Cause e sintomi delle vene varicose pelviche durante la gravidanza

La malattia varicosa durante la gravidanza si sviluppa in circa il 20-40% delle donne. Nella maggior parte dei casi, il processo è localizzato sulle gambe.

Tuttavia, anche le vene degli organi pelvici, la vulva e la vagina, il retto e persino l'addome, i glutei e la ghiandola mammaria. Tra tutti gli episodi di vene varicose durante la gravidanza, il 30% sono vene varicose degli organi pelvici.

Sintomi delle vene varicose pelviche durante la gravidanza

I sintomi delle vene varicose del bacino durante la gravidanza nella fase iniziale, cioè nelle prime fasi non compaiono. Tuttavia, la patologia tende a progredire. Con un aumento dell'età gestazionale e dei volumi uterini, rispettivamente, gli organi pelvici varicosi iniziano a manifestarsi con sintomi come:

  • dolore nel perineo, aggravato durante il movimento;
  • sensazione di "esplosione" negli organi pelvici e genitali;
  • prurito e gonfiore degli organi genitali esterni;
  • vari disturbi della minzione.

Vene varicose pelviche durante la gravidanza, foto in basso:

Cause della malattia

Come risultato di numerose osservazioni su donne in stato di gravidanza, è stato riscontrato che i cambiamenti varicosi nelle vene del bacino iniziano a manifestarsi a partire dal secondo mese di gravidanza.

La principale causa delle vene varicose del bacino nelle donne durante la gravidanza è un cambiamento nei livelli ormonali causato dalla gravidanza. Nel primo trimestre di gravidanza, l'ormone progesterone aumenta ad un ritmo rapido, che, quando l'estrogeno è carente (una violazione dello squilibrio ormonale), ha un effetto rilassante sulle pareti venose.

Di conseguenza, il tono vascolare degli organi pelvici: diminuisce l'utero, il peritoneo e la vescica.

I fattori associati che provocano le vene varicose durante la gravidanza sono:

  • malattie associate a disturbi ormonali ancora nello stato pre-gravidanza;
  • aumento del volume del sangue dovuto alla gravidanza stessa;
  • aumento della pressione nelle vene.

Nella tarda gravidanza, l'utero ingranditore è in grado di provocare la compressione delle vene retroperitoneali. Rare cause di varici pelviche comprendono anche anomalie vascolari congenite e precedenti trombosi venose pelviche.

Che cosa sono le vene varicose pericolose del bacino durante la gravidanza?

La sola malattia varicosa non è una controindicazione per il corso della gravidanza e il parto naturale. Misure preventive e metodi di trattamento conservativo possono ridurre significativamente il rischio di complicanze, che, di fatto, rappresentano una vera minaccia per la vita di una donna incinta e del feto.

Le complicazioni che possono verificarsi con le vene varicose del bacino sono tromboflebite acuta (infiammazione) delle vene pelviche e sanguinamento da vene patologiche.

La tromboflebite acuta si manifesta con un aumento delle vene del perineo, che sono compattate e dolorose. Quando palpano, sono definiti come imbracature strette. Nella regione perineale c'è un forte dolore, la pelle diventa infiammata e gonfia. Sullo sfondo del processo infiammatorio, si nota un malessere generale: debolezza, un aumento della temperatura corporea a 38 °.

La domanda di aborto in caso di varicosi pelvica non viene solitamente richiesta. Con la terapia di mantenimento, le donne incinte riescono a trasportare e dare alla luce un bambino in modo sicuro.

Tuttavia, la gravidanza stessa con le vene varicose può essere complicata da manifestazioni quali distacco della placenta, rottura prematura del liquido amniotico. Il processo del parto stesso può essere complicato dalla debolezza del travaglio e del sanguinamento.

trattamento

Il trattamento delle vene varicose pelviche ha lo scopo di eliminare i sintomi della malattia, il dolore nell'area genitale, il basso addome. Dal primo trimestre di gravidanza, tutte le donne mostrano di indossare calze a compressione: collant medicali con un alto grado di compressione.

L'effetto terapeutico della maglieria può essere migliorato con rulli speciali che devono essere applicati alla bocca della grande vena femorale safena o nella fossa pelvica.

A partire dal secondo trimestre vengono prescritti farmaci flebotonizzanti per la donna incinta:

  1. "Eskuzan" - 12 gocce, 3 volte al giorno;
  2. "Diosmin", "Phlebodia 600" - 1 tabl. una volta al giorno. 2-3 settimane prima della consegna, il farmaco viene cancellato;
  3. "Venoruton" - 1 etichetta. 2 volte al giorno;
  4. "Troxevasin", "Troxerutin" - 1 tavolo. 2 volte al giorno.

Una settimana dopo, valuta l'effetto terapeutico. Con un risultato positivo, le vene subiscono l'involuzione. In assenza di un effetto positivo, il trattamento di iniezione può essere ripetuto fino a quando non viene raggiunto.

Il trattamento della tromboflebite delle vene pelviche viene effettuato su base ambulatoriale. Il paziente deve rispettare il riposo non a letto, i luoghi colpiti sono trattati con farmaci che hanno effetto antinfiammatorio e analgesico, per esempio, Voltaren per alleviare la sindrome del dolore.

Durante i primi due giorni, impacchi freddi dovrebbero essere applicati alla zona del cavallo o trattati con acqua fredda dalla doccia.

Quando inizia il sanguinamento, viene fermato facendo lampeggiare i vasi. Con il rischio esistente di aprire il sanguinamento durante il parto, la consegna viene effettuata con taglio cesareo. In altri casi, si raccomanda il parto naturale.

La prevenzione di possibili sanguinamenti comprende: doccia fredda quotidiana nell'area del cavallo, completo riposo sessuale, indumenti intimi confortevoli e collant a compressione medica.

Nella maggior parte dei casi, le vene varicose pelviche passano indipendentemente dopo la gravidanza, tuttavia, la malattia persiste nel 10% dei casi dopo la nascita.

Video utile

Impara come prevenire le vene varicose durante la gravidanza - dice il chirurgo, il flebologo A. B. Komarov:

Vene varicose del bacino durante la gravidanza: riconoscere e neutralizzare!

Cos'è la gravidanza? Questa non è solo una gioiosa attesa della nascita di una nuova vita, ma anche un innesco per esacerbare i disturbi cronici e l'emergere di nuove condizioni dolorose.

Le vene varicose del bacino durante la gravidanza nelle donne non è raro, che è irto di molte complicazioni spiacevoli e perfino tragiche.

Descrizione e prevalenza

Le vene varicose del bacino, o come viene anche chiamata - vene varicose pelviche - sono presenti nel 30% delle donne primipare e nel 50% dei casi durante le gravidanze ripetute.

In questa malattia, le vene pelviche non riescono più a far fronte alla loro funzione principale: il deflusso del sangue venoso, che di conseguenza ristagna nei vasi. Sullo sfondo di fenomeni stagnanti, le vene si espandono, le loro pareti perdono elasticità ed elasticità - appaiono le vene varicose.

Non è facile rilevare questa malattia durante la gravidanza: la maggior parte dei sintomi non sono specifici e sono spiegati dai cambiamenti nel corpo di una donna incinta. Pertanto, la vera incidenza delle vene varicose pelviche nel periodo del parto rimane una grande domanda.

È noto che nella maggior parte dei casi la malattia può andare via da sola dopo il parto. Ma approssimativamente in ogni decima donna persiste anche dopo la nascita del bambino, e con ogni nuova gravidanza è aggravata.

Cause e fattori di rischio

Le ragioni del debutto o esacerbazione della malattia durante la gravidanza sono:

  • Compressione meccanica delle vene pelviche da parte dell'utero in crescita. Questo fattore gioca un ruolo nell'emergere di questa malattia nel terzo trimestre di gravidanza. In questo caso, i vasi sono schiacciati, parzialmente ristretti e non possono più svolgere la funzione di deflusso del sangue per intero.
  • Aumentare la quantità di sangue circolante nel corpo di una donna incinta. È noto che nel periodo di gravidanza la quantità di volume di sangue totale aumenta del 40%. Se una donna inizialmente aveva una predisposizione all'insufficienza venosa, allora è abbastanza probabile che le valvole nelle sue vene non saranno in grado di far fronte all'aumento del carico, che alla fine porterà a vene varicose.
  • Cambiamenti nei livelli ormonali nel corpo della futura mamma. Questa teoria è stata confermata perché in alcuni pazienti i fenomeni di varicosità pelvica sono registrati già nei primi mesi di gravidanza, quando non c'è un aumento significativo del volume del sangue e l'utero non è ancora così grande da spremere i vasi.

Ma fin dai primi giorni di gravidanza, il corpo della donna inizia a produrre una quantità enorme di ormoni che provocano il rilassamento delle pareti vascolari e portano ad un'espansione patologica delle vene, dell'insufficienza venosa e delle vene varicose.

Più donne hanno maggiori probabilità di guadagnare vene varicose pelviche che:

  • avere anomalie congenite dell'utero (flessione dell'utero);
  • geneticamente predisposti all'insufficienza venosa e alle vene varicose;
  • era già stato incinto e ha dato alla luce;
  • soffre di annessite cronica;
  • pesare troppo o ingrassare troppo velocemente durante la gravidanza;
  • condurre uno stile di vita malsano: fumano e si muovono un po ';
  • costretto a passare la maggior parte della giornata seduto o immobile sul posto di lavoro.

Forme della malattia

  • vene varicose della vulva e del perineo - con questo tipo di malattia si possono rilevare i segni esterni della malattia;
  • piccola sindrome della pletora pelvica - sono assenti i sintomi della malattia che possono essere rilevati da esami esterni
  • primario - insorge a causa dell'insolvenza delle valvole venose e si manifesta per la prima volta durante la gravidanza;
  • secondario - il debutto della malattia non è direttamente correlato alla gravidanza, si verifica a causa di malattie e condizioni predisponenti già esistenti
  • totale - colpisce una varietà di plesso venoso in tutta la pelvi
  • parziale - le navi separate sono colpite

Pericolo e complicazioni

Cosa è pericoloso per le vene varicose dell'utero e di altre vene degli organi pelvici durante la gravidanza? Le complicanze specifiche delle vene varicose pelviche che possono manifestarsi solo nelle donne in gravidanza sono potenzialmente pericolose sia per la futura madre che per il feto che sta trasportando:

  • La tromboflebite e il tromboembolismo sono un'infiammazione delle vene colpite da vene varicose, a seguito della quale si possono formare coaguli di sangue. I coaguli di sangue, a loro volta, possono ostruire la nave e bloccare così l'apporto di sangue completo alla placenta - questo porterà all'insufficienza placentare e all'ipossia fetale.
  • Rottura delle vene durante il parto, che può causare emorragie potenzialmente letali.
  • Aborto spontaneo e parto prematuro a causa della scarsa circolazione del sangue nel sistema madre-figlio.
  • L'impossibilità del parto naturale a causa dell'alto rischio di sanguinamento interno o uterino.

Sintomi delle vene varicose e diagnosi

È molto difficile trovare vene varicose nelle vene pelviche durante la gravidanza - le future mummie tendono a spiegare tutti i sintomi spiacevoli con la loro "posizione interessante" e spesso semplicemente non si accorgono dei segnali di allarme:

  • Dolore nell'addome inferiore, che si diffonde all'inguine e alla parte bassa della schiena. Il dolore aumenta dopo il sesso, con pochissima ipotermia e prolungata posizione in piedi.
  • Aumentare il volume di scarico mucoso dalla vagina.
  • Sensazione di pesantezza e distensione nell'addome inferiore e nella regione perineale.
  • Problemi con la minzione - può essere difficile per una donna andare in bagno, e dopo la minzione ha la sensazione di svuotamento incompleto della vescica.
  • Troppo rapido aumento di peso all'inizio della gravidanza, insieme con gli altri sintomi indica anche la probabilità dello sviluppo delle vene varicose pelviche.
  • Con le vene varicose della vulva e del perineo nella zona genitale, i noduli vascolari possono comparire sull'interno coscia e tra i glutei, le vene dei ragni e la corona blu possono diventare evidenti.

La diagnosi finale può essere fatta solo da un medico sulla base di dati provenienti da studi strumentali. Durante la gravidanza, è preferibile utilizzare tali metodi diagnostici che non danneggiano il bambino - esame ecografico e dopplerografia. Altre procedure diagnostiche più accurate (inclusa la tomografia) sono utilizzate solo come ultima risorsa per chiarire la diagnosi.

Metodi di trattamento

Durante la gravidanza, la vena varicosa pelvica non può essere curata, ma puoi tenerla sotto controllo e prevenire l'aggravamento del processo patologico nelle vene. Per fare questo, utilizzare metodi di trattamento conservativi e per lo più non farmacologici. Il trattamento chirurgico delle vene varicose pelviche durante la gravidanza non è quasi praticato a causa dell'alto rischio per il feto.

  • Attività motoria: camminate giornaliere ed esercizi terapeutici per prevenire il ristagno nella zona pelvica.
  • Posizione del corpo terapia: il più spesso possibile sdraiarsi a testa in giù.
  • Dieta: l'inclusione nella dieta di una grande quantità di alimenti ricchi di grassi vegetali e fibre.
  • Procedure dell'acqua: una doccia a contrasto al giorno, evitare le procedure di acqua calda.
  • Maglieria a compressione: come prescritto da un medico da indossare costantemente.
  • Unguento antivaricoso locale (Venoruton, Troxevasin) ha senso da usare solo quando la manifestazione esterna dei sintomi di insufficienza venosa nel perineo e nella vulva.
  • La terapia farmacologica deve essere utilizzata solo come prescritto da un medico. Esistono numerosi preparati flebotonici che sono teoricamente sicuri per una donna incinta e suo figlio (Phlebodia, Detralex), ma solo un medico dovrebbe prescriverli, tenendo conto dello stato di salute del paziente.
  • Con una sindrome del dolore forte, è possibile un uso attento dei farmaci antinfiammatori non steroidei.
  • Con la minaccia di ipossia al feto a causa delle vene varicose, il medico deve prescrivere farmaci antiipoxici. Di regola, il trattamento in questo caso è effettuato in regime ospedaliero.

Misure preventive

La prevenzione delle vene varicose pelviche durante la gravidanza suggerisce:

  • La conoscenza di una donna delle caratteristiche del suo corpo prima della gravidanza. Se una donna che pianifica la concezione ha trovato segni di una malattia in sé, dovrebbe identificare e trattare la malattia prima della gravidanza.
  • Rifiuto di cattive abitudini e cambiamenti dello stile di vita.
  • Attività motoria utile sotto il motto "Spostati, non stare in piedi o seduti".
  • Evitare indumenti aderenti e tacchi alti.
  • La necessità di dormire al tuo fianco e con le gambe leggermente sollevate.

Una donna incinta è responsabile non solo per se stessa, ma anche per la persona a cui ha deciso di dare la vita. Ciò le impone una responsabilità speciale, anche in relazione alla sua salute. Il sintomo, innocuo per la donna stessa, può essere un segnale inquietante del disagio del corpo e una possibile fonte di stress fisiologico per il feto. Non dovresti dimenticarlo e cercare di eliminare in tempo tutti i fattori di rischio che minacciano il normale corso della gravidanza.

Cosa devi sapere durante la gravidanza, se ci sono vene varicose del bacino

Ogni donna che ha deciso di diventare madre deve essere consapevole di questa malattia, come le vene varicose del bacino, al fine di vedere i segni della malattia in tempo per la gravidanza in arrivo e prendere le misure necessarie. Ogni terza donna che partorisce per la prima volta sviluppa questa spiacevole malattia, le cui conseguenze possono essere pericolose per la vita della madre e del bambino. È possibile prevenirli, conoscendo le regole di base della prevenzione.

Perché le vene pelviche si gonfiano

La causa principale delle vene varicose sono considerate pareti deboli dei vasi sanguigni, che non sono in grado di sopportare il carico del flusso sanguigno durante la gravidanza. Il volume del sangue di una donna incinta entro la 36a settimana è aumentato del 40%. Se le valvole che dovrebbero contenere la pressione arteriosa sono ereditate deboli, allora si aprono e c'è un deflusso inverso del sangue venoso e il suo ristagno. La conseguenza è l'espansione delle pareti dei vasi sanguigni e la loro infiammazione.

È inoltre necessario prendere in considerazione i fattori che contribuiscono allo sviluppo della malattia e, se possibile, indebolirne l'effetto:

  1. La crescita dell'utero durante la gestazione compromette il flusso sanguigno negli organi, schiacciandoli.
  2. Le caratteristiche della vita sessuale - con l'interruzione dei rapporti sessuali - aumentano il flusso di sangue nella parte inferiore del corpo.
  3. Precedenti gravidanze, aborti, aborti, parto indeboliscono le fibre muscolari delle vene.
  4. Un forte aumento del peso corporeo ha un effetto negativo sull'intero sistema circolatorio del corpo.
  5. Sollevamento pesi ed esercizio fisico aumentano la pressione sanguigna negli organi pelvici.
  6. Uno stile di vita fisso, una lunga permanenza in una posizione scomoda contribuiscono al ristagno e all'ispessimento del sangue.
  7. Se la gravidanza non è la prima, e nella precedente c'è stato un peggioramento delle vene, o la donna ha già vene varicose, allora deve solo prestare attenzione ai primi sintomi di questa malattia durante l'attuale gravidanza.

Cosa sono le vene varicose pericolose durante la gravidanza

Le complicazioni che possono derivare dalle vene varicose durante l'intero periodo di preparazione di una donna a diventare madre portano con sé un potenziale pericolo sia per il futuro bambino che per la futura donna in parto:

  1. La formazione di coaguli di sangue porta all'occlusione delle palpebre, al deterioramento dell'afflusso di sangue alla placenta e, di conseguenza, all'insufficienza fetoplacentare e all'ipossia del feto.
  2. Flusso di sangue alterato nel sistema generale associato al bambino può causare un parto prematuro.
  3. L'incapacità di partorire in modo naturale è spesso causata dalla probabilità di emorragia interna.
  4. Il pericolo per la vita della madre può verificarsi quando le vene vengono strappate durante il parto.

Gli stati difficili delle vene possono anche verificarsi durante la gravidanza, dopo di che non sono raccomandate consegne successive, in quanto rappresenteranno un pericolo diretto per la vita della donna.

Segni di malattia delle vene pelviche

I medici sollecitano le donne in stato di gravidanza a prestare attenzione a tutte le anormalità nel corso normale della gravidanza per identificare coloro che hanno varici pelviche. La dilatazione venosa è quasi impossibile da rilevare nella fase iniziale del suo sviluppo, come si può fare, ad esempio, se ci sono gambe varicose. Le future madri tendono ad attribuire i suoi sintomi alle conseguenze della loro "posizione interessante".

Tuttavia, hanno bisogno di sapere:

  • dolore fastidioso nell'addome inferiore, che aumenta con la posizione prolungata o dopo il sesso;
  • sensazione di pesantezza all'inguine e al perineo;
  • un aumento delle secrezioni mucose dalla vagina;
  • dolore durante la minzione;
  • l'aspetto della rete vascolare all'interno delle cosce e sui glutei, così come il disegno blu visibile di una corona nella regione degli organi genitali esterni.

Tutti i sintomi sopra riportati suggeriscono che le vene varicose esistono e si sviluppano nell'area pelvica, quindi le donne incinte non possono ignorarle. Una diagnosi accurata può essere fatta dal medico dopo un esame strumentale condotto sulla base dei reclami del paziente.

Per non interferire con il corso della gravidanza e non danneggiare la madre e il nascituro, possono essere utilizzati solo alcuni metodi:

  • esame ecografico degli organi pelvici per rilevare le vene dilatate e i loro nodi infiammati;
  • Ecografia Doppler - per l'esame della circolazione sanguigna nell'utero e nella placenta;
  • flebografia trans-dosaggio - per rilevare i coaguli di sangue;
  • laparoscopia - viene utilizzata solo, come ultima risorsa, per chiarire la diagnosi.

Molto spesso, dopo il parto, le vene tornano alla normalità e non disturbano più la donna. Ma sarà dopo la nascita. E, essendo incinta, è necessario avvicinarsi alla vostra responsabilità in modo responsabile e svolgere esattamente il trattamento che il medico ha prescritto.

Come trattare le vene varicose durante la gravidanza

Le vene varicose pelviche diagnosticate in precedenza nella loro fase iniziale di sviluppo, il trattamento più sicuro e affidabile sarà. La chirurgia è usata raramente, in quanto può essere un pericolo per il bambino. Pertanto, se vi è un'espansione delle vene pelviche, durante la "posizione interessante", vengono utilizzate misure di risparmio per monitorare la loro condizione.

Prendi in considerazione le situazioni che si verificano di frequente:

  1. Se, a seguito di un'ecografia, la stasi del sangue si trova nelle vene, allora è possibile che venga prescritta una ginnastica terapeutica, che soddisfi le condizioni di uno stile di vita sano e che indossi biancheria intima da compressione.
  2. Se vengono rilevate vene varicose vulvare, è necessario l'uso di più misure cardinali: assunzione di farmaci venotonici - Detralex, Phlebodia e unguenti per uso esterno come Troxevasin, Venoruton.
  3. Se si verifica una minaccia per il feto a causa della grave ipossia, il trattamento viene eseguito con l'ospedalizzazione e vengono prescritti farmaci antiipoxici.

Se trovi vene varicose di una donna incinta, dovrebbe essere sotto la supervisione di due specialisti - un ginecologo e un flebologo.

Come prevenire la malattia

Si raccomanda a tutte le donne che decidono di diventare madre di adottare misure preventive anche prima dell'inizio di questa condizione, al fine di ridurre le vene varicose degli organi pelvici.

Le principali misure preventive consisteranno in punti semplici:

  • scoprire lo stato dei vasi sanguigni prima della gravidanza e, come minimo, sottoporsi a un ciclo di trattamento;
  • condurre uno stile di vita mobile, non permettendo al sangue di ristagnare;
  • mangiare il cibo che promuove la rapida pulizia dell'intestino;
  • non indossare lenzuola strette e scarpe scomode;
  • insegnati a dormire al tuo fianco con le gambe sollevate;
  • fare una doccia quotidiana, specialmente nel perineo e nelle gambe;
  • fare regolarmente esercizi terapeutici e nuotare in una modalità speciale;
  • indossare biancheria intima a compressione, che riduce l'espansione dei vasi sanguigni.

Un'attenzione particolare alla condizione delle loro vene dovrebbe essere rivolta alle donne che hanno una predisposizione genetica e, ai primi segni della malattia, consultare uno specialista. Una donna incinta dovrebbe essere consapevole della responsabilità che le compete per la salute e la vita del futuro bambino: lei, in ogni caso, non può essere auto-medicata. E per condurre uno stile di vita sano e abbandonare tutte le cattive abitudini sarà la migliore prevenzione delle vene varicose.

Vene varicose del bacino durante la gravidanza

Vene varicose pelviche durante la gravidanza - una situazione comune nelle donne durante la gestazione. Il pericolo di questo problema sta nel fatto che per un lungo periodo di tempo questo disturbo non si manifesta.

I primi sintomi si verificano già in fasi avanzate. Il problema principale delle vene varicose nella pelvi è che nel processo di gestazione possono semplicemente scoppiare. E questo porta a serie complicazioni sia per l'organismo materno che per il bambino stesso.

Inoltre, le varici pelviche, ignorate dal medico, nel periodo postpartum portano alla formazione di emorroidi e altri problemi correlati.

È difficile determinare le vene varicose nelle prime fasi, poiché questo processo patologico non si manifesta come sintomi evidenti per un lungo periodo di tempo. Riconoscere l'espansione delle vene nelle gambe è molto più facile che nella piccola pelvi: lì si noteranno rapidamente cambiamenti visibili. Con il tempo, il trattamento non iniziato porterà facilmente alla formazione di gravi complicanze nel processo di trasporto di un bambino.

È possibile riconoscere questa malattia con l'aiuto di alcune misure diagnostiche:

  1. Ultrasuoni vaginali;
  2. Raggi X utilizzando il contrasto.

Più spesso, le donne iniziano ad essere ansiose a causa del prolungato disagio nel basso ventre.

Cause delle vene varicose pelviche

Vene varicose - una malattia del sistema circolatorio che si verifica in ogni terza donna incinta. Secondo le statistiche dell'Organizzazione mondiale della sanità, il numero di tali problemi è altrettanto comune negli arti inferiori e nella pelvi. Il sistema circolatorio di questi due dipartimenti è interrelato, per questo motivo la formazione di vene varicose in uno provoca necessariamente l'occorrenza nell'altro.

È opinione diffusa che l'insorgenza di una tale malattia sia provocata da:

  1. Predisposizione genetica o congestione nelle vene;
  2. Cambiamenti nei livelli ormonali o rilassamento delle pareti del sangue;
  3. Aumento della pressione sanguigna a causa di un aumento del volume del sangue;
  4. Un aumento delle dimensioni dell'utero o insoddisfazione della vita sessuale;
  5. Processi infiammatori nel corpo o sovrappeso;
  6. Eccessivo sforzo fisico o cattive abitudini.

Nella maggior parte dei casi, le vene varicose pelviche durante la gravidanza sono caratterizzate dalla formazione di ristagni sulla vulva. Il fatto è che mentre il feto aumenta, l'utero inizia a spremere. Per questo motivo, si verifica il ristagno del sangue venoso, che provoca vene varicose. Le grandi navi cessano di svolgere le loro funzioni e il sangue inizia a muoversi attraverso i capillari. Nella maggior parte dei casi, dopo il parto, tale malattia si ritira senza l'uso della terapia medica o con l'aiuto di un'esposizione minima.

I sintomi delle vene varicose nella pelvi

Le vene varicose del bacino non hanno sintomi pronunciati. Per questo motivo, i medici non sono sempre in grado di stabilire la malattia nelle fasi iniziali, quando è possibile fare misure preventive. Molto spesso, il quadro clinico si manifesta in stadi avanzati quando è necessario un regime di trattamento specifico.

Riconoscere le vene varicose nella pelvi può essere per i seguenti motivi:

  1. Dolore nell'addome inferiore, che dà nel perineo o nella schiena. Si intensificano durante ogni sforzo fisico o sotto stress e superlavoro.
  2. La sensazione di pesantezza e fastidio acuto nella regione perineale.
  3. La comparsa di piccole vene nella zona dei glutei, che causano dolore durante un movimento intestinale.
  4. Dolore durante la minzione.
  5. L'aspetto di emorroidi interne o esterne.

Se hai notato uno dei sintomi sopra elencati, contatta immediatamente il tuo medico per una diagnostica dettagliata.

Diagnosi e trattamento

L'unico modo per diagnosticare questa malattia è usare un esame pelvico strumentale. La difficoltà in questo caso sta nel fatto che il medico deve usare solo metodi che comunque non danneggino la salute del bambino e di sua madre. Prima di tutto, uno specialista ti invierà a un esame ecografico, che aiuterà non solo a identificare il problema, ma anche a determinare la posizione esatta del disturbo nel sistema circolatorio.

Tuttavia, uno studio non può fare, sarai anche inviato a:

  • Esame ecografico degli organi pelvici;
  • Ecografia Doppler, che determina il lavoro di circolazione del sangue;
  • laparoscopia;
  • Terminologia flebografia.

Il trattamento delle vene varicose nella pelvi è determinato solo dai risultati di una diagnosi completa. È molto importante che l'intera terapia si svolga sotto il controllo completo dello specialista in partecipazione. Per il trattamento delle vene varicose pelviche in donne in gravidanza, viene utilizzato solo un metodo di trattamento conservativo, in questo caso l'escissione chirurgica non è accettabile.

La base delle misure di salute è di stimolare la circolazione del sangue e prevenire il ristagno, migliorare il flusso sanguigno e la linfa. La terapia farmacologica è usata raramente, è permessa solo quando assolutamente necessario. Di solito, i medici prescrivono la venotonica ai loro pazienti, il che non può in alcun modo influire sulla salute del bambino.

Prevenzione delle vene varicose pelviche

La prevenzione delle vene varicose del bacino durante la gravidanza è molto importante. Se segui rigorosamente tutte le raccomandazioni prescritte, la probabilità di eventuali problemi è quasi pari a zero. Ricorda, non appena trovi spiacevoli cambiamenti nel tuo corpo, consulta immediatamente un medico per una diagnostica dettagliata. Quanto prima il problema può essere identificato, tanto più facile sarà sbarazzarsi di esso.

Per prevenire lo sviluppo delle vene varicose nella pelvi, è necessario:

  • Ridurre al minimo la quantità di attività fisica;
  • Condurre uno stile di vita corretto e sano;
  • Eliminare gli indumenti stretti che impediscano il normale flusso sanguigno;
  • Dormi con le gambe sollevate;
  • Dalla 30a settimana a riposare solo di lato;
  • Equilibra la tua dieta, aumenta il numero di prodotti che normalizzano la digestione.

C'è una tendenza che nelle donne che, durante la gravidanza, soffrono di vene varicose nella pelvi, dopo la nascita, tutte le manifestazioni negative scompaiono da sole. Se i sintomi non scompaiono anche dopo di loro, i medici non prescrivono immediatamente farmaci.

Il fatto è che durante il periodo dell'allattamento al seno è altamente indesiderabile assumere farmaci. È meglio seguire le regole generali di salute. Cerca di stare all'aria aperta più spesso, allenati in piscina, prendi vitamine e agenti fortificanti - e poi nessuna malattia ti colpirà.

Descrizione delle vene varicose pelviche durante la gravidanza

Nel periodo di gravidanza, il corpo femminile subisce un serio "test di forza". Tutti i tipi di complicazioni sono frequenti, una delle più comuni è le vene varicose pelviche durante la gravidanza.

L'insidia della malattia è che non ci sono manifestazioni esterne, a differenza delle vene varicose degli arti inferiori. L'unico segno può essere dolore prolungato nell'addome inferiore.

Il corso poco appariscente del processo patologico durante la gravidanza minaccia con una rottura delle vene pelviche, sanguinamento e complicazioni postpartum - anemia, movimenti intestinali dolorosi.

  • Tutte le informazioni sul sito sono solo a scopo informativo e NON SONO A manuale per l'azione!
  • Solo il MEDICO può fornirti la DIAGNOSI ESATTA!
  • Ti invitiamo a non fare auto-guarigione, ma a registrarti con uno specialista!
  • Salute a te e alla tua famiglia!

La conoscenza dei segni e delle cause del suo verificarsi, l'attuazione di misure preventive, una diagnosi e un trattamento tempestivi aiuteranno ad evitare lo sviluppo e le conseguenze della malattia.

motivi

Le cause esatte della malattia non sono state ancora chiarite. Tuttavia, è stato accertato che tali fattori influenzano indubbiamente l'aspetto delle vene varicose nella pelvi:

  • tendenza ereditaria (pareti vascolari deboli);
  • insufficienza venosa;
  • rilassamento delle pareti venose durante i cambiamenti ormonali nelle donne in gravidanza;
  • un significativo aumento del volume del sangue durante la gravidanza, la sua forte pressione sui vasi, con l'incapacità dell'apparato valvolare di far fronte a questo volume - stagnazione e flusso di ritorno del sangue venoso;
  • la crescita dell'utero durante il trasporto di un bambino e la spremitura di altri organi della piccola pelvi con disturbi circolatori;
  • caratteristiche della vita intima, in particolare la contraccezione attraverso l'interruzione di atti sessuali;
  • aborti pre-gravidanza, aborti e parto;
  • infiammazione cronica nell'area genitale;
  • rapido aumento di peso, obesità;
  • sollevamento e trasporto pesanti, esercizio eccessivo;
  • da lungo tempo o seduto in una postura forzata, stile di vita sedentario;
  • fumare.

La gravidanza spesso manifesta e aggrava patologie precedentemente nascoste, comprese le varici pelviche. Dopo il parto, il corpo viene ripristinato, la malattia varicosa si ritira.

Sintomi delle vene varicose pelviche durante la gravidanza

Manca un quadro clinico chiaro della malattia. I principali segni della presenza di vene varicose nella pelvi includono:

  • dolore irragionevole alla trazione nell'addome inferiore, aggravato dallo sforzo, che si estende spesso nel perineo o nella parte bassa della schiena;
  • crisi del dolore durante lo stress, affaticamento o ipotermia;
  • sensazione di pesantezza nel perineo e nella vulva;
  • disagio e dolore nella vulva e nella vagina durante e dopo il rapporto sessuale;
  • prominenti noduli venosi nell'area dei glutei, del perineo e della superficie posteriore della coscia;
  • dolore durante la minzione se la malattia si è diffusa alla vescica

La comparsa di tali sintomi in qualsiasi fase della gravidanza è un segnale per la consultazione con uno specialista.

diagnostica

Fino a poco tempo fa, per le vene varicose pelviche, spesso veniva formulata una diagnosi errata e veniva prescritto un trattamento scorretto, inclusa la rimozione dell'utero con la perdita della capacità di riprodursi.

Ora la diagnosi è migliorata. Quando il paziente si lamenta di oscuri dolori fastidiosi, il ginecologo esamina le gambe della donna incinta per verificare la presenza di segni di vene varicose, se necessario, la invia per un consulto con un flebologo.

Una diagnosi accurata viene effettuata in base ai risultati di un'indagine completa che utilizza metodi strumentali:

Abbiamo parlato dei gel e degli unguenti più efficaci per le vene varicose qui.

palcoscenico

Il bacino varicoso durante la gravidanza è diviso in 3 fasi in base alla gravità della patologia durante il suo sviluppo:

La fase della malattia determina il metodo di trattamento: per le vene varicose primarie e secondarie, per la terapia medica e gli esercizi terapeutici, la terza fase delle vene varicose richiede un intervento chirurgico.

Idee sbagliate popolari

Le vene varicose, come tutte le comuni malattie, sono ricoperte da leggende che si trasmettono di bocca in bocca tra i pazienti. Questi miti sono tutt'altro che sicuri, soprattutto se i pazienti cercano di correggere il trattamento prescritto dal medico senza permesso, o credono che le vene varicose siano sconfitte per sempre dopo l'intervento e non dovresti preoccuparti della ricaduta della malattia.

Solo le gambe soffrono

La convinzione che solo le navi che passano sotto il cuore sono suscettibili alla varicosi è errata. Tutte le vene possono espandersi, ma in vasi situati in posizione elevata, la patologia si verifica in realtà meno frequentemente.

Interferire con le vene varicose nel cingolo scapolare e movimenti costanti delle braccia, quindi qui appare per ultimo, dopo la "cattura" delle vene delle gambe e del piccolo bacino.

Ci sono metodi che possono curare le malattie in un momento.

L'infondatezza è l'affermazione sulla possibilità di una guarigione rapida e assoluta della malattia con l'aiuto di farmaci, interventi chirurgici o rimedi popolari.

È impossibile liberarsi per sempre delle vene varicose: quando apparirà, la lotta contro le ricadute sarà costante.

Dopo aver fermato la malattia, può tornare di nuovo e ritirarsi per un lungo periodo solo se vengono osservate le necessarie misure preventive.

Il ginecologo è impegnato in terapia

Inoltre, non è vero che un ginecologo è impegnato nel trattamento delle vene varicose femminili nella pelvi.

Può davvero essere il primo a diagnosticare le vene varicose con un'ecografia pelvica, ma poi riferirà il paziente per la consultazione e il trattamento a un flebologo, un chirurgo vascolare.

Se il paziente è in stato di gravidanza, entrambi gli specialisti lo osserveranno.

Qual è lo sviluppo della patologia pericolosa?

Se vi sono segni di varicosi pelvici nelle donne in gravidanza, consultare immediatamente un medico. Lo sviluppo della malattia deve affrontare molte conseguenze spiacevoli:

  • le vene varicose dell'utero impediscono l'impianto dell'embrione e la normale formazione della placenta, creando una minaccia alla gestazione;
  • il flusso sanguigno uteroplacentare è disturbato, l'ossigeno non viene erogato al bambino nella giusta quantità - questo porta all'ipossia cronica del feto in via di sviluppo e anche alla nascita prematura;
  • appaiono irritabilità e ansia;
  • c'è una paura dell'intimità;
  • la patologia può essere una controindicazione alla consegna naturale;
  • rottura delle vene durante la defecazione o ictus generici, l'insorgenza di sanguinamento e anemia nelle vene varicose vaginali;
  • possibili ostacoli all'inizio della prossima gravidanza e infertilità secondaria.

trattamento

Le vene varicose pelviche nelle donne in gravidanza sono trattate solo in modo conservativo, la chirurgia è inaccettabile. La terapia contribuisce a:

  • normalizzazione del tono delle vene;
  • stimolazione dei processi trofici nei tessuti;
  • impedendo il ristagno nei vasi, migliorando la circolazione venosa, il deflusso di sangue e linfa.

Il complesso di trattamento comprende l'uso di prodotti di compressione (bende elastiche, calze), che vengono indossati al mattino, ancora distesi sul letto, indossati tutto il giorno e rimossi solo prima di coricarsi, così come esercizi di fisioterapia.

Il trattamento farmacologico viene utilizzato solo per le riacutizzazioni e include la nomina di unguenti, di una venotonica e di altri farmaci selezionati individualmente per migliorare le condizioni del sangue con effetti collaterali minimi.

L'efficacia e la necessità della terapia farmacologica per le vene varicose pelviche durante la gravidanza e dopo il parto non sono state completamente studiate. I medici cercano di evitare di prescrivere farmaci a tali pazienti.

prevenzione

Prevenire il verificarsi e le complicazioni della malattia aiuterà:

  • rifiuto dell'autoterapia e richiamo immediato al flebologo ai primi segni della malattia;
  • indossare calze o collant a compressione;
  • doccia perineale - ogni giorno;
  • misure preventive prima del parto: uno stile di vita sano; l'inclusione nella dieta di prodotti che contribuiscono alla rapida e facile pulizia dell'intestino - barbabietole, prugne, prodotti caseari, pane di crusca e proteine ​​animali per ripristinare le pareti delle vene; evitare il sollevamento pesi; dormire con le gambe sollevate su un cuscino o cuscino, dopo 30 settimane di gravidanza - riposare sul lato;
  • indossare calze a compressione dopo il parto con le vene varicose durante la gravidanza.

esercizi

Il trattamento per la pelvi varicose deve essere il più delicato ed efficace possibile.

L'intervento chirurgico è impossibile e l'uso di medicinali nel periodo di trasporto di un bambino è altamente indesiderabile.

Il modo migliore per combattere la malattia è la ginnastica speciale.

Funziona in questo ordine:

  1. camminare ad un ritmo moderato - 1 minuto;
  2. camminare con un lifting dell'anca alto - 1 minuto;
  3. squat - piedi uniti, braccia in avanti;
  4. sporgendosi in avanti - gambe divaricate, braccia distanti;
  5. respirazione diaframmatica nella posizione sulla schiena, mani che si trovano sullo stomaco - 1 minuto;
  6. nella stessa posizione - le gambe si piegano sulle ginocchia, si diluiscono 5 volte e si appiattiscono, quindi lentamente sollevano il bacino;
  7. "Camminare" in posizione arretrata - 1 minuto, poi 2 minuti - "bicicletta";
  8. non alzarsi, sollevamento simultaneo di gambe dritte;
  9. in una posizione sull'addome - allargando le gambe;
  10. inarcando la schiena su e giù con il supporto per i gomiti e le ginocchia;
  11. passeggiata senza fretta - 1 minuto.

Gli esercizi terapeutici miglioreranno la circolazione del sangue e prevengono l'insorgenza e la ricomparsa delle vene varicose. Ognuno di loro deve essere fatto 5 volte.

Il complesso di ginnastica è progettato per utilizzare in modo ottimale i muscoli dorsale, addominale, pelvico e femorale. Le sue prestazioni sistematiche prolungano la remissione e rallentano il progresso della malattia, migliorano il benessere e migliorano la qualità della vita.

Incinta e pianificando di dare alla luce un bambino le donne hanno bisogno di conoscere le caratteristiche delle vene varicose pelviche. Questa informazione è particolarmente rilevante in caso di una tendenza ereditaria alla patologia.

Maggiori informazioni sul trattamento con le vene varicose laser qui.

I sintomi delle vene varicose dell'esofago nelle donne sono elencati di seguito.

Vene varicose del bacino nelle donne durante la gravidanza

Durante la gravidanza, il corpo femminile è sottoposto a una pressione tremenda. Trasportare un bambino porta spesso allo sviluppo di varie complicazioni che richiedono supervisione medica. Una delle complicanze più comuni sono le vene varicose pelviche durante la gravidanza. Questa patologia non ha segni esterni e pertanto non viene sempre rilevata senza ulteriore diagnostica. La malattia è una seria minaccia per la salute delle donne durante la gravidanza e dopo la nascita del bambino.

descrizione

La dilatazione delle varici dei vasi avviene sempre sullo sfondo dell'insufficienza delle valvole che spingono il sangue nelle vene. Durante la gravidanza, le valvole di controllo potrebbero semplicemente non tenere il passo con l'aumento del volume plasmatico, con conseguente ristagno. La stasi del plasma causa l'allungamento delle pareti vascolari e la pressione fetale sulle vene pelviche aggrava solo la situazione.

Il fattore principale nello sviluppo dell'insufficienza venosa durante la gravidanza è un fattore ereditario. Se ci sono pazienti con vene varicose in famiglia, il rischio di sviluppare una patologia durante il trasporto di un bambino è alto. Anche tra i fattori provocatori dello sviluppo della patologia, i medici distinguono:

  • Malattie congenite delle valvole venose.
  • Mancanza di attività fisica prima e durante la gravidanza.
  • Forte sforzo fisico (sport, duro lavoro).
  • Utero in ascesa.
  • La presenza di malattie infiammatorie croniche degli organi pelvici.
  • Forte aumento di peso.
  • La presenza di cattive abitudini.

Secondo le statistiche, le vene varicose del bacino durante la gravidanza sono più spesso osservate nelle donne con segni di vene varicose sulle gambe e sugli atleti. La patologia è una rottura pericolosa delle vene pelviche con sanguinamento improvviso. Nel periodo del trasporto di un bambino, si verifica un aggiustamento ormonale nel corpo della donna, che è anche un fattore di rischio per lo sviluppo della patologia. Per questo motivo, le donne con una predisposizione alle vene varicose dovrebbero monitorare più da vicino la loro salute durante la gravidanza.

sintomi

Nelle prime fasi di sviluppo, i sintomi possono essere completamente assenti. Le prime manifestazioni durante la gravidanza compaiono quando si è già verificata una grave dilatazione dei vasi venosi. Una donna può provare i seguenti disagi:

  • Minor disagio nella zona pelvica.
  • Gonfiore delle gambe e del perineo.
  • Disagio durante il rapporto sessuale
  • Dolore addominale (nei casi più gravi).
  • Difficoltà a urinare (nei casi più gravi).

Le vene varicose del bacino nelle donne durante il parto possono provocare l'inedia di ossigeno del feto. Se il bambino avverte la mancanza di ossigeno nel secondo e nel terzo trimestre, la sua attività fisica aumenta. Se noti che il bambino si muove costantemente, non dorme, consulta un medico per un esame.

Pericolo di malattia

Se il paziente non si rivolge al medico, è possibile che si sviluppino complicazioni pericolose per la salute sia della madre che del bambino. Le complicazioni più pericolose:

  • Aborto spontaneo di gravidanza.
  • Mancanza cronica di ossigeno nel feto.
  • L'impossibilità del parto naturale.
  • Rottura di vene e sanguinamento interno.
  • Infertilità.

Le vene varicose del bacino durante la gravidanza dovrebbero essere diagnosticate in una fase iniziale. Solo in questo caso si può effettuare un trattamento efficace che elimina il rischio di pericolose complicazioni. Se hai già vene varicose sulle gambe, assicurati di informare il tuo ginecologo su questo.

diagnostica

Con uno o più sintomi della malattia, il paziente deve consultare immediatamente un medico che prescriverà una serie di procedure diagnostiche per confermare la diagnosi e valutare il funzionamento degli organi interni. Oggi i medici usano le seguenti misure diagnostiche per le vene varicose pelviche durante la gravidanza:

  • Esame ginecologico
  • Ultrasuoni degli organi pelvici.
  • Esame Doppler
  • Esame flebografico
  • Laparoscopia.
  • CT.

Questo insieme di procedure diagnostiche è volto a determinare lo stato della placenta, i vasi pelvici e la circolazione del sangue tra madre e figlio. Rilevamento tempestivo della patologia è una garanzia di una gravidanza di successo e la nascita di un bambino sano.

trattamento

Le vene varicose durante la gravidanza non possono essere curate completamente. Con la diagnosi precoce, è possibile interrompere il processo di sviluppo al fine di prevenire complicazioni. A tale scopo, vengono utilizzati solo metodi di trattamento conservativi e spesso non farmacologici.

Il trattamento chirurgico può essere indicato in casi eccezionali quando la malattia è gravemente trascurata e il rischio di morte materna è alto.

I medici fanno un programma di trattamento individuale per ogni paziente incinta. Include le seguenti procedure:

  • Un'adeguata attività fisica. Le donne incinte con vene varicose nel bacino devono camminare il più possibile. L'escursionismo è consigliato per organizzare più volte al giorno. Inoltre, le future mamme dovrebbero frequentare corsi di fisioterapia o fare gli esercizi raccomandati a casa. L'attività motoria consente di eliminare la stasi del sangue e prevenire un'eccessiva distensione delle vene.
  • La corretta postura di riposo. Le donne incinte non sono raccomandate a sedere con le gambe incrociate, sdraiarsi con le gambe abbassate e così via. Le donne dovrebbero assumere la postura corretta durante il riposo. È meglio mentire con le gambe sollevate. Non è necessario sollevare molto gli arti, basta mettere un cuscino o un rullo sotto i piedi.
  • Corretta alimentazione Il principale fattore di rischio per VRVMT durante la gravidanza è sovrappeso. Per questo motivo, la dieta di una donna dovrebbe essere equilibrata e utile. È necessario includere nella dieta quanto più possibile frutta, verdura ed erbe. Si consiglia di mangiare 5-6 volte al giorno in piccole porzioni.
  • Trattamenti dell'acqua Le vene varicose pelviche, come tutte le altre, sono magnificamente trattate con una doccia a contrasto. La procedura giornaliera ti consentirà non solo di ottenere vigore e buonumore, ma anche di fornire il tono della parete vascolare, dei muscoli e dei tessuti. Durante la gravidanza, non puoi fare bagni caldi.
  • Biancheria intima di compressione Sulla raccomandazione del medico dovrebbe essere acquistato e indossare una benda speciale per le donne incinte. La compressione a compressione trattiene l'espansione delle vene e previene il ristagno nei vasi.
  • Unguenti e gel Se una donna ha vene perineali superficiali, è possibile utilizzare preparazioni locali a base di troxevasin. Prima dell'uso, assicurarsi di consultare un medico. I preparati per uso interno nel trasporto di un bambino sono controindicati.
  • Trattamento del dolore Con una sindrome del dolore pronunciata, l'autotrattamento è severamente proibito. Per prendere antidolorifici durante la gravidanza è possibile solo su consiglio di un medico. Non è possibile interrompere il programma e il dosaggio dei farmaci.
  • Trattamento dell'ipossia Se, a seguito di vene varicose, inizia l'ipossia grave del feto, la donna deve essere messa in riserva, dove le verrà prescritto un trattamento. È impossibile rifiutare l'ospedalizzazione, perché solo sotto la supervisione di un medico, le conseguenze della fame di ossigeno intrauterino possono essere evitate.

prevenzione

La prevenzione delle vene varicose dovrebbe iniziare molto prima della comparsa della gravidanza. Se una donna ha sintomi di vene varicose degli arti, una predisposizione genetica o altri fattori di rischio, dovresti visitare un flebologo. Dopo aver curato la malattia prima della gravidanza, puoi portare in salvo un bambino senza timore per lo sviluppo di complicazioni. Altre misure preventive comprendono uno stile di vita sano, un'attività fisica adeguata e regolare, evitando cattive abitudini e una corretta alimentazione.

Cosa non fare con le vene varicose

Durante la gravidanza, è escluso qualsiasi autotrattamento. Non importa quanto bene i rimedi popolari ti hanno aiutato prima, quali medicine hai preso e come hai combattuto contro il disturbo. Tutto questo dovrà essere dimenticato. Qualsiasi trattamento deve essere prescritto solo da un medico, altrimenti, anche il più innocuo a prima vista, il farmaco può influire negativamente sulla salute del bambino.

Inoltre, durante la gravidanza non può essere impegnato in un intenso lavoro fisico.

Non è consigliabile sollevare pesi, andare su una sedia a dondolo, frequentare corsi in sport estremi, anche se sei un atleta. L'esercizio dovrebbe essere morbido, ma regolare.

Con le vene varicose durante la gravidanza non è possibile visitare il bagno, la sauna e fare bagni caldi. Cadute di temperatura improvvise possono causare la rottura della vena e il sanguinamento interno. Se qualsiasi deterioramento della condizione chiama immediatamente un'ambulanza.

Ogni ragazza dovrebbe ricordare dalla sua giovinezza che diventerà mai madre. Da questa età devi prenderti cura di te stesso. Le malattie infiammatorie del sistema riproduttivo non dovrebbero essere consentite, occorre prestare attenzione nella scelta di un partner sessuale, è necessario condurre uno stile di vita sano e consultare un medico in modo tempestivo per qualsiasi malattia. A partire dalla prima mestruazione, le ragazze dovrebbero visitare il ginecologo una volta all'anno per un esame di routine. Con l'inizio dell'attività sessuale, le visite alla dottoressa dovrebbero avvenire 2 volte l'anno.

Per Saperne Di Più I Vasi