Revisione dell'asistolia cardiaca: cause, segni, cure d'emergenza

Da questo articolo imparerai: cos'è l'asistolia, come riconoscere questa condizione in una persona e come fornire correttamente l'assistenza di emergenza.

L'asistolia si riferisce alla cessazione dell'attività del cuore, durante la quale non è possibile rilevare la sua attività elettrica utilizzando l'elettrocardiografia. Questo è uno dei quattro ritmi cardiaci che i medici chiamano arresto cardiaco.

Quando l'asistolia dell'ECG è assente, è assente qualsiasi attività cardiaca, che indica la completa assenza della funzione contrattile del cuore. Per questo motivo, si verifica l'arresto della circolazione sanguigna. Senza il primo soccorso, una persona non ha possibilità di vita.

Assistere con asistole deve essere in grado di tutti i professionisti del settore medico, indipendentemente dalla specialità e dalla posizione. Gli anestesisti (sono anche rianimatori) sono considerati i migliori professionisti in questa materia, ma qualsiasi medico dovrebbe essere in grado di eseguire la rianimazione cardiopolmonare per intero.

La maggior parte dei pazienti con asistolia muore comunque. Dovrebbe essere chiaro che l'arresto cardiaco si verifica raramente in blu, in persone praticamente sane. Di solito è un risultato naturale di gravi malattie, in questi casi anche l'assistenza correttamente resa è spesso infruttuosa.

Prevalenza di asistolia

Il numero esatto di arresto cardiaco causato da asistolia non può essere misurato con precisione. Se questo accade fuori dall'ospedale, la maggior parte delle vittime muore prima dell'arrivo di un'ambulanza, che può rivelare asistolia.

Nel 35% dei pazienti adulti, l'arresto cardiaco è causato da asistolia. Nei bambini, questa percentuale raggiunge il 90-95%. Tale frequenza relativa elevata nei bambini è dovuta al fatto che l'arresto cardiaco si verifica sullo sfondo di malattie non cardiologiche.

Cause e sviluppo dell'asistolia

Ci sono asistole primarie del cuore e secondarie.

Cos'è l'asistolia primaria del cuore? Con questa patologia, il sistema elettrico del cuore smette di generare impulsi che causano il contrazione del muscolo cardiaco (miocardio). Questo può verificarsi con ischemia (disturbi circolatori) o danni al sistema di conduzione cardiaca. Di solito, lo sviluppo di asistolia in questi casi è preceduto da bradicardia - rari battiti cardiaci.

I fattori che non sono inclusi nel sistema di conduzione cardiaca portano all'asistole secondaria. Il processo finale della maggior parte di questi fattori è l'ipossia (mancanza di ossigeno nei tessuti), che provoca l'arresto dell'attività elettrica del cuore.

Esempi di condizioni che portano all'asistole secondaria:

  • Ipovolemia - una diminuzione del volume del sangue nei vasi.
  • Ipossia: mancanza di ossigeno nei tessuti.
  • Acidosi - aumenta l'acidità del sangue.
  • Ipotermia - ipotermia.
  • Iperkaliemia: aumento dei livelli di potassio nel sangue.
  • Ipopotassiemia: una diminuzione del livello di potassio nel sangue.
  • Ipoglicemia - abbassamento dei livelli di zucchero nel sangue.
  • Overdose di pillole.
  • Intossicazione.
  • Scossa elettrica
  • Tamponamento del cuore - l'accumulo di liquido attorno al cuore o al sangue, comprimendolo e rompendo la contrazione.
  • Pneumotorace: presenza di aria nella cavità pleurica che circonda i polmoni e il cuore.
  • Embolia polmonare
  • Infarto miocardico

Quattro ritmi sul cardiogramma possono portare alla cessazione dell'attività cardiaca efficace, che garantisce un adeguato apporto di sangue all'organismo:

  1. Fibrillazione dei ventricoli.
  2. Tachicardia ventricolare senza polso
  3. Attività elettrica senza pulsazioni.
  4. Asistolia.

Nei primi tre stati sull'ECG, si può ancora osservare qualche tipo di attività miocardica, sebbene non ci sia più alcuna circolazione efficace. Senza cure d'emergenza, entrano tutti in asistolia: una completa cessazione dei processi elettrici nel muscolo cardiaco.

Sintomi e segni della condizione

Solo con la fornitura di cure di emergenza in tale condizione può sopravvivere il paziente. Inoltre, le cure di emergenza dovrebbero essere avviate entro pochi minuti dall'arresto cardiaco. Ogni minuto di decelerazione riduce le possibilità di sopravvivenza del 7-10%. Se sono passati più di 10 minuti dal momento dell'inizio della asistolia all'inizio della rianimazione, non hanno successo.

Pertanto, è molto importante conoscere i sintomi e i segni di arresto cardiaco. Circa la metà dei pazienti manifesta dolore toracico, mancanza di respiro, palpitazioni, nausea, mal di schiena o dolore addominale prima di interrompere l'attività cardiaca. Se una persona ha un polso lento prima di asistole, vertigini, debolezza generale e svenimento possono essere preoccupanti.

Dopo l'inizio dell'asistolia, il paziente perde conoscenza, smette di respirare, il suo polso scompare nelle grandi arterie.

Molto spesso, quando si verifica un arresto cardiaco, viene controllato un polso sulle arterie carotidi. Per questo:

  • Posiziona l'indice e il medio sul collo della vittima, sul lato della laringe.
  • Spingili in profondità nel tuo collo fino a sentire la pulsazione sotto di loro.
  • Il rilevamento del polso in pazienti con sospetta asistolia non dovrebbe richiedere più di 10 secondi.

Le attuali raccomandazioni per aiutare i pazienti con arresto cardiaco non raccomandano che le persone che non hanno istruzione medica determinino il polso prima dell'inizio delle misure di rianimazione - ma procedono immediatamente alle misure di rianimazione. Il fatto è che pochi dei "non medici" in una situazione stressante determinano correttamente il polso, motivo per cui l'avvio della fornitura dell'assistenza necessaria viene ritardato.

diagnostica

Per determinare quale dei quattro disturbi del ritmo cardiaco ha causato l'arresto cardiaco, è necessario un ECG. Solo con il suo aiuto è possibile diagnosticare con precisione l'asistolia. È impossibile farlo solo con sintomi e segni, quindi l'efficacia dell'assistenza fornita è notevolmente ridotta.

Se l'asistolia si verifica in un istituto medico, oltre al monitoraggio dell'ECG, la vittima può essere somministrata:

  • determinazione di potassio, acidità e contenuto di ossigeno nel sangue;
  • ecografia del cuore.

Il punto di fare questi sondaggi è solo se i loro risultati sono ottenuti immediatamente.

Pronto soccorso

L'inizio immediato della rianimazione cardiopolmonare (CPR abbreviato) è una condizione critica per il trattamento dell'asistolia. Mantenendo la fornitura di organi vitali ricchi di sangue, la RCP può ridurre al minimo i mezzi di sostentamento.

La procedura per fermare il cuore di una persona accanto a te:

1. Assicurati che tu e la vittima non sia in pericolo.

2. Controllare la risposta del paziente

  • Tocca la sua spalla e chiedi ad alta voce: "Stai bene?"
  • Se la vittima risponde alla chiamata, lasciarlo nella stessa posizione e chiamare un'ambulanza.
  • Guarda il paziente prima che arrivi l'ambulanza.

3. Se il paziente non risponde al trattamento.

  • Giralo sulla schiena.
  • Estendi il collo e solleva il mento - questo aprirà le vie respiratorie.

4. Dopo aver aperto le vie respiratorie

  • Piega il viso per affrontare la vittima.
  • Guarda i movimenti del torace, ascolta il suono del respiro e senti il ​​movimento dell'aria sulla tua pelle.
  • La durata del test del respiro non deve superare i 10 secondi.

Nei primi minuti dopo l'arresto cardiaco, la vittima può avere una respirazione rara e debole, che non deve essere confusa con la normalità.

5. Se la vittima non respira normalmente

  • Chiedi a qualcuno di chiamare un'ambulanza o di chiamarti.
  • Durante la chiamata, non lasciare la vittima.
  • Accendi l'altoparlante nel telefono e segui le istruzioni del dispatcher.

6. Dopo aver chiamato un'ambulanza

  • Sedersi sulle ginocchia attorno al paziente.
  • Posiziona la base del primo palmo nel mezzo del suo sterno.
  • Metti la tua seconda mano sulla prima e torca le dita
  • Tenendo le braccia dritte nei gomiti, premere sul petto della vittima, piegandolo a una profondità di 5-6 cm.
  • Dopo ogni pressione, lasciare che il torace si appiattisca completamente.
  • La frequenza di pressione è 100-120 al minuto.

7. Respirazione artificiale

La respirazione artificiale "bocca a bocca" deve essere eseguita solo da persone addestrate a questa tecnica. Le persone che non sanno come condurre la respirazione artificiale, è meglio non provare a farlo.

Dopo ogni 30 pressioni sul torace, devono essere presi 2 respiri artificiali. Un effetto maggiore in questi casi è osservato dal continuo massaggio cardiaco chiuso con una frequenza di 100-120 al minuto.

8. Quando interrompere la rianimazione

  • Se arrivava un'ambulanza.
  • Se la vittima mostra segni di vita, inizia a muoversi, apre gli occhi, inizia a respirare normalmente.
  • Se sei fisicamente esausto.

9. Se il paziente ha iniziato a respirare normalmente, ma è incosciente

In questo caso, ruotalo delicatamente su un lato. Guardalo prima che arrivi l'ambulanza. Preparati a riprendere immediatamente la rianimazione se le sue condizioni peggiorano.

Se una persona ha asistolia, la defibrillazione (recupero del ritmo cardiaco con una scarica elettrica) non viene eseguita. Ma se c'è un defibrillatore automatico esterno (AED) accanto alla vittima, è necessario accendere questo dispositivo e attaccare gli elettrodi al torace del paziente. L'AED analizza la frequenza cardiaca del paziente e sceglie le tattiche giuste per aiutare. Dopo l'analisi, inizia a formulare raccomandazioni che dovrebbero essere seguite assistendo le persone.

Prevenzione dell'asistolia

Per prevenire completamente il rischio di arresto cardiaco improvviso è impossibile, è possibile solo ridurre il rischio del suo sviluppo. Per fare questo, è necessario sottoporsi a regolari esami medici e uno stile di vita sano, tra cui:

  • smettere di fumare;
  • rifiuto dell'abuso di alcol;
  • mantenere una dieta sana ed equilibrata;
  • mantenere l'attività fisica.

Se una persona ha una malattia cardiaca, i medici raccomandano quelle misure che possono migliorare la sua salute, compresa la terapia farmacologica per abbassare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo nel sangue. È necessario seguire attentamente queste raccomandazioni.

prospettiva

La prognosi della condizione dipende dalla causa del suo sviluppo, tempo ed efficacia delle cure di emergenza. È impossibile accertare l'esatta sopravvivenza e mortalità in questo stato, poiché non tutti i pazienti riescono a prendere un cardiogramma.

Se l'arresto cardiaco avviene fuori dall'ospedale, il tasso di sopravvivenza è di circa il 7,6%. Nei bambini, questa cifra è del 3-16%. Se l'arresto cardiaco si è sviluppato in un ospedale, il tasso di sopravvivenza raggiunge il 22%.

asistolia

Una condizione imprevista che richiede cure mediche di emergenza è asistolia. Le cause del suo sviluppo sono varie, ma i sintomi sono gli stessi. Letteralmente, asistole significa arresto cardiaco o arresto della sistole. Se le cure di emergenza non sono offerte, allora la persona muore rapidamente.

Esistono due tipi di arresto cardiaco: fibrillazione e asistolia. In termini di sintomi, questi stati non differiscono, e non c'è tempo per quello, dal momento che il conteggio continua per minuti. La vita di una persona può essere improvvisamente interrotta se non viene fornita assistenza di emergenza, che avviene nei 2/3 dei casi che si verificano per strada.

Asistole è l'arresto della circolazione sanguigna a causa di una disfunzione di una delle sezioni del cuore. Succede istantaneamente e sta arrivando. L'asistolia istantanea si manifesta nell'improvvisa cessazione dell'eccitabilità elettrica del cuore senza alcun motivo o fattore precedente. Può verificarsi a causa di ischemia acuta nella cardiopatia ischemica.

L'asistolia crescente è il risultato dell'esaurimento delle riserve nei tessuti cardiaci dei fosfati. Una persona incontra periodicamente vari disturbi nel lavoro del cuore prima che compaia l'asistolia.

Cause di asistolia

Il sito slovmed.com non può identificare ragioni non ambigue per lo sviluppo di asistole. Ogni caso è individuale. Tuttavia, è possibile identificare i fattori che si verificano più spesso:

  • Insufficienza cardiaca acuta.
  • Infarto miocardico
  • Sovradosaggio o abuso di farmaci antiaritmici.

La ragione principale risiede spesso nei cambiamenti organici e scompensi nel miocardio. Convenzionalmente, i motivi possono essere suddivisi in primario e secondario. Le cause primarie comprendono le malattie cardiache:

  1. Rottura di aneurisma aortico.
  2. Infarto miocardico acuto e complicazioni emergenti: tromboembolia arteriosa polmonare, rottura di aneurisma, shock cardiogeno.
  3. Malattia cardiaca con scompenso.
  4. Violazione della contrazione ventricolare: tachicardia ventricolare, vari extrasistoli ventricolari, parossismo della fibrillazione atriale.
  5. Insufficienza cardiaca acuta.

Ulteriori fattori che contribuiscono allo sviluppo dell'asistolia sono:

  • Sovrappeso.
  • Uso di nicotina e alcol.
  • Colesterolo alto nel sangue
  • Sesso maschile
  • Vecchiaia
  • Il diabete mellito.

Le cause secondarie includono fattori che non sono disordini cardiaci:

  1. Colpo con danni cerebrali.
  2. Tumori maligni
  3. Danneggiamento degli organi interni con insufficienza renale o epatica, leucemia, diabete mellito, anemia.
  4. Insufficienza respiratoria, innescata da una condizione asmatica a lungo termine.
  5. Fatica.
  6. Soffocamento dopo aver inserito un corpo estraneo nella laringe o nei bronchi.
  7. Ferite estese.
  8. Prodotti chimici avvelenanti e avvelenanti.
  9. Massicce ustioni
  10. Lesione dopo esposizione a corrente ad alta tensione.
  11. Grande perdita di sangue.
salire

Sintomi di asistolia

Come si manifesta l'asistolia? Questo può essere determinato solo dallo stato in cui si trova la persona al momento dell'asistole. Il sintomo principale è l'arresto cardiaco (mancanza di circolazione sanguigna), che può essere notato se si tenta di sondare il polso.

In alcuni casi, le persone celebrano vari precursori dell'asistolia:

  • Il 30% dei pazienti ha avvertito dolore dietro lo sterno.
  • Il 32% dei pazienti ha parlato di capogiri o perdita di coscienza.
  • Il 25% delle persone ha lamentato mancanza di respiro sotto forma di difficoltà respiratorie.
  • Dispnea.
  • Tachicardia o ipotensione.
  • Febbre.

L'asistolia dei ventricoli è accompagnata da un tale complesso di sintomi:

  1. La scomparsa dell'impulso, della pressione, dei toni cardiaci.
  2. Perdita di coscienza
  3. Pallore della pelle.
  4. Mancanza di respiro
  5. Dilatazione della pupilla dopo 45 secondi.

Le persone vicine possono osservare uno degli scenari:

  • Opzione 1: una persona cade improvvisamente, perde conoscenza, respira raramente, il suo viso e le sue labbra diventano blu. Tentativi di portare una persona alla coscienza senza successo.
  • Opzione 2: una persona sembra stia dormendo se il suo cuore si ferma in un sogno. È difficile identificare asistole in tempo per chiedere aiuto.
  • Opzione 3: le condizioni del paziente sono monitorate da un monitor nell'unità di terapia intensiva. Qualsiasi deviazione dalla norma nel lavoro del cuore viene registrata e contrassegnata con un segnale sonoro.

Dovresti essere consapevole del fatto che la condizione asistolica è reversibile. Una persona è nella fase della morte clinica, ma può essere salvata se gli viene dato un aiuto tempestivo. Qui, le azioni dei passanti o dei cari che sono vicini a una persona malata diventano importanti.

Pronto soccorso per asistolia

Poiché i pedoni ordinari e quelli stretti si trovano vicino a una persona al momento dell'asistole, molto dipende dalle loro azioni. Dovresti chiamare un'ambulanza, ma finché non arriva, prendi tutte le misure necessarie per ripristinare la frequenza cardiaca.

  1. Sbattere un uomo, parlare ad alta voce, batterlo sulle guance. Se riprende conoscenza, questo è un buon segno. Dovrebbe essere fornito di aria fresca e mettere la testa sotto le spalle.
  2. Senti il ​​polso se i primi tentativi di ripristinare il contatto non funzionano. Dovrebbe ripristinare la respirazione, la frequenza cardiaca e assicurare la circolazione del sangue nel cervello.

In quest'ultimo caso, vengono prese le seguenti misure:

  • Metti la persona su una superficie dura.
  • Getta indietro la testa. Controllare le vie respiratorie, in modo che detriti alimentari, protesi e altri corpi estranei non entrino in contatto con essi quando la respirazione viene ripristinata.
  • Soffia aria nel naso o nella bocca con la bocca quando chiudi il secondo foro. Il torace dovrebbe alzarsi con una tale respirazione.
  • Percussione con due palmi sul petto tra respiri 4-5 volte.

È necessario eseguire queste procedure fino a quando appare un impulso o arriva un'ambulanza.

Trattamento di asistolia

Asystole inizia il trattamento su un'ambulanza e continua nel reparto di terapia intensiva. I medici continuano a eseguire un massaggio cardiaco indiretto, mantengono la ventilazione dei polmoni con una maschera speciale, iniettano adrenalina per via endovenosa e usano un defibrillatore.

All'arrivo presso l'unità di terapia intensiva, continua la terapia intensiva, che richiede almeno 30 minuti. Il paziente è collegato all'apparato respiratorio. Vari farmaci vengono introdotti nella vena succlavia per supportare le funzioni cerebrali reversibili durante i primi 8 minuti dopo l'interruzione della respirazione. Qui vengono utilizzati questi farmaci:

  • La dopamina.
  • Ossibutirrato di sodio.
  • Soluzione alcalina
  • Reopoligljukin.
  • Glucosio.
  • Panangin.
  • Bicarbonato di sodio
  • Insulina.

L'efficacia dai farmaci è osservata sui cardiomonitor.

Il trattamento specialistico viene effettuato sotto forma di ventilazione artificiale e l'introduzione di atropina e adrenalina cloridrato nelle vene. In assenza dell'effetto dell'adrenalina, il farmaco viene somministrato da un flusso ogni 5 minuti o ogni 3 minuti con un aumento della dose a 5 mg.

L'introduzione di farmaci in vene periferiche si verifica quando sono diluiti con soluzione fisiologica. In assenza di accesso alle vene Adrenalina, atropina, la lidocaina viene iniettata nella trachea con un aumento della dose di 2 volte. E l'amministrazione intracardiaca di preparazioni succede in mancanza di possibilità per altra amministrazione.

Si notano anche i sintomi associati, risolti nei seguenti modi:

  • L'ipovolemia viene eliminata ripristinando il volume del sangue.
  • Il pneumotorace viene rimosso con un catetere, che viene lasciato aperto e quindi sostituito con il drenaggio.
  • Il tamponamento cardiaco viene eliminato mediante pericardiocentesi, pericardiotomia e drenaggio del catetere.
  • La trombosi intracardiaca e il mixoma sono trattati con un intervento chirurgico.
  • L'ipossia elimina la ventilazione meccanica.
salire

Quanto tempo hanno asistolia?

Non è necessario parlare di prognosi favorevole per l'asistolia, perché in rari casi una persona riceve un aiuto sufficiente. Quanto tempo hanno asistolia? Il conteggio continua per minuti quando le principali funzioni del corpo cessano: battito cardiaco, respirazione e funzione cerebrale.

Nella maggior parte dei casi, si verifica la morte. Anche con la consegna puntuale del paziente all'ospedale, solo il 15% dei casi può essere salvato dalla morte.

Quanto spesso si manifesta l'asistolia? Nei neonati, si verifica con una frequenza di 72,1 per 100.000, nell'infanzia - 3,73, negli adolescenti - 7,37 e in età adulta - 126,5.

La fibrillazione ventricolare fornisce proiezioni più favorevoli (4 volte di più) rispetto all'asistole. Tuttavia, la morte è osservata in entrambe le varianti. Se le cellule cerebrali o altri organi vengono distrutti, le previsioni diventano ancora più sfavorevoli.

Medicina d'urgenza

Asistole è la cessazione completa dell'attività elettrica e meccanica del cuore (Figura 31). È la seconda causa principale di morte improvvisa. Anche la fibrillazione senza trattamento si trasforma in asistolia. I sintomi clinici di asistolia sono caratterizzati da segni di morte clinica. La prognosi per l'asistolia è significativamente peggiore rispetto alla fibrillazione, dal momento che l'asistolia di solito si sviluppa secondariamente sullo sfondo della cardiopatia cronica grave.

Fig. 31. ECG durante i periodi di asistolia ventricolare

Pronto soccorso per asistolia. Effettuare un massaggio indiretto e la respirazione artificiale. Una soluzione allo 0,1% di adrenalina (1-2 ml) e 10 ml di una soluzione al 10% di cloruro di calcio vengono iniettate per via intracardiaca. Stimolazione elettrica transvenosa o transtoracica. Iniezione in grandi vene centrali (succlavia o giugulare) di liquidi a bassa molecolare (poliglucina, reopolyglucine), soluzioni di soda (100-200 ml di soluzione di bicarbonato di sodio al 4%, miscela polarizzabile (100 ml di soluzione di glucosio al 5%, 10 ml di panangina, 4- 8 UI) insulina).

Ambulanza, ed. B.D. Komarova, 1985

Algoritmo 7 "Asistole"

L'asistolia, come un tipo di arresto circolatorio, è molto meno comune di VF ed è prognosticamente sfavorevole. L'asistolia può essere il risultato della fibrillazione ventricolare, può essere dovuta a progressiva bradiaritmie, ad esempio, con gli effetti tossici di farmaci, infarto miocardico, grave ipotermia generale, tipo di soffocamento di annegamento, ecc.

Cause di asistolia: ipossia, acidosi, ipo-o iperkaliemia.


L'asistolia, che è sorto nella fase preospedaliera, di regola, è irreversibile.
Un'eccezione può essere rappresentata da casi di ipotermia, annegamento sincopale, quando la RCP iniziata tempestivamente, eseguita contemporaneamente al riscaldamento intensivo, può portare al successo, in particolare con la possibilità di installare un pacemaker.

Poiché la decadimento della fibrillazione a bassa ampiezza può essere assunta per asistolia, questo tipo di OK deve essere confermato da un ECG in almeno due derivazioni.

asistolia

Asistolia - è una forma di arresto cardiaco, che si caratterizza per la cessazione della contrazione delle diverse parti del cuore. L'asistolia avviene in modo condizionale istantaneo e si verifica dopo un precedente disturbo del ritmo cardiaco. A asistolia istante sullo sfondo di assoluto benessere e senza aritmie cardiache è un tratto cuore cessazione electroexcitability, simile a un corto circuito, la cui causa è ischemia acuta nella malattia coronarica.

Asistolia, che inizia scorre dopo fibrillazione ventricolare prolungata, forma a seguito di esaurimento delle riserve di fosfato nel tessuto cardiaco. Per il normale passaggio del sangue attraverso il tessuto cardiaco richiede la sua eccitabilità periodica, come risultato di fibrillazione ventricolare sviluppare bystrotsirkuliruyuschie, processi elettrici caotici e disordinati nel sistema del cuore, che determina la cessazione istantanea della perfusione dei vasi coronarici. le riserve di ATP di origine endogena sono esauriti molto rapidamente per alcuni secondi, e rinnovati a questo punto non funziona. Pertanto, lo svantaggio di questi fosfati prende con forza il cuore fuori di azione in violazione del pacemaker e la conduzione di impulsi elettrici. Pertanto, il muscolo cardiaco non può eseguire un movimento di contrazione, quindi si verifica atonia.

Il più delle volte asistolia osservato sullo sfondo di infarto del miocardio, forme acute di insufficienza cardiaca, l'abuso e la dose eccessiva di farmaci antiaritmici che influenzano l'attività del cuore. Come regola generale, asistolia appare improvvisamente e richiede un ricovero immediato e terapia intensiva. Se questi eventi possono verificarsi morte, anche se dopo aver aiutato nel reparto di rianimazione riesce a salvare solo il 15% dei pazienti.

Causa l'asistolia

Asistolia è caratterizzata da una mancanza di battito cardiaco e sintomi di attività elettrica del cuore sul ECG, vale a dire, ha segnato inizio della morte clinica. Asistolia ha bisogno urgente carattere rianimazione possesso di eventi in cui iniettato adrenalina, atropina, condotta stimolazione, massaggio cardiaco indiretta o diretta e ventilazione artificiale. Ma la probabilità di un risultato positivo in asistolia è molto bassa.

L'asistolia può verificarsi sia atriale che ventricolare.

L'asistolia ventricolare è una condizione del corpo in cui cessano l'attività elettrica e meccanica dei ventricoli, il cuore nel suo insieme e il suo arresto. Questa patologia è caratterizzata dalla cessazione della circolazione sanguigna e dalla morte clinica.

Come regola generale, l'emergere di asistolia ventricolare e emodinamicamente attività elettrica del cuore inefficiente contribuiscono in gran parte a gravi danni irreversibili al cuore e disturbi circolatori progredendo. Pertanto, le cause di arresto cardiaco possono causare origine cardiaca e non cardiaca.

Le cause alla radice dell'instabilità elettrica del muscolo cardiaco comprendono: cardiopatia ischemica acuta e cronica; varie lesioni, recupero post-infarto del cuore contro CHF. Inoltre, il verificarsi di un arresto circolatorio primario associato muscolo cardiaco elektronestabilnostyu. Molto spesso asistolia sviluppa a causa di complicazioni di forme acuto del miocardio, significativo danno miocardico con l'intero blocco sezione sullo sfondo della fibrillazione ventricolare.

Ma in termini di previsione la forma istantanea di asistolia è considerata sfavorevole. L'arresto cardiaco che si verifica dopo la VF è caratterizzato da una prognosi positiva, in particolare sullo sfondo di un VF a onda larga, a differenza di una piccola onda.

Cause di asistolia possono essere insufficienza cardiaca e shock cardiogeno. Rischio significativamente aumentato di arresto cardiaco in angina instabile. Circa il 12% di questi pazienti sviluppa morte improvvisa e infarto del miocardio.

Fattori di rischio per l'asistolia in CHF è considerato il cuore rimodellamento dopo infarto con l'ulteriore dilatazione l'educazione e l'ipertrofia delle camere cardiache, così come aritmie esistenti e blocco di conduzione, malattia multivasale, l'abuso di alcol, l'età, il fumo, l'ipertensione, l'aterosclerosi con predisposizione ereditaria e ipercolesterolemia.

Altre cause cardiache di asistolia includono: pericardite, genesi essudativa, afflusso ostruzione o il flusso di sangue al cuore (trombosi all'interno della disfunzione valvolare cardiaca o mixoma). Così come bassa emissione di sangue, contro lo sfondo di un'influenza miocardite o la difterite, endocardite, eziologia infettiva di cardiomiopatia, stenosi aortica, un trauma per la produzione di tamponamento, stimolazione cateterizzazione a cuore aperto e angiografia coronarica - è tutte le possibili cause di arresto cardiaco.

Le cause extracardiache che possono causare asistolia includono: circolatorio (ipovolemia, shock di diversa genesi, pneumotorace di natura stressata nelle malattie polmonari, lesioni del torace o del ventilatore, embolia polmonare, riflesso delle proprietà vazo-vagali). Inoltre, cause respiratorie (ipercapnia e ipossiemia) e metaboliche (ipotermia, acidosi, iperkaliemia); La forma acuta di ipercalcemia, iperadreninemia, effetti collaterali durante l'assunzione di barbiturici, narcotici, glicosidi cardiaci, ecc. Provoca la comparsa di asistolia.

Tuttavia, ci sono molti altri fattori che causano l'arresto cardiaco. Ciò potrebbe essere una scossa elettrica a seguito di scariche elettriche, fulmini; l'asfissia; ebbrezza; sepsi; complicazioni cerebrovascolari; varie diete, basate sull'assunzione di proteine ​​e una quantità significativa di liquidi.

Sintomi di asistolia

L'improvviso arresto circolatorio primario è il primo segno di ischemia cardiaca, sebbene nella maggior parte dei casi abbia determinati precursori. Ad esempio, intervistando i pazienti dopo l'intervento di rianimazione, il 40% dei pazienti non aveva i precursori dell'asistole, il 30% soffriva di dolore toracico, il 32% lamentava mal di testa o perdita di conoscenza e il 25% aveva difficoltà a respirare sotto forma di mancanza di respiro. Tutti gli altri casi sono caratterizzati dallo sviluppo di asistolia a seguito di condizioni patologiche che hanno causato la sua formazione.

Di norma, l'arresto circolatorio si verifica in pazienti gravemente malati da molto tempo. In questo caso, la combinazione di fattori extracardiaci e cardiaci influisce in modo significativo. Allo stesso tempo, i pazienti sperimentano ipotensione, tachicardia, dolore toracico, dispnea e febbre. Inoltre, diventano irrequieti, e quindi tutto causa un disturbo della coscienza.

L'asistolia dei ventricoli è caratterizzata dall'improvvisa scomparsa dell'impulso, dei toni cardiaci e della pressione. Nell'immediato futuro, si verifica una perdita di coscienza, il paziente diventa pallido e la respirazione viene interrotta. Dopo che la circolazione del sangue si è fermata nel cervello, cioè dopo quarantacinque secondi, le pupille si dilatano, raggiungendo un massimo di 45 minuti entro un minuto. L'asistolia sull'ECG è confermata dalla mancanza di elettroattività del cuore, ma la rianimazione deve essere iniziata prima dei risultati dell'ECG.

L'asistolia è solitamente considerata la morte clinica di un paziente, che è lo stadio reversibile della morte. Allo stesso tempo, i sintomi si manifestano in assenza di contrazioni del cuore, respirazione spontanea e riflessi di influenze esterne. Tuttavia, esiste la possibilità di un potenziale ripristino delle funzioni corporee mediante metodi di rianimazione.

Sullo sfondo dell'asistole, con l'assenza di circolazione del sangue, sono caratterizzati respiri di una proprietà agonale, caratterizzati da movimenti respiratori rari, brevi, profondi e convulsi con la partecipazione dei muscoli scheletrici. Questa gamma di movimento può essere debole e bassa, cioè la respirazione esterna è in qualche modo ridotta.

Durante l'esame sull'elettrocardiogramma, l'asistolia è rilevata da un'isoletta ondulata, non c'è pulsazione delle arterie principali, l'attività atriale può essere preservata a differenza dei ventricoli. Questa asistolia dell'onda P può essere una risposta al pacing.

Trattamento asistole

Il trattamento specialistico di asistolia è una ventilazione ottimale dei polmoni mediante l'intubazione della trachea e l'accesso alle vene centrali o periferiche, attraverso le quali l'adrenalina cloridrato e l'atropina vengono iniettati in bolo. Ciò è spiegato dal fatto che molto raramente i pacemaker sopraventricolari e ventricolari sono oppressi a causa dell'aumentato tono parasimpatico.

In caso di inefficacia dell'adrenalina in dosi abituali, viene iniettato in un getto ogni cinque minuti, quindi la dose viene aumentata a cinque milligrammi con l'introduzione ogni tre minuti. Fondamentalmente, tutti i farmaci devono essere somministrati per via endovenosa e rapidamente. Se i farmaci vengono iniettati nelle vene della periferia, vengono diluiti con soluzione fisiologica. Nei casi in cui non vi è accesso alle vene, poi Adrenalina, Lidocaina, Atropina vengono iniettate nella trachea in una dose che raddoppia. Ma l'introduzione di iniezioni nel cuore è permessa solo con l'inefficacia o l'impossibilità di altre vie di somministrazione.

L'attività contrattile minima disponibile del cuore è sottoposta a stimolazione del tipo endocardico, transdermico o transesofageo.

La stimolazione cardiaca viene eseguita in forma acuta di miocardio, bradicardia, tachiaritmie, sovradosaggio con preparazioni di digitale e circolazione del sangue inadeguata. Inoltre, allo stesso tempo, vengono eseguiti ALV e massaggio cardiaco indiretto, mentre si cerca di eliminare le cause di asistolia: ipossia, iperkaliemia, acidosi, ipotermia, sovradosaggio con farmaci, tamponamento cardiaco ed embolia polmonare.

Se si sviluppa ipovolemia, il BCC (volume del sangue, che è coinvolto nella circolazione) viene rapidamente ripristinato. Nel pneumotorace, viene inserito un catetere, lasciato aperto, e quindi sostituito con drenaggio. In presenza di tamponamento cardiaco, viene eseguita pericardiocentesi e successivamente - drenaggio del catetere o pericardiotomia. Nel caso della trombosi intracardiaca e del mixoma, è indicato un intervento chirurgico d'urgenza.

Per il trattamento dell'ipossia, viene utilizzata la ventilazione meccanica e, se l'asistolia si è verificata a causa del sovradosaggio da farmaci, viene prescritto un metodo di terapia eziologico. L'iperkaliemia viene trattata mediante somministrazione di cloruro di calcio e bicarbonato di sodio (deve essere introdotto in diverse vene) e miscele di glucosio con insulina. Per il trattamento dell'acidosi, l'IVL viene eseguita intensivamente e l'idrogeno carbonato di sodio viene somministrato per via endovenosa negli stessi dosaggi.

Tutta la rianimazione viene interrotta, se dopo mezz'ora non c'è efficacia dalla loro attuazione. In questo caso, non ci sarà coscienza, respiro arbitrario, il cuore è inattivo e le pupille sono molto dilatate e non reagiscono alla luce.

Ulteriori misure terapeutiche vengono eseguite nell'unità di terapia intensiva, dove monitorano l'elettrocardiogramma, la respirazione, il BCC, l'emodinamica e gli elettroliti. Con l'aiuto dei farmaci, vengono supportati più vicino alla normale pressione sanguigna, viene somministrato Rheopoligluquine per migliorare le proprietà reologiche del sangue e viene eseguito un trattamento intensivo per la patologia sottostante. Ma per evitare danni al cervello intorno alla testa e al collo, mettere bolle di ghiaccio e mantenere la temperatura nel condotto uditivo all'esterno entro 34 gradi.

Asistole di emergenza

L'asistolia è considerata una completa cessazione del lavoro meccanico ed elettrico del cuore. Lei è la seconda causa di morte improvvisa. Molto spesso, VF porta a asistole. L'immagine sintomatica dello stato patologico consiste di segni che caratterizzano la morte clinica. La prognosi per l'arresto cardiaco è un po 'peggiore, in contrasto con la fibrillazione, poiché l'asistolia è considerata secondaria nelle patologie croniche del cuore.

La rianimazione di emergenza per favorire la comparsa di asistolia consiste in un massaggio cardiaco indiretto e nella respirazione artificiale. Quindi viene iniettato cloridrato di adrenalina per via endovenosa e cloruro di calcio. Se necessario, questi farmaci possono essere somministrati per via intracardiaca.

In futuro, condurre elettrocardiostimolazione elettrotrasvenosa o transtoracica. E poi i fluidi a basso peso molecolare vengono iniettati nella grande vena centrale succlavia, così come il bicarbonato di sodio, il glucosio, la panangina, l'insulina.

Perché c'è, l'asistolia del cuore ventricolare si manifesta e viene curata

Spesso la causa della morte è la cessazione del muscolo cardiaco. Negli ambienti medici, questo fenomeno è chiamato asistolia ventricolare. Il problema è serio e pericoloso, richiede studio approfondito e familiarizzazione. Come si suol dire, l'allarme è salvato.

Peculiarità dell'asistolia ventricolare

Per prima cosa devi occuparti del fatto che è - l'asistolia dei ventricoli. In tale situazione, si verifica la morte clinica, il flusso di sangue si ferma nei vasi, il muscolo cardiaco non si contrae e non pompa sangue. Il numero schiacciante di casi conduce alla morte, ma non sempre. Anche con una patologia così seria, i medici riescono a sostenere i processi vitali nel corpo.

Quando l'asistolia ha osservato instabilità elettrica. In altre parole, le fibre cessano di obbedire a un singolo ritmo. Il loro lavoro diventa caotico con la frequenza con cui c'è una minaccia per la vita di una persona. Sui risultati ECG, le abbreviazioni non sono sempre completamente assenti. Le abbreviazioni possono essere molto deboli o rare. Nel primo caso, la forza di contrazione non è sufficiente per spingere il sangue. Per rare abbreviazioni, viene utilizzato il concetto di un cuore morente.

Cause e forme di asistolia

Inizieremo esaminando le forme della malattia, e quindi capiremo perché si pone asistolia, esaminare le cause e scoprire quali fattori di rischio esistono con questo disturbo. Quindi, in medicina, si distinguono le seguenti forme di patologia:

  • forma primaria si verifica quando arresto cardiaco muscolare istantaneo;
  • nella forma secondaria, inizialmente si verifica un'aritmia, nella maggior parte dei casi la situazione è associata a fibrillazione, che dura per qualche tempo.

La fibrillazione si riferisce ad un ritmo cardiaco irregolare che porta ad anomalie nella circolazione. La funzione contrattile è ridotta a zero a causa dell'esaurimento delle riserve energetiche.

Ci sono molte ragioni per cui si può verificare l'asistolia ventricolare. La loro lista è la seguente:

  • superare il dosaggio consentito quando si assumono glucosidi, farmaci antiaritmici e barbiturici;
  • assumere una grande dose di stupefacenti;
  • mancato rispetto del dosaggio durante l'introduzione dell'anestesia e un'allergia al farmaco somministrato;
  • lesioni elettriche e l'uso di elettricità durante il trattamento;
  • una gamma di interventi e interventi che richiedono una maggiore stimolazione del nervo vago;
  • tamponamento e angiografia coronarica;
  • disordini metabolici;
  • pneumotorace;
  • ipercapnia, annegamento, soffocamento;
  • ipotermia del corpo, accompagnata da congelamento;
  • shock anafilattico, settico o emorragico.

Inoltre, circa il 5% delle forme gravi di malattie cardiache porta a asistolia. Tra questi i più pericolosi sono i seguenti disturbi:

  • infarto miocardico;
  • blocco cardiaco completo e trifascicolare;
  • blocco di secondo grado;
  • embolia polmonare;
  • cardiopatia ischemica trascurata, non corretta, che è accompagnata da miocardite in una forma complessa.

Inoltre, un problema simile, inclusa l'asistolia atriale, può verificarsi con l'assunzione rapida di una soluzione di potassio. In questa situazione, il miocardio diventa molto eccitato.

Oltre alle ragioni sopra descritte, ci sono fattori di rischio. Contribuiscono allo sviluppo dell'asistolia, se uno dei problemi di cui sopra è presente nel corpo. I fattori di rischio sono i seguenti:

  • diabete mellito;
  • età avanzata;
  • bere e fumare;
  • ipertrofia ventricolare sinistra.
  • ipertensione;
  • aterosclerosi delle navi.
Attacco aterosclerosi

Durante l'infanzia, l'asistolia può verificarsi nei seguenti casi:

  • shock, indipendentemente dalla sua natura;
  • insufficienza respiratoria;
  • avvelenamento;
  • lesioni.

Sintomi e segni della condizione

È necessario studiare bene i sintomi dell'asistolia per reagire rapidamente, fornire il primo soccorso e salvare una persona dalla morte. I sintomi di asistolia sono i seguenti:

  • dolore dietro il petto;
  • ritmo cardiaco disturbato;
  • svenimento o svenimento;
  • vertigini e difficoltà di respirazione.

Tali sintomi sono caratteristici dell'asistolia improvvisa. In altri casi, il problema è associato a patologie, non necessariamente cardiache. Qui, i segni di asistolia sembrano un po 'diversi:

  • bassa pressione;
  • malfunzionamento del cuore;
  • gonfiore;
  • accumulo di liquidi nel torace e / o nell'addome;
  • sensazioni di dolore;
  • riduzione del numero e della durata dei respiri alla loro completa assenza.

È attraverso tali segni che si può determinare l'asistolia ventricolare. Sono difficili da confondere con i sintomi di altre malattie.

diagnostica

Per cominciare, passiamo alla classificazione internazionale e troviamo il problema che ci interessa lì. Secondo l'ICD 10, l'asistolia è il codice I46 ed è chiamato arresto cardiaco. Il problema può essere identificato senza l'uso di attrezzature speciali:

  • non c'è polso sull'arteria carotide;
  • pupille dilatate e respiro debole, che è difficile da determinare.

In presenza di queste manifestazioni, non vi è alcun punto in ulteriori diagnosi, le misure di riabilitazione sono prese immediatamente. Nei primi 5 minuti, è necessario ripristinare il flusso sanguigno. Altrimenti, inizierà il processo della morte delle cellule cerebrali. Anche se dopo questo tempo il cuore è ricominciato, il suo lavoro sarà instabile. La causa è edema cerebrale.

Con il ripristino della circolazione sanguigna, almeno ad un livello minimo, è necessario condurre uno studio elettrocardiografico. Questi dati riveleranno la natura e il meccanismo della violazione nell'attività cardiaca.

L'asistolia sull'ECG si manifesta sotto forma di isolina senza la presenza di alcuna onda. In rari casi può verificarsi asistolia ventricolare isolata. In questo caso, l'ECG registra sia i complessi QRS che i denti atriali di R. Questa situazione è associata alla contrazione degli atri, che continua dopo che i ventricoli smettono di funzionare. Questo è seguito da asistole completa.

Emergenza e trattamento

Con l'inizio dell'asistolia, devi agire rapidamente, perché non c'è abbastanza tempo per salvare la vita.

Pronto soccorso per arresto cardiaco

Le azioni dovrebbero essere eseguite come segue:

  • massaggio cardiaco indiretto;
  • respirazione artificiale;
  • introduzione di adrenalina, atropina e cloruro di calcio in una vena.

Gli stessi farmaci possono essere somministrati per via intracardiaca o attraverso un tubo endotracheale. In quest'ultimo caso, viene aggiunta "lidocaina" e il dosaggio viene raddoppiato. Con la comparsa di tagli deboli, viene eseguita la stimolazione cardiaca. La rianimazione termina dopo mezz'ora, se i tentativi di ripristinare la circolazione sanguigna non hanno avuto successo.

Fornire assistenza medica

Se il primo soccorso ha portato al successo, la persona viene posta nell'unità di terapia intensiva. I medici durante l'arresto cardiaco monitorano le principali indicazioni dell'attività vitale:

  • caratteristiche emodinamiche;
  • il processo di respirazione è controllato;
  • viene studiata la composizione elettrolitica del sangue;
  • I dati dell'ECG sono registrati.

Inoltre, una serie di misure volte a trattare il paziente:

  • elettrocardiostimolazione di tipo elettrotras venoso o transtoracico;
  • iniezione a getto di fluidi a basso peso molecolare nella vena centrale, che si trova sotto la clavicola;
  • l'introduzione di un numero di farmaci ("Panangin", "Bicarbonato di sodio", "Glucosio", "Insulina");
  • terapia infusionale mediante iniezione di sostituti del plasma e fluidificanti del sangue.

La pressione sanguigna del paziente deve essere moderata o elevata.

Conseguenze dell'insufficienza cardiaca

La morte o asistolia clinica è un fenomeno reversibile, sebbene sia molto pericoloso per l'uomo. Molto dipende dalla natura del problema e dall'assistenza tempestiva fornita.

  • nel caso di un blocco dei percorsi con un immediato massaggio cardiaco, la persona riprende conoscenza, che consente ulteriori azioni di rianimazione;
  • il blocco dell'arteria polmonare riduce la risposta di una persona al pronto soccorso, il recupero sarà lungo;
  • con tamponamento cardiaco, anche il miglioramento a breve termine della condizione è problematico;
  • la fibrillazione con diagnosi tempestiva e il riavvio del cuore ti permettono di fare previsioni più ottimistiche;
  • i casi di aria che entra nel torace non possono fare a meno dell'intervento chirurgico, solo in questo modo si può ottenere un risultato stabile e positivo;
  • inoltre, la chirurgia è l'unica opzione per trombi, tumori e irregolarità nel funzionamento della valvola artificiale;
  • la mancanza di coscienza di non più di 6 ore con la comparsa della funzione contrattile e la ventilazione artificiale dei polmoni lascia alte possibilità al paziente;
  • un coma superiore a 6 ore consente di fare previsioni deludenti, dopo una giornata di incoscienza la probabilità di un esito positivo è molto piccola, e dopo due giorni è equiparata a zero.

Stile di vita per i sopravvissuti all'arresto cardiaco

L'asistolia del cuore è un problema serio che lascia un'impronta nella vita di una persona. L'arresto cardiaco trasferito richiede un cambiamento radicale nella vita. Altrimenti, l'asistolia potrebbe ripetersi, ma le probabilità di successo saranno già molto più basse. Abbiamo citato le regole da seguire dopo la morte clinica e il successo della riabilitazione:

  1. Completo abbandono di alcol e fumo.
  2. Ogni farmaco deve essere concordato con il medico. L'auto-trattamento è severamente proibito.
  3. Per rimuovere o ridurre al minimo il contenuto nella dieta di carboidrati, colesterolo e sale veloci. Prima di tutto si tratta di dolciumi, cibi grassi e salsicce.
  4. Dovrebbero essere evitate situazioni stressanti e sforzi fisici elevati.
  5. La modalità del giorno, il programma corretto, un sonno completo e riposo.
  6. Se c'è una malattia che ha causato asistolia, è obbligatorio che una persona sia registrata, visita regolarmente il medico e assume i farmaci prescritti. Alcuni farmaci vengono presi continuamente, il che consente di mantenere il cuore e i vasi sanguigni in uno stato normale.

Misure preventive

L'asistolia che si verifica in caso di incidenti non è prevenibile. Da tali situazioni, nessuno è assicurato. Ma molte patologie del cuore e dei vasi sanguigni che possono portare alla asistolia possono essere prevenute e prevenute. Il segreto è semplice e consiste in pochi punti:

  • visite regolari dal medico;
  • rivolgersi ad un cardiologo non appena compaiono i primi sintomi della malattia;
  • implementazione accurata delle istruzioni fornite da uno specialista;
  • uno stile di vita sano, in cui non ci sarà posto per cattive abitudini, stress, disturbi nella dieta, mancanza di sonno e inattività;
  • gli interventi chirurgici raccomandati dagli specialisti devono essere eseguiti senza indugio.

Il rispetto di queste semplici regole ridurrà significativamente il rischio di asistolia.

È necessario trattare attentamente il tuo organismo, ascoltare i suoi segnali e le sue reazioni. In questo caso, puoi vivere una vita lunga, non offuscata da gravi malattie e problemi come l'asistolia.

Rianimazione cardiopolmonare negli adulti

Il concetto di una "catena di sopravvivenza" è la base delle misure adottate nei pazienti con arresto della circolazione sanguigna e della respirazione. Consiste in azioni eseguite sulla scena dell'incidente, durante il trasporto, nella sala operatoria e nell'unità di terapia intensiva, nonché durante

Il concetto di una "catena di sopravvivenza" è la base delle misure adottate nei pazienti con arresto della circolazione sanguigna e della respirazione. Consiste in azioni eseguite sul luogo dell'incidente, durante il trasporto, nella sala operatoria e nell'unità di terapia intensiva, nonché durante la successiva riabilitazione. Il collegamento più vulnerabile e allo stesso tempo molto importante è il complesso di rianimazione primaria condotto sulla scena, perché 3-5 minuti dopo che la circolazione e la respirazione del sangue si sono fermate a temperatura corporea normale, si sviluppano cambiamenti irreversibili nel cervello della persona affetta.

Sono possibili sia l'arresto respiratorio primario che l'arresto circolatorio primario. Il rilevamento dell'arresto respiratorio primario (corpi estranei delle vie respiratorie, lesioni elettriche, annegamento, danni al sistema nervoso centrale (SNC), ecc.) È improbabile nella fase pre-ospedaliera, poiché quando arriva il team dell'ambulanza si sviluppa fibrillazione ventricolare o asistolia.

Infarto miocardico acuto, vari tipi di aritmie, squilibrio elettrolitico, embolia polmonare, rottura e dissezione dell'aneurisma aortico, ecc. Possono essere la causa della cessazione primaria della circolazione sanguigna.

Ci sono tre opzioni per la cessazione dell'attività cardiaca: asistolia, fibrillazione e dissociazione elettromeccanica. L'asistolia può essere primaria o secondaria si sviluppa dopo fibrillazione ventricolare. Nel primo caso, le probabilità di successo della rianimazione sono maggiori, nel secondo, quando le riserve miocardiche sono esaurite, è inferiore. A volte, un isolante dell'elettrocardiogramma (ECG) viene percepito come asistolia, ma può anche essere osservato se un elettrocardiografo non funziona correttamente, scollegamento accidentale degli elettrodi, ECG di bassa ampiezza, ecc. La dissociazione elettromeccanica è caratterizzata dalla presenza di gittata cardiaca, ma dalla mancanza di contrazione miocardica.

A fibrillazione ci sono contrazioni isolate, erratiche, inefficaci del miocardio. E qui l'uso del colpo precordiale e della defibrillazione precoce.

I segni di arresto circolatorio sono: perdita di coscienza; mancanza di polso nelle arterie carotidi; arresto respiratorio; convulsioni; pupille dilatate e mancanza di risposta alla luce; decolorazione della pelle.

La presenza dei primi tre segni è sufficiente per confermare l'insufficienza cardiaca.

La rianimazione cardiopolmonare (CPR) non viene mostrata e non è possibile avviarla nei seguenti casi: se è accertato che sono trascorsi più di 25 minuti dal momento dell'arresto cardiaco (a temperatura ambiente normale); i pazienti hanno registrato in anticipo il loro rifiuto di RCP.

In altri casi, quando fornisce assistenza nella fase pre-ospedaliera, la RCP inizia immediatamente.

La ragione per la cessazione della RCP è l'assenza di segni di ripristino della circolazione sanguigna e della respirazione quando si utilizzano tutti i metodi di RCP disponibili per 30 minuti.

CPR nella fase pre-ospedaliera

Include un supporto vitale elementare (secondo P. Safar) o un complesso di rianimazione primaria (secondo A. Zilber):

  • restauro delle vie aeree;
  • ventilazione polmonare artificiale (ALV) e ossigenazione;
  • massaggio cardiaco indiretto.

Inoltre, vengono prese misure (Fig. 1) di un complesso specializzato di rianimazione (secondo A. Zilber), tra cui:

  • elettrocardiografia e defibrillazione;
  • garantire l'accesso venoso e l'introduzione di droghe;
  • intubazione tracheale.

Restauro delle vie aeree. Quando si verifica un'emergenza, le vie aeree vengono spesso violate a causa della retrazione della lingua, dell'aspirazione del vomito, del sangue. È necessario svuotare l'orofaringe ed eseguire un "triplo apporto di safar" - distendere la testa nel rachide cervicale; spingere la mascella inferiore in avanti e in alto; apri la bocca. Se è impossibile escludere una frattura del rachide cervicale ed è impossibile distendere la testa, limitare l'estensione della mascella e l'apertura della bocca.

Se la protesi è intatta, viene lasciata in bocca, poiché preserva il contorno della bocca e facilita l'uso della ventilazione meccanica.

Quando le vie aeree sono ostruite da un corpo estraneo, la vittima viene adagiata sul fianco e 3-5 colpi acuminati sono fatti dalla parte inferiore del palmo nella regione interscapolare, quindi cercano di rimuovere il corpo estraneo dall'orofaringe con un dito. Se questo metodo è inefficace, viene eseguita la tecnica di Heimlich: il palmo del resuscitatore si adatta sull'addome tra l'ombelico e il processo xifoideo, la seconda mano è posizionata sul primo ed è spinta verso l'alto lungo la linea mediana. Dopo di ciò, cercano anche di rimuovere un corpo estraneo dall'orofaringe con un dito.

In relazione al pericolo di infezione da parte del pallone rianimatore a contatto con le membrane mucose della bocca e del naso, nonché per aumentare l'efficienza del ventilatore, vengono utilizzati numerosi dispositivi: il dispositivo "Life Key"; condotto orale; condotto transnasale; dotto faringo-tracheale; condotto dell'aria esofageo-tracheale a doppio lume (combustore); maschera laringea.

Un grande passo avanti è stata la creazione di una maschera laringea. La maschera laringea è un tubo di intubazione che non passa attraverso la glottide alla trachea, ma ha una maschera in miniatura all'estremità distale, che viene posta sulla laringe. Il polsino adiacente al bordo della maschera si gonfia attorno alla laringe, garantendo la tenuta lungo il perimetro laringeo. La maschera laringea presenta molti vantaggi, tra cui elimina la necessità di estensione della testa nella regione cervicale, se ci sono controindicazioni a questo.

Ogni medico di emergenza dovrebbe essere in grado di eseguire l'intubazione tracheale. Questo metodo consente di garantire una pervietà ottimale delle vie aeree, ridurre la probabilità di rigurgito durante il complesso di rianimazione e fornire una pressione intrapolmonare più elevata. Inoltre, alcuni farmaci possono essere somministrati attraverso il tubo tracheale.

IVL. La respirazione artificiale soffia aria o una miscela arricchita di ossigeno nei polmoni del paziente, con o senza dispositivi speciali. L'aria espirata da un essere umano contiene dal 16 al 18% di ossigeno, quindi, più efficace della ventilazione artificiale con aria atmosferica o miscela ossigeno-aria. Ogni iniezione deve durare 1-2 secondi e la frequenza dei movimenti respiratori deve essere 12-16 al minuto. L'adeguatezza della ventilazione meccanica viene valutata mediante l'espansione periodica del torace e l'espirazione passiva dell'aria.

Gli equipaggi dell'ambulanza usano solitamente un condotto, o una maschera facciale e una borsa Ambu, o l'intubazione tracheale e la borsa Ambu.

Massaggio cardiaco indiretto Dopo che la circolazione del sangue è stata interrotta per 20-30 minuti, le funzioni di automatismo e conduzione rimangono nel cuore, il che gli consente di "iniziare". Lo scopo principale del massaggio cardiaco è creare un flusso sanguigno artificiale. Durante un massaggio indiretto del cuore, non solo il cuore è compresso, ma anche i polmoni, che contengono grandi quantità di sangue. Questo meccanismo è chiamato tiralatte.

Nei pazienti con fibrillazione ventricolare e tachicardia ventricolare, si raccomanda che, in assenza di un defibrillatore preparato per il lavoro, infliggere un colpo precordiale (1-2 colpi acuminati con un pugno alla regione del margine del medio e del terzo inferiore dello sterno da una distanza di almeno 30 cm).

Quando si esegue un massaggio cardiaco indiretto, il paziente deve essere su una superficie dura. Un pallone rianimatore palmare si trova sul terzo inferiore dello sterno nella linea mediana, il secondo poggia sulla superficie posteriore del primo. Pressione e tempo di rilascio - 1 s, intervallo tra le compressioni - 0,5-1 s. Lo sterno in un adulto dovrebbe essere "spinto" di 5-6 cm. Quando si eseguono misure terapeutiche, la rottura delle trazioni non deve superare i 5-10 secondi. I criteri per l'efficacia di un massaggio indiretto del cuore sono la comparsa di shock pulsionali sulle arterie carotidi, pressione arteriosa al livello di 60-70 mmHg. Art., Cambia il colore della pelle.

Se un pallone rianimatore assiste, vengono eseguite 15 trazioni per due iniezioni aeree, se due rianimatori funzionano, quindi vengono eseguite 5 trazioni per una iniezione d'aria.

Defibrillazione del cuore elettrico (EMF). Questo è un componente essenziale di SLL. L'EMF è efficace solo quando la risorsa di energia miocardica è preservata, cioè quando le oscillazioni di grandi onde sono registrate su un ECG da 0,5 a 1 mV o più (Fig. 2). Se si osservano basse oscillazioni aritmiche, polimorfiche e asistole, iniziare con ventilazione meccanica, massaggio indiretto e terapia farmacologica (Fig. 3), ottenere una transizione di asistolia o fibrillazione ventricolare di piccole onde alla fibrillazione a grandi onde e applicare EMF.

La prima cifra per l'EMF è 200 J, con l'inefficienza del secondo - 300 J, con l'inefficacia del terzo - 360 J. L'intervallo tra le scariche è minimo - per il controllo del ritmo. Il massaggio cardiaco indiretto e la ventilazione meccanica vengono interrotti solo al momento della dimissione. Se la prima serie di tre scariche è inefficace, quindi, sullo sfondo della ventilazione meccanica continua, del massaggio cardiaco indiretto e della terapia farmacologica, viene eseguita una seconda serie di scariche nella stessa sequenza.

Attualmente, i defibrillatori esterni automatici vengono utilizzati nella fase preospedaliera, nel qual caso l'ECG viene registrato dagli elettrodi del defibrillatore collegati al torace. Il defibrillatore registra il ritmo cardiaco ed esegue la sua analisi automatica; quando viene rilevata una tachicardia ventricolare o una fibrillazione ventricolare, i condensatori si caricano automaticamente e il dispositivo emette una scarica. L'efficacia dei defibrillatori automatici è molto alta. Oltre ai defibrillatori automatici esterni semi-automatici vengono utilizzati.

Terapia farmacologica per rianimazione cardiopolmonare. I farmaci per la RCP possono essere somministrati: nella vena periferica; nella vena centrale; nella trachea.

Per ovvie ragioni, la via di somministrazione intramuscolare non è mostrata. Se possibile, una vena periferica ha cannulato. Se il rianimatore è esperto e conosce bene la tecnica della puntura della vena centrale, puoi usare questo metodo. Il problema è che in questo caso la rianimazione deve essere interrotta e un'interruzione di oltre 5-10 s è indesiderabile. La via intratracheale è conveniente se si esegue l'intubazione della trachea, come ultima risorsa, è possibile introdurre farmaci nella trachea attraverso la membrana cricoide. Endotracheale ammissibile per l'introduzione di adrenalina, atropina, lidocaina. È meglio diluire i preparati in 10-20 ml di soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%.

L'adrenalina rimane la droga di scelta quando la circolazione sanguigna si ferma. Con asistolia e dissociazione elettromeccanica, "tonifica" il miocardio e aiuta a "avviare" il cuore, traduce la fibrillazione a piccole onde in un'onda grande, che facilita la FEM. Dosi: 1-2 mg per via endovenosa con un intervallo di 5 minuti, di solito fino a 10-15 mg in totale.

L'atropina anticolinergica M riduce l'effetto inibitorio dell'acetilcolina sul nodo del seno e della conduttività atrioventricolare e, possibilmente, contribuisce al rilascio di catecolamine dalla midollare surrenale. È mostrato in bradystolia e asistolia. Dosi - 1 mg, possono essere ripetute dopo 5 minuti, ma non più di 3 mg durante la rianimazione.

Tutti i farmaci antiaritmici hanno un effetto depressivo sul miocardio e non sono innocui per il paziente. Con la fibrillazione ventricolare sviluppata, dovrebbero essere somministrati solo nel caso di numerosi tentativi falliti di EMF, poiché, sopprimendo l'ectopia ventricolare, rendono difficile ripristinare un ritmo indipendente. La lidocaina è considerata uno dei rimedi più efficaci per la fibrillazione ventricolare refrattaria, la tachicardia ventricolare sostenuta e la tachicardia di eziologia sconosciuta con un ampio complesso QRS. La dose per la saturazione della somministrazione endovenosa è di 1,5 mg / kg di getto (di solito 75-100 mg). Allo stesso tempo, inizia l'introduzione di una dose di mantenimento di 2-4 mg al minuto. A tal fine, 1 g di lidocaina viene diluito in 250 ml di soluzione di glucosio al 5%.

Un'indicazione per l'introduzione di bicarbonato di sodio può essere considerata una rianimazione prolungata per più di 15 minuti, se l'arresto cardiaco è stato preceduto da acidosi metabolica pronunciata o iperkaliemia. Dose - 1 mmol / kg, endovenosamente una volta, con amministrazione ripetuta, è ridotto della metà. Alcuni autori ritengono che, con un'adeguata rianimazione, il bicarbonato di sodio dovrebbe essere somministrato solo sotto il controllo di uno stato acido-base, dal momento che il corpo è molto più adatto all'alcalosi che all'acidosi.

Come soluzione per infusione, è consigliabile utilizzare una soluzione di cloruro di sodio allo 0,9%, ma la soluzione più efficace del lattato di Ringer secondo Hartman, e dai colloidi - soluzioni con un peso molecolare medio contenente amido idrossietilico - volvo o venofundina.

In tutti i casi, l'ospedalizzazione di emergenza è indicata per le indicazioni vitali nell'unità di terapia intensiva e nella terapia intensiva.

IG Trukhanova, MD, professore associato
E. V. Dvoinikova, Candidato di Scienze Mediche, Professore Associato
Samara State Medical University, Samara

Per Saperne Di Più I Vasi