Panoramica della scleroterapia: l'essenza dell'operazione, la sua efficacia, i pro ei contro

In questo articolo imparerai la scleroterapia, un metodo moderno e operativo per trattare le vene varicose. Con un eccellente effetto cosmetico e un basso trauma, questo metodo ha una serie di controindicazioni, carenze e altre sfumature - tutto ciò che cercheremo di evidenziare.

La scleroterapia è un termine derivato dall'antica parola greca "sclerosi", che significa "pietrificazione", "indurimento". Oggi parleremo di ciò che la scleroterapia è in flebologia e chirurgia vascolare.

Nelle sezioni di medicina coinvolte nel trattamento dei vasi sanguigni, la scleroterapia è una procedura minimamente invasiva consistente nell'incollaggio artificiale delle pareti delle vene e nella distruzione o obliterazione del loro lume introducendo direttamente nel vaso sostanze speciali - gli sclerosanti.

Clicca sulla foto per ingrandirla

Incollare le pareti delle vene è necessario per le vene varicose - più spesso si occupano di malattie varicose delle gambe, perineo e vulva, emorroidi esterne. Ciò è necessario perché la vena varicosa deformata non solo non riesce a svolgere la sua funzione, ma altera anche l'apporto di sangue generale ai tessuti, aumenta le dimensioni, provoca dolore e gonfiore ed è anche una fonte di formazione di coaguli di sangue. Se si chiudono le pareti di una tale vena, il sangue smette di fluire nel suo lume, sia la manifestazione esterna delle vene varicose che le sue manifestazioni cliniche scompariranno. Il sangue venoso seguirà le cosiddette collaterali venose - percorsi di bypass, quindi il deflusso venoso nel suo complesso non ne risentirà.

È interessante sapere che con l'apparentemente alta tecnologia e la modernità della procedura, è radicata nella profonda antichità. La prima procedura del genere è stata descritta più di 100 anni fa, quando un medico tedesco ha introdotto l'acido nel lume di una vena per provocare artificialmente la sua trombosi. E la droga sclerosante Fibroveinu, che è stata utilizzata con successo fino ad oggi, ha già compiuto 70 anni.

Questo è il motivo per cui possiamo tranquillamente affermare che la procedura di scleroterapia è stata testata per decenni, ma il suo metodo rimane standard - una soluzione sclerosante viene iniettata nel lume della nave con un ago. Quindi, in modo che le pareti delle vene siano saldamente incollate, è necessaria una compressione elastica - compressione delle vene mediante maglieria a compressione, ad esempio bendaggio elastico, golf o calze speciali. Con la microscleroterapia, quando i vasi piccoli o le "vene del ragno" sono coagulati, è possibile fare a meno della compressione elastica.

Rispetto al secolo scorso, quando i medici lavoravano "alla cieca", determinando la vena interessata solo con l'aiuto del sondaggio, la diagnostica ecografica veniva in aiuto ai flebologi - scansione vascolare duplex. Ora la procedura di indurimento viene eseguita solo sotto controllo a ultrasuoni, che riduce al minimo il numero di errori e complicanze.

Un grande risultato può essere chiamato l'invenzione di un tipo speciale di sclerosanti - schiuma o "forma di schiuma". La schiuma fornisce una migliore adesione delle pareti e consente anche di riempire il lume delle vene di grande diametro, cosa impossibile quando si utilizzano altri sclerosanti.

Le tecniche moderne si sono superbamente dimostrate nel mercato dei servizi medici, dal momento che nel 90% dei casi la procedura per l'alterazione della vena si rivela essere cliniche private o pagate in istituzioni mediche pubbliche.

  • L'effetto migliore si osserva quando si incollano vasi di 0,5-2 mm di diametro, cioè su "vene varicose" o teleangectasie.
  • Un buon effetto, soprattutto in combinazione con l'uso costante della biancheria intima da compressione e l'assunzione di venotoni, si osserva nel trattamento delle prime fasi delle vene varicose e delle emorroidi.
  • Negli stadi gravi delle vene varicose, specialmente in combinazione con la presenza delle sue complicanze - dermatiti, ulcere trofiche - gli effetti sono molto ambigui. Questo è il motivo per cui la scleroterapia non è raccomandata quando il diametro della vena supera i 10 mm.

La procedura viene eseguita più spesso da flebologi o chirurghi vascolari che possiedono la tecnica della scansione vascolare duplex o chiamano il medico degli ultrasuoni per un aiuto. Nel caso della microsclerosi, quando il paziente desidera rimuovere le "vene varicose", i cosmetologi hanno fatto ricorso a questa procedura anche negli ultimi anni.

Clicca sulla foto per ingrandirla

L'essenza e 3 tipi di scleroterapia

Abbiamo già toccato l'essenza della scleroterapia nella prima parte del nostro articolo. Il suo compito è quello di incollare la nave dall'interno. L'introduzione di sostanze sclerosanti sul rivestimento interno delle vene e di altri vasi causa un processo speciale: la distruzione dell'endotelio o del rivestimento epiteliale, l'infiammazione asettica del vaso, la formazione di coaguli di sangue e, di conseguenza, il collasso della vena e l'adesione delle pareti.

Nella flebologia moderna, ci sono tre tipi principali di scleroterapia:

  1. Microscleroterapia, effettuata su piccoli vasi con un diametro fino a 2 mm.
  2. Ecoscleroterapia, effettuata sotto gli ultrasuoni con controllo degli sclerosanti liquidi (etosclerolo, trombovar e fibrovina).
  3. Scleroterapia a forma di schiuma, effettuata con l'aiuto di schiuma sclerosante.

Il tipo di farmaco, il suo dosaggio, così come la necessità di compressione elastica e il suo grado è determinato solo dal medico.

Preparazione per la chirurgia

La procedura non richiede misure speciali di preparazione, il paziente è richiesto solo a:

  • Non assumere alcol o fumare per 24 ore prima di maneggiarlo.
  • Non usare creme, lozioni, strisce di cera prima della procedura.
  • Fai una doccia igienica prima di andare dal dottore.
  • Fai uno spuntino 2 ore prima della manipolazione, ma non mangiare troppo.
  • Smettere di prendere farmaci anti-infiammatori, angioagulanti, aspirina 2 giorni prima della procedura.

Come è la procedura

Di solito, la scleroterapia è ambulatoriale e non richiede al paziente di essere in ospedale, il che è un vantaggio indiscutibile.

Descrivi brevemente cosa attende il paziente:

  • La prima cosa che il paziente esamina un medico, valuta le condizioni delle sue vene, esegue alcuni test "venosi".
  • Quindi, la procedura di esame ecografico delle navi - scansione duplex.
  • Dopo le prime due fasi, il medico esegue la marcatura e la marcatura - segna i punti presunti delle iniezioni con un marker.
  • Il paziente deve firmare un consenso informato all'operazione, dove sono descritte tutte le sfumature e le possibili complicazioni.
  • Successivamente, il paziente giace sul lettino, il campo operatorio viene trattato con un antisettico e viene installato un trasduttore ad ultrasuoni.
  • È consigliabile eseguire un test allergico profilattico: immettere una quantità trascurabile di farmaco e osservare la reazione del paziente.
  • Viene eseguita una puntura venosa e l'introduzione di una sostanza sclerosante. A seconda del diametro della vena e della prevalenza delle vene varicose, potrebbe essere necessario da 3 a 20 iniezioni.
  • Inoltre, come richiesto, il sito di scleroterapia è strettamente fissato dalla maglieria elastica a compressione.
  • Dopo la procedura, è imperativo fare una passeggiata per 40-60 minuti.

Periodo di riabilitazione

Un altro importante vantaggio della scleroterapia è che il paziente dopo l'operazione conduce praticamente il suo solito modo di vivere.

Tra le limitazioni si può notare:

  1. Il divieto di fitness, aerobica, ciclismo nei primi 3-5 giorni.
  2. Non è consigliabile fare bagni caldi e visitare il bagno per 2 mesi.
  3. Sono necessarie passeggiate quotidiane.
  4. La maglieria a compressione, se necessario, deve essere indossata dal paziente per lungo tempo - l'intero periodo di riabilitazione e altri tre mesi dopo il suo completamento.

Immediatamente dopo la procedura, la vena ha la forma di un filo denso, indolore, che si risolve gradualmente nei prossimi 3-6 mesi e scompare completamente.

Controindicazioni

Come ogni procedura medica, la scleroterapia ha una serie di controindicazioni:

  • Il periodo di gravidanza e allattamento.
  • Reazioni allergiche a sclerosanti e allergie polivalenti.
  • Trombosi acuta o vene tromboflebite.
  • Numerose trombosi in passato.
  • Massiva lesione aterosclerotica delle arterie degli arti inferiori.
  • Malattie infettive e infiammatorie della pelle.
  • Difetti cardiaci
  • Comune "dolorosa" condizione - febbre, influenza, ARVI.
  • Esacerbazione di eventuali malattie croniche.

Possibili complicazioni

La scleroterapia è ben tollerata dai pazienti, ma vorrei menzionare alcune delle complicanze e degli effetti collaterali più tipici:

  • Prurito della pelle è una reazione normale e passa da sola entro 1-2 ore.
  • Reazioni allergiche
  • Dolore al posto delle iniezioni.
  • L'oscuramento o la pigmentazione della pelle lungo la vena sclerosed è una complicanza piuttosto rara nel 5% che passa da sola entro un anno.
  • Una pelle bruciata a causa del rilascio di uno sclerosante oltre la nave - arrossamento, dolore, rifiuto della pelle.
  • Pelle scrostata
  • Gonfiore dei tessuti.

Le complicazioni più gravi includono:

  1. Necrosi o necrosi dei tessuti attorno alla nave quando lo sclerosante lascia la nave.
  2. Vene tromboflebitiche - infiammazione e dolore lungo la vena come reazione a un farmaco sclerosante.
  3. La trombosi venosa profonda è una complicazione comparabile in frequenza a quella dopo le normali operazioni sulle vene.

Vantaggi e svantaggi del metodo

Gli extra

  • La relativa semplicità dell'operazione - non richiede attrezzature e strumenti complessi speciali.
  • Indolore: la procedura viene eseguita con gli aghi più sottili, quindi l'iniezione con un ago del genere non viene affatto percepita dal paziente.
  • Velocità: l'operazione dura non più di 30 minuti.
  • Minimamente invasivo - l'operazione non richiede accesso aperto, incisioni o manipolazioni ruvide a differenza della rimozione chirurgica delle vene.
  • Un breve periodo di riabilitazione, che richiede non più di un mese e non viola il benessere e le prestazioni del paziente - la persona non è in ospedale, non va in ospedale.
  • Il vantaggio economico - la velocità, la semplicità e un piccolo periodo di riabilitazione hanno reso la scleroterapia un indiscusso "idolo" delle compagnie assicurative occidentali, che considerano attentamente i costi del trattamento e della riabilitazione di ciascun paziente. La scleroterapia è molto più economica della tradizionale chirurgia "aperta" sulle vene.
  • L'alta efficienza, specialmente su vasi con diametro inferiore a 2 mm, è stata confermata clinicamente.
  • La possibilità di alternative per i pazienti con rifiuto di intervento chirurgico per la rimozione delle vene o indicazioni rigorose per l'anestesia.

cons

  • Il paziente è costoso perché il paziente stesso paga per la procedura di indurimento e di consumo. Ad esempio, una bottiglia di etossisclerole costa circa $ 20, e tali bottiglie potrebbero aver bisogno di molto. Il costo dei servizi del medico - cioè il prezzo dell'opera stessa - è fissato individualmente da ciascuna istituzione. Il prezzo medio varia da 50 a 100 dollari per 1 procedura. A seconda della prevalenza delle vene varicose, possono essere necessarie fino a 5-6 sedute.
  • La necessità di un corso di trattamento - una procedura è sufficiente solo per le vene di diametro estremamente piccolo e "vene del ragno". In media sono necessarie 2-3 sessioni.
  • Il metodo non fornisce una garanzia assoluta e l'effetto non durerà per tutta la vita - in media una volta ogni 5-6 anni, sono necessarie iniezioni ripetute.
  • Effetto dubbia o sua completa assenza quando si lavora con forme gravi di vene varicose e un diametro delle vene superiore a 10-12 mm.

Previsione dopo l'indurimento

La prognosi per la cura dopo la scleroterapia è meravigliosa. È importante capire che più piccolo è il diametro delle vene e più facile è il grado di malattia varicosa, migliore è la prognosi per il trattamento. Anche un ruolo importante è giocato dallo stile di vita del paziente, dal corso del suo periodo postoperatorio, dalla presa della venotonica preventiva in futuro. Per i casi "difficili", i test ultrasonici e l'uso della schiuma sono necessariamente indicati.

Sicuramente possiamo dire che la scleroterapia è un metodo collaudato e affidabile per trattare le vene varicose.

scleroterapia

La scleroterapia è un metodo basato sull'incollaggio di un vaso affetto iniettando una sostanza speciale in esso. Questo metodo è utilizzato nel trattamento delle vene varicose, un numero di neoplasie vascolari. La scleroterapia si riferisce a procedure minimamente invasive.

Quando la scleroterapia è la migliore opzione di trattamento? In quali situazioni dovrei preferire un intervento chirurgico? Per ottenere risposte alle tue domande, dovresti familiarizzare con il meccanismo per eseguire la procedura e le relative indicazioni.

L'essenza della procedura

La scleroterapia a compressione è un metodo di trattamento conservativo. Con l'aiuto di un ago, una preparazione speciale viene iniettata nel vaso, che ha proprietà sclerotiche. La soluzione provoca la coagulazione (adesione) degli elementi del rivestimento interno della nave. La sovrapposizione del lume, a sua volta, porta alla chiusura delle vene varicose dal flusso sanguigno. La completa cessazione della circolazione li rende invisibili o meno visibili.

Indicazioni e controindicazioni

Il metodo di scleroterapia può essere considerato sia indipendentemente che come componente del complesso trattamento della patologia vascolare. La manipolazione viene combinata con successo con la rimozione chirurgica di grandi tronchi vascolari, ablazione con radiofrequenza, EVLK.

L'elenco delle indicazioni include:

  • vene varicose reticolari - la comparsa del reticolo venoso;
  • telangiectasia - vene di ragno;
  • le fasi iniziali della malattia varicosa degli arti inferiori, non accompagnate da uno scarico patologico del sangue dai vasi profondi nella superficie;
  • rimozione insufficiente delle vene con l'aiuto di laser, trattamento con onde radio, stripping;
  • piccole neoplasie vascolari (emangiomi, linfangiomi).

È possibile eseguire la scleroterapia delle vene delle mani. C'è una possibilità che ciò comporterà difficoltà con la somministrazione endovenosa di droghe. Il paziente deve valutare quanto sia importante per lui avere mani bellissime.

Con le vene varicose la scleroterapia profonda è inefficace. Ciò è dovuto all'elevata probabilità di flebiti e ricanalizzazione (ripristino del lume vascolare).

La scleroterapia ha controindicazioni:

  • Limitazione di mobilità pronunciata. Ciò è dovuto al fatto che dopo la procedura è richiesta una passeggiata per 40-60 minuti.
  • Malattie somatiche in stato di decompensazione. Ad esempio, la droga, così come la scleroterapia con la vena laser, non è raccomandata per i pazienti con diabete mellito non corretto di qualsiasi tipo.
  • La scleroterapia non deve essere eseguita durante la gravidanza. Primo, può influenzare in modo imprevedibile la donna e il futuro bambino. In secondo luogo, le vene varicose durante la gravidanza possono riapparire a causa del carico continuo sui vasi. Dalla scleroterapia dovrebbe astenersi temporaneamente e allattare le donne.
  • Tendenza a formare coaguli di sangue. Controindicazione relativa Il problema è risolto individualmente con il medico.
  • Grave insufficienza dell'apparato valvolare dei principali vasi sottocutanei e perforati. La scleroterapia è inefficace per le vene varicose, in cui vi è uno scarico patologico del sangue dalla rete profonda alla superficie.
  • Ipersensibilità individuale a sclerosante. Si richiede cautela quando la procedura è soggetta a una persona che soffre di asma bronchiale.
  • La presenza di focolai di infiammazione al posto della procedura. La sessione è possibile solo dopo la loro eliminazione.

Posso fare la scleroterapia durante le mestruazioni? Questa domanda viene spesso posta dal paziente. Il periodo delle mestruazioni non è assoluto, ma relativa controindicazione. La decisione finale sulla fattibilità di una procedura medica durante le mestruazioni è presa dal medico curante. La scleroterapia si raccomanda di eseguire nel mezzo del ciclo mestruale.

formazione

La scleroterapia a compressione non comporta interventi chirurgici, quindi non è necessaria una preparazione speciale. Raccomandazioni generali includono il rifiuto di accettare bevande alcoliche almeno un giorno prima della procedura. Si consiglia di astenersi dall'epilazione sulla zona interessata.

Quando è meglio fare la scleroterapia ed è possibile farlo in estate? Iscriviti preferibilmente nel periodo autunno-primavera. Ciò è spiegato dal fatto che è piuttosto scomodo utilizzare la maglieria a compressione nella calda estate.

È necessario informare in anticipo il medico circa i farmaci assunti (specialmente anticoagulanti e ormoni), per descrivere in dettaglio le malattie associate esistenti. Prima di rimuovere le vene con la scleroterapia, si consiglia di consultare il proprio medico in merito al pre-acquisto di calze a compressione. Se necessario, aiuterà a gestire le dimensioni e il livello di compressione desiderati.

La preparazione per la scleroterapia comprende una visita medica. Il minimo obbligatorio comprende la scansione ad ultrasuoni duplex, analisi. Questo tipo di ultrasuoni permette di valutare lo stato funzionale del flusso sanguigno, per caratterizzare i tessuti che circondano i vasi. Di norma non sono richiesti test per la scleroterapia. Se durante l'esame il flebologo ha qualche domanda, per esempio riguardo a qualsiasi malattia cronica, può ordinare ulteriori test che dipendono direttamente dalla diagnosi concomitante.

Fasi di scleroterapia

Le varietà della procedura differiscono poco nell'algoritmo di base delle azioni. La scleroterapia delle vene varicose e delle vene varicose iniziali viene eseguita su base ambulatoriale.

L'ordine della manipolazione:

  1. Accettazione della posizione corretta da parte del paziente. Scleroterapia delle vene varicose, le vene dei ragni eseguono sdraiato.
  2. Marcatura del sito di scleroterapia, l'introduzione del farmaco. La pelle oltre la formazione vascolare viene trattata con un antisettico, la manipolazione viene eseguita utilizzando un ago sottile. Le iniezioni vengono eseguite nella direzione a monte.
  3. Compressione. Una pallina di cotone sterile viene applicata al punto di iniezione per la soluzione di scleroterapia. Sull'arto, che è stato sottoposto a scleroterapia, indossare calze a compressione o imporre una benda elastica.
  4. Prevenzione della trombosi venosa profonda. A tal fine, il paziente deve camminare per 40-60 minuti. Le passeggiate regolari, evitando una seduta prolungata o in piedi sono raccomandate per l'intero corso del trattamento. Il medico spiegherà se è possibile fare determinati tipi di esercizi.

La prima rimozione di un bendaggio elastico o di calze speciali (ad esempio per le procedure igieniche) è consentita non prima di un giorno dalla scleroterapia. Manipolazione eseguita seduti o sdraiati. Lavare i piedi con acqua leggermente tiepida o fresca e sapone. La pelle viene asciugata e una maglia di compressione deve essere riposta nuovamente sull'arto sollevato.

Il numero di iniezioni dipende dalla gravità del processo patologico. In media, può variare da 3 a 20 per sessione. Di norma, la scleroterapia delle vene degli arti inferiori viene eseguita in 3-6 procedure. La prima visita di controllo di un flebologo è prevista tra 3-6 giorni. Per una valutazione obiettiva dei risultati ottenuti, si consiglia di rimuovere la maglieria a compressione 2 ore prima dell'appuntamento medico.

Il corso di scleroterapia è di nuovo? Dopo aver raggiunto il risultato desiderato, la correzione periodica non è necessaria. La ragione del nuovo corso potrebbe essere la comparsa di nuovi reclami. Il periodo minimo entro il quale dovrà essere registrato presso un flebologo è di sei mesi. Durante l'intero corso di scleroterapia, dovrebbero essere escluse le procedure termali (bagni, saune, bagni caldi), il massaggio degli arti interessati, l'uso di pomate e gel con effetto riscaldante. È vietato fare esercizi sui simulatori di potenza, indossare pesi.

Vantaggi e svantaggi

La scleroterapia delle vene ha lati positivi e "svantaggi".

Tra i "vantaggi":

  • Facilità di esecuzione. A differenza di EVLK, il trattamento viene eseguito su base ambulatoriale e non richiede anestesia generale.
  • Periodo di recupero veloce. La scleroterapia mostra la sua efficacia senza ricovero ospedaliero.
  • Nessun cambiamento indesiderato nella pelle. A differenza del trattamento chirurgico, non si formano cicatrici dopo la scleroterapia.
  • Indolore. Può solo infastidire una sensazione di bruciore leggera, abbastanza tollerabile, che scompare rapidamente da sola.

Gli svantaggi sono pochi, ma potrebbero essere la ragione del rifiuto della procedura.

La scleroterapia ha i seguenti svantaggi:

  • La probabilità di ricorrenza. Anche se le membra fossero in grado di dare un aspetto estetico, la scleroterapia della malattia varicosa non garantisce pienamente che una persona non avrà più problemi vascolari nel corso della sua vita.
  • Gamma limitata di indicazioni. La scleroterapia è un'opzione per le manifestazioni iniziali della patologia vascolare.

Esistono diversi modi per eseguire la procedura.

I principali tipi di scleroterapia venosa:

  • Mikroskleroterapiya. Usato per trattare la teleangiectasia. Durante la scleroterapia dei capillari, il farmaco viene iniettato con l'aiuto degli aghi più sottili in dosi minime.
  • Scleroterapia a schiuma. È usato per combattere i sintomi iniziali delle vene varicose.
  • Scleroterapia controllata da ECHO. Il trattamento non differisce dallo standard, viene effettuato con ultrasuoni. Si ritiene che sia meglio fare scleroterapia di questo tipo, quindi il medico è più facile seguire il processo.
  • Scleroterapia a schiuma (forma a schiuma). Efficace con le vene varicose della safena. La soluzione sclerosante spuma nella siringa poco prima dell'iniezione.
  • Krioskleroterapiya. Uno dei relativamente nuovi tipi di scleroterapia delle vene varicose, basato sull'introduzione del farmaco, raffreddato a basse temperature.
  • Sclerobliterazione del catetere di puntura. Considerato come un'alternativa alla flebectomia con indicazioni strettamente limitate. Basato sull'introduzione di una soluzione terapeutica nel tronco della vena interessata utilizzando un catetere. L'efficienza è discutibile, poiché la probabilità di ricanalizzazione raggiunge il 40-60%.

I preparativi per la scleroterapia venosa sono divisi in diversi gruppi che differiscono nel meccanismo d'azione:

  • Detergenti. La composizione chimica sono sostanze attive di superficie. L'effetto terapeutico sulla parete del vaso si ottiene in meno di un secondo. I mezzi di questo gruppo sono i più popolari.
  • Soluzioni osmotiche La distruzione si verifica a causa dell '"estrusione" di acqua dall'endotelio. L'effetto della disidratazione si sviluppa piuttosto lentamente, almeno in 3-5 minuti, dura fino a 5 giorni.
  • Sostanze corrosive Contiene cromo ionizzato o iodio. L'azione si basa sulla distruzione grossolana non solo del rivestimento interno, ma anche dello strato muscolare della nave.

Di norma, la scleroterapia nei centri medici è preferita con l'aiuto di farmaci importati:

  • Fibro-Wayne (Inghilterra);
  • Ethoxisclerol (Germania).

Spesso, il metodo di scleroterapia include erroneamente la coagulazione laser endovasale. EVLK, al contrario del metodo sopra discusso, è un'operazione minimamente invasiva. Il principio della laser scleroterapia si basa sull'introduzione di un emettitore speciale nella nave interessata. Causa "cauterizzazione" e indurimento delle pareti venose.

Cosa c'è di meglio: laser o scleroterapia? Una risposta inequivocabile può solo dare un medico. Due metodi sono difficilmente intercambiabili, poiché le indicazioni per EVLK sono leggermente diverse. Di norma, in assenza di insufficienza valvolare, le vene tentano di utilizzare la scleroterapia classica. Se viene rilevata una perdita patologica di sangue, EVLK mostra i risultati migliori.

Possibili complicazioni

La scleroterapia a compressione, come qualsiasi altro metodo di trattamento, a volte comporta conseguenze indesiderabili, molte delle quali vengono eliminate con successo.

Le principali complicazioni includono:

  • Dolore e bruciore Di regola, i reclami per conto proprio passano in 1-2 ore.
  • Gonfiore degli arti. Il motivo principale è un bendaggio improprio.
  • Reazione allergica La scleroterapia venosa è estremamente raramente accompagnata da questo problema.
  • La formazione di "bolle". Una complicazione causata da danni ai capillari intradermici si verifica in 1 persona su 100. Le bolle scompaiono senza lasciare traccia dopo un po 'di tempo dopo il trattamento antisettico.
  • Telangiectasia ricorrente. Sono piccoli vasi rossi nel sito di iniezione del farmaco. Può scomparire da soli in 2-6 mesi.
  • Necrosi della pelle Causato dall'ingresso della soluzione nel tessuto sottocutaneo.
  • Iperpigmentazione. Potrebbero passare da 6 mesi a un anno per completare l'auto-estinzione.
  • Trombosi venosa profonda Se segui tutte le raccomandazioni è estremamente raro. È irto di tromboembolismo polmonare.

efficacia

La scleroterapia dà spesso un buon risultato. Il successo è raggiunto nell'85% dei casi. L'efficienza dipende in gran parte dall'esperienza del flebologo e dalla conformità del paziente con le raccomandazioni mediche.

La scleroterapia a compressione spesso aiuta ad evitare un intervento chirurgico. Tuttavia, dovrebbe essere chiaro che questa opzione di trattamento è mostrata solo all'interno di determinate indicazioni. Qualunque sia la paura di una possibile operazione, è consigliabile ascoltare le raccomandazioni del medico curante. La scelta tra EVLK o scleroterapia deve essere affidata a un flebologo. Ti dirà cosa è meglio.

Scleroterapia a compressione delle vene degli arti inferiori: prima e dopo. Tipi di procedura, preparazione e riabilitazione

Le vene varicose sono una malattia vascolare grave ed estremamente comune. Fino a un certo punto, le vene varicose procedono senza sintomi visibili. Ciò porta al fatto che l'accesso a un medico si verifica in uno stadio avanzato della malattia. Questo stadio dello sviluppo della patologia è considerato II grado delle vene varicose. Di norma, in questo caso, i metodi di trattamento conservativi non sono altrettanto efficaci e è richiesto un intervento chirurgico.

Contenuto dell'articolo

La diffusa prevalenza della malattia vascolare rende necessario cercare nuovi e nuovi metodi per il suo trattamento. Pertanto, non ci sono solo tecniche mininvasive invasive, ma anche efficaci. Una delle procedure non chirurgiche più popolari è la scleroterapia delle vene varicose.

Scleroterapia delle vene degli arti inferiori: storia di metodi, tipi, preparazione

Se un paziente è stato diagnosticato con vene varicose degli arti inferiori, uno specialista prescriverà il trattamento il più presto possibile. Lo schema terapeutico sarà complesso. Può consistere nelle raccomandazioni di uno specialista in merito allo stile di vita del paziente, nell'assunzione di farmaci, nell'uso di prodotti topici, nell'esecuzione di esercizi ginnici terapeutici e nel massaggio. Nel caso in cui sia necessario un trattamento radicale, si può prescrivere un intervento chirurgico, in particolare - la scleroterapia con iniezione. Qual è questo metodo e quali caratteristiche ha?

La scleroterapia a compressione delle vene degli arti inferiori è una tecnica minimamente invasiva che consente il trattamento dei sistemi linfatico e vascolare rimuovendo le vene alterate. Questa non è un'operazione per rimuovere le vene, ma la sua alternativa. L'essenza della procedura è che i farmaci vengono iniettati nella cavità vascolare colpita, causando un processo irreversibile di svuotamento del lume e cicatrici della parete venosa. Le medicine che interferiscono con una scanalatura del sangue hanno il nome - sklerosants.

La procedura per la vena scleroterapia non è nuova. Ma sin dalla prima citazione in lavori scientifici, ha subito una serie di cambiamenti significativi. Per la prima volta, la procedura di scleroterapia delle vene degli arti inferiori fu testata dai medici nella seconda metà del XIX secolo. A quel tempo venivano usati come sclerosanti sali, esteri e sostanze chimiche complesse. Pertanto, gli effetti della scleroterapia sul corpo sono stati negativi. Gli effetti collaterali hanno bloccato l'intero effetto positivo del trattamento della malattia. Questi fenomeni negativi sono diventati un ostacolo per l'ulteriore sviluppo di questo tipo di trattamento per le vene varicose per molti anni. Solo un secolo dopo, il farmaco è stato scoperto, che, quando accuratamente introdotto nel canale della nave, porta al suo successo "incollaggio".

Successivamente, il metodo di scleroterapia è stato migliorato. Per controllare la somministrazione del farmaco, è stato deciso di utilizzare un'angioscansione duplex ad ultrasuoni. In precedenza, veniva utilizzato solo per la diagnosi e la valutazione dell'efficacia della terapia. L'uso del controllo a ultrasuoni migliora la qualità della procedura. Il metodo è chiamato echoscleotherapy. Oltre a lui, ci sono altri tipi di scleroterapia. I più comuni sono come schiuma (microfoam), laser e microscleroterapia per le vene varicose degli arti inferiori.

Scleroterapia a schiuma

La tecnologia a schiuma o la scleroterapia a schiuma per le vene varicose viene utilizzata per rimuovere le grandi vene safene delle gambe. Questo tipo di terapia viene utilizzato quando la scleroterapia vascolare non può essere eseguita utilizzando iniezioni di farmaci solubili a causa dell'alto rischio di trombosi. Invece, la schiuma fine è introdotta nel letto di vena. Il vantaggio di questo metodo è che quando una sostanza entra nel lume venoso, non si mescola con il sangue, ma lo spinge fuori. Pertanto, una sessione di scleroterapia con schiuma minimizza il rischio di coaguli di sangue. I vantaggi di questa terapia includono il risultato, che dà l'effetto desiderato della procedura più velocemente rispetto ad altri tipi di procedura. E alla domanda: "Quante vene scompaiono dopo la scleroterapia?", Puoi rispondere: "Immediatamente!".

Scleroterapia laser

La rimozione delle vene varicose con un laser è abbastanza popolare e ha una grande efficienza. La procedura ha traumi minimi e massima sicurezza del paziente. Come si fa la scleroterapia laser alle gambe con le vene varicose? La radiazione laser ha un effetto termico sulla coroide. Questo accade sotto il controllo del doppler ad ultrasuoni. Alla fine della scleroterapia, il punto di inserimento dell'ago della fibra nel segmento interessato del vaso venoso viene incollato con un nastro speciale o vengono applicati rulli di cotone per una compressione aggiuntiva. La procedura viene eseguita con analgesia Novocain. Qual è la migliore laser scleroterapia o coagulazione laser? La differenza nei metodi sta nel fatto che durante la coagulazione laser la fibra è dura ed è difficile, e talvolta non può penetrare negli afflussi di avvolgimento della nave. Inoltre, quando sono vicini alla pelle, non sono escluse emorragie e ustioni. Pertanto, rispetto alla coagulazione laser, la scleroterapia delle vene degli arti inferiori è meno traumatica e meno probabilità di causare complicanze. Questo lo rende più efficiente ed efficace.

Scleroterapia microscopica di telangiectasia

La scleroterapia delle vene varicose non solo sulle gambe, ma anche su parti del corpo sotto il livello del cuore (la rimozione delle vene del ragno sul viso deve essere eseguita con altri metodi) è chiamata microscopica. Indicazioni: usato per rimuovere neoplasie vascolari con un diametro fino a 0,2 cm. Come è fatto? Questa procedura è più probabile estetica e svolge il suo flebologo estetico. La scleroterapia delle stelle ai piedi di questo metodo comporta l'introduzione nel lume del vaso del farmaco utilizzando un ago sottile e un catetere. Il loro spessore è molto piccolo e pari al diametro dei capillari da rimuovere. Se necessario, uno specialista può utilizzare speciali dispositivi ottici.

Preparazione per la scleroterapia delle vene degli arti inferiori

Quando la cura delle vene coinvolge una terapia come la scleroterapia, sorge la domanda su come prepararla? Di norma, un chirurgo vascolare o un flebologo forniscono tutte le raccomandazioni necessarie per prepararsi alla scleroterapia delle gambe. Dopo tutto, il grado di danno ai vasi sanguigni è diverso. Inoltre, le complicanze della malattia del paziente e le complicanze delle vene varicose non sono escluse. Pertanto, la preparazione per la procedura avrà caratteristiche individuali.

Esistono fasi preparatorie generali per tutte le categorie di pazienti. Alla consultazione prima della procedura, devi informare lo specialista su quali medicine stai assumendo. In particolare, questo vale per i farmaci ormonali e antinfiammatori. Possono aumentare l'emorragia dei tessuti e il periodo di recupero, poiché aumentano il rischio di formazione di lividi e foche dopo la scleroterapia.

Come prima di qualsiasi intervento chirurgico, anche se minimamente invasivo, è necessario superare i test. Prima della scleroterapia, è necessario superare un esame del sangue per la coagulazione e fare test di allergia se il paziente ha una storia di reazioni allergiche ai farmaci.

La scleroterapia non implica una precedente dieta limitante. Prima della procedura dovrebbe essere solo uno spuntino leggero e non meno di 2 ore. È estremamente importante pulire in anticipo il corpo dalle tossine. Pertanto, la risposta alla popolare domanda sul fumo e sull'alcol ("può o no?") Sarà negativa. Inoltre, le bevande alcoliche devono essere abbandonate entro e non oltre 2 giorni e fumare - non meno di 10 ore prima dell'intervento chirurgico. È importante capire che l'inosservanza di queste raccomandazioni causa un cambiamento delle condizioni fisiche: aumento della pressione sanguigna, contrazione del diaframma, spasmi vascolari, battito cardiaco accelerato, che possono influire negativamente sul corso dell'operazione.

Se un paziente usa creme, unguenti o gel per il trattamento, allora non dovrebbero essere usati prima della procedura. La preparazione per la sessione significa anche sbarazzarsi dei peli della zona operata della pelle. Meno di 72 ore prima della procedura non può essere eseguita la rimozione dei peli. Preferire la depilazione con la rasatura. Inoltre, non meno di mezzo mese per astenersi dal visitare il solarium e prendere il sole. Prima della sessione è richiesto di fare una doccia igienica.

La maglieria a compressione medica dovrebbe essere portata per il trattamento. Lo specialista avvertirà in anticipo di quali bende o calze saranno necessarie dopo la scleroterapia. Indipendentemente bisogno di raccogliere vestiti e scarpe. Non può essere troppo vicino e di materiali sintetici. Il requisito principale è la comodità e il comfort per non ostacolare i movimenti quando si indossano maglieria a compressione.

Caratteristiche della procedura

La scleroterapia è una procedura minimamente invasiva. Pertanto, nonostante sia effettuato in un ospedale o in qualsiasi altro istituto medico, sarà effettuato su base ambulatoriale e non è richiesto il ricovero ospedaliero.

Il corso del trattamento può variare da 1 a 5 procedure, in media non più di 3. Il numero di sessioni dipenderà dalle caratteristiche della lesione vascolare. Una sessione dura non più di 10-20 minuti.

L'efficacia della procedura è piuttosto elevata, ma nessuno specialista darà al paziente una garanzia a vita nonostante l'eliminazione completa del problema. La nave sclerosata può ripristinare il flusso e in 5-10 anni ci sarà una ricaduta.

Scleroterapia e gravidanza

Una delle domande principali - è dannosa ed è possibile fare la scleroterapia durante la gravidanza? La gravidanza è un periodo molto importante e difficile nella vita di una donna. Per 9 mesi, il suo corpo è sotto stress e un carico tremendo. Inoltre, è necessario proteggere il più possibile la salute e la salute del futuro bambino.

Nonostante la naturalezza, la gestazione è un processo difficile. E quasi ogni seconda donna incinta si confronta con patologie vascolari. Le vene varicose sono una malattia insidiosa ei suoi sintomi possono essere rilevati dopo l'inizio della gravidanza, anche se la malattia è presente da molto tempo. Anche lo sviluppo della patologia vascolare durante la gestazione non è escluso. Dopo tutto, molti fattori contribuiscono a questo: un aumento del peso corporeo, un ventre in crescita, un carico sugli arti inferiori, una diminuzione dell'attività, ecc.

Se la futura mamma ha trovato segni di una malattia vascolare in sé, è necessario contattare immediatamente uno specialista. Effettuerà un'ispezione e potrà ordinare un esame. Nel caso di diagnosi delle vene varicose o dei suoi primi segni, lo specialista selezionerà un trattamento appropriato per la condizione. Di norma, alle pazienti gravide viene prescritto un trattamento conservativo senza farmaci. Se fare una scleroterapia per un paziente in stato di gravidanza sarà deciso da uno specialista. Poiché l'uso di droghe, gli sclerosanti ha una serie di limitazioni. E di solito la gravidanza è una controindicazione per la scleroterapia. Ciò significa che molto probabilmente la risposta alla domanda se la scleroterapia sia pericolosa quando si trasporta un feto sarà affermativa. Le conseguenze dopo la scleroterapia delle vene degli arti inferiori possono essere imprevedibili in questo caso. E per il periodo di gravidanza dovrebbero essere esclusi eventuali rischi. Pertanto, con alta probabilità, questa procedura per il trattamento delle gambe non verrà eseguita. È estremamente importante valutare e confrontare i possibili danni e i reali benefici della procedura per una donna incinta.

Cosa fare dopo la scleroterapia?

Dopo ogni intervento chirurgico c'è un periodo di recupero. Quindi quale sarà la riabilitazione e quali restrizioni sono di interesse per tutti i pazienti, senza eccezioni. Cosa non dovrebbe essere fatto dopo la procedura? Quanto indossare le calze a compressione dopo la scleroterapia delle vene degli arti inferiori? E molte altre domande sulle gambe operate.

La scleroterapia ha un periodo di riabilitazione relativamente breve, che indubbiamente è un grande vantaggio. Raccomandazioni che dopo la procedura di scleroterapia può essere e quali dovrebbero essere i metodi di ulteriore trattamento, così come la prevenzione, lo dirà allo specialista presente.

Dopo aver eseguito la scleroterapia, è necessario iniziare immediatamente a muoversi. La completa mancanza di carico sulle gambe fa male solo. L'unico "ma" dovrebbe essere fatto in maglieria medica. Quanto dovresti indossare la biancheria intima da compressione? Dopo la scleroterapia, la compressione è estremamente importante. La biancheria intima di compressione non può essere rimossa i primi 2-3 giorni dopo la procedura (se non ci sono altre indicazioni). La maglieria medica eliminerà il dolore durante la deambulazione, previene l'edema, allevia la sgradevole sensazione di distensione delle gambe dopo la scleroterapia venosa. La durata dell'utilizzo della biancheria intima da compressione è determinata dal medico.

I preparati usati per le "incollature" contengono alcoli. Pertanto, la scleroterapia appena eseguita esclude la guida del trasporto motorio durante le prime ore dopo la procedura.

Dopo che la griglia vascolare o le vene varicose sono state rimosse, molti sono interessati a sapere se lo sport è proibito? Posso correre e quando posso andare in palestra? Certamente, dopo la scleroterapia ci sono alcune limitazioni. Gli sport dovrebbero essere esclusi almeno per 2-4 giorni, in modo che non vi sia alcuna complicazione dopo la scleroterapia delle vene. Va notato che l'opportunità di praticare sport e sport da urto dovrebbe essere consultata con un medico.

Un giorno dopo che la scleroterapia è stata eseguita, puoi fare una doccia. Nella prima settimana dopo la procedura, non puoi fare il bagno, andare al bagno, la sauna e andare in piscina.

L'applicazione per il rinnovo dell'unguento e della crema per i piedi non deve essere anteriore a 2-5 giorni dopo la procedura. Quando posso iniziare a bere vitamine e medicinali? I farmaci ormonali e antinfiammatori dopo la scleroterapia venosa dovrebbero essere esclusi per 10-14 giorni. L'inizio di prendere tutte le medicine dovrebbe essere coordinato con uno specialista.

Complicazioni dopo la scleroterapia

La scleroterapia ha sia pro che contro. Nonostante la bassa invasività della procedura, è ancora un intervento chirurgico. Pertanto, è possibile, ma non necessariamente, la presenza di alcune complicazioni ed effetti collaterali. Ad esempio, come: allergie, necrosi, macchie (pigmentazione), temperatura, protuberanze, contusioni e fughe dopo la scleroterapia.

Dopo la scleroterapia spesso fa male alla gamba. Ma questa sensazione passa rapidamente nei primi giorni. Se, tuttavia, persiste un fastidioso dolore alla vena, alle foche, ai colpi, ai lividi e alla temperatura, il medico deve essere consultato il prima possibile. Rimuovere te stesso tali eventi avversi non avrà successo. Queste sono complicazioni vascolari che potrebbero manifestarsi per ragioni completamente diverse. Solo uno specialista sarà in grado di identificarli e eliminarli correttamente nel più breve tempo possibile.

Scleroterapia della vena dell'arto inferiore: controindicazioni

La procedura per "incollare" le vene è il più sicura ed efficace possibile e ha più vantaggi che svantaggi. Ma ci sono tali circostanze in cui è meglio non fare la scleroterapia. Hanno un nome - controindicazioni temporanee:

  • pianificazione della gravidanza;
  • trattamento per la dipendenza da alcol;
  • stagione calda;
  • sovrappeso.

Queste controindicazioni sono piuttosto condizionali. Pertanto, se c'è una necessità diretta di scleroterapia, allora tutto è soggetto a discussione nel processo di consultazione con uno specialista, dove dirà sicuramente se vale la pena eseguire la procedura.

Oltre a queste controindicazioni, ci sono controindicazioni assolute:

  • reazione allergica al farmaco somministrato;
  • trombosi e tromboflebiti;
  • gravidanza e allattamento;
  • malattie infettive;
  • focolai purulenti sulla pelle delle estremità;
  • malattie cardiache e renali croniche.

Cos'è la scleroterapia della vena degli arti inferiori?

I moderni metodi di trattamento delle vene varicose sulle gambe comprendono una vasta gamma di tecnologie innovative e minimamente invasive, il cui vantaggio è quello di prevenire la progressione della malattia, ridurre il periodo di recupero e l'assenza di molte delle conseguenze derivanti dal metodo chirurgico tradizionale.

Una di queste tecnologie è la scleroterapia delle vene degli arti inferiori. Che cos'è, come viene eseguito e come i pazienti rispondono su di esso - tutto ciò verrà discusso ulteriormente.

Cos'è la vena scleroterapia

La scleroterapia è una procedura per rimuovere le vene deformate a causa delle vene varicose in modo esente da sangue. La tecnica è indolore e meno traumatica.

Ad oggi, questo metodo è uno dei metodi più efficaci nella lotta contro le vene varicose.

Tipicamente, questa tecnologia viene utilizzata nelle fasi iniziali delle vene varicose, ma il metodo può far fronte non solo alla rete vascolare, ma anche alle grandi vene colpite.

La scleroterapia può essere utilizzata come procedura indipendente o in aggiunta a qualsiasi intervento chirurgico.

La procedura per indurire i vasi nelle gambe consiste nell'introdurre soluzioni speciali (in forma schiumosa o liquida) in una vena danneggiata con un ago sottile.

La droga iniettata incolla la nave, bloccando in tal modo la circolazione del sangue. Questo è lo scopo principale della manipolazione: rimuovere l'area problematica dalla circolazione generale.

Aiuto. La durata della sessione di scleroterapia è di circa 1 ora e comprende da 3 a 10 iniezioni (a seconda dell'estensione della lesione).

Il corso del trattamento di solito consiste in 1 o 5 manipolazioni eseguite settimanalmente, 1 volta ciascuna.

Nella medicina moderna, ci sono 3 varietà principali di questo metodo di trattamento:

  • ecoscleoterapia - usato per rimuovere vasi grandi o profondi. L'ago viene inserito in una vena sotto il controllo di un ultrasuono, che consente di evitare che la sostanza venga introdotta nel tessuto e ridurre il rischio di complicazioni;
  • microscleroterapia - usato in quelle situazioni in cui è necessario rimuovere vasi con un diametro non superiore a 2 mm;
  • schiuma scleroterapia - viene eseguita utilizzando preparazioni speciali che sono in grado di formare schiuma quando mescolato con aria in un rapporto di 1: 3. Con l'introduzione della schiuma formata aderisce alle pareti, e quindi rapidamente chiude il lume. È usato per rimuovere le grandi vene.

Va notato che la scleroterapia con schiuma è un metodo assolutamente nuovo, che ha un intero elenco di vantaggi:

  1. La possibilità di utilizzare una piccola dose del farmaco senza perdere l'effetto terapeutico.
  2. La sostanza schiumosa è meglio assorbita e non si diffonde attraverso la vena con il flusso sanguigno.
  3. L'implementazione del trattamento di grandi vasi, anche grandi e piccole vene superficiali nell'area della loro transizione verso il profondo.

Quale metodo applicare lo specialista decide sulla base di un esame approfondito del paziente.

Controindicazioni e possibile pericolo

Qualsiasi metodo di trattamento, per quanto efficace e sicuro possa essere, ha una serie di controindicazioni. La scleroterapia non fa eccezione.

Poiché le controindicazioni alla scleroterapia possono essere attribuite ad alcune malattie:

  • tendenza alle allergie, in particolare agli sclerosanti;
  • lesione aterosclerotica dei vasi della gamba;
  • tromboflebite e trombosi;
  • malattie cardiache;
  • infiammazione della pelle nella zona in cui deve essere eseguita l'iniezione;
  • diabete mellito;
  • violazione dei processi metabolici;
  • patologie della coagulazione del sangue (emofilia, trombofilia).

Inoltre, la procedura non può essere eseguita durante la gravidanza e l'allattamento.

Il trattamento delle vene varicose con questo metodo è considerato relativamente sicuro con un numero minimo di complicanze, ma vale comunque la pena evidenziare alcuni punti rispetto alla scleroterapia.

Le conseguenze gravi di questa procedura includono:

  1. Brucia - lo sclerosante può entrare nel tessuto che circonda la nave (a causa di una puntura impropria della vena o come conseguenza della rottura della sua parete). A seconda della quantità della sostanza, le conseguenze possono essere diverse: da gravi ustioni a necrosi dei tessuti colpiti.
  2. Thrombophlebitis - può svilupparsi con l'eliminazione di grandi navi e non conformità con le raccomandazioni di uno specialista nel periodo postin vigore.
  3. La trombosi è rara, ma si verifica a causa di una dose erroneamente calcolata di un farmaco o ignorando le regole della manipolazione.
  4. "Embolia di bolle di gas" è una complicazione accidentale e molto rara che può verificarsi se viene superata la quantità della sostanza. Manifestato da mancanza di respiro o deficit visivo a breve termine.

Tali complicazioni nella scleroterapia, come potete vedere, sono il risultato di azioni improprie da parte di uno specialista o implementazione scorretta di tutte le raccomandazioni mediche da parte del paziente.

Preparazione e attuazione della procedura

Sulla base delle indagini, tenendo conto della fase della patologia varicosa, della presenza di una malattia concomitante, il flebologo sceglie il metodo ottimale per l'eliminazione di vasi patologicamente modificati.

Aiuto. Quando si nomina una scleroplastica venosa durante la consultazione, vengono discussi la durata del corso terapeutico e il numero di procedure necessarie.

La fase preparatoria non è niente di complicato. Il paziente è tenuto ad aderire a determinate regole.

Quindi, 2 giorni prima che la manipolazione venga rifiutata:

  • da bere alcolici e fumare;
  • dall'uso di farmaci che contribuiscono alla diluizione del sangue;
  • da procedure cosmetiche che causano infiammazione o irritazione della pelle delle gambe.

Solo dopo aver effettuato esami approfonditi e aver superato la fase preparatoria, lo specialista può procedere all'esecuzione diretta della manipolazione stessa.

La stessa procedura di sclerotizzazione vascolare è la seguente:

  1. Il paziente viene deposto in modo che le gambe siano in una posizione elevata. È necessario per il deflusso del sangue dalle gambe. Una piccola quantità di sangue permetterà allo sclerosante di agire più efficacemente sulle pareti.
  2. La vena interessata viene perforata con un ago sottile (simile agli aghi sulle siringhe da insulina) sotto controllo a ultrasuoni per evitare danni alla nave.
  3. L'introduzione della sostanza stessa nel dosaggio prescritto, che può essere un po 'doloroso. Tuttavia, l'intensità della sensazione è tale che non è richiesta l'anestesia.
  4. Dopo l'introduzione della sostanza con l'aiuto di attrezzature speciali, il medico controlla l'inizio del processo di incollaggio delle pareti del vaso.

Al termine della procedura di scleroterapia o flebosclerosi delle vene degli arti inferiori, fissare immediatamente la gamba con una benda elastica in modo che il flusso sanguigno non impedisca alle pareti venose di aderire.

Su preparazioni per scleroterapia

Le istituzioni mediche sul territorio della Russia possono utilizzare solo i farmaci sclerosanti che sono stati approvati dal comitato farmacologico.

Tutti gli sclerosanti utilizzati per questa tecnica per le vene possono essere suddivisi in 3 tipi:

  • agenti iperosmotici - causano la disidratazione dell'endotelio delle pareti vascolari (cloruro di sodio 10-24% e sodio salicilato 30-40%);
  • i detergenti sono preparati di origine sintetica, la cui azione si basa sulla coagulazione delle proteine ​​con formazione di un coagulo nel lume con successivo incollaggio delle pareti ("Trombovar", "Polydocanol", "Fibro-Wein");
  • agenti corrosivi - l'azione è caratterizzata da un cambiamento delle pareti con l'ulteriore formazione di un coagulo e l'incollaggio della nave ("Ethoxisclerol", una soluzione di un varicida, soluzione di iodio di Shotin).

Gli esperti sono unanimi nel ritenere che la sclerotina del gruppo di detergenti sia più adatta per la rimozione di grosse vene e dal gruppo di agenti corrosivi per le piccole.

Periodo postoperatorio

Dopo la scleroterapia, la gamba viene immediatamente fissata con una benda elastica. Successivamente, può essere sostituito da calze a compressione.

Questo è necessario per ridurre il flusso di sangue nell'area trattata. Se questo non viene fatto, il sangue scorrerà sotto pressione, il che non permetterà al farmaco di incollare le pareti dei vasi sanguigni.

Aiuto. Una volta completata l'operazione, è necessario camminare lentamente intorno: ciò ridurrà la probabilità di conseguenze.

Quindi il medico fa alcune raccomandazioni al paziente su cosa fare dopo la scleroterapia e cosa dovrebbe essere evitato:

  1. Il bendaggio elastico deve essere eseguito o gli indumenti compressivi devono essere indossati (come consigliato da uno specialista) per 3 mesi per consolidare l'effetto terapeutico.
  2. Durante i primi 3 giorni non puoi fare ginnastica, fitness, in palestra, cioè creare un carico eccessivo sulle gambe.
  3. È necessario eseguire passeggiate quotidiane per almeno un'ora.
  4. I bagni caldi, visitando il bagno dovranno essere rinviati per 2 mesi.
  5. Per due settimane dopo la procedura, non si può essere in posizione prona o seduti per un lungo periodo.

Si può notare un punto: tali raccomandazioni sono piuttosto difficili da attuare nella stagione calda, specialmente la modalità di compressione, che è una delle condizioni necessarie per l'intero periodo postoperatorio.

La scleroterapia può essere fatta in estate, ma porterà molti disagi, specialmente se l'estate si rivela troppo calda.

Aiuto. Questa procedura può essere eseguita in qualsiasi momento dell'anno, ma il periodo da ottobre a marzo è preferito.

Recensioni della procedura

Ci sono molte recensioni su flebosclerosi e molte di esse sono positive. Apparentemente, ciò è dovuto a una bassa lesione e alla relativa sicurezza della procedura.

Dopotutto, la semplice menzione della necessità dell'intervento chirurgico classico è che molte persone si spaventano sul serio, e qui la procedura di un certo numero di colpi, che è del tutto possibile soffrire.

Vi presentiamo alcune recensioni di persone che hanno sperimentato questo metodo di trattamento delle vene varicose:

Anastasia: "Un buon modo, le mie gambe sono diventate come una giovane. La cosa più importante è che è sicuro, veloce ed efficiente. Unico inconveniente: un lungo periodo di recupero. Il lungo indossare costantemente una calza a compressione (lei stessa era contenta di non aver eseguito l'operazione in estate, altrimenti l'avrebbe "cucinata") e l'incapacità di fare una doccia o dei bagnanti. Ho dovuto sopportare, questa è salute ".

Ksenia: "Ho avuto vene varicose dall'età di 18 anni, e dopo la gravidanza la situazione è peggiorata, le vene su una gamba si sono gonfiate. La chirurgia è molto spaventata. Il dottore mi ha suggerito di fare la scleroterapia. Avendo imparato l'essenza della procedura, ho accettato. Il risultato è carino, le vene non sono più visibili. Solo una cosa è scomoda: il costante utilizzo di calze a compressione ".

conclusione

La scleroterapia è un metodo moderno ed efficace per trattare le vene varicose. Tuttavia, va notato che la flebosclerosi non è una panacea, dal momento che non è adatta a tutti i casi.

È efficace nelle prime fasi dello sviluppo della malattia, quindi non ritardare la visita dal medico quando compaiono i primi sintomi. Quindi puoi fare questo tipo di terapia senza ricorrere alla chirurgia classica.

Per Saperne Di Più I Vasi