Tempo di protrombina: norme, aumento e diminuzione

Il sangue è un tipo di veicolo che aiuta l'ossigeno e i nutrienti a diffondersi in tutto il corpo. Per fare questo, deve essere sempre in uno stato liquido.

Per prevenire la perdita di sangue se la nave è danneggiata, il sangue è dotato della capacità di coagulare, per formare un grumo stretto. Il periodo per il quale ciò si verifica è chiamato "tempo di protrombina". Qualsiasi deviazione dalla norma può indicare la presenza della malattia. Pertanto, è importante conoscere le caratteristiche di questo indicatore e i suoi valori normativi.

Qual è il tempo di protrombina?

Il tempo di protrombina è il periodo che passa dal momento in cui il fattore tissutale entra nel flusso sanguigno fino alla formazione di un coagulo di sangue. Per questo processo la proteina è la protrombina responsabile, che è contenuta nel plasma. La normale produzione di questa sostanza è possibile solo se non c'è carenza di vitamina K nel corpo.

Nel sangue di una persona sana, la protrombina è contenuta in una concentrazione stabile. Il suo rilascio attivo avviene solo dopo il contatto con tessuti danneggiati.

Il tempo di protrombina è determinato da un esame del sangue. Per la sua espressione quantitativa, viene usata la seguente notazione:

  1. PI - indice di protrombina. È definito come il rapporto tra l'indicatore standard del tempo di protrombina e l'indicatore del campione in esame.
  2. In secondo luogo.
  3. ON - rapporto di protrombina. È definito come il rapporto tra l'indicatore risultante e il valore normativo.
  4. Percentuale. La determinazione del valore esatto è fatta da uno speciale programma di calibrazione, che è formato sulla base di dati provenienti dallo studio del tempo di protrombina in soluzioni di plasma normale. Tale valutazione è denominata "protrombina di Kvik".

Recentemente, l'atteggiamento normalizzato internazionale è spesso usato - INR. Permette di decifrare il risultato delle analisi da qualsiasi laboratorio nel mondo, indipendentemente dai metodi diagnostici utilizzati.

Valori regolamentari

L'indicatore ottimale del tempo di protrombina non dipende dal sesso della persona, cioè, il tasso per uomini e donne sarà lo stesso.

  • Per una persona sana, l'intervallo normale è compreso tra 15 e 20 secondi.
  • Per un neonato, l'ideale è un valore compreso tra 14 e 18 secondi.
  • Per i bambini sotto i 6 anni - 13-16 secondi.

Se la misurazione viene eseguita in PI, il valore ottimale è compreso tra 95 e 105%. Per i bambini, la percentuale dal 70 al 100% diventa la norma. L'indice del software è ideale se è compreso tra 0,9 e 1,1.

La protrombina di Kvik dovrebbe essere compresa tra il 70% e il 130%. Per i bambini fino a 6 anni, il valore può variare dall'80 al 100%. A un'età compresa tra 6 e 12 anni, il valore normale è compreso tra 79 e 102%.

Il normale valore INR va da 0,85 a 1,25. Se una persona assume anticoagulanti, la sua performance viene spostata. In questo caso, la norma è l'intervallo da 2 a 3.

Il cambiamento naturale nel tempo di protrombina si verifica nelle donne mentre aspettano che il bambino nasca. Il tasso durante la gravidanza dipende dal periodo.

Nel primo trimestre, il valore può variare da 9,8 a 13,4 secondi, nel secondo - da 9,4 a 13,5, nel terzo - da 9,7 a 12,8 secondi.

Cosa significa una deviazione dalla norma?

Alcune persone si spaventano quando vedono una deviazione dal tempo di protrombina, perché non capiscono cosa significhi. In effetti, un aumento o una diminuzione del valore può indicare la presenza di una particolare malattia. Quindi, se il tempo di protrombina aumenta, questo indica uno dei seguenti problemi:

  1. La formazione di un tumore maligno.
  2. Sindrome di coagulazione intravascolare disseminata.
  3. Aumento della concentrazione di antitrombina.
  4. Predisposizione a infarto miocardico e trombosi.
  5. Amiloidosi.
  6. Carenza di calcio nel corpo

Il tempo di protrombina nelle donne e negli uomini può essere superato quando si assumono antistaminici, diuretici, acido nicotinico, aspirina e steroidi anabolizzanti.

L'indicatore sotto la norma si trova nei seguenti casi:

  1. Aumento della concentrazione di globuli rossi.
  2. La mancanza di fattori di coagulazione ereditata.
  3. Malattie croniche del fegato, dei reni o del sistema immunitario.
  4. Malattie del tratto gastrointestinale.

Ridurre il tasso può anche prendere alcuni farmaci. Questi includono barbiturici, corticosteroidi e contraccettivi orali.

Cambiamento del tempo di protrombina durante la gravidanza

Durante la gravidanza, il corpo della donna subisce molti cambiamenti, inclusa la composizione del sangue. Pertanto, il coagulogramma diventa una parte indispensabile della supervisione medica della gravidanza. Include il test della protrombina.

Se i risultati sono troppo bassi, questo può portare a gravi emorragie durante il parto. In presenza di incompatibilità dei fattori Rhesus della madre e del bambino, l'emorragia porta alla morte postpartum. Pertanto, tale esame del sangue diventa estremamente importante.

I seguenti fattori indicano la necessità di test regolari della coagulazione del sangue:

  1. Vene varicose
  2. Violazione del fegato.
  3. Sviluppo fetale lento.
  4. Bere alcolici e fumare mentre si porta un bambino.
  5. La presenza di diversi frutti.
  6. Concezione con FIV.
  7. Uso a lungo termine di anticoagulanti.

Se il tempo di protrombina si abbassa leggermente durante la gravidanza, questo è normale. Questo fenomeno è associato all'apparizione nel corpo di un nuovo circolo di circolazione sanguigna.

Eventuali altre modifiche devono essere identificate tempestivamente, determinare le cause di ciò che sta accadendo e agire. Pertanto, un esame del sangue durante la gravidanza dovrà prendere spesso.

In quali casi è prescritto lo studio?

Esiste un ampio elenco di malattie che sono in qualche modo correlate alla coagulazione del sangue. Spesso si presenta la necessità di un esame del sangue per il tempo di protrombina. Tra le principali ragioni per condurre uno studio vi sono i sospetti per la presenza delle seguenti malattie:

  1. Trombosi.
  2. Violazione del fegato.
  3. Carenza di vitamina K
  4. Emofilia.
  5. Sindrome disseminata coagulazione vascolare.
  6. Anemia in forma cronica.
  7. Disfunzione omeostasi

Questo metodo diagnostico viene utilizzato anche se il paziente lamenta numerosi ematomi di origine sconosciuta. Inoltre, l'analisi viene utilizzata per monitorare l'efficacia dei farmaci anticoagulanti.

Come viene eseguita l'analisi?

Per ottenere risultati accurati, il sangue di un paziente viene prelevato in un ambiente di laboratorio sterile. In questo caso, lo stomaco del paziente dovrebbe essere vuoto. La sequenza dello studio può essere la seguente:

  1. Un laccio emostatico viene applicato sulla parte superiore della spalla di una persona. Ciò riduce il flusso sanguigno e rende più comodo l'accesso alla vena. Il sito di iniezione viene trattato con una soluzione antisettica. Un campione di sangue viene prelevato da una vena. Dopo di ciò, l'imbracatura viene rimossa e sul sito di puntura viene applicato un batuffolo di cotone con un antisettico.
  2. Il campione risultante viene trasferito allo studio. Lo specialista aggiunge una certa quantità di sangue a una provetta riempita con citrato di sodio. A causa di ciò, il sangue perde la sua capacità di collassare.
  3. Per eliminare completamente il fattore di coagulazione, il campione viene posto in una centrifuga.
  4. Il cloruro di calcio e la tromboplastina sono mescolati nel campione. Nota il tempo che passa prima della formazione di un grumo nel sangue. Questo sarà il tempo di protrombina.

Oggi è stato sviluppato uno speciale analizzatore che consente di studiare la coagulazione del sangue a casa. Tale dispositivo è necessario per le persone sottoposte a trattamento con warfarin, affette da tromboembolia o preinfarto.

In questi casi, la determinazione tempestiva degli indicatori di coagulazione può salvare la vita di una persona. Questo dispositivo è facile da usare e non richiede alcuna abilità speciale.

Quali fattori possono influenzare l'accuratezza del risultato?

In alcuni casi, il risultato dello studio potrebbe essere impreciso. I seguenti fattori possono aumentare il tempo di coagulazione del sangue:

  1. L'uso di bevande alcoliche, cibi eccessivamente grassi, legumi e alcune colture orticole.
  2. Terapia con l'uso di droghe. Questi includono alcuni antibiotici, anticoagulanti, steroidi anabolizzanti, eparina, diuretici, lassativi.

I seguenti fattori possono rendere l'intervallo di tempo più breve:

  1. Mangiare cibi ricchi di vitamina K.
  2. Disidratazione del corpo dopo diarrea prolungata o vomito.
  3. L'uso di antistaminici, contraccettivi, farmaci contenenti caffeina.

Per migliorare l'accuratezza dello studio, alcuni giorni prima che venga prelevato il sangue, il paziente deve smettere di usare tè verde, prodotti contenenti soia, fegato di manzo e di maiale, verdure, qualsiasi tipo di cavolo e legumi, bevande alcoliche.

Controindicazioni per la procedura

La determinazione del tempo di protrombina può non essere eseguita in ciascun paziente. Tra le principali controindicazioni sono:

  • Grave disidratazione
  • Difetti del sistema cardiovascolare.
  • Brucia una vasta area di pelle in tutto il corpo.
  • Disordini nevrotici e comportamento violento.

In questi casi, l'uso di una tale tecnica diagnostica è poco pratico.

Eventi medici

Se, dopo lo studio, è stato rilevato un tempo ridotto di protrombina, al paziente viene prescritto un ciclo di anticoagulanti. Questi possono essere farmaci di azione diretta (ad esempio, eparina) o indirettamente, come il warfarin.

In questo caso, si consiglia una dieta speciale. Dovrebbe includere prodotti che fluidificano il sangue. Questi includono:

  1. Varietà di pesce grasso: halibut, aringa, sgombro e altri.
  2. Mirtilli rossi, fichi, mirtilli, prugne.
  3. Ginger.
  4. Farina d'avena.
  5. Olio di oliva e semi di lino.
  6. Cacao e tè verde

Quando l'indicatore è superiore al valore standard, sono necessari coagulanti o droghe sintetiche che accelerano la coagulazione del sangue. Più spesso, gli esperti raccomandano Vikasol o Thrombin.

Insieme al trattamento farmacologico raccomandato e al cibo dietetico. Ha lo scopo di eliminare i seguenti prodotti dalla dieta:

  1. Porridge di grano saraceno
  2. Grassi animali
  3. Culture verdi
  4. Legumi.
  5. Ribes rosso, chokeberry nero, mora, mirtillo.
  6. Prodotti da forno dalla farina di frumento.
  7. Carni affumicate

Ridurre la viscosità del sangue aiuterà l'uso di una quantità sufficiente di acqua potabile pulita. Va bevuto il più spesso possibile a piccoli sorsi.

Il tempo di protrombina è un importante indicatore della coagulazione del sangue. Determinare in modo tempestivo può accelerare il processo di trattamento di molte malattie e in alcune situazioni persino salvare una vita.

Tempo di protrombina: normale, risultati al di sotto e al di sopra del normale

In medicina, il termine "tempo di protrombina" è usato per riferirsi al tempo di coagulazione del sangue. Questo importante indicatore è necessario per la diagnosi di gravi malattie.

Processo di coagulazione del sangue

Per capire quale sia il tempo di protrombina (PTV), è necessario considerare il processo di coagulazione del sangue.

La coagulazione del sangue è un processo complesso che inizia quando compaiono le ferite. Sulla loro superficie si forma un trombo che impedisce la penetrazione dell'infezione nel corpo e allo stesso tempo previene una grande perdita di sangue. Responsabile di questa funzione è il fibrinogeno - una proteina del sangue speciale. Con lesioni, è modificato in frequenti filamenti fibrinosi, simili alla rete. Impediscono il rilascio di sangue dalla ferita. Grazie alla fibrina si forma un coagulo sanguigno che alla fine si condensa e porta alla guarigione della ferita.

Il processo di coagulabilità consiste in tre fasi ed è una complessa catena di interazioni molecolari:

Attivazione. In questa fase, la protrombina - una proteina complessa - entra nella trombina.

Coagulazione. In questa fase, la fibrina si forma dalla fibrina.

Retrazione. Alla fase finale, un denso coagulo di fibrina, si forma trombo.

Tuttavia, questo scenario non sempre funziona. Se una persona ha gravi malattie, il processo di coagulazione è disturbato - questo porta ad un aumento della quantità di tempo. Di conseguenza, il paziente può iniziare a sanguinare pesantemente.

Vi sono altre violazioni del processo di coagulabilità, quando un coagulo di sangue si forma troppo rapidamente. Questo è possibile perché il sangue diventa più denso e viscoso. Questo succede a causa di alcune malattie. I coaguli di sangue precoci sono mortali per il corpo, perché può portare a morte improvvisa da infarti, ictus, cancrena degli arti e altre malattie gravi.

Per prevenire tali patologie pericolose e per la loro diagnosi precoce, vengono effettuati esami del sangue per il tempo di protrombina.

Indicatori normali e patologici del tempo di protrombina

I test di coagulazione vengono eseguiti nei laboratori clinici per scoprire come funziona il sistema di coagulabilità nel suo complesso. Danno un'idea del lavoro dell'intero complesso protrombinico. Include:

indice protrombato (PTI - in percentuale);

tempo di protrombina (PV - in secondi);

rapporto internazionale normalizzato (INR - in percentuale).

Indice protrombina

I pazienti che devono analizzare, si stanno chiedendo: che cos'è questo indice di protrombina? Questo è uno degli indicatori più importanti del coagulogramma.

Questo è il rapporto tra il tempo di coagulazione del plasma di un particolare paziente e il tempo di coagulazione del plasma di controllo.

Normalmente, questo indicatore non dovrebbe deviare dai limiti del 95-105%. Tuttavia, la sua affidabilità è spesso influenzata dalla qualità dei reagenti utilizzati per l'analisi.

In casi dubbi, un'analisi dell'indice di protrombina di Kvik. È considerato più accurato. I risultati sono anche misurati in percentuale, ma il rapporto si basa sull'attività della protrombina sui risultati della misurazione in soluzioni di controllo di plasma di diverse diluizioni. I tassi normali per l'indice di protrombina per Kvik sono 78- 142%.

Se l'analisi ha mostrato un risultato inferiore al valore soglia inferiore della norma, si verifica l'ipocoagulazione. Questo termine si riferisce alla tendenza al sanguinamento. I seguenti fattori contribuiscono a questo:

malattie intestinali che causano una carenza di vitamina K, un importante partecipante nel processo di coagulazione del sangue;

farmaci per migliorare la coagulazione;

carenza ereditaria della proteina fibrinogenica.

Se l'analisi risulta in un indice di protrombina superiore al valore soglia, allora ci sono disturbi associati con ipercoagulazione, cioè, il tempo di protrombina è aumentato per alcune ragioni. Questo porta alla formazione di coaguli di sangue. Questo problema può essere attivato da una serie di motivi, tra cui:

malattie oncologiche del sangue;

malattia epatica cronica;

valvola cardiaca artificiale;

assunzione di contraccettivi ormonali;

uso di droghe per migliorare la coagulazione, antibiotici, aspirina, chinino e lassativi.

A volte l'indice protrombotico viene sostituito da un'altra definizione di MSC - coefficienti standardizzati internazionali.

Per il tempo di protrombina è necessario monitorare il sangue nelle donne che trasportano un bambino. L'aumento del tempo di protrombina e l'indice indicano violazioni nel corpo di una donna incinta. Questo dovrebbe includere sia l'età matura e situazioni stressanti, sia le possibili mutazioni nei geni del feto. La sindrome da ipercoagulazione viene attivata nei loro corpi durante la gravidanza come reazione protettiva associata alla perdita di sangue precoce durante il parto.

Tempo di protrombina e atteggiamento normalizzato internazionale

Il tempo di protrombina nell'analisi è indicato in secondi. Viene determinato l'intervallo di tempo necessario per la formazione di un coagulo di sangue. Per il tempo di protrombina, i valori compresi nell'intervallo di 11-16 secondi sono considerati la norma. Se il tempo di protrombina è aumentato, significa che il paziente sviluppa una tendenza a sanguinare, cioè hypocoagulation.

In altre parole, il tempo di protrombina è un test di coagulazione, che determina il tempo di coagulazione del plasma del paziente dopo aver aggiunto ad esso una miscela di tromboplastina tissutale e ioni calcio.

Il rapporto internazionale normalizzato è un indicatore calcolato dal rapporto tra il tempo protrombotico del paziente e il tempo di protrombina del campione ideale in un esame del sangue. Il risultato sarà sempre lo stesso indipendentemente dal laboratorio e dai reagenti utilizzati.

I risultati per gli uomini non differiscono dai risultati per le donne. Se il paziente assume farmaci per assottigliare il sangue, ad esempio warfarin, la velocità può variare normalmente da 2 a 3. Tutti gli altri indicatori indicano violazioni nel processo di coagulazione. Di solito un aumento dell'INR indica ipocoagulazione, una diminuzione dell'INR indica ipercoagulazione. Le cause di queste sindromi sono state annotate sopra.

Preparazione per l'analisi del sangue per la protrombina

L'analisi della protrombina viene somministrata a stomaco vuoto. Si raccomanda di non mangiare cibo per almeno prima di condurre lo studio. 8-9 ore. 10-12 giorni prima di prendere il biomateriale - sangue da una vena - si dovrebbe rifiutare di assumere farmaci, se possibile. Altrimenti, possono aumentare il tempo di coagulazione. Se è impossibile cancellare il farmaco, è necessario informare il tecnico. che segnerà questi dati sulla direzione. Vale anche la pena limitare il consumo di cibi grassi, fritti, affumicati e alcolici al giorno. Al mattino, il giorno dell'analisi, è consentito solo bere acqua pura non gassata.

Il sangue viene posto in una provetta contenente citrato di sodio. Viene delicatamente miscelato più volte, inclinato a destra ea sinistra, quindi inserito in una centrifuga per separare il sangue dal plasma.

Protrombina - norma, indice e tempo, protrombina secondo Kvik

Transizione rapida sulla pagina

Cos'è? La protrombina è una proteina coinvolta nel meccanismo della coagulazione del sangue, la sua sintesi avviene nel fegato con la partecipazione della vitamina K. La coagulabilità implica la transizione del sangue da uno stato liquido a uno spesso.

Per un funzionamento confortevole nel corpo, il sangue deve avere una consistenza liquida. Se i vasi sono danneggiati, dovrebbe verificarsi il processo di coagulazione - ispessimento. Il corpo non può perdere un grande volume di sangue e intasare i vasi con numerosi coaguli di sangue.

  • L'analisi di laboratorio della protrombina ci consente di valutare la qualità del meccanismo di coagulazione.

Come per ogni analisi, il campione di protrombina viene prelevato a stomaco vuoto. Un paziente che non può soddisfare questa condizione per motivi di salute prende cibo 4-5 ore prima della procedura. I preparati che influenzano la coagulazione del sangue non possono essere assunti prima che il test venga preso - i risultati saranno lontani dalla verità. Se non ti sbarazzi del farmaco, comunica al medico di prenderlo.

L'analisi della qualità della coagulazione del sangue è necessaria per le seguenti malattie e sospetta la loro presenza:

  • Sindrome antifosfolipidica nelle donne in gravidanza (si manifesta con aborto spontaneo, aborto mancato, insufficienza placentare e altre complicanze ostetriche);
  • Patologia del fegato;
  • Aterosclerosi, vene varicose;
  • Squilibrio di vitamina K nel corpo;
  • La presenza di malattie autoimmuni;
  • Uso a lungo termine di anticoagulanti indiretti.

Il test della protrombina può anche essere prescritto per altre malattie per lo screening della coagulazione. Sotto il microscopio, ricrea il meccanismo naturale della coagulazione del sangue.

Gli ioni di potassio e le tromboplastine vengono aggiunti al plasma ricalcificato. Il complesso protrombinico ha diversi fattori di coagulazione: l'analisi consente di rivelare la carenza o l'eccedenza di tali fattori.

Tempo di protrombina - che cos'è? (Rate)

Il tempo di protrombina è il periodo di coagulazione del sangue dal momento in cui una miscela di potassio e tromboplastina viene aggiunta al plasma. La tromboplastina utilizzata nei laboratori ha un certo livello di sensibilità ai fattori II, V, VII e X.

Il tempo di protrombina è compreso tra 11 e 16 secondi, ma l'attività della sostanza può variare a seconda del campione. Di conseguenza, costruire conclusioni confrontando il valore totale del risultato in secondi è sbagliato. È necessaria una valutazione relativa.

Indice della protrombina - che cos'è? (Rate)

L'indice di protrombina è il rapporto tra un normale tempo di coagulazione del sangue normale e un singolo indicatore del paziente. Più accuratamente consente la determinazione dell'analisi dell'indice di protrombina mediante INR (rapporto normalizzato internazionale).

L'indice di protrombina corregge matematicamente l'indicatore del tempo di protrombina. Il risultato individuale in secondi è diviso per un tasso fisso di una persona sana e moltiplicato per il coefficiente di sensibilità della tromboplastina assunta. Il numero di quest'ultimo è da 1 a 3, lo puoi trovare nella classifica internazionale universale.

Ricorda, quando si determina l'indice di protrombina: la norma per donne e uomini è la stessa - da 0,8 a 1,3. Ma la cifra può variare a seconda dell'età e della salute.

I risultati dello studio preoperatorio non dovrebbero andare oltre 0.85 - 1.25. Un punteggio di 3,0 - 4,0 è osservato in un paziente che ha subito un infarto miocardico o ha una grave malattia cardiovascolare.

L'indice di protrombina è 2.0 - 3.0 nel caso di:

  • Difetti della valvola cardiaca;
  • Fibrillazione atriale cronica e la ricezione di "warfarin" nel suo background;
  • Trattamento della trombosi venosa e prevenzione della trombosi vascolare profonda dopo l'intervento chirurgico;
  • Impianto della valvola mitrale e aortica;
  • Trattamento del tromboembolismo nell'area dell'arteria polmonare.

L'indice di protrombina per INR superiore a 6.0 richiede il ricovero urgente del paziente. Questo coefficiente indica un alto rischio di sanguinamento interno in varie località.

La situazione è complicata se la persona ha già avuto lesioni ulcerative del tratto gastrointestinale, insufficienza renale, ipertensione e disturbi del flusso sanguigno nel cervello. In questo caso aumenta il rischio potenziale di attacchi cardiaci emorragici (associati a sanguinamento) negli organi.

Quando si ricevono risultati insoddisfacenti dell'analisi utilizzando il sistema INR, non è richiesto alcun riesame (il risultato è molto sensibile e affidabile). I valori dell'indice non differiscono in base al tipo di materiale da laboratorio prelevato (capillare, sangue venoso).

  • L'indice di protrombina viene calcolato sulla base di una valutazione della sensibilità della tromboplastina ai fattori della coagulazione.

Protrombina per Kvik - che cos'è? (abbassato, aumentato e normale)

Per diversi decenni, in condizioni di laboratorio, ha calcolato la protrombina Kviku. Cos'è? Questa è la percentuale di attività della protrombina. Lo scienziato ha proposto di confrontare l'indicatore del tempo di protrombina del paziente con l'indicatore della dipendenza di questo lasso di tempo sul numero di fattori del complesso protrombinico nel plasma prelevato. Il risultato è una percentuale.

La dipendenza dell'edificio consente di valutare molto accuratamente il tasso di coagulazione, ma il fattore di sensibilità della tromboplastina non viene preso in considerazione.

Questa caratteristica del test influisce sulla qualità del risultato nell'area dei valori critici al di sotto e al di sopra della norma. Nei risultati standard e in piccole deviazioni da essi, l'indice INR e Kvik si correlano in proporzione diretta.

  • I risultati dell'analisi delle carte in qualsiasi laboratorio conterranno la protrombina Kviku. Il tasso è compreso tra il 78% e il 142%. L'indicatore può leggermente superare il valore medio, ma allo stesso tempo dovrebbe rientrare nella percentuale normale.

In un corpo sano, la coagulazione del sangue è spesso aumentata - si osserva una ipercoagulazione. Tale processo è considerato normale fino a quando una persona non ha malattie vascolari o danni ai tessuti cronici. La loro presenza diventa il rischio di coaguli di sangue.

Dopo aver prescritto farmaci per fluidificare il sangue, è necessario uno screening regolare. In alcuni casi nel corpo di questi fondi può formare un deposito (stadio di accumulo della sostanza), che porterà ad uno stato di ipocoagulazione con aumento del sanguinamento.

Inoltre, i risultati dell'analisi potrebbero essere il processo opposto: ipercoagulazione (aumento dell'attività di coagulazione). Gli indicatori di densità del sangue insufficiente sono osservati molto meno frequentemente rispetto all'eccesso.

  • Tuttavia, qualsiasi patologia dei fattori di protrombina richiede controllo o trattamento.

Aumento della protrombina negli uomini e nelle donne

La protrombina negli uomini e nelle donne di età superiore ai 45-50 anni è spesso elevata - più del 142% di Kviku. L'ipercoagulazione può essere causata dalla presenza di malattie vascolari e da fattori temporanei. Questi ultimi includono:

  • Squilibrio della vitamina K, che impedisce la corretta sintesi della protrombina nel fegato, dove viene normalmente prodotta;
  • Malattie epatiche croniche e disturbi del suo lavoro, che interferiscono anche con la normale sintesi della protrombina;
  • Anomalie congenite: mancanza di fattore di coagulazione II, V, VII, X;
  • La presenza di un inibitore di eparina nel meccanismo di coagulazione;
  • Sindrome nefrotica, amiloidosi (deposizione di una speciale proteina anormale negli organi);
  • Accettazione di antisettico, lassativi, farmaci anabolizzanti, farmaci ormonali, acido nicotinico e acetilsalicilico, chinino, chinidina.

L'aumento della protrombina non è dovuto ai fattori sopra riportati indica la presenza di gravi malattie. Pertanto, la ricerca diagnostica si basa sulle seguenti nosologie:

  • Tromboembolia (intasamento dei vasi sanguigni con coaguli di sangue);
  • Policitemia (aumento del numero di eritrociti nel sangue, inclusi e in connessione con i processi oncologici);
  • Malattie oncologiche: leucemia, tumori cancerogeni di varia localizzazione;
  • Stato di preinfarto dell'organismo;
  • Infarto miocardico

La protrombina nelle donne può essere aumentata a causa dell'uso a lungo termine di contraccettivi ormonali, in particolare con un aumento del dosaggio della componente estrogenica (da 30 a 50 μg per 1 compressa).

Se il paziente ha una grave malattia vascolare, la pillola deve essere eliminata. È possibile passare a farmaci ormonali locali (supposte, anello vaginale).

Non ha molto effetto sulla coagulazione del sangue influenza la dieta. È possibile abbassare la cifra di Quick di qualche punto aggiungendo prodotti "ossidanti" al menu giornaliero. L'aumento del risultato causa una mancanza nella dieta di latticini, bacche rosse e nere, agrumi, pesce grasso e la quantità di acqua consumata.

Bassa protrombina - cosa significa?

Si osserva una bassa protrombina con ipocoagulazione. Questo risultato suggerisce la tendenza del corpo a sanguinamento interno. La mancanza di fattori di coagulazione è osservata nelle seguenti situazioni:

  • La carenza di vitamina K è una violazione della sintesi della protrombina;
  • Carenza congenita di alcuni fattori che regolano i processi nel sangue;
  • La patologia del fegato, impedendo la normale sintesi dei fattori della coagulazione;
  • La mancanza di fibrinogeno nel sangue (congenito e acquisito);
  • Assunzione di farmaci che riducono la capacità di coagulazione del sangue.

Un basso tasso di protrombina indica malattie:

  • dysbacteriosis;
  • Patologia del tratto gastrointestinale;
  • Carenza di protrombina;
  • carenze vitaminiche.

Per regolare il tasso di protrombina leggermente ridotto, è possibile utilizzare prodotti contenenti vitamina K. Cavolo, carote, banane, mele, pere, spinaci e lattuga saranno utili.

La ragione per abbassare i risultati nella dieta si riferisce più spesso agli uomini rispetto alle donne. È il genere maschile che preferisce i prodotti a base di carne alle verdure. A causa di queste dipendenze, c'è una carenza di vitamine nel corpo.

Protrombina durante la gravidanza

L'analisi dell'indice di protrombina in gravidanza è obbligatoria. Durante il parto, un basso tasso può portare a gravi emorragie, e un alto tasso può portare a travaglio prematuro e anche aborto in un secondo momento.

Pertanto, è molto importante valutare questo indicatore durante la gestazione, soprattutto se ci sono varie complicazioni sia durante la gravidanza che durante quella precedente.

Durante la gestazione, un esame del sangue per l'indice di protrombina deve essere somministrato almeno 3 volte (una volta per trimestre). Se alla futura madre viene diagnosticata un'anomalia significativa, è necessario eseguire un test per la coagulazione più spesso. Il tasso di protrombina nel sangue delle donne durante la gravidanza è più basso del solito - dal 70% al 120%.

Sulle violazioni del meccanismo di coagulazione del sangue nelle donne in gravidanza mostra:

  • Vene varicose sugli arti;
  • Lividi sanguinanti e evidenti dopo lievi ferite;
  • Disfunzione epatica;
  • Un lungo periodo di mancanza di risultati quando si cerca di concepire;
  • Concezione attraverso la procedura di fecondazione in vitro;
  • Gravidanza multipla;
  • Il ritardo dello sviluppo fetale dalla norma;
  • Consumo di alcool, fumo della donna incinta;
  • Trattamento anticoagulante a lungo termine;
  • Aborti multipli.

Poiché la protrombina Kviku durante la gravidanza diminuisce, allora cade e l'indice dell'INR. Cambiamenti particolarmente evidenti nel secondo trimestre di gestazione. Fino alla 13a settimana, il coefficiente dovrebbe corrispondere alla norma: da 0,8 a 1,3. Inoltre, l'indice diminuisce:

  1. Dalla 14a alla 20a settimana, l'indice di protrombina per INR è compreso tra 0,55 e 1,1;
  2. Dalla 21a alla 28a settimana, l'indicatore può scendere a 0,5, ma non può superare 1,15;
  3. Dalla 29a alla 35a settimana, il risultato è 0.6 - 1.17;
  4. Dall'indice 36th a 42nd week - da 0,55 a 1,15.

Nel caso di donne in gravidanza, la preferenza è data al metodo di indicizzazione INR. Gli indicatori sono piuttosto bassi e il metodo Quick fornisce errori con valori critici.

Il tasso di indice di protrombina

✓ Articolo verificato da un medico

Il normale funzionamento dei vari sistemi del corpo umano si verifica a causa della costante circolazione del sangue attraverso i vasi. Il lavoro del cuore consente di consegnare plasma che contiene elementi sagomati - linfociti, piastrine e globuli rossi - in tutti i tessuti. Il sangue fornisce la respirazione cellulare, la rimozione dei prodotti metabolici, il trasporto di sostanze nutritive, ecc. Tuttavia, la quantità di questo fluido biologico nel corpo umano è relativamente piccola e raramente supera i 4-5 litri. Per evitare che varie ferite e ferite possano essere fatali, esistono speciali meccanismi di protezione che assicurano la coagulazione del sangue. Il componente più importante di questo sistema sono i fattori di coagulazione - composti proteici, uno dei quali è la protrombina. Al fine di identificare tempestivamente il rischio di sanguinamento o trombosi patologica, viene eseguito l'emostasiogramma. Questa è un'analisi che consente di determinare il contenuto di protrombina nel plasma.

Il tasso di indice di protrombina

Protrombina e il suo significato funzionale

La protrombina è una delle glicoproteine, cioè proteine ​​appartenenti alle α-2-globuline. È prodotto negli epatociti - le cellule del fegato - ed è responsabile della formazione dell'enzima attivo della trombina.

Attenzione! La protrombina è anche chiamata fattore II del complesso protrombinico, un sistema che fornisce una normale coagulazione del sangue. È formato da speciali proteine ​​del plasma, che sono indicate con numeri romani da I a XIII.

La protrombina viene sintetizzata nel fegato sotto l'influenza di un certo numero di sostanze. Uno dei componenti necessari della produzione di questa proteina è la vitamina K. La sua carenza o eccesso porta alla rottura della normale formazione della protrombina.

Se il corpo umano funziona normalmente, allora la proteina è in uno stato inattivo. In caso di sanguinamento sotto l'influenza del sistema interno dell'emostasi, si verifica la conversione della protrombina in trombina. Di conseguenza, si forma un coagulo di sangue che chiude la superficie della ferita, impedendo al sangue di fuoriuscire dalla nave.

Una mancanza di protrombina è pericolosa a causa dello sviluppo di forti emorragie, tra cui emorragie interne, e un eccesso di questa glicoproteina causa il blocco delle arterie o delle vene con coaguli di sangue e porta ad attacchi cardiaci, cuore, cervello e altri organi.

Come coaguli di sangue

Attenzione! Normalmente, la quantità di protrombina nel plasma umano dovrebbe variare da 0,10 a 0,15 grammi / litro. Gli indicatori possono differire leggermente nelle persone durante la malattia o durante la gestazione.

Analisi dell'indice di protrombina

Uno degli studi più importanti sulla conta ematica è il test di coagulazione. Fornisce l'opportunità di identificare gravi patologie nel corpo del paziente e determinarne la causa. Inoltre, con l'aiuto di questa diagnosi, è possibile prevenire l'emorragia o la trombosi patologica in modo tempestivo.

Qual è l'indice di protrombina

Ad oggi, ci sono quattro analisi che consentono di determinare il livello di protrombina nel sangue:

  1. Studio Kvik. Offre l'opportunità di valutare lo stato funzionale della glicoproteina e di valutarne l'attività. Pertanto, viene rilevata la presenza di sanguinamento.
  2. Determinazione del tempo di protrombina. L'analisi richiesta per determinare il periodo di coagulazione del sangue del paziente.
  3. INR è un atteggiamento normalizzato internazionale. Questo valore, che è uguale al rapporto tra il tempo di protrombina umana e un normale indicatore di proteine.
  4. PTI - indice di protrombina. Rappresenta il rapporto tra gli indicatori normali del tempo di protrombina e quelli del campione in esame.

La formula per calcolare l'indice di protrombina

I test più comunemente prescritti sono direttamente l'indice della protrombina e gli studi sulla proteina Kvik. Nel primo caso, gli indicatori possono variare a seconda del tipo di reagenti, tuttavia, in media, sono del 95-100%.

Attenzione! Le molecole di glicolipidi si disgregano molto rapidamente. Allo stesso tempo, sono difficili da separare dalle altre proteine, il che rende la diagnosi molto più difficile.

L'analisi della proteina Kvik è un calcolo del livello di protrombina attiva nel plasma come percentuale della norma. La quantità consentita varia dal 70% al 120%. Questo indicatore consente di calcolare le capacità funzionali del complesso ematico protrombinico in relazione a varie diluizioni del plasma del paziente. Sulla base dei risultati ottenuti, viene costruita una curva grafica che tiene conto delle informazioni sul periodo di coagulazione del sangue. Lo studio Kvik è considerato il più informativo a bassi tassi di protrombina.

Indice della protrombina. Kvik Norm

L'indice di protrombina è anche indicato come percentuale. Normalmente, varia dal 95 al 105%. In questo caso, l'esecuzione di questa analisi può coincidere con i risultati dello studio di Kvik, se la salute del paziente è corretta. Altrimenti, i dati varieranno notevolmente. Si noti inoltre che l'indice è influenzato in modo significativo dalla qualità dei reagenti utilizzati nell'analisi. Pertanto, quando si ottengono risultati errati, si consiglia di effettuare nuovamente la diagnosi.

Quando si calcola la formula dell'indice, è necessario prendere in considerazione il tempo di protrombina - un indicatore di quanti secondi il plasma sanguigno del paziente viene minimizzato dopo aver aggiunto il reagente ad esso. I dati ottenuti dipendono dall'età del paziente. In un adulto, il tempo di protrombina dovrebbe durare in media 11-16 secondi.

Se necessario, viene utilizzato un rapporto normalizzato internazionale per controllare i risultati dell'indice di protrombina. Questa tecnica è necessaria quando si tratta un paziente con anticoagulanti - farmaci che impediscono la coagulazione del sangue abbassando il livello di protrombina. Questo trattamento è usato in pazienti con tromboflebite, trombosi di grandi vasi, embolia, ecc. Normalmente, l'indicatore di INR non deve superare 1,15.

Schema di coagulazione del sangue

Valori normali di protrombina con coagulogramma

Il contenuto standard di protrombina nel plasma non dipende dal sesso del paziente, tuttavia, è significativamente differente nelle persone di diverse età.

Il tasso di protrombina nei pazienti di diverse fasce d'età

Video - Norme per il test del sangue

Indicazioni per lo studio

Lo studio sull'indice di protrombina è un'importante procedura diagnostica che consente di identificare la patologia dei sistemi ematopoietici, cardiovascolari ed endocrini. Condurre questo studio è necessario per i pazienti con le seguenti indicazioni:

  1. Il paziente lamenta un aumento del sanguinamento nelle lesioni. Inoltre, un coagulogramma è necessario quando un paziente ha un sanguinamento di lunga durata;
  2. Nell'uomo, la funzione epatica è compromessa, l'attività dell'enzima epatico è ridotta;
  3. Il paziente sta assumendo anticoagulanti. Tale studio è condotto durante l'intero periodo di trattamento al fine di escludere lo sviluppo della coagulopatia.
  4. Il paziente ha una carenza di vitamina K pronunciata o malattie che portano alla sua distruzione.

Contenuto di vitamina K nelle verdure

Attenzione! Le indicazioni per lo studio sono tutti i fattori sopra citati, oltre a varie deviazioni dalla norma in un esame del sangue biochimico o clinico. Inoltre, è necessario che le donne determinino il livello di protrombina nel plasma durante la gestazione al fine di escludere la rottura della placenta o il sanguinamento durante il parto.

Normale protrombina durante la gestazione

Un coagulogramma è una procedura obbligatoria per diagnosticare la salute delle donne durante la gestazione. I test della protrombina consentono nelle prime fasi di determinare la presenza di condizioni pericolose per il paziente e il feto.

L'indice della glicoproteina nelle donne in gravidanza è in genere un po 'elevato, cioè aumenta la velocità di coagulazione del sangue. Lo spostamento degli indicatori è dovuto alla formazione del sistema vascolare tra madre e figlio e alla preparazione del corpo del paziente per il parto. L'aumento di PKI è necessario per la prevenzione della perdita di sangue estesa.

Norma del coagulogramma durante la gravidanza

L'indice di protrombina nelle donne durante la gestazione varia dal 75 al 120%. Il contenuto di proteine ​​al di sotto di questo livello indica anemia, ridotta produzione di fattori della coagulazione, disfunzione epatica, ecc. Elevata PTI è nota per disturbi ormonali e disturbi del sistema cardiovascolare.

Attenzione! Una diminuzione dell'indice al 60% o meno è un segno di grave insufficienza placentare o distacco della placenta. Questa condizione richiede un intervento immediato. Se si sviluppa una patologia simile alla fine del terzo trimestre, viene sollevata la questione del taglio cesareo.

Trattamento dell'insufficienza placentare

Una diminuzione della PTI è anche possibile a causa dell'incompatibilità dei fattori Rh del paziente e dell'embrione. Di conseguenza, il paziente sviluppa shock emolitico durante la distruzione dei globuli rossi. Al fine di prevenire tale complicazione, uno specialista prescrive a una donna di diagnosticare regolarmente il sistema di coagulazione e di somministrare immunoglobuline per distruggere gli anticorpi pericolosi.

Ragioni per abbassare il livello di protrombina

Una diminuzione dell'indice di protrombina è un segno di aumento della coagulazione del sangue. Tali cambiamenti nel coagulogramma sono pericolosi nello sviluppo della trombosi. La necessità di iniziare una terapia anticoagulante speciale è indicata da un indicatore di PTI inferiore al 75-80%.

Cause di una diminuzione dell'indice di protrombina

Questa condizione può svilupparsi sotto l'influenza dei seguenti fattori:

  • eccessiva produzione di fibrina - una proteina necessaria per la formazione di un coagulo di sangue durante la coagulazione del sangue;
  • fattori ereditari e varie patologie genetiche;
  • l'uso di farmaci farmacologici che aumentano la coagulazione del sangue: Ambien, Kontrykal, Vikasol, ecc.

Compresse di Vikasol di droga

Per ridurre la quantità di protrombina nel plasma può essere dovuta agli anticoagulanti: Neodicoumarina, Warfarina, Lepirudina, ecc. Inoltre, i pazienti con alta PET devono aderire a una dieta speciale che promuova la fluidificazione del sangue. Dovrebbe essere chiaro che alcuni tipi di cibo contribuiscono alla trombosi e possono portare allo sviluppo di complicanze.

I pazienti sono incoraggiati a includere nella dieta i seguenti prodotti:

  1. Fiocchi di avena. I piatti a base di farina d'avena migliorano l'emodinamica, riducono il rischio di trombosi e prevengono eccessivi coaguli di sangue.
  2. Succo di pomodoro La preferenza dovrebbe essere data a una bevanda fatta da te stesso da verdure fresche. Hai bisogno di bere succo 2-3 volte a settimana in un bicchiere, senza aggiungere sale e altre spezie.
  3. Barbabietole. È il prodotto più utile per ridurre il livello di protrombina. Può essere consumato sia fresco che cotto. Si consiglia di aggiungere semi di lino, sesamo o olio d'oliva ai piatti di barbabietole.
  4. Radice di zenzero Ha un effetto tonico sui vasi sanguigni, migliora la circolazione sanguigna e riduce la sua densità. Lo zenzero può essere aggiunto a varie bevande o usato come condimento. Anche la radice di zenzero essiccata nello zucchero viene utilizzata come dessert.
  5. Olio di pesce Disponibile sotto forma di capsule, non ha sapore e odore pronunciati. L'olio di pesce non consente la formazione di coaguli di sangue nel sangue.
  6. Ananas. Questo frutto aiuta a fluidificare il sangue e aiuta a ridurre la pressione sanguigna.

Motivi per i cambiamenti in animale domestico.

Con l'età, l'indice di protrombina nei pazienti può diminuire, a causa di cambiamenti ormonali. Nelle persone di età compresa tra 50 e 55 anni, la PTI è del 75-100%. Un aumento della quantità di glicoproteina è anche notato nelle donne che assumono contraccettivi orali. Se il paziente ha una malattia cardiovascolare o una disfunzione epatica, si consiglia di sostituire il COC con supposte o anelli vaginali.

Le ragioni per l'aumento del livello di protrombina

Un aumento del tasso può segnalare le seguenti malattie:

  1. Malattie del tratto gastrointestinale. Con queste patologie, il paziente ha una violazione dell'assorbimento di nutrienti e vitamine, che riduce la produzione di protrombina.
  2. Dysbacteriosis. La violazione della microflora intestinale provoca anche indigestione e deterioramento del corpo.

Le ragioni per l'aumento dell'indice di protrombina

Un livello ridotto di protrombina è un pericolo per la salute umana, poiché anche una piccola lesione in questo caso può portare a una perdita di sangue estensiva. Per prevenire tali complicazioni, al paziente vengono prescritti i seguenti farmaci:

  • La trombina è un componente naturale del sistema di coagulazione del sangue;
  • Vikasol: analogo sintetico della vitamina K;
  • Ambien - un farmaco che ha un effetto antifibrinolitico.

Attenzione! Il medico seleziona il dosaggio e il tipo di farmaco sulla base dei risultati del coagulogramma e dello stato di salute del paziente. Nella maggior parte dei casi, il paziente deve prima interrompere la malattia sottostante che ha portato a un aumento del sanguinamento.

Video - Perché è prescritto PTI

Preparazione per lo studio

La corretta preparazione del paziente per la consegna dell'analisi per determinare l'IPT è estremamente importante, perché altrimenti i risultati potrebbero essere inaffidabili. L'uso di cibi grassi o alcolici, disturbi del sonno - tutto ciò ha un effetto negativo sulla conta ematica. Per ottenere i dati più precisi, è necessario osservare le seguenti raccomandazioni:

  1. Il materiale biologico viene preso a stomaco vuoto. In questo caso, il cibo dovrebbe essere assunto non più tardi di otto ore prima della manipolazione.
  2. 2-3 giorni prima della procedura dal menu è necessario escludere alimenti ricchi di lipidi, oltre a cavolo bianco, tè verde e tutti i tipi di legumi.
  3. Rifiuti dall'uso di bevande inebrianti e farmaci contenenti alcol.
  4. Prima dello studio dovrebbe dormire bene.

La protrombina è una proteina complessa che prende parte attiva nel processo di coagulazione del sangue. Ad oggi, uno dei metodi diagnostici più accurati per determinare la quantità di questa proteina è l'analisi dell'indice di protrombina. Permette di identificare le violazioni nel lavoro dei vari sistemi corporei e prevenire lo sviluppo di trombosi o sanguinamento patologico.

Ti piace questo articolo?
Salva per non perdere!

Protrombina, indice di protrombina e tempo: standard del sangue, analisi del trascritto

Di norma, quando si entra in regime di ricovero ospedaliero, ogni paziente la mattina successiva prima di colazione passa le prove obbligatorie per le dita (emocromo completo, zucchero e protrombina). Questi test di laboratorio appartengono ai principali studi indicativi, perché "disegnano" il quadro generale delle condizioni del paziente. Il resto dei test (biochimici, inclusa la coagulazione) può essere somministrato il giorno dell'ammissione se il problema nel corpo del paziente è chiaramente definito, o se durante il processo di esame e trattamento l'obiettivo è di esaminare a fondo le capacità funzionali degli organi e dei sistemi del paziente e monitorare l'efficacia della terapia..

Un mezzo unico che si muove attraverso i vasi sanguigni, secondo le sue caratteristiche, è legato al tessuto connettivo. Essendo allo stato liquido e avendo una fluidità che impedisce l'adesione degli elementi formati, il sangue, tuttavia, è in grado di coagulare rapidamente quando la parete vascolare è danneggiata. Ha una tale opportunità a causa del sistema di coagulazione del sangue e del suo fattore, uno dei quali è la protrombina. Va notato che tutti i fattori senza una violazione dell'integrità delle pareti vascolari sono in uno stato inattivo. L'attivazione di fattori e la formazione di coaguli di sangue all'interno del sistema circolatorio senza alcun motivo, minaccia gravi complicazioni per l'organismo.

Qual è la protrombina?

fasi della coagulazione del sangue

La protrombina o fattore II (FII) del complesso protrombinico è una proteina (glicoproteina), un fattore plasmatico del sistema di coagulazione, che appartiene alle alfa2-globuline ed è sintetizzata dagli epatociti (cellule epatiche). È importante notare che la produzione di protrombina è notevolmente più difficile se, per qualsiasi ragione, la quantità di vitamina K, che è così necessaria per la sintesi di questo fattore, è ridotta nel corpo. Se tutto è normale nel corpo, la protrombina non mostra alcuna attività, rimanendo come un precursore della trombina - un enzima che causa la polimerizzazione del fibrinogeno e la formazione di un coagulo (trombo), se necessario.

Nel sangue circolante, i fattori plasmatici, sotto forma di una forma inattiva di un profarmaco (protrombina → trombina), rimangono sempre in concentrazioni relativamente costanti, l'attivazione avviene sotto l'influenza del fattore di coagulazione XII (sistema emostatico interno) e quando il sangue è a contatto con i tessuti danneggiati (sistema emostatico esterno).

Il tasso di protrombina nel sangue di persone sane è 0,10 - 0,15 g / l (1,4 - 2,1 μmol / l).

Importanza del complesso protrombinico

Lo svantaggio di questo fattore può essere sia innato che istruito nel processo della vita. Il deficit di protrombina congenito non è così comune, cioè si riferisce a una patologia rara. La bassa protrombina dalla nascita è dovuta alla mutazione dei geni recessivi localizzati sul cromosoma 11.

Quando hypoproteinemia di qualsiasi origine, di regola, il livello di questa proteina è anche abbassato. Il fegato malato (gli epatociti sono il sito dei principali fattori del complesso protrombinico) e la K-avitaminosi (la vitamina K è coinvolta nella sintesi di FII e altri fattori, che sono chiamati K-dipendenti) causano un forte calo della concentrazione di questo indicatore.

Il ridotto contenuto di protrombina porta al fatto che ci vuole più tempo per il coagulo del sangue. Per determinare come funziona il sistema di coagulazione a seconda del livello di protrombina, i test di coagulazione sono utilizzati nella diagnostica clinica di laboratorio, che consente di avere un'idea dello stato dell'intero complesso protrombinico:

  • PTI (indice di protrombina, in percentuale);
  • ON (rapporto di protrombina, il reciproco del valore IPT, in percentuale);
  • PTV (tempo di protrombina, in secondi);
  • Protrombina di Kvik (analisi più sensibile rispetto a PTI e PTV, in percentuale);
  • INR (rapporto normalizzato internazionale, in percentuale).

Un'eccessiva attività protrombinica senza alcun bisogno è anche irta di vari problemi e, a volte, di una catastrofe per il corpo. Aumento della coagulazione, la formazione di coaguli che possono chiudere un vaso sanguigno vitale può trasformarsi in una situazione pericolosa, anche mortale.

Test indicativi e analisi completa

Lo studio della coagulazione del sangue, di norma, inizia con metodi indicativi che consentono di rilevare un'anomalia della coagulazione (protrombina), senza rivelarne l'essenza. Quindi, in base ai risultati dell'analisi della capacità di coagulazione del sangue, sono prescritti altri (già specifici) metodi (PTV, INR, APTT e altri indicatori dell'emostasiogramma).

Per quanto riguarda il test della protrombina, è una parte molto importante del coagulogramma e può essere presentato in varie forme. La mancanza di fattori del complesso protrombinico (II, V, VII, X) è determinata principalmente nell'analisi di PTC da parte di Kvik, che rivela principalmente una violazione della formazione esterna di tromboplastina. Tuttavia, è possibile e uno studio separato di questi indicatori sul principio dei campioni sostitutivi.

Nel frattempo, è impossibile ignorare gli indicatori della capacità di coagulazione del sangue nelle donne durante il periodo di pianificazione o il verificarsi della gravidanza, perché consente di calcolare i possibili rischi durante il parto. Tenendo presente questi indicatori durante la gravidanza, è possibile prevedere e prevenire il sanguinamento (se il PTV si allunga) o lo sviluppo di trombosi e il distacco prematuro della placenta, se il sangue mostra una tendenza particolarmente elevata alla coagulazione. Nel periodo del travaglio stesso, il tempo di protrombina è leggermente ridotto rispetto alla norma e l'indice di protrombina aumenta. Nelle donne durante la gravidanza e il parto, lo studio della funzione di coagulazione del sangue non è sufficiente solo indicatori del complesso protrombinico. Per avere un quadro completo della capacità funzionale del sistema emostatico, alle donne incinte viene prescritto un massimo di indicatori di coagulogramma.

Tempo di protrombina

Il tempo di protrombina, come test di laboratorio, consente ai medici di valutare rapidamente non solo il sistema emostatico esterno, ma anche l'intera cascata di reazioni di coagulazione del sangue.

In situazioni di emergenza per il corpo (lesioni con danno tissutale, emorragia pesante, necrosi e altre condizioni patologiche) la glicoproteina entra nel sangue, tromboplastina proteina-tessuto-membrana, che indica l'inclusione di un sistema emostatico di backup (esterno).

La tromboplastina tissutale (cellulare), chiamata fattore tissutale (TF), che interagisce con i fattori della coagulazione (FVII) circolanti nel flusso sanguigno, include sequenzialmente altri fattori tromboplastici nel plasma nel processo. Ciò significa che il sistema di emocoagulazione viene attivato e inizia la prima fase della coagulazione: la conversione della protrombina inattiva in trombina attiva. La trombina provoca la conversione enzimatica del fibrinogeno in fibrina, sotto i suoi fattori di influenza (V, VIII, IX, XIII) vengono attivati, distrugge le piastrine, che provoca (insieme a Ca ++) la metamorfosi viscosa delle piastrine del sangue, contribuendo al rilascio dei fattori piastrinici.

Il tasso di PTV negli adulti varia da 11-15 secondi (per i neonati fino a 3-4 giorni di vita - 12-18, per i bambini prematuri - 15-20). Nei neonati a termine pieno di 4-5 giorni di vita, il tempo di protrombina corrisponde a quello di un adulto.

Questo indicatore è aumentato (il tempo di coagulazione è esteso) nelle seguenti condizioni patologiche:

  1. Malattie del fegato, perché c'è una sintesi di protrombina;
  2. Carenza di vitamina K, la cui partecipazione è necessaria per la sintesi di fattori dipendenti dalla K (tra questi la protrombina);
  3. Sindrome DIC;
  4. Un aumento del livello del sistema anticoagulante fattore III (antitrombina), che blocca la trombina e altri fattori del sistema di emocoagulazione;
  5. Aumento della capacità fibrinolitica ematica (dissoluzione dei coaguli);
  6. Cancro al pancreas;
  7. Patologia ematologica separata (metaplasia mieloide);
  8. Grbn (malattia emorragica del neonato);
  9. Alto livello di globuli rossi nel sangue (superiore a 6,0 x 10 12 / l);
  10. Emofilia B.

Il sangue intero prelevato con un anticoagulante (citrato di sodio) viene utilizzato come materiale biologico per lo studio del tempo di protrombina mediante il metodo one-step di Kvik (la cosiddetta analisi).

Il PTV, il test di Kvik o il tempo di tromboplastina è un indicatore del sistema di attivazione di fattore II esterno, in cui il tempo di protrombina dipende dalla concentrazione plasmatica di fibrinogeno, fattori V, VII, X. Il tasso di PTV (test di Kvik) è determinato dall'attività della tromboplastina ed è di 12-20 secondi.

Protrombina Kviku

Sotto la definizione di "protrombina Kvik" si intende la concentrazione di fattori del complesso protrombinico come percentuale della norma. Questo metodo è attualmente considerato tra i modi più significativi per studiare la protrombina.

Il test consente di rivelare l'attività dei fattori del complesso protrombinico del sangue del paziente se confrontato con il noto PTV plasmatico "normale". Questo metodo è indubbiamente più informativo rispetto al calcolo di PTI. La protrombina di Kvik determina la FII in un paziente, basata su un grafico di calibrazione (dipendenza da PTV sull'attività totale, totale, di tutti i partecipanti alla reazione - fattori del complesso protrombinico di un plasma "sano" diluito).

I valori normali di protrombina per Kvik variano su un intervallo più ampio rispetto a PTI e sono normalmente dal 75 al 140%. Nelle donne, il limite superiore della norma è generalmente inferiore. I risultati dell'analisi possono dipendere dall'età del paziente, dal trattamento che assume (anticoagulanti), dalla sensibilità delle sostanze che reagiscono.

La protrombina di Kvik diminuisce prima di tutto durante il trattamento con anticoagulanti indiretti (l'INR è aumentato), quindi, esercitando il controllo sulla terapia anticoagulante, questo fatto dovrebbe essere tenuto presente in primo luogo e, dato che, l'analisi del sangue del paziente deve essere eseguita in un modo e un cdl. In caso contrario, è possibile ottenere risultati inadeguati che influenzano negativamente l'ulteriore corso della terapia anticoagulante, se viene effettuata al momento dello studio.

I valori della protrombina in Kvik e PTI (indice di protrombina) spesso danno gli stessi risultati nella zona dei valori normali. Per quanto riguarda la zona dei valori bassi, qui i risultati differiscono sensibilmente, ad esempio, è possibile ottenere le seguenti risposte di prova: PTI - circa il 60% e Kvik protrombina - 30%)

Indice protrombina

L'indice di protrombina (PTI) è il rapporto tra il tempo di coagulazione di un plasma "sano" (controllo) e il tempo di coagulazione del sangue di una persona malata. Il risultato è calcolato in percentuale (PTV del plasma normale: PTV del plasma del paziente x 100%), la norma va dal 90 al 105%. Il rapporto inverso (tempo di coagulazione di un paziente: tempo di coagulazione di un plasma "sano"), espresso in percentuale, è chiamato rapporto di protrombina (PO).

Basso indice di protrombina e allungamento del PTV danno molte condizioni patologiche:

  • Carenza congenita di alcuni fattori della coagulazione (II, V, VII, X);
  • Lesione dell'epatocita durante un processo patologico cronico localizzato nel parenchima epatico;
  • Sindrome di coagulazione intravascolare disseminata;
  • Sindrome emorragica a causa del basso contenuto di fibrinogeno plasmatico (fibrinogenopenia);
  • Violazione della polimerizzazione del fibrinogeno (disfibrinogenemia);
  • Carenza di vitamina K;
  • Conduzione della terapia anticoagulante;
  • L'uso di inibitori dei fattori della coagulazione, ad esempio l'eparina, che inibisce la conversione della protrombina in trombina.

Un alto indice di protrombina (accorciamento del PTV) è notato nei seguenti casi:

  1. La formazione di coaguli di sangue nei vasi sanguigni che bloccano il flusso sanguigno, a seguito di varie condizioni patologiche del sistema emostatico (trombosi);
  2. Coagulopatia del consumo (DIC);
  3. Eccessiva attivazione del sistema anticoagulante, eccessiva formazione di plasmina (iperfibrinolisi), che porta prima al sanguinamento e poi (con deplezione del plasminogeno) - alla trombosi;
  4. Malattie del fegato;
  5. Aumento dell'attività del fattore VII (danno tissutale traumatico, necrosi);
  6. L'inclusione di meccanismi protettivi nelle donne durante il parto.

Pertanto, l'allungamento del PTV ridurrà l'indice di protrombina e indicherà una possibile ipocoagulazione (bassa coagulazione del sangue, tendenza a sanguinare). E, viceversa, ridurre il tempo di coagulazione (PTV) aumenta i valori dell'indice di protrombina e indica la presenza di segni di ipercoagulazione, cioè aumento della coagulazione del sangue (rischio di stati tromboembolici).

Unità e lotta degli opposti

La distruzione del sistema emostatico porta allo sviluppo della coagulopatia, in cui la patologia che è soggetta alla trombosi viene solitamente definita "trombofilia" e le malattie che sono accompagnate da un'aumentata emorragia vanno sotto il nome di "diatesi emorragica". La distruzione delle capacità di coagulazione del sangue può essere ereditaria o derivare da condizioni formate durante la vita (malattie del parenchima epatico, C-avitaminosi, uso di anticoagulanti a scopo terapeutico, attivazione del sistema fibrinolitico).

Lo sviluppo della sindrome da disturbo dell'emocoagulazione è dovuto alla perdita (o diminuzione) della capacità delle cellule epatiche di biosintesi dei fattori della coagulazione. Inoltre, va notato che i fattori di coagulazione, anticoagulanti e sistemi di fibrinolisi non esistono isolati, l'interruzione dell'attività di un qualsiasi collegamento porta a condizioni patologiche di altri componenti. Ad esempio:

  • Il disturbo della biosintesi della proteina in esame, la protrombina, inevitabilmente comprometterà la produzione di altri fattori (VII, IX, X) e la carenza di tutti i componenti del complesso protrombinico, che comporterà ulteriormente una diminuzione dell'attività FV, un aumento della concentrazione di monomeri di fibrina, una diminuzione dell'attività di FXIII e un aumento della capacità di fibrina a lisi.
  • La violazione del metabolismo del fibrinogeno causerà un cambiamento nella struttura strutturale dello strato dei vasi sanguigni della profibrina, aprendo la strada al movimento dei globuli rossi attraverso le pareti vascolari.

La combinazione delle proprietà apparentemente assolutamente opposte dei sistemi sopra menzionati (a condizione che funzionino normalmente) fornisce lo stato liquido del sangue che si muove liberamente attraverso tutti i vasi sanguigni del corpo e la sua coagulazione, se si rende necessario rattoppare gli spazi formati come risultato del danno tissutale.

La ricerca può espandersi...

Se i metodi descritti non hanno informazioni complete, lo studio del sistema emostatico può essere esteso, ad esempio, studiando le funzioni individuali e i valori quantitativi dei fattori piastrinici e plasmatici. Il test della protrombina fornisce una base per la ricerca di vari disturbi dell'ematocoagulazione, suggerendo la direzione di ulteriori ricerche. A tale scopo, ricorrono alla determinazione di altri parametri dell'emostasiogramma:

  1. Il tasso di transizione del fibrinogeno alla fibrina (tempo di trombina);
  2. INR (atteggiamento normalizzato internazionale;
  3. APTT (tempo di tromboplastina parziale attivata);
  4. Determinazione dei fattori piastrinici (III);
  5. Analisi del fibrinogeno, FDMK (complesso solubile di fibrina-monomero), D-dimero, lupus anticoagulante, ecc.

Questi e molti altri test di laboratorio ci permettono di studiare non solo il percorso esterno dell'emostasi di un particolare paziente, ma forniscono anche l'opportunità di condurre una ricerca di violazioni dal lato del sistema di emocoagulazione interna. Tuttavia, il lettore può ottenere informazioni su questo nei materiali dedicati a ciascuno degli indicatori elencati separatamente.

Per Saperne Di Più I Vasi