioni differiscono.

  1. L'installazione dello stent, a differenza dell'introduzione di uno shunt, non richiede l'apertura del torace o altre incisioni profonde.
  2. C'è abbastanza anestesia locale per stenting, mentre lo smistamento è fatto in anestesia generale, così come l'uso di un bypass cardiopolmonare.
  3. Dopo il cardioing, il periodo di recupero è molto inferiore rispetto allo smistamento.

È possibile eseguire una risonanza magnetica dopo lo stent?

Nei primi mesi dopo l'installazione dello stent, la risonanza magnetica non è raccomandata. Questo perché c'è il rischio di spostamento della protesi metallica. Per evitare patologie, la risonanza magnetica può essere prescritta 5-6 mesi dopo l'installazione della struttura.

Quanto vivere con lo stent?

Lo stent è mirato ad estendere la vita di una persona e migliorarne la qualità. Dopo tale operazione, è importante seguire tutte le raccomandazioni del medico, seguire una dieta, assumere farmaci ed esercitare la terapia. La durata della sua vita dipende da quanto coscienziosamente il paziente soddisfa tutti i requisiti.

È possibile ottenere una disabilità dopo lo stent?

L'installazione di strutture metalliche all'interno delle arterie coronarie implica la ripresa della disabilità umana in breve tempo. Pertanto, lo stent trasferito non è un motivo di disabilità. Un'eccezione può essere una concomitante cardiopatia, in conseguenza della quale il paziente presenta limitazioni di stress fisico ed emotivo.

Nella lotta contro la malattia coronarica, infarto e stenosi arteriosa è il metodo più efficace di stenting coronarico. Non richiede il taglio della gabbia toracica, ha una riabilitazione relativamente a breve termine e ben tollerato dai pazienti. La protesi si espande i vasi sanguigni, riprende il flusso di sangue sufficiente a cuore, che aiuta a prolungare la vita del paziente. La cosa principale dopo l'intervento chirurgico di seguire le regole di trattamento, il bastone alla vostra dieta e vivere uno stile di vita sano.

Recensioni

"Ho avuto uno stent installato dopo un attacco di cuore. L'operazione ha sofferto bene. Tuttavia, all'inguine è stato un grande ematoma, ma ha iniziato ad andare in una settimana. Dopo la dimissione, ho dovuto limitarsi in molte chicche (caffè, cioccolato, salsa calda - mi piace)., Fare più esercizio fisico e un bastone speciale per uno stile di vita sano "

"Ha subito due grandi infarti con un gap mensile. Dopo un esame completo si è constatato che stenting non voglio aiutare, e il bypass di fronte alla morte. I medici prescrivono una lista enorme per tutta la vita di droga e invitati a sperare per il meglio, che io sto facendo per 2 anni ".

"Ho sofferto di angina per molto tempo. I medici raccomandano l'uso di stent, in quanto sono necessari prerequisiti per una forte ostruzione vascolare. Ma il costo dell'operazione si è rivelato molto pesante per me (ho contato 85 mila rubli). Sono un pensionato e non ho questi risparmi. Pertanto, mentre la procedura rifiutata.

Vota questo articolo
(3 voti, media 5,00 su 5)

Il trattamento più delicato nella chirurgia cardiaca: stent coronarico dei vasi cardiaci

Lo stenting coronarico è uno dei metodi più benigni e moderni per il trattamento di vasi cardiaci ristretti nella chirurgia cardiaca. Ti permette di espandere il lume dei vasi sanguigni, ripristinare la normale circolazione sanguigna e la nutrizione dei tessuti, prevenire lo sviluppo di infarti e ictus.

Storia del metodo

La prima operazione fu eseguita alla fine degli anni settanta del XX secolo dal cardiologo tedesco Andreas Grünzig. Il suo paziente era un giovane trentasettenne affetto da ipertensione e sull'orlo di un ictus.

Per salvarlo da forti dolori, il medico decise di provare ad espandere chirurgicamente il lume dei vasi con un semplice getto gonfiabile, fatto letteralmente da mezzi improvvisati. L'esperimento ha avuto successo. Il cateterismo cardiaco, eseguito dopo 20 anni, ha dimostrato che l'arteria trattata rimane ancora aperta.

Stent moderno

Gli sviluppi del Grünzig divennero la base per la nascita del metodo e divennero la base per la creazione di moderni metodi di conduzione delle operazioni per l'espansione dei vasi sanguigni.

Cos'è uno stent?

Uno stent è una speciale costruzione elastica a forma di una cornice cilindrica in metallo o plastica. Nel corpo, prevede l'espansione di una certa area per una migliore permeabilità dei fluidi. In questo caso, stiamo parlando dell'installazione nell'arteria per stabilire il flusso di sangue, ma può anche essere installato nell'intestino, nell'esofago, nell'uretere e nelle vie biliari.

Tipi di stent

Nella pratica chirurgica, sono suddivisi nei seguenti tipi.

metallo nudo

Utilizzato con successo in situazioni acute (infarto del miocardio, angina instabile), per il trattamento di stenosi di grandi arterie coronali del cuore con un basso rischio di restenosi (restringimento). Sono fatti di varie leghe metalliche - tantalio, nitinol, iridio, platino, leghe di cobalto.

Con rivestimento medicinale

Trovato uso diffuso nel trattamento chirurgico della malattia coronarica. Cytostatic (drug coating) previene lo sviluppo di complicazioni - riocclusione e restenosi. Suddiviso in diversi tipi:

  • I disegni della quarta generazione (scafolds) sono i più moderni e rilevanti per la chirurgia cardiaca. Il loro principale vantaggio è il completo riassorbimento. Il diametro del lume dei vasi rimane quasi identico alla dimensione fisiologica.
  • Le costruzioni di terza generazione sono realizzate con o senza rivestimento polimerico autoassorbibile. La medicina viene quindi fissata sulla parete porosa della struttura, rilasciandola gradualmente nel corpo. La maggior parte delle cliniche europee lavora con loro.
  • Gli stent di seconda generazione (biocompatibili) non mostrano risultati negativi nel trattamento della stenosi coronarica, hanno un basso rischio di sviluppare trombosi. Spesso usato in Russia.
  • I disegni della prima generazione non sono quasi mai utilizzati a causa del frequente verificarsi di complicazioni - trombosi precoci e tardive, microaneurismi, sviluppo di un infarto.

Inoltre, gli stent coronarici sono suddivisi in:

  • Filo fatto da un unico filo sottile.
  • Anello: raccolto dai singoli collegamenti.
  • Maglia - sotto forma di rete intrecciata.
  • Tubolare - da un tubo cilindrico.

vantaggi

Rispetto ad altri metodi chirurgici, lo stent ha evidenti vantaggi:

  • Il principale di questi è che l'operazione si riferisce alla chirurgia minimamente invasiva. Al medico non è richiesto di aprire lo sterno, come quando si esegue un intervento chirurgico aperto sul cuore. Il processo viene eseguito attraverso una piccola puntura sulla pelle (circa 2 mm) nel punto di inserimento del catetere.
  • La procedura viene eseguita con l'introduzione dell'anestesia locale. Il paziente per tutto il tempo rimane nella mente. Questo elimina le possibili complicazioni e gli effetti collaterali associati all'introduzione dell'anestesia profonda.
  • Non hai bisogno di stare in ospedale per molto tempo. Il paziente è dimesso a casa per 3-4 giorni.
  • Prestazioni elevate: in circa l'80-95% dei casi (a seconda del tipo di supporto e rivestimento).

carenze

Gli svantaggi del metodo sono:

  • Il rischio di complicazioni (infarto, formazione di trombi, ecc.) E restenosi (nel 15% dei casi su 100%). Si raccomanda ai pazienti con un'alta percentuale di rischio di restenosi di installare strutture con rivestimento di un farmaco.
  • Nonostante la praticità della procedura, il processo di installazione richiede molto tempo, soprattutto se c'è una grande quantità di calcio nel corpo.
  • Lo svantaggio del metodo è anche il suo uso limitato nella chirurgia cardiaca. Non può essere utilizzato in caso di rilevazione di prolungata vasocostrizione, danni alle arterie nel sito di diramazione. L'impianto di uno stent nei piccoli vasi sanguigni del cuore è impossibile.

Indicazioni e controindicazioni

L'operazione può essere assegnata nei seguenti casi:

  • Infarto miocardico nella fase acuta (le prime ore del suo sviluppo).
  • Progressione dell'angina con convulsioni frequenti e imprevedibili, nonché angina post-infartuale precoce, quando le convulsioni si ripresentano durante il trattamento dell'infarto del miocardio.
  • Per mantenere il flusso sanguigno artificiale dopo lo smistamento. Per 10 anni ha una proprietà di restringimento.
  • Complicazioni dopo uno stent precedentemente installato (restenosi, trombosi).

Controindicazioni:

Le controindicazioni relative possono essere:

  • Malattia coronarica diffusa
  • Insufficienza respiratoria e renale in forma grave.
  • Disturbi della coagulazione del sangue
  • Il diametro dell'arteria è inferiore a 3 mm.
  • Allergia a iodio e droghe contenenti iodio. In questo caso, prima dell'intervento chirurgico, al paziente può essere somministrata una terapia medica, riducendo il rischio di complicanze.

Preparazione per la chirurgia

Prima dell'operazione, al paziente vengono assegnati tutti i test e gli esami necessari per valutare le condizioni fisiologiche del paziente, per valutare la natura del flusso sanguigno nell'area interessata, il grado di restringimento delle arterie e il loro blocco, la velocità del flusso sanguigno, ecc. Questi includono:

  • Ispezione e studio dettagliato della storia. Il medico raccoglie dati sulla presenza di malattie croniche, interventi medici condotti, precedenti malattie cardiache, ecc.
  • Esame completo del sangue e delle urine, biochimica, coagulogramma, analisi del sangue per l'HIV e l'epatite.
  • Diagnostica dell'attività cardiaca e vasi: ecocardiografia, ECG, mappatura Doppler, monitoraggio Holter, risonanza magnetica, tomografia computerizzata del cuore, ecografia (esame Doppler e duplex), angiografia coronarica.

Regole di preparazione

Alla vigilia della procedura, il medico chiede al paziente di seguire una serie di semplici regole:

  • L'ultimo pasto dovrebbe essere non più tardi di 8-9 pm. Alla vigilia non si può mangiare nulla di grasso, affumicato, salato, usare bevande zuccherate gassate e alcol. La cena dovrebbe essere leggera e al mattino è permesso bere solo acqua naturale.
  • Farmaci pre-prescritti per fluidificare il sangue (aspirina), riducendo la frequenza delle complicanze ischemiche. Possono anche essere somministrati Clopidogrel, ticrelor, ticlopidina e altri inibitori del recettore piastrinico P2Y12.
  • Il paziente deve informare il medico sull'uso dei farmaci e sul loro dosaggio. È possibile che alcuni di loro debbano essere temporaneamente cancellati. È anche importante segnalare la presenza di allergie agli anestetici locali e allo iodio.
  • Prima della procedura, è necessario rimuovere lenti a contatto e gioielli (catene, orecchini, anelli).
  • Una puntura per l'inserimento del catetere verrà posizionata sul braccio o sulla gamba. Se hai intenzione di fare una foratura nell'area inguinale, dovrai radere i capelli in quest'area.

Come viene eseguita l'operazione

La procedura viene eseguita in più fasi:

  • In primo luogo, il medico imposta il monitoraggio delle funzioni fisiologicamente importanti del corpo (monitoraggio della pressione arteriosa e della frequenza respiratoria, ECG).
  • 25-30 minuti prima della procedura, viene eseguita la premedicazione, i sedativi vengono iniettati.
  • Il paziente giace sul tavolo, il medico cura l'area della puntura, disinfetta, inietta un anestetico locale. Il processo viene eseguito in anestesia locale. Il paziente per tutto il tempo sarà cosciente e seguirà rigorosamente le istruzioni del medico.
  • L'accesso endovenoso avviene attraverso l'arteria femorale comune (transfemorale) o attraverso l'arteria radiale dell'avambraccio (transradiale).
  • Dopo la puntura, un conduttore con un catetere diagnostico viene inserito nell'arteria e portato all'aorta ascendente. Quindi un catetere a palloncino viene installato lungo la guida al posto dell'arteria ristretta e gonfiato con una siringa speciale. Quando il pallone viene gonfiato, la placca aterosclerotica viene premuta contro la parete del vaso, il lume aumenta. La procedura è indolore e viene eseguita sotto controllo radiografico.
  • Successivamente, il medico procede con il trapianto di stent. Per questo, un catetere a palloncino installato viene rimosso e un nuovo catetere con uno stent è installato al suo posto. Il pallone viene nuovamente gonfiato sotto una certa pressione e rimosso dall'arteria. Lo stent forma una robusta struttura ausiliaria che aiuta l'arteria a rimanere aperta.
  • Dopo la procedura, il paziente viene trasferito all'unità di osservazione intensiva e quindi trasferito al reparto, dove viene nominato prima della dimissione.

Periodo di riabilitazione

Di norma, il paziente viene dimesso dall'ospedale per 2-3 giorni. Dopo l'intervento chirurgico, è molto importante seguire tutte le raccomandazioni del medico curante in modo che il recupero abbia successo.

  • Nei primi giorni dopo l'ospedale dovrebbe limitare l'attività fisica, non sollevare pesi.
  • Entro due giorni, si raccomanda di bere molti liquidi per pulire il corpo di agenti anestetici e di contrasto.
  • Non puoi fare la doccia durante il primo giorno.
  • È importante riposare di più, acquisire forza e monitorare un'alimentazione corretta.

dieta

La dieta dovrebbe essere mirata a regolare i livelli di peso e di colesterolo nel sangue. Questi sono fattori molto pericolosi che causano malattie cardiache.

Principi della dieta

  • Esclusione dalla dieta di cibi grassi e ipercalorici. I prodotti devono contenere la quantità minima di grasso animale. Sono esclusi: agnello, maiale, panna acida, semilavorati, strutto.
  • Ridurre l'assunzione di zucchero e sale.
  • Limitare il consumo di carboidrati raffinati (dolci, pasticcini).
  • Escludere il consumo di varie salse e additivi (margarina, ketchup, maionese). Sostituire il burro con olio vegetale.
  • Non usare tè nero e caffè. Possono essere sostituiti da cicoria, tè verde debole e tisane.
  • È necessario aggiungere alla dieta più frutta e verdura fresca, cereali, zuppe di verdure, stufati e insalate, carni magre, frutti di mare, bevande alla frutta, bevande a base di frutti di bosco, kefir, acidophilus, pane.
  • Si consiglia di abbandonare cibi affumicati, salati e fritti. Il cibo è preferibile cucinare in forno o in una doppia caldaia.
  • Mangiare dovrebbe essere frazionario (in piccole porzioni 5-6 volte al giorno). L'ultimo pasto è di tre ore prima di andare a dormire.

Terapia farmacologica

I farmaci da prescrizione sono necessari per rafforzare il corpo, una buona riabilitazione, la prevenzione della trombosi e altre possibili complicanze. Di norma, questi includono:

  • Aspirina - per molto tempo.
  • Clopidogrel o altri farmaci simili (Cardutol, Agregal, Trombex, Troken).
  • Statine in caso di colesterolo alto.
  • Complessi vitaminici e minerali riparatori per il cuore.

l'esercizio fisico

L'esercizio moderato è utile per le malattie cardiache. Aiutano a rallentare lo sviluppo dell'aterosclerosi, a normalizzare la pressione sanguigna, a formare il muscolo cardiaco, a rafforzare il corpo, a mantenere il peso normale.

L'intensità e la modalità di allenamento sono selezionate individualmente in base allo stato fisiologico dei pazienti. Durante il periodo di recupero, sono utili corsi di fisioterapia, passeggiate, nuoto, ciclismo.

complicazioni

Come con qualsiasi altra procedura chirurgica, durante lo stent possono svilupparsi complicazioni.

  • Complicanze intraoperatorie (insorgenti nel corso del lavoro): attacco di stenocardia, infarto miocardico, aritmie cardiache, reazioni allergiche ai farmaci. In circa l'1,5% dei casi, il sanguinamento può svilupparsi.
  • Complicazioni postoperatorie precoci: tachicardia, aritmia, ematoma nell'area della puntura, trombosi, aneurisma, infarto.
  • Complicazioni tardive: infarto, trombosi, restenosi.

La probabilità di morte è dello 0,1%. È interessante notare che, secondo le statistiche, lo 0,3% delle donne durante il parto muoiono ogni anno nel mondo e il 9,3% dei decessi si verifica in caso di incidenti stradali. Pertanto, la percentuale è piuttosto bassa.

Dove fare l'intervento chirurgico

Lo stenting delle arterie coronarie può essere effettuato su base retribuita e gratuita.

  • Per ottenere un servizio su base di bilancio, è necessario contattare la clinica cittadina del luogo di residenza a un terapeuta o cardiologo e imparare in dettaglio le condizioni. Alcune cliniche forniscono assistenza medica quota. Ad esempio, a Mosca è possibile applicare una quota al Centro di ricerca e produzione della cardiologia russa.
  • A pagamento, in Russia, puoi fare un'operazione nel Centro di Mosca per la chirurgia cardiovascolare. Burdenko, nella clinica Medical Center GMS, SRI SP li. II Janelidze a San Pietroburgo e altre istituzioni mediche. Il costo medio è di 100-136 mila rubli.
  • Fornire un tale servizio in altri paesi, ad esempio nella clinica israeliana Asaf ha Rofe. Il costo dell'operazione qui è di 13 mila dollari, inclusi tre stent. Stenting è comune nelle cliniche della Corea del Sud - Gil Hospital presso la Gachon University di Inchon, Ilsan Medical Complex presso la Donguk University di Koyang, e anche in molte istituzioni in Germania, dove gli stenting costano fino a 10.000 euro. Nonostante un prezzo così alto, i pazienti lasciano un feedback molto positivo sul trattamento nelle cliniche europee.

prospettiva

L'efficacia dello stent coronarico è piuttosto elevata. La procedura è abbastanza moderna, indolore, invasiva, richiede un po 'di tempo, ha un feedback positivo. Questo lo rende popolare nel campo della cardiologia.

Per quanto riguarda le proiezioni remote, esse dipendono direttamente dalla qualità della procedura, dal tipo di stent e dalla terapia di riabilitazione che il paziente riceverà. La restenosi si verifica in circa il 15% dei casi.

Chirurgia per stenting i vasi del cuore (arterie coronarie): l'essenza, il costo, il risultato

stent nell'arteria coronaria del cuore

Un paziente con ischemia miocardica è costretto a prendere costantemente alcuni farmaci che impediscono la formazione di coaguli di sangue, ipertensione e alti livelli di colesterolo nel sangue. Tuttavia, nonostante il trattamento medico in corso, i pazienti con stenosi significativa spesso sviluppano infarto miocardico acuto. Un metodo eccellente per il trattamento della cardiopatia coronarica e la prevenzione di infarto è installare uno stent nel lume dell'arteria coronaria.

Lo stent è una sottile struttura metallica sotto forma di una rete flessibile, che viene inserita nel lume dell'arteria in uno stato compresso, e quindi si espande, come una molla. A causa di ciò, le placche aterosclerotiche "premono" sulla parete dell'arteria e la parete della nave espansa in questo modo non è più stenotica.

Tipi di stent

Attualmente, gli stent fatti di una lega di cobalto e cromo, sotto forma di filo metallico, rete, tubolari e strutture ad anello vengono utilizzati nella chirurgia vascolare. Le principali qualità degli stent dovrebbero essere la radiopacità e una buona sopravvivenza nella parete del lume. Recentemente, molti stent sono stati rivestiti con sostanze medicinali che impediscono la crescita della parete interna del vaso (intima), e quindi il rischio di recidiva di stenosi (restenosi) è ridotto. Inoltre, tale rivestimento elimina la deposizione di coaguli di sangue su un corpo estraneo nel lume della nave, che è lo stent. Pertanto, la copertura farmacologica riduce il rischio di infarto miocardico ricorrente.

Direttamente, il design dello stent per un particolare paziente viene selezionato dal cardiochirurgo. Ad oggi, non vi è alcuna differenza fondamentale tra la forma degli stent, dal momento che sono tutti progettati in conformità con le differenze anatomiche nei diversi pazienti e svolgono pienamente la loro funzione.

In che modo lo stent è diverso dallo smistamento?

Entrambe le operazioni sono attualmente metodi di trattamento radicale della stenosi dell'arteria coronaria. Ma tra loro differiscono in modo significativo. L'operazione di stenting cardiaco è l'introduzione nel corpo umano di una specie di conduttore che aiuta l'arteria stenotica a funzionare normalmente. Lo stent è un corpo estraneo.

Nell'intervento di bypass aorto-coronarico (CABG), l'arteria o la vena del paziente viene utilizzata come vaso per consentire il flusso di sangue al cuore. Cioè, viene creata una soluzione che supera un ostacolo nella forma di un sito di stenosi e l'arteria coronaria colpita viene disattivata dal flusso sanguigno.

Nonostante le differenze nella tecnica dell'operazione, le indicazioni per loro sono quasi le stesse.

Indicazioni per stenting

L'operazione di stenting dell'arteria coronaria è indicata per i pazienti con le seguenti forme di malattia coronarica:

  • L'angina progressiva è un aumento della durata e dell'intensità degli attacchi di dolori al petto che non possono essere fermati assumendo nitroglicerina sotto la lingua,
  • Sindrome coronarica acuta (stato pre-infarto), che minaccia lo sviluppo di infarto miocardico acuto nel prossimo futuro senza trattamento,
  • Infarto miocardico acuto,
  • Angina postinfartuale precoce - attacchi di dolore cardiaco che si verificano nelle prime settimane dopo un infarto acuto,
  • Angina stabile pectoris 3-4 FC, quando frequenti, prolungati attacchi dolorosi riducono significativamente la qualità della vita del paziente,
  • Stenosi ripetuta o trombosi di uno stent o shunt precedentemente installato (dopo un'operazione di shunt aorto-coronarico).

aterosclerosi stenotica delle arterie coronarie - il prerequisito principale per l'operazione

È preferibile installare lo stent medicato nelle seguenti categorie di pazienti:

  1. Persone con diabete, funzionalità renale compromessa (pazienti sottoposti ad emodialisi),
  2. Persone ad alto rischio di sviluppare ristenosi,
  3. Pazienti che hanno subito un intervento chirurgico per installare uno stent scoperto, che hanno sviluppato stenosi ricorrente,
  4. Pazienti con stenosi ricorrente dello shunt dopo l'intervento chirurgico CABG.

Controindicazioni per la chirurgia

Lo stent di emergenza, ad esempio, nell'infarto miocardico acuto, può essere installato anche in un paziente in gravi condizioni, se è causato da una malattia cardiaca. Tuttavia, la chirurgia può essere controindicata nei seguenti casi:

  • Ictus acuto
  • Malattie infettive acute
  • Insufficienza epatica e renale allo stadio terminale,
  • Emorragia interna (gastrointestinale, polmonare),
  • Violazione del sistema di coagulazione del sangue con alto rischio di emorragia potenzialmente letale.

L'operazione di stenting delle arterie coronarie sembra poco pratica quando la lesione aterosclerotica ha una grande estensione e il processo copre diffusamente le arterie. In questo caso, è meglio ricorrere alla chirurgia di bypass.

Preparazione e conduzione dell'operazione

Lo stent può essere eseguito in caso di emergenza o pianificato. In una operazione di emergenza, eseguire prima l'angiografia coronarica (CAG), i cui risultati decideranno immediatamente sull'introduzione dello stent nei vasi. La preparazione preoperatoria in questo caso è ridotta all'introduzione nel corpo del paziente di agenti antipiastrinici e anticoagulanti - farmaci che prevengono l'aumento della coagulazione del sangue (per evitare coaguli di sangue). Di norma vengono utilizzate eparina e / o clopidogrel (warfarin, xarelto, ecc.).

Prima dell'operazione pianificata, il paziente deve eseguire i metodi di ricerca necessari per chiarire il grado di lesione vascolare, nonché valutare l'attività contrattile del miocardio, zona ischemica, ecc. Per questo, il paziente viene prescritto CAG, ecografia del cuore (ecocardiografia), ECG standard e con un carico, attraverso un'elettrostimolazione esofagea miocardio (CPEFI - studio elettrofisiologico transesofageo). Dopo che tutti i metodi diagnostici sono stati completati, il paziente viene ricoverato presso la clinica dove verrà eseguita l'operazione.

Una cena leggera è consentita la sera prima dell'operazione. È probabile che sarà necessario cancellare alcuni farmaci cardiologici, ma solo come indicato dal medico curante. La colazione prima dell'intervento chirurgico non è consentita.

Lo stent diretto viene eseguito in anestesia locale. Non è richiesta l'anestesia generale, la dissezione del torace e dello sterno e il collegamento del cuore alla macchina cuore-polmone (AIC). All'inizio dell'operazione, l'anestesia locale della pelle viene effettuata nella proiezione dell'arteria femorale, a cui si accede da una piccola incisione. Un introduttore introduttore viene introdotto nell'arteria, attraverso il quale un catetere con uno stent montato all'estremità viene portato all'arteria coronaria interessata. Sotto il controllo delle apparecchiature a raggi X, viene controllata la posizione esatta dello stent nel sito di stenosi.

Successivamente, il palloncino, che è tutto il tempo all'interno dello stent in uno stato compresso, viene gonfiato con l'aiuto di iniezione d'aria, e lo stent, essendo un disegno a molla, si raddrizza, fissandosi saldamente nel lume dell'arteria.

Dopo di ciò, viene rimosso un catetere con un palloncino, viene applicata una benda asettica stretta sull'incisione cutanea e il paziente viene trasferito all'unità di terapia intensiva per ulteriori osservazioni. L'intera procedura dura circa tre ore ed è indolore.

Dopo lo stent, il paziente viene osservato per il primo giorno nel reparto di terapia intensiva, quindi trasferito in un reparto normale, dove è ancora circa 5-7 giorni prima della dimissione dall'ospedale.

Video: stenting, animazione medica

Possibili complicazioni

A causa del fatto che lo stenting dell'arteria coronaria è un metodo invasivo di trattamento dell'ischemia, cioè viene introdotto nei tessuti corporei, è possibile che si sviluppino complicazioni postoperatorie. Ma grazie a materiali e tecniche di intervento moderni, il rischio di complicanze è ridotto al minimo.

Pertanto, le complicanze intraoperatorie (durante l'intervento chirurgico) sono l'insorgenza di aritmie potenzialmente letali (fibrillazione ventricolare, tachicardia ventricolare), un'incisione dell'arteria coronaria (dissezione) e un esteso infarto miocardico.

Le complicazioni postoperatorie precoci sono la trombosi acuta (sedimentazione di coaguli di sangue nel sito di posizionamento dello stent), aneurisma della parete vascolare con probabilità di rottura e disturbi del ritmo cardiaco.

Una successiva complicanza dopo l'intervento chirurgico è la restenosi della proliferazione del rivestimento interno del vaso sulla superficie dello stent dall'interno con la comparsa di nuove placche aterosclerotiche e coaguli di sangue.

La prevenzione delle complicanze consiste nell'attento monitoraggio a raggi X dell'impianto di stent, nell'uso di materiali di altissima qualità, nonché nel prendere i farmaci necessari dopo l'intervento chirurgico per trattare l'aterosclerosi e ridurre la formazione di coaguli di sangue. Anche l'atteggiamento corretto del paziente gioca un ruolo significativo, perché in qualsiasi campo chirurgico è noto che i periodi postoperatori in pazienti con una mente positiva sono più favorevoli rispetto a quelli inclini all'ansia e all'ansia. Inoltre, le complicanze si sviluppano in meno del 10% dei casi.

Stile di vita dopo chirurgia

Di norma, nel 90% dei casi, i pazienti annotano l'assenza di attacchi di angina. Tuttavia, questo non significa che puoi dimenticare la tua salute e continuare a vivere come se nulla fosse accaduto. Ora devi prenderti cura del tuo stile di vita e, se necessario, correggerlo. Basta seguire semplici regole:

  1. Smetti di fumare e bevi forti bevande alcoliche.
  2. Seguire i principi di una sana alimentazione. Non c'è bisogno di esaurirsi con diete da fame costanti nella speranza di normalizzare il colesterolo alto nel sangue (come base per lo sviluppo dell'aterosclerosi). Al contrario, dovresti assumere proteine, grassi e carboidrati dal cibo, ma il loro apporto deve essere bilanciato ei grassi "utili". Le carni grasse, il pesce e il pollame dovrebbero essere sostituiti con quelli a basso contenuto di grassi e inoltre escludere completamente dalla dieta cibi fritti e fast food. Ottieni più verdure, verdure fresche e frutta, prodotti lattiero-caseari. Utili anche prodotti a base di cereali e oli vegetali - oliva, semi di lino, girasole, mais.
  3. Assumere farmaci prescritti da un medico - ipolipemizzanti (se colesterolo alto), antipertensivi, antiaggreganti e anticoagulanti (sotto controllo mensile della coagulazione del sangue). Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla nomina dell'ultimo gruppo di farmaci. Quindi, nel caso di installazione di uno stent semplice, la "doppia prevenzione" della sua trombosi consiste nel prendere Plavix e Aspirina nel primo mese dopo l'operazione, e nel caso di uno stent rivestito di farmaco nei primi 12 mesi. La sospensione prematura del farmaco secondo il regime prescritto dal medico è inaccettabile.
  4. Elimina esercizio fisico e sport significativi. Adeguati carichi di deambulazione, corsa leggera o nuoto sono adeguati alle condizioni del paziente.
  5. Dopo l'intervento, visita un cardiologo nel luogo di residenza secondo i suoi appuntamenti.
  6. Lo stent non è un'operazione disabilitante e se il paziente è in grado di lavorare, può continuare a lavorare.

Previsione, aspettativa di vita dopo l'intervento

La prognosi dopo l'operazione di stent è indubbiamente favorevole, poiché il flusso di sangue all'arteria interessata viene ripristinato, gli attacchi di dolore toracico scompaiono, il rischio di infarto miocardico e morte cardiaca improvvisa si riduce.

Anche l'aspettativa di vita è in aumento: più del 90% dei pazienti vive tranquillamente nei primi cinque anni dopo l'intervento. Ciò è dimostrato anche dal feedback dei pazienti la cui qualità della vita è significativamente migliorata. Secondo i pazienti e i loro parenti, gli attacchi di angina pectoris scompaiono quasi completamente, il problema dell'uso costante della nitroglicerina viene eliminato, lo stato psicologico del paziente migliora - la paura della morte scompare durante un attacco doloroso. Vicino al paziente, naturalmente, diventa anche più calmo, perché i vasi coronarici diventano passabili e, quindi, il rischio di un attacco cardiaco fatale è minimo.

Dove viene eseguito lo stent?

Attualmente l'operazione è ampiamente distribuita e viene eseguita in quasi tutte le principali città della Russia. Ad esempio, a Mosca, ad esempio, oggi ci sono molte istituzioni mediche che praticano stenting dei vasi cardiaci. Istituto di Chirurgia. Vishnevsky, Volyn Hospital, Research Institute. Sklifosovsky, li cardiocenter. Myasnikov, FGBU loro. Bakulev non è un elenco completo di ospedali che forniscono tali servizi.

Lo stent fa riferimento alle cure mediche ad alta tecnologia (HTMP) e può essere effettuato secondo una politica SGO (su base di emergenza) o secondo una quota assegnata dal bilancio regionale (su base pianificata). Per ottenere una quota, è necessario presentare una domanda al dipartimento regionale del Ministero della Salute, con allegate copie di ricerche mediche che confermano la necessità di intervento. Se il paziente può permettersi di pagare per l'operazione, può essere operato a pagamento. Quindi, il costo approssimativo dell'operazione a Mosca è: angiografia coronarica preoperatoria - circa 10 mila rubli, l'installazione di uno stent scoperto - circa 70 mila rubli, con un rivestimento - circa 200 mila rubli.

Cosa c'è di meglio - CABG o stent?

Solo un chirurgo cardiaco sarà in grado di rispondere a questa domanda riguardante ciascun particolare paziente con angina pectoris durante un esame interno. Tuttavia, sono stati identificati alcuni benefici per entrambi i trattamenti.

Quindi, lo stenting è caratterizzato da un intervento chirurgico meno traumatico, una migliore tolleranza del paziente e nessun bisogno di anestesia generale. Inoltre, il paziente trascorre un numero minore di giorni di degenza in ospedale e può mettersi al lavoro prima.

Lo smistamento viene eseguito utilizzando i propri tessuti (vene o arterie), cioè non c'è corpo estraneo nel corpo. Inoltre, la probabilità di stenosi ricorrente dello shunt è inferiore a quella dello stent. Se il paziente ha una lesione diffusa dei vasi coronarici, la chirurgia di bypass sarà in grado di risolvere questo problema, a differenza di uno stent.

Quindi, per concludere, vorrei sottolineare - nonostante il fatto che molti pazienti diffidino della possibilità di un intervento chirurgico sul cuore, dovrebbero ascoltare le raccomandazioni del medico curante e, se lo stent è necessario, dovresti dare ai tuoi pensieri un atteggiamento positivo e intraprendere un'operazione sicura. Inoltre, nel corso dei decenni di operazioni riuscite sulle navi coronarie, i medici sono stati in grado di accumulare prove sufficienti che indicano che lo stenting prolunga in modo affidabile la vita e riduce il rischio di infarto miocardico.

Stent vascolare: indicazioni, chirurgia, riabilitazione

La costrizione vascolare (stenosi) dovuta all'aterosclerosi è di grande pericolo per l'uomo. A seconda della nave colpita, una riduzione del lume può portare a malattia coronarica (CHD), alterazione della circolazione cerebrale, aterosclerosi degli arti inferiori e una serie di gravi malattie. Esistono diverse tecniche per ripristinare la pervietà arteriosa, le principali sono: trattamento conservativo, angioplastica, stenting di vasi cardiaci e altre arterie affette, intervento chirurgico di bypass delle arterie coronarie.

Inizialmente, il restringimento del lume non influisce praticamente sulla condizione umana. Ma quando la stenosi aumenta di oltre la metà, ci sono segni di una mancanza di ossigeno negli organi e nei tessuti (ischemia). In questo caso, il trattamento conservativo di solito è impotente. Sono necessarie terapie più efficaci - chirurgia intravascolare.

Uno dei modi per trattare l'ischemia è stenting. Questo è un intervento endovascolare minimamente invasivo, il cui scopo è quello di ripristinare i lumi nelle arterie affette da aterosclerosi.

Per lo stesso motivo, un catetere speciale viene inserito nell'area interessata della nave, alla fine della quale viene posizionato un palloncino. Nel luogo in cui il flusso sanguigno è disturbato, il palloncino gonfia e espande le pareti del vaso. Per mantenere il lume, nell'arteria viene installata una struttura speciale, che svolge quindi il ruolo di uno scheletro. Questo design è chiamato uno stent.

Stenting area di applicazione

    • Stenting delle arterie coronarie è richiesto quando si verificano i sintomi della malattia coronarica (CHD), così come con una maggiore probabilità di infarto del miocardio. Nell'IHD il sangue del miocardio viene disturbato e il cuore non riceve abbastanza ossigeno per il normale funzionamento. Le cellule del muscolo cardiaco iniziano a morire di fame e quindi può verificarsi una necrosi tissutale (infarto del miocardio). La causa principale della malattia coronarica è l'aterosclerosi dei vasi coronarici che rilasciano sangue al cuore. A causa di ciò, le placche di colesterolo si formano all'interno delle pareti delle arterie, restringendo il lume.A volte lo stenting cardiaco viene eseguito nel periodo acuto dell'infarto del miocardio. Se l'operazione viene eseguita entro le prime sei ore dopo lo sviluppo di un infarto, il ripristino del normale flusso sanguigno spesso salva la vita del paziente e certamente riduce il rischio di cambiamenti irreversibili nel miocardio.
  • Stenting delle arterie degli arti inferiori è il meno traumatico e allo stesso tempo un metodo molto efficace per il trattamento delle malattie dei vasi delle gambe. Nella formazione di placche e alterata circolazione del sangue durante la deambulazione, il paziente ha dolore ai fianchi, alle natiche, ai piedi e alle gambe. Sviluppandosi, la malattia porta alle conseguenze più gravi, fino alla cancrena.
  • Stenting delle arterie carotidi è un trattamento a basso impatto che consente il ripristino del lume vascolare. Le arterie carotidi forniscono sangue al cervello e la circolazione cerebrale è compromessa nella stenosi. Oltre allo stent, durante l'operazione vengono installati speciali dispositivi di protezione con membrana - filtri. Sono in grado di ritardare il microtrombi, proteggendo i piccoli vasi del cervello dal blocco, ma senza interferire con il flusso sanguigno.
  • Restenosi dell'arteria coronaria dopo angioplastica. Dopo questa procedura, in 3-6 mesi, il 50% dei pazienti va incontro a restenosi - restringimento della nave nello stesso posto. Pertanto, per ridurre la probabilità di restenosi, l'angioplastica di solito integra lo stent coronarico.
  • Nei pazienti con malattia coronarica sottoposti a intervento di bypass delle arterie coronarie, da dieci a quindici anni dopo l'intervento, può verificarsi lo shunt dello shunt. In questo caso, l'impianto di stent diventa un'alternativa alla chirurgia di bypass delle arterie coronarie ricorrenti.

Video: animazione 3D del processo di stent

Tipi di stent

L'obiettivo dello stent è quello di garantire il mantenimento delle pareti del vaso occluso. Portano un grande carico, quindi realizzano questi progetti con materiali high-tech avanzati di altissima qualità. Queste sono principalmente leghe inerti da metalli.

Nella medicina moderna, ci sono diverse centinaia di tipi di stent. Si differenziano per costruzione, tipo di cellule, tipo di metallo, rivestimento, nonché il metodo di consegna alle arterie.

I principali tipi di stent coronarici:

  1. Metallo normale senza rivestimento. Questo è il tipo di stent più comunemente utilizzato. Solitamente utilizzato in arterie ristrette di medie dimensioni.
  2. Stent rivestiti con un polimero speciale, dosati liberando una sostanza medicinale. Possono ridurre significativamente il rischio di restenosi. Tuttavia, il costo di tali stent è molto più alto del normale prezzo. Inoltre, richiedono un consumo più lungo di farmaci antipiastrinici - circa 12 mesi mentre lo stent rilascia il farmaco. La fine della terapia può causare trombosi del costrutto stesso. L'uso di uno stent rivestito è raccomandato nelle arterie di piccole dimensioni, dove la probabilità di un nuovo blocco è maggiore rispetto a quella media.

Vantaggi dello stenting

  • Non richiedere un ricovero prolungato.
  • Il corpo recupera rapidamente dopo l'intervento chirurgico.
  • Viene eseguito in anestesia locale, che consente il trattamento anche a quei pazienti che sono controindicati per l'intervento chirurgico convenzionale.
  • L'operazione è meno traumatica - non richiede l'apertura di varie parti del corpo, ad esempio lo sterno durante lo smistamento, quando viene eseguito un intervento chirurgico al cuore.
  • La probabilità di complicanze è minima.
  • Trattamento meno costoso rispetto alla chirurgia convenzionale.

Controindicazioni per stenting di navi

  • Il diametro dell'arteria è inferiore a 2,5-3 mm;
  • Scarsa coagulazione del sangue;
  • Grave insufficienza renale o respiratoria;
  • Stenosi diffusa - sconfitta area troppo grande;
  • Reazione allergica allo iodio - un componente del farmaco radiopaco.

Come viene fatto lo stent?

Prima dell'intervento, il paziente viene sottoposto a una serie di esami, uno dei quali è l'angiografia coronarica, un metodo di esame a raggi X che può essere utilizzato per identificare la condizione delle arterie e determinare la posizione esatta.

Prima dell'intervento, al paziente viene somministrato un farmaco che riduce la coagulazione del sangue. L'anestesia viene eseguita - questa è solitamente l'anestesia locale. La pelle prima dell'introduzione del catetere viene trattata con un antisettico.

Inizialmente, l'angioplastica viene eseguita di solito: una puntura viene effettuata sulla pelle nella zona dell'arteria interessata e un palloncino viene accuratamente inserito utilizzando un catetere; raggiungendo il punto di restringimento il palloncino viene gonfiato, espandendo il lume.

Nella stessa fase è possibile installare un filtro speciale dietro il sito di restrizione, per prevenire ulteriori blocchi e lo sviluppo della corsa.

Come conseguenza dell'operazione, il lume dell'arteria si apre, ma viene installato uno stent per mantenere il normale flusso sanguigno. Supporterà le pareti del vaso per prevenire possibili restringimenti.

Per installare lo stent, il medico inserisce un altro catetere dotato di un palloncino gonfiabile. Lo stent viene inserito in una forma compressa, e quando il palloncino viene gonfiato nel punto di costrizione, la struttura metallica viene espansa e fissata sulle pareti vascolari. Se la lesione ha un'estensione elevata, è possibile installare più stent contemporaneamente.

Alla fine dell'operazione, gli strumenti vengono rimossi. Il chirurgo controlla tutte le azioni utilizzando un monitor a raggi X. L'operazione dura da 1 a 3 ore e non causa dolore al paziente. Sarà un po 'spiacevole solo in quel momento in cui il pallone si gonfierà - il flusso sanguigno in questo momento è brevemente rotto.

Video: segnalazione da stenting coronarico

Possibili complicazioni dopo la procedura

In circa il 90% dei casi, dopo che lo stent è stato inserito, il normale flusso sanguigno attraverso le arterie viene ripristinato e non si presentano problemi. Ma in alcuni casi sono possibili tali complicazioni:

  1. Violazione dell'integrità delle pareti delle arterie;
  2. sanguinamento;
  3. Problemi con il funzionamento dei reni;
  4. Educazione agli ematomi del sito di puntura;
  5. Restauro o trombosi nell'area di stenting.

Una delle possibili complicazioni è l'arteria intasata. Questo è estremamente raro e, quando ciò accade, il paziente viene urgentemente inviato per un intervento chirurgico di bypass delle arterie coronarie. Solo in 5 casi su 1000 è richiesta un'operazione di emergenza, ma il paziente deve essere preparato per tale probabilità.

Le complicazioni in questa operazione sono piuttosto rare, quindi lo stenting vascolare è una delle procedure chirurgiche più sicure.

Periodo postoperatorio e riabilitazione

Dopo una procedura chirurgica come stenting, il paziente deve essere tenuto a letto per un po 'di tempo. Il medico curante controlla l'insorgenza di possibili complicanze e alla dimissione fornisce raccomandazioni su dieta, farmaci, restrizioni, ecc.

Nella prima settimana dopo l'operazione, devi limitare lo sforzo fisico e non sollevare pesi, non dovresti fare il bagno (solo una doccia). A questo punto, non è desiderabile mettersi al volante di un'auto e, se il lavoro del paziente è legato al trasporto di merci o passeggeri, non si dovrebbe guidare per almeno 6 settimane.

La vita dopo lo stent implica il rispetto di alcune raccomandazioni. Dopo l'inserimento dello stent, inizia la riabilitazione cardiaca del paziente. La sua base è dieta, terapia fisica e un atteggiamento positivo.

  • La terapia fisica deve essere praticata quasi quotidianamente per almeno 30 minuti. Il paziente deve liberarsi dal peso in eccesso, portare la forma dei muscoli, normalizzare la pressione. Quest'ultimo riduce significativamente la probabilità di infarto miocardico ed emorragia. Ridurre lo sforzo fisico non dovrebbe essere alla fine della riabilitazione.
  • Particolare attenzione dovrebbe essere rivolta al cibo: è necessario seguire una certa dieta, che non solo aiuterà a normalizzare il peso, ma anche a influenzare i fattori di rischio per CHD e aterosclerosi. La dieta dopo stenting di vasi del cuore o di altri vasi deve essere finalizzata a ridurre gli indicatori di colesterolo "cattivo" - LDL (lipoproteine ​​a bassa densità).
    La nutrizione dopo un infarto e uno stent dovrebbe essere soggetta alle seguenti regole:

  1. Ridurre al minimo i grassi: è necessario escludere i prodotti contenenti grassi animali: carni grasse e pesce, prodotti caseari ad alto contenuto di grassi, caviale, vongole. Inoltre, dovresti abbandonare caffè forte, tè, cacao, cioccolato e spezie.
  2. Il numero di prodotti con un alto contenuto di acidi grassi polinsaturi, al contrario, dovrebbe essere aumentato.
  3. Includere più verdure, frutta, bacche e cereali nel menu - contengono carboidrati complessi e fibre.
  4. Per cucinare invece di crema usare solo olio vegetale.
  5. Limitare l'assunzione di sale - non più di 5 g al giorno.
  6. Dividere i pasti in 5-6 ricevimenti, quest'ultimo viene fatto non più tardi di tre ore prima di andare a dormire.
  7. Il contenuto calorico giornaliero di tutti i prodotti consumati non deve superare 2300 kcal.
  • Il trattamento dopo lo stent è molto importante, quindi dopo un intervento chirurgico per un periodo di sei mesi a un anno il paziente dovrà assumere farmaci ogni giorno. L'angina e altre manifestazioni di ischemia e aterosclerosi non sono più presenti, ma la causa dell'aterosclerosi rimane, così come i fattori di rischio.
  • Anche se il paziente si sente bene, dopo aver inserito lo stent, deve:

    1. Prendi la medicina prescritta dal tuo medico per prevenire il rischio di coaguli di sangue. Questo di solito è Plavix e Aspirina. Questo previene efficacemente i coaguli di sangue e l'intasamento dei vasi sanguigni e, di conseguenza, riduce il rischio di infarto e aumenta la longevità.
    2. Seguire la dieta anti-colesterolo e assumere farmaci per abbassare il colesterolo. Altrimenti, lo sviluppo dell'aterosclerosi continuerà, il che significa che appariranno nuove placche, restringendo le navi.
    3. A pressione elevata, prendere i farmaci per normalizzarlo - ACE-inibitori e beta-bloccanti. Ciò contribuirà a ridurre il rischio di infarto miocardico e ictus.
    4. Se il paziente ha il diabete, seguire una dieta rigorosa e assumere farmaci per normalizzare i livelli di zucchero nel sangue.

    Molti pazienti sono preoccupati per la domanda: possono ottenere una disabilità dopo lo stent? L'operazione migliora la condizione umana e gli restituisce la normale capacità lavorativa. Pertanto, di per sé, lo stent non è un'indicazione di disabilità. Ma se ci sono condizioni concomitanti, il paziente può essere riferito a un ITU.

    Confronto tra stenting e shunt: i loro pro e contro

    Se si confronta ciò che è meglio - stenting o bypass chirurgico, è necessario prima decidere come differiscono.

    Stenting, in contrasto con lo smistamento, è un metodo endovascolare e viene eseguito senza aprire il torace e praticare grandi incisioni. Lo smistamento è spesso un intervento addominale. D'altra parte, l'installazione di uno shunt è un metodo più radicale che consente di affrontare la stenosi in caso di blocco multiplo o sovrapposizione completa. Stenting in tali situazioni è spesso inutile o impossibile.

    Il principio del bypass cardiaco

    Lo stent è più spesso usato per trattare pazienti giovani con piccoli cambiamenti nei vasi. I pazienti anziani con lesioni gravi mostrano ancora l'installazione dello shunt.

    Durante l'operazione di stenting è sufficiente l'anestesia locale e durante l'installazione dello shunt è necessario non solo l'anestesia generale, ma anche il collegamento del bypass cardiopolmonare.

    Il rischio di formazione di trombi dopo stenting costringe i pazienti a prendere farmaci speciali per molto tempo. Inoltre, è possibile la restenosi. Le nuove generazioni di stent, ovviamente, aiutano a risolvere questi problemi, ma, tuttavia, ciò accade. Anche gli shunts non sono perfetti: essi, come tutti i vasi sanguigni, sono inclini a processi degenerativi, aterosclerosi, ecc., Quindi dopo qualche tempo possono fallire.

    Anche i tempi di recupero sono diversi. Dopo lo stenting minimamente invasivo, il paziente può lasciare la clinica il giorno successivo. Lo smistamento comporta un periodo più lungo di recupero e riabilitazione.

    Entrambi i metodi hanno i loro svantaggi e vantaggi, e il loro costo è diverso. La scelta del trattamento è individuale e dipende esclusivamente dalle caratteristiche della malattia in ciascun caso.

    Costo dell'operazione di stenting

    Quanto costa lo stenting dei vasi cardiaci? Prima di tutto, il costo dell'operazione dipende da quali arterie dovranno lavorare, oltre che dal paese, dalla clinica, dagli strumenti, dall'attrezzatura, dal tipo, dal numero di stent e da altri fattori.

    Si tratta di un'operazione ad alta tecnologia che richiede l'uso di una speciale sala operatoria a raggi X dotata di sofisticate apparecchiature costose. In Russia, come in altri paesi dove vengono eseguite tali operazioni, vengono eseguite secondo gli ultimi metodi da specialisti altamente qualificati. quindi, non può essere economico.

    I prezzi per stenting di vasi del cuore variano in paesi diversi. Così, ad esempio, lo stenting in Israele costa da 6mila euro, in Germania - da 8mila, in Turchia - da 3,5mila euro. Nelle cliniche russe, questa procedura è leggermente inferiore nel prezzo - da 130 mila rubli.

    Lo stent è una delle operazioni più popolari nella chirurgia vascolare. È meno traumatico, porta buoni risultati e non richiede un lungo recupero. Tutto ciò che il paziente deve fare durante il periodo di riabilitazione è osservare la dieta, non evitare lo sforzo fisico e assumere farmaci.

    Per Saperne Di Più I Vasi