Discircolazione venosa: cos'è, danno cerebrale

Da questo articolo imparerai: cos'è la circolazione venosa. Perché sembra, a quali complicazioni può portare. Sintomi, diagnosi, trattamento e prognosi della patologia.

Quando il circolo venoso interrompe il deflusso di sangue venoso. Per questo esiste una stagnazione di sangue e una relativa distruzione del corpo che ha sofferto della malattia.

Il termine "circolazione" indica un disturbo circolatorio.

Il più comune nella pratica medica è il circolo venoso del cervello. Tra gli altri disturbi circolatori nel cervello emettono la circolazione nel VBB (bacino vertebrobasilare), circolatorio nel seno carotideo, nel circolo willisiano. Queste 3 componenti del sistema circolatorio del cervello sono costituite da arterie. E in questo articolo ci concentreremo sulla violazione della circolazione del sangue nelle vene della testa e del collo, che porta a disturbi del cervello associati alla stasi del sangue.

Questo è un fenomeno molto pericoloso, in quanto progredisce nel corso degli anni e può portare ad un ictus o encefalopatia dyscirculatory (danni cerebrali dovuti alla mancanza di circolazione sanguigna) di grado grave. In entrambi i casi, il paziente diventa essenzialmente disabilitato.

Il problema della circolazione cerebrale venosa è affrontato da un neurologo.

Per sbarazzarsi della patologia, dovrai eliminare la sua causa (malattia di fondo). Tuttavia, per invertire i cambiamenti nel cervello è quasi impossibile. Pertanto, il compito principale dei medici è prevenire la progressione della malattia e il suo passaggio all'ultimo stadio. Il trattamento ti aiuterà a sbarazzarti dei sintomi che non ti danno una vita piena e prolungano significativamente la tua capacità di lavorare.

La posizione delle vene sulla testa e sul collo di una persona. La violazione della circolazione di queste vene è un grande pericolo per la salute

Cause del discircolo venoso

Il fattore che provoca un deflusso venoso insufficiente può essere:

  • Insufficienza cardiaca (si verifica a causa di aterosclerosi delle arterie coronarie, difetti cardiaci congeniti e acquisiti, aritmie, stile di vita povero).
  • Ipertensione: a causa della pressione cronica del sangue alta, il sangue non può circolare completamente attraverso i vasi ristretti.
  • Malattia ipotonica - a causa della pressione costantemente ridotta, la circolazione sanguigna rallenta.
  • Osteocondrosi del rachide cervicale. Gli osteofiti o la caduta di dischi intervertebrali che si formano in questa malattia possono pizzicare grandi vasi dal cervello, il che causa un disturbo nel deflusso venoso del sangue.
  • Aterosclerosi cerebrale Questa è una malattia in cui i vasi cerebrali sono ostruiti da placche di colesterolo, il che rende impossibile completare la circolazione sanguigna.
  • Malattie endocrine: ipertiroidismo, ipotiroidismo, diabete e altri. I disturbi ormonali spesso danno complicazioni ai vasi sanguigni: aumentano o diminuiscono la pressione, contribuiscono ai processi infiammatori nelle arterie e nelle vene.
  • Gozzo. Una ghiandola tiroidea molto ingrandita può pizzicare la vena giugulare interna.
  • Ferita alla testa chiusa In assenza di un trattamento adeguato, il tono vascolare del cervello cambia, portando a disturbi circolatori.
  • Tumori del collo. Strizzano le vene in cui il sangue scorre dal cervello.
  • Trombosi delle vene. Un coagulo di sangue ostruisce la nave e normalmente il sangue non può attraversarla.
  • Tumori al cervello Allo stesso tempo le vene che sono direttamente nel cervello sono compresse.
  • Malformazioni artero-venose. Questa è una patologia in cui ci sono vasi patologici che connettono le arterie e le vene. Ciò provoca una miscela di sangue arterioso e venoso e disturba il deflusso venoso.
Con un aumento della ghiandola tiroidea (gozzo), il circolo venoso può svilupparsi a causa del serraggio delle vene più vicine

Tre stadi della patologia

L'interruzione venosa si sviluppa in 3 fasi:

  1. Il primo: i sintomi non appaiono.
  2. Il secondo è che i segni sono presenti, tuttavia, sebbene peggiorino la qualità della vita, non escludono la capacità di lavorare e la capacità di auto-servizio.
  3. In terzo luogo, i sintomi sono così forti da provocare gravi complicazioni nel cervello e in tutto il corpo. Il paziente non può più lavorare. Nel tempo, non può servirsi da solo, ha bisogno di cure costanti da parte di altre persone.

La malattia è insidiosa in quanto non si manifesta nel primo stadio e quando i sintomi iniziano a farsi sentire, i cambiamenti sono talvolta irreversibili. E nella seconda fase, si può solo impedire la transizione della malattia alla terza, la fase più difficile. È inoltre possibile alleviare completamente i sintomi di disturbo, ma è improbabile che si sarà in grado di sbarazzarsi del 100% dei cambiamenti patologici che si sono verificati nel cervello.

Sintomi caratteristici

I segni del circolo venoso cominciano a manifestarsi nella fase 2.

Circolazione cerebrale venosa

La fisiologia del sistema venoso del cervello è attualmente ancora poco conosciuta. Pertanto, solo i flebologi e neuropatologi esperti conoscono cos'è il circolo venoso e come trattarlo. Sebbene in realtà, in un termine così complesso giace una normale violazione del flusso sanguigno venoso. In una persona sana a riposo, la velocità media del sangue venoso è di circa 220 mm / min, mentre in quelli che soffrono di dyscirculation diminuisce a 47 mm / min. La conoscenza dell'anatomia del sistema circolatorio del cervello aiuterà a identificare i sintomi causati dalla dyscirculation, nonché a effettuare preventivamente misure preventive.

Il meccanismo del circolo venoso

Le vene del cervello possono essere divise in 2 sottospecie: superficiali e profonde. Le vene, che si trovano nel guscio morbido (superficie), sono progettate per il deflusso di sangue dalla corteccia cerebrale, e quelle che si trovano nelle regioni centrali degli emisferi (vene profonde), servono per il deflusso di sangue dalla sostanza bianca. Le suddette navi portano il sangue al seno longitudinale superiore e inferiore. Da questi collettori, il sangue viene pompato nella vena giugulare interna, e quindi attraverso il sistema delle vene vertebrali scorre dal cervello.

Questa descrizione piuttosto semplificata della complessa via di deflusso del sangue ci consente di capire perché, per così tanto tempo, i medici non sono in grado di determinare le vere cause dei disturbi circolatori cerebrali.

Cause di difficoltà nel flusso sanguigno dal cervello

È piuttosto difficile determinare esattamente cosa ha causato la violazione del normale deflusso di sangue dal cervello, perché dopo l'evento che ha provocato il blocco, potrebbe essere necessario più di un anno. Le cause principali del deflusso venoso possono essere:

  • polmonare e insufficienza cardiaca;
  • compressione della vena extracranica;
  • trombosi venosa giugulare;
  • tumori cerebrali;
  • trauma cranico;
  • gonfiore del cervello;
  • malattie sistemiche (lupus eritematoso, granulomatosi di Wegener, sindrome di Behçet).

Sia una malattia che un complesso di diversi sintomi spiacevoli possono provocare l'interruzione del circolo. Ad esempio, la mutazione della proteina protrombina in combinazione con l'uso di contraccettivi in ​​forma di compresse aumenta il rischio di disgemia (il secondo nome del circolo venoso).

Fattori di rischio

Oltre alle suddette malattie, il flusso sanguigno venoso alterato può innescare uno stile di vita non sano. Se si riscontra almeno uno dei seguenti fattori di rischio, è necessario fissare un appuntamento con un neurologo per discutere delle misure per prevenire la disgemia.

Le seguenti deviazioni dovrebbero avvisare:

  • la presenza di diabete;
  • ipertensione;
  • obesità di grado 2 e superiori;
  • colesterolo alto;
  • alti livelli di trigliceridi;
  • stile di vita sedentario.

Sintomi di patologia

Quasi sempre, la disgemia è accompagnata da periodici mal di testa opachi, a volte con nausea e vomito. Meno comune è una violazione della coscienza, dopo di che compaiono i sintomi focali:

  • intorpidimento degli arti;
  • afasia grave;
  • singole crisi epilettiche;
  • emostasi piastrinica vascolare alterata.

I sintomi della disfunzione venosa possono verificarsi irregolarmente e durare per diversi minuti. Se la malattia non viene curata, il paziente può essere disturbato da sintomi spiacevoli.

I sintomi più gravi si verificano se si ignora il disturbo:

  • vertigini;
  • visione offuscata;
  • perdita imprevista di coscienza;
  • formicolio al collo, soprattutto a sinistra;
  • ipossia moderata;
  • movimenti riflessi improvvisi;
  • sonnolenza costante.

Cosa fa ignorare il problema?

A lungo ignorando i sintomi porta al fatto che l'ossigeno e il glucosio non entrano nel cervello. Questo può portare a problemi neurologici. La mancanza di trattamento può provocare condizioni più gravi.

insulto

Se una neoplasia blocca il flusso sanguigno verso l'arteria carotidea, può verificarsi un infarto o ictus. Di conseguenza, una certa quantità di tessuto cerebrale potrebbe estinguersi. La morte anche di una piccola quantità di tessuto può influenzare la parola, la coordinazione, la memoria. La gravità delle conseguenze di un ictus dipende dalla quantità di tessuto morto e dalla rapidità con cui è stato ripristinato il deflusso venoso. Alcuni pazienti sono in grado di ripristinare completamente la salute, ma la maggior parte delle vittime riceve cambiamenti irreversibili.

Emorragia cerebrale

Nei problemi cronici con circolazione venosa cerebrale, può verificarsi sanguinamento nella cavità cranica. Ciò accade quando le pareti delle arterie si indeboliscono e scoppiano. Anche una lieve emorragia mette sotto pressione il cervello, che può portare alla perdita di coscienza.

ipossia

L'ipossia si verifica quando un deflusso venoso completamente o parzialmente bloccato impedisce all'ossigeno di entrare nel cervello. Le persone con ipossia sentono spesso letargia e vertigini. Se le navi non sono funzionalmente sbloccate, possono verificarsi coma e morte.

Encefalopatia dancileare (inclusa genesi aterosclerotica)

L'encefalopatia ipertensiva dyscirculatory è una sindrome dolorosa che è innescata da alterata circolazione del sangue venoso. Con una lieve discircolazione, l'encefalopatia si sviluppa molto lentamente ed è quasi asintomatica. La sindrome scompare rapidamente con l'eliminazione delle cause originarie della disgemia. Ma con una prolungata mancanza di ossigeno o in seguito a un completo blocco del deflusso venoso, può verificarsi la morte cerebrale (solo 6 minuti dopo la completa cessazione del flusso sanguigno).

Metodi diagnostici

Se il paziente si lamenta di molti dei suddetti sintomi, allora tutti gli sforzi del medico saranno diretti a identificare e curare la causa della dyscirculation. Per questo, viene eseguito un esame fisico e viene studiata una storia medica. Per confermare la violazione del deflusso venoso vengono assegnati diversi studi con la visualizzazione delle vene nel cervello e nel bacino vertebro-basilare.

Emocromo completo

Assegnato per rilevare gli anticorpi antinucleari e determinare il tasso di sedimentazione degli eritrociti. Se i risultati dell'analisi confermano la presenza di anticorpi e un indicatore ridotto di ESR, è previsto uno studio supplementare per determinare i componenti del complemento e il livello di anticorpi anti acido desossiribonucleico. I risultati delle suddette analisi riveleranno che il lupus eritematoso sistemico o la granulomatosi di Wegener erano la causa della disgemia.

Elettroencefalogramma (EEG)

L'elettroencefalogramma con alterato deflusso di sangue venoso può essere normale. Ma questo studio è fortemente raccomandato dopo l'infarto unilaterale del talamo. Il rallentamento del ritmo alfa principale indica indirettamente anomalie di coordinazione e problemi di deflusso del sangue.

Tomografia computerizzata (CT)

La TC è un importante metodo di imaging, spesso prescritto per la diagnosi primaria di disfia. Nella fotografia del tomografo, puoi vedere se un qualsiasi tumore o trombosi era la causa della disgemia.

Angiografia TC

L'angiografia TC viene anche utilizzata per visualizzare il sistema venoso cerebrale. Solo l'angiografia può indicare una mancanza di flusso nei canali venosi.

Risonanza magnetica a contrasto

La risonanza magnetica a contrasto è un metodo eccellente per visualizzare il flusso sanguigno nelle grandi vene cerebrali. È prescritto nel caso in cui l'angiografia non ha rivelato violazioni del deflusso di sangue venoso nel VBB.

Come trattare il deflusso venoso?

Il medico può raccomandare diversi metodi di trattamento, a seconda delle cause identificate della malattia. Ma la maggior parte dei pazienti sarà incoraggiata a fare cambiamenti nel loro stile di vita quotidiano, vale a dire:

  • smettere di fumare e bere alcolici;
  • eseguire semplici esercizi fisici ogni giorno;
  • attenersi a una dieta per abbassare il colesterolo;
  • monitorare quotidianamente i livelli di zucchero nel sangue e la pressione.

Per quanto riguarda il trattamento medico dei pazienti con circolo venoso, viene prescritta una terapia specifica, che include l'assunzione di anticoagulanti o trombolitici (a seconda della storia della malattia). Ma l'uso della terapia anticoagulante sistemica come trattamento primario è raccomandato per tutti i pazienti senza eccezione (anche per un bambino e in presenza di emorragia intracranica).

Il farmaco più comunemente prescritto contenente eparina. Quando viene somministrato per via endovenosa, la sua azione inizia immediatamente, il che è molto importante per i pazienti con disgemia acuta.

L'enoxaparina sodica è un'eparina a basso peso molecolare ed è prescritta se è necessario rinnovare il deflusso venoso a pazienti che soffrono di reazioni allergiche o di prevenzione. Il principale vantaggio dell'enoxaparina è la possibilità di somministrazione intermittente del farmaco, che consente al paziente di non recarsi in ospedale, ma di sfruttare la possibilità di un trattamento ambulatoriale.

Il warfarin è prescritto a pazienti con disturbi emorragici, in cui l'eparina e l'enoxaparina sono strettamente controindicati. Il farmaco non influenza significativamente l'attività della coagulazione, ma l'effetto terapeutico può essere visto solo dopo pochi giorni. Pertanto, tale trattamento non è prescritto nelle fasi acute della circolazione. La dose del farmaco deve essere attentamente monitorata da un medico, quindi l'uso a casa è escluso. Dosi più elevate vengono somministrate all'inizio del trattamento al fine di accelerare i tempi di recupero del normale deflusso, ma allo stesso tempo questa tattica porta ad un aumentato rischio di sanguinamento. Il trattamento con warfarin deve essere continuato per 3-6 mesi per ottenere un risultato stabile.

Se i disturbi del sistema venoso sono troppo gravi, il medico può raccomandare un intervento chirurgico per migliorare rapidamente il flusso di sangue dal cervello. Ma un'operazione chirurgica è prescritta solo se i metodi della droga non hanno funzionato.

Tipi di interventi chirurgici raccomandati per la disgemia:

  • endarterectomia (rimozione del rivestimento interno dell'arteria interessata);
  • smistamento: un nuovo vaso sanguigno è posto vicino al sito di un restringimento della vena al fine di creare una nuova via di flusso sanguigno;
  • Angioplastica: un catetere a palloncino viene inserito in una sezione ristretta dell'arteria per espandere le pareti e migliorare il flusso sanguigno.

Prognosi per il circolo venoso

La prognosi e la velocità di recupero dipenderanno da diversi fattori.

Successo nel trattamento della malattia di base che ha causato la disgemia

Ad esempio, la prognosi di sopravvivenza per la disgemia può essere piuttosto negativa se il paziente ha avuto un ictus o una trombosi. Ma se la causa della malattia è diventata ipertensione o diabete, allora la prognosi sarà molto meglio.

La presenza di ipossia

La prognosi sarà scarsa se il circolo venoso ha precedentemente portato all'ipossia. Anche dopo l'eliminazione della disgemia, è possibile una perdita improvvisa di coscienza o problemi al sistema muscolo-scheletrico.

Età e salute generale

Soprattutto, il risultato del trattamento dipenderà dall'età e dalla salute generale del paziente. I giovani con una buona immunità hanno le migliori previsioni per un pieno recupero.

Circolazione venosa del cervello e suoi rischi

Il circolo venoso del cervello è estremamente sfavorevole per la salute ed è pericoloso per i rischi di complicanze. Inoltre, le complicazioni sotto forma di ictus, infarto cerebrale o encefalopatia dancileare possono essere fatali.

L'intero problema con il circolo venoso è ridotto al flusso sanguigno venoso alterato. Immagina che per la normale salute, il sangue attraverso le vene si muova ad una velocità di circa 220 millimetri al minuto. In questo caso, l'erogazione di ossigeno alle cellule del corpo (si tratta principalmente di nutrire le cellule cerebrali, come la più bisognosa di ossigeno) è considerata ottimale.

Vale la pena notare che la fisiologia del sistema venoso del cervello e la patologia chiamata dyscirculation venosa non sono ancora completamente compresi. Quindi, per una serie di ragioni, la velocità del flusso di sangue venoso durante la dyscirculation può scendere a 47 millimetri al minuto. Di conseguenza, le cellule cerebrali (a proposito, e non solo il cervello - tutto dipende dalla localizzazione del processo) iniziano a soffrire di fame di ossigeno.

Che cos'è il circolo venoso

Tali fenomeni nella pratica medica sono più comuni nel cervello, vasi vertebrali, ma questo non significa che non possano esserci fenomeni di questo tipo in altri organi e sistemi.

Dati anatomici

Arterie e vene di diverso calibro della testa e tutto il corpo sono gli elementi principali del sistema vascolare del cervello umano. Le vene, a loro volta, sono divise in:

La partecipazione delle vene alla fornitura di sangue al cervello, brevemente descritta, è la seguente:

  • Vene superficiali della testa - localizzate nella guaina morbida del cervello. Il loro compito è garantire il deflusso venoso dalla corteccia e da certe aree di sostanza bianca.
  • Profonde vene della testa - localizzate direttamente nel cervello. Lo scopo principale di tali navi è quello di raccogliere il sangue da tutte le altre parti del cervello.
  • Mentre attraversa tutte le parti del cervello, il sangue venoso in condizioni normali è soggetto a scarico nei seni venosi:
    • Longitudinale superiore
    • Inferiore longitudinale.
    • Trasversale.
    • Circolare.

In caso di violazione del flusso sanguigno in uno qualsiasi dei livelli del letto venoso, si sviluppa la stasi, che è accompagnata dalla patologia dell'organo interessato.

Perché il deflusso venoso è difficile

Qualsiasi violazione del deflusso venoso porta allo sviluppo di condizioni patologiche di vari organi, sistemi e l'intero organismo.

Vari fattori e cause possono causare tali disturbi del flusso sanguigno:

  • L'aterosclerosi.
  • Ipertensione.
  • Malattia coronarica.
  • Insufficienza cardiaca.
  • Ipotensione.
  • Insufficienza polmonare
  • Lesione cerebrale traumatica.
  • Lesioni alla colonna vertebrale, toracica, cavità addominali.
  • Osteocondrosi.
  • Protrusione, prolasso di dischi intervertebrali.
  • Condizione dopo l'ictus.
  • Malattie endocrine, in particolare gozzo tossico diffuso, che comprime la vena giugulare interna.
  • Compressione delle vene.
  • Trombosi.
  • Tromboembolia.
  • Tumori.
  • Anomalie vascolari congenite.
  • Trattamento a lungo termine con contraccettivi, nitrati, vasodilatatori.
  • Ematomi.
  • Condizioni di emergenza
  • Malattie sistemiche
  • Malformazioni artero-venose (formazione di vasi patologici tra le vene e le arterie).

Dovresti sapere che oltre alle cause dirette che portano alla displasia venosa e ai disturbi del flusso sanguigno, ci sono fattori di rischio che, sfortunatamente, possono anche portare all'insufficienza venosa in breve tempo:

  • Fumo.
  • L'alcolismo.
  • Addiction.
  • Stress forte e frequente.
  • Attività fisica pronunciata
  • Cattive condizioni di lavoro
  • Esposizione alle alte e basse temperature.

Come si sviluppa la malattia

La base per lo sviluppo della circolazione venosa è uno squilibrio del flusso e del flusso sanguigno.

Esistono diversi tipi di tali situazioni:

  • Fisiologico: tali fenomeni si verificano una volta.
  • Patologico - le violazioni del flusso / deflusso di sangue si verificano costantemente. Allo stesso tempo, i processi di adattamento dell'organismo sono attivati, le vene sono dilatate, le valvole sono soggette allo stiramento e la loro elasticità si perde sia nelle vene che nelle valvole. A poco a poco, questo processo diventa irreversibile.

Nei luoghi in cui vi è una costante violazione del flusso di sangue, si sviluppa stagnazione, che innesca una cascata di cambiamenti patologici in qualsiasi organo e sistema che dipendono da certi vasi venosi.

classificazione

  1. Primaria - in questa forma, il tono venoso è disturbato, il che porta all'ostruzione del deflusso del sangue venoso a causa di:
    • Malattie del sistema cardiovascolare.
    • Intossicazione acuta.
    • Lesione cerebrale traumatica.
    • Condizioni urgenti acute
    • Eccessiva esposizione alla luce solare.
    • Ipertensione e ipotensione
    • Patologia endocrina.
    • Intossicazione da alcol
    • Eccessivo uso di nicotina.
  2. Secondario, è stagnante - è la presenza di un ostacolo meccanico al flusso sanguigno. Il processo è spesso lungo, in cui la grave condizione aumenta gradualmente, il che porta all'interruzione degli organi e dei sistemi.

Direttamente il processo patologico stesso procede in tre fasi, che sono caratterizzate dalle loro caratteristiche:

  • I reclami e i sintomi latenti o nascosti sono praticamente assenti.
  • Distonia cerebrale venosa - manifestata da una vasta gamma di sintomi. La qualità della vita in questa fase è già stata ridotta.
  • Encefalopatia di origine venosa - sono registrati i cambiamenti nella micro-, macrocircolazione. La sintomatologia è grave, non c'è quasi nessuna capacità di lavoro, è necessaria una cura esterna costante. In tali situazioni, solo l'assistenza medica qualificata aiuta a raggiungere l'effetto.

Segni di disgemia

La violazione del deflusso venoso ha un segno clinico di primo piano: dolore, disagio, dolore severo, disagio nel luogo in cui c'è disfunzione del flusso sanguigno.

È chiaro che, a seconda della posizione del circolo venoso, i sintomi dipenderanno anche da:

  • Plesso vertebrale:
    • Cambiamento e compromissione della sensibilità negli arti superiori e / o inferiori.
    • Discordanza di movimenti, andature.
    • Lo sviluppo di convulsioni fino a sindromi convulsive epilettiche.
    • Modifica delle funzioni del motore.
  • Il cervello:
    • Mal di testa di varia gravità, soprattutto al mattino dopo il sonno, una sensazione di pesantezza nella testa.
    • Ronzio, squilli, rumori nella testa.
    • Vertigini.
    • Una sensazione di pesantezza nella testa.
    • Rottura della sfera emotiva.
    • Sensazioni di formicolio, pelle d'oca, intorpidimento.
    • Perdita di coscienza
    • Disturbi dei più alti tipi di attività nervosa - linguaggio, percezione di oggetti, spazio, tempo.
    • Espansione delle navi del fondo anche con i normali valori della pressione arteriosa.

Comuni a qualsiasi livello di sintomi della lesione sono:

  • Possibile sviluppo di nausea, vomito.
  • Violazione di emostasi vascolare, piastrinica.
  • Ipossia.
  • Sonnolenza.
  • Gonfiore.
  • Visione graduale offuscata.
  • Sensazione di formicolio, irritazione al collo (di solito nella metà sinistra).
  • I sintomi aumentano con la pressione atmosferica.
  • Cianosi (cianosi) del naso, orecchie, guance, labbra, palpebre inferiori.
  • Difficile alzarsi dal letto.
  • Brividi.

Per una condizione come quella del circolo venoso, la stagionalità è caratteristica, pertanto le esacerbazioni si verificano spesso nei periodi autunnale e primaverile.

Inoltre, il pericolo principale è che la disabilità e gli ictus sono un risultato frequente della malattia.

Manifestazioni nei bambini

Nell'infanzia, le cause dello sviluppo della displasia venosa e dei disturbi del flusso sanguigno sono:

  • Disfunzione del sistema cardiovascolare.
  • Patologia dell'apparato muscolo-scheletrico.
  • Aumento della mobilità, tortuosità, curvatura del rachide cervicale (regione 1 e 2 delle vertebre cervicali sono molto colpite).
  • Lesioni durante il parto.
  • Postura sbagliata
  • Anomalie dello sviluppo di organi che spremono le vene e scatenano una serie di reazioni patologiche che portano allo sviluppo della malattia.
  • Anomalie dello sviluppo vascolare.
  • Sovrappeso.
  • Neoplasie.
  • Malattie endocrine.
  • Stenosi dei vasi sanguigni.

Il principale sintomo clinico è il dolore al sito del disturbo circolatorio. Durante l'esame, tali luoghi sono palpati abbastanza facilmente, dal momento che il sangue deforma e distrugge il tessuto vicino alla vena per trovare un punto di deflusso.

I sintomi principali, oltre al dolore, sono i seguenti:

  • Aumento della temperatura corporea.
  • Mal di testa.
  • Movimenti di discordanza
  • La comparsa di movimenti involontari.
  • Paralisi totali e parziali
  • Convulsioni.
  • Sanguinamento dal naso.
  • Cambiamento di parola, motilità.
  • Cambiamento del metabolismo
  • Aumento della pressione sanguigna, alternando basso.
  • Brividi.
  • Intorpidimento degli arti.

A causa della "segretezza" del circolo venoso, non è sempre possibile dare rapidamente al bambino la diagnosi corretta e prescrivere un trattamento. Qui avrai bisogno dell'aiuto dei genitori, che dovrebbero allertare questi sintomi.

La situazione è complicata quando il bambino è molto piccolo. In questi casi, i bambini diventano nervosi, irritabili, dormono male, agiscono, piangono costantemente. Tali sintomi possono caratterizzare un gran numero di malattie, quindi è necessaria una diagnosi tempestiva e completa.

I principali metodi per rilevare la patologia nei bambini sono:

  • Misurazione della pressione arteriosa per almeno 5 giorni consecutivi con registrazione dei dati.
  • Ecografia Doppler.
  • MR.
  • Venografia.

Solo dopo aver confermato la diagnosi puoi procedere al trattamento del bambino, nel quale sono applicate le seguenti aree:

  • Cambio di nutrizione con un alto contenuto di verdure, frutta, erbe.
  • Assunzione di farmaci che migliorano il flusso di sangue, rafforzare le pareti venose - venotonics (Detralex).
  • Per evitare coaguli di sangue, vengono prescritti agenti antipiastrinici (aspirina).
  • Farmaci nootropi (Piracetam).
  • Trattamento di fisioterapia - rilassamento muscolare, agopuntura, irudoterapia, bagni terapeutici.
  • Massaggio, in particolare del rachide cervicale, che vengono effettuati da specialisti in questo campo.
  • Stile di vita sano

Più piccolo è il bambino, più difficile è stabilire una diagnosi accurata. Anche con la diagnosi corretta e un trattamento eccellente, le condizioni del bambino dovrebbero essere monitorate, man mano che cresce, che può essere un fattore aggiuntivo nel deterioramento e deflusso venoso.

Diagnosi del circolo venoso

Come ogni altra malattia, la displasia venosa è suscettibile di correzione nelle prime fasi dello sviluppo. Per fare ciò, è necessario "trovarlo", determinare la causa e la localizzazione esatta. Attualmente, per risolvere questo problema, applicare:

  • Valutazione della pervietà delle vene mediante ecografia Doppler (particolarmente importante per le lesioni cerebrali e il bacino vertebro-basilare).
  • Angiografia TC.
  • Elettroencefalogramma.
  • Risonanza magnetica dei vasi della testa e della colonna vertebrale.
  • Venografia.
  • Scansione duplex e triplex per determinare lo stato delle pareti dei vasi sanguigni, identificare placche, coaguli di sangue, emboli.
  • Monitoraggio della pressione arteriosa.
  • Cranio a raggi X.
  • Consultazione con un oftalmologo per monitorare le navi del fondo.

Inoltre, viene effettuato un esame standard, che comprende un esame emocromocitometrico completo, un test delle urine e un esame del sangue biochimico. Inoltre, a seconda della patologia concomitante, ad esempio l'aterosclerosi, vengono utilizzati metodi di ricerca per valutare le condizioni del paziente con una diagnosi concomitante stabilita.

Solo dopo una gamma completa di procedure diagnostiche possiamo procedere al trattamento.

trattamento

  • Smettere di fumare e alcol.
  • Dieta ad eccezione di cibi fritti grassi e l'inclusione di un gran numero di verdure, frutta, erbe aromatiche, succo d'uva.

Il trattamento farmacologico deve ricevere:

  • Preparazioni del gruppo di venotonics in compresse, sotto forma di unguenti, gel, creme (Detralex, Diosmin, Venitan, Eskuzan, Troxevasin, Venorm, Glevenol, Phlebodia, eparina unguento).
  • Agenti antipiastrinici (Aspirina) per rafforzare le vene, migliorare la microcircolazione, aumentare la forza, il tono, l'elasticità dei vasi sanguigni.
  • Preparativi per migliorare la circolazione del sangue (Actovegin, Cavinton).
  • Farmaci nootropi (Piracetam, Glicina).
  • Terapia sintomatica di malattie associate.

Ulteriori trattamenti che mirano a migliorare il deflusso venoso:

  • Massaggio della spina dorsale comune e cervicale. Tali manipolazioni dovrebbero essere eseguite solo da specialisti qualificati.
  • Esercizio in consultazione con il medico.
  • Esercizio terapeutico
  • Ricezione costante di una doccia a contrasto.
  • Camminando all'aria aperta.
  • Relax.
  • Yoga sotto la supervisione di uno specialista (previa consultazione con il medico).
  • 8. Riposo e sonno completi.

In caso di gravi e gravi violazioni del deflusso venoso, l'intervento chirurgico è raccomandato da specialisti esperti, che in tali situazioni è l'unico metodo di trattamento:

  • Angioplastica - un catetere a palloncino viene inserito in una porzione ristretta del vaso per espandere il lume e migliorare il flusso sanguigno.
  • Shunting - posizionare la nuova nave nell'area stenotica venosa. Questo è necessario per assicurare un nuovo flusso sanguigno.
  • Flebectomia - rimozione della vena interessata.
  • Stripping - usato per le vene varicose. Consiste nel rimuovere la parte interessata della vena.

complicazioni

Il circolo venoso è estremamente pericoloso per le sue complicanze, che possono essere espresse nello sviluppo delle seguenti patologie:

  • Ictus, infarto cerebrale - si sviluppa con lesioni delle arterie carotidi.
  • Emorragia nel cervello
  • Stati ipossici
  • L'encefalopatia dyscirculatory è pericolosa per la morte cerebrale.

Il decorso della malattia, lo sviluppo o l'assenza di complicanze determinano la vita futura di una persona, la sua qualità e le sue minacce.

prospettiva

La prognosi della disgmia venosa dipende direttamente dalla gravità delle condizioni del paziente e dalle complicanze sviluppate.

Quanto prima si rivelano i sintomi della malattia, il medico prescrive un trattamento efficace che previene le complicanze e ripristina il deflusso venoso, più la prognosi è positiva per il paziente.

Sindrome del sistema arterioso vertebro-basilare (VBN): cause, diagnosi e prognosi

1. Caratteristiche anatomiche 2. Eziologia 3. Manifestazioni cliniche 4. Diagnosi 5. Trattamento

Nella pratica di un neurologo, ci sono malattie che sono abbastanza difficili da diagnosticare. Una di queste diagnosi include l'insufficienza vertebro-basilare. Nonostante il fatto che la neurologia dello stato patologico sia ben studiata, i suoi sintomi principali si trovano spesso in altre malattie del sistema nervoso. La complessità della diagnosi è anche dovuta al fatto che l'insufficienza vertebrale-basilare non è una malattia uniforme, ma può corrispondere a condizioni patologiche di varia origine.

L'insufficienza vertebro-basilare (VBI) è una patologia transitoria e reversibile del cervello. Si manifesta come una violazione dell'attività funzionale delle strutture cerebrali, che sono fornite dal sistema delle arterie vertebrali e basilari, e si forma a causa di una diminuzione del flusso sanguigno in questi vasi.

VBN agisce come una diagnosi indipendente. La classificazione internazionale delle malattie (ICD-10) codifica questa patologia come "sindrome del sistema arterioso vertebrobasilare" (codice G45.0). Tuttavia, nella pratica clinica è usato come una definizione di varie malattie secondo la genesi:

Caratteristiche anatomiche

Il bacino vascolare vertebro-basilare comprende due arterie vertebrali, l'arteria principale e l'arteria cerebrale posteriore. Zone di rifornimento di sangue del sistema vascolare vertebro-basilare:

La compromissione acuta dell'emocircolazione nel bacino vertebro-basilare è una malattia più pericolosa delle catastrofi vascolari carotidi. Questa patologia è accompagnata da sintomi neurologici focali grossolani e gravi complicanze intracerebrali.

Le arterie vertebrali si trovano in un canale speciale dei processi trasversi delle vertebre cervicali. Questa caratteristica anatomica determina l'effetto sul flusso sanguigno delle curve della testa e la possibilità di una deformazione vascolare in presenza di una patologia della colonna cervicale.

Nella stragrande maggioranza dei casi, l'arteria vertebrale sinistra è più ampia di quella destra e fornisce un maggior volume di sangue al cervello. Pertanto, la patologia dell'arteria vertebrale sinistra dà segni clinici più luminosi della malattia.

eziologia

A causa del numero significativo di varianti di insufficienza vertebro-basilare, le cause alla radice che provocano questa patologia possono anche essere molto diverse. I principali fattori che impoveriscono il flusso sanguigno nelle arterie vertebrali e basilari sono i seguenti:

  • aterosclerosi dei vasi extracranici e cerebrali;
  • coagulopatia;
  • anomalie delle arterie del sistema vertebro-basilare (tortuosità patologica);
  • vasculite;
  • compressione esterna (extravasale) delle arterie vertebrali;
  • patologia del nodo simpatico autonomo stellato, che innerva tutte le arterie del bacino vertebrale-basilare.

Ipertensione, ipercolesterinemia, inattività fisica, fumo, intossicazione alcolica, diabete mellito, situazioni stressanti possono servire come ulteriori aspetti che provocano lo sviluppo di insufficienza vertebro-basilare.

Le strutture cerebrali che forniscono sangue dal bacino vertebrale-basilare sono più resistenti all'ipossia rispetto alle aree alimentate dal sistema vascolare carotideo. Ad esempio, una crisi ipossica acuta che dura 4-5 minuti causa la morte dei neuroni nella corteccia cerebrale, mentre per la necrosi delle cellule staminali, l'ischemia vascolare dovrebbe durare 3-4 volte più a lungo.

La cosiddetta compressione extravasale delle arterie vertebrali e l'irritazione del tronco simpatico paravertebrale meritano particolare attenzione. La deformazione dei vasi a causa della loro posizione anatomica può anche provocare esercizio con spigoli vivi e escrementi della testa. L'insufficienza vertebro-basilare dovuta alla compressione esterna dei vasi è più comune, se presente:

Manifestazioni cliniche

I sintomi della malattia sono causati da danni ai centri nervosi integrati nelle strutture che forniscono sangue al bacino vascolare vertebrale-basilare. La malattia può manifestarsi:

  • disturbi vestibolari - vertigini sistemiche, nausea, vomito, nistagmo spontaneo;
  • sindrome cerebellare. È omolaterale (sul lato interessato) o bilaterale. Incertezza di andatura, irregolarità nell'esecuzione di test coordinati, tremore intenzionale, riduzione del tono muscolare, mancanza di lavoro muscolare amichevole sono annotate;
  • disturbi visivi. L'emianopsia omonimia o quadrante, l'agnosia visiva, la fotopsia, la perdita dell'acuità visiva sono più comunemente diagnosticate;
  • lesione dei nervi cranici (diplopia, ipoestesia facciale, asimmetria del viso, paresi dei muscoli masticatori, perdita dell'udito, patologia della deglutizione, voce non sonora, soffocamento sul cibo, disartria). Spesso si osservano sindromi alternate con danni ai nuclei dei nervi cranici su un lato e patologia delle vie sul lato opposto;
  • sindrome piramidale. Può essere espresso come una leggera asimmetria di riflessi e goffaggine negli arti, e paresi grossolana fino a plegii;
  • disturbi sensoriali cerebro-conduttivi;
  • attacchi di caduta (drop attack, sincope);
  • sindromi psico-vegetative: disturbi del sonno, ansia, paura, labilità emotiva;
  • sindrome cefalica, manifestata da forti mal di testa nel collo.

In precedenza si pensava che la circolazione nel bacino vascolare vertebrale-basilare si trovasse solo negli adulti. Tuttavia, questo non è completamente vero. Le anomalie congenite delle vertebre cervicali e dei muscoli del collo provocano lo sviluppo della sindrome delle arterie vertebrali nei bambini. La loro colonna vertebrale è solitamente curva, ci sono segni di debolezza dei muscoli della fascia superiore della spalla, della cintura e del collo della spalla, nei bambini dei primi tre anni di vita - pianto immotivato e sonnolenza costante. Inoltre, con lo sviluppo del discircolo vertebro-basilare, il bambino è incline allo svenimento.

diagnostica

In qualsiasi forma di VBN, il medico deve sospettare una catastrofe vascolare acuta, come la patologia più grave. Pertanto, l'algoritmo diagnostico dovrebbe essere coerente con le attività svolte dai medici durante gli ictus. La diagnosi standard di VBN include:

  • Ecografia doppler e esame duplex dei vasi della testa e del collo;
  • risonanza magnetica o tomografia computerizzata;
  • angiografia;
  • radiografie del rachide cervicale;
  • elettroencefalografia;
  • interrogatorio neuropsicologico.

trattamento

I pazienti con sospetta sindrome da insufficienza vertebrale-basilare acuta necessitano di ricovero di emergenza e degenza ospedaliera. È possibile trattare le forme croniche e vertebrali della malattia in regime ambulatoriale. L'unica eccezione è il decompensamento della patologia esistente.

Il trattamento di base per l'insufficienza vertebro-basilare dovrebbe includere:

  • correzione di disturbi respiratori;
  • supporto del sistema cardiovascolare;
  • normalizzazione del metabolismo dell'acqua e degli elettroliti;
  • sollievo della sindrome convulsiva (se necessario);
  • combattere il gonfiore del cervello.

La mancanza di trattamento delle forme acute di discircolazione vertebro-basilare ha una prognosi molto sfavorevole e aumenta notevolmente la probabilità di sviluppare ictus.

Vertigini, mal di testa, nausea, vomito e altre particolari manifestazioni della malattia dovrebbero essere trattati con mezzi sintomatici.

Dopo aver chiarito la forma della malattia e identificato i fattori di rischio, la terapia viene inviata per eliminare le cause alla radice dello sviluppo di VBN - normalizzare la pressione sanguigna, indicatori di colesterolo, glicemia, compensare le malattie di fondo. Anomalie nelle forme vertebrali della malattia richiedono il parere di un chirurgo per decidere sulla pronta eliminazione della causa della malattia.

I sintomi della circolazione vertebro-basilare nei bambini, di regola, rispondono bene alla correzione con mezzi non farmacologici. Sono assegnati al massaggio, esercizi fisici specifici, fisioterapia. La prognosi della malattia è favorevole.

Per mantenere la funzione cerebrale e arrestare il deficit neurologico esistente con qualsiasi variante di VBN, prescrivere:

  • agenti neuroprotettivi;
  • antiossidanti;
  • Vazoprotektory;
  • Agenti nootropici e vestibolotropici.

Dopo la stabilizzazione delle condizioni del paziente al fine di ridurre l'effetto meccanico extravasale sulle arterie vertebrali, vengono prescritti:

  • fisioterapia;
  • massaggio del collo e del collo;
  • terapia fisica;
  • terapia manuale;
  • trazione dell'hardware del rachide cervicale;
  • agopuntura;
  • pneumatici speciali per collo.

Per molti anni, la scienza medica in generale e la neurologia in particolare, hanno considerato la patologia cerebrovascolare come un problema prioritario. A questo proposito, l'insufficienza vertebro-basilare detiene una forte posizione di leadership tra le forme acute e croniche di disturbi circolatori. Indipendentemente dalle cause dei processi di dyscirculatory, la diagnosi tardiva e il trattamento della malattia possono portare a gravi conseguenze, come lo sviluppo di infarto cardiaco del tronco cerebrale. I casi avviati della malattia sono meno suscettibili alla cura e riducono significativamente la qualità della vita del paziente.

Cause e trattamento dei disturbi della circolazione venosa

Se spiegato in un linguaggio accessibile, il circolo venoso è una circolazione del sangue disturbata nel cervello umano. Tale malattia è abbastanza comune, le cause della sua comparsa sono molte. Per quanto riguarda le perturbazioni a breve termine del flusso sanguigno, una persona le incontra regolarmente: si tratta di una comune tosse, starnuti quotidiani, sforzi fisici eccessivi, sterzate brusche. Se consideriamo le violazioni permanenti, sono dovute a ragioni più serie.

Fuoriuscita ostruita di sangue dal cervello

Qui è necessario determinare le cause principali di effetti indesiderabili:

  1. Lesioni alla testa gravi, violazione dell'attività del reparto vertebrale, manifestazione dell'osteocondrosi.
  2. Violazione del sistema cardiovascolare, che si manifesta sotto forma di aterosclerosi, ipertensione arteriosa.
  3. Strokes e le loro conseguenze.
  4. Disturbi del sistema endocrino.
  5. Malattie che causano la comparsa di trombosi nei vasi.
  6. Farmaci incontrollati e eccessivamente lunghi, possono essere nitrati, ormonali o vasodilatatori.
  7. Anomalo sviluppo congenito.
  8. Condizione di emergenza sotto forma di calore o colpo di sole.

Tra i fattori provocatori e non sicuri, è necessario individuare l'eccesso di peso, le cattive abitudini sotto forma di fumo e alcolismo, lo sforzo fisico, le situazioni stressanti regolari, ecc.

Sintomi e diagnosi

L'irrorazione venosa in un bambino o in un adulto si manifesta con mal di testa ovattato, che si attiva soprattutto al mattino. Una persona, non avendo il tempo di alzarsi, sente letargia, grave debolezza, intorpidimento delle estremità. Durante il movimento, i dolori presenti nella testa possono aumentare.

Il mal di testa si manifesta sotto l'azione di vari fattori, in particolare:

  • assunzione eccessiva di alcol;
  • eccitazione costante;
  • situazioni stressanti.

Sullo sfondo di quanto sopra, si osserva dilatazione del fondo oculare, gonfiore luminoso della palpebra inferiore, rumore nella testa, cianosi delle guance e delle labbra. Questi sintomi nella maggior parte dei casi compaiono al mattino dopo essersi svegliati.

Per quanto riguarda le violazioni del deflusso del sangue venoso, sono caratterizzati da annebbiamenti negli occhi, vertigini regolari, svenimenti. In rari casi si osservano disturbi mentali e persino crisi epilettiche.

L'insufficienza vertebro-basilare è diagnosticata dalla radiografia del cranio umano, in cui le vene diploiche e il loro sviluppo, le vene appartenenti alla dura madre del cervello, sono chiaramente visibili. Gli esperti devono prestare attenzione alle condizioni generali del fondo umano. La stasi del sangue in questo caso si manifesta con un aumento innaturale delle vene.

Un'immagine estesa della malattia viene rivelata durante la risonanza magnetica. In questa situazione, compaiono cambiamenti nelle vene del tipo giugulare, che consentono di identificare le cause dei mal di testa persistenti e indesiderati in una persona. La difficoltà di diagnosticare questa malattia sta nel fatto che in altre violazioni della circolazione cerebrale c'è un sintomo simile.

trattamento

Innanzitutto, il trattamento di una malattia della testa e del collo mira a migliorare le condizioni generali del paziente. Allo stesso tempo è necessario condurre una vita corretta senza cattive abitudini. Bere alcolici, fumare sigarette è inaccettabile. In genere, al paziente viene prescritta una dieta terapeutica, che include una grande quantità di fibre, oligoelementi. Sotto la restrizione in termini di utilizzo caduta di grassi e carboidrati pesanti. La regola invariata è una forte diminuzione della quantità di sale consumata.

Quando si circola nel pool di base, si raccomanda un aumento dell'attività fisica. Un formatore professionista dovrebbe creare il metodo di allenamento più efficace che porterà al rapido recupero del paziente. Il programma selezionato più precisamente in breve tempo migliorerà l'uscita del sangue, normalizzando in tal modo la sua ridistribuzione.

L'area del collo è chiamata la colonna cervicale. È in quest'area che si concentra un numero enorme di punti attivi, arricchiti con plessi nervosi, vasi sanguigni, terminazioni. Con il massaggio sbagliato tali punti possono essere dannosi per la salute del paziente, motivo per cui questo lavoro deve essere eseguito da veri professionisti.

Se parliamo del trattamento medico della malattia descritta, si tratta dell'uso della venotonica, farmaci che migliorano il flusso sanguigno in breve tempo. Sono necessari anche antiaggreganti, questi sono farmaci che influenzano le caratteristiche reologiche del sangue del paziente.

Sullo sfondo di abitudini di vita dannose, lesioni, gravi malattie negli esseri umani, questo disturbo può svilupparsi. Un trattamento tempestivo in una struttura sanitaria e un trattamento adeguato aiuteranno ciascun paziente a fermare la malattia in modo tempestivo e a sbarazzarsi dei suoi sintomi.

Insufficienza vertebro-basilare: occorrenza, segni, diagnosi, trattamento complesso

Insufficienza vertebro-basilare (VBN) - compromissione della funzionalità cerebrale a causa di alterazione del flusso sanguigno nelle arterie basilari e vertebrali. L'arteria basilare è l'arteria principale del cervello, in cui le restanti arterie convergono quando si avvicinano al cervello. A causa dell'insufficienza vascolare, le cellule cerebrali non ricevono una nutrizione sufficiente, che porta a disturbi funzionali del sistema nervoso centrale.

Ufficialmente per ICD 10, VBN è chiamata la sindrome del sistema arterioso vertebro-basilare.

La maggior parte delle VBN suscettibili sono quelle persone a cui è stata diagnosticata osteocondrosi, in cui è presente la dyscirculation (riduzione del flusso sanguigno) di sangue nelle arterie principali della colonna vertebrale. Ogni terzo paziente affetto da osteocondrosi è soggetto a insufficienza vertebro-basilare.

L'insufficienza vertebro-basilare può verificarsi in persone di tutte le età.

Poiché la malattia acquisita è completamente reversibile. Ma se non viene diagnosticato in tempo e il trattamento non è iniziato, c'è un'alta probabilità di ottenere un ictus.

Cause della sindrome del sistema arterioso vertebro-basilare

Ci sono molte ragioni per l'insufficienza vertebro-basilare. I seguenti sono i più popolari e probabili:

  1. Predisposizione congenita alla malattia Può essere sia varie patologie nello sviluppo e nella struttura dei vasi sanguigni, sia nella predisposizione genetica. Ad esempio, anomalia di Kimmerly o displasia fibromuscolare, ipoplasia delle arterie vertebrali.
  2. Varie lesioni del rachide cervicale. Sport o trasporto.
  3. Infiammazione delle pareti dei vasi sanguigni. Ad esempio, la malattia di Takayasu o altre arteriti.
  4. Lesione stenosante dei vasi principali. Violazione della pervietà dei vasi sanguigni dovuta all'aterosclerosi.
  5. Il diabete mellito. In questa malattia è caratterizzata da danni alle piccole arterie del cervello.
  6. Ipertensione. Aumento della pressione del sangue in modo permanente
  7. Sindrome antifosfolipidica. Si verifica principalmente nei giovani. In questa sindrome, la trombosi aumenta spesso e la permeabilità arteriosa è compromessa.
  8. Stratificazione (dissezione) delle arterie vertebro-basilari. Il muro dell'arteria è danneggiato e il sangue perde tra i suoi tessuti.
  9. Trombosi delle arterie vertebrali o basilari.
  10. Spremitura dell'arteria basilare o vertebrale a causa di un'ernia, spondilolistesi, spondilosi o muscolo scaleno eccessivamente ingrandito.

I sintomi della malattia

Compressione dell'arteria vertebrale

Tutti i sintomi di insufficienza vertebro-basilare sono suddivisi in permanenti e temporanei. I sintomi temporanei di solito si verificano con attacchi ischemici transitori (TIA). Possono durare da un paio d'ore a un paio di giorni. I pazienti di solito lamentano pressione al collo, forti capogiri e fastidio al rachide cervicale.

I sintomi persistenti sono presenti con i pazienti tutto il tempo. Aumentano gradualmente con lo sviluppo della malattia. Frequenti e aggravamenti in cui vengono gli attacchi ischemici. E gli attacchi ischemici possono portare a tratti vertebro-basilari.

Quindi, VBN ha i seguenti sintomi persistenti:

  • Frequenti mal di testa occipitale. Può essere palpitante o pressante.
  • Acufene, deficit uditivo. Il rumore può essere di diversi timbri. Se la malattia è iniziata e non trattata, l'acufene diventa permanente.
  • Distrazione, indebolimento della memoria, scarsa concentrazione di attenzione.
  • Varie menomazioni visive. Vola o nebbia davanti ai tuoi occhi. A volte c'è una divisione di oggetti (diplopia) o sfocatura dei loro contorni. Frequente e perdita di campi visivi.
  • Deterioramento significativo in equilibrio
  • Debolezza e stanchezza. Nel pomeriggio, i pazienti con VBN sentono un completo declino di forza e debolezza.
  • Attacchi di vertigini, a volte con svenimento. Di solito si verificano vertigini in pazienti con una lunga posizione scomoda del collo. Ad esempio, dopo aver dormito o lavorato al computer senza muoverti. Le forti capogiri possono essere accompagnate da nausea.
  • Frequenti cambiamenti di umore, irritabilità. Nei bambini: piangere senza motivo.
  • Sensazione di caldo, sudorazione e tachicardia senza motivo apparente.
  • Solletico, sentirsi un coma in gola Qualche raucedine.

Ma negli stadi più avanzati della malattia sono possibili disturbi della lingua e della deglutizione, attacchi di caduta (cadute improvvise) e ictus ischemici di varia gravità. Tali tratti sono correlati all'ictus nel bacino vertebrale-basilare, cioè nei disturbi acuti della circolazione cerebrale nelle arterie vertebrali.

Insufficienza vertebro-basilare nei bambini

In precedenza si riteneva che il VBN potesse manifestarsi solo nelle persone di mezza età e oltre. Ma poi si è scoperto che la sindrome vertebro-basilare non è rara nei bambini. Può essere osservato in bambini molto piccoli di 3-5 anni e in quelli più grandi da 7 a 14. Solitamente VBN nei bambini si verifica a causa di anomalie congenite delle arterie basilari o vertebrali. Inoltre, un rischio può essere qualsiasi danno alla spina dorsale del bambino, che non è completamente rinforzato, quando si gioca sport o educazione fisica.

Nei bambini, la sindrome dell'arteria vertebro-basilare nella maggior parte dei casi è abbastanza facilmente corretta. Il trattamento farmacologico non è praticamente usato. Nei casi estremi e gravi, viene eseguita la chirurgia.

Ci sono alcuni segni di insufficienza vertebro-basilare nei bambini. Se il genitore rileva questi sintomi nel bambino, contatta immediatamente uno specialista per una diagnosi più accurata.

Sintomi di insufficienza vertebro-basilare nei bambini:

  1. Il bambino ha una postura scorretta.
  2. Il bambino ha avuto una lesione del midollo spinale mentre praticava sport o esercizio fisico.
  3. Il bambino piange spesso, si stanca rapidamente e ha aumentato la sonnolenza.
  4. Il bambino non tollera la mancanza di volume. Fino a svenimento, vertigini e nausea.
  5. Il bambino è costantemente seduto a casa in una posizione scomoda, come se fosse inciampato insieme.

Inoltre, alcune diagnosi, fatte nella prima infanzia, possono provocare l'apparizione di VBN. Ad esempio, encefalopatia perinatale. O se il bambino ha avuto una lesione spinale durante il parto.

In ogni caso, i genitori dovrebbero essere prontamente consultati da un medico. Se la malattia viene diagnosticata rapidamente, la prognosi sarà più che favorevole.

Diagnosi di insufficienza vertebro-basilare

La sindrome da insufficienza vertebro-basilare è piuttosto mal diagnosticata. Innanzitutto, persone diverse hanno VBN in modi diversi. In secondo luogo, a volte è difficile separare i sintomi oggettivi dei pazienti da quelli soggettivi. In terzo luogo, i sintomi di insufficienza vertebro-basilare possono essere insiti in molte altre malattie.

Prima di tutto, lo specialista deve scoprire la causa della malattia.

  • Ecografia Doppler. Viene valutato il movimento del flusso sanguigno attraverso le arterie del sistema vertebro-basilare. Ci sono occlusioni, la velocità è buona.
  • Angiografia. Un agente di contrasto viene iniettato nelle arterie studiate, lo stato delle pareti delle arterie e il loro diametro sono considerati.
  • Immagine a raggi X della colonna vertebrale. Per valutare la sua condizione generale.
  • Tomografia computerizzata (TC) o risonanza magnetica (MRI). Particolarmente adatto per rilevare l'ernia.
  • Test funzionali con iperventilazione. Ti permette di studiare i cambiamenti funzionali nel sistema cardiovascolare.
  • Termografia a infrarossi. Valutazione dello stato di una particolare parte del corpo da campi termici.
  • Rheoencephalography. Usando questa procedura, viene esaminata l'afflusso di sangue al cervello.
  • Test funzionali con flessione ed estensione. Per il rilevamento della spondilolistesi
  • Signor angiografia. È fatto per studiare il decorso dei vasi del cervello.
  • Analisi biochimica del sangue

Ricorda: in nessun caso non farti una diagnosi. L'automedicazione può solo danneggiare. Per la corretta diagnosi, devi prima visitare il neurologo.

Diagnostica differenziale

Come già descritto sopra, è facile confondere la malattia vertebro-basilare con molte altre malattie. Lo stesso quadro clinico in VBN può essere associato alle seguenti malattie: labirintite acuta, sclerosi multipla, malattia di Meniere, neuroma acustico, vari disturbi emotivi e mentali, neuroniti vestibolari e altri.

Nella sclerosi multipla, non ci sono problemi di udito nei pazienti e le vertigini sono più lunghe.

Nella malattia di Meniere, il paziente non ha malattie vascolari, ma sono presenti vertigini.

Con le vertigini posizionali, si osservano capogiri con un improvviso cambiamento di posizione o frequenti e rapidi movimenti di inclinazione della testa. Di solito le vertigini si verificano nelle persone anziane e la causa è l'instabilità della pressione e dell'apparato vestibolare, e non i vasi spinali.

Quando si soffre di disturbi depressivi ansiosi o altri disturbi emotivi nei pazienti, c'è una "leggerezza" nella testa, nausea e cinetosi. Questi sintomi non sono i sintomi di VBN. Almeno obiettivo.

Trattamento medico

Dopo la diagnosi e la diagnosi, lo specialista prescrive il trattamento più appropriato. Se la malattia è agli stadi iniziali dello sviluppo o se i sintomi non si manifestano pienamente, allora il trattamento viene eseguito su base ambulatoriale. Se sono presenti tutti i sintomi di insufficienza vertebro-basilare acuta, il paziente viene posto in un ospedale per monitorare e prevenire gli ictus.

Di solito, il medico prescrive un trattamento completo di insufficienza vertebro-basilare - farmaco in combinazione con la fisioterapia.

Alcune forme di VBN non sono affatto suscettibili al trattamento farmacologico. Pertanto, la rapida determinazione della causa della malattia di insufficienza vertebro-basilare è la principale garanzia di un trattamento efficace.

Non esiste un trattamento generale, per ogni paziente con VBN il trattamento deve essere scelto rigorosamente individualmente.

Quando si prescrive uno specialista in trattamenti farmacologici, vengono solitamente utilizzati i seguenti farmaci:

  1. Vasodilatatori (vasodilatatori). Per la prevenzione delle occlusioni. Spesso, il trattamento con questo tipo di farmaco inizia in primavera o in autunno. Per prima cosa vengono prescritte piccole dosi, quindi le dosi vengono gradualmente aumentate. In assenza dell'effetto desiderato in un paziente quando si usa un farmaco, a volte diversi farmaci vengono combinati con un effetto simile.
  2. Ridurre la coagulazione del sangue (agenti antipiastrinici). Per prevenire la formazione di coaguli di sangue. Il farmaco più popolare è l'acido acetilsalicilico. Il paziente dovrebbe consumare al giorno da 50 a 100 mg. Ma dovresti stare attento con l'acido acetilsalicilico, specialmente per le persone che soffrono di malattie del tratto gastrointestinale, in quanto può causare sanguinamento gastrico, quindi l'aspirina non deve essere presa a stomaco vuoto. Alcune aspirine potrebbero non avere alcun effetto, quindi dovrebbero essere sostituite con altri agenti antipiastrinici: dipiridamolo o ticlopidina.
  3. Metabolico e nootropico. Per una migliore funzionalità cerebrale. Ad esempio, piracetam, glicina, actovegin, seamax, cerebrolysin.
  4. Antigipertion. Farmaci che regolano la pressione.

Sono anche prescritti farmaci obbligatori che alleviano i principali sintomi della malattia: antidolorifici (se necessario), ipnotici e antidepressivi, farmaci per ridurre le vertigini, antiemetici.

Un singolo trattamento farmacologico per VBI non può essere curato. Pertanto, nel complesso prescritto fisioterapia e fisioterapia speciali.

Esistono i seguenti tipi di terapie adatte per i pazienti con insufficienza vertebro-basilare:

  • Massaggi. Migliora perfettamente la circolazione sanguigna.
  • Ginnastica terapeutica (terapia fisica). Con esercizi regolari, è possibile rimuovere gli spasmi muscolari, migliorare la postura e rafforzare la colonna vertebrale.
  • Terapia manuale
  • Hirudotherapy. Terapia Leech. Effetto positivo su pazienti con malattia vascolare.
  • Riflessologia. Ad esempio, l'agopuntura. È usato per alleviare gli spasmi muscolari.
  • La terapia magnetica.
  • Indossare un corsetto sul collo.

Se il trattamento complesso, inclusa la terapia fisica e il trattamento farmacologico, è inefficace, viene prescritto un trattamento chirurgico. Ma non aver paura. Non tutti sono prescritti, i metodi di trattamento non chirurgici aiutano la maggior parte dei pazienti con insufficienza vertebro-basilare.

La chirurgia viene eseguita per migliorare la circolazione del sangue nell'arteria basilare o vertebrale. L'angioplastica è abbastanza comune, consentendo l'inserimento di uno speciale stent nelle arterie vertebrali che non sbatte le arterie e mantiene la normale circolazione sanguigna.

Nell'aterosclerosi viene utilizzata l'endoarterectomia, in cui la placca aterosclerotica viene rimossa dall'arteria.

E con l'aiuto della microdiscectomia stabilizzare la colonna vertebrale.

Trattamento di rimedi popolari

I rimedi popolari possono aiutare solo in combinazione con i farmaci. Devono essere usati per aumentare l'efficacia del trattamento primario e non per sostituirlo.

Vitamina C

Per ridurre la coagulazione del sangue e prevenire la formazione di coaguli di sangue, si raccomanda di mangiare bacche come mirtilli rossi, viburno, olivello spinoso. In generale, tutti gli alimenti che contengono molta vitamina C diluiscono molto bene il sangue. Limoni, arance, kiwi, ribes e altri.

L'aglio

Non male promuove la liquefazione e l'aglio. Puoi usare la seguente ricetta:

3 grandi teste d'aglio tritate. Metti la massa risultante in un barattolo e metti il ​​barattolo in un posto buio e fresco. Dopo 2-3 giorni, filtrare la miscela. All'estratto ottenuto aggiungere la stessa quantità di succo di limone e miele. Conservare la miscela in frigorifero. Bevi 1 cucchiaio. per la notte.

Ippocastano

L'ippocastano può anche essere usato come mezzo per ridurre la coagulazione del sangue.

Strofinare 500 grammi di semi di castagna con la buccia. Versare 1,5 litri di vodka. Insistere una settimana, poi filtrare. Prendi un cucchiaino 30 minuti prima dei pasti, non più di 3 volte al giorno.

Ricette per ipertensivi

Per l'ipertensione, le seguenti tasse aiutano:

  • Mescolare 20 grammi di melissa con 40 grammi di stimmi di mais, aggiungere il succo di un limone. Versare la miscela risultante di litro di acqua bollente. Insistere per un'ora. Bere mezzo bicchiere 30 minuti dopo i pasti, 3 volte al giorno. Bevi una settimana, poi prendi una pausa di una settimana. Ripeti un ciclo di un totale di tre volte.
  • Mescolare la radice, la seta di mais, la menta e la valeriana in proporzioni uguali. Metti in un barattolo. Brew un articolo. l. Mescolare un bicchiere di acqua bollente. Insistere mezz'ora. Bevi 1/3 tazza prima dei pasti. Corso di un mese.

vasodilatatori

Le seguenti ricette sono raccomandate per espandere i vasi:

  • 20 grammi di frutta biancospino riempito con un bicchiere di acqua bollente. Cinque minuti da tenere a bagnomaria. Quindi insistere mezz'ora. Bevi 1 cucchiaio. 20 minuti prima dei pasti 3 volte al giorno.
  • Noi mescoliamo farmacia di camomilla, erba di San Giovanni, achillea, immortelle, boccioli di betulla nelle stesse proporzioni. Prendi un barattolo con un coperchio stretto e metti il ​​composto lì. Preparare un cucchiaio. mescolare mezzo litro di acqua bollente. Avvolgiamo la tara con un asciugamano, aspettiamo 30 minuti. Dividere l'infusione in due parti. Bevi una porzione al mattino e alla sera per mezz'ora prima dei pasti. Inoltre nella miscela puoi mettere un cucchiaio di miele. Il corso è di un mese.

Ginnastica terapeutica con insufficienza vertebro-basilare

Con l'insufficienza vertebro-basilare, gli esercizi leggeri aiutano in modo più efficace, in cui non è necessario fare movimenti bruschi. Sono eseguiti senza molto sforzo. La ginnastica correttiva dovrebbe essere fatta regolarmente, senza interruzione. Il momento migliore per esercitarsi è la mattina. Dopo la ginnastica, si consiglia di fare una doccia o fare un massaggio rilassante. Il ritmo dell'esercizio non dovrebbe essere veloce, dovresti essere a tuo agio nel farlo. E non dimenticare di respirare. Hai bisogno di respirare dolcemente attraverso il naso.

Di seguito sono riportati gli esercizi più efficaci mostrati per l'uso in pazienti con disfunzione vertebro-basilare:

  1. Calzini insieme, postura dritta. Chiniamo la testa in avanti, protendiamo il petto con il mento. Ci induriamo per qualche secondo. Ritorna alla posizione di partenza. Ripeti 10 volte.
  2. Ora inclina la testa di lato. Prima a destra Non alziamo le spalle, cerchiamo di raggiungere la nostra spalla destra per le nostre orecchie. Ci induriamo per qualche secondo. Ritorna alla posizione di partenza. Ripeti la stessa cosa, ma ora pieghiamo la testa a sinistra. Facciamo l'esercizio 10 volte.
  3. Ruota lentamente la testa prima in senso orario, quindi in senso antiorario. 10 volte.
  4. Tirare la corona verso l'alto. Correggere la posizione per alcuni secondi. Ci rilassiamo. Ripeti 10 volte.
  5. Tirare lentamente la testa in avanti. Quindi, anche lentamente tornare alla posizione di partenza.
  6. Siamo dritti Mani ai lati Alza le mani e unisciti ai palmi. Aspettiamo qualche secondo. Ci arrendiamo. Fai l'esercizio 10 volte.
  7. Giriamo a sinistra ea destra, ad ogni turno fissiamo la posizione per un po '. 10 volte.
  8. Ora solleviamo la gamba destra, ci irrigidiamo per 5 secondi. Omettere. Sollevare la gamba sinistra, di nuovo congelare per 5 secondi. Omettere. Ripeti 10 volte.
  9. Arriviamo a 30 cm dalla porta. Palme accanto all'architrave. Palmi all'altezza delle spalle. Strizzare in questo modo 15 volte.
  10. Se ti senti bene, età e allenamento fisico, puoi eseguire il seguente esercizio: fare un salto con un giro attorno al proprio asse. Esegui 10 salti in ogni direzione.
  11. Stare su una gamba. Più lungo è, meglio è. Se sei bravo a farlo, puoi complicare l'esercizio - stai con gli occhi chiusi. Dopo aver cambiato la gamba.

Video: una serie di esercizi per la colonna vertebrale

Prevenzione dell'insufficienza vertebro-basilare

Se sei a rischio di questa malattia e vuoi impedire che si verifichi, o se vuoi rallentare il ritmo di sviluppo della malattia, allora devi seguire alcune regole:

  • Segui la dieta. Dobbiamo cercare di consumare più dei seguenti prodotti: frutti di mare, aglio, bacche acide, agrumi, pomodori, peperoni rossi, ricotta a basso contenuto di grassi. Vale la pena rinunciare: pane bianco, salsicce, carni affumicate, prodotti in scatola, fritti e grassi.
  • Elimina le cattive abitudini, se sono presenti. Il fumo e l'alcol non contribuiscono alla cura e alla prevenzione.
  • Mangia meno sale.
  • Un esercizio moderato è utile sia per mantenere il corpo in forma che per una prognosi più favorevole per VBH. La ginnastica terapeutica per l'insufficienza vertebro-basilare è di grande importanza per il benessere dei pazienti con questa malattia.
  • Controlla la pressione sanguigna.
  • Non sedersi a lungo in una posizione scomoda.
  • Assicurati che il letto, il materasso e il cuscino siano comodi per te.
  • Cerca di evitare uno stress forte e meno nervoso.
  • Fai una passeggiata all'aria aperta.
  • Prova a nuotare di più. Puoi iscriverti alla piscina e visitarla almeno una o due volte alla settimana.

Al fine di prevenire il ripetersi della malattia, è necessaria l'osservazione preventiva con un medico una o due volte l'anno. È anche necessario condurre corsi di trattamento preventivo.

prospettiva

Una prognosi favorevole può essere data solo con il trattamento corretto prescritto da uno specialista qualificato. Inoltre, il trattamento deve iniziare immediatamente dopo la diagnosi. Il paziente è obbligato a seguire rigorosamente tutti i requisiti del medico. Solo allora possiamo aspettarci un decorso lieve della malattia e una diminuzione dei sintomi.

Se non trattata o con un trattamento inadeguato, la prognosi è estremamente sfavorevole per il paziente, può insorgere un'insufficienza cronica vertebrale-basilare. Ci sarà un costante deterioramento della salute, attacchi ischemici frequenti e lunghi. E successivamente - lo sviluppo di ictus e encefalopatia dyscirculatory. Questo alla fine porterà a gravi disturbi irreversibili al cervello.

Il trattamento può richiedere molto tempo, da diversi mesi a diversi anni. La cosa principale è avere pazienza.

Per Saperne Di Più I Vasi