Discircolazione venosa: cos'è, danno cerebrale

Da questo articolo imparerai: cos'è la circolazione venosa. Perché sembra, a quali complicazioni può portare. Sintomi, diagnosi, trattamento e prognosi della patologia.

Quando il circolo venoso interrompe il deflusso di sangue venoso. Per questo esiste una stagnazione di sangue e una relativa distruzione del corpo che ha sofferto della malattia.

Il termine "circolazione" indica un disturbo circolatorio.

Il più comune nella pratica medica è il circolo venoso del cervello. Tra gli altri disturbi circolatori nel cervello emettono la circolazione nel VBB (bacino vertebrobasilare), circolatorio nel seno carotideo, nel circolo willisiano. Queste 3 componenti del sistema circolatorio del cervello sono costituite da arterie. E in questo articolo ci concentreremo sulla violazione della circolazione del sangue nelle vene della testa e del collo, che porta a disturbi del cervello associati alla stasi del sangue.

Questo è un fenomeno molto pericoloso, in quanto progredisce nel corso degli anni e può portare ad un ictus o encefalopatia dyscirculatory (danni cerebrali dovuti alla mancanza di circolazione sanguigna) di grado grave. In entrambi i casi, il paziente diventa essenzialmente disabilitato.

Il problema della circolazione cerebrale venosa è affrontato da un neurologo.

Per sbarazzarsi della patologia, dovrai eliminare la sua causa (malattia di fondo). Tuttavia, per invertire i cambiamenti nel cervello è quasi impossibile. Pertanto, il compito principale dei medici è prevenire la progressione della malattia e il suo passaggio all'ultimo stadio. Il trattamento ti aiuterà a sbarazzarti dei sintomi che non ti danno una vita piena e prolungano significativamente la tua capacità di lavorare.

La posizione delle vene sulla testa e sul collo di una persona. La violazione della circolazione di queste vene è un grande pericolo per la salute

Cause del discircolo venoso

Il fattore che provoca un deflusso venoso insufficiente può essere:

  • Insufficienza cardiaca (si verifica a causa di aterosclerosi delle arterie coronarie, difetti cardiaci congeniti e acquisiti, aritmie, stile di vita povero).
  • Ipertensione: a causa della pressione cronica del sangue alta, il sangue non può circolare completamente attraverso i vasi ristretti.
  • Malattia ipotonica - a causa della pressione costantemente ridotta, la circolazione sanguigna rallenta.
  • Osteocondrosi del rachide cervicale. Gli osteofiti o la caduta di dischi intervertebrali che si formano in questa malattia possono pizzicare grandi vasi dal cervello, il che causa un disturbo nel deflusso venoso del sangue.
  • Aterosclerosi cerebrale Questa è una malattia in cui i vasi cerebrali sono ostruiti da placche di colesterolo, il che rende impossibile completare la circolazione sanguigna.
  • Malattie endocrine: ipertiroidismo, ipotiroidismo, diabete e altri. I disturbi ormonali spesso danno complicazioni ai vasi sanguigni: aumentano o diminuiscono la pressione, contribuiscono ai processi infiammatori nelle arterie e nelle vene.
  • Gozzo. Una ghiandola tiroidea molto ingrandita può pizzicare la vena giugulare interna.
  • Ferita alla testa chiusa In assenza di un trattamento adeguato, il tono vascolare del cervello cambia, portando a disturbi circolatori.
  • Tumori del collo. Strizzano le vene in cui il sangue scorre dal cervello.
  • Trombosi delle vene. Un coagulo di sangue ostruisce la nave e normalmente il sangue non può attraversarla.
  • Tumori al cervello Allo stesso tempo le vene che sono direttamente nel cervello sono compresse.
  • Malformazioni artero-venose. Questa è una patologia in cui ci sono vasi patologici che connettono le arterie e le vene. Ciò provoca una miscela di sangue arterioso e venoso e disturba il deflusso venoso.
Con un aumento della ghiandola tiroidea (gozzo), il circolo venoso può svilupparsi a causa del serraggio delle vene più vicine

Tre stadi della patologia

L'interruzione venosa si sviluppa in 3 fasi:

  1. Il primo: i sintomi non appaiono.
  2. Il secondo è che i segni sono presenti, tuttavia, sebbene peggiorino la qualità della vita, non escludono la capacità di lavorare e la capacità di auto-servizio.
  3. In terzo luogo, i sintomi sono così forti da provocare gravi complicazioni nel cervello e in tutto il corpo. Il paziente non può più lavorare. Nel tempo, non può servirsi da solo, ha bisogno di cure costanti da parte di altre persone.

La malattia è insidiosa in quanto non si manifesta nel primo stadio e quando i sintomi iniziano a farsi sentire, i cambiamenti sono talvolta irreversibili. E nella seconda fase, si può solo impedire la transizione della malattia alla terza, la fase più difficile. È inoltre possibile alleviare completamente i sintomi di disturbo, ma è improbabile che si sarà in grado di sbarazzarsi del 100% dei cambiamenti patologici che si sono verificati nel cervello.

Sintomi caratteristici

I segni del circolo venoso cominciano a manifestarsi nella fase 2.

Circolazione cerebrale venosa

La fisiologia del sistema venoso del cervello è attualmente ancora poco conosciuta. Pertanto, solo i flebologi e neuropatologi esperti conoscono cos'è il circolo venoso e come trattarlo. Sebbene in realtà, in un termine così complesso giace una normale violazione del flusso sanguigno venoso. In una persona sana a riposo, la velocità media del sangue venoso è di circa 220 mm / min, mentre in quelli che soffrono di dyscirculation diminuisce a 47 mm / min. La conoscenza dell'anatomia del sistema circolatorio del cervello aiuterà a identificare i sintomi causati dalla dyscirculation, nonché a effettuare preventivamente misure preventive.

Il meccanismo del circolo venoso

Le vene del cervello possono essere divise in 2 sottospecie: superficiali e profonde. Le vene, che si trovano nel guscio morbido (superficie), sono progettate per il deflusso di sangue dalla corteccia cerebrale, e quelle che si trovano nelle regioni centrali degli emisferi (vene profonde), servono per il deflusso di sangue dalla sostanza bianca. Le suddette navi portano il sangue al seno longitudinale superiore e inferiore. Da questi collettori, il sangue viene pompato nella vena giugulare interna, e quindi attraverso il sistema delle vene vertebrali scorre dal cervello.

Questa descrizione piuttosto semplificata della complessa via di deflusso del sangue ci consente di capire perché, per così tanto tempo, i medici non sono in grado di determinare le vere cause dei disturbi circolatori cerebrali.

Cause di difficoltà nel flusso sanguigno dal cervello

È piuttosto difficile determinare esattamente cosa ha causato la violazione del normale deflusso di sangue dal cervello, perché dopo l'evento che ha provocato il blocco, potrebbe essere necessario più di un anno. Le cause principali del deflusso venoso possono essere:

  • polmonare e insufficienza cardiaca;
  • compressione della vena extracranica;
  • trombosi venosa giugulare;
  • tumori cerebrali;
  • trauma cranico;
  • gonfiore del cervello;
  • malattie sistemiche (lupus eritematoso, granulomatosi di Wegener, sindrome di Behçet).

Sia una malattia che un complesso di diversi sintomi spiacevoli possono provocare l'interruzione del circolo. Ad esempio, la mutazione della proteina protrombina in combinazione con l'uso di contraccettivi in ​​forma di compresse aumenta il rischio di disgemia (il secondo nome del circolo venoso).

Fattori di rischio

Oltre alle suddette malattie, il flusso sanguigno venoso alterato può innescare uno stile di vita non sano. Se si riscontra almeno uno dei seguenti fattori di rischio, è necessario fissare un appuntamento con un neurologo per discutere delle misure per prevenire la disgemia.

Le seguenti deviazioni dovrebbero avvisare:

  • la presenza di diabete;
  • ipertensione;
  • obesità di grado 2 e superiori;
  • colesterolo alto;
  • alti livelli di trigliceridi;
  • stile di vita sedentario.

Sintomi di patologia

Quasi sempre, la disgemia è accompagnata da periodici mal di testa opachi, a volte con nausea e vomito. Meno comune è una violazione della coscienza, dopo di che compaiono i sintomi focali:

  • intorpidimento degli arti;
  • afasia grave;
  • singole crisi epilettiche;
  • emostasi piastrinica vascolare alterata.

I sintomi della disfunzione venosa possono verificarsi irregolarmente e durare per diversi minuti. Se la malattia non viene curata, il paziente può essere disturbato da sintomi spiacevoli.

I sintomi più gravi si verificano se si ignora il disturbo:

  • vertigini;
  • visione offuscata;
  • perdita imprevista di coscienza;
  • formicolio al collo, soprattutto a sinistra;
  • ipossia moderata;
  • movimenti riflessi improvvisi;
  • sonnolenza costante.

Cosa fa ignorare il problema?

A lungo ignorando i sintomi porta al fatto che l'ossigeno e il glucosio non entrano nel cervello. Questo può portare a problemi neurologici. La mancanza di trattamento può provocare condizioni più gravi.

insulto

Se una neoplasia blocca il flusso sanguigno verso l'arteria carotidea, può verificarsi un infarto o ictus. Di conseguenza, una certa quantità di tessuto cerebrale potrebbe estinguersi. La morte anche di una piccola quantità di tessuto può influenzare la parola, la coordinazione, la memoria. La gravità delle conseguenze di un ictus dipende dalla quantità di tessuto morto e dalla rapidità con cui è stato ripristinato il deflusso venoso. Alcuni pazienti sono in grado di ripristinare completamente la salute, ma la maggior parte delle vittime riceve cambiamenti irreversibili.

Emorragia cerebrale

Nei problemi cronici con circolazione venosa cerebrale, può verificarsi sanguinamento nella cavità cranica. Ciò accade quando le pareti delle arterie si indeboliscono e scoppiano. Anche una lieve emorragia mette sotto pressione il cervello, che può portare alla perdita di coscienza.

ipossia

L'ipossia si verifica quando un deflusso venoso completamente o parzialmente bloccato impedisce all'ossigeno di entrare nel cervello. Le persone con ipossia sentono spesso letargia e vertigini. Se le navi non sono funzionalmente sbloccate, possono verificarsi coma e morte.

Encefalopatia dancileare (inclusa genesi aterosclerotica)

L'encefalopatia ipertensiva dyscirculatory è una sindrome dolorosa che è innescata da alterata circolazione del sangue venoso. Con una lieve discircolazione, l'encefalopatia si sviluppa molto lentamente ed è quasi asintomatica. La sindrome scompare rapidamente con l'eliminazione delle cause originarie della disgemia. Ma con una prolungata mancanza di ossigeno o in seguito a un completo blocco del deflusso venoso, può verificarsi la morte cerebrale (solo 6 minuti dopo la completa cessazione del flusso sanguigno).

Metodi diagnostici

Se il paziente si lamenta di molti dei suddetti sintomi, allora tutti gli sforzi del medico saranno diretti a identificare e curare la causa della dyscirculation. Per questo, viene eseguito un esame fisico e viene studiata una storia medica. Per confermare la violazione del deflusso venoso vengono assegnati diversi studi con la visualizzazione delle vene nel cervello e nel bacino vertebro-basilare.

Emocromo completo

Assegnato per rilevare gli anticorpi antinucleari e determinare il tasso di sedimentazione degli eritrociti. Se i risultati dell'analisi confermano la presenza di anticorpi e un indicatore ridotto di ESR, è previsto uno studio supplementare per determinare i componenti del complemento e il livello di anticorpi anti acido desossiribonucleico. I risultati delle suddette analisi riveleranno che il lupus eritematoso sistemico o la granulomatosi di Wegener erano la causa della disgemia.

Elettroencefalogramma (EEG)

L'elettroencefalogramma con alterato deflusso di sangue venoso può essere normale. Ma questo studio è fortemente raccomandato dopo l'infarto unilaterale del talamo. Il rallentamento del ritmo alfa principale indica indirettamente anomalie di coordinazione e problemi di deflusso del sangue.

Tomografia computerizzata (CT)

La TC è un importante metodo di imaging, spesso prescritto per la diagnosi primaria di disfia. Nella fotografia del tomografo, puoi vedere se un qualsiasi tumore o trombosi era la causa della disgemia.

Angiografia TC

L'angiografia TC viene anche utilizzata per visualizzare il sistema venoso cerebrale. Solo l'angiografia può indicare una mancanza di flusso nei canali venosi.

Risonanza magnetica a contrasto

La risonanza magnetica a contrasto è un metodo eccellente per visualizzare il flusso sanguigno nelle grandi vene cerebrali. È prescritto nel caso in cui l'angiografia non ha rivelato violazioni del deflusso di sangue venoso nel VBB.

Come trattare il deflusso venoso?

Il medico può raccomandare diversi metodi di trattamento, a seconda delle cause identificate della malattia. Ma la maggior parte dei pazienti sarà incoraggiata a fare cambiamenti nel loro stile di vita quotidiano, vale a dire:

  • smettere di fumare e bere alcolici;
  • eseguire semplici esercizi fisici ogni giorno;
  • attenersi a una dieta per abbassare il colesterolo;
  • monitorare quotidianamente i livelli di zucchero nel sangue e la pressione.

Per quanto riguarda il trattamento medico dei pazienti con circolo venoso, viene prescritta una terapia specifica, che include l'assunzione di anticoagulanti o trombolitici (a seconda della storia della malattia). Ma l'uso della terapia anticoagulante sistemica come trattamento primario è raccomandato per tutti i pazienti senza eccezione (anche per un bambino e in presenza di emorragia intracranica).

Il farmaco più comunemente prescritto contenente eparina. Quando viene somministrato per via endovenosa, la sua azione inizia immediatamente, il che è molto importante per i pazienti con disgemia acuta.

L'enoxaparina sodica è un'eparina a basso peso molecolare ed è prescritta se è necessario rinnovare il deflusso venoso a pazienti che soffrono di reazioni allergiche o di prevenzione. Il principale vantaggio dell'enoxaparina è la possibilità di somministrazione intermittente del farmaco, che consente al paziente di non recarsi in ospedale, ma di sfruttare la possibilità di un trattamento ambulatoriale.

Il warfarin è prescritto a pazienti con disturbi emorragici, in cui l'eparina e l'enoxaparina sono strettamente controindicati. Il farmaco non influenza significativamente l'attività della coagulazione, ma l'effetto terapeutico può essere visto solo dopo pochi giorni. Pertanto, tale trattamento non è prescritto nelle fasi acute della circolazione. La dose del farmaco deve essere attentamente monitorata da un medico, quindi l'uso a casa è escluso. Dosi più elevate vengono somministrate all'inizio del trattamento al fine di accelerare i tempi di recupero del normale deflusso, ma allo stesso tempo questa tattica porta ad un aumentato rischio di sanguinamento. Il trattamento con warfarin deve essere continuato per 3-6 mesi per ottenere un risultato stabile.

Se i disturbi del sistema venoso sono troppo gravi, il medico può raccomandare un intervento chirurgico per migliorare rapidamente il flusso di sangue dal cervello. Ma un'operazione chirurgica è prescritta solo se i metodi della droga non hanno funzionato.

Tipi di interventi chirurgici raccomandati per la disgemia:

  • endarterectomia (rimozione del rivestimento interno dell'arteria interessata);
  • smistamento: un nuovo vaso sanguigno è posto vicino al sito di un restringimento della vena al fine di creare una nuova via di flusso sanguigno;
  • Angioplastica: un catetere a palloncino viene inserito in una sezione ristretta dell'arteria per espandere le pareti e migliorare il flusso sanguigno.

Prognosi per il circolo venoso

La prognosi e la velocità di recupero dipenderanno da diversi fattori.

Successo nel trattamento della malattia di base che ha causato la disgemia

Ad esempio, la prognosi di sopravvivenza per la disgemia può essere piuttosto negativa se il paziente ha avuto un ictus o una trombosi. Ma se la causa della malattia è diventata ipertensione o diabete, allora la prognosi sarà molto meglio.

La presenza di ipossia

La prognosi sarà scarsa se il circolo venoso ha precedentemente portato all'ipossia. Anche dopo l'eliminazione della disgemia, è possibile una perdita improvvisa di coscienza o problemi al sistema muscolo-scheletrico.

Età e salute generale

Soprattutto, il risultato del trattamento dipenderà dall'età e dalla salute generale del paziente. I giovani con una buona immunità hanno le migliori previsioni per un pieno recupero.

Trattamento e prevenzione del circolo venoso

L'irrorazione sanguigna ininterrotta è necessaria per l'attività vitale dei centri di innervazione. Arterie di diverso calibro trasportano il sangue ai neuroni con ossigeno disciolto in esso. I piccoli capillari sono responsabili del trasferimento dell'ossigeno e dei componenti preziosi ai neuroni e alle cellule ausiliarie. Qui, l'anidride carbonica e altre sostanze trasformate, che si muovono dalle cellule, si dissolvono nel plasma. Le vene sono responsabili del flusso tempestivo di sangue da tutte le parti del cervello.

Se a causa di alcuni ostacoli questi fenomeni vengono rallentati, si sviluppano processi stagnanti. Pertanto, alcune persone devono usare la venotonica in violazione del deflusso venoso del cervello. Aiutano in modo significativo i pazienti con diagnosi di "circolazioni venose".

Patologia e le sue varietà

Che cos'è il circolo venoso? Questa è una situazione in cui il sangue penetra negli emisferi del cervello in abbondanza, ma a causa di alcuni ostacoli il deflusso venoso (il problema della displasia venosa) attraverso le vene di Rosenthal e gli altri vasi interni cerebrali e di grandi dimensioni è disturbato.

Poche persone sanno che questa è una condizione che ognuno di noi sperimenta durante lo sforzo fisico, causato anche da riflessi fisiologici abituali (tosse, defecazione), rotazione della testa o canto. In tali situazioni, una persona non si accorge che c'è qualcosa di sbagliato in lui, perché non ci sono manifestazioni dolorose. Ma in altri casi, questo processo provoca malessere e deviazioni critiche.

La violazione del deflusso venoso del cervello passa attraverso le seguenti fasi:

  1. Latente. La congestione venosa di vasi cerebrali è, ma non appare esteriormente, quindi il paziente non se ne accorge.
  2. Distonia venosa cerebrale. I primi segni clinici di malattia sono espressi, ma non causano ancora un grave deterioramento della condizione.
  3. L'encefalopatia venosa è una situazione in cui è necessario l'intervento di un medico, poiché alcune funzioni vitali del corpo possono causare malfunzionamenti evidenti.

Analizzando la violazione del deflusso venoso del cervello, Dr. M.Ya. Berdichevsky identificò le forme della sua manifestazione:

  1. Primaria. È causata dall'influenza di fattori dannosi sull'offerta di sangue cerebrale (sovratensioni, avvelenamenti, lesioni alla testa, effetti tossici del fumo di tabacco o dell'alcool, iperinsolazione, effetti di disturbi ormonali).
  2. Forma stagnante La congestione venosa alla testa causa tali fenomeni patologici in cui la mancanza di assistenza medica porterà inevitabilmente a eventi tragici.

Cause di malattia

Tutti i fattori che causano violazioni del deflusso venoso del cervello sono suddivisi in base alla localizzazione dei loro effetti. Il primo gruppo include quei problemi che sono direttamente collegati al cranio:

  1. Strokes.
  2. La formazione di tumori.
  3. Sottosviluppo vascolare congenito.
  4. Lesioni alla testa (specialmente con fratture ossee).
  5. Ematomi post-traumatici

Il secondo gruppo di fattori unisce tutte le patologie localizzate al di fuori del cranio:

  1. Tumori del collo.
  2. Blocco delle vene inferiori.
  3. Vari processi patologici causati dalla compressione di organi (strangolamento).
  4. Lesioni al corpo, a causa delle quali la disemia venosa si sviluppa lungo i plessi vertebrali.
  5. Spostamento della posizione del disco intervertebrale (ad esempio durante la protrusione).
  6. Anomalie ormonali.
  7. Processi infettivi che causano difficoltà di deflusso venoso a causa della formazione di coaguli di sangue.
  8. Farmaco per la dilatazione vascolare.
  9. Colpo di calore.
  10. Nei bambini, alla nascita, può verificarsi una disfunzione venosa del cervello (come variante dell'angiodistonia cerebrale) dovuta all'asfissia.
  11. Anche l'attesa prolungata del respiro nei nuotatori contribuisce all'inibizione del flusso sanguigno.

Tutti gli organi, in un modo o nell'altro, sono interconnessi, quindi i problemi del loro apporto di sangue possono causare difficoltà nel deflusso venoso del cervello.

Le probabilità di contrarre la dislocazione venosa sono molto più elevate se una persona spesso si preoccupa, fuma o mangia troppo. Il circolo venoso del cervello è anche associato a una predisposizione ereditaria.

Segni di

I segni evidenti di discircolazione venosa sono vari. Sono in molti modi simili ad altri disturbi e sono spesso esacerbati al mattino:

  1. Dolore sordo alla testa.
  2. Una sensazione di letargia e debolezza, di un corpo di cotone, anche dopo un buon riposo; difficile alzarsi dal letto.
  3. Deterioramento prima dei cambiamenti nelle condizioni atmosferiche.
  4. Formicolio in diverse parti del corpo.
  5. Diminuzione dell'acuità visiva, comparsa di macchie e mosche nel campo visivo.
  6. Gonfiore delle palpebre.
  7. Cianosi e gonfiore del triangolo naso-labiale.
  8. Quando si tossisce si può sviluppare un arrossamento della pelle.
  9. Svenimenti frequenti
  10. Espansione della rete delle navi del fondo.
  11. Perdita di coordinazione, vertigini, soprattutto quando la stasi del sangue è localizzata nel VBB (nel bacino vertebro-basilar).
  12. Convulsioni epilettiche.
  13. Nausea.
  14. Il linguaggio o il processo di deglutizione possono essere compromessi (se la patologia colpisce il bacino vertebro-basilar).

diagnostica

Un paziente che ha notato sintomi di displasia venosa in se stesso dovrebbe consultare un medico.

Gli specialisti che possono aiutare con tali disturbi sono cardiologi e neurologi, così come oftalmologi e angiosurgeons.

Essi tengono consultazioni, esami e prescrivono esami:

  1. RM - per determinare le caratteristiche della disfunzione vascolare e le anomalie della struttura delle strutture del cranio.
  2. Radiografia del cranio - per diagnosticare lo stato delle navi e dei seni situati nel cranio.
  3. Flebografia: aiuta a scoprire perché il deflusso venoso è difficile e dove si trova il disturbo di deflusso.
  4. Controllo della pressione arteriosa.
  5. Diagnosi della struttura del fondo.

Si consiglia al paziente di tenere un diario, che mostra le letture giornaliere della pressione arteriosa e dei sintomi osservati al momento.

Eventi medici

Il trattamento completo dei disturbi del flusso sanguigno implica misure per migliorare il flusso sanguigno venoso.

Il deflusso di sangue venoso dalla cavità cranica dovrebbe essere normalizzato cambiando il modo di vita.

Ovviamente, in ogni caso le raccomandazioni saranno individuali.

Tali misure sarebbero appropriate:

  1. Per migliorare il deflusso venoso può essere attraverso la regolazione dei carichi attivi. Esercizi specifici possono essere sviluppati per ottimizzare la distribuzione del sangue.
  2. Migliorare in modo significativo l'uscita consente il rifiuto delle abitudini dannose.
  3. Le docce contrastanti (calde / fredde) regolano anche il deflusso del sangue, l'attivazione del flusso di sangue attraverso le vene avviene a causa di un cambiamento periodico della temperatura, provocando l'espansione o la contrazione dei vasi a vari livelli. C'è un tipo di allenamento del letto vascolare.
  4. Diete sviluppate che migliorano il deflusso venoso. Includono la limitazione dei grassi e dei grassi per i carboidrati del corpo, nonché l'inclusione di un numero maggiore di prodotti con fibre e alto contenuto di oligoelementi. L'abuso di sale e condimento dovrebbe essere escluso.
  5. Il massaggio dell'area del collo (nella parte posteriore del collo) consente di appianare i segni di compromissione, poiché il deflusso venoso ostruito del cervello è normalizzato con la pressione su alcuni punti biologicamente attivi.
  6. Tra i farmaci che migliorano il deflusso venoso dal cervello, gli agenti antipiastrinici (agenti che impediscono l'accumulo di coaguli di sangue all'interno dei vasi intatti) e la venotonica sono particolarmente utili.
  7. Si raccomanda anche la venotonica per il mal di testa, perché normalizzano la circolazione venosa ostruita, il che significa che la causa alla radice stessa viene eliminata, a causa della quale si sviluppano sensazioni spiacevoli.
  8. La displasia venosa del cervello può essere indebolita dall'uso di farmaci diuretici.
  9. Con questa malattia sono necessari farmaci per un'attività cerebrale efficace (nootropica).
  10. Si può prescrivere la fisioterapia mediante laser o elettroforesi.

Intervento operativo

Potrebbe essere necessario e tecniche di trattamento chirurgico. L'operazione è consigliabile se ci sono problemi anatomici nella testa del paziente che contribuiscono al ristagno. In particolare, dopo ictus o varie lesioni, si formano degli ematomi che esercitano una pressione sul tessuto. La stessa situazione si sviluppa quando si formano nuove crescite nel midollo allungato. In situazioni difficili, devi abbandonare il solito lavoro, se è associato all'accesso ai turni di notte o al grave sovraccarico fisico e mentale.

Il paziente dovrebbe essere ben consapevole del fatto che per trattare una tale malattia come la distonia venosa cerebrale, da sola non è possibile. In primo luogo, una persona sola, senza una diagnosi speciale, non può determinare dove si trova la patologia intracranica o identificare la causa della distensione, localizzata in altre parti del corpo.

L'autotrattamento per questa malattia può essere estremamente pericoloso, specialmente quando si tratta di questa patologia in un bambino. È possibile prescrivere agenti venotonici solo se il cattivo deflusso di sangue dalla testa è dimostrato con l'aiuto di esami speciali.

È estremamente importante determinare tempestivamente il fattore che impedisce il sanguinamento. Se un trattamento viene sviluppato nel tempo, è possibile prevenire conseguenze molto gravi che possono essere causate da questo disturbo (cambiamenti irreversibili nell'attività cerebrale, processi associati a fenomeni di dyscirculatory liquido-vascolare). Ignorare i segni di una malattia così insidiosa può comportare una diminuzione delle capacità intellettuali, l'insorgenza di coma o morte.

conclusione

Quindi, per scoprire come migliorare la condizione in questa malattia, è necessario eseguire una diagnosi completa e consultare molti esperti.

Ma l'uomo stesso può cambiare la vita di tutti i giorni in modo tale da eliminare fattori dannosi per la testa e la circolazione sanguigna.

Devi sempre rispettare le regole della nutrizione, evitare situazioni stressanti e rafforzare la psiche.

In caso di problemi di salute o lesioni, contattare immediatamente la struttura medica in tempo utile per identificare tutte le possibili complicanze che possono influire sul flusso sanguigno in diverse parti del corpo.

È utile dormire a sufficienza, specialmente con forti carichi di natura mentale e fisica.

È interessante notare che i chirurghi che trattano queste stesse malattie sono suscettibili a loro, in quanto sono costretti a impegnarsi in un lavoro che richiede un'attenzione speciale e un maggiore stress psico-emotivo.

I dipendenti che trascorrono molto tempo in ufficio, dietro un monitor o un lavoro di disegno, devono periodicamente camminare regolarmente ed eseguire esercizi leggeri (circa 10 minuti all'ora) per attivare la circolazione sanguigna. Devono essere condotte conversazioni con i bambini per insegnare loro i principi di un'efficace tutela della salute.

Discircolazione venosa: è possibile prevenire e come trattare?

1. Cause di deflusso ostruito del sangue 2. Meccanismo di sviluppo della disgemia 3. Sintomi 4. Esame 5. Trattamento

Il sistema nervoso centrale è una struttura complessa e multidisciplinare che non può funzionare in modo produttivo senza un'adeguata nutrizione - rifornimento di sangue completo. Tuttavia, a volte a causa di una serie di fattori, la circolazione sanguigna è disturbata, il deflusso venoso rallenta. C'è una malattia chiamata "circolatorio venoso".

Il sistema vascolare del cervello è costituito da arterie e vene di diverso diametro ed è diviso in superficiale e profondo. Il guscio morbido del cervello contiene vene superficiali. Forniscono deflusso venoso dalla corteccia e parzialmente bianco. Le vene profonde raccolgono il sangue dal resto del cervello. Inoltre, le vene sono nella dura madre. Il sangue venoso viene scaricato nello spazio tra i due strati della dura madre - seni venosi (seni longitudinali, trasversali e circolari superiori e inferiori). Il deflusso venoso si muove dalla cavità del cranio attraverso la vena giugulare interna.

La disgregazione del deflusso venoso del cervello, o la displasia venosa, è un problema comune tra la popolazione in età lavorativa e gli anziani. Ogni secondo dopo 30 anni in un grado o nell'altro soffre di questa malattia. Sfortunatamente, questi sintomi sono aggravati da uno stile di vita malsano: cattiva alimentazione, eccesso di peso, fumo. Anche la predisposizione genetica, l'ipertensione arteriosa e l'aterosclerosi, l'osteocondrosi del rachide cervicale contribuiscono alla malattia. Ma anche i sostenitori di uno stile di vita sano non sono immuni da questa malattia.

Cause di fuoriuscita di sangue ostruito

Il deterioramento del flusso di sangue può causare:

  1. Malattie croniche del sistema cardiovascolare (ipertensione arteriosa, aterosclerosi);
  2. Lesioni al cranio e loro conseguenze, lesioni spinali e osteocondrosi (compressione meccanica dei vasi sanguigni);
  3. Malattie endocrine;
  4. Effetti dei colpi;
  5. Malattie infettive con trombosi di vasi sanguigni;
  6. Caratteristiche congenite e anomalie dello sviluppo (malformazioni, collaterali);
  7. Farmaci per assunzione a lungo termine e incontrollata (vasodilatatori, contraccettivi ormonali, nitrati);
  8. Condizioni di emergenza (sole o colpo di calore).

Oltre ai fattori eziologici, ci sono anche provocazioni: alcolismo, obesità, fumo, stress cronico o eccessivo, condizioni di lavoro sfavorevoli (alte e basse temperature), stress fisico.

Il meccanismo di sviluppo della disgemia

La rottura del deflusso venoso del cervello e la sua patogenesi sono attualmente allo studio. In questa fase, si ritiene che la disfunzione si presenti a causa di una regolazione inadeguata dell'afflusso e del deflusso del sangue. Quando il deflusso è difficile una volta - questo è fisiologico, ma quando la situazione ricorre, il corpo cerca di adattarsi, il che significa che le vene si espandono, le valvole si allungano. L'elasticità della parete vascolare è persa. Nel tempo, questi processi diventano irreversibili.

Ci sono diverse classificazioni della malattia.

Classificazione secondo la forma di manifestazione (1989), proposta da M. Ya. Berdichevsky:

  1. La prima forma (primaria): il deflusso venoso è difficile a causa della violazione del tono delle vene. Si verifica con lesioni cerebrali traumatiche, malattie del sistema cardiovascolare, condizioni di emergenza, intossicazione acuta
  2. La seconda forma (stagnante): la causa del suo sviluppo è meccanica. A causa della durata e della gravità del processo, le funzioni dell'organo vengono interrotte.

Con la violazione del deflusso della fase del sangue venoso sono suddivisi come segue:

  1. Latente. Il numero minimo di sintomi. Una persona vive una vita piena.
  2. Distonia venosa cerebrale. Sintomi clinici completi La qualità della vita è ridotta.
  3. Encefalopatia venosa. Micro e macro disturbi. Richiede assistenza specializzata.

sintomi

Molti di noi sono molto frivoli sui mal di testa ricorrenti, ma questo è sbagliato. Vertigini e mal di testa - uno dei primi sintomi di una terribile malattia. La maggior parte dei pazienti descrive lo stesso quadro clinico: è difficile svegliarsi al mattino, dopo il sonno si ha immediatamente un mal di testa sordo, vola negli occhi, alzarsi dal letto è accompagnato da vertigini e un corpo ovattato. In una posizione orizzontale, la condizione peggiora bruscamente, l'intorpidimento delle parti separate del corpo si unisce, formicolio in esse. Queste persone avvertono in anticipo cambiamenti climatici, cadute di pressione.

Se si ignorano questi sintomi, nel tempo, la faccia assume un aspetto caratteristico: diventa bluastra, il triangolo naso-labiale si gonfia, le palpebre appaiono costantemente gonfie. La vista è significativamente deteriorata a causa del gonfiore del nervo ottico e delle vene dilatate del fondo. Spesso i pazienti hanno svenimenti. Nei casi più gravi, la psiche soffre, la persona perde l'orientamento nello spazio, a volte si verificano convulsioni epilettiche. Durante i periodi di esacerbazione, una persona non può alzarsi dal letto, c'è un forte mal di testa, nausea. Tutte queste lamentele dicono inequivocabilmente che il deflusso venoso è disturbato.

sondaggio

I pazienti con diagnosi di circolo venoso si rivolgono prima a un cardiologo. Uno specialista competente, che valuta i sintomi, la storia della vita e delle malattie, la predisposizione genetica, nominerà un consulto con un neuropatologo (questo è il principale specialista in questo campo) e una serie di studi necessari:

Tali pazienti devono essere monitorati da un oftalmologo. Cambiamenti nella prova del fondo del flusso sanguigno ostruito.

trattamento

Il trattamento è volto a migliorare la qualità della vita del paziente. Include diversi componenti.

Prima di tutto, inizia con la correzione dello stile di vita. Ai pazienti viene raccomandato un completo rifiuto delle cattive abitudini, come fumare, bere alcolici. Prescrivere una dieta terapeutica ricca di oligoelementi e fibre, limitare i carboidrati e i grassi pesanti. Ridurre gradualmente la quantità di sale consumata.

Dosare aumentare l'attività fisica. L'istruttore in esercizi di fisioterapia selezionerà l'insieme più efficace di esercizi, tenendo conto dell'eziologia e delle malattie associate. Un programma adeguatamente formato migliorerà il flusso di sangue e la sua ridistribuzione.

A volte un significativo sollievo dei sintomi e il miglioramento dello stato porta un massaggio. Il più delle volte ricorrere al massaggio della zona del collo. Prima di visitare un massaggiatore, consultare il medico se si dispone di eventuali controindicazioni. È necessario scegliere un massaggiatore con la presenza di esperienza con questa patologia.

Area del colletto - colonna cervicale. Questa parte del corpo è ricca di punti attivi, vasi sanguigni e plessi nervosi e terminazioni. Con un massaggio eseguito in modo non corretto, si possono causare gravi danni alla salute.

Il trattamento farmacologico prevede l'assunzione di venotonikov (farmaci che migliorano il flusso sanguigno) e agenti antipiastrinici (farmaci che influenzano le proprietà reologiche del sangue). Il medico selezionerà il farmaco necessario e il dosaggio adeguato.

È necessaria la consultazione con un angiosurgeon. Questo non significa chirurgia obbligatoria, ma dovrebbero essere considerate tutte le alternative di trattamento.

Circolazione venosa del cervello e suoi rischi

Il circolo venoso del cervello è estremamente sfavorevole per la salute ed è pericoloso per i rischi di complicanze. Inoltre, le complicazioni sotto forma di ictus, infarto cerebrale o encefalopatia dancileare possono essere fatali.

L'intero problema con il circolo venoso è ridotto al flusso sanguigno venoso alterato. Immagina che per la normale salute, il sangue attraverso le vene si muova ad una velocità di circa 220 millimetri al minuto. In questo caso, l'erogazione di ossigeno alle cellule del corpo (si tratta principalmente di nutrire le cellule cerebrali, come la più bisognosa di ossigeno) è considerata ottimale.

Vale la pena notare che la fisiologia del sistema venoso del cervello e la patologia chiamata dyscirculation venosa non sono ancora completamente compresi. Quindi, per una serie di ragioni, la velocità del flusso di sangue venoso durante la dyscirculation può scendere a 47 millimetri al minuto. Di conseguenza, le cellule cerebrali (a proposito, e non solo il cervello - tutto dipende dalla localizzazione del processo) iniziano a soffrire di fame di ossigeno.

Che cos'è il circolo venoso

Tali fenomeni nella pratica medica sono più comuni nel cervello, vasi vertebrali, ma questo non significa che non possano esserci fenomeni di questo tipo in altri organi e sistemi.

Dati anatomici

Arterie e vene di diverso calibro della testa e tutto il corpo sono gli elementi principali del sistema vascolare del cervello umano. Le vene, a loro volta, sono divise in:

La partecipazione delle vene alla fornitura di sangue al cervello, brevemente descritta, è la seguente:

  • Vene superficiali della testa - localizzate nella guaina morbida del cervello. Il loro compito è garantire il deflusso venoso dalla corteccia e da certe aree di sostanza bianca.
  • Profonde vene della testa - localizzate direttamente nel cervello. Lo scopo principale di tali navi è quello di raccogliere il sangue da tutte le altre parti del cervello.
  • Mentre attraversa tutte le parti del cervello, il sangue venoso in condizioni normali è soggetto a scarico nei seni venosi:
    • Longitudinale superiore
    • Inferiore longitudinale.
    • Trasversale.
    • Circolare.

In caso di violazione del flusso sanguigno in uno qualsiasi dei livelli del letto venoso, si sviluppa la stasi, che è accompagnata dalla patologia dell'organo interessato.

Perché il deflusso venoso è difficile

Qualsiasi violazione del deflusso venoso porta allo sviluppo di condizioni patologiche di vari organi, sistemi e l'intero organismo.

Vari fattori e cause possono causare tali disturbi del flusso sanguigno:

  • L'aterosclerosi.
  • Ipertensione.
  • Malattia coronarica.
  • Insufficienza cardiaca.
  • Ipotensione.
  • Insufficienza polmonare
  • Lesione cerebrale traumatica.
  • Lesioni alla colonna vertebrale, toracica, cavità addominali.
  • Osteocondrosi.
  • Protrusione, prolasso di dischi intervertebrali.
  • Condizione dopo l'ictus.
  • Malattie endocrine, in particolare gozzo tossico diffuso, che comprime la vena giugulare interna.
  • Compressione delle vene.
  • Trombosi.
  • Tromboembolia.
  • Tumori.
  • Anomalie vascolari congenite.
  • Trattamento a lungo termine con contraccettivi, nitrati, vasodilatatori.
  • Ematomi.
  • Condizioni di emergenza
  • Malattie sistemiche
  • Malformazioni artero-venose (formazione di vasi patologici tra le vene e le arterie).

Dovresti sapere che oltre alle cause dirette che portano alla displasia venosa e ai disturbi del flusso sanguigno, ci sono fattori di rischio che, sfortunatamente, possono anche portare all'insufficienza venosa in breve tempo:

  • Fumo.
  • L'alcolismo.
  • Addiction.
  • Stress forte e frequente.
  • Attività fisica pronunciata
  • Cattive condizioni di lavoro
  • Esposizione alle alte e basse temperature.

Come si sviluppa la malattia

La base per lo sviluppo della circolazione venosa è uno squilibrio del flusso e del flusso sanguigno.

Esistono diversi tipi di tali situazioni:

  • Fisiologico: tali fenomeni si verificano una volta.
  • Patologico - le violazioni del flusso / deflusso di sangue si verificano costantemente. Allo stesso tempo, i processi di adattamento dell'organismo sono attivati, le vene sono dilatate, le valvole sono soggette allo stiramento e la loro elasticità si perde sia nelle vene che nelle valvole. A poco a poco, questo processo diventa irreversibile.

Nei luoghi in cui vi è una costante violazione del flusso di sangue, si sviluppa stagnazione, che innesca una cascata di cambiamenti patologici in qualsiasi organo e sistema che dipendono da certi vasi venosi.

classificazione

  1. Primaria - in questa forma, il tono venoso è disturbato, il che porta all'ostruzione del deflusso del sangue venoso a causa di:
    • Malattie del sistema cardiovascolare.
    • Intossicazione acuta.
    • Lesione cerebrale traumatica.
    • Condizioni urgenti acute
    • Eccessiva esposizione alla luce solare.
    • Ipertensione e ipotensione
    • Patologia endocrina.
    • Intossicazione da alcol
    • Eccessivo uso di nicotina.
  2. Secondario, è stagnante - è la presenza di un ostacolo meccanico al flusso sanguigno. Il processo è spesso lungo, in cui la grave condizione aumenta gradualmente, il che porta all'interruzione degli organi e dei sistemi.

Direttamente il processo patologico stesso procede in tre fasi, che sono caratterizzate dalle loro caratteristiche:

  • I reclami e i sintomi latenti o nascosti sono praticamente assenti.
  • Distonia cerebrale venosa - manifestata da una vasta gamma di sintomi. La qualità della vita in questa fase è già stata ridotta.
  • Encefalopatia di origine venosa - sono registrati i cambiamenti nella micro-, macrocircolazione. La sintomatologia è grave, non c'è quasi nessuna capacità di lavoro, è necessaria una cura esterna costante. In tali situazioni, solo l'assistenza medica qualificata aiuta a raggiungere l'effetto.

Segni di disgemia

La violazione del deflusso venoso ha un segno clinico di primo piano: dolore, disagio, dolore severo, disagio nel luogo in cui c'è disfunzione del flusso sanguigno.

È chiaro che, a seconda della posizione del circolo venoso, i sintomi dipenderanno anche da:

  • Plesso vertebrale:
    • Cambiamento e compromissione della sensibilità negli arti superiori e / o inferiori.
    • Discordanza di movimenti, andature.
    • Lo sviluppo di convulsioni fino a sindromi convulsive epilettiche.
    • Modifica delle funzioni del motore.
  • Il cervello:
    • Mal di testa di varia gravità, soprattutto al mattino dopo il sonno, una sensazione di pesantezza nella testa.
    • Ronzio, squilli, rumori nella testa.
    • Vertigini.
    • Una sensazione di pesantezza nella testa.
    • Rottura della sfera emotiva.
    • Sensazioni di formicolio, pelle d'oca, intorpidimento.
    • Perdita di coscienza
    • Disturbi dei più alti tipi di attività nervosa - linguaggio, percezione di oggetti, spazio, tempo.
    • Espansione delle navi del fondo anche con i normali valori della pressione arteriosa.

Comuni a qualsiasi livello di sintomi della lesione sono:

  • Possibile sviluppo di nausea, vomito.
  • Violazione di emostasi vascolare, piastrinica.
  • Ipossia.
  • Sonnolenza.
  • Gonfiore.
  • Visione graduale offuscata.
  • Sensazione di formicolio, irritazione al collo (di solito nella metà sinistra).
  • I sintomi aumentano con la pressione atmosferica.
  • Cianosi (cianosi) del naso, orecchie, guance, labbra, palpebre inferiori.
  • Difficile alzarsi dal letto.
  • Brividi.

Per una condizione come quella del circolo venoso, la stagionalità è caratteristica, pertanto le esacerbazioni si verificano spesso nei periodi autunnale e primaverile.

Inoltre, il pericolo principale è che la disabilità e gli ictus sono un risultato frequente della malattia.

Manifestazioni nei bambini

Nell'infanzia, le cause dello sviluppo della displasia venosa e dei disturbi del flusso sanguigno sono:

  • Disfunzione del sistema cardiovascolare.
  • Patologia dell'apparato muscolo-scheletrico.
  • Aumento della mobilità, tortuosità, curvatura del rachide cervicale (regione 1 e 2 delle vertebre cervicali sono molto colpite).
  • Lesioni durante il parto.
  • Postura sbagliata
  • Anomalie dello sviluppo di organi che spremono le vene e scatenano una serie di reazioni patologiche che portano allo sviluppo della malattia.
  • Anomalie dello sviluppo vascolare.
  • Sovrappeso.
  • Neoplasie.
  • Malattie endocrine.
  • Stenosi dei vasi sanguigni.

Il principale sintomo clinico è il dolore al sito del disturbo circolatorio. Durante l'esame, tali luoghi sono palpati abbastanza facilmente, dal momento che il sangue deforma e distrugge il tessuto vicino alla vena per trovare un punto di deflusso.

I sintomi principali, oltre al dolore, sono i seguenti:

  • Aumento della temperatura corporea.
  • Mal di testa.
  • Movimenti di discordanza
  • La comparsa di movimenti involontari.
  • Paralisi totali e parziali
  • Convulsioni.
  • Sanguinamento dal naso.
  • Cambiamento di parola, motilità.
  • Cambiamento del metabolismo
  • Aumento della pressione sanguigna, alternando basso.
  • Brividi.
  • Intorpidimento degli arti.

A causa della "segretezza" del circolo venoso, non è sempre possibile dare rapidamente al bambino la diagnosi corretta e prescrivere un trattamento. Qui avrai bisogno dell'aiuto dei genitori, che dovrebbero allertare questi sintomi.

La situazione è complicata quando il bambino è molto piccolo. In questi casi, i bambini diventano nervosi, irritabili, dormono male, agiscono, piangono costantemente. Tali sintomi possono caratterizzare un gran numero di malattie, quindi è necessaria una diagnosi tempestiva e completa.

I principali metodi per rilevare la patologia nei bambini sono:

  • Misurazione della pressione arteriosa per almeno 5 giorni consecutivi con registrazione dei dati.
  • Ecografia Doppler.
  • MR.
  • Venografia.

Solo dopo aver confermato la diagnosi puoi procedere al trattamento del bambino, nel quale sono applicate le seguenti aree:

  • Cambio di nutrizione con un alto contenuto di verdure, frutta, erbe.
  • Assunzione di farmaci che migliorano il flusso di sangue, rafforzare le pareti venose - venotonics (Detralex).
  • Per evitare coaguli di sangue, vengono prescritti agenti antipiastrinici (aspirina).
  • Farmaci nootropi (Piracetam).
  • Trattamento di fisioterapia - rilassamento muscolare, agopuntura, irudoterapia, bagni terapeutici.
  • Massaggio, in particolare del rachide cervicale, che vengono effettuati da specialisti in questo campo.
  • Stile di vita sano

Più piccolo è il bambino, più difficile è stabilire una diagnosi accurata. Anche con la diagnosi corretta e un trattamento eccellente, le condizioni del bambino dovrebbero essere monitorate, man mano che cresce, che può essere un fattore aggiuntivo nel deterioramento e deflusso venoso.

Diagnosi del circolo venoso

Come ogni altra malattia, la displasia venosa è suscettibile di correzione nelle prime fasi dello sviluppo. Per fare ciò, è necessario "trovarlo", determinare la causa e la localizzazione esatta. Attualmente, per risolvere questo problema, applicare:

  • Valutazione della pervietà delle vene mediante ecografia Doppler (particolarmente importante per le lesioni cerebrali e il bacino vertebro-basilare).
  • Angiografia TC.
  • Elettroencefalogramma.
  • Risonanza magnetica dei vasi della testa e della colonna vertebrale.
  • Venografia.
  • Scansione duplex e triplex per determinare lo stato delle pareti dei vasi sanguigni, identificare placche, coaguli di sangue, emboli.
  • Monitoraggio della pressione arteriosa.
  • Cranio a raggi X.
  • Consultazione con un oftalmologo per monitorare le navi del fondo.

Inoltre, viene effettuato un esame standard, che comprende un esame emocromocitometrico completo, un test delle urine e un esame del sangue biochimico. Inoltre, a seconda della patologia concomitante, ad esempio l'aterosclerosi, vengono utilizzati metodi di ricerca per valutare le condizioni del paziente con una diagnosi concomitante stabilita.

Solo dopo una gamma completa di procedure diagnostiche possiamo procedere al trattamento.

trattamento

  • Smettere di fumare e alcol.
  • Dieta ad eccezione di cibi fritti grassi e l'inclusione di un gran numero di verdure, frutta, erbe aromatiche, succo d'uva.

Il trattamento farmacologico deve ricevere:

  • Preparazioni del gruppo di venotonics in compresse, sotto forma di unguenti, gel, creme (Detralex, Diosmin, Venitan, Eskuzan, Troxevasin, Venorm, Glevenol, Phlebodia, eparina unguento).
  • Agenti antipiastrinici (Aspirina) per rafforzare le vene, migliorare la microcircolazione, aumentare la forza, il tono, l'elasticità dei vasi sanguigni.
  • Preparativi per migliorare la circolazione del sangue (Actovegin, Cavinton).
  • Farmaci nootropi (Piracetam, Glicina).
  • Terapia sintomatica di malattie associate.

Ulteriori trattamenti che mirano a migliorare il deflusso venoso:

  • Massaggio della spina dorsale comune e cervicale. Tali manipolazioni dovrebbero essere eseguite solo da specialisti qualificati.
  • Esercizio in consultazione con il medico.
  • Esercizio terapeutico
  • Ricezione costante di una doccia a contrasto.
  • Camminando all'aria aperta.
  • Relax.
  • Yoga sotto la supervisione di uno specialista (previa consultazione con il medico).
  • 8. Riposo e sonno completi.

In caso di gravi e gravi violazioni del deflusso venoso, l'intervento chirurgico è raccomandato da specialisti esperti, che in tali situazioni è l'unico metodo di trattamento:

  • Angioplastica - un catetere a palloncino viene inserito in una porzione ristretta del vaso per espandere il lume e migliorare il flusso sanguigno.
  • Shunting - posizionare la nuova nave nell'area stenotica venosa. Questo è necessario per assicurare un nuovo flusso sanguigno.
  • Flebectomia - rimozione della vena interessata.
  • Stripping - usato per le vene varicose. Consiste nel rimuovere la parte interessata della vena.

complicazioni

Il circolo venoso è estremamente pericoloso per le sue complicanze, che possono essere espresse nello sviluppo delle seguenti patologie:

  • Ictus, infarto cerebrale - si sviluppa con lesioni delle arterie carotidi.
  • Emorragia nel cervello
  • Stati ipossici
  • L'encefalopatia dyscirculatory è pericolosa per la morte cerebrale.

Il decorso della malattia, lo sviluppo o l'assenza di complicanze determinano la vita futura di una persona, la sua qualità e le sue minacce.

prospettiva

La prognosi della disgmia venosa dipende direttamente dalla gravità delle condizioni del paziente e dalle complicanze sviluppate.

Quanto prima si rivelano i sintomi della malattia, il medico prescrive un trattamento efficace che previene le complicanze e ripristina il deflusso venoso, più la prognosi è positiva per il paziente.

Per Saperne Di Più I Vasi