Stenting di cuore: per quanto tempo vivono dopo l'intervento chirurgico?

Stenting è un intervento chirurgico che viene eseguito per installare uno stent - uno scheletro speciale posto nella fessura degli organi cavi umani, per esempio, i vasi cardiaci coronarici, e permettendo di espandere l'area ristretta dai processi patologici.

I vasi possono restringersi a causa dell'aterosclerosi, e questa è una grande minaccia per la salute e la vita umana. A seconda di quali vasi sono danneggiati, la riduzione del lume porta a ischemia, insufficienza nella circolazione cerebrale, aterosclerosi delle gambe e altre malattie pericolose.

Per ripristinare la pervietà delle arterie, sono note alcune tecniche, le principali sono:

  • terapia conservativa
  • angioplastica,
  • stenting di vasi cardiaci e altre arterie colpite,
  • intervento di bypass delle arterie coronariche. Bypass cardiaco - che cos'è?

Stenting coronarico di vasi cardiaci è considerato uno dei metodi più efficaci di protesi intravascolari delle arterie cardiache durante varie patologie.

Indicazioni per stenting

Il cuore è una potente pompa che fornisce la circolazione sanguigna. Insieme alla circolazione di sangue, sostanze nutritive e ossigeno iniziano a fluire verso organi e tessuti, in assenza dei quali il loro funzionamento sarà impossibile.

L'aterosclerosi è considerata la malattia cronica più comune che colpisce le arterie. Nel tempo, le placche aterosclerotiche che crescono all'interno del guscio della parete vascolare, singole o multiple, sono considerate depositi di colesterolo.

In caso di proliferazione delle arterie del tessuto connettivo e calcificazione delle pareti vascolari portare a una deformazione gradualmente in via di sviluppo, il lume si restringe a volte per completare l'obliterazione dell'arteria, che comporterà una costante, crescente mancanza di circolazione sanguigna dell'organo che si nutre attraverso l'arteria danneggiata.

Con una insufficiente circolazione del sangue nel muscolo del cuore, una persona avverte la comparsa di tali sintomi:

  1. dolori al petto che sono accompagnati dalla paura della morte;
  2. nausea;
  3. mancanza di respiro;
  4. palpitazioni cardiache;
  5. sudorazione eccessiva.
  • La selezione dei pazienti con ischemia per la chirurgia viene eseguita da un cardiochirurgo. Il paziente deve sottoporsi all'esame necessario, che comprende tutti gli esami del sangue e delle urine necessari per determinare il lavoro degli organi interni, il lipogramma, la coagulazione del sangue.
  • L'elettrocardiogramma fornirà l'opportunità di chiarire il danno al muscolo cardiaco dopo un infarto, la distribuzione e la concentrazione del processo. Gli ultrasuoni del cuore dimostreranno il lavoro di ciascun dipartimento degli atri e dei ventricoli.
  • L'angiografia dovrebbe essere eseguita. Questo processo consiste nell'introduzione nei vasi di un agente di contrasto e di diversi raggi X, che vengono effettuati durante il riempimento del canale dei vasi. I rami più danneggiati, la loro concentrazione e il loro grado di restringimento sono rilevati.
  • L'ecografia intravascolare aiuta a valutare la capacità della parete arteriosa all'interno.

Indicazioni per la chirurgia:

  • colpi regolari difficili di angina, che sono determinati da un cardiologo come pre-infarto;
  • supporto del bypass delle arterie coronarie, che tende a restringersi per oltre 10 anni;
  • secondo i segni vitali durante l'infarto transmurale severo.

Controindicazioni

L'incapacità di introdurre uno stent è installata al momento della diagnosi:

  • Danno diffuso a tutte le arterie coronarie, in relazione al quale non ci saranno posti per stenting.
  • Il diametro dell'arteria ristretta è inferiore a 3 mm.
  • Bassa coagulazione del sangue
  • Disfunzione dei reni, fegato, insufficienza respiratoria.
  • Paziente allergico per farmaci contenenti iodio.

L'efficacia dell'operazione, le conseguenze

Questo metodo di terapia è caratterizzato da numerosi vantaggi, costringendo gli esperti a scegliere l'intervento chirurgico.

Questi benefici includono:

  • la breve durata del periodo di controllo da parte dello specialista sul recupero;
  • non è necessario tagliare il seno;
  • breve periodo di riabilitazione;
  • prezzo relativamente economico.

Molti pazienti a cui viene prescritta questa operazione sono interessati a quanto sia sicuro e a quante persone sono sopravvissute dopo l'operazione.

Gli effetti avversi si verificano abbastanza di rado, in circa il 10% dei pazienti. Ma scartare completamente un tale rischio non dovrebbe essere.

Lo stent cardio-vascolare è considerato la misura più sicura di terapia. Il paziente dovrebbe essere molto più attento a monitorare la propria salute, attenersi alle raccomandazioni di uno specialista, utilizzare i farmaci necessari e sottoporsi a esami secondo il piano.

Succede che dopo l'intervento chirurgico la probabilità di restringimento delle arterie rimane, ma è piccola, e gli scienziati continuano la ricerca in questo settore, e il numero di miglioramenti sta crescendo.

Lo stent cardiaco dopo un attacco cardiaco può essere caratterizzato da pericolose complicazioni che insorgono durante l'intervento chirurgico, dopo un breve periodo di tempo dopo di esso o dopo un lungo periodo.

reinserimento

Dopo questa operazione, la persona si sente molto meglio, il dolore al cuore dopo lo stent diventa non così forte, ma il processo di aterosclerosi non si ferma, non contribuisce a un cambiamento nella disfunzione del metabolismo dei grassi. Pertanto, il paziente deve seguire le raccomandazioni di uno specialista, osservare il contenuto di colesterolo e zucchero nel sangue.

Gli obiettivi della riabilitazione dopo l'intervento chirurgico:

  1. Ripristina la massima funzionalità possibile del cuore;
  2. Prevenzione delle complicanze postoperatorie, in particolare, recidiva di vasocostrizione stentata;
  3. Rallentare il progresso dell'ischemia, migliorare la prognosi della malattia;
  4. Aumentare le capacità fisiche del paziente, ridurre al minimo le restrizioni dello stile di vita;
  5. Ridurre e ottimizzare i farmaci ricevuti dal paziente;
  6. Normalizzare le letture di laboratorio;
  7. Fornire uno stato psicologicamente confortevole del paziente;
  8. Regolare lo stile di vita e il comportamento del paziente, che contribuirà alla conservazione dei risultati ottenuti durante la riabilitazione.

REVISIONE DEL NOSTRO LETTORE!

Recentemente, ho letto un articolo sul tè monastico per il trattamento delle malattie cardiache. Con questo tè puoi SEMPRE curare aritmia, insufficienza cardiaca, aterosclerosi, malattia coronarica, infarto miocardico e molte altre malattie cardiache e vasi sanguigni a casa. Non ero abituato a fidarmi di nessuna informazione, ma ho deciso di controllare e ordinare una borsa.
Ho notato i cambiamenti una settimana dopo: il dolore costante e il formicolio nel mio cuore che mi aveva tormentato prima si era ritirato, e dopo 2 settimane sono scomparsi completamente. Provalo e tu, e se qualcuno è interessato, allora il link all'articolo qui sotto. Leggi di più »

Regole, raccomandazioni dopo l'intervento chirurgico, dieta

Dopo l'intervento, è necessario aderire al riposo a letto per un certo periodo di tempo. Il medico controlla l'insorgenza di complicanze, raccomanda dieta, uso di farmaci, restrizioni.

La vita dopo lo stent indica il rispetto di determinati requisiti. Quando viene installato uno stent, il paziente è sottoposto a riabilitazione cardiaca.

I suoi requisiti principali sono dieta, terapia fisica e umore positivo:

  • Per 1 settimana, il processo di riabilitazione è associato a restrizioni sull'esercizio fisico, i bagni sono proibiti. 2 mesi, gli esperti non raccomandano di guidare una macchina. Le raccomandazioni successive consistono in una dieta priva di colesterolo, un esercizio misurato e un uso regolare di farmaci.
  • È necessario rimuovere i grassi di origine animale dalla dieta e limitare i carboidrati. Non prendere grasso di maiale, manzo, agnello, il burro, la pancetta, maionese e caldo spezie, insaccati, formaggi, uova, pasta di grano tenero, cioccolatini, dolci e farina, pane bianco, caffè, tè forte, le bevande alcoliche, soda.
  • Nella dieta, è imperativo includere nel menu verdure e macedonie o succhi di frutta freschi, carne di pollo bollita, pesce, cereali, pasta, ricotta, latte acido, tè verde.
  • Hai bisogno di mangiare un po ', ma spesso, 5-6 volte, per osservare il peso. Se possibile, fai i giorni di digiuno.
  • Ogni giorno la ginnastica mattutina aiuta ad aumentare il metabolismo, crea un modo positivo. Non fare immediatamente esercizi difficili. Camminare è consigliato, inizialmente per una breve distanza, dopo - aumentando la distanza. Utili scale a piedi senza fretta, allenamento sui simulatori. È impossibile portare a un forte sovraccarico di tachicardia.
  • Il trattamento farmacologico è l'ammissione di farmaci che abbassano la pressione sanguigna, le statine, per normalizzare il colesterolo e i farmaci che riducono i coaguli di sangue. Chi soffre di diabete continua un trattamento speciale su indicazione di un endocrinologo.
  • È ottimale quando il processo di riabilitazione dopo l'operazione si svolgerà in case di cura o resort, sotto la supervisione di medici.

La terapia postoperatoria è importante perché dopo 6-12 mesi il paziente deve bere medicina tutti i giorni. L'angina pectoris e altre manifestazioni di ischemia e aterosclerosi sono eliminate, ma la causa dell'aterosclerosi rimane, come lo sono i fattori di rischio.

Molti pazienti pongono la domanda: è possibile ottenere una disabilità dopo l'intervento chirurgico? Lo stent aiuta a migliorare le condizioni del paziente e lo restituisce alla prestazione corretta, e quindi non è necessario per questa procedura.

Previsione dopo l'intervento chirurgico

  • Lo stent cardiovascolare è un'operazione sicura che ha l'effetto desiderato. La probabilità di effetti avversi è piccola. Anche dopo lo stent, una persona tornerà al suo solito stile di vita e ripristinerà la sua capacità lavorativa.
  • Non dovremmo dimenticare che lo stile di vita inappropriato che ha causato l'ischemia può causare nuovamente intasamento delle arterie, se non modificato. L'operazione è caratterizzata da un piccolo periodo di recupero postoperatorio.
  • Per quanto riguarda la prognosi successiva, lo stenting è efficace in circa l'80% delle situazioni. Succede che il processo si inverta, nonostante gli sforzi compiuti, l'arteria si restringerà nuovamente. Ma gli scienziati continuano a condurre ricerche e migliorare la tecnologia dell'operazione. Il numero di risultati positivi sta crescendo.
  • Ora, i cardiochirurghi utilizzano stent assolutamente nuovi che riducono al minimo la probabilità del ritorno delle arterie coronarie.

Possibili complicazioni dopo l'intervento

Nel processo di stenting, si verificano vari effetti negativi, i più famosi dei quali sono:

  1. blocco dell'arteria operata,
  2. danno alla parete vascolare,
  3. comparsa di sanguinamento o formazione di ematoma nel sito di puntura,
  4. allergico ad un agente di contrasto di varia gravità, compresa la disfunzione renale.
  • Tenendo conto del fatto che la circolazione del sangue si verifica nel corpo umano, in alcuni casi, durante lo stenting, le conseguenze si verificano in altre arterie che non sono interessate dall'operazione.
  • Aumento del rischio di complicanze dopo l'intervento chirurgico in persone affette da gravi disturbi renali, diabete mellito e fallimenti nel sistema di coagulazione del sangue. Pertanto, tali pazienti vengono attentamente esaminati prima dello stenting, vengono inoltre preparati prescrivendo medicazioni speciali e successivamente, dopo l'operazione, vengono monitorati in unità di terapia intensiva o rianimazione.
  • Stenting non garantisce contro l'ischemia completa. La malattia può svilupparsi, altre placche aterosclerotiche possono formarsi nelle arterie o le vecchie possono aumentare. Lo stent stesso può diventare troppo grande o creare un coagulo di sangue nel tempo. Pertanto, tutti i pazienti sottoposti a stenting delle arterie coronarie sono sotto la supervisione regolare di un medico, in modo che, se necessario, possano immediatamente identificare la ricorrenza della malattia e indirizzarlo di nuovo a uno specialista.
  • La trombosi da stent è una delle conseguenze più pericolose dopo l'intervento chirurgico. È pericoloso che si sviluppi in qualsiasi momento: nel primo e nel tardo periodo postoperatorio. Spesso, questa conseguenza porta ad un forte dolore e, se non trattata, porta anche a un infarto miocardico.
  • Una conseguenza meno pericolosa, ma la restenosi da stent che si sviluppa in relazione alla crescita dello stent nella parete vascolare, è considerata più comune. Questo è un processo naturale, ma in alcuni pazienti si sta sviluppando troppo attivamente. Il lume dell'arteria operata inizia a restringersi significativamente, causando una ricaduta di angina.
  • Se non segui il farmaco, la dieta e il regime prescritti dal medico, si svilupperà la formazione di placche aterosclerotiche all'interno del corpo, che porterà alla comparsa di nuove aree di danno in arterie sane prima.

Segni di complicazioni

In circa il 90% delle situazioni in cui è installato uno stent, viene ripreso il corretto flusso sanguigno nelle arterie e non si verificano difficoltà.

Ma ci sono casi in cui sono probabili effetti avversi:

  • Fallimento dell'integrità delle pareti arteriose;
  • sanguinamento;
  • Difficoltà a lavorare con i reni;
  • L'aspetto di un ematoma al sito di puntura;
  • Restauro o trombosi nei siti di stent.

Una delle probabili complicazioni è il blocco delle arterie. Succede abbastanza raramente, nel caso di una patologia, il paziente viene immediatamente inviato alla chirurgia di bypass dell'arteria coronaria.

Costo del funzionamento

  • Il costo dello stent varia dalle arterie che devono essere utilizzate, così come dallo stato, dall'istituzione medica, dalla strumentazione, dall'attrezzatura, dal tipo, dal numero totale di stent e da altre circostanze.
  • È un'operazione ad alta tecnologia che richiede l'uso di una sala operatoria speciale, dotata di sofisticate apparecchiature costose. Lo stent viene eseguito con nuovi metodi da cardiochirurghi qualificati. A questo proposito, l'operazione non sarà economica.
  • Il costo dello stent varia in ogni paese. Ad esempio, in Israele da circa 6.000 euro, in Germania - da 8.000, in Turchia - da 3.500 euro.
  • Lo stent è considerato una delle operazioni più comuni nella chirurgia vascolare. È caratterizzato da un basso trauma, dà l'effetto adeguato e non ha bisogno di recupero a lungo termine.

Recensioni

La maggior parte delle recensioni sui risultati dello stenting sono positive, la probabilità di effetti avversi dopo la procedura è minima e l'intervento chirurgico è considerato sicuro. In certe situazioni, c'è la probabilità di un'allergia di un organismo a una sostanza somministrata durante l'intervento a raggi X.

I pazienti sottoposti a intervento chirurgico, caratterizzano la sua somiglianza con una procedura medica abbastanza semplice, non un'operazione. Poiché non è necessario un lungo periodo di recupero, i pazienti ritengono di essersi completamente ristabiliti.

Non bisogna dimenticare che il metodo ideale di cardiochirurgia non elimina la necessità di prendersi cura della propria salute.

Prognosi per il recupero dopo stenting di vasi cardiaci

Il miglioramento dei moderni metodi di trattamento chirurgico, come l'operazione di stenting di vasi cardiaci, con supporto medico pre- e postoperatorio consente di ottenere eccellenti risultati clinici nelle malattie cardiache nel breve e nel lungo periodo. L'unica condizione significativa per uno stenting efficace è il trattamento tempestivo del paziente per le cure mediche.

Indicazioni per il trattamento chirurgico

Il ripristino del flusso sanguigno nei vasi del cuore aumenta la durata e la qualità della vita dei pazienti. Dando la preferenza a uno o un altro metodo di trattamento, valutare la gravità delle manifestazioni cliniche, il grado di riduzione del flusso sanguigno nel cuore, il decorso anatomico dei vasi interessati. Allo stesso tempo, i possibili rischi vengono confrontati, tenendo conto dell'effetto della terapia conservativa in corso.

Indizi per stenting di navi cardiache:

  • l'inefficacia della terapia farmacologica;
  • la presenza di angina progressiva;
  • nelle prime fasi dell'infarto miocardico, viene eseguito un intervento chirurgico urgente;
  • aumento dei fenomeni di ischemia nel periodo post-infarto sullo sfondo del trattamento;
  • infarto miocardico;
  • stato preinfarto;
  • stenosi significativa, oltre il 70% dell'arteria coronaria sinistra;
  • stenosi di 2 o più vasi del cuore;
  • pericolo di sviluppare complicazioni pericolose per la vita a causa di ischemia del cuore.

Lo stenting delle arterie coronarie viene eseguito per espandere il lume nel vaso e ripristinare il flusso sanguigno attraverso di esso.

Controindicazioni alla chirurgia

Le controindicazioni allo stenting possono essere dovute a malattie cardiache o a grave patologia concomitante:

  • condizione agonizzante del paziente;
  • intolleranza ai mezzi di contrasto contenenti iodio utilizzati durante la chirurgia;
  • lume del vaso che richiede uno stent inferiore a 3 mm;
  • stenosi diffusa dei vasi miocardici, quando lo stent non è più efficace;
  • ritardata coagulazione del sangue;
  • insufficienza respiratoria, renale ed epatica scompensata.

Varietà di stent per chirurgia

Uno stent è un dispositivo che espande il lume di una nave e rimane in esso per sempre. Ha una struttura a rete. Gli stent differiscono per composizione, diametro e configurazione della maglia.

Stenting dei vasi coronarici viene eseguita utilizzando stent convenzionali e cilindri rivestiti di farmaci. Convenzionale realizzato in acciaio inossidabile, lega di cromo-cobalto. La funzione è di mantenere la nave nello stato espanso.

Le ristenosi si sviluppano meno frequentemente negli stent a rilascio di farmaco, non sono coagulati. Tuttavia, è impossibile considerare tutti gli stent a rilascio di farmaco come una panacea. Nell'analisi, fino a che punto la letalità remota differisce dall'infarto del miocardio durante lo stent con o senza rivestimento di un farmaco non viene rivelata una differenza significativa.

I seguenti tipi di farmaci sono usati per coprire gli stent:

Quale stent il paziente ha bisogno è deciso dal medico a seconda della situazione. Se prima c'era lo stent, e c'era una ricorrenza di stenosi, allora sarebbe stato necessario un nuovo intervento - stenting di ICD.

Metodi diagnostici necessari per prendere una decisione sull'operazione

Se lo stent coronarico di vasi cardiaci viene eseguito in modo pianificato, viene nominato un complesso di esami, che include:

  • esami generali del sangue e delle urine;
  • analisi del sangue biochimica;
  • coagulogramma - dimostra lo stato del sistema di coagulazione del sangue;
  • ECG a riposo e con prove di stress;
  • emissione di un singolo fotone CT;
  • test funzionali;
  • scintigrafia perfusione;
  • ecocardiografia e ecocardiografia da stress;
  • PET;
  • Stress MRI;
  • Coronarografia, che in molti modi supera i metodi sopra, ma è invasiva.

Lo stenting cardiaco viene eseguito dopo angiografia coronarica delle arterie coronarie, in cui vengono valutate la natura della lesione, il diametro del vaso stenotico e il suo corso anatomico.

Le fasi principali dell'operazione

L'intervento viene eseguito in condizioni di sala operatoria a raggi x in anestesia locale. Allo stesso tempo, un catetere viene inserito nell'arteria femorale e viene eseguita l'angiografia coronarica.

Alla fine del catetere c'è un palloncino con uno stent. Al posto della stenosi il palloncino si gonfia, schiacciando la placca aterosclerotica, il diametro della nave aumenta immediatamente. Lo stent è una struttura per la parete vascolare. Dopo il ripristino del flusso sanguigno, il palloncino viene espulso e lo stent rimane nel vaso.

Dopo aver stentato i vasi cardiaci, il paziente è in ospedale per 3 giorni, ricevendo anticoagulanti e trombolitici. Il primo giorno viene dato il riposo a letto, perché esiste il rischio di formazione di ematoma nel sito di puntura dell'arteria femorale. Se ci sono complicazioni, la durata del ricovero può aumentare.

Possibili complicazioni dopo l'intervento chirurgico:

  • spasmo coronarico;
  • attacco di cuore;
  • trombosi da stent;
  • tromboembolismo;
  • ematoma di grandi dimensioni sulla coscia.

Periodo di recupero

Dal secondo giorno dopo lo stent sono prescritti esercizi di ginnastica respiratoria e fisioterapia. Per prima cosa si tengono a letto.

Una settimana dopo l'operazione, la terapia fisica viene effettuata sotto la supervisione di un medico, il capo della terapia fisica.

La durata del periodo di recupero dipende dalla gravità della lesione vascolare aterosclerotica del cuore, dal numero di vasi stentati e dalla presenza di un infarto miocardico in passato. La riabilitazione dopo infarto miocardico e stent richiede più tempo ed è più difficile.

La durata della degenza ospedaliera e del riposo a letto più lunghi, la durata della terapia di esercizio sotto controllo medico dura circa 2,5-3 mesi.

La rivascolarizzazione miocardica è una delle operazioni cardiache più sicure. Ha salvato delle vite e ha riportato al lavoro migliaia di pazienti. Ma il suo successo dipende dall'adempimento di una determinata condizione: una riabilitazione competente e coerente dopo che lo stent è obbligatorio:

  • il primo mese raccomandava la restrizione dell'attività fisica, il duro lavoro;
  • leggeri esercizi fisici sono richiesti al mattino sull'impulso non più di 100 battiti al minuto;
  • la pressione del sangue non deve essere superiore a 130/80 mm Hg. Articolo;
  • È necessario escludere la sovraraffreddamento, il surriscaldamento, l'insolazione, il bagno, la sauna, la piscina.

È meglio vivere tranquilli, camminare a piedi e respirare aria fresca.

La riabilitazione dopo l'intervento chirurgico, oltre allo sforzo fisico somministrato, all'aderenza a una corretta alimentazione, il trattamento delle malattie somatiche include il trattamento farmacologico. La scuola per uno stile di vita sano e permanente dovrebbe iniziare nei primi giorni dopo l'intervento, quando la motivazione per il recupero è ancora molto forte.

Trattamento farmacologico

La selezione della terapia, la sua durata e il tempo di insorgenza dipendono dalla specifica situazione clinica. I farmaci antiaggreganti e antitrombotici sono prescritti dal medico.

Lo scopo del loro appuntamento - la prevenzione della trombosi nei vasi. Prendi in considerazione il rischio di sanguinamento, ischemia. La vita dopo lo stent include l'assunzione di alcuni farmaci, che dipendono dalla natura dell'intervento chirurgico.

Sono usati i seguenti farmaci:

Il dosaggio e la combinazione di farmaci dopo lo stent sono determinati dal medico curante.

Prevenzione delle malattie vascolari

Dopo il ripristino del flusso sanguigno in uno o più vasi, il problema dell'intero organismo non sarà risolto. Le placche sulle pareti dei vasi sanguigni continuano a formarsi. Ulteriori sviluppi dipendono dal paziente. Il medico raccomanda uno stile di vita sano, una nutrizione normale, un trattamento della patologia endocrina e delle malattie metaboliche. Quanti pazienti vivono dipende da come svolgono gli appuntamenti medici.

La vita dopo un infarto e uno stent include la profilassi secondaria, che comporta le seguenti procedure:

  • consegna di test di laboratorio, esame clinico 1 volta in 6 mesi;
  • un piano individuale di attività fisica, che è scritto dalla terapia di esercizio del medico;
  • controllo della dieta e del peso;
  • mantenimento della pressione sanguigna;
  • trattamento del diabete, controllo dei lipidi nel sangue;
  • screening dei disturbi psicologici;
  • vaccinazione antinfluenzale.

Recensioni di stenting di vasi del cuore suggeriscono un recupero più veloce rispetto a dopo l'intervento chirurgico di bypass delle arterie coronarie.

Se è impossibile eseguire stenting (anatomia sfavorevole, mancanza di capacità tecniche), è necessario eseguire un intervento di bypass aorto-coronarico.

La dieta dopo stent è volta a ridurre il peso del 10% rispetto al basale.

  • escludere grassi, fritti e salati;
  • utilizzare acidi grassi omega-3, olio di pesce;
  • ridurre la quantità di carboidrati facilmente digeribili, è consentito il pane integrale;
  • per diversificare la dieta di cibi vegetali e proteici.

Prognosi di aspettativa di vita

L'analisi dell'aspettativa di vita ha rivelato che 5 anni dopo lo stent, il tasso di sopravvivenza era dell'89,3%, mentre la mortalità dopo il primo infarto miocardico trattato senza intervento chirurgico era del 10% all'anno.

L'angina instabile senza stenting del 30% porta a infarto miocardico durante i primi 3 mesi dal momento dell'apparenza. Dopo lo stent, l'infarto non si sviluppa.

Un'operazione eseguita nel tempo, che ha portato al ripristino di un adeguato flusso di sangue nel cuore, migliora la qualità e aumenta la longevità. Tuttavia, il trattamento chirurgico senza una buona ragione comporta un rischio non necessario per i pazienti. Più spesso, lo stenting è ragionevole nei pazienti con sindrome coronarica acuta, sullo sfondo di un complicato decorso dell'infarto.

Il trattamento chirurgico dei pazienti con un decorso asintomatico della malattia è consentito solo con test di carico insufficiente. Attualmente, questo metodo di trattamento è considerato irragionevole.

Stenting di vasi cardiaci migliora la prognosi dell'ulteriore vita dei pazienti di dieci volte.

Efficienza dello stent cardiaco, descrizione del metodo, indicazioni, controindicazioni, prognosi

La deposizione di placche di calcio-colesterolo nei vasi sanguigni contribuisce allo sviluppo di malattie del sistema cardiovascolare. Le placche aterosclerotiche bloccano il normale flusso sanguigno nel cuore, causando carenze nutrizionali e ossigeno nei tessuti. A seconda della posizione della nave interessata, possono verificarsi vari disturbi: neurologici o cardiaci.

Tecnica di stenting

Attenzione! Nella fase iniziale, la vasocostrizione non influenza lo stato del corpo. Ma restringere il vaso sanguigno di oltre il 50% porta all'ischemia organica.

Lo stent è una procedura in cui uno stent speciale viene inserito nelle arterie che espande il lume dei vasi occlusi.

Cos'è lo stent cardiaco?

Uno stent è un piccolo tubo costituito da una lega di metalli, che funge da vasodilatatore meccanico (vasi dilatatori fattore). Ogni tubo è di diversa struttura e dimensione.

La chirurgia cardiaca utilizza due tipi di stent:

  1. un semplice tubo a maglie metalliche costituito da cromo e cobalto;
  2. stent coperto con anticoagulanti di azione prolungata.

L'installazione dello stent del primo tipo è associata all'assunzione di farmaci aggiuntivi, e quando si installa il dispositivo, coperto con farmaci speciali, questa necessità scompare. Di norma, il secondo tipo di stent è molto più costoso del primo, ma è più sicuro per il paziente in termini di possibili complicazioni.

L'operazione di installare uno stent nei vasi, che fornisce la vasodilatazione meccanica dell'area ristretta, è detta stenting. La chirurgia del cuore endovascolare viene eseguita nei reparti vascolari. Lo stent vascolare può essere eseguito solo da un cardiochirurgo altamente qualificato con determinati dispositivi tecnici. Nei reparti chirurgici, non viene eseguito solo lo stent coronarico. Il dispositivo che estende il lume dei vasi può essere installato nelle arterie femorali, iliache, carotidi e addominali.

In quali casi ci sono indicazioni per l'impianto di stent coronarico?

L'inizio dei sintomi della malattia coronarica (CHD) indica un alto rischio di avere un attacco di cuore nei prossimi 10 anni. Il blocco delle arterie coronarie porta a insufficiente flusso di sangue nel miocardio. La mancanza di nutrienti necessari per il normale funzionamento del muscolo cardiaco è la causa della necrosi delle cellule cardiache (cardiomiociti).

La fame cellulare può essere asintomatica per lungo tempo. Le prime manifestazioni di malattia coronarica spesso si verificano sullo sfondo di un forte stress psico-emotivo o fisico, quando aumenta la richiesta di ossigeno.

In assenza di flusso sanguigno normale, i seguenti sintomi compaiono nel muscolo cardiaco:

  • dolore al petto;
  • difficoltà a respirare;
  • tachicardia;
  • rash cutaneo;
  • nausea o vomito.

Nella CHD, lo stent coronarico viene eseguito di routine. In alcuni casi, l'operazione di stenting cardiaco viene mostrata nel processo di sviluppo di infarto miocardico acuto (fino a 6 ore dall'esordio di un infarto). Questa procedura riduce il rischio di necrosi irreversibile del tessuto miocardico e spesso riporta il paziente a una vita piena.

Non tutti i pazienti con malattia coronarica mostrano stenting coronarico.

Le principali indicazioni per lo stenting del muscolo cardiaco sono:

  • forme gravi di malattia coronarica causate da stenosi delle arterie coronarie oltre il 50%;
  • sindrome coronarica acuta;
  • esteso infarto miocardico nelle prime sei ore;
  • stadio grave di stenocardia, quando gli attacchi non vengono fermati dai farmaci.

L'indicazione più comune per stenting delle arterie del cuore è l'attacco cardiaco e la sindrome coronarica acuta.

Chi è controindicato per stenting del cuore?

Ci sono controindicazioni per stenting di vasi coronarici del cuore, che possono portare a complicanze postoperatorie.

Le principali controindicazioni all'installazione di uno stent coronarico:

  • emofilia e altri disturbi legati al sistema di coagulazione del sangue;
  • cancro dell'ultimo stadio;
  • la condizione grave del paziente, che si esprime in insufficienza multiorgano;
  • lesioni aterosclerotiche comuni;
  • placca insignificante che non mette in pericolo la vita del paziente;
  • intolleranza allo iodio

In alcuni casi, le controindicazioni sono temporanee e dopo un certo periodo di tempo (dopo la stabilizzazione delle condizioni del paziente, ad esempio), possono scomparire.

Com'è stenting di vasi del cuore?

Il numero minimo di esami effettuati solo in casi di emergenza che richiedono un intervento di emergenza dei chirurghi - con infarto miocardico acuto o sindrome coronarica acuta. In tali situazioni, il conto continua per secondi, e qualsiasi ritardo è irto di disabilità o morte del paziente.

Elenco degli esami obbligatori:

  1. esame del sangue clinico;
  2. analisi del sangue biochimica;
  3. coagulazione;
  4. roentgenoscopy della cavità toracica;
  5. elettrocardiografia.

In alcuni casi, l'operazione inizia immediatamente e già durante lo stenting delle navi coronarie riceve i risultati degli esami. La limitazione all'intervento di emergenza è l'ultimo stadio di una malattia cronica, in cui è improbabile che il paziente sopravviva.

Lo stent coronarico viene eseguito nell'unità operativa con l'uso di apparecchiature ad alta tecnologia e raggi X.

Lo stent dei vasi cardiaci viene eseguito nella seguente sequenza:

  1. Un anestetico locale viene somministrato al paziente nella regione della coscia destra.
  2. Viene eseguita la puntura dell'arteria femorale in cui viene inserito il catetere.
  3. Nel processo di movimento lungo l'arteria principale, i preparati contenenti iodio vengono iniettati al muscolo cardiaco. Rileva i raggi X ed evidenzia la posizione del catetere per il cardiochirurgo.
  4. Quindi le arterie sono riempite con un mezzo di contrasto per verificare le loro condizioni.
  5. Un catetere con un palloncino viene portato nella posizione desiderata e espande il fluido nell'arteria fino alla dimensione richiesta.
  6. Nella fase finale, il catetere viene estratto, lasciando un tubo a rete nel lume della nave.

Lo stent installato aumenta il lume della nave alla dimensione desiderata e il normale flusso sanguigno viene ripristinato nel muscolo cardiaco. Il numero di stent installati dipende dal numero di vasi colpiti. L'operazione dura da 60 a 120 minuti e può causare dolore lasco, dando alla mano.

Il primo giorno, dovresti osservare il riposo a letto per minimizzare la comparsa di complicanze. Paziente domiciliare dimesso in media 5 giorni.

Quali complicazioni si riscontrano dopo l'impianto di stent dei vasi cardiaci?

Nell'85% dei pazienti non ci sono complicanze dopo stenting delle arterie coronarie. Il ripristino della normale circolazione del sangue avviene nel primo giorno. Tuttavia, alcuni pazienti potrebbero riscontrare i seguenti effetti:

  • sanguinamento grave;
  • compromissione della funzionalità renale;
  • danno alle pareti delle arterie;
  • trombosi nel campo dello stenting;
  • ematomi nella zona di puntura.

In rari casi, le arterie vengono bloccate, il flusso sanguigno viene disturbato e si verifica un infarto del miocardio. Un paziente con tali complicazioni rare, di regola, non vivrà per molto tempo, perciò, è necessario eseguire urgentemente un intervento chirurgico di bypass coronarico aortico.

In 10 casi su 1000 complicazioni gravi sono stati osservati che richiedono un intervento di emergenza da parte di un cardiochirurgo. Tuttavia, lo stent cardiaco è il metodo chirurgico più sicuro. La probabilità di complicanze è molto più bassa rispetto a quando si bypassano i vasi del cuore.

Complicazioni postoperatorie - sanguinamento

È importante! Se hai ricevuto uno stent e senti dolore nell'area del cuore, informa immediatamente il medico.

Il periodo di riabilitazione: attività di recupero

Dopo l'intervento, il paziente è obbligato a rispettare il riposo a letto. La durata del ricovero è determinata dal medico, ma, come detto sopra, non supera i 5 giorni. Il medico controlla l'insorgenza di possibili complicazioni che possono portare alla morte in caso di assistenza intempestiva. In ospedale, prescrive farmaci, formula raccomandazioni sulla dieta dopo l'intervento e notifica le restrizioni.

Nei primi sette giorni di riabilitazione, è necessario rifiutarsi di fare un bagno e un forte sforzo fisico. Durante questo periodo, non è consigliabile guidare una macchina. Se il lavoro è legato allo sforzo fisico o alla guida di un'auto, è necessario prendere un congedo per malattia per almeno 8 settimane. Successivamente sarà necessario lavorare con cautela e solo dopo aver consultato il medico.

Molte persone chiedono: la disabilità dà dopo aver stentato il cuore? In presenza di complicanze o comorbidità, la disabilità è altamente probabile. Tuttavia, in caso di disturbi minori del sistema cardiovascolare, la capacità di lavoro non viene ridotta. Se il lavoro comporta un intenso lavoro fisico, molto probabilmente, al dipendente verrà negato un posto.

Alla dimissione, il paziente riceverà una serie di raccomandazioni che devono essere seguite nel periodo postoperatorio. Gli allenamenti aerobici sono raccomandati 40 minuti al giorno. La cosa principale è non esagerare, l'esercizio eccessivo non ne vale la pena, perché è irto di complicazioni. Consultare il proprio medico se non si sa se è possibile eseguire un certo tipo di esercizio.

Una componente importante del periodo di riabilitazione è la dieta dopo stenting dei vasi cardiaci. Hai bisogno di mangiare bene. La tabella di trattamento numero 10 aiuterà a normalizzare il metabolismo e a ridurre il numero di fattori di rischio per la malattia coronarica.

La nutrizione dopo stenting di vasi cardiaci dovrebbe essere mirata a ridurre gli alimenti contenenti colesterolo nella dieta. Nel menu del giorno, dovresti escludere sale da tavola, acidi grassi saturi e psicostimolanti.

Dieta Cuore

Raccomandazioni per la preparazione della dieta:

  • Assumi cibi ricchi di acidi grassi insaturi (Omega-3 e Omega-6): olio di pesce, olio d'oliva o noci.
  • Rifiutare i mezzi che stimolano il sistema nervoso centrale (alcol, nicotina).
  • Limitare l'assunzione di sale a 0,5 grammi al giorno.
  • Limitare l'assunzione di cibi dolci e piccanti.
  • Prendere complessi vitaminici (gruppi B, C, E, PP) per accelerare il processo di recupero.
  • Rifiuta di assumere prodotti a base di carne contenenti grandi quantità di acidi grassi saturi (carne di maiale, agnello, strutto).
  • Bere non più di 1-1,5 litri di liquidi al giorno. L'eccessiva assunzione di acqua aumenta la circolazione sanguigna totale e porta all'ipertensione.

Suggerimento: Assicurati di seguire le linee guida dietetiche fornite in ospedale. Molto dipende dall'eziologia del disturbo e l'elenco dei prodotti può variare.

Lo stenting cardiaco è efficace e per quanto tempo vivono dopo l'intervento?

Lo stent coronarico è un metodo collaudato e molto efficace che ripristina il normale flusso sanguigno nel muscolo cardiaco. Questa procedura aiuta a sbarazzarsi dei sintomi di angina e ritardare l'insorgenza di infarto miocardico. Quanto vivono dopo aver stentato il cuore dipende dal paziente.

Il numero e il tipo di stent installati influisce anche sugli eventi successivi. Rivestimento speciale del farmaco (anticoagulante) riduce il rischio di restenosi e aumenta l'aspettativa di vita del paziente. Un semplice tubo metallico senza rivestimento per farmaci aumenta le probabilità di re-ospedalizzazione del 30%. Nel tempo, lo stent potrebbe usurarsi e compromettere il benessere generale del paziente.

In media, c'è una riduzione dei sintomi di angina nel 60-70%. Il restante 30-40% segnala miglioramenti della salute, ma i sintomi della malattia sottostante non si attenuano. Lo stent coronarico fornisce una pervietà arteriosa per 5-10 anni.

Quanto costa lo stent coronarico?

Qual è il costo di uno stent coronarico? Il prezzo è formato sulla base di diversi dati: il numero di arterie, il paese, le attrezzature, gli stent e le cliniche interessate. Questo intervento richiede l'uso di attrezzature ad alta tecnologia. In Russia, l'operazione viene eseguita solo da cardiochirurghi altamente qualificati con una lunga storia di lavoro. Nelle cliniche tedesche lo stenting del cuore costa da 10mila euro, nelle cliniche turche - da 2mila euro, e nelle cliniche russe - da 110.000 rubli.

Lo stenting coronarico è il tipo più noto di chirurgia cardiaca. Non è accompagnato da un lungo periodo di riabilitazione ed è relativamente sicuro rispetto ad altri metodi. Condizioni obbligatorie a cui il paziente deve attenersi: dieta corretta, esercizio moderato e farmaci tempestivi.

L'operazione di installazione di uno stent nei vasi del cuore - i pro ei contro

La procedura di stent è entrata in medicina non molto tempo fa. Tuttavia, le dinamiche positive non hanno tardato ad aspettare, e quindi ora una tale operazione viene utilizzata molto spesso.

Stenting di vasi cardiaci aiuta a ripristinare la pervietà, riducendo così il rischio per la vita e la salute del paziente.

Indicazioni e controindicazioni per

Uno stent è un sottile tubo di metallo che consiste di cellule e serve a ripristinare il diametro del lume dei vasi. La struttura cellulare consente di installarlo non al posto del taglio, ma esattamente al posto del lume. Questo viene fatto usando una sonda speciale, al termine della quale lo stent si trova nello stato assemblato.

La sonda viene inserita nel serbatoio e, sotto il controllo di un tomografo computerizzato o di un sensore a ultrasuoni, si muove nella direzione dell'occlusione. C'è un'installazione e un gonfiaggio a palloncino. Il palloncino gonfiato apre lo stent, posizionandolo quindi all'interno del vaso.

Questa tecnologia di installazione può ridurre in modo significativo il trauma durante il funzionamento, poiché l'incisione deve essere effettuata non nel luogo di installazione, ma a una certa distanza. Va inoltre notato che lo stenting è ampiamente usato nei casi di formazione di placca in luoghi difficili da raggiungere.

Le indicazioni per l'uso dello stent sono condizioni patologiche che possono provocare disturbi della d-spirale. L'installazione viene eseguita con la minaccia di malattia coronarica (CHD) o aterosclerosi.

In caso di aumento del rischio di infarto miocardico, questa procedura può anche essere utilizzata. L'endarterectomia può anche essere utilizzata per trattare l'aterosclerosi, che consente la rimozione diretta della placca. Tuttavia, è molto più facile installare uno stent su vasi coronarici, e il recupero da tale operazione è molto più facile che dopo aver rimosso la placca stessa dal lume.

Cardiopatia ischemica

Va notato che, nonostante la sua sicurezza e un rapido periodo di remissione, tale operazione presenta alcune controindicazioni:

  • diminuzione del diametro dell'arteria fino a 3 mm;
  • diminuzione della coagulazione del sangue e dell'emofilia;
  • insufficienza respiratoria cronica o renale nella fase acuta;
  • stenosi diffusa - sconfitta area troppo grande;
  • allergico allo iodio - è un componente di un agente di contrasto in radiografia.

Fasi di intervento

Il compito principale eseguito dallo stent è quello di supportare il diametro del lume dei vasi. Ciò implica un grande carico sul telaio e quindi è prodotto utilizzando tecnologie avanzate e materiali di alta qualità.

Più spesso usato per creare una lega inerte di diversi metalli. Sono stati sviluppati più di 100 diversi tipi di stent, che differiscono nella composizione della lega, nel design, nel tipo di cellule, nel rivestimento e nel metodo di consegna al punto di restrizione.

Gli stent metallici convenzionali più comunemente usati che supportano semplicemente il diametro del vaso richiesto. Ci sono anche stent rivestiti con un polimero speciale che rilascia una sostanza medicinale in dosi.

L'uso di questa tecnologia può ridurre significativamente il rischio di restenosi e il loro costo è significativamente più alto del normale. Inoltre, con l'introduzione di tale stent fino a 12 mesi, devono essere assunti farmaci antipiastrinici per prevenire il verificarsi di trombosi. Tali stent sono raccomandati per essere installati su piccole navi, dove la probabilità di blocco aumenta in modo significativo.

Molti dei nostri lettori per ridurre attivamente il colesterolo nel corpo applicano attivamente i metodi ben noti a base di semi e succo di amaranto, scoperti da Elena Malysheva. Ti consigliamo di familiarizzare con questa tecnica.

Come ogni altra operazione, lo stenting prevede studi preliminari e un addestramento speciale. Ciò consente di aumentare le probabilità di un esito favorevole, ridurre la probabilità di complicanze, ridurre la durata del periodo di recupero.

Inizialmente, un sondaggio. Consiste di diverse parti:

  • L'ecografia Doppler aiuta a tracciare il flusso sanguigno nei vasi.
  • Esami del sangue biochimici e generali determinano disturbi della coagulazione del sangue, livelli di lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) nel sangue.
  • Il coagulogramma aiuta a determinare il livello di coagulazione del sangue.
  • L'esame coronarico determina la condizione delle arterie, il grado di danno.

L'ecografia Doppler non richiede un allenamento speciale, è esattamente la stessa di qualsiasi altra ecografia.

Viene eseguito un esame del sangue dopo che il campione è stato prelevato alla curva della vena ulnare. Il prelievo di sangue viene effettuato a stomaco vuoto al mattino - questo consente di ottenere i risultati più oggettivi dello studio. L'angiografia coronarica richiede prima un coagulogramma, un'analisi delle urine, un test per la presenza del virus HIV e dell'epatite nel sangue.

Quindi l'angiografia coronarica viene eseguita direttamente - mostra il grado di restringimento della nave, la dimensione della placca, la condizione della nave nella sua posizione.

L'operazione stessa viene eseguita in più fasi:

  1. Condurre diluenti del sangue. Necessario per prevenire la formazione di coaguli di sangue durante l'intervento chirurgico.
  2. L'anestesia locale viene eseguita sul sito del catetere.
  3. Puntura dell'arteria per l'installazione di un tubo speciale - Introduttore. Il più delle volte è installato nell'area inguinale, dal momento che è più facile raggiungere la coronaria attraverso quest'arteria.
  4. Installazione di un catetere nell'arteria interessata attraverso l'introduttore.
  5. L'introduzione dello stent con un palloncino attraverso il catetere nella nave danneggiata.
  6. Sotto il controllo degli ultrasuoni o del palloncino CT viene fornito il punto di costrizione.
  7. Gonfiare il palloncino, realizzato utilizzando un agente di contrasto. In questo caso, lo stent viene aperto e premuto nella parete del vaso. Il pallone viene gonfiato più volte per fissare lo stent.

Dopodiché, il catetere, l'introduttore e l'attrezzatura vengono rimossi. Le suture vengono posizionate al posto dell'incisione per evitare perdite di sangue estese. La procedura dura circa 30 minuti in assenza di complicanze.

Complicazioni, costi e recupero

In 9 su 10 pazienti dopo la procedura, il flusso sanguigno viene ripristinato molto rapidamente, e successivamente non ci sono complicazioni. Tuttavia, c'è un certo rischio di complicazioni:

Recentemente, ho letto un articolo sullo sciroppo di coledolo naturale per abbassare il colesterolo e normalizzare il sistema cardiovascolare. Con questo sciroppo, puoi RAPIDAMENTE ridurre il colesterolo, ripristinare i vasi sanguigni, eliminare l'aterosclerosi, migliorare il sistema cardiovascolare, pulire sangue e linfa a casa.

Non ero abituato a fidarmi di nessuna informazione, ma ho deciso di controllare e ordinare un pacchetto. Ho notato i cambiamenti una settimana dopo: il mio cuore ha smesso di darmi fastidio, ho iniziato a sentirmi meglio, avevo forza ed energia. Le analisi hanno mostrato una diminuzione del colesterolo a NORM. Provalo e tu, e se qualcuno è interessato, allora il link all'articolo qui sotto.

  • Violazione dell'integrità della parete arteriosa.
  • Bleeding.
  • Complicazioni nel funzionamento dei reni.
  • Formazione nel sito di puntura ematomi e coaguli.
  • La ricomparsa di stenosi o trombo nel sito dello stent.

Stenting è un'operazione ad alta tecnologia che richiede la presenza di moderne attrezzature specializzate. Poiché l'operazione viene eseguita esclusivamente da specialisti altamente qualificati, non può essere economica.

In media, in Russia, l'operazione non è costosa come in Europa - circa 130 mila rubli.

Va notato che nei casi di emergenza, la procedura può essere eseguita a spese dell'MLA. Dovrebbe anche essere chiarito in merito alla disponibilità di quote in ospedale - se le quote di trattamento sono assegnate e quanto. Ciò consente anche di risparmiare notevolmente denaro.

Stenting di vasi cardiaci non è considerato un motivo per la nomina di disabilità. Può essere assegnato al rilevamento di condizioni associate.

Dopo aver eseguito la procedura per 2-3 giorni (in assenza di complicanze), il paziente si trova nell'unità di degenza sotto la supervisione dei medici. In questo momento, la sua mobilità è limitata a ridurre il rischio di aprire il sanguinamento da un'arteria perforata. Per lo stent coronarico, lo scarico viene eseguito il terzo giorno dopo l'operazione.

Il paziente riceve tutte le raccomandazioni necessarie, che includono farmaci, dieta e raccomandazioni per la terapia fisica. A tutti i pazienti deve essere somministrato il farmaco Klopidogrel - aiuta a fluidificare il sangue e previene la comparsa di coaguli di sangue all'interno dello stent. Viene dimesso per un periodo di 1,5 o 2 anni. La cessazione anticipata del ricovero può portare a trombosi.

Periodo di riabilitazione

Dopo l'intervento, è necessario riposare per un po '. Questo è necessario per ripristinare l'arteria nel sito di incisione e per riprendere il normale flusso di sangue nel sito di installazione.

Dopo la dimissione, la riabilitazione consiste in una serie specifica di azioni. La loro combinazione aiuta a ripristinare il corpo nel più breve tempo possibile.

La dieta aiuta a ridurre il colesterolo nel sangue grazie alla correzione della nutrizione:

  • Ridurre al minimo il consumo di cibi grassi e grassi transgenici. Rifiuto di frutti di mare, latticini grassi, prodotti con contenuto di caffeina.
  • La dieta implica un aumento della quantità di alimenti consumati con un alto contenuto di acidi grassi polinsaturi.
  • Arricchimento della dieta con frutta, bacche e cereali.
  • Sostituire il burro vegetale.
  • La dieta limita la quantità di sale usata nella composizione del cibo e separatamente.
  • Controllo dell'apporto calorico di cibo: non è raccomandato l'uso di più di 2300 kcal al giorno.
  • La dieta include la correzione della dieta - la divisione del numero di pasti per 4-6 al giorno in piccole porzioni. L'ultimo pasto dovrebbe essere almeno 3 ore prima di andare a dormire.

Come con qualsiasi altro intervento chirurgico, i farmaci dovrebbero essere presi per recuperare. Dalla condizione generale del corpo dipende da quanto tempo durerà il farmaco.

Di solito prescrivere tali:

  • Ricevere farmaci che fluidificano il sangue: devono essere presi per prevenire la formazione di coaguli di sangue. Questi farmaci aiutano ad evitare il blocco dei vasi sanguigni, riducendo il rischio di infarto miocardico. Di solito prescritto farmaci contenenti aspirina.
  • Ricezione di statine. Questi sono farmaci che riducono il livello di colesterolo nel sangue. Indicazioni per l'ammissione sono elevati di colesterolo e un prerequisito per aumentare il suo livello. Rosuvastatina, Fluvatstatin, Atorvastatin e altri farmaci sono prescritti.
  • Se il paziente ha la pressione alta, è necessario assumere beta-bloccanti, che aiutano a mantenere prestazioni normali. Esempi di beta-bloccanti includono Anaprilin, Vazokardin, Timolol, Egilok e altri.
  • In presenza di diabete dopo l'intervento, è imperativo seguire una dieta rigorosa e assumere l'insulina per normalizzare i livelli di zucchero nel sangue (Pyoglar, Siofor, Januvia, Viktoza, Glukobay, Amaril e altri).

I bagni dovrebbero essere evitati per i primi sette giorni - si può solo fare il bagno sotto la doccia per evitare di aumentare la pressione.

La riabilitazione gioca un ruolo importante, poiché l'inosservanza di tutte le raccomandazioni può provocare complicazioni pericolose per la salute e la vita.

A seconda delle condizioni del paziente, la durata della terapia per il recupero può richiedere fino a 12 mesi. Nonostante l'operazione, la causa della patologia non è stata eliminata e pertanto la vita del paziente potrebbe essere a rischio.

l'esercizio fisico

I primi 7 giorni di riabilitazione sono necessari per eliminare completamente lo sforzo fisico ed evitare di guidare la macchina. Se il paziente è impegnato nella guida di camion, può riprendere il lavoro 40-50 giorni dopo l'operazione.

L'allenamento fisico terapeutico è il collegamento principale nella riabilitazione cardiaca, che viene utilizzato dopo il posizionamento dello stent. Il normale carico cardiaco moderato aiuta il cuore a riprendersi più velocemente - oltre ad aumentare la resistenza del muscolo cardiaco, il sangue è più attivamente arricchito con l'ossigeno. Ciò consente di aumentare l'attività di nutrizione dei tessuti, accelerando il processo di perdita di grasso.

Va anche notato che il regolare esercizio fisico migliora lo sfondo emotivo generale, che contribuisce anche a una rapida guarigione e al ritorno alla vita normale.

Il programma di esercizi per esercizi di fisioterapia viene selezionato individualmente per ciascun paziente, sulla base delle indicazioni dello stato del corpo. Ciò è dovuto al fatto che ognuno ha un diverso livello di forma fisica, un diverso grado di gravità della malattia e varie comorbidità.

Oltre alla terapia fisica, la riabilitazione fisica dopo lo stent include un percorso di salute. Questa è una passeggiata di durata variabile per diverse distanze. La pratica regolare del percorso di salute ha alcuni aspetti positivi:

  • attività all'aperto regolari;
  • buon umore a causa del carico sul corpo;
  • sviluppo di resistenza;
  • miglioramento dei sistemi respiratorio e cardiovascolare;
  • miglioramento del metabolismo;
  • stimolazione dell'attività nervosa.
ai contenuti ↑

Prognosi stenting

L'operazione ha una prospettiva generale favorevole. Per quanto riguarda lo stato della loro salute e il rispetto di tutte le raccomandazioni mediche, il recupero del corpo avviene rapidamente. Tuttavia, ci sono casi isolati di complicanze che possono verificarsi con una riabilitazione appropriata.

È possibile una reazione allergica a un mezzo di contrasto utilizzato per l'osservazione a raggi X. La mancata osservanza delle raccomandazioni sull'attività fisica nei primi giorni postoperatori può portare a ematomi e sanguinamento. Pertanto, il riposo a letto deve essere mantenuto - la vita del paziente dipende in modo particolare dal rispetto delle indicazioni nei primi giorni.

Lo stent non fornisce una garanzia assoluta di restenosi dei vasi coronarici, poiché nel 15-20% dei casi è stato osservato un restringimento del lume. Quando si usano stent rivestiti con polimero, la probabilità di restenosi si riduce al 5%. Questo polimero contiene speciali sostanze medicinali che impediscono la crescita della parete muscolare - può provocare restenosi.

Quando si rispetta una serie di raccomandazioni, attività fisica, assunzione di farmaci, osservazione di una dieta, il recupero avviene senza complicazioni e in poche settimane una persona può condurre una vita normale.

Per Saperne Di Più I Vasi